BOOK TAG: PAROLE INTRADUCIBILI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E’ davvero tanto tempo che non facevo un Book Tag e ne ho trovato uno davvero carinissimo a cui sono davvero felice di partecipare. QUI il post da cui l’ho trovato ed ecco anche il POST ORIGINALEdove potrete trovare tutti i dettagli e partecipare anche voi. Potrete seguire anche da qui se volete ma non dimenticatevi di citare il post originale che è chi l’ha creato. Ecco qui che lo faccio subito:

Book Tag Parole Intraducibili

  • Luftmensch: Un personaggio con la testa perennemente nelle nuvole, che vive in una realtà da sogno e che è quindi un po’ impacciata quando si tratta di concretezza.

Il primo personaggio a cui ho pensato è stato Arthur Less di Less scritto da Andrew Sean Greer. E’ un uomo di mezza età in crisi con se stesso e con il mondo che continua a vivere perennemente fra le nuvole pur di non affrontare le conseguenze della sua vita o ciò che lo circonda. Una storia semplice ma molto realistica.

  • Shlimazl: Un personaggio cronicamente sfortunato.

Molto difficile dire un personaggio cronicamente sfortunato. Posso dire un personaggio che secondo me è sfortunato nella condizione in cui si trova, ovvero il protagonista di Come fermare il tempo di Matt Haig che è depresso per via del fatto che vive da tantissime epoche e quindi si ritrova sfortunato nella sua condizione e non per il fatto che sia sfortunato nelle cose che gli capitano.

  • Retrouvailles: Un libro in cui si descrive la gioia di incontrare una persona amata dopo tanto tempo.

Mia nonna saluta e chiede scusa di Fredrick Backman. Ho adorato quel libro perchè mi ha fatto pensare molto a mia nonna e me la ricorderà sempre. E’ un libro incredibile, che tutti dovrebbero leggere. L’ho amato dalla prima all’ultima pagina.

  • Begadang: Un personaggio con cui vorresti rimanere sveglio tutta la notte a parlare.

Sicuramente con AIDAN della serie di Illuminae Files. E’ un intelligenza artificiale umanizzata ed è incredibile in ogni pagina. Resterei volentieri sveglia per giorni a parlare con lui. Sarebbe davvero incredibile, lo ammetto.

  • Yuan bei: Un libro che ti ha lasciato una sensazione di completa soddisfazione.

Ti aspetto da sempre di Ava Dellaria mi ha lasciato completamente soddisfatta in tutto e per tutto. Posso solo dirvi di leggere anche questo libro. Se siete curiosi di scoprirlo potete andare a cercare la recensione online sul mio blog. Dovrebbe essere qui da qualche parte – se cercate. 😀

  • Natsukashii: Un libro in cui si prova o che ti ha fatto provare nostalgia per il passato, venata di gioia per le belle emozioni provate, ma anche tristezza per i momenti che non tornano più.

La voce nascosta delle pietre di Chiara Parenti. Sarà che il libro mi ha riportato indietro a quando avevo 14, 15 anni, a quando ero innamorata del mio migliore amico. Sarà per questo ma mi ha regalato delle sensazioni bellissime e sono stata davvero felice di leggerlo.

  • Pihentagyú: Un personaggio brillante, capace di risolvere velocemente i problemi e che fa battute argute.

Sicuramente Erika Foster, la detective della serie di Robert Bryndza. Amo i suoi libri polizieschi e sono sicuramente da leggere. E’ intelligente, intuitiva e perspicace. Una vera detective, un personaggio unico e assolutamente credibile.

  • Won: Un personaggio che ha difficoltà nel rinunciare a un’illusione per guardare in faccia la realtà.

Sicuramente il piccolo Billy di Fish Boy come la piccola Stella ne Il fantastico viaggio di Stella. Due libri per ragazzi completamente diversi l’uno dall’altro ma che sono accomunati da questa cosa. Entrambi libri emozionanti che vi consiglio sicuramente.

  • Waldeinsamkeit: Un libro in cui si prova o che ti ha fatto sentire come quando si è soli in un bosco.

La donna nel buio di Alexandra Oliva. Un libro misterioso in cui la protagonista resta sola e continua a marciare per giorni nella solitudine, anche nei boschi perchè no. Un libro molto profondo, che mi ha catturato nonostante queste sensazioni. Stare soli in un bosco non sempre è un male. Pensate a quanti rumori e suoni si possono scoprire e la pace che si può respirare.

  • Backpfeifengesicht: Un personaggio con una faccia che deve essere proprio presa a pugni.

Cardan, de Il principe Crudele di Holly Black. Quello si che ha una faccia da schiaffi. Ma ce ne sono anche altri per cui mi è capitata la sensazione. Forse fin troppi. In genere è difficile che non ci sia un personaggio che non sopporto nelle letture anche se a volte è lieve in intensità. In genere non sopporto sopratutto quelli che credono di sapere tutto, proprio come quando guardavo i cartoni animati da piccola. Non ho mai sopportato personaggi come Bugs Bunny o Topolino. I classici personaggi che vincono facile o che sono saccenti li detesto da una vita.

  • Fernweh: Un libro che ti ha fatto provare nostalgia per un posto in cui non sei mai stato.

L’isola di Joya del libro La ragazza di stelle e inchiostro di K. M. Hargrave. Ho apprezzato molto l’isola e avrei voluto essere proprio lì. Ci sono comunque tanti posti in cui ho nostalgia di essere ma in cui non sono mai stata. Prendiamo Hogwarts. Chi non vorrebbe esserci andato almeno una volta?

  • Eleutheromania: Un libro che ti ha fatto provare il desiderio di sentirti libero.

Sicuramente Mosquitoland di David Arnold. Nonostante sia stato un libro particolarmente discusso io l’ho amato e ho apprezzato il viaggio della giovane Mim che su un autobus parte da Mosquitoland per andare a cercare sua madre. Una storia profonda e commovente. Da leggere.

  • Hygge: Un libro che ha creato un atmosfera rilassante, accogliente, intima e piacevole.

Mio fratello rincorre i dinosauri di Giacomo Mazzariol. Giacomo mi ha subito catapultato nella sua famiglia assieme a suo fratello. Non ci si stanca mai accanto al suo piccolo fratello.

  • Forelsket: Un libro in cui si descrive la sensazione che si prova la prima volta che ci si innamora.

Ho amato molto Noi, gli unici al mondo di S. Vivian e mi ha dato tante emozioni riguardo il primo amore. Però la sensazione che si prova la prima volta che ci si innamora non mi è capitato solo con questo libro ma anche con altri. Come ad esempio I nostri cuori chimici di K. Sutherland e Regalami una stella di Katie Khan.

  • Tartle: Un libro in cui subito dopo le presentazioni ti sei scordato i nomi dei personaggi.

Non mi sembra che mi sia mai capitato. Mi capita di confondere a volte i personaggi se è un libro particolarmente ricco di punti di vista, altrimenti no. Mai capitato.

  • Voorpret: Un libro per cui hai provato un’emozione sempre più crescente nell’attesa di leggerlo.

Per Tutta colpa delle meduse di Ali Benjamin. Era tantissimo che volevo acquistarlo e rimandavo sempre per via del poco tempo e dei tanti libri già da leggere. Quando l’ho acquistato ho resistito poco e sono davvero rimasta soddisfatta del mio acquisto. Uno dei libri più belli che io abbia letto.

  • Toska: Un libro che ti ha fatto provare una forte angoscia che affiorava senza apparente motivo.

I figli del male di Antonio Lanzetta mi ha messo angoscia, devo ammetterlo. Dopo aver letto il suo libro ho evitato deliberatamente i thriller per un periodo. Pensate quanto la lettura mi abbia angosciato. Non so il motivo preciso e ancora non riesco a spiegarmelo sinceramente.

  • Wanderlust: Un libro che ti ha fatto venire un profondo desiderio di viaggiare e fare nuove esperienze.

La saga delle Lorien Legacies. Visto che i personaggi si trovano sparsi in varie parti del mondo e sono costretti a spostarsi spesso, ti consente di visitare più luoghi e la cosa mi ha sempre affascinato. Se non avete mai sentito nominare quest saga, andate in libreria e cercate il primo volume: Sono il numero Quattro di Pittacus Lore. Li amerete. Li amerete tutti.


Cosa ne pensate? Vi va di rifarlo nei commenti o in un post? Dai che sono curiosa! Non fatevi pregare!

A presto,

Sara ©

IL SALOTTO DELLE PARTICELLE: INCONTRO GAYLE FORMAN IN MONDADORI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Lunedì 18 febbraio 2019 sono andata in sede della Mondadori a Roma per incontrare Gayle Forman, autrice di Resta anche domani, Resta sempre qui, Il mio giorno Migliore, Laggiù mi hanno detto che c’è il sole e tanti altri. Vi consiglio di sicuro la lettura di Resta anche domani e leggete la Recensione di Il mio giorno Migliore uscita ieri 😀

Risultati immagini per gayle formanAbbiamo fatto tantissime domande all’autrice, con ben 1 ora e trenta di registrazione – che non vi riporterò tutta fedelmente sappiatelo, ma per alcune cose vi farò un riassunto (Abbiate pietà di me).

Si è parlato dell’attivismo dell’autrice, visto che in America è un’attivista politica. L’autrice dice che dopo le elezioni si è iniziata ad interessare molto di politica ed ha partecipato ad organizzazioni che si occupano di cambiare quello che c’è nel paese, cercando di capire quello che vogliono le persone.

“Collegamento tra leggere, scrivere e resistere perchè c’è una mancanza di empatia, c’è un vedere l’altro come una persona diversa da noi. Si tenta sempre di demolire il prossimo e quindi agisco in questo senso e bisogna resistere. E’ molto importante mettersi nei panni degli altri. Il mio intento è cercare di cambiare la politica”

E’ cambiato modo di scrivere dopo tutto questo? E come vede il futuro per i giovani?

“E’ importante scrivere per i giovani, ti da un potere importante. Dopo le elezioni ho sentito il bisogno di esprimere la rabbia come donna perchè dopo le elezioni c’è stata una grandissima espressione di misoginia. In questo ultimo libro infatti parlo di tre protagonisti completamente diversi fra loro ma che hanno molto in comune. E quindi è proprio questo il punto. Mostrare i punti in comune nella differenza. Questa è la mia prima esigenza. La seconda esigenza  è che ho sentito il bisogno di fare qualcosa partecipando ad un’organizzazione che è diventato un lavoro part-time. Non sentirmi confinata soltanto a scrivere e fare qualcosa di concreto. Il mondo oggi è terrificante ed io sono sia pessimista che ottimista essendo una Gemelli. In certi momenti avverto che tutto andrà male visto prima di tutto il cambiamento climatico e la nostra incapacità di porre rimedio. In certi momenti invece, sopratutto quando mi confronto con altri attivisti e le loro azioni sopratutto nei confronti dei giovani, costringono il paese e la gente in generale a focalizzare l’attenzione su ciò che noi chiamiamo Intersezionalità, ovvero l’incrocio fra femminismo, i diritti civili, problemi di razzismo, LGBT+, ovvero quindi questa intersezione di tutti questi problemi che viene affrontata dai giovani in maniera incredibile ed è per questo che sono ottimista. Voi in Europa penserete che sarete pazzi con il problema delle armi in America ma la cosa va contro ogni tipo di buon senso. Non voglio porre tutto l’onere di questo spalle dei giovani ma credo che abbiano una consapevolezza su queste tematiche che se non gli consegneremo un mondo completamente guasto sapranno come gestirlo.


E’ stato chiesto se lei scrivesse di sofferenza, emozioni, disperazione e dolore che ha vissuto o che ha da qualcuno vicino a lei.

“Scrivo di emozioni, emozioni famigliari e che siano universali. Non sono libri dark ma pieni di speranza perchè mostrano dei giovani che si trovano ad affrontare situazioni travolgenti ma che nonostante non sappiano come comportarsi, se si condividono le cose con gli altri si assume molto potere e conforto”.

Gli è stato chiesto se soffre da ansia da prestazione dopo che Resta anche domani sia diventato così famoso, nonostante non sia il primo volume.

Lei risponde ridendo che si. Assolutamente è molto ansiosa. Però dice anche che il successo di un libro è fatto dal 10%  della scrittura del libro e il 90% è il publishing, e molta molta fortuna. Si può controllare solo il 10% e si concentra sulla parte che può controllare, ovvero la scrittura del libro.

978880470274HIG-312x480Personalmente ho fatto due domande all’autrice anche perchè ci sono cose che altri hanno chiesto per me e a cui lei ha risposto, quindi ve ne parlerò comunque, non vi preoccupate. Gli ho chiesto se la musica influenza la sua vita e la sua scrittura come prima domanda. 

“Non sono una musicista. Per l’ultimo libro infatti non ho voluto ascoltare musica perchè mi serviva molta concentrazione. Credo però che c’è qualcosa che nella musica che ha a che fare con uno spazio emotivo profondo che tutti noi abbiamo. Per cui a volte noi ascoltiamo un brano e siamo sopraffatte da una sensazione e da un emozione molto forte. Credo che la musica e l’amore siano fortemente interconnessi. Per questo ho fatto riferimento alla metafora della ragazza che perde la voce perchè credo che in qualche modo la musica ha un significato profondo.”

Come seconda cosa, invece, ho chiesto se sia stato difficoltoso condensare le storie in un solo giorno, come Resta anche domani e Il nostro giorno migliore o meno.

“E’ una grande sfida per me in effetti scrivere storie che sono condensate in un solo giorno, in 24 ore o come nell’ultimo libro in 12 ore, contraendo la time line. Però è bello che si condensi il dramma della storia e che ci sia questo ritmo piuttosto complesso. Adoro questo tipo di esercizio e mi fa concentrare sui punti centrali, sui punti del cambiamento. Non perchè i personaggi cambino in 24 ore perchè poi in realtà la direzione della loro vita cambia dopo sei mesi, un anno. Però, si , è una sfida lavorare su questo arco temporale.”

Se ha dei nuovi progetti?

Risponde che attualmente è un giocoliere e che ha tantissimi progetti in ballo come quello di scrivere un audio libro con un protagonista molto più giovane, target di 10 anni, di questi già descritti ed un romanzo storico ambientato nel 1946. La figlia minore non ha la costanza di leggere un libro e le piacciono audio book e le Graphic Novel e voleva approfondire questo. Ha anche pensato di fare una Graphic Novel con un artista di cui ancora non ha idea ed ha in progetto di fare un distopico femminista. Avremo tante novità, sappiatelo.


9788804646792.1000.jpgCi ha raccontato che lei generalmente scrive da computer e che quando scrive ha un inizio e una fine ma nella parte centrale la costruisce mano a mano facendosi trasportare da ciò che succede e conosce i personaggi mano a mano che va avanti nella storia. Ci ha detto che Resta anche domani nasce come un libro singolo, individuale e poi ha pensato a un sequel perchè i personaggi continuavano a premere per continuare la storia e così ha deciso di scriverlo. Inoltre, scrive ovunque, non solo a casa o in silenzio ma si concentra in silenzio. Ama ascoltare la musica quando non scrive perchè è fonte d’ispirazione, canzoni come Rollin in the Deep di Adele, o Lorde. Ha detto che scrive per un target adolescenziale perchè lei è stata giornalista per una fascia adolescenziale e le piaceva quindi ha continuato a muoversi in una fascia che si conosceva ma che le piaceva. 

Gli è stato chiesto se cambierebbe mai qualcosa delle sue storie e lei risponde che ogni volta che li rilegge cambierebbe sempre qualcosa. Il libro finisce perchè viene pubblicato ma non c’è mai un vero momento in cui è completamente convinta che sia tutto apposto o che tutto sia completamente finito.

Il libro più facile da scrivere è stato Resta anche domani. Non aveva alcuna idea se sarebbe stato pubblicato o meno ed era più semplice perchè in tre mesi lo ha scritto e poi fortunatamente è stata pubblicata. Quello più difficile è stato Il nostro giorno migliore perchè stava vivendo grandi dubbi sulle sue capacità e poi perchè ci sono tre personaggi e sei archi narrativi, il ritmo delle emozioni e la difficoltà di inserire anche cosa succedeva prima. Quindi è stato più difficile.

Ambienterebbe un libro in Italia, di uscire dalla confort zone. Adora Roma e gli piacerebbe molto scrivere qualcosa su Roma.

Le è piaciuto molto il risultato del film ed è rimasta soddisfatta. Quando gli hanno detto che ne verrà fatto un film lei la prima cosa che dice è AUGURI! Ha atteso due anni prima che ne uscisse fuori qualcosa seriamente. Per il personaggio di Mia erano già sicuri di affidarlo all’attrice mentre per Adam c’è stata una selezione e l’attore che è stato scelto si è trovato subito in sintonia con lei. Ha seguito le riprese costantemente e ha dato consigli agli attori così da far conoscere meglio i personaggi quindi quando è finito in realtà aveva già un’idea di come sarebbe stato ed era soddisfatta perchè tutti sono stati dolci e disponibili nei suoi confronti.


Cosa ne pensate? Siete curiosi? Fatemi sapere, mi raccomando!

A presto,

Sara ©

WWW WEDNESDAY #56

BUON POMERIGGIO PARTICELLE LETTRICI!

Era un po’ che non tornavo con questa rubrica ma volevo portarvi qualcosa che non vedevate da un bel po’, così eccomi qui. Per questo WWW Wednesday vi porto le mie letture di questa settimana, anche se una l’ho finita proprio ieri.

What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?

41nI2uvdO4L

978880470785HIGHo appena iniziato, proprio in questi istanti in anteprima Un milione di volte buonanotte di Kristina McBride edito Newton compton per via di un evento che ho organizzato con altre blogger e che spero vi piacerà. Sono davvero curiosa di questo libro in uscita il 17 gennaio sia per la storia che si prospetta carina che per la copertina che è davvero bellissima. Voi che ne pensate?

Altro libro che inizierò in settimana è La chimica degli opposti di Randa Abdel-Fattah edito Mondadori sempre per via di un evento. E’ un libro che sembra molto carino e spero che entrambi quelli che sto leggendo rispecchino le aspettative al riguardo. Saprete di più nei prossimi giorni, non vi preoccupate!


What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?

510hbYRrvhL

36065377

Ho finito The Fade, Le ceneri della Fenice di Jane Fade Merrick, un libro di un autrice emergente. Ve ne parlerò a breve e spero che possa piacervi anche se ci sono state delle cose che non sono andate nel verso giusto. Ve ne parlerò nella recensione, non posso farlo qui 😛 

Altro libro che dovevo finire da tipo un secolo e mezzo è Echoes di Alice Reeds edito Entangled Teen che mi è stato fornito dalla casa editrice straniera tramite Netgalley e dovevo assolutamente finirlo perchè ne ho davvero tantissimi in arretrato sula piattaforma di lettura in inglese. Questo è stato carino ma anche qui ci sono state delle cosine che devo spiegarvi.la-ragazza-nellacqua-x1000

Altro libro che ho terminato da poco è stato il libro di Robert Bryndza, La ragazza nell’acqua edito Newton Compton con il quale abbiamo fatto un evento proprio online da ieri. Molto bello anche se ho preferito leggermente di più il primo volume. Trovate QUI la recensione.


What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?

Risultati immagini per Quattro, il risveglioProssima lettura sicuramente La colpevole di Amanda Robson sempre per via di un evento che ha inizio verso fine mese, un thriller targato Piemme che si prospetta davvero intrigante, proprio come piace a me. Speriamo che anche questo sia molto bello!

Risultati immagini per sette giorni perfetti longanesiAltra lettura che devo intraprendere è Quattro, il risveglio di Luca Farru che avrei dovuto leggerlo in vacanza natalizia ma è inesorabilmente scalato e Sette giorni Perfetti di Rosie Walsh edito Longanesi, che sembra essere davvero un libro emozionante e dolcissimo. Ne ho sentito parlare bene e non vedo l’ora di leggerlo.



Voi cosa state leggendo? Cosa leggerete? Cosa avete letto? Rispondete alle domande anche voi, io vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

THE EPIC BIRTHDAY BLOG TAG

BUONGIORNO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Sono stata taggata in questo tag da La siepe di more, che ringrazio come sempre per la sua gentilezza., diverso tempo fa ma ho deciso di metterlo il giorno del mio compleanno! Quindi TANTI AUGURI A ME! E andiamo avanti…

Regole

  1. Sempre, sempre, sempre fare pingback/link al sito di icebreaker694 (vuole vedere le vostre risposte).
  2. Postare questo tag il giorno del vostro compleanno! Oppure no, vedete voi. 😄
  3. Rispondere alle domande! (Probabilmente dovrete fare un po’ di ricerca ma si spera non sia nulla di troppo impegnativo)
  4. Tagga quanti più blogger puoi! (Almeno 1+ così il tag non muore)

Domande

Quando compi gli anni?

9 Novembre.

Qual è il tuo segno zodiacale?

Scorpione

Qual è la tua pietra di nascita?

Sembrano essere il Citrino e il Topazio. Non so perchè sono due ma almeno in giro per il web ho trovato questo. Non ne sapevo nulla.

Conosci qualcuno che compie gli anni il tuo stesso giorno?

Si, un vecchio compagno di scuola delle medie e il figlio della signora che abitavano sopra di noi.

Quale evento storico è accaduto il giorno del tuo compleanno?

 Nel 92 non ho trovato cose rilevanti così ne ho presa una fra le tante dei secoli scorsi: Colpo di Stato del 18 brumaio: Napoleone Bonaparte va al potere nel 9 novembre 1799.

Cosa fai di solito per festeggiare il tuo compleanno?

Passo la serata con i miei amici e poi festeggio con la torta assieme ai miei familiari. Niente di speciale.

Sei nata di mattina, di pomeriggio o di sera?

Sono nata di notte alle 23.50. Altri dieci minuti e sarei nata di dieci novembre e invece no! xD

Se potessi avere qualsiasi regalo per il tuo compleanno cosa desidereresti?

Se dovesse essere un regalo non particolarmente fattibile sceglierei di avere le persone a cui voglio bene vicino a me, anche quelle che non ci sono più. Personalmente mi basta avere accanto le persone a cui voglio bene. 

Qual è il tuo primo ricordo relativo al tuo compleanno?

Da piccola con tutti i miei amici dell’asilo se non sbaglio. Alcuni di quegli amici, anche se negli anni ci siamo persi e ritrovati, ci sono ancora e sono felice che siano nella mia vita con i loro compagni o fidanzati o mariti e figli al seguito. Vorrà pur dire qualcosa no? Questi legami sono difficili da sciogliere.

Come è stato scelto il tuo nome?

In teoria avrei dovuto chiamarmi Fabiana. Ma Fabiana Fabiani non piaceva ai miei genitori, dicono che suonava da campanello e così hanno scelto Sara che gli piaceva ugualmente.

Hai mai dimenticato il tuo compleanno?

Non mi sembra ma non saprei dirlo con certezza 😀

Book flash: 5 libri che vorresti come regalo per il tuo compleanno.

Solo cinque? DIFFICILISSIMO. Mi piacerebbe ricevere qualche bel libro in inglese (che al momento non saprei quando leggere ma va bene):

The caged queen di Krysten Ciccarelli; Nevernight di Jay Kristoff; The Lantern’s Ember di Colleen Houck; Sea Witch di Sarah Henning; To kill a Kingdom di Alexandra Christo.


Blog taggati


Cosa ne pensate? Spero di avervi intrattenuto e tenuto in compagnia. Ringrazio tutti voi, come sempre e chiunque voglia partecipare è il benvenuto!
A presto,
Sara ©

BOOK TAG: CONOSCIAMOCI UN PO’ MEGLIO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi vi porto un piccolo tag a cui sono stata nominata dal blog Letture a Pois e sono felice che una delle tante scelte tra i vari blog sia ricaduta su di me. Quindi grazie mille 😀 Rispondo subito alle domande.
Le regole del tag sono molto semplici:
– Seguire il blog che ti ha nominato
– Rispondere alle dieci domande
– Nominare dieci blogger
– Formulare dieci domande per i blogger nominati (le domande potranno essere su vita privata, viaggi, musica, cinema, serie tv, libri e cibo)
– Informare i blog della nomina
– Taggare nel post il blog che ti ha nominato
Ecco le mie risposte alle domande:
1. Preferisci leggere in cartaceo o in digitale?
Assolutamente in cartaceo anche se alla fine il kindle è la comodità assoluta quando leggi in viaggio o sei sempre in continuo movimento.
2. Ti piace vedere prima il film o leggere prima il romanzo?
Prima leggere il libro ma se dovessi scoprire un libro tramite il film e quest’ultimo mi piace, allora lo leggo volentieri anche dopo la visione del film.
3. Qual è il tuo genere preferito?
Fantasy e distopico sono sicuramente quelli che preferisco di più anche se alla fine leggo un po’ di tutto a parte erotici e storici.
4. Ti piacciono i libri per ragazzi?
Si, e anche molto. Da piccola li leggevo spesso ma continuo a leggerli ed ho trovato anche delle piccole perle che sono ancora più belli di quelli per adulti come ad esempio Tutta colpa delle meduse o Il fantastico viaggio di Stella.
5. Quale libro che hai letto ultimamente ha una copertina che ti è piaciuta molto?
Ultimamente – per fortuna – in Italia stanno lasciando le copertine che vengono utilizzate all’estero e che in genere preferisco a quelle che utilizziamo nel nostro paese. Uno bello che ho letto proprio ultimamente è la copertina de Il principe Crudele (recensione QUI), un libro che mi ha colpito anche nella sua storia.
6. Qual è tuo autore preferito o quello che leggi più spesso?
Cecelia Ahern. Praticamente di lei ho letto tutto, mi sa mi mancano due libri ma conto di recuperarli a breve. Il mio libro preferito è uno dei suoi volumi e amo tutte le sue storie.
7. Se un libro non ti piace cosa fai? Lo continui a leggere o lasci perdere?
Continuo a leggerlo sopratutto per via del blog. Nonostante il libro non mi piaccia continuo a leggerlo fino alla fine, magari alterno la lettura con un altro libro ma lo leggo comunque, non lo abbandono.
8. Consigli i libri da leggere ai tuoi amici?
Si, se avessi amici che leggono come leggo io si, lo farei. Peccato che la maggior parte dei miei amici non legge molto e quindi mi ritrovo a consigliarli più al mio ragazzo o in particolare ad una mia amica a cui so che piace leggere anche se non con particolare assiduità.
9. Quale frase ti ripetono più spesso le persone?
“Venticinque anni? Non li dimostri! Io te ne davo diciassette…” 
10. Qual è il tuo libro sul comodino?
Sulla scrivania più che sul comodino. Fra le varie letture ci sta Una lettera coi codini di Christian Antonini, un libro per ragazzi che leggerò a breve.

Le mie domande

Qual’è la vostra colonna sonora ?

Un libro che ti ha fatto piangere

Un oggetto a cui tenete particolarmente e perchè?

Un ricordo che conservi con piacere?

Chi è la persona della vostra vita? (non intendo esclusivamente morosi)

Un incubo ricorrente?

Il vostro dolce preferito?

Un libro che non leggerete mai

Il rimpianto più grande

Una canzone che vi ha segnato nell’adolescenza?


Nomino questi blog


Spero che chiunque di voi – anche se non nominato – parteciperà per il solo gusto di divertirsi e così che anche io possa conoscervi meglio.
A presto,
Sara ©

MY WORLD AWARD 2018

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E buon mercoledì! Eccomi qui con un tag al quale qualche giorno fa il mio blog è stato nominato al My World Award 2018 dal Blog Oriental Love.  Quindi non ho perso tempo e vi lascio subito le mie risposte.

Regole:

  1. Seguire e taggare il blog che ti ha nominato
  2. Rispondere alle sue 10 domande
  3. Nominare a tua volta 10 blogger
  4. Formulare altre 10 domande per i tuoi blogger nominati, che possono essere su vita privata, viaggi, cinema, estetica, musica, serie tv, libri e cibo
  5. Informare i tuoi blogger della nomination

Le mie Risposte:

  • L’ultimo film visto al cinema?

L’ultimo film che ho visto al cinema è stato proprio pochi giorni fa, nel giorno d’uscita ed è stato Darkest Minds. Ero curiosa di vedere questo film fin dal suo annuncio  e dopo aver letto il libro io e una mia amica qui al mare ce ne siamo andate al cinema a vederlo 😀

  • Quali sono i vostri piatti preferiti?

Pizza è troppo scontato? Perchè è questa la prima risposta che darei in qualsiasi caso. Poi al secondo posto posso mettere le fettuccine funghi e piselli che fa mia nonna e le scaloppine 😀

  • Qual’è il tormentone estivo che avete odiato profondamente?

Credo che la domanda corretta sia “qual’è il tormentone estivo che non avete odiato profondamente?“. Non li sopporto, a partire dal pulcino pio, gangnam style (sempre se si scrive così) e quelle canzoni che escono fuori solo d’estate, in spagnolo, quasi Enrique Iglesias e compagnia bella stesse aspettando per torturarci apposta nel periodo di vacanza.

  • Qual’è la colonna sonora della vostra vita?

Io penso che la vita non possa avere una sola colonna sonora. La colonna sonora della nostra vita sono tutti quei ricordi, quegli avvenimenti e quella musica che associamo a determinati momenti. Non possiamo deciderne una sola o sarebbe come decidere un solo ricordo o un solo momento della nostra vita. Quindi penso sia corretto non rispondere e dire che la mia colonna sonora è la musica che tutti i giorni mi costruisco giorno dopo giorno, passo dopo passo.

  • Meglio il mare, un’ isola deserta o la montagna?

Mare assolutamente. Ma anche in un’isola deserta con tanti libri starei benissimo 😀 sono abbastanza solitaria diciamo e nella mia solitudine sto bene.

  • Come vi vedete tra 20 anni?

Spero con una bella famiglia, dei figli e non so quantomeno in salute e felice. Non credo si possa desiderare altro. (Ah, e sempre sommersa di libri, ovviamente!)

  • Cosa sgranocchiate solitamente mentre leggete o vedete un film?

In genere quello che capita a tiro. A volte anche niente, non sempre si ha fame (almeno credo xD)

  • La figuraccia più imbarazzante che avete fatto davanti a qualcuno?

Cadere in un tombino dello scolo dell’acqua rotto appena scesa dall’autobus davanti alla scuola superiore davanti a tutto l’autobus e tutta la scuola che era ancora in attesa di entrare. Sono una regina delle figure di cacca.

  • Preferite i viaggi organizzati oppure quelli on the road?

Mi piacciono i viaggi organizzati ma da me, quindi mi decido tappa luogo e cose da visitare, quanto spendere e così via. Difficilmente mi affido a cose a casaccio o senza un piano in cui muovermi. Non mi piace !

  • Qual’è l’ultimo libro che avete letto?

L’ultimo libro che ho letto? Rebel, Il tradimento di Alwyn Hamilton. Il secondo libro, il sequel della serie fantasy iniziata con Rebel Il deserto in fiamme davvero avvincente che spero leggerete perchè merita tantissimo.

Le Mie Domande

Utilizzo delle vecchie domande perchè sono a corto di fantasia, comprendetemi ho il cervello ancora in modalità relax/vacanza:

  1. Qual’è il film che preferite in assoluto e perchè?
  2. Il posto in cui siete andati che vi è rimasto nel cuore? e perchè.
  3. Serie tv preferita, se ne avete una.
  4. Dolce o salato e perchè?
  5.  Un oggetto a cui tenete particolarmente?
  6. Il romanzo ideale, che personaggio principale dovrebbe avere secondo voi?
  7. Cantante / band preferita?
  8. Qual’è la tua più grande paura?
  9. Un sogno nel cassetto?
  10. La stagione preferita e perchè?

Blog Nominati:

Book dust sparkle

Vuoi conoscere un casino?

Libri, libretti, libracci

Fallin books blog

Con i libri in paradiso

Cronache di betelgeuse


Ecco che vi lascio e spero che vi sia piaciuto e che rispondiate alle domande. Chiunque voglia rispondere alle domande può farlo 😀

Un abbraccio,

Sara ©

ANIMALI FANTASTICI BOOK TAG!

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI! 

Eccomi qui nuovamente ed oggi vi indoro la pillola portandovi un articolo abbastanza leggero, ovvero un Booktag. Ho trovato questo Booktag sul blog Questione di Libri e  creato da The Book Catcher, e ispirato proprio al libro/film di Animali Fantastici, quindi, eccolo qui!

1. ASTICELLO: Il libro più piccolo che possiedi

Risultati immagini per novecento di baricco

Il libro più piccolo è Novecento di Alessandro Baricco.

Per quanto adori la storia e il libro sia molto carino ho amato molto più il film, ricco di dettagli e sicuramente ben costruito. Penso sia impossibile non aver letto o visto il film di quest’opera e se non l’avete fatto vi consiglio assolutamente di rimediare prima di ogni altra cosa.

2. CELESTINO: Qual è, secondo te, una lettura “leggera”?

non-ho-tempo-per-amarti-anna-premoliUna lettura leggera è un libro che resta gradevole con una scrittura fluida e leggera, che aiuta a rilassarsi ma allo stesso tempo renda piacevole il tempo speso in quella lettura. Ce ne sono tanti che ho letto che posso definire leggeri proprio perchè hanno lasciato dentro di me leggerezza ma quello che mi sento più di tutti di consigliarvi è questo:

Non ho tempo per amarti di Anna Premoli. In teoria ogni libro che ho letto fino ad ora della Premoli è stato leggero e di lettura piacevole. Non siete ancora convinti? Ecco trovate la recensione: QUI

3. DEMIGUISE: Quale libro ti ha colpito, perché gli avvenimenti presenti nella storia ti hanno colto di sorpresa?

9788893810166Un libro che mi ha colto sempre di più di sorpresa è stato sicuramente Sabbie Mobili – Te settimane per capire un giorno di Malin Persson Giolito.

Un thriller appassionante sotto tutti i punti di vista, che nonostante si concentri in tre settimane e sia molto più descrittivo che di azione ci sono tantissimi colpi di scena e rivelazioni che tengono il lettore curioso e attivo dalla prima fino all’ultima pagina. Vi ho incuriosito? Correte a leggere la Recensione QUI.

In genere i libri che mi tengono più con il fiato sospeso e che mi colgono di sorpresa sono i thriller ma ammetto che ci sono molti plot twist e lati interessanti anche in fantasy come in altri libri.

4. ERUMPENT: Qual è un libro che ti ha segnato profondamente (positivamente o negativamente)?

611eufnk2b4lSicuramente un libro che mi ha segnato profondamente in maniera assolutamente positiva è The Hate U Give di Angie Thomas.

Ho amato questo libro per una serie di motivi ma soprattutto per il fatto che denuncia il razzismo e tante altre cose che succedono tutt’ora nella società moderna nei confronti dei neri. Ho trovato che sia stata una rappresentazione tragica ma assolutamente veritiera della situazione in america come in tante altre parti del mondo e mi ha segnato proprio per la sua rappresentazione, per l suo grido e il suo manifesto in una società che va sempre peggio.

5. GRAPHORN: Hai un’edizione che non si trova più in giro?

Si, c’è più di qualche libro che abbiamo a casa ed è piuttosto vecchiotto. Se vi devo dare un titolo direi le vecchie edizioni dei libri de I ragazzi della Via Paal e Pattini d’argento, che ho letto da bambina.

Due libri molto belli, sopratutto I ragazzi della Via Paal che vi consiglio di leggere se non avete mai avuto modo di farlo. Penso che entrambi appartengano ad una vecchia collana che è sparita dalla circolazione perchè non riesco neanche a trovare le cover che ho in casa.

6. OCCAMY: Un libro che leggeresti in qualunque situazione.

Posso dire tutti? In genere non ho problema a leggere libri ovunque io mi trovi. Gli unici che magari mi sono resa conto di avere qualche difficoltà a leggere in momenti in cui non ne ho voglia sono i thriller ma alla fine se mi appassiona leggo ovunque.

Non ho un titolo preimpostato che leggerei un qualsiasi tipo di situazione. In genere quando leggo mi isolo quindi va bene qualsiasi cosa, e a voi?

7. PURVINCOLO: Qual è un libro che hai imparato ad apprezzare durante la lettura?

91dWIhUlFeLSicuramente mi viene in mente Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman. Un libro che ho amato particolarmente per via della sua protagonista principale davvero unica nel suo genere che si lascia amare pagina dopo pagina.

Non riuscirete ad entrare subito nel mondo di Eleanor ma piano piano e lo amerete, ve lo assicuro perchè è così che è successo a me. Curiosissimi? Eccovi QUI la recensione, andate a scoprirlo!

8. SNASO: L’edizione più appariscente che possiedi.

233956807811412_2750671Probabilmente Illuminae e Gemina di Amie Kaufman e Jay Kristoff, visto che sono dei libroni enormi e hanno la copertina plastificata ed anche al loro interno non scherzano avendo delle pagine tutt’altro che particolari.

Trovate le recensioni qui: ILLUMINAE GEMINA.

In genere non posseggo copie di libri particolarmente appariscenti anche se devo dire che le edizioni inglesi che ho sono davvero molto belle.

9. TUONO ALATO: Un libro che sconsiglieresti, da cui vorresti mettere in guardia i lettori.

robin-sloan-136734454027497860_10216247430084783_841778513_nUn libro che sicuramente sconsiglierei è Il segreto della libreria sempre aperta di Robin Sloan che ho continuato a leggere per spirito e forza d’inerzia perchè veramente pesante sotto tutti i punti di vista. Lo aveva acquistato mia madre e voleva leggerlo ma poi mi sono ritrovata dopo diverso tempo a leggerlo prima io di lei – che ancora deve leggerlo tra l’altro – e non mi è andato giù neanche un po’. 

Se siete comunque particolarmente curiosi ecco QUI la recensione.

Altro libro per chi fosse interessato a leggere fantasy / fantascienza o post-apocalittici:

U4 – Koridwen di Yves Grevet. Se potete, davvero, evitatelo perchè è un pessimo libro sia per cominciare a inoltrarsi in questo genere, sia per chi li mastica. Detto questo posso aggiungere: Fuggite sciocchi! (Se siete comunque curiosi eccovi QUI la recensione!)

10. VELENOTTERO: Qual è il libro di cui non ti ricordi il finale o alcuni passaggi?

Ogni tanto sopratutto quando leggo dei seguiti anche di libri che mi sono piaciuti, dopo diverso tempo, mi trovo in piena difficoltà nel ricordare alcuni avvenimenti ma mano a mano che vado avanti nel corso della lettura ritornano piano piano. In genere però, oltre a questo, trovo difficoltà con i libri che non mi sono piaciuti quasi per niente ma la cosa è estremamente soggettiva. Al momento però non mi viene in mente un titolo con cui ho riscontrato questa problematica. Di recente posso dirvi che mi è accaduto con Sacrifice di Barbara Bolzan che non ricordavo alcune parti centrali del primo Fracture e andando avanti nella lettura del primo mi sono tornate in mente. Ma nulla di che.


Ecco le mie nomine qui sotto:

  • Erigibbi
  • Canti delle balene
  • Libri, musica and so on
  • Leggendo si cresce
  • Anima in Penna
  • Scheggia fra le pagine
  • E chiunque voglia fare questo book tag 🙂

 

Vi aspetto, come sempre.

Sara ©