PROSSIME USCITE PER NEWTON COMPTON, LA NAVE DI TESEO, MONDADORI, MARSILIO, FANUCCI, RIZZOLI, FAZI E SPERLING&KUPFER.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Buon lunedì! La scorsa settimana non sono riuscita a darvi notizie riguardo i libri in uscita ma rimedio subito! Come ogni appuntamento settimanale porto con me una valanga di novità per diversi editori italiani di cui sono felice di parlarvi. Ecco qui le uscite della settimana scorsa e le prossime uscite che spero vi piaceranno. Fatemi sapere se c’è qualcosa che vi interessa:

NEWTON COMPTON

undefinedTitolo: Le quattro donne di Istanbul
Autore: Ayşe Kulin
Genere: Historical Fiction
Data di uscita: 12 Luglio 2018
Trama: Dopo l’ascesa al potere di Hitler, Gerhard Schlimann, la moglie Elsa e i loro due figli Peter e Susanne abbandonano la Germania per sfuggire alle persecuzioni naziste. Si rifugiano dapprima a Zurigo e poi, quando Gerhard riceve un’offerta dal Dipartimento di Medicina dell’Università di Istanbul, in Turchia. Mentre Susanne e Gerhard sono affascinati dalla cultura turca e provano a integrarsi, Elsa e Peter sono invece fortemente ancorati alle origini tedesche. Nella città musulmana le nuove usanze avranno impatti fortissimi sulle loro vite, fino a ridisegnare i loro concetti di patria e appartenenza. In questa potente saga familiare, la Kulin racconta le sfide e le difficoltà di una vita in esilio, le difficili scelte di chi è costretto ad abbracciare un futuro incerto con una valigia piena di speranze.

undefinedTitolo: Una romantica estate nella casa dei ricordi 
Autore: Helen Pollard
Genere: Romance
Data di uscita: 12 Luglio 2018

Trama: Emmy Jamieson ama la sua nuova vita tra le colline e i girasoli, coccolata dalla bellezza della campagna francese. La Cour des Roses, poi, la bella pensione costruita in pietra bianca, è una continua fonte di entusiasmo e vivacità, alimentata da Alain, il suo fidanzato dagli occhi color caramello, di cui è più innamorata che mai. Lei e Alain ormai stanno per sposarsi e le cose non potrebbero andare meglio. Neanche l’uragano scatenato da sua madre in modalità organizzativa può scalfire il suo buonumore. E adesso che tutti i campanelli d’allarme provenienti dalle ex fidanzate di Alain si sono acquietati, Emmy si sente finalmente tranquilla. Del resto, il padrone della pensione e tutti gli ospiti si stanno assicurando che niente possa interferire con la sua felicità. Ma proprio quando il matrimonio è alle porte, un segreto del passato si prepara a sconvolgere tutti i piani. Le idilliache nozze francesi andranno come previsto o Emmy si ritroverà a fuggire di nuovo in Inghilterra con il cuore spezzato?

undefinedTitolo: La vendetta delle single
Autore: Tracy Bloom
Data di uscita: 19 Luglio 2018
Trama: Suzie Miller cura la rubrica della posta del cuore per una rivista di successo. Ogni giorno dà consigli a decine di lettori che chiedono aiuto per risolvere i loro problemi amorosi. Ma quando viene mollata nel modo peggiore possibile (che razza di uomo lascia una donna con un SMS dopo esserci andato a letto?) decide che è arrivato il momento di fare qualcosa. Suzie vuole vendicarsi per tutte le volte in cui le hanno spezzato il cuore, mettendola da parte: stavolta ha intenzione di dimostrare che è perfettamente in grado di rendere pan per focaccia. I suoi metodi sono bizzarri, ma l’umiliazione è garantita… ed è su larga scala. Proprio quello che si meritano. Determinata a portare avanti il suo piano, comincia a suggerire anche a chi scrive alla sua posta del cuore modi stravaganti per reagire. E le lettere si moltiplicano: tutti vogliono i consigli di Suzie. Al culmine del successo, felicemente single, ha finalmente trovato la strada da seguire. Questo fino a che un

uomo non si mette in mezzo…


Risultati immagini per una casa troppo tranquillTitolo: Una casa troppo tranquilla
Autore: Jane Shemilt
Genere: Thriller
Data di uscita: 12 Luglio 2018
TramaPer Beth incontrare Albie, chirurgo dalla carriera in ascesa, ha significato ricominciare da zero e
lasciarsi il passato alle spalle. Adesso Beth sembra avere tutto ciò che desiderava: un marito nuovo di
zecca, una vita da inventarsi da capo e un futuro luminoso davanti a sé. Per conto suo, anche Albie pare
attraversare un buon momento: il suo mentore, Ted, l’uomo che con autorevolezza e fascino
magnetico tiene le fila dell’intero ospedale, gli ha fatto capire che intende fare di lui il suo “erede”. Ma
quello che non sa, o che la sua ambizione sfrenata gli impedisce di vedere, è che qualcosa si sta già
incrinando nella sua vita perfetta. E in lontananza si scorgono i lampi che annunciano l’arrivo di una
tempesta di dimensioni catastrofiche…


undefinedTitolo: Gli strani delitti di Steep House
Autore: M.R.C. Kasasian
Genere: Thriller
Data di uscita: 17 Luglio 2018
TramaLondra, 1884 . Al civico 125 di Gower Street, che corrisponde all’indirizzo di Sidney Grice, il più famoso
detective privato della città, regna la pace. Dopo le consuete chiacchiere serali, il grande investigatore e
la sua pupilla March Middleton si sono ritirati nelle loro stanze, lasciando la dimora in un silenzio carico
di armonia. Ma questa condizione non è destinata a durare.Qualcuno bussa freneticamente alla porta
e ben presto il mistero e la morte tornano a intrufolarsi dentro casa: sta per cominciare una nuova
indagine. Un’indagine che coinvolge un principe prussiano, due donne con un passato difficile, un cinese
che viene da Londra e un gangster dal volto ignoto.Ognuno di questi personaggi si muove tra le misteriose rovine di una casa un tempo rinomata: Steep House. Riusciranno, una volta ancora, il detective Grice e la sua assistente March a risolvere il mistero? E quale sarà il prezzo da pagare per riportare a galla tutta la verità?

undefined
Titolo: Tre Cadaveri
Autore: Raffaele Malavasi
Genere: Thriller
Data di uscita: 19 Luglio 2018

TramaUna serie di omicidi sconvolge la città di Genova. Tre donne sono ritrovate morte, e ogni scena del
delitto è un’efferata rappresentazione. Si tratta di un serial killer o di una setta di invasati? L’ispettore capo Manzi viene incaricato di condurre le indagini insieme alla sua squadra, e decide di chiedere aiuto a Goffredo Spada, un ex poliziotto, a suo dire l’unico ad avere le competenze per trovare l’assassino.
Spada, però, non è per niente collaborativo e dimostra cinismo e totale sfiducia nelle istituzioni. C’è qualcosa nel suo passato che lo tormenta. Ma la polizia non è l’unica a muoversi sulle tracce dell’assassino.Orietta Costa, una giornalista di cronaca del «Secolo XIX», intende venire a capo del mistero, e firmare lo scoop dell’anno. Man mano che il tempo passa, però, gli omicidi sono sempre più brutali e chiunque abbia intenzione di fermare quelle morti violente dovrà addentrarsi nell’abisso della perversione umana, in una lenta discesa agli inferi.


Risultati immagini per La donna senza nome newtonTitolo: La donna senza nome
Autore: Eric Rickstad
Genere: Thriller
Data di uscita: 19 Luglio 2018
TramaIn una remota cittadina nel nord del Vermont, Rachel Rath, una studentessa, ha la sensazione di essere seguita. Le sembra di avere addosso gli occhi insistenti di uno sconosciuto. Sono gli occhi di chi, molti anni prima, ha torturato e ucciso la sua famiglia.Grazie a un cavillo legale, Ned Preacher è riuscito a ottenere una riduzione della pena e, adesso che è libero, Rachel pare sia diventata la sua ossessione. Dopo il brutale omicidio della sorella, il detective Frank Rath ha adottato sua nipote. Per anni ha cercato
di proteggerla dalla verità sulla morte dei genitori. Ma ora che Preacher è stato scarcerato, Rath sa che userà Rachel per vendicarsi di lui. E Frank non ha alcuna intenzione di perdere l’unica cosa preziosa che gli è rimasta.Quando alcune ragazze vengono assassinate e una scompare, Rath e la detective Sonja Test capiscono che non possono più agire con cautela. Scopriranno presto che la verità può essere molto più perversa di quanto avessero immaginato. 

LA NAVE DI TESEO

Autore: CECILIA SCERBANENCO
Titolo: IL FABBRICANTE DI STORIE – Vita di Giorgio Scerbanenco
Pagine: 384

Prezzo: euro 23

La prima biografia di Giorgio Scerbanenco, basata su documenti inediti, nel racconto appassionato della figlia Cecilia.

Trama: Narratore, autentico e instancabile, della razza di un Georges Simenon”, come lo definì fulmineo Oreste del Buono, Giorgio Scerbanenco veniva da lontano, da quella Russia zarista che lasciò ancora in fasce e che lo accompagnerà per sempre nel suono di un cognome diventato il marchio del maestro indiscusso del noir italiano.
La vita di Scerbanenco, ricostruita in questo libro per la prima volta dalla figlia Cecilia attingendo a un’ampia mole di documenti dall’archivio di famiglia, ha il ritmo della sua scrittura: instancabile, multiforme, tagliente nell’indagare le sottigliezze dell’animo umano, illuminata dall’ironia. Una scrittura al servizio dei lettori dapprima nelle redazioni dei giornali e dei periodici con cui collabora dagli anni ’30, segnalato da Cesare Zavattini che aveva intuito il talento di quel giovane che batteva sui tasti della macchina da scrivere. Negli anni ’60 arriva finalmente il successo in libreria con la serie di romanzi con protagonista Duca Lamberti, che gli valgono la consacrazione internazionale: dopo una vita nell’ombra, spesso scrivendo sotto pseudonimo, la stella di Scerbanenco poteva finalmente brillare. L’autore di Venere privata e Milano calibro 9rivive in queste pagine nelle sue molteplici scritture, dal rosa al giallo, dalla radio al cinema, e in un’inedita dimensione privata, piena di sorprese e inquietudini come la trama di uno dei suoi romanzi.


MONDADORI
Come una storia d'amore di [Pywell, Sharon]

Titolo:  Come una storia d’amore

Autore: Sharon Pywell 
Genere: Narrativa
Data di uscita: 3 Luglio 2018

Trama: Cresciute all’ombra della Seconda guerra mondiale, nel Massachusetts, Lilly e Neave non potrebbero essere più diverse. Lilly è bellissima, sicura di sé e non fa che infrangere cuori, mentre Neave vive in un mondo tutto suo e preferisce trascorrere il tempo persa nelle pagine di un libro piuttosto che mettersi in gioco nella vita reale. Comincia così a frequentare la biblioteca cittadina, ma ha accesso solo alla Sezione ragazzi, e “quel piccolo deserto di lieti fini e legami felici con animali parlanti” a lei di certo non interessa più. Un giorno, però, incontra Mrs Daniels, un’anziana signora e avida lettrice che cerca qualcuno con la vista ancora buona che possa leggere per lei. Neave accetta la proposta e inizia a passare i pomeriggi in compagnia di Hemingway e Omero, fino a quando riesce finalmente a mettere le mani sugli scaffali “proibiti”; da qui ruba un romanzo erotico, L’amore pirata, una inebriante e avventurosa storia d’amore che la proietta in un universo tutto nuovo, fatto di passioni e tradimenti, matrimoni combinati e fughe romantiche. E sarà a questo mondo che lei continuerà a tornare una volta cresciuta, quando la vita si farà inaspettatamente dura.

Gli anni passano, gli uomini ritornano dalla guerra, in famiglia tutti si aspettano che Neave e Lilly si sposino presto, mentre le due sorelle sono fiere di essere indipendenti e decidono di realizzare il loro sogno professionale lanciando un rivoluzionario marchio di cosmesi, “Bella Più Che Mai”. Ma proprio quando gli affari vanno a gonfie vele, Lilly scompare improvvisamente… Sconvolta, Neave dovrà farsi forza e reagire, e per la prima volta sarà costretta ad abbandonare il rassicurante mondo dei libri e diventare finalmente l’unica e vera protagonista della propria storia.
Come una storia d’amore celebra il legame indissolubile tra due sorelle e la forza delle donne, capaci di rialzarsi e di lottare, e dimostra quanto i libri non siano soltanto un rifugio o un momento di evasione ma anche una vera e propria scuola di vita. 

FANUCCI

Titolo: Chi sono?

Autore: Tim Weaver

In libreria da: luglio 2018

“David Raker è uno dei detective più complessi e avvincenti della narrativa contemporanea.” Liz Nugent
L’ottavo attesissimo libro che vede come protagonista David Raker, questa volta alle prese con il caso di un uomo alla ricerca di sé stesso e della verità. Richard Kite – sempre che questo sia il suo vero nome – si risveglia contuso, malmenato e senza alcuna memoria di chi sia e da dove venga. Nessuno lo conosce… chi è veramente? Definito dal “Daily Express” “un thriller dal ritmo frenetico, pieno di tensione e sorprese”, Chi sono? tiene il lettore incollato alle pagine anche grazie al brillante uso dei colpi di scena.


Titolo: Il bugiardo 

Autore: Nora Roberts

In libreria da: luglio 2018
 “Quando si tratta di romantic suspense, Nora Roberts è impareggiabile!” Book Reviews
L’autrice di questo thriller ricco di sensualità e colpi di scena, è vincitrice di sette RITA Awards con più di quattrocento milioni di copie vendute. A seguito di un misterioso incidente in cui perde il marito, Shelby scopre di aver sposato un adultero e un bugiardo. Decisa a voltare pagina cambia città e incontra un nuovo amore ma suo marito aveva dei segreti che deve ancora scoprire… Un romanzo sulla riscoperta di sé stessi e sull’importanza della famiglia e dell’amore.


Titolo: Il sangue dei draghi 

Autore: Robin Hobb

In libreria da: luglio 2018
 Finalmente in libreria il quarto e conclusivo capitolo di una delle saghe fantasy più amate di sempre: Le cronache delle giungle della pioggia. Definito da George R. R. Martin “Un fantasy perfetto”, il romanzo racconta di come la sopravvivenza dei draghi sia in pericolo. Con l’occasione di nuovo in libreria anche i primi tre volumi della saga in versione tascabile.
 
“Draghi, magia e intrighi fanno di questo libro una lettura affascinante.” Booklist


Titolo: Codice Lumiere
Autore: Sergio Fanucci

TramaIn una New York prossima ai festeggiamenti del giorno dell’Indipendenza, l’avvocato Elisabeth Scorsese si prepara a trascorrerlo da sola. Suo padre si è ritirato in una zona isolata nel Vermont mentre sua madre è ancora data per dispersa. Ogni cosa sembra giocarle contro fino a quando non riceve una visita del tutto inaspettata: un nuovo cliente, Philip Delany, vuole che lo rappresenti in una causa contro la Nasa per un brevetto di recupero dei satelliti in disuso nello spazio. Ma la festa della Grande Mela si tinge di nero: un noto ingegnere viene trovato morto nel suo albergo a Times Square, e Peter Makarov, della squadra omicidi di North Manhattan, comincia a indagare. L’uomo lavorava per l’agenzia spaziale ed era molto legato a Philip Delany grazie alla vendita di un algoritmo sorgente. E tutto questo mentre una notte, a Parigi, scompare la scienziata Debbie McRoland, a capo di un progetto in grado di cambiare il destino del mondo. Cosa li unisce di così dannatamente pericoloso? In un susseguirsi di eventi apparentemente slegati tra loro, Peter Makarov ed Elisabeth Scorsese torneranno a incontrarsi e questa volta sarà per scoprire la verità di un complotto che sembra travalicare il tempo e lo spazio, dove il potere non conosce limiti né teme di essere svelato.


FAZI

La famiglia AubreyAutore: Rebecca West
Titolo: LA FAMIGLIA AUBREY

Trama: Gli Aubrey sono una famiglia fuori dal comune, nella Londra di fine Ottocento. Nelle stanze della loro casa coloniale, fra un dialogo impegnato e una discussione accanita su un pentagramma, in sottofondo riecheggiano continuamente le note di un pianoforte; prima dell’ora del tè accanto al fuoco si fanno le scale e gli arpeggi, e a tavola non si legge, a meno che non sia un pezzo di papà appena pubblicato. Le preoccupazioni finanziarie sono all’ordine del giorno e a scuola i bambini sono sempre i più trasandati; d’altronde, anche la madre Clare, talentuosa pianista, non è mai ordinata e ben vestita come le altre mamme, e il padre Piers, quando non sta scrivendo in maniera febbrile nel suo studio, è impegnato a giocarsi il mobilio all’insaputa di tutti. Eppure, in quelle stanze aleggia un grande spirito, una strana allegria, l’umorismo costante di una famiglia unita, di persone capaci di trasformare il lavaggio dei capelli in un rito festoso e di trascorrere «un Natale particolarmente splendido, anche se noi eravamo particolarmente poveri». È una casa quasi tutta di donne, quella degli Aubrey: la figlia maggiore, Cordelia, tragicamente priva di talento quanto colma di velleità, le due gemelle Mary e Rose, due piccoli prodigi del piano, dotate di uno sguardo sagace più maturo della loro età, e il più giovane, Richard Quin, unico maschio coccolatissimo, che ancora non si sa «quale strumento sarà». E poi c’è l’amatissima cugina Rosamund, che in casa Aubrey trova rifugio. Tra musica, politica, sogni realizzati e sogni infranti, in questo primo volume della trilogia degli Aubrey, nell’arco di un decennio ognuno dei figli inizierà a intraprendere la propria strada, e così faranno, a modo loro, anche i genitori. Personaggi indimenticabili, un senso dell’umorismo pungente e un impareggiabile talento per la narrazione rendono La famiglia Aubrey un grande capolavoro da riscoprire.


Siracusa

Autore: Delia Ephron
Titolo: SIRACUSA

Trama: Due coppie vanno in vacanza insieme in Sicilia: Michael e Lizzie, raffinati newyorchesi, lui scrittore affermato e lei giornalista precaria; Finn e Taylor, lui ristoratore senza troppe pretese e lei donna glaciale e madre oppressiva, vengono dal Maine e viaggiano con la figlia Snow, una bambina strana e taciturna. Non si tratta di amici di vecchia data, anzi: la confidenza è scarsa. Un invito nato quasi per scherzo, durante una serata piacevole passata insieme, uno slancio di entusiasmo, e i quattro americani si ritrovano in vacanza insieme dall’altra parte dell’Atlantico. Ben presto spuntano gelosie e rivalità, bugie, attrazioni incrociate e antipatie neanche troppo celate. In una danza perfetta di luci e ombre, sotto il sole cocente di Siracusa cominciano a addensarsi zone oscure. Finché, a complicare ulteriormente le cose, spunta da lontano, ma si fa sempre più ingombrante, la presenza della giovane amante di Michael. E la vacanza prende una piega inaspettata… In un gioco di incastri congegnato in maniera sapiente, ognuno dei personaggi racconta la sua verità: quattro versioni diverse della stessa storia, che però inevitabilmente vanno a convergere verso un unico, tragico finale. Dalla sceneggiatrice di C’è posta per te, un imperdibile romanzo estivo in cui la commedia brillante americana assume un’intrigante sfumatura noir.


SPERLING&KUPFER / FRASSINELLI

Titolo: Darkest Minds

Autore:  Alexandra Bracken

Genere: Distopico

Data di uscita: 24 Luglio 2018

Trama: Quando Ruby si sveglia il giorno del suo decimo compleanno, qualcosa in lei è cambiato. Qualcosa di abbastanza preoccupante da costringere i genitori a mandarla a Thurmond, un brutale campo di riabilitazione gestito dal governo dove sono rinchiusi i giovani come lei. Ovvero, i giovani che sono riusciti a sopravvivere alla misteriosa malattia che ha decimato la popolazione e che da allora sembrano aver acquisito poteri speciali. Ci sono i Verdi, dotati di un’intelligenza eccezionale; i Blu, di telecinesi; i Gialli, che controllano l’elettricità; i Rossi il fuoco e gli Arancioni, come Ruby, la mente umana. Ora Ruby ha sedici anni ed è riuscita a scappare da quell’inferno, ma per lei l’incubo non è ancora finito. Durante la sua fuga, però, incontra un gruppo di ragazzini evasi come lei: Zu, Ciccio e Liam, carisma da leader e decisamente carino. Ma Ruby non può rischiare di avvicinarsi a lui. Sarebbe troppo pericoloso. E, in viaggio verso l’unico rifugio sicuro, ci sono già fin troppi pericoli da affrontare. Finalmente arriva in Italia Darkest Minds la serie d’esordio di Alexandra Bracken che, con questa storia adrenalinica, ha conquistato il primo posto della classifica del New York Times e da allora ha firmato un successo dietro l’altro. 


 

Titolo: La straniera

Autore: David Bergen

Genere: Fiction
Data di uscita: 24 luglio 2018

TramaIn una remota cittadina del Guatemala, da alcuni anni si è affermata una clinica della fertilità che richiama a sé numerose donne benestanti in cerca di un miracolo. È lì che lavora come assistente la giovane Iso, una ragazza che per nove ore al giorno si prende cura delle pazienti che le vengono affidate; nella stessa clinica lavora anche il dottor Eric Mann, un attraente medico americano che ha gioco facile nel sedurla e a cui Iso finisce per concedersi, innamorandosene perdutamente. Il medico è sposato, e la situazione si complica quando la moglie del dottore arriva nella clinica per usufruire a sua volta della terapia, ed è Iso stessa a prendersene cura diventandone la confidente. Il ricovero della signora Mann dura due settimane senza dare alcun risultato, settimane in cui Iso smette di vedere l’uomo che ama. Quando la moglie fa ritorno negli Stati Uniti, le cose sembrerebbero tornare come prima, ma non è così, perché Iso è incinta e avrà una figlia dal dottor Mann; e quando la bambina nascerà, Iso si renderà conto di essere stata tradita nel modo più crudele.


RIZZOLI

Titolo: Sharp Objects 
Autore: Gillian Flynn 

Pagine: 350

Prezzo: € 19
In libreria dal:  24 luglio 2018

Trama: Otto anni dopo essere andata via da Wind Gap, la cittadina soffocante in cui è nata e cresciuta, Camille Preaker lascia Chicago per tornare in quel minuscolo avamposto cattolico del Missouri battista, luogo sperso nel nulla, dove la gente si illude di sapere come stare al mondo.
È il giornale per cui lavora a spedirla laggiù, in seguito alla scomparsa della piccola Natalie Keene. Caso che somiglia a quello di un’altra bambina svanita nel nulla poco tempo prima, ricomparsa il giorno dopo nel letto di un torrente, strangolata. Si chiamava Ann Nash e aveva nove anni.
Quando il cadavere di Natalie viene rinvenuto su Main Street, la comunità di Wind Gap deve arrendersi all’evidenza: la mano che si è abbattuta con brutale meticolosità sulle due bambine è la stessa. A rivelarlo è un unico, macabro dettaglio.
Con caparbietà, Camille porta avanti la propria indagine sfidando le rigide norme sociali di una cittadina bigotta e pettegola, ma soprattutto, è costretta ad affrontare la madre, una donna fredda e manipolatrice, ammirata dai vicini e temuta dentro casa, da cui era fuggita ancora ragazza. L’inchiesta diventa un fiume in piena e Camille non è più in grado di tenere a freno i ricordi e il male che contengono.


MARSILIO

Sotto il falò
Autore: Nickolas Butler

Titolo: Sotto il falò

Collana: Romanzi e Racconti
ISBN: 978-88-317-2937-6

Prezzo: 17,50 euro

Trama: I boschi del Midwest, i suoi laghi che gelano con i primi freddi e riflettono i colori del tramonto nelle sere d’estate, custodiscono da sempre storie ruvide e umanissime. Storie di amici che organizzano feste intorno al falò per raccogliere la legna in vista dell’inverno, di giovani coppie che si immergono negli abissi per ritrovarsi, di uomini che tornano nei luoghi d’infanzia per scoprire di non essersene mai andati, di donne che ne aiutano altre a vendicare le violenze di un amante o di un’intera comunità, di nonni che insegnano ai nipoti ad amare i temporali. Storie in cui il confine tra bene e male non è mai netto, e in cui la luce si intravede anche in fondo alla disperazione più nera. In questa raccolta Nickolas Butler, ormai autore di culto in Italia, in Francia e nel suo paese, ce ne racconta dieci, tutte intense e commoventi, tutte capaci di condurci nel cuore più autentico degli Stati Uniti come solo un viaggio lungo le sue strade secondarie potrebbe fare.


Cosa ne pensate di tutti questi bei libri? Io che non vedo l’ora di leggerli! Fatemi sapere quale vi piace di più!

A presto,
Sara ©

 

Annunci

BLOGTOUR: LE QUATTRO DONNE DI ISTANBUL DI AYSE KULIN – “LA VITA SU DUE FRONTI: LO STILE DI VITA TEDESCO E QUELLO TURCO”

BUONGIORNO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi vi porto una novità in libreria per la Newton Compton da domani. Il Blogtour è iniziato già da qualche giorno e vi consiglio di seguirlo, sono sicura vi piacerà! 🙂 Ecco qui che ve ne parlo attraversando le città che incontreremo in lettura:

51FMz-Fm8RLTitolo: Le quattro donne di Istanbul
Autore: Ayşe Kulin
Genere: Historical Fiction
Data di uscita: 12 Luglio 2018
Trama: Dopo l’ascesa al potere di Hitler, Gerhard Schlimann, la moglie Elsa e i loro due figli Peter e Susanne abbandonano la Germania per sfuggire alle persecuzioni naziste. Si rifugiano dapprima a Zurigo e poi, quando Gerhard riceve un’offerta dal Dipartimento di Medicina dell’Università di Istanbul, in Turchia. Mentre Susanne e Gerhard sono affascinati dalla cultura turca e provano a integrarsi, Elsa e Peter sono invece fortemente ancorati alle origini tedesche. Nella città musulmana le nuove usanze avranno impatti fortissimi sulle loro vite, fino a ridisegnare i loro concetti di patria e appartenenza. In questa potente saga familiare, la Kulin racconta le sfide e le difficoltà di una vita in esilio, le difficili scelte di chi è costretto ad abbracciare un futuro incerto con una valigia piena di speranze.
La mia tappa è:

LA VITA SU DUE FRONTI: LO STILE DI VITA TEDESCO E QUELLO TURCO


Risultati immagini per francoforte


Francoforte

La storia di questo libro ha inizio a Francoforte nel 1933.

La famiglia Schlimann è una famiglia ebrea che vive a Francoforte. Gerhard è un professore rinomato e viene a scoprire tramite un collega che ci saranno i controlli nell’università e chi è ebreo rischia molto. Quindi senza destare sospetti, Gerhard invia un messaggio a sua moglie intimandole di prendere i figli e prepararsi a partire.

Francoforte non è proprio come Berlino ma si respira aria pesante, l’aria che precede la guerra e in cui tutti sono tesi sotto l’ascesa al potere di Hitler. La famiglia Schlimann stessa ha paura e si ritrova a fuggire appena in tempo, prima che le vere e proprie persecuzioni contro gli ebrei abbiano inizio. Lasciano la propria casa, le proprie cose, tutti loro stessi, per andare verso Zurigo, città dove vivono i genitori di Elsa.

Dopo qualche rassicurante boccata di fumo, si mise a osservare l’atrio neoclassico intorno a sé come se lo vedesse per la prima volta. Quanti particolari sfuggivano nel trambusto della vita quotidiana. In tutte le sue precedenti visite alla stazione era stato troppo indaffarato a non perdere il treno o del tutto assorbito dai figli e dai bagagli di famiglia. Quel giorno, con la sigaretta che gli pendeva dalle labbra, guardò in alto, verso il soffitto di ferro e vetro, e in basso, il pavimento scintillante. C’erano lunghe file davanti alle biglietterie. Quando giunse il suo turno chiese con calma un posto sul primo treno per Zurigo.

Risultati immagini per zurigo

Zurigo

Zurigo è poco descritta all’interno di questo libro anche perchè i personaggi per la maggior parte del tempo se ne staranno a casa assieme ai genitori. Zurigo è comunque la città principale della Svizzera e ritengo abbia un fascino particolare. Alla fine Gerhard riesce a trovare lavoro ma il posto è ancora più lontano da casa: devono andare ad Ankara perchè verrà aperta una università dove si ricercano professori europei e di altri paesi che siano particolarmente istruiti. 

Abbracciando le mura di Palazzo Topkapi, il treno girò lungo il promontorio di Sarayburnu. Era stato trasportato in una terra immaginaria? Stava sognando? Nulla assomigliava alle città che aveva visto in Europa centrale o sul Mediterraneo, ma al tempo stesso non coincideva nemmeno con la sua idea di Medio Oriente. Non c’era neanche un cammello. Il treno giunse sbuffando alla stazione di Sirkeci. Con in mano solo una piccola valigia, Gerhard mise piede su un marciapiede che odorava di carbone e salsedine.

Risultati immagini per istanbul

Instanbul

 Istanbul viene descritta dagli occhi dei vari personaggi come una città piena di fascino. Il mare, il sole, i mercati e la vista. Tutto di Istanbul riesce a catturare il lettore tanto da costringerlo a voler rimanere in quel posto per sempre. La bellezza orientale di Istanbul cattura perchè affascinante e diversa dalle città come Francoforte e Zurigo per i colori, la temperatura e le persone stesse. Le donne con il velo e i loro vestiti sgargianti, i venditori ambulanti e i gabbiani. Istanbul riesce ad incantare Gerhard in ogni cosa. Persino i ricchi e i poveri sedevano gli uni accanto agli altri come gli edifici stessi: edifici maestosi vicino a quelli trasandati: Istanbul è un insieme di contrasti di cui l’autrice stessa ne va fortemente fiera e ne esprime l’amore con le sue parole.

Proprio davanti a lui, innumerevoli cupole e minareti si stagliavano su un sole scarlatto e un cielo multicolore e in continuo mutamento. A Gerhard venne la pelle d’oca. Non era un uomo particolarmente religioso, ma lo spettacolo davanti ai suoi occhi, quell’antica città che sembrava affondare nel mare insieme al sole del tramonto, era di sicuro un capolavoro di quel grande artista che alcuni chiamano Dio. Erim gli stava domandando qualcosa. Voleva sapere che idea Gerhard si era fatto fino a quel momento di Istanbul. «Magnifica», disse senza esitazione. Quella città, che assomigliava talmente poco alla terra in cui era nato e cresciuto, sembrava meritare ogni superlativo.

Risultati immagini per ankara

Ankara

Ankara, all’interno di questa storia si percorre in un periodo in cui  era ancora molto più sottosviluppata di Istanbul. Non ha comodità e sembra quasi una città fantasma in cui tutti sognano soltanto di tornare ad Istanbul. E’ qui che lavorerà Gerhard ma non mancherà modo di vedere Istanbul più e più volte nel corso della lettura. Una città apparentemente triste e spenta che si svilupperà nel corso della lettura.

«Passo a prenderla in albergo a mezzogiorno. Questa città non è come Istanbul. Non c’è molto da vedere oltre al viale laggiù, che va dalla stazione ferroviaria fino alla residenza presidenziale a Çankaya. Questa è una città nuova, è ancora in costruzione». «È quello che ho intuito guardando dal finestrino del treno. Non ho avuto occasione di andare in giro per Istanbul, ma non dimenticherò mai quel tramonto sul Bosforo». «Una volta chiesero a un famoso poeta turco cosa gli era piaciuto di più di Ankara. “Poter tornare a Istanbul”, rispose».

L’autrice vuole lasciare ed imprimere al lettore l’amore verso la sua terra e ci riesce, lasciandomi una strana voglia di partire per Istanbul al più presto. Trovo che queste siano le cose meglio riuscite in assoluto: se un autore riesce a farti amare una città o un posto attraverso la lettura è lì che ha vinto.

Spero che questa tappa vi sia piaciuta e che l’abbiate trovata interessante! 😀


Seguite le altre tappe che sono scritte nel’immagine. Spero che vi piacerà:

tappe istanbul


Cosa ne pensate? Seguite tutti e spero vi piaccia molto! 🙂 Fatemi sapere con un commento!

A presto,

Sara ©

RELEASE PARTY – FINO A PERDERMI NEL TUO ABBRACCIO DI DENISE ARONICA.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Ecco che porto con me una bellissima novità che di sicuro non vedo l’ora di leggere e di avere fra le mani. Io nel frattempo ve lo mostro e spero che vi possa piacere. Qui trovate tutte le info di questo libro targato Delrai edizioni e che si prospetta fantastico:

39315984Titolo: Fino a perdermi nel tuo abbraccio

Autrice: Denise Aronica

Serie: Crisalide series #1

Editore: Delrai Edizioni

Pagine: 288

Disponibile dal: 10 luglio
Prezzo ebook: € 3,99
Prezzo cartaceo: € 16,50 

Progetto grafico a cura di Catnip Design

LINK UTILI

DELRAI EDIZIONI SITO UFFICIALE – Facebook – Instagram – 

DENISE ARONICA Facebook – Instagram

Pre-order cartaceo su Amazon: https://amzn.to/2KqH6SW

TRAMA: Olivia ha una seria dipendenza dalla lettura. Da quando la sua vita è cambiata, il suo rifugio preferito sono le pagine di un libro. Lei e suo fratello abitano a casa dei nonni e la vita scorre all’apparenza normale quando si vivono vite non proprie: non ci si aspetta nulla dai personaggi dei romanzi, perciò non si soffre. È quando viene loro proposta una vacanza a casa della migliore amica della loro madre che tutto cambia. Veronica è una donna forte, con un figlio nerd affascinante e costantemente alle prese con i videogiochi. Daniel e Olivia sembrano parlare due lingue diverse, eppure sono simili: entrambi si proteggono dal mondo, entrambi non vogliono confrontarsi con la realtà ma preferiscono viverla attraverso uno schermo, che sia quello dell’e-reader o di una console. È quando prendono consapevolezza di questo che la loro esistenza subisce una svolta, e così anche i loro sentimenti. Il romanzo d’esordio di un’autrice italiana che sa scavare nel profondo dell’anima. Quando due anime all’apparenza diverse si incontrano, non c’è più bisogno di parole, ma di sguardi teneri e complici. Esiste una crisalide dentro ognuno di noi e la vita ci sfida a rinascere come farfalle.

INFO SULLA SERIE

La Crisalide Series sarà composta da tre romanzi autoconclusivi. I seguiti vedranno come protagonisti alcuni dei personaggi secondari introdotti in questo primo volume.

 

Biografia

Denise Aronica ha una grande passione: le parole in ogni loro forma. L’amore per la lettura la accompagna fin da bambina, grazie ai suoi genitori che le leggevano una favola prima di andare a dormire e le hanno trasmesso il desiderio di viaggiare con la fantasia. Quando il lavoro non la impegna, dedica il suo tempo a scrivere romanzi dei generi più svariati e a gestire il suo blog. Ha una natura profondamente nerd, infatti non può fare a meno di guardare serie tv e scoprire nuovi giochi da tavolo, ma questa è un’altra storia. Fino a perdermi nel tuo abbraccio è il suo romanzo d’esordio per la Delrai Edizioni, il primo della Crisalide Series.

DALLA QUARTA DI COPERTINA

«Allora è così che fai di solito?» gli domando, stando sul vago.

«Non capisco.»

«Per rimorchiare. Provi con qualche riferimento letterario, in modo da mostrarti colto, e poi porti le ragazze a fare lezione di guida? Funziona? È una strategia che ti riservi per il primo appuntamento?»

Daniel ride. «In realtà non mi era mai capitato di dare “lezioni di guida” a nessuno» dice, facendomi arrossire al pensiero che questa premura l’abbia avuta soltanto nei miei riguardi. «E di solito comunque, preferisco i riferimenti ai videogiochi, rispetto a quelli letterari. Se le ragazze non sono nerd abbastanza da afferrarli, non mi prendo neanche il disturbo di uscirci» ribatte, voltandosi poi per strizzarmi l’occhio. «Come nella serie di Super Mario. Hai presente, no? Mario deve conquistarsela, la principessa Peach, livello dopo livello. Fungo malefico dopo fungo malefico.»

ESTRATTO BREVE

La vita è decisamente migliore tra le pagine di un libro. Ha un inizio e una fine, delle regole, è più composta. Si ride, si piange, ci si emoziona, ma senza rischiare di farsi male. Mai. C’è tutto da guadagnare e niente da perdere.

BLOGTOUR DEDICATO

Online dal 2 luglio al 13 luglioin palio una copia cartacea autografata del romanzo!

POST INTRODUTTIVO – Evento Facebook


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un bel commentino se lo leggerete!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #80 – IN TASCA LA PAURA DI VOLARE DI LORENZO FOLTRAN.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi come ogni venerdì ho una segnalazione per voi! Oggi vi porto una raccolta di poesie che mi ha veramente incuriosito e che sono felice di poter recensire per voi a breve sul blog. Ecco qui che ve ne parlo:

Risultati immagini per in tasca la paura di volareTitolo: In tasca la paura di volare
Autore: Lorenzo Foltran
Editore: Oèdipus Edizioni
Genere: Poesia 
Formato: cartaceo
Prezzo: 12€ 
Data pubblicazione: Maggio 2018
Pagine: 96 
Sinossi: In tasca la paura di volare è una raccolta di 67 poesie divise in tre sezioni: Donne sparse, I lampioni e nessun altro e In tasca la paura di volare. Nella prima sezione, composta essenzialmente da liriche amorose, il senhal, elemento classico della poesia d’amore fin dai provenzali, perde il suo ruolo di richiamo all’unicità della donna e cambia, si maschera sotto altre forme. Ne derivano le immagini del teatro e  dell’affabulazione (le prime poesie, Margherita e “Filo d’erba” rimandano al prato del
Decameron dove i giovani fiorentini scampati alla malattia “cominciarono di novellare sopra la materia”). La figura della donna è quella dell’attrice (Dietro le quinte) che assume ruoli e caratteristiche diversi in base al personaggio da interpretare (si veda l’ammiccante ambiguità dell’indeterminato nel titolo You and me). La prima sezione è, quindi, finzione, manierismo e per tale motivo propone testi anche banali come “Quando la guardo, tutto” che utilizzano le forme più stereotipate del linguaggio della lirica d’amore. La sezione si conclude con la presa di coscienza della distanza incolmabile tra la io lirico e tu, tra chi guarda e chi è guardato. I testi poetici diventano reperti consacrati a un’istanza museale. La lirica d’amore, intesa come dialogo io-tu, binomio poeta-musa, è considerata come Storia che deve essere musealizzata.
Nella seconda sezione, al fallimento del rapporto io-tu (Peccato che non ci siamo incontrati oggi…Eravamo così vicini…) ne consegue quello della poesia tout-court (“Non c’è più posto per la poesia”). Il poeta è costretto a uscire dal museo, dal teatro, dalla biblioteca (“Senza l’amore di lontano”) in cui si rifugiava, a confrontarsi con la ripetitività e l’apparente facilità di vicende terrene che sconfinano spesso nella dimensione usuale e mondana (rappresentate, per esempio, dalle rime in -are e dal lessico quotidiano in Sabato sera) e a tornare a casa (I lampioni e nessun altro) prendendo atto che tutto ciò che ha scritto/vissuto è stato pura illusione.
Alla staticità della prima sezione si oppone il dinamismo della terza, segnata dal viaggio, dalla migrazione, dalla mescolanza linguistica, dal lavoro. L’io poetico in fuga dalla finzione di Donne sparse e dalla realtà evocata in I lampioni e nessun altro, si trova disorbitato tra lo slancio spaziale verso il futuro (“Immensa consapevolezza”) e la gravità temporale che lo riporta verso il passato (“Bevendo un infuso dei tuoi profumi”). La raccolta si conclude con le stazioni di un pellegrinaggio (Boulogne –
Varenne, Brest, Le Barcarès – Saint Laurent de la Salanque, Saint-Cloud) e dalle riflessioni che le accompagnano.

Note biografiche
Nel Novembre del 2011, ho conseguito la laurea magistrale in Italianistica all’Università Roma Tre con la tesi La Musa e il Poeta: la relazione io-tu nella lirica amorosa tra origini e contemporaneità. Successivamente, mi sono diplomato in management dei beni e delle attività culturali dopo aver seguito un master di secondo livello tra l’Università Ca’ Foscari di Venezia e l’École Supérieure de Commerce de Paris. Ho lavorato per importanti istituzioni culturali come la Casa delle Letterature (Festival delle Letterature) e l’Institut français (Festival della narrativa francese) a Roma e la Fête de la Gastronomie e il Pavillon de l’Eau a Parigi, dove attualmente risiedo. In tasca la paura di volare è la mia prima raccolta poetica sono, dunque, un esordiente.

Contatti social

https://twitter.com/lorenzo_foltran?lang=bg


Cosa ne pensate? Io le trovo davvero interessanti e vi farò sapere meglio nei prossimi giorni!

A presto,
Sara ©

IL SALOTTO DELLE PARTICELLE: INCONTRO CON ROBERTO EMANUELLI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi con il mio salotto torno con una nuova cosa per voi e vi parlerò dell’incontro con Emanuelli, autore Rizzoli alla libreria Mondadori a Roma. Ecco qui:

L'immagine può contenere: 1 persona, testoIl 26 giugno sono stata alla libreria Mondadori in Via Tuscolana a Roma all’incontro/festa con Roberto Emanuelli.

Io non ho letto ancora i libri di Roberto ma ho accompagnato mia madre che, invece, li ha letti e sono stata felice di prenderne parte. L’organizzazione della libreria non è delle migliori avendo messo a disposizione uno spazio veramente ristretto in cui siamo state in fila senza riuscire a vedere granchè e due file con una ventina di sedie contate davanti.

Per il resto è stato un evento in cui l’autore ci ha parlato dei suoi vecchi volumi: E adesso Baciami e Davanti agli occhi per parlarci del suo nuovo libro che arriverà nelle librerie ad ottobre sempre in casa Rizzoli.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.Ha annunciato anche che verrà pubblicato in Spagna ed ha ringraziato tutti i suoi follower italiani che lo hanno sostenuto durante tutto il suo percorso e che tutt’ora continuano a sostenerlo e ad incoraggiarlo con tante iniziative e commenti. Mi ha strappato una risata quando ha raccontato l’aneddoto che gli è successo: un uomo ha visto che sua moglie leggeva Emanuelli e per riconquistare il rapporto che stava sfaldandosi ha cominciato ad utilizzare frasi o ad utilizzare cose che Emanuelli ha scritto come spunto. Ha recuperato il rapporto con sua moglie e ha ringraziato l’autore (privatamente penso) per questo. L’autore ha detto “sicuramente il mio fan numero uno e se non mi sbrigo a pubblicare il prossimo non sa più cosa proporre a sua moglie” *ridendo*.

L'immagine può contenere: 15 persone, persone che sorridonoInfine l’autore ha fatto il firma copie ed ha dedicato qualche minuto con ogni fan per fare delle foto o scambiare due parole e tutti i partecipanti hanno potuto usufruire di un buffet. Ho conosciuto anche delle signore che amano leggere i libri e che sono state davvero molto simpatiche con le quali speriamo di rincontrarci per la presentazione del nuovo libro dell’autore!

L’autore è stato gentilissimo con ogni suo fan e super disponibile tanto che ha rilasciato anche un video saluto per il mio blog e per tutti i miei lettori che trovate sulla pagina facebook del mio blog, qualche giorno fa.


Voi avete mai letto o sentito nominare Roberto Emanuelli? Vi invito a seguirlo sui suoi social !

A presto,

Sara ©

BLOGTOUR: GLI IMMORTALISTI DI CHLOE BENJAMIN – RECENSIONE. (#190)

BUON POMERIGGIO MIE CARE PARTICELLE!

Eccoci qui oggi con una nuova recensione in questo Review Party, tutta per voi! Ringrazio la Rizzoli per averci permesso la lettura e Sara di Bookspedia che mi ha coinvolto in questa iniziativa! Ecco qui che vi parlo di questo libro in uscita oggi nelle librerie:

8652248_3275844

Titolo: Gli Immortalisti
Autore:  Chloe Benjamin
Genere: Fiction
Pagine
Data di uscita: 26 Giugno 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2tA1l5v
Trama: Forse non sarebbe successo niente se non fossero stati nel cuore dell’estate, con un mese e mezzo di noia umida alle spalle e un altro mese e mezzo davanti. In casa non c’è aria condizionata e quest’anno – l’estate del 1969 – sembra che stia succedendo qualcosa a tutti tranne che a loro, i fratelli Gold. Mentre gli altri si sballano a Woodstock, New York non offre loro altro che un incontro con una veggente che, si dice nel quartiere, sarebbe in grado di predire la data di morte. I quattro ragazzi ci vanno, per gioco, per vestirsi di paura, per fare la rivoluzione a modo loro. Bussano alla porta della donna, entrano uno per volta, ed escono con una data. Nient’altro. Simon, Klara, Daniel e Varya sono figli di una famiglia di commercianti ebrei, sono il frutto di una storia dolorosa e felice insieme, ramificata tra Europa e Stati Uniti, e probabilmente non sono diventati quello che i genitori avrebbero voluto. E dopo quel giorno d’estate della loro adolescenza, marchiato da quel numero indimenticabile, niente sarà più come prima. I sogni e i progetti saranno altri. Non peggiori, diversi.

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio nel 1969. Quattro fratelli VaryaDanielKlara e Simon sono uniti ma l’hanno seguente potrebbero non esserlo più perchè stanno per dividersi. Varya e Daniel andranno presto all’università per crearsi un futuro e i quattro si divideranno. Non ancora però, perchè nell’estate di New York del 1969 i quattro Gold decidono di andare da una donna che con le proprie capacità di veggenza riesce a stabilire la data della morte di ognuno di loro.

Inizialmente la cosa non sembra sfiorarli molto ma poi dentro ogni personaggio si instaura un’incosciente consapevolezza che li porta a credere di dover vivere la propria vita al meglio delle loro capacità portando Simon, quello che morirà giovane, a scappare con sua sorella Karla a San Francisco senza essere neanche maggiorenne e vivere la vita a pieno, amando un uomo come non mai e divertendosi facendo tantissime esperienze che a casa non avrebbe mai fatto. 

La storia di quattro vite unite che ripercorreremo una per una, in ordine, perdendone una dopo l’altra. Entrerete a far parte della vita dei quattro fratelli ripercorrendo la loro vita da quando erano dei bambini ed hanno perso il loro padre a quando inesorabilmente, lo raggiungono.

Cosa ha in serbo la vita per ognuno dei quattro fratelli? Quello che la veggente aveva predetto loro, si avvererà? Che storia hanno da raccontare i quattro fratelli Gold? Riusciranno a fare della loro vita ciò che hanno sempre desiderato?

Klara apre l’acqua, afferra una spugna e si mette a sfregare con impeto. «Io lo so perché» continua Simon, che l’ha seguita. «Perché se tornassi vorrebbe dire che Daniel aveva ragione. Significherebbe che non hai un progetto, che non puoi crearti una vita tutta tua, lontano da loro. Significherebbe che hai fallito.» Sta cercando di provocarla – l’autocontrollo della sorella lo innervosisce più dei suoi scoppi d’ira – ma Klara continua a tenere le labbra sigillate, le nocche bianche intorno alla spugna. È stato egoista, certo. Ma il pensiero della sua famiglia gli ronza sempre in testa. In un certo senso continua a frequentare l’Academy per loro: per dimostrare che la sua vita non è tutta eccessi, che è fatta anche di disciplina e volontà di migliorarsi. Prende il suo senso di colpa e lo trasforma in un salto, un sollevamento, una piroetta perfetta. L’ironia della situazione, ovviamente, è che Saul sarebbe rimasto scioccato se avesse scoperto che il figlio è diventato un ballerino di danza classica. (…)  In certi momenti fuggevoli si sente a casa.

30288282La trama è ben scritta e non ha spoiler al suo interno anche se, dopo aver letto il libro posso dire che mi figuravo una storia diversa da ciò che si preannuncia dalla trama del libro. E’ comunque ben scritta e mette la giusta curiosità.

La copertina originale è davvero stupenda. Non so perchè sia stata cambiata così tanto ma quella italiana si, rispecchia in parte la storia: il ponte di San Francisco dove Simon e Klara si trasferiscono ma in altri sensi non ha molto da rispecchiare. L’originale (qui di lato) l’ho sempre trovata molto bella sin da quando avevo notato l’uscita all’estero. Voi quale preferite? Al titolo – per fortuna – è stata risparmiata la tortura ed ha subito solo la traduzione che si riferisce a Klara che per i suoi spettacoli si fa chiamare “l’Immortalista”. In fin dei conti credo che possa riferirsi a tutti perchè è proprio così che sono i fratelli sia singolarmente che l’uno con l’altro.

L’ambientazione ruota attorno ai quattro personaggi. Inizialmente ci troviamo a New York ma viaggeremo molto: andremo a San Francisco con Simon, andremo a Los Angeles con Klara e in Europa con Daniel e Varya. L’epoca su cui viaggia questa storia ricopre un arco temporale molto vasto, in genere poco utilizzato nei libri e va dal 1969 fino ai giorni d’oggi.

Klara sa trasformare una sciarpa nera in una rosa rossa e un asso in una regina. Sa far comparire monete da dieci centesimi dai penny, monete da un quarto da quelle da dieci e banconote da un dollaro semplicemente dall’aria. È in grado di eseguire il salto della carta alla Herrmann, il lancio alla Thurston, il numero con la carta che si solleva e quello con la carta sul palmo della mano. È un’esperta dei classici trucchi con la tazza e la pallina, tramandati dal maestro canadese Dai Vernon a Ilya Hlavacek e da quest’ultimo a lei: un’illusione ottica che confonde e abbaglia gli spettatori, dove in una tazza vuota si materializzano dal nulla palline e dadi, e poi, alla fine, un limone intero. Quello che non è in grado di fare – quello che non smetterà mai di provare a fare – è riportare indietro suo fratello.

Immagine correlataI personaggi principali su cui verterà questa storia sono i quattro fratelli Gold. La storia è suddivisa in quattro parti, una per fratello in cui si farà riferimento alla loro vita e cosa hanno fatto. Ecco qui che ve li presento uno per uno:

Varya è la maggiore dei quattro Gold ed anche, secondo quello che la veggente ha detto lei, quella che vivrà più a lungo. Nel lungo percorso dell asua vita ha affrontato tante cose tra cui il College in biologia, … Varya ha sempre cercato di aiutare sua madre assieme a Daniel laddove Simon e Klara hanno mancato. E’ determinata e resta focalizzata sui suoi sogni. Tra tutti è quella che ho sentito più distante di tutti anche a livello empatico perchè trasmette davvero molto poco.

Daniel è molto simile a sua sorella Varya. Ha studiato medicina anche se poi nella vita è diventato militare. E’ rimasto inquadrato ai suoi sogni ma sente il peso della decisione i consultare la veggente su di lui, essendo stata una sua idea. Nonostante questo ha sempre cercato e tentato di tenere la famiglia unita telefonando a Simon e Klara molto più degli altri e cercando di convincerli a tornare a casa seppur in parte per egoismo personale.

Klara è la ribelle, quella che si alzava di notte per provare i numeri di magia che tanto amava. Ebbene si, Klara ha sempre sognato di diventare un’artista, non ha mai voluto lavorare in uffici o studiare come i fratelli. Quella vita non faceva per lei. Quando si trasferisce a San Francisco con suo fratello Simon i suoi sogni prendono lentamente vita e riesce persino ad esibirsi in qualche locale. E’ una personaggio fragile, che avrà una vita difficile e tormentata e che è legata molto più a Simon di quanto lo sia mai stata con gli altri due fratelli.

Simon è il più piccolo della famiglia ma anche quello con le idee più chiare di tutti gli altri. Dopo che ha ricevuto la sua data di morte si sente in dovere di dover vivere la sua vita al massimo e non rinchiuso come un topo dentro casa, accanto a sua madre solo perché è il più piccolo. Scappa da casa a sedici anni assieme a sua sorella Klara per andare a San Francisco. Klara sembra essere l’unica a capirlo davvero e si allontana dalla famiglia assieme a lei costruendosi un piccolo futuro luminoso con pochi soldi ma fatto di divertimento e di amore, quello vero.

Eddie aveva mostrato i palmi.«Non giudico nessuno. » Una fitta di dolore gli aveva trapassato il cranio e ora rimbalzava nella sua testa come un proiettile. Non sapeva se dipendesse dall’alcol o dall’imminente rivelazione, di cui non aveva parlato neppure con Mira. Ma di fronte alla storia della donna di Hester Street – la sua fama e la loro visita, il tempismo perfetto della morte di Klara – Eddie si era mostrato piuttosto scettico. Avrebbe controllato, così aveva detto, ma non nutriva grandi speranze. Sentiva di aver deluso l’agente, che Eddie voleva segreti o conflitti, non un ricordo di infanzia su una sensitiva itinerante. (…)  Il suo tutor alla scuola di specializzazione era stato allievo del dottor Theodore Woodward e amava citare ciò che quest’ultimo diceva sempre ai suoi specializzandi: «Se sentite rumore di zoccoli pensate ai cavalli, non alle zebre». Quattordici anni dopo e dieci Stati più a est Daniel entra nella Hoffman House per incontrare di nuovo Eddie.

Il perno centrale è proprio la veggente e la data di morte che lascia ad ognuno dei quattro fratelli. Per loro è inizialmente difficile da comprendere ma con il passare degli anni per tutti questa assume importanza e costringe i quattro fratelli Gold a vivere la vita in maniera diversa da come avrebbe potuto essere effettivamente.

Lo stile utilizzato è stato di facile lettura anche se pesante a lungo andare. Per quanto riguarda la struttura della storia invece è stata un po’ una delusione. Mi aspettavo qualcosa di molto più profondo e non solo l’elenco dei quattro in ordine di morte. La storia si suddivide un quarto per ogni personaggio rendendo il libro si, completo ma anche poco accattivante agli occhi del lettore. L’autrice utilizza la stessa struttura per tutti in cui ognuno ha ricordi d’infanzia diversi e esperienze future ma in certi momenti sembra diventare quasi la lista della spesa. Ha cercato di raccontare un arco temporale piuttosto vasto e ha perso secondo me il vero fulcro di questa storia.

Nonostante quanto appena detto, il messaggio sotto inteso è potente e arriva sicuramente al lettore. Se ognuno fosse a conoscenza della data della propria morte si comporterebbe in modo diverso? Vivrebbe una vita che altrimenti non avrebbe il coraggio di fare? Che scelte farebbe? Questo sicuramente è importante e preponderante in se. Trasposto all’interno dei personaggi invece, (il modo in cui viene messo in pratica sui fratelli) non mi è piaciuto tantissimo. Almeno per il fatto che tutto diventa pesante quando l’autrice unisce tanti, TROPPI, eventi l’uno all’altro, a volte anche futili.

Fra i quattro fratelli è arrivata a livello empatico Klara molto più di tutti gli altri ed è stata la mia preferita in assoluto sia per tutto quello che fa nella sua vita sia per la sua tenacia e determinazione nonostante la vita gli avesse dato sempre contro. Simon è quello che la segue a ruota perchè si gode la vita come gli altri non hanno fatto completamente. Per quanto riguarda Daniele e Varya li ho sentiti proprio lontani e non sono riuscita a sentirli in sintonia con me neanche per un momento, li ho percepiti assenti, distanti e fin troppo simili l’un l’altro.

Alla fine l’unica curiosità che ho avuto è stata quella di scoprire il modo in cui ognuno sarebbe morto, nulla di più. Non ho avuto altri stimoli sotto questo punto di vista ed ho trovato interessanti i punti di vista di Simon ma più di tutto quello di Klara. Daniel e Varya sono apatici e non mi hanno lasciato nulla di così rilevante da farmeli piacere.

«Perché lo fai?» «Tu cosa pensi?» replica lei, ma esita quando lo vede avvicinarsi. «Perché sei arrabbiato? È mio diritto decidere come vivere.» «Non sono arrabbiato, sono triste» ribatte lui, la voce gutturale. «Vederti così mi spezza il cuore. Hai fatto terra bruciata intorno a te: non hai un marito, non hai figli. Avresti potuto fare qualunque cosa. E invece sei come le tue scimmie: prigioniera e denutrita. Il fatto è che per vivere una vita più lunga devi vivere una vita che non è vita. Non lo capisci? Il problema è che tu vuoi fare questo scambio, tu hai già fatto questo scambio, ma a che scopo? A che prezzo? L’unica differenza è che le tue scimmie non hanno mai avuto scelta.» 

Il libro è stato carino nella sua complessità ma mi aspettavo molto in maniera completamente diversa e non una serie di eventi per ogni fratello in ordine di morte. Credevo fosse una cosa un po’ più elaborata anche se il messaggio che lascia questa storia è comunque importante e non da sottovalutare. Una lettura da affrontare in tranquillità ma senza troppe pretese.

Chloe Benjamin scrive una storia famigliare che si basa sulle esperienze ma sopratutto sul destino e sulla potenza della vita e di quanto possa essere bella e intensa anche se breve. Una storia dalla potenza disarmante in cui il filo invisibile tra la vita e la morte assume un valore talmente forte da  E tu, cosa faresti se conoscessi la data della tua morte? 

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene.

Senza titolo-3 (2)


Seguite qui le altre tappe del Blogtour. Vi aspettiamo!

immort cal


Vuoi acquistare Gli Immortalisti e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Gli immortalisti o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere se lo leggerete e se vi ispira. Io aspetto come sempre, commenti!

A presto,
Sara ©

 

RECENSIONE #189 – MARY E IL FIORE DELLA STREGA DI MARY STEWART.

BUON POMERIGGIO MIE CARE PARTICELLE!

Nel corso della settimana spero di tirare fuori diverse recensioni che avevo in arretrato e sto cercando di incastrare le letture fra un libro e l’altro. Questo è stato piuttosto veloce vista la sua brevità e quindi mi sono sbrigata a recuperarla. Ringrazio la Rizzoli per avermi permesso la lettura e vi lascio qui la mia recensione. Ecco qui:

8436807_3237373

Titolo: Mary e il fiore della strega
Autore: Mary Stewart 
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 29 maggio 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2HSmcWJ
TramaMary Smith non si è mai annoiata così tanto in vita sua. I genitori l’hanno spedita a passare le vacanze in campagna, a casa dalla prozia Charlotte, dove non accade mai niente di divertente. Un giorno più noioso degli altri, Mary si mette a seguire un gattino nero, si inoltra nel bosco e trova un fiore viola mai visto prima, così bello da sembrare magico. La bambina non ci mette molto a scoprire che le basta sfregare i petali del fiore su un manico di scopa per prendere il volo. Da quel momento per Mary la vacanza in campagna si trasforma in un’avventura da brividi, che la porterà in una misteriosa scuola di stregoneria, tra lezioni di incantesimi, laboratori di magia e segreti molto pericolosi.

RECENSIONE

Risultati immagini per mary and the witch's flower gifAgli inizi, Mary Smith viene spedita in vacanza a casa della noiosa e vecchia prozia Charlotte mentre i suoi fratelli gemelli più grandi, sempre più fortunati di lei,  le trascorrono in un luogo più divertente. All’arrivo sul luogo delle sue future vacanze, Mary sa già cosa l’aspetta: la noia totale circondata dalla prozia, dalla sua governante, il giardiniere e qualche altra persona che gira per la casa. Un pomeriggio mentre cerca qualcuno da aiutare nelle faccende, Mary nota un piccolo gatto nero che, seguendolo, la conduce fino ad una pianta a prima vista innocua. Si dice che fosse il fiore della strega che fiorisce una volta ogni sette anni e che un tempo le streghe ne andassero a caccia così come molte altre persone. Successivamente succede una cosa stranissima: la scopa prende vita.

Cosa succederà alla nostra protagonista Mary nel corso di questo piccolo volume? Quale potere si nasconde nel fiore che lei stessa ha trovato? Qual’è l’avventura che le sta per capitare?

Poi, improvvisamente, elegante e silenzioso e aggraziato come un danzatore, apparve un gattino.  Era completamente nero, dalle orecchie alla punta della coda; nere le zampe, neri i baffi e le sopracciglia aristocratiche che spuntavano sopra gli occhi verdissimi.  Era al centro del sentiero e la guardava. Poi aprì la bocca, mostrò un triangolo di lingua rosa e di denti bianchissimi, e disse qualcosa.  Probabilmente si trattava di una frase normalissima, qualcosa come “Piacere”, o “Bella giornata, vero?”. E siccome il gatto si aspettava una risposta, Mary disse: «Piacere. Mi chiamo Mary Smith. E tu?»

Risultati immagini per mary and the witch's flower gifLa trama è assolutamente rappresentativa del libro in se. Forse non avrei specificato il fatto della scuola e tutto il resto lasciando suspance al lettore che sta per intraprendere una lettura, lasciando un pizzico in più di curiosità. 

La copertina è carina ma non mi fa impazzire in modo particolare. E’ comunque molto semplice e mi ricorda un po’ quei libri di ricette della nonna in quelle belle credenze. Ed è azzeccatissimo per la rappresentazione del libro in se: c’è Mary la scopa e il gatto che sono, insieme, coloro che creano la storia stessa. Il titolo, è semplice come l’originale e come la copertina. Rappresentativo anche questo, nient’altro da dire.

La storia è ambientata a Shropshire, il piccolo paese dove vive la vecchia prozia di Mary e sembra non essere troppo moderna come storia, anzi.

Fu come volare attraverso un’enorme girandola di cielo, dove le stelle turbinavano e la scia della piccola scopa piroettava spumeggiante di luce. Poi le stelle scivolarono via e si ridussero a polvere luminosa, e gli alberi scuri si avvicinarono. La scopa era arrivata.

I personaggi che troveremo all’interno di questa storia sono veramente pochi essendo veramente corta e concentrata molto sulla protagonista più che su resto. Per questo vi parlerò molto più di lei che di qualsiasi altra cosa.

Mary è una ragazzina sveglia, disponibile e intelligente. Si annoia con la prozia e cerca sempre di aiutare come può. La bambina è brava persino a mentire e a farsi passare per ciò che non è una volta in cui si trova nella scuola di magia. E’ una ragazzina davvero sorprendente e si affeziona da subito al piccolo gattino nero che si promette di aiutare.

«Eccola lì» disse il signor Flanagan. «Quella è la scuola ed è anche una delle migliori del suo genere. E ora, se hai finito il pranzo, è meglio che ti avvii. Non vorrai arrivare in ritardo a lezione proprio il primo giorno, no?» «Ma io non voglio…» Mary fu interrotta dal suono di una campanella che proveniva dall’interno dell’edificio. «Sbrigati!» esclamò il signor Falanagan saltando giù dal sedile e tirandosela dietro.

Risultati immagini per mary and the witch's flower gifIl perno centrale di questa storia sta tutto nel fiore della strega. Nonostante nel libro non sia spiegato apertamente come invece si sente dire nel trailer del film (questo lo trovo disarmante e poco pratico ai fini della lettura perché il lettore così facendo non comprende il quadro generale della questione) che questo fiore renderà Mary una strega per un giorno. La cosa sembra rivelarsi effettivamente corretta ma ho compreso il senso generale del potere di Mary se non dopo aver visto il trailer del film.

Lo stile utilizzato in questa storia è fluido, scorrevole e decisamente semplice sotto ogni aspetto possibile. Ad ogni inizio capitolo ci sono dei disegni rappresentativi di ciò che accadrà all’interno del capitolo e sono molto belli anche se me ne aspettavo molti di più e se lo fossero stati sarebbe risultata di sicuro una ancora più bella edizione.

La cosa che non mi ha colpito molto all’interno di questo libro è stata la trama in se che mi aspettavo diversa almeno da ciò che prospetta oltre al fatto di cui vi ho parlato poco sopra. La storia non si concentra sulla scuola di magia o sulla magia o semplicemente sulla curiosità della bambina di quel posto e quello strano potere che ha preso lei e non qualcun altro. L’unica cosa che sembra interessargli è il gatto e salvare un altro gattino compagno di quello che era con lei. Capisco che il messaggio verso i nostri amici animali sia importante e non lo sto sminuendo ma per come è posta la storia sembra sbagliato e, in alcuni momenti sembra andare fuori storia, fuori trama diciamo. Non so spiegarvelo ma è veramente così, riuscirete a comprendermi solo se deciderete di leggerlo.

Ma gli animali non la ascoltavano. Gli occhi la imploravano, le zampe si tendevano disperate attraverso le sbarre, le gole gracchiavano, miagolavano, gorgogliavano e piangevano. Poi, improvvisamente, il silenzio. Allora, anche Mary sentì quel che avevano sentito loro: dei passi risalivano lungo il corridoio, verso la porta del laboratorio.

Immagine correlata

Il libro è stato carino ma mi aspettavo (avendo visto il trailer prima di ogni altra cosa) molto di più o almeno una storia più incentrata sulla magia. Invece il tutto si è limitato al salvataggio e nient’altro. Gesto nobile ma discutibile per quanto riguarda la forma generale e la trama su cui la storia si basa.

Mary Stewart scrive una storia per bambini simpatica, dolce e sopratutto magica ma adatta a tutte le età. Una storia che vi permetterà di diventare una/o strega/stregone per un giorno e vi farà vivere un’avventura diversa dal solito. Una storia per bambini e ragazzi che merita di essere anche vista al cinema.

[PS: le gif che vedete sono del film che è stato al cinema la settimana scorsa limitato a pochi giorni.]

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene.

Senza titolo-3 (2)


Vuoi acquistare Mary e il fiore della strega e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Mary e il fiore della strega o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Vi piace? Siete andati a vedere il film al cinema? Fatemi sapere con un commento!

A presto,

Sara ©