TRE ANNI DI NOI, TRE ANNI DI MILIONI DI PARTICELLE…

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Tre anni di milioni di particelle

Avevo dimenticato di condividere questa tappa. Ormai sono passati ben due mesi ma siccome – alla buon ora, lo so – me ne sono ricordata, il blog ha compiuto 3 anni. E allora, non si festeggia? Si, semplicemente ho delle cose da dirvi per ringraziarvi di questo tempo che abbiamo passato insieme.

AUGURI A ME! 

Risultati immagini per GIF FESTEGGIA

Ma sopratutto, e ci tengo a dirlo con il cuore,

AUGURI A TUTTI VOI.

Perchè lungo questo percorso con i libri sottobraccio ho incontrato tante belle persone, lettori, amici blogger, autrici e autori, le case editrici e le Digital PR che ogni giorno si spendono per noi. Ho partecipato a fiere, eventi e chi più ne ha, più metta. Sono davvero felice di essere entrata a far parte di questa grande famiglia che porta tante cose belle, discussioni costruttive ed anche cose che magari non ci vanno giù come dovrebbero però è pur sempre importante, a modo suo.

Risultati immagini per GIF grazie

Ringrazio ancora tutti e, ora, non ci resta che festeggiare un pochino. No?



Vi auguro delle buone vacanze, ci si sente domani!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE SERIE TV: THIS IS US, Seconda Stagione.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui! Finalmente riesco a parlarvi di questa seconda stagione. E’ un po’ che ho finito di vederla ma ho sempre aspettato un po’ prima di pubblicare questa recensione perchè sto vedendo la terza stagione e perchè sono ancora emotivamente sconvolta. Se non avete visto la prima stagione NON vi consiglio di leggere la recensione perchè ci saranno eventuali spoiler dovuti al proseguo della storia. Dovete guardare questa serie televisiva, una delle migliori che abbia mai visto. Ecco qui che vi parlo della seconda stagione:

51a3as4yval-sx940-maxw-654Titolo: This is us

Stagioni: 3 (momentaneamente)

Episodi seconda stagione: 18

CastMilo Ventimiglia: Jack Pearson / Mandy Moore: Rebecca Pearson / Sterling K. Brown: Randall / Chrissy Metz: Kate /  Justin Hartley: Kevin / Susan Kelechi Watson: Beth / Chris Sullivan: Toby Damon / Ron Cephas Jones: William H. Hill.

TRAILER (IN INGLESE CON SOTTOTITOLI)


RECENSIONE

Risultati immagini per gif this is usLa seconda stagione ha inizio proprio dove abbiamo lasciato la prima. Si riprendono le vicende della famiglia Pearson ed avremo modo di scoprire, in questa stagione, come è morto Jack. Potete immaginare il mio stato d’animo tant’è che per metabolizzare bene e scrivere questa recensione è passato diverso tempo, ho quasi finito la terza stagione e ho visto altre due serie nel frattempo (tra cui una già Recensita: Quicksand).

Risultati immagini per gif this is us s2Per chi mi conosce da vicino sa benissimo che non sono molto tipa da serie tv familiari perchè 1. in genere troppo lunghe, 2. alla lunga ripetitive nelle puntate. Invece devo dire che questa serie è riuscita a far breccia nel mio cuore ed ha smosso ogni singola emozione si possa provare. Non voglio spaventarvi nel dire che in questa seconda serie ho pianto molto di più che per la prima. (Vi dico non spaventatevi perchè io sono in genere una molto sensibile quindi mi emoziono spesso anche per gesti stupidi – tanto per dire). Posso solo dire, che almeno fino a questa stagione che chiude un cerchio importante, ed almeno fin qui non posso che dirvi, VEDETE, VEDETE, VEDETE, questa serie!

La famiglia Pearson comincia a cambiare e qui avremo modo sia di conoscere i fratelli Pearson di più nella fase adolescenziale quando hanno perso il loro padre e nella loro attualità in cui sono sempre davanti a scelte difficili a cui li sottopone la vita stessa.

Infatti Randall si troverà, dopo la morte del suo padre biologico, davanti alla decisione di voler un terzo figlio che sostituisce poi con l’adottare o prendere in affido dei ragazzi in condizioni di difficoltà. Beth sarà d’accordo con le sue decisioni? A cosa andranno incontro i due ?

Immagine correlataKevin si troverà a dover affrontare i fantasmi del passato e la questione dell’alcool si farà davvero pesante per lui rischiando di minare la sua carriera. Le sue scelte lungo il percorso non l’aiuteranno e circondarsi delle persone sbagliate è una delle cose in cui  Kevin riesce meglio. Cosa cambierà in Kevin lungo il suo percorso? Riuscirà a mettere da parte i fantasmi ed affrontare la vita vera?

Risultati immagini per this is us gifKate si troverà davanti a dei grandi progetti e delle decisioni che saranno importanti per la sua vita. Toby è l’uomo della sua vita? Kate sogna anche di avere un figlio tutto suo ed il suo peso non l’aiuta. Cosa succederà? Riuscirà a fare pace con sua madre e tutto quello che si portano dietro da anni?

Immagine correlataJack e Rebecca sono eccezionali e ripercorreremo tutto ciò che è successo loro lungo gli anni, con i loro figli, i Big Three. Ed anche i loro periodi difficili, l’alcolismo di Jack e il canto per Rebecca. Il mio preferito resta sempre e solo Jack. E’ entrato nel mio cuore e nonostante gli errori che può aver compiuto nel corso della sua vita, ha dimostrato e suscitato grande empatia. Uno dei migliori ruoli in questa serie.

Gli attori come sempre impeccabili, rendono la storia reale e decisamente profonda affrontando e abbracciando tematiche sempre più importanti nel modo più attuale possibile. Non voglio spoilerarvi troppo, posso solo dirvi che questa seconda serie ha chiuso un cerchio importante ed è sicuramente un continuo eccezionale di serie. Spero che continuerà così e che mi sorprenda ancora anche nelle stagioni a venire.

Nel frattempo vi consiglio di guardarla, la trovate su Amazon Prime Video per chi è abbonato al servizio di Amazon Prime.


Cosa ne pensate? L’avete vista? Vedrete la serie? La prenderete in considerazione?

A presto,

Sara ©

RECENSIONE FILM: HOTARU NO MORI E (“VERSO I BOSCHI DELLE LUCCIOLE”)

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Eccomi qui con una nuova recensione tutta per voi. Ho visto questo film diverse settimane fa e sono felice di presentarvelo qui visto che mi è piaciuto in particolar modo. Non dura molto ma mi sento di consigliarvelo vivamente, sono sicura vi piacerà! Ecco qui: 

Immagine correlataTitolo: Hotaru No Mori E

Tipologia: Film

Durata: 45 minuti

Dove potete trovarlo: Streaming

Lingua: (Personalmente l’ho visto in italiano) ma in rete potrete trovare italiano oppure Giapponese –  Sottotitolato Italiano.

Tratto dal manga Hotaru No Mori E

TramaHotaru Takegawa è una ragazza di città che, ogni anno, trascorre le sue vacanze estive dallo zio in un paese in montagnaQuando era piccola, andò ad esplorare la Montagna del Dio, nonostante si dicesse che fosse pericoloso, e si perse nel bosco. Gin, uno spettro con le sembianze di un ragazzo e con una maschera di volpe che ha una maledizione che gli vieta di toccare gli esseri umani, sente la bambina piangere e corre in suo soccorso, riportandola a casa. Tra i due nasce una profonda amicizia che spinge Hotaru, ogni estate, ad andarlo a trovare e Gin ad aspettarla.

RECENSIONE

Risultati immagini per HOTARU NO MORI E GIF

La storia ha inizio con la giovane Hotaru Takegawa che si dirige come tutti gli anni a casa di suo zio. Lei è adolescente e non vede l’ora di arrivare al villaggio di suo zio per andare a trovare Gin

E’ proprio nella foresta che i due si incontrano, quando Hotaru era solo una bambina. Si è smarrita nel bosco e comincia a piangere e Gin le appare per aiutarla. La bambina cerca più volte di toccarlo ma lui la allontana prontamente, per poi riportarla a casa dopo averle spiegato che lui non può toccare esseri umani. Lì nascerà una nuova e profonda amicizia fra una bambina e uno spirito della Montagna.

Cosa succederà ai due protagonisti? Continueranno a vedersi per anni e anni, solo d’estate? Cos’è che unisce uno spirito e un piccolo essere umano?

Immagine correlata

I personaggi all’interno di questo breve film si contano sulle dita di una mano ma sono davvero ben fatti e, nonostante la storia sia fantastica, sembra così reale che vi emozionerà fin nel profondo.

Hotaru è una ragazzina quando tutto ha inizio e la conosceremo da lì in poi. La vedremo crescere anno dopo anno, estate dopo estate e voi non riuscirete a fare a meno di lei. E’ una ragazzina intelligente, perspicace e determinata. Non abbandona Gin e non si spaventa quando gli altri spiriti si presentano a lei. Una bambina unica e speciale.

Risultati immagini per HOTARU NO MORI E GIF

Gin è uno spirito della Montagna che ha le sembianze di un essere umano e la maschera di una volpe. Il Dio della Montagna gli ha imposto una maledizione: nessun contatto umano, altrimenti sarebbe scomparso nel nulla. Gin è uno spirito unico nel suo genere che ha preso a cuore la piccola Hotaru tanto da aspettarla tutti gli anni e vederla crescere mentre lui resta sempre uguale.

Immagine correlataLa grafica è spettacolare ed evocativa. Ho apprezzato particolarmente questo manga, seppur nella sua brevità. E’ una storia sul valore profondo dell’amicizia, della crescita e della fiducia fra uomo e spirito. Un incontro fugace che porta i due a condividere tante cose, la propria vita fino a condividersi l’uno con l’altro.

Risultati immagini per HOTARU NO MORI E GIF

Inoltre, la storia è decisamente  piena di significato.  Il finale è stato davvero unico, una storia commovente e dolce. Avrei voluto che la storia proseguisse e fosse più lunga ma è davvero una storia che vi consiglio se volete vedere un breve e tenero film manga. La storia si muove tra realtà e fantasia ed è così che conquisterà il cuore di chi lo guarda: tutto appare così normale che gli spiriti sembrano essere ovunque nel bosco e anche fra di noi.

Una storia che vi conquisterà. Consigliato!


Cosa ne pensate? Vi piace? Io ve lo consiglio perché davvero molto bello e significativo e sono sicura che se amate storie con amicizie profonde, questa fa sicuramente per voi.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #169 – LA SERA DELLE PROMESSE DI LORRAINE FOUCHET.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Eccomi con un altra recensione per voi cari lettori belli! Passiamo da uno storico – quello di ieri – ad un romanzo famigliare, una storia davvero molto carina che vi consiglio. Ve ne parlerò 

88116725119788811672517-300x448.jpgTitolo: La sera delle promesse
Autore: Lorraine Fouchet
Editore: Garzanti
Genere: Narrativa
Data di uscita: 5 aprile 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2qkzZi1
TramaL’ultima promessa che Jo fa alla moglie è la più difficile da mantenere: un futuro migliore. Un futuro migliore per i loro figli sempre più persi in esistenze incolori. Ma Jo non sa da dove cominciare perché si è dedicato totalmente alla carriera a scapito di un vero legame con loro. Dopo averli riuniti tutti insieme nella loro casa in Bretagna, per la prima volta dopo anni guarda i suoi figli negli occhi e vede la malinconia di cui parlava sua moglie. Vede nello sguardo di Cyrian il rimpianto per un matrimonio che sembra basarsi ormai solo sulle convenzioni e per il mancato rapporto con sua figlia. Vede nell’apparente freddezza di Sarah e nella sua voglia di rimanere da sola una ferita del cuore che non si è mai rimarginata. Per tenere fede alla parola data, Jo deve aiutarli a credere di nuovo nell’amore e a non aver paura dei propri sentimenti. Deve riscoprire che cosa vuole dire essere un padre e tornare nelle loro vite provando a rimetterli sulla strada verso la felicità. Piano piano, grazie a lui, Cyrian scopre che in fondo è ancora innamorato della moglie e che per parlare con la figlia basta farle arrivare il proprio affetto. E Sarah non ha più paura di lasciarsi andare e affidarsi a qualcuno. Perché non c’è niente di più forte di quello che lega una famiglia per ritrovare sé stessi e non sentirsi più soli. Perché non è mai troppo tardi per regalare un sorriso che illumina il futuro di sfumature inaspettate.

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio in un giorno triste. E’ il 31 ottobre e all’isola di Groix una persona viene a mancare e, quella persona di nome Lou, era l’ancora di Joseph. La cosa più importante per lui, oltre la medicina, era sempre stata lei. L’ha amata più di ogni altra cosa al mondo. L’unica cosa che teneva in piedi la famiglia è scomparsa e una volta davanti al testamento di sua moglie, Jo non può più tirarsi indietro. Jo dovrà fare di tutto per costruire quella famiglia felice che ha perso per strada, deve ricostruire la loro felicità, un futuro migliore per lui e per i suoi due figli, Cyrian e Sarah e le sue nipoti, Pomme e Charlotte. Per l’uomo è una richiesta quasi impossibile ma ce la metterà tutta per rispettare le volontà di sua moglie.

Cosa succederà alla famiglia di Jo e Lou? Riusciranno padre e figlio a ritrovarsi? Andranno d’accordo finalmente le due sorellastre, entrambe figlie di Cyrian? Riuscirà Sarah ad accettarsi e ad amarsi? Riusciranno finalmente ad essere felici?

Usciamo sul sagrato dal grande portone. Il sole autunnale illumina il tonno che troneggia in cima al campanile della chiesa. Ovunque altrove, in Francia, sul campanile c’è un gallo, ma questa è un’isola di marinai, il primo porto del paese per la pesca del tonno all’inizio del ventesimo secolo. Qui non abbiamo una sala mortuaria, perché la clientela scarseggia. Il corteo gira attorno alla chiesa e si dirige verso il cimitero. Faccio questa strada tutti i giorni, ma stavolta non mi fermo a prendere il caffè al Triskell e non tengo il giornale sottobraccio. Ho il cuore lacerato e l’anima a pezzi. Tu credevi nel Dio di tuo padre, io sono fedele al dio dei marinai. Mi ha abbandonato, e ora naufrago sulla terraferma, annego nel dolore senza nemmeno aver preso il mare.

Risultati immagini per entre ciel et LOU

La trama è ben scritta e rappresenta la storia molto bene. Forse leggermente troppo dettagliata ma ben fatta e ben strutturata tutto sommato. Di sicuro mette curiosità, su questo non c’è dubbio.

 

La copertina, onestamente parlando, oltre la trama è quella che mi ha attirato maggiormente a leggere questo libro. Il lavoro che è stato fatto dalla Garzanti è davvero ottimo, cattura visivamente e non si può fare a meno di apprezzare la versione italiana, rispetto all’originale che trovate qui di lato.

Il titolo italiano è stato decisamente modificato ma non mi dispiace visto che la sera delle promesse esprime tutto il significato del libro e ciò che esso stesso racchiude. Anche Entre Ciel et Lou, “Tra cielo e Lou” non mi dispiace ma preferisco la versione italiana senza ombra di dubbio.

L’ambientazione è principalmente la piccola isola di Groix, in francia, situata nella regione della Bretagna. Quando si sposta si va a Parigi o Lorient, poco distante dall’Isola di Groix. L’epoca in cui è ambientato il libro è moderna ed ogni tanto torna indietro di anni o mesi e ripercorre alcune cose che sono successe all’interno della famiglia.

Io ho gli occhi del papà, Charlotte la sua bocca. Lei è rossa con i capelli lisci come sua madre, io sono mora con i capelli ondulati come la mia. Oggi compio dieci anni. Quest’anno non avrò la torta perché sei morta. La mamma mi ha dato il suo regalo discretamente stamattina. Io odio il rosa in stile Hello Kitty, perciò il mio nuovo orologio è nero; un orologio a lutto come nella poesia della zia Sarah. Mi piacciono il nero, la carta da parati che si scolla, i tubi che fischiano, il mare in tempesta, le meduse e le zanzare. A scuola ci hanno spiegato che l’isola di Groix non si è staccata dal continente; è emersa dal fondo dell’oceano milioni di anni fa. Faccio spesso un incubo nel quale l’isola sprofonda sott’acqua e anneghiamo tutti. Mi sveglio piangendo, ma non lo dico a nessuno. 

I personaggi sono tanti e diversi ma ognuno è interpretato molto bene e sono distinti uno dall’altro molto bene. Insomma l’autrice è stata brava a non creare finti personaggi che non reggono e che sembrano tutti uguali. Nonostante siano in tanti ognuno ha la sua caratteristica e la mantiene bene non confondendosi agli altri.

Joseph, detto Jo è stato nella sua vita un medico brillante ed ha amato con tutto se stesso sua moglie Lou. E’ un uomo chiuso, difficile da trattare ma infinitamente buono.

Pomme è la prima nipote di Jo, figlia di Cyrian e la sua vecchia compagna Moelle. E’ una ragazzina arguta, intelligente e sveglia per la sua età e non riesce a darsi per vinta su suo padre, che vorrebbe più presente nella sua vita. Charlotte è l’altra nipote di Jo e Lou. Figlia di Cyrian con sua moglie Albane. Lei è una ragazzina non particolarmente perspicace, maligna, dispettosa ma anche indifferente alla sua stessa famiglia. Suo padre è sempre assente e sua madre la tiene chiusa in un bozzolo che la comprime in cui lei cerca di sopravvivere giorno dopo giorno.

Cyrian e Sarah sono i due figli di Jo e Lou. Non potrebbero essere uno più diverso dall’altra. Cyrian ha un rancore verso suo padre che preferisce la sorella e lei non crede molto in se stessa avendo un problema alla gamba che la costringe nei giorni buoni a camminare col bastone e in quelli cattivi sulla sedia a rotelle. Cyrian non è esattamente un padre modello, non sa come fare mentre Sarah dopo essere stata lasciata da Patrice salta di letto in letto non trovando mai qualcuno che la ami per quello che è.

Lou è colei che unisce tutti in un valzer che si ritrovano a ballare ormai costretti. La vita ci dona delle sorprese, belle o brutte che siano, inaspettate e sta a noi affrontarle nel migliore dei modi. Lou è l’anello mancate, la colonna portante e l’occhio vigile che li guarderà dall’alto.

Su un’isola tutti conoscono i fatti tuoi: le persone vedono la tua macchina, ti incrociano sulla nave, sanno che hai ospiti perché compri più pane del solito, se mangi carne o pesce, che giornali leggi. Anche i figli dei nostri amici vivono altrove e vengono per le vacanze, ma è complicato perché gli orari del treno fanno a pugni con quelli del traghetto: sembra che uno spiritello dispettoso si sia divertito a scombinarli tutti per rompere le scatole al mondo. Contiamo gli uni sugli altri più che sulle nostre famiglie. Nei mesi estivi, quando le case si riempiono di figli e nipotini, non ci frequentiamo molto. Poi, all’inizio di settembre, torna la pace. Abbiamo il magone nel vederli partire, ma a poco a poco riprendiamo il nostro ritmo, ci vediamo, tiriamo il fiato.

Immagine correlataIl perno centrale è proprio la famiglia. Tutto ruota attorno ad essa e alla promessa che Jo fa a sua moglie. Ci proverà. Cercherà di rendere i suoi figli e le sue nipoti, finalmente felici. Riusciranno nell’intento?

Lo stile utilizzato è stato semplice e fluido. Di certo è che la storia si legge davvero in poche ore e vi trasporterà accanto ad ognuno dei protagonisti di questa storia. Il libro è scritto in prima persona da differenti punti di vista: c’è quello di Jo, vedovo di sua moglie; Pomme la nipote che vive sulla sua stessa isola che è un portento; Charlotte l’altra nipote, quella più maligna; Cyrian, il figlio di Jo e il padre che non riesce ad esserlo fino a fondo; Albane la moglie di Cyrian, una donna tosta e gelosa di suo marito; Sarah, l’altra figlia di Lou e Jo, che cammina con un bastone e che è bellissima e dolce; e fra altri personaggi secondari che prenderanno parte in prima persona a questa storia c’è il punto di vista della cara Lou, che dall’altra parte osserva e spera che la sua famiglia finalmente si riunisca.

Immagino che stiate pensando che fra le tante voci possa esserci stata confusione, invece questa è stata una delle pochissime storie che io abbia letto con tanti, tantissimi punti di vista e che non ha creato alcun tipo di confusione. La storia infatti, segue un ritmo e una cadenza giusta rispettando la linearità della storia e i tempi di ognuno, districandosi davvero bene.

Le emozioni sono sentite e veritiere. Non c’è momento in cui non si riesca ad entrare in empatia con i personaggi e le loro emozioni. Il dolore affrontato da Jo è autentico e si mantiene per tutto il libro, modellandosi e lasciando una consapevolezza diversa ogni volta che tutto prende una piega diversa. Il rancore di Cyrian, le insicurezze di Sarah, come i sentimenti degli altri personaggi sono tutte veritiere e giuste.

L’unica cosa che forse avrei evitato era tutto il discorso su Fellini di Sarah, che a un certo punto ho trovato noioso e ridondante.

A volte si chiude l’ombrello mentre piove, si rifiuta la sua protezione e ci si bagna apposta. È quello che ho fatto io quando mi sono trasferita alla casa di riposo. Mi sono tolta il tuo maglione dalle spalle. Ti ho lasciato da solo al riparo. Non volevo portare te, Pomme e Maëlle con me sotto la pioggia. Non avercela con me, amore mio.

Il libro è stato davvero bello anche se a tratti doloroso, porta con se un messaggio forte che tutte le persone e tutte le famiglie dovrebbero seguire. Una storia di dolore e di rinascita, che vi farà amare ancor di più la vostra famiglia, qualsiasi essa sia.

Lorraine Fouchet ha scritto una storia famigliare in punta di piedi, con una delicatezza Verrete trasportati sull’isola di Groix e vi sentirete parte di una famiglia che non sa come amarsi ma che scavando mano a mano nel cuore di ognuno, anche in quello del lettore stesso. E voi… voi siete veramente felici?

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo


Vuoi acquistare La sera delle promesse e sostenere il Blog? Acquista da Qui: La sera delle promesse o dal generico Link Amazon: Amazon

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un bel commentino che sono assolutamente curiosa.

A presto,

Sara ©

 

 

 

RECENSIONE SERIE TV – VOLDEMORT THE ORIGIN OF THE HEIR SU YOU TUBE.

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Non so se avete avuto modo di notare su YouTube il nuovo fan-film che impazza nella rete, basato sulla serie di Harry Potter e creato appositamente dai fan:

Voldemort The Origins Of the Heir.

L’ho visto subito dopo la sua uscita ma non ho potuto postare prima questo post per motivi tecnici e perchè altre cose erano più urgenti diciamo. Qui di seguito, vi riporto il trailer in modo che possiate farvi un’idea tuta vostra della sceneggiatura finale che ne è venuta fuori.

TRAILER


Risultati immagini per GIF VOLDEMORT ORIGINS OF THE HEIR

Mi sono trovata a guardare questo “film” su YouTube per pura curiosità riguardo alla serie di Harry Potter. Sono una fan della serie della Rowling, quindi come perdere un’occasione simile? E mi sono detta: figo, perchè, no?

L’unica cosa che dovevo pormi fra me prima di fare questo enorme sbaglio:

MA ANCHE NO!

Avevo visto i famosi trailer di questo mini-film online già da parecchio tempo. Giravano su Facebook in una versione che sembrava quasi un fake e pensavo fossero solo cavolate che girano in rete. Quando ho sentito che era effettivamente uscito prima mi sono fatta una risata perchè pensavo fosse uno scherzo, poi dopo essermi assicurata che così non fosse, lo sono andata a vedere.

Risultati immagini per GIF VOLDEMORT ORIGINS OF THE HEIR

[Ora non voglio aprire una parentesi infinita ma ho notato molta gente rispondersi male sulla questione della lingua utilizzata all’interno della storia e dell’origine degli attori oltre che della produzione. E’ stato scelto di girare il film in italiano e mettere l’audio completamente in inglese – basta avere un pò occhio e si vede che il labiale è assolutamente identico ai sottotitoli – con l’aggiunta di questi ultimi per varie lingue. Ora, io posso anche guardarlo in inglese perchè bene o male me la cavo e riesco a capirlo e uno può anche usare i sottotitoli ma mi accodo al pensiero di una ragazza che ha commentato con un’osservazione molto logica ma che tutti hanno criticato: “Perchè il fanmade è di produzione italiana e la lingua deve essere in inglese?”. Ho visto gente rispondergli: Comprati un dizionario o roba simile. Ok, l’inglese lo conosce mezzo mondo ed anche io, ripeto non mi faccio problemi a guardarlo in lingua, ma non è questo il fatto. Gli altri non possono semplicemente adattarsi con i sottotitoli? Perchè siamo noi ad adattarci? No sense, almeno sotto il mio punto di vista.]

Risultati immagini per GIF VOLDEMORT ORIGINS OF THE HEIR

Tralasciando questo, passo ad altro e vi narro il succo della questione. Oltre la storia degli Eredi dei fondatori delle Quattro casate di Hogwarts – Serpeverde, Tassorosso, Corvonero e Grifondoro – questa è la storia di Voldemort o almeno una parte, a partire da Hogwarts a come ha creato gli Horcrux. E attenzione attenzione, di come in MINIMISSIMA parte anche il famoso Signor Riddle avesse un cuore. O a chi avesse il cuore che batte per lui.

Per quanto gli effetti sian ben fatti con una spesa benchè minima e decisamente mediocre rispetto a tutto ciò che c’è stato per gli effettivi film di Harry e per il risultato ottenuto da questi giovani ragazzi italiani, il film in sé non mi ha lasciato alcunché. Alcuni fatti sembrano essere addirittura scollegati da ciò che il film narra effettivamente. Voldemort era si un bravissimo studente ed eccelleva in tutto ma aveva anche una propensa dote ad essere gentile e garbato con gli altri e a circondarsi di una certa schiera di gente che lui preferiva anche se non gliene importava poi molto.

Risultati immagini per GIF VOLDEMORT ORIGINS OF THE HEIRAddirittura circondarsi degli altri Eredi ed avercela con loro? E’ una scelta che non saprei definire. Che era un collezionista possiamo ben dirlo… ecco perchè la scelta degli Horcrux e perchè sia ricaduta sia su i suoi oggetti personali, sia su oggetti che qualificavano altre casate.

Comunque questo non spiega il giovane attaccamento dell’Erede di Grifondoro che addirittura lo difende. Mi è sembrato smieloso sotto questo aspetto, anzi avrei preferito sapere di più su come aveva conosciuto/scelto i suoi discepoli come Bellatrix Lestrange o Lucius Malfoy e volete mettere Severus Piton? Questo sarebbe stato decisamente più interessante ecco tutto. 

Ho potuto notare una schiera di commenti ultra positivi al riguardo e se c’è chi la pensa come me palesatevi che fino ad ora siamo solo io e il mio ragazzo che dice di non essere riuscito ad arrivare a metà proprio perchè era inguardabile. Io non lo definisco inguardabile, è stato un punto di vista – che io non condivido pienamente questo è ovvio – ma pur sempre un lavoro che è costato fatica e una certa dose di lavoro.

Hanno smontato un pochino il Voldemort che ho sempre visto e vissuto, uno di quei cattivi che piace e che rende perchè un cattivo vero. Un cattivo che tutte le storie ben fatte dovrebbero avere.


Nella maniera più categorica mi trovo a doverlo consigliare, tutt’altro ma siete comunque liberi di farvi il vostro pensiero e venirmelo a dire, come è giusto che sia. Insomma, un po’ una delusione. Se proprio ci tenete a guardarlo, lo trovate qui sotto.


FILM COMPLETO


Lo avete già visto? Vi sembra ben fatto? Lo vedrete? Gli darete un’opportunità? Opinioni? Fatemi sapere, sono piuttosto curiosa al riguardo di ricevere un vostro parere.

A presto,

Sara © 

BLOGGER RECOGNITION AWARD

BUON GIORNO LETTORI E TANTI AUGURI A ME!

Si, oggi divento un anno più vecchia ed ho raggiunto il quarto di secolo! La mia faccia è sconvolta :O mi sembra ieri quando ero ancora a scuola! Ma a parte questo, che credo vi importi poco oggi vi annuncio che sono stata nominata per il premio Blogger Recognition Award ovvero il mio blog è rientrato nella classifica dei quindici blog da tenere d’occhio! Delle belle soddisfazioni dopo tutto 🙂

Blogger recognition awards

In particolare voglio ringraziare per la nomina Francesca del blog Libri, Libretti, Libracci, un blog che seguo sempre con piacere a cui vi consiglio di fare una visitina perchè sempre ben curato! Poi Francesca è dolcissima ❤
 
Ecco le regole!
1 Ringraziare il blogger che ti ha nominato e inserire il link al suo Blog ✔
2 Scrivere un post per mostrare il proprio riconoscimento ✔
3 Raccontare la nascita del proprio Blog ✔
4 Dare consigli ai nuovi blogger ✔
5 Nominare altri 15 blogger ai quali vuoi passare il segno di riconoscimento ✔
6 Commentare sul Blog di chi ti ha nominato e fornirgli il link al tuo articolo (anche sulla pagina Fb) ✔
 
Milioni di Particelle non ha una storia particolarmente lunga. E’ nato a fine Maggio del 2016 ed ho iniziato con la recensione di Verso Te di Salvatore Carvelli, un autore emergente. La scelta del libro è stata del tutto casuale, più che altro ho iniziato per dare una voce alla mia passione.
Ho sempre amato leggere, come amo scrivere. Infatti il nome del Blog non è per niente casuale. Avevo una pagina su Facebook dove scrivevo e si chiama La milionesima particella di un corpo senza cuore. Dico si chiama perchè c’è ancora, è solo nascosta perchè – quando e se ne avrò voglia –  è probabile che torni online e visibile al mondo. Per il momento mi sta bene così.
Milioni di Particelle riprende il nome della mia vecchia pagina su Facebook proprio perchè è stata il mio rifugio per molto tempo e avevo bisogno che il nome del Blog me la ricordasse.
Perchè è sempre così che mi sono sentita: una piccola particella di un corpo senza cuore. Una particella piccola e insignificante, la milionesima. Ed è così che è il mio Blog: piccolo, probabilmente il Milionesimo che vi parlerà di libri ma per me importante, dove io mi ritrovo e posso parlare liberamente di ciò che mi piace oltre che condividerlo con gli altri, che non è poco.
Ecco, questa sono io. E questo è il mio blog.
Ai nuovi blogger cosa posso dire? Siate voi stessi e fate quello che vi piace con il cuore, nel rispetto di voi stessi e degli altri. Seguite le vostre passioni, sempre.
15 BLOG che meritano di ricevere il Blogger Recognition Awards:

Vi piace? Spero che siate felici della nomina e vi lascio che mi preparo per il pomeriggio e per la serata: la palestra mi aspetta! Festeggerò sabato con i miei amici. 

A presto,

Sara ©

NOI CHE AMIAMO NICHOLAS SPARKS: RICORDATI DI GUARDARE LA LUNA

BUON GIORNI CARI LETTORI!

Innanzitutto devo ringraziare Susy de I miei Magici Mondi per aver pensato a me per questa iniziativa.

Noi che amiamo Nicholas Sparks. Non so se voi avete mai letto un libro di questo autore ma io ne ho letti diversi molto prima che aprissi il blog. Ho iniziato a leggere i libri di Sparks assieme a mia madre, quando, iscritte assieme a un Club che ci mandava riviste su cui scegliere libri da leggere, sceglievamo i nostri preferiti. Sparks era sempre fra quelli, quindi come non parlarvene?!

Il libro che ho scelto è stato questo:

Risultati immagini per ricordati di guardare la lunaTitolo: Ricordati di guardare la luna
Autore: Nicholas Sparks
Pagine: 322
Data di pubblicazione: 7 Agosto 2007
TramaJohn Tyree è un ragazzo solitario e ribelle che ha trovato sfogo all’indole violenta arruolandosi nell’esercito e facendosi mandare di stanza in Europa. Savannah Lynn Curtis è una studentessa esuberante e idealista che trascorre l’estate dedicandosi al volontariato con un gruppo religioso. Quando per caso si incontrano sulla spiaggia di Wilmington, nel North Carolina, durante una licenza di lui, capiscono di avere affinità profonde e giurano di amarsi per sempre. Per John la fine della ferma non è lontana e le lettere della sua ragazza gli rendono meno pesante il trascorrere dei mesi. Manca poco al congedo quando sulle Torri Gemelle si scatena l’inferno e il soldato, anziché tornare a casa, sceglie di essere inviato in Medio Oriente. Cinque anni dopo, rimpatriato d’urgenza per assistere il padre morente, John va alla ricerca di Savannah e si trova di fronte a una realtà totalmente inaspettata…

Particelle! Dovete sapere che non sono solo una lettrice accanita di Fantasy.
Il mio cuore ha anche un lato tenero e romantico e adoro le storie d’amore.
L’unica cosa che mi dispiace è che stiano diventando sempre più insulse, incentrate sul sesso o con dei protagonisti con poco carattere oltre i bellocci di turno.
Bene, dimenticate tutto questo. Perchè le storie di Sparks sono vere storie d’amore, una più bella dell’altra e voi non potete non averne letta almeno una.
Oggi vi parlerò di questo bel libro, che mi ha emozionato e che spero, se non lo avete letto, emozioni anche voi.
John è un ragazzo chiuso e per mettere un punto alle sue ribellioni e volendo mettere la testa a posto si arruola nell’esercito. E’orfano di madre e con suo padre non ha un ottimo rapporto. Quando era bambino il legame che li univa era la numismatica e collezionare monete uniche nel loro genere ma poi nell’adolescenza di John questo si è perso.
Savannah è una ragazza dolce e sensibile. E’ una studentessa e si trova in vacanza a Wilmington in cui è ambientato il romanzo, assieme al suo gruppo religioso. Studia per aprire un centro per ragazzi autistici. I suoi famigliari sono benestanti ma li ritroveremo molto poco per poter sapere qualcosa di approfondito.

Ecco perché preferisco non parlarne con gli altri. Non capirebbero, e io non sento il bisogno di spiegare, semplicemente perché il mio cuore sa quanto sia stato vero. Quando penso a te, non posso fare a meno di sorridere, perché sento che mi hai completato. Ti amo, non solo adesso, ma per sempre…

Risultati immagini per gif dear john

I due si conoscono per puro caso. A Savannah cade la borsa in mare, sul molo, e John non esita un secondo per tuffarsi ed andare a riprenderla. In quel momento i due cominciano una profonda conoscenza e s’innamorano quasi da subito.
Bastano due settimane perché capiscano che non possono fare a meno uno dell’altra, che si amano ma la licenza sta per terminare e John è costretto a rientrare i servizio.
I due promettono di amarsi e di aspettarsi reciprocamente ma basterà? L’amore sarà più forte della distanza?

E poi, come se stessi assistendo ad un miracolo, la vedo alzare lentamente la testa verso la luna… avverto la marea di ricordi che la sommerge e desidero disperatamente farle sapere che ci sono anch’io. Invece, resto dove sono e guardo a mia volta la luna. E per un fugace istante, ho l’impressione che siamo ancora insieme.

I due cominciano della corrispondenza in cui si raccontano reciprocamente cosa succede a uno e all’altro. Non vi dirò niente di più perchè se non lo avete letto vi farei spoiler che non voglio fare.
La storia affronta una realtà che è di tutti i giorni. Ci sono militari che mancano da casa per anni e lasciano famiglie, mogli, parenti lontano e non hanno una vera e propria vita sociale se non quando sono in licenza o in pausa.
La storia che viene a crearsi fra i due è senza dubbio autentica e John è un ragazzo che tutte dovrebbero avere. Chi scrive più delle lettere? Chi riesce a stare lontano per così tanto tempo riuscendo a tenersi stretto ciò che ha?Risultati immagini per gif dear john

 

John è unico nel suo genere. Punto. Niente di più, niente di meno.

Quando lei posò la testa sulla mia spalla, mi pentii di essermi arruolato. Rimpiansi di essere dislocato oltreoceano, e di non avere scelto un’altra strada nella vita, che mi avrebbe permesso di far parte del suo mondo.

Ho apprezzato sicuramente di più John perchè ha una vera e propria evoluzione all’interno del romanzo.
Cresce e cambia. E’ un personaggio che matura, comprende i sentimenti e li fa propri cercando di tenerseli stretti. Anche per quanto riguarda il rapporto con suo padre.
Savannah invece, è una ragazza semplice ma non mi è mai andata del tutto a genio. Dove John mantiene salda la presa, lei si lascia scivolare tutto e non è in grado di gestire i suoi sentimenti come dovrebbe. Può essere difficile, lo ammetto ma… cavolo no.
Lo stile è tipico di Sparks, come solo lui sa essere. Io penso che sia difficile, sopratutto per un uomo scrivere una storia d’amore che sia bella da leggere e non risulti banale.
Ecco Sparks ci riesce sempre e i sentimenti dei personaggi sembrano così vivi, così reali. Forse proprio perchè sembrano storie comuni, che possono accadere a chiunque, immagino.

Risultati immagini per gif dear johnOvunque sarai e qualunque cosa stia accadendo nella tua vita, tutte le volte che ci sarà la luna piena tu cercala nel cielo… E mentre la guardi, pensa a me e alla nostra magica settimana, perché dovunque sarò e qualunque cosa mi stia succedendo, io farò lo stesso. Se non potremo stare insieme, almeno avremo questo a unirci, e forse così il nostro legame durerà per sempre.

Ultimamente non ho letto più niente di suo, lo ammetto. Me ne dispiace, ma solo in parte perchè le sue storie sembrano diventate troppe, tutte standardizzate. I due che si conoscono e s’innamorano perdutamente. Poi la falla nel mezzo che li divide – se non peggio – e poi il rappacificamento. 
Questo libro però è, a parer mio, assieme a molti altri prima degli ultimi, uno di quelli che merita di essere letto e ve lo dico perchè ne ho letti davvero diversi di quest’autore.
Detto questo, comunque, questo è uno dei miei libri preferiti di Sparks, anche se, il mio preferito però, rimane sempre Le pagine della nostra vita, davvero meraviglioso.

Ecco qui il trailer dell’adattamento cinematografico che ne è stato fatto, intitolato Dear John.

Questo film mi piace molto, sia per gli attori che per  come è stato adattato, forse troppo lascivo sul finale ma altrettanto bello. 

Vi consiglio di leggerlo, di sfogliarlo e di assaporarne parola per parola perché è davvero bello e ne vale la pena. 


Nell’immagine qui sotto troverete le altre tappe di questa iniziativa! Dovete proprio andare a leggerle tutte perchè meritano molto:

22199174_736039963270905_1927603039_o


Cosa ne pensate di questa bell’iniziativa? A me è piaciuto molto partecipare e sono contenta che Susy mi abbia reso partecipe. La ringrazio ancora tanto e aspetto delle vostre considerazioni.

Avete letto questo libro? Visto il film? O letto altri libri di Sparks? Lasciate un bel commento, mi raccomando!

A presto,

Sara ©