REVIEW PARTY – CORDIALMENTE PERFIDO DI MAUREEN JOHNSON (#225)

BUONGIORNO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci con un nuovo evento tutto per voi nel quale vi proponiamo un thriller per giovani, un libro che spero vi piacerà.  Ringrazio la Harper Collins per averci permesso la lettura del libro e Sara di Bookspedia per avermi coinvolto in questa lettura. Ecco qui che ve ne parlo subito:

Titolo: Cordialmente, perfido
Autore: Maureen Johnson
Genere: Mystery Young Adult
Data di uscita: 18 Ottobre 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2P2hiOx
TramaIn mezzo alle montagne del Vermont, avvolta nella nebbia e isolata da tutto, sorge la Ellingham Academy, una rinomata scuola superiore per studenti particolarmente dotati. Il suo fondatore, Albert Ellingham, aveva voluto renderla un luogo magico e misterioso, pieno di enigmi, sentieri tortuosi e giardini. “Un posto” disse, “dove imparare sia un gioco”. Ma poco dopo l’apertura della scuola, nel 1936, sua moglie e sua figlia furono rapite e Dottie Epstein, la studentessa più brillante del corso, scomparve nel nulla. L’unico indizio trovato era un indovinello beffardo che elencava una serie di modi per uccidere, firmato “Cordialmente, Perfido”. Il caso non fu mai risolto. Ottant’anni dopo Stevie Bell, aspirante criminologa, si presenta alla Ellingham Academy con un piano ambizioso: risolvere quel mistero. Cioè, lo farà non appena si sarà ambientata e avrà conosciuto meglio i suoi coinquilini: Ellie, l’artista appassionata di meccanica; Nate, scrittore in erba che ha già pubblicato un fantasy ma non riesce a trovare ispirazione per il secondo libro; Hayes, star di YoyTube, che è diventato famoso con una serie sugli zombie; e David, misterioso nerd sul cui conto Stevie non riesce a trovare nulla online o sui social. Poi iniziano ad accadere strane cose, e tutto a un tratto ricompare a sorpresa il misterioso Cordialmente Perfido… E quando la morte visita di nuovo la Ellingham Academy, Stevie non ha dubbi: il passato è strisciato fuori dalla tomba. L’assassino è ancora in circolazione, ma questa volta non la passerà liscia. Perché lei continuerà a cercarlo. L’enigma del passato si fonde con il mistero del presente dando vita a un’indagine che impegnerà Stevie Bell anche nei prossimi volumi della serie.

RECENSIONE

selective focus photography of books on bookcases near people sits in chairsLa storia ha inizio nel 1936, in cui Dottie Epstein, una delle migliori studentesse della Ellingham Academy trova un nascondiglio all’interno della scuola dove stare per leggere in pace. Peccato che sul posto giunge una persona che la spaventa e la ragazza per scappare muore. La persona che Dottie ha incontrato è colui che si firma come Cordialmente, Perfido e nel 1936 ha mandato un indovinello al direttore della scuola Albert Ellingham chiedendogli un riscatto in denaro per la moglie e la figlia, scomparse in un giorno come tante. Questa scuola è gratuita per gli studenti che la frequentano ed è una scuola dove imparare è un gioco. E’ obbligatorio fare sport e giocare a dei giochi di società ed è soltanto per studenti che sono particolarmente portati per qualcosa. Oggi, tanti studenti sono ancora lì e fra questi c’è Stevie. Lei adora Sherlock Holmes ed è brava coi misteri tanto da voler lavorare nell’FBI. Stevie è ossessionata con la storia di Ellingham ed è convinta che soltanto trovandosi in quell’Accademia, possa risolvere il mistero del 1936 dando un volto al colpevole.

Perchè Stevie è ossessionata tanto da questa storia? Cosa succederà alla Ellingham Accademy? Scoprirà Stevie chi si nasconde dietro a colui che si firma Cordialmente, Perfido? 

Il luogo era, insomma, idillico e stravagante, e sarebbe potuto rimanere tale se non fosse stato per quella nebbiosa sera di aprile del 1936 in cui Cordialmente Perfido colpì. Le scuole possono essere famose per molte motivi: docenti, diplomati, squadre sportive. Non dovrebbero essere famose per gli omicidi.

La trama è ben scritta, forse anche troppo dettagliata. Resta comunque il fatto che è un thriller per giovani ragazzi ed è carino per chi si avvicina a questo genere per la prima volta, sopratutto per un giovane ragazzo.

Risultati immagini per truly devious maureen johnsonLa copertina è rimasta tale e quale all’originale. Non so quale nesso ci sia con la storia del libro ma è comunque molto bella nel colore e nel complesso. Il titolo di questa storia è – come avete potuto vedere – Cordialmente, Perfido ed in inglese Truly Devious  sta per “Sinceramente, Subdolo” o “Sinceramente, Deviato”, mettiamola così. Comunque molto meglio l’adattamento che ne è stato dato in Italiano anche se forse il Subdolo avrebbe sottolineato di più ciò che poi è effettivamente questo personaggio misterioso.

L’ambientazione è la scuola di Ellingham a Burlington nel Vermont e l’epoca varia da oggi giorno in cui Stevie si trova ad investigare sui fatti accaduti all’interno della scuola, al 1936, in cui l’8 aprile, arrivò una lettera nellufficio di Albert Ellingham da Cordialmente, Perfido.

La scena cruciale del giallo è quando entra il detective. L’azione passa al salotto di Sherlock. L’ometto belga con i baffi cerati appare nella hall del grand hotel. La vecchietta gentile con la borsa della maglia viene a trovare sua nipote quando le lettere con la penna avvelenata cominciano a circolare in paese. Il detective privato torna in ufficio dopo una notte di bevute e trova la donna con la sigaretta e il cappello a veletta. È lì che le cose cambiano. A Ellingham Academy era arrivato il detective.

Immagine correlataI personaggi di questa storia sono molti ma propongo di basarci esclusivamente sui protagonisti principali di questa storia, ovvero Stevie ed Albert Ellingham. I personaggi sono stati costruiti discretamente ed anche i personaggi secondari sono ben strutturati e costruiti in modo che non si somiglino fra loro e che non sembrino simili fra loro. Ve ne parlo subito.

Albert Ellingham è il fondatore dell’Accademia ed è uno degli uomini più ricchi d’America. Ha creato questa scuola in mezzo al verde e al nulla e non è un uomo che propendeva per stabilirsi lì, invece è proprio quello che ha fatto. E’ un uomo intelligente, che ama gli indovinelli e i giochi di società. E’ un uomo che continua a lottare nonostante tutto, nonostante la moglie e sua figlia e spera sempre, che un giorno, sua figlia possa tornare a casa anche se le speranze sono piuttosto vane.

Stevie Bell è una ragazzina perspicace, intelligente e acuta. E’ una ragazzina che ha visto tantissime serie poliziesche e che ama i misteri. Soffre di ansia ed ha le sue medicine sempre con se. Il suo libro preferito è Sherlock Holmes e vuole lavorare nell’FBI. Più di tutto però, vuole risolvere il mistero che aleggia sulla Ellingham Academy anche se sembra apparentemente chiuso. Ha letto tutti i fascicoli, interviste, interrogatori e quant’altro che riguarda il caso e spera che trovandosi sul posto, lei possa comprendere effettivamente cosa possa essere successo ai tempi.

Quando Janelle se ne andò, Stevie si sdraiò sulla schiena e puntò lo sguardo al soffitto. Aveva l’amicizia di Janelle. E sì, avrebbe risolto il caso. Ma ora ce n’era un altro che la intrigava. Chi era David? C’era qualcosa da scoprire lì. Lo sentiva sottopelle. Stevie non aveva paura dei morti. I vivi, invece, le davano i brividi certe volte.

world map near desk globe on brown wooden panelIl perno centrale di questa storia sta tutto in Cordialmente, Perfido. Lui è l’amante degli indovinelli e degli enigmi, colui che ha rapito la moglie e la figlia di Artur e che resta ancora ad oggi un mistero. O almeno è ancora oggi un mistero per Stevie, che non crede che colui che è stato arrestato e ucciso a suo tempo, sia il colpevole. Strane cose accadono alla Ellingham Accademy; dovrete solo tenere gli occhi aperti.

Lo stile utilizzato è semplice, fluido e molto carino oltre che veloce da leggere. Infatti, riuscirete a leggere questo libro in pochissimo tempo. Questo è sicuramente uno degli aspetti positivi di questa storia che si lascia leggere in poco tempo. Ci sono dei punti che però non mi sono andati completamente giù.

Uno degli aspetti curiosi è la protagonista Stevie, è una ragazza come tante altre che ha tanti problemi a gestire l’ansia ed ha diversi medicinali che la calmano. Questa cosa però non è approfondita in alcun modo e resa soltanto una cosa di poco conto ai fini della storia come, ad esempio,  in riferimento al fidarsi o meno di un ragazzo che potrebbe piacerle. Perchè non usare proprio queste medicine per incastrarla o mettere qualcosa sul suo aspetto in discussione con tutto il mistero che avvolge la scuola? Perchè non crearne magari dei sospetti o non so cosa? Limitare il problema di Stevie solo a non farla dormire la notte o a metterla in difficoltà davanti ad un bel ragazzo non serve a nulla, non vi pare?

La storia nel complesso sembra molto buona ed ha delle basi solide e fondamenta ben costruite. La scuola, un rapimento di ottanta e più anni prima, gli indovinelli, la figlia di Artur mai ritrovata e cose sospette all’interno della scuola. Una ragazzina dannatamente intelligente che cerca di scovare i colpevoli. Tutto interessante e strutturato finemente – almeno sembra. Spero solo che tutto questo sfoci in cose altrettanto interessanti nel secondo volume che sicuro deve cominciare a srotolare la matassa.

All’inizio è lento e non prende piega. La storia dovrebbe concentrarsi su Cordialmente, Perfido e sulle ricerche di Stevie all’interno della scuola mentre la cosa nella prima metà del libro si concentra molto di più sulla struttura della scuola e suoi suoi studenti con le loro interazioni sociali, distorcendo il punto di vista centrale della storia. E’ normale che ci siano spiegazioni ed approfondimenti ma la questione è molto lenta.

Gestire il mistero di Cordialmente, Perfido, creandone un altro. La domanda è: perchè? E perchè non si riesce ad risolvere totalmente neanche questo che viene creato lasciandolo appeso al prossimo volume? All’interno dell’Accademia accade qualcosa che mette in pericolo i suoi studenti ma non si riesce a comprendere il collegamento con tutto ciò che accade nel 1936. Quindi i misteri invece di risolversi, si infittiscono.

Quindi, di conseguenza, si creano troppi punti interrogativi. E tutto questo porta solo a tante domande e confusione che spero venga risolta nei volumi successivi. Infatti anche tutte le cose che succedono a Stevie, tipo l’indovinello nel mezzo della notte restano senza alcuna spiegazione (Che spero verrà chiarita nei prossimi volumi).

«Se muoio, vendicami.» Stava scherzando ma non del tutto. Doveva andarci, eppure poteva anche essere un errore. Di quegli errori che bisogna fare. Erano centoventi metri, lo sapeva. Centoventi metri di galleria buia possono non sembrare molti, ma in realtà lo sono. Comunque lei ci sarebbe andata, come quelli che strisciavano nei vani delle piramidi, sigillati per migliaia di anni, senza alcuna idea di ciò che li aspettava. C’erano misteri seppelliti, e certe volte bisognava andare sottoterra.

Il libro è stato molto carino e particolare. Sicuramente il primo Mistery Young Adult di una serie che spero continuerà ad essere tradotta in italia. Il finale è aperto e ci si aspetta tanto altro, soluzioni ma anche chiarimenti nei prossimi volumi. Consiglio la lettura soprattutto a dei ragazzi

Maureen Johnson scrive sicuramente una storia particolare, originale e con una protagonista interessante e diversa dal solito. Cordialemente, Perfido vi aspetta con i suoi indovinelli; come questo che ho scritto per voi e che rappresenta questa storia:

“Il mistero s’infittisce. L’indovinello cade a pesce. Il morto è assicurato. Corri, corri, sventurato!”

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo


Seguite le altre tappe qui, mi raccomando:

Cordialmente perfido - calendario


Vuoi acquistare Cordialmente, Perfido e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Cordialmente, perfido o dal generico Link Amazon: Amazon

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Vi aspetto come sempre e spero che questo libro possa piacervi! Fatemi sapere cosa ne pensate!

A presto,

Sara ©

Annunci

REVIEW PARTY – QUELLO CHE IL CIELO NON HA DI CECELIA AHERN (#224)

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Altro giorno altro evento! Sono qui per portarvi un review, quindi una recensione per Rizzoli, che ringrazio per averci dato questa possibilità, e le ragazze per aver partecipato. Ora ve ne parlo subito, non temete. Ecco qui:

Risultati immagini per Quello che il cielo non haTitolo: Quello che il cielo non ha
Autore:  Cecelia Ahern
Genere: Fiction
Data di uscita: 16 Ottobre 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2OVotIw
TramaLaura è una creatura speciale, una giovane donna che vive separata dal resto del mondo, nella natura incontaminata del Gougane Barra, nel sudovest dell’Irlanda, lì dove le montagne incontrano fitti boschi che si aprono su laghi cristallini. In questo luogo eccezionale, nel totale isolamento, Laura è cresciuta imparando a imitare, con la sua voce perfetta e purissima, i suoni che la circondano. È un giorno come tanti quando la sua vita subisce uno scossone irreparabile, allorché Solomon, abile fonico, la vede. Un incontro che muterà fatalmente entrambi, segnando l’entrata di Laura in un universo a lei finora sconosciuto. Ma la cosiddetta società normale, con i suoi ritmi e il suo passo accelerato e convulso, sarà pronta ad accogliere questa donna e la sua unicità? Saprà, la città, riconoscere e proteggere la sua grazia? Intimista e commovente, con questa storia d’amore Cecelia Ahern ci accompagna alla scoperta della parte più vera e indomabile di ciascuno, in quel nucleo al contempo quieto e ribelle e, troppo spesso, soffocato dal rumore del mondo.

RECENSIONE

Woman on Rock Platform Viewing CityLa storia ha inizio fra le montagne del Cork, Gougane Barra, in Irlanda. C’è una donna fra gli alberi ed un uomo, dopo essersi allontanato dal gruppo, la scorge e i due si salutano.

Bo, appena ha saputo che uno dei due gemelli su cui aveva tenuto un documentario è morto, è corsa assieme a Solomon, il suo fidanzato e aiutante, e Rachel amica e cameraman, di nuovo a Gougane Barra, per l’ultimo saluto. Nessuno si aspetta però, neanche Joe, fratello di Tom, che il suo gemello nascondesse un segreto profondo. Tom teneva nascosta una giovane donna di ventisei anni in una casa immersa fra le montagne di nome Laura, che ha un profondo dono: imita i versi di qualsiasi cosa senta alla perfezione, così come l’uccello Lira che si trova in Australia. Da qui, nasce un tumultuoso percorso, per Laura fatto completamente di novità, nuovi suoni e scoperte che la porteranno a Dublino per tantissime nuove esperienze che cambieranno completamente la sua vita e quella di chi la circonda e la accompagna.

Cosa succederà a Laura? Cosa imparerà durante il suo percorso, durante il suo volo verso il futuro? Quale consapevolezza prenderanno le persone che le stanno accanto?

Si erano trovati nella foresta, entrambi incapaci di interrompere il contatto visivo. «Ciao» aveva detto lui con gentilezza. «Ciao» aveva risposto piano lei. «Mi chiamo Solomon. » Lei aveva sorriso. «Laura.»

La trama è ben scritta e di sicuro mette curiosità. Avevo in lista questo libro sin da quando era stata affermata l’uscita all’estero, quindi ero già curiosa prima e mi ha incuriosito anche così. Personalmente all’inizio non avevo riconosciuto che era questo libro per via del fatto che copertina e titolo sono completamente diversi. Comunque spero che possa incuriosirvi e possa piacervi.

Risultati immagini per lyrebird cecelia ahernLa copertina italiana la trovo si, magari inerente a qualcosa che si rifà nel libro ma veramente orribile. Guardate l’originale qui di lato. Se non fossi andata a cercarlo difficilmente avrei capito che si trattava di questo libro e, comunque, posso dire che per la Ahern almeno in Italia ci sono copertine migliori, ammettiamolo. Questa è da abolire sicuramente. Il titolo secondo me, poteva essere lasciato come l’originale e, anche qui, può avere un collegamento ancor meno legato alla storia ma leggero. Ritengo che sarebbe stato sicuramente meglio lasciare il titolo originale, senza troppi fronzoli, anche perchè non c’è nulla di difficile da capire.

L’ambientazione è tutta Irlandese come la maggior parte dei libri della Ahern. Ci si sposta da Cork, precisamente fra le montagne del Gougane Barra, nel sud ovest dell’Irlanda, a Dublino dove vivono Solomon e Bo e dove Laura terrà il suo debutto per StarrQuest. L’epoca è moderna visto che la storia fa riferimento ai social network ed ai media oltre che StarrQuest sembra essere una versione leggermente differente e simile ai “Got Talent” in giro per il mondo.

Laura, perché hai chiesto di me stasera?» Lo guarda, con quegli ammalianti occhi verdi. «Perché oltre Tom, sei l’unica persona che conosco. » Solomon non è mai stato l’unica persona che qualcuno conosce. Gli sembra una cosa strana, ma meravigliosamente intima. Qualcosa da non prendere alla leggera. Che comporta grande responsabilità. Qualcosa da amare. 

Risultati immagini per uccello liraI personaggi di questa storia non sono poi tantissimi ma credo sia necessario focalizzarsi su coloro che 

Laura è speciale, una donna infinitamente fragile ma al contempo con un dono speciale che commuove e ci ricorda a volte quanto è bello fermarsi dalla frenesia ed ascoltare il mondo che si muove attorno a noi, i rumori, anche il più piccolo. E’ una ragazza bellissima, semplice a cui piace il silenzio, la nature e le cose piccole ma belle. E’ una ragazza che vuole soltanto farsi conoscere e costruire la propria strada, il proprio futuro.

Solomon è un uomo costantemente indeciso e quando si trova davanti Laura tutto diventa ancora più confuso e si sente di dover aiutare la giovane. Ha una famiglia aperta e divertente ed oltre ad essere fidanzato con Bo, è suo assistente durante le riprese. E’ un uomo chiuso ma molto semplice. (Fortunatamente non è il classico belloccio senza cervello!)

Bo è la ragazza di Solomon, che dirige tutti i documentari, è una tipa tosta e che non si scompone davanti a nulla. Trova sempre una soluzione e riesce a mettere in difficoltà chiunque, con le sue domande a volte un tantino scomode. E’ una donna decisa, che sa quello che vuole nella sua vita e spera di continuare e di essere riconosciuta per i suoi documentari.

Solomon assorbe ogni parola. Laura riproduce il suono di un clacson, cosa che lo confonde finché non sente uno strombazzamento aggressivo alle sue spalle. Il semaforo è diventato verde mentre lui era smarrito nelle parole di Laura. Accelera in fretta e nel frattempo il semaforo torna giallo, trattenendo alle loro spalle l’automobilista arrabbiato. «Quel che sto cercando di dire» sorride «è che mi piace. Uccello lira sono io.»

Il perno centrale è proprio l’uccello Lira. Oltre ad essere un animale particolare, che riproduce ogni tipo di suono che ascolta – potete trovare diversi video online – è stato reso sia conosciuto a chi non sapeva che esistesse, come me, sia caratteristico nel fatto che le capacità di questo animale siano state trasportate su un essere umano.

Lo stile utilizzato è semplice e fluido, tipico della Ahern sotto ogni aspetto. Quindi non posso che dirvi che impiegherete davvero poco tempo nel leggere questo libro perché veloce, una lettura sicuramente singolare.

L’originalità dell’idea di prendere l’uccello Lira e trasportarlo su una persona rendendola imitatrice di suoni è un punto sicuramente a favore di questa storia che rende la protagonista Laura dolce e unica nel suo genere.Infatti è stato proprio questo personaggio a spingermi ad andare avanti in questa particolare storia alla ricerca di se stessi e del fermarsi ad assaporare ciò che abbiamo intorno è stato unico, particolare e sicuramente originale.

Purtroppo questo volume non mi ha colpito esattamente come gli altri della stessa autrice – che io adoro, sappiatelo – ed ho trovato diverse difficoltà di fondo che vi spiegherò subito.

Scontato dal punto di vista dell’amore. Oltre che per entrambi – e non vi dirò chi – è immediato e quindi questa cosa del “Instalove” non l’ho apprezzata molto anche se i due ci mettono parecchio prima di rendersene conto. Questa cosa poteva essere evitata o resa diversa perchè l’ho trovata piuttosto inutile e fuorviante  dalla storia stessa.

Il messaggio che la storia voleva trasmettere è stato piuttosto confuso in alcuni punti e mescolato ad altre. La storia d’amore, ad esempio, non ha favorito ne aiutato questo frangente anzi ha portato la storia su un binario differente per diversi punti. Ho trovato l’originalità di Laura, la novità e la bizzarria del suo personaggio male amalgamata con quella di Solomon. Due eterni indecisi e insicuri quando ciò che hanno davanti è subito evidente. Mah…

L’inutilità di Rachel e di Jack ognuno sotto questioni e profili differenti. Rachel è stata inutile per diverse cose ed un personaggio completamente inutile. Se non c’era, quindi, faceva lo stesso; ve lo assicuro! Jack inizialmente poteva essere un buon potenziale per rendere la storia interessante essendo il giudice di StarrQuest e un ex di Bo. Si è rivelato essere completamente inutile per tutto il resto della storia.

Brown Pendant Lamp Hanging on Tree Near RiverIl carattere di Bo. Avrei preferito dei risvolti con Bo molto prima o che Bo facesse qualche strano tipo di doppio gioco nei confronti più di Laura che di Solomon. Invece si è limitata ad osservare come tutto le passasse davanti, senza fare niente per tenerlo con se. Cioè, ce l’hanno presentata come una donna cazzuta, tosta e che non si fa intimorire da nulla e poi resta da un lato a guardare? “Qualquadra non cosa“.

«Alcuni dicono che è proprio questo che faccio nei miei documentari. Mostro al mondo personaggi e storie rimasti nascosti. Trovo la storia, le persone, poi le aiuto a rivelarsi al mondo.Tu… tu fai tutto ciò attraverso un semplice suono. Un pizzico del profumo di mia madre e vengo ritrasportata nella casa di quand’ero bambina. Un tuo suono conduce ogni singola persona in un altro tempo e in un altro luogo. Commuovi tutti, Laura. Devi esserne consapevole.»

Il libro è stato carino nella sua semplicità ma non del tutto eccezionale. La storia poteva essere sicuramente sfruttata al massimo ma mi sento di consigliarvelo per conoscere Laura ed il suo strabiliante dono che vi regalerà profonde emozioni.

Cecelia Ahern è una scrittrice di talento e ormai affermata nel mondo letterario. In questa storia mette in mostra la bellezza del mondo nei suoni che ci accompagnano giorno per giorno ma dei quali ormai non ci accorgiamo perdendoci la bellezza delle piccole cose. La Ahern attraverso Laura ci mostra un dono riportandoci a casa.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo


 Seguite le altre tappe, io vi aspetto come sempre! Eccole qui:

banner Ahern


Vuoi acquistare Quello che il cielo non ha e sostenere il Blog? Acquista da QuiQuello che il cielo non ha o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Vi piace? Lo leggerete? Fatemi sapere, mi raccomando!

A presto,

Sara ©

PROSSIME USCITE PER NEWTON COMPTON, FAZI, MONDADORI, RIZZOLI, MARSILIO, DUNWICH E PIEMME, DEAGOSTINI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E belle letture a tutti voi oltre che un buon inizio settimana! Oggi ho per voi con le nuove uscite per i nostri cari editori. Come sempre sono suddivisi per casa editrice e spero che troverete qualcosa che vi interessa. Io più di qualcosa ho adocchiato! Ecco qui:

NEWTON COMPTON

undefinedTitolo: Legend

Autore: V.E. Schwab

Genere: Fantasy
Data di uscita: 11 Ottobre 2018
Trama: Sono passati quattro mesi da quando Kell ha trovato la pietra nera. Quattro mesi da quando ha incrociato il suo cammino con quello di Delilah Bard, Rhy è stato ferito e i terribili gemelli Dane sono stati sconfitti. Ma soprattutto, quattro mesi da quando la terra ha inghiottito il corpo di Holland insieme alla pietra, trascinandoli per sempre nella Londra Nera. Le cose sono tornate alla normalità: Rhy è finalmente sobrio, e Kell cerca di nascondere il suo senso di colpa. Di notte, infatti, gli incubi lo perseguitano con le immagini vivide degli eventi magici che si sono susseguiti e con il ricordo di Lila, sparita come era sua intenzione sin dall’inizio. Intanto, mentre nella Londra Rossa fervono i preparativi per i Giochi Elementali, una competizione magica internazionale, un’altra Londra si sta lentamente risvegliando. Come un’ombra che, invece di dissolversi al mattino, accresce la sua oscurità, la Londra Nera sta nuovamente interferendo con l’equilibrio magico. E per ripristinare l’ordine è necessario che un’altra Londra cada…


undefinedTitolo: Un bacio nella piccola bottega del tè

Autore: Caroline Roberts

Genere: Romance
Data di uscita: 11 Ottobre 2018
Trama: Cupcake dopo cupcake, Ellie Hall si è conquistata la simpatia e il rispetto di tutti nella pittoresca cittadina di Claverham Castle. Persino l’avaro Lord Henry alla fine ha dovuto ammettere che Ellie è riuscita a riportare al suo antico splendore la piccola bottega del tè che ha ereditato dalla nonna. Adesso i dolcetti che sforna sono dei veri capolavori, al punto che sono diventati una presenza irrinunciabile in tutti i matrimoni celebrati al castello. I dipendenti di Ellie adorano contribuire con un pizzico di dolcezza ai sogni romantici delle coppie, ma saranno messi a dura prova da un’impresa titanica. Natale infatti è proprio dietro l’angolo e una prenotazione dell’ultimo minuto rischia di far saltare i piani. Ellie e il suo adorabile maritino Joe avevano altri progetti per le feste, ma sono determinati a regalare a questa coppia speciale il matrimonio dei sogni.

undefinedTitolo: Una ragazza cattiva
Autore: Alberto Beruffi
Genere: Thriller
Data di uscita: 11 Ottobre 2018
Trama: Un autogrill si trasforma nell’inquietante scena di un crimine con il ritrovamento del cadavere di una delle cameriere. Si tratta di Giulia Scarpanti, figlia minore di un noto avvocato di Mantova. È stata strangolata con una corda di chitarra e le hanno messo della colla ai lati della bocca, per farla apparire sorridente. Le pareti del locale sono tappezzate di poster degli anni Ottanta e accanto al corpo viene ritrovato un piccolo carillon a forma di jukebox, che diffonde una melodia in tema con la messinscena. I macabri particolari ossessionano Mattia Manfredi, musicista dal passato tormentato, e lo inducono a collaborare con la squadra investigativa di cui fanno parte l’ispettore Marco Pioggia e Lara Tarantino, criminologa italoamericana esperta di serial killer. Ma i tre devono agire in fretta. L’assassino, ispirato dalle torbide vicende del collegio di Santo Spirito, sta per colpire ancora.

FAZI

Risultati immagini per Tash Aw MILIARDARIO A CINQUE STELLEAutore: Tash Aw
Titolo: MILIARDARIO A CINQUE STELLE

Trama: Benvenuti a Shanghai: un luogo dove può succedere di tutto e dove tutti possono diventare qualcuno. Cinque nuovi arrivati sono in cerca di riscatto: Phoebe, che si costruisce una nuova identità fatta di false borse griffate, manuali di self-help e pose studiate con l’obiettivo di trovare un uomo ricco; Gary, giovanissima popstar con un’infanzia difficile alle spalle, catapultato dai miseri villaggi della Malesia rurale alle sterminate platee asiatiche; Justin CK Lim, figlio adottivo di una ricca famiglia di immobiliaristi malesi, incaricato di gestirne gli affari a Shanghai; Leong Yinghui, imprenditrice in ascesa la cui totale dedizione al lavoro nasconde la solitudine della vita privata; e infine Walter Chao, misterioso e accattivante uomo d’affari che è anche autore, sotto pseudonimo, del manualetto per diventare «miliardari a cinque stelle». Mentre le vite dei protagonisti s’intrecciano l’una con l’altra, sullo sfondo lussi sfrenati e architetture ardite convivono con miserie insostenibili, slum claustrofobici e nostalgiche vestigia di un passato in estinzione. Ne emerge il ritratto di una società inarrestabile, dove le vite e le carriere possono conoscere formidabili ascese e catastrofiche cadute nell’arco di pochi mesi, così come interi quartieri possono sparire dal giorno alla notte per lasciar spazio a futuristici grattacieli.

«Ci troviamo di fronte a un grande scrittore».
Doris Lessing

«Aw è uno scrittore paziente ed elegante. La sua prosa agile e senza fronzoli ricorda quella di Kazuo Ishiguro. Uno scrittore da tenere d’occhio».
«The New York Times»

«Il signor Aw racconta in maniera meravigliosa il coraggio e il fascino cosmopolita della Shanghai di oggi… Aw non si è limitato a fare satira su un ambiente sociale; ha creato un cast di personaggi convincenti, tutti arrivati a Shanghai per rifarsi, eppure perseguitati dal passato… Un risultato davvero notevole».


MARSILIO

L'argentino

Autore: Ivano Porpora

Titolo: L’argentino

Collana: Romanzi e Racconti
ISBN: 978-88-317-4310-5

Trama: Ve li ricorderete tutti, uno per uno, i personaggi di questo epico e struggente romanzo, dal respiro dostoevskiano, di Ivano Porpora. I ragazzini, i commercianti, gli ubriaconi. L’anno è il 1958, il luogo è un paesino della Spagna franchista popolato da contadini, artigiani, famiglie che dominano su tutte le altre. E l’evento è l’Evento: la Luce che torna, e non viene riconosciuta da nessuno se non dall’Oscurità. Nessuno sa di preciso chi sia, lo straniero male in arnese che tutti chiamano l’Argentino; ma il capo di una banda di ragazzini, Rosario, non ha esitazioni: quell’uomo altri non è che Gesù, tornato in terra per attraversare il male e farsi, di nuovo, carico del peccato del mondo. Rosario può riconoscerlo perché lui è, appunto, il male, il diavolo. E l’Argentino lo riconosce a sua volta, e il paese si trasforma quindi in un campo di battaglia. Come già avveniva in Nudi come siamo stati, nei suoi microcosmi – sempre piccoli paesi, quasi villaggi – Ivano Porpora crea un mondo nel quale ogni gesto, ogni parola si riduce a una questione di perdizione o salvezza, affrontando di petto il tema eterno e meraviglioso della lotta tra la Vita e la Morte.


Da molto lontano

Titolo: Da molto lontano

Autore: Roberto Costantini

Data di Pubblicazione: 22 novembre 2018

Pagine480

Trama: 1990. Nell’imminente estate delle notti magiche del Campionato del mondo giocato in Italia, il figlio di un potente imprenditore romano scompare nel nulla. A indagare viene chiamato uno svogliato commissario Balistreri, per niente contento di dover mettere il guinzaglio al figlio finto ribelle di un palazzinaro. Ma il ritrovamento del cadavere del giovane, orrendamente mutilato, assieme a quello di una ragazza sottomessa a un boss della Camorra, cambia le cose. Balistreri si ritroverà coinvolto in una sparatoria in cui il boss muore impedendogli di risolvere il caso. Oggi. Dopo quasi quarant’anni di onorata carriera nella polizia, Michele Balistreri è andato in pensione. Il suo corpo e la sua mente portano addosso le cicatrici di una vita densa e dolorosa. E anche la sua memoria inizia a perdere colpi. Ma neanche adesso c’è pace per lui, perché quando due manichini che riproducono la scena del crimine irrisolto quasi trent’anni prima vengono ritrovati sepolti nel complesso residenziale in cui vive il padre del ragazzo ucciso, l’ex commissario dovrà aiutare il suo storico vice Graziano Corvu – che ha preso il suo posto – a condurre quella che forse sarà la sua ultima indagine.


Risultati immagini per Leif GW Persson La donna che morì due volteAutore: Leif GW Persson

Titolo: La donna che morì due volte

Collana: Farfalle / I GIALLI
ISBN: 978-88-317-2985-7

Prezzo: 18,00 euro

Trama: Un pomeriggio di luglio il piccolo Edvin, dieci anni, suona alla porta del commissario Bäckström, suo vicino di casa, nonché suo idolo. Durante un’escursione in solitaria, invece dei funghi che stava cercando, sull’isola disabitata dove è stato depositato dal suo capo scout ha trovato un teschio umano con un foro di pallottola ben visibile sulla tempia. Per l’investigatore più furbo e cialtrone dell’intero corpo di polizia svedese si tratta di un importante ritrovamento dai chiari risvolti polizieschi: non resta che mettere in moto la sua fidata squadra per far luce su quello che ha tutta l’aria di essere un caso di omicidio. I primi riscontri riservano però una sorpresa: la vittima in questione risulta morta in Thailandia dodici anni prima, nello tsunami del dicembre 2004, il funerale celebrato, le ceneri disperse. A questo punto, la domanda diventa di ordine quasi filosofico: si può morire due volte? Dopo un’indagine in cui ricostruire la storia raccontata dalle tracce si rivela particolarmente complicato, Evert Bäckström dimostrerà di avere ancora il solito fiuto. E per una volta, in modo del tutto inaspettato, anche un cuore.

 


DUNWICH

Risultati immagini per david Falchi : PurgatoryAutore: David Falchi
Titolo: Purgatory (The Shadow Gate – Vol. II)
Pagine: 268 (83000 parole)
Genere: Horror/Urban Fantasy
Prezzo: ebook 3,99 (in offerta lancio a 1,99 fino al
21/10/2018) cartaceo 12,90 (in prevendita a 8,90 sul
nostro sito)
Data di uscita: 5/10/2018
Link di acquisto
Amazon: https://www.amazon.it/dp/B07HXTTV69/
Kobo: https://www.kobo.com/it/it/ebook/purgatory-the-shadow-gate-vol-ii

QUARTA DI COPERTINAIngannati da Hezekiah e dalla Macchina, siamo tornati a
Roma, ma in un momento diverso del tempo. La Capitale non ha niente a che vedere con la città che ricordavamo. In questo futuro il Sindaco ha già vinto e ha risucchiato la
vita dal nostro piano d’esistenza, lasciando dietro di sé un mondo in rovina dove gli incarnati si combattono incessantemente nella speranza di raggiungere Eden. 
Circondati da un’atmosfera che avvelena la mente, siamo stati costretti a trattare con una nostra vecchia conoscenza e a piegarci ai voleri di un demone per sperare di aprire un varco e tornare indietro. Ma in un mondo dove la guerra è legge, ogni passo si paga nel dolore e nel sangue, e l’obiettivo si fa così rarefatto da sembrare un’illusione.


PIEMME

Titolo: La regina del Nord
Autore: Rebecca Ross
Genere: Fantasy
Data di uscita: Nel 2018
Così ci prepariamo alla guerra.
Non con la spada o con lo scudo, né con l’armatura.
Siamo pronte perché siamo sorelle in arme, perché il nostro legame è più profondo del sangue.
E risorgeremo per le regine del passato, e per quelle che ancora devono venire.
Trama: Regno di Valenia, 1566. Sono passati sette anni dall’arrivo di Brianna nella prestigiosa Magnalia, la scuola per giovani prescelte che ambiscono a perfezionare la propria vocazione ed essere adottate da un patrono. Brianna però è l’unica allieva a non aver mai mostrato doti particolari e, se non fosse stato per l’enigmatico maestro Cartier, non avrebbe trovato la sua vocazione tra Arte, Musica, Teatro, Eloquenza e
Sapienza. Ma alla cerimonia finale, il peggior timore della ragazza diventa realtà, e Brianna rimane l’unica senza un patrono. Ancora non sa che dietro allo spiacevole imprevisto si cela la sua più grande fortuna. Lo scoprirà solo quando un misterioso nobile – troppo esperto con la spada per essere un semplice
protettore – la sceglierà. Brianna si troverà allora dentro un vortice di intrighi e piani segreti per rovesciare il re e ripristinare sul trono l’antica legittima monarchia, tutta femminile. Perché ci fu un tempo in cui sul Nord regnavano le regine. Ed è
ora che quel tempo ritorni. 


DEAGOSTINI

Autore: Daniele Cassioli

Titolo: Il vento contro 

Data di uscita: 9 ottobre
Pagine 240

Prezzo: 15.00 euro
TramaQuesta è la storia di un ragazzo molto speciale. Ma è anche la storia di un ragazzo come tutti gli altri, che deve crescere e imparare ad accettarsi così com’è, ad aprirsi e a farsi voler bene, a superare i momenti difficili e ad apprezzare la meraviglia di ogni giorno. E scoprire che, a volte, avere il vento contro è proprio quella condizione ideale che ti fa venire voglia di volare.

Questo ragazzo si chiama Daniele, ed è cieco dalla nascita. La sua eccezionale vitalità, però, lo spinge da sempre ad affrontare ogni situazione con slancio e curiosità, e in particolare a dedicarsi allo sport con tutto se stesso. Grazie allo sci nautico, Daniele non ha solo trovato una dimensione di completa ed esaltante libertà, ma ha scoperto di avere la stoffa dell’autentico campione, diventando il più forte sciatore paralimpico di tutti i tempi. Ma la sua storia non è fatta solo di allenamenti, sudore, cadute e trionfi: ci sono l’amicizia, lo studio, l’amore, la musica… Con disarmante leggerezza e candore, Daniele ci porta oltre: oltre la vista, perché c’è molto altro da scoprire, anche se chi vede è portato a credere che ogni esperienza passi attraverso gli occhi; oltre la paura,
perché per migliorarsi non bisogna allenare solo i propri punti di forza, ma anche i propri punti deboli, ciò in cui ci si sente insicuri e fragili. E, naturalmente, oltre la paura del diverso, perché solo grazie alle differenze possiamo arricchirci ogni giorno di più.


Titolo: Le guerriere del ghiaccio e della neve
Autore: Ruth Lauren
Genere: Fantasy
Data di uscita: 13 Novembre 2018
TramaÈ trascorso un mese da quando Valor è riuscita a liberare sua sorella Sasha dalla prigione più sicura del regno e a scagionarla da tutte le accuse, incastrando chi tramava contro la corona. Ma i problemi non sono finiti perché la principessa Anastasia è stata rapita e la regina chiede aiuto proprio a Valor, l’eroina del Paese. La ragazza accetta il pericoloso incarico e riunisce attorno a sé gli amici più fidati per una missione che richiederà un coraggio straordinario. Quando però anche la regina scompare, le cose si complicano: l’intero regno è in pericolo. Valor e Sasha sono pronte ad addentrarsi nei meandri ghiacciati di Demidova, e portare allo scoperto anche i segreti più oscuri, pur di salvare il loro popolo.


Titolo: Burning Magic
Autore: Joshua Khan
Genere: Fantasy
Data di uscita: 20 Novembre 2018

TramaQuando la regina strega Lily e il cavaliere di pipistrelli Thorn si mettono in viaggio per raggiungere il Sultanato del Fuoco, non possono immaginare ciò che li attende. Quella che doveva essere una rimpatriata con un vecchio alleato e amico si tramuta in una terribile imboscata. La guerra per il trono non è ancora finita e Lily e Thorn devono avvalersi di tutta la loro astuzia per riuscire a sopravvivere e ristabilire ordine nel regno. Inizia qui un’avventura incredibile, tra oscure magie, improbabili strategie e false amicizie, che porterà la giovane Lily ad apprendere uno spaventoso segreto sul suo passato. Un segreto che potrebbe cambiare le sorti della guerra, e renderla davvero temibile.


Autore: Guido Sgardoli
Titolo: Oltre il sentiero
con le illustrazioni di Alessandro Sanna
Data di uscita: 6 novembre

Trama: Una giornata in montagna, tra passeggiate nella natura e avvistamenti di piccoli animali, può trasformarsi in un’avventura pericolosa. È quello che accade ad Alberto, undici anni e il sogno di arrampicarsi su una ferrata. Quando suo padre scivola in un burrone, Alberto è solo. Solo sul sentiero, solo nella natura, solo senza una bussola. Ed è anche il solo a poter chiamare i soccorsi. Inizia così una corsa contro il tempo: Alberto deve trovare aiuto prima che scenda la notte. Ma per farlo, dovrà prima guardarsi dentro e scoprire che cos’è il coraggio.


Titolo: La donna che non invecchiava più
Autore: Grégoire Delacourt 
Genere: Fiction
Data di uscita: 6 Novembre 2018

TramaCi sono quelle che non invecchieranno mai, perché se ne sono andate troppo presto. Ci sono quelle che invecchiano senza troppi patemi, perché hanno altro a cui pensare. Ci sono quelle che fanno di tutto per sembrare più giovani, per negare il tempo che passa, per tenersi stretto il marito…e a volte finiscono per perdere tutto. E poi c’è Betty. Betty che, misteriosamente, smette di invecchiare appena compiuti i trent’anni – la stessa età che aveva la madre al tempo della sua tragica e prematura scomparsa. Sul volto di Betty il tempo scorre innocuo e trasparente come acqua. Sarà forse lo sguardo intenso e innamorato e di suo marito a tenere lontane le rughe? A scongiurare gli effetti degli anni che passano inesorabili?
Man mano che la sua “anomalia” si fa più evidente, la vita un tempo tranquilla di Betty comincia a vacillare. Perché un volto senza età è un volto senza storia, senza ricordi, senza passioni. Uno specchio vuoto in cui, presto o tardi, gli altri cessano di riconoscersi.


Titolo: Il filo che ci unisce
Autore: Robin Benway
Genere: Young Adult
Data di uscita: 30 Ottobre 2018

TramaNon avere né fratelli né sorelle non è poi tanto male. È così che l’ha sempre pensata Grace, figlia unica e adottata di una famiglia benestante. Ma quando all’ultimo anno di liceo scopre di essere incinta, Grace deve ripensare a tutte le sue teorie. Dare in adozione la bambina che sta crescendo dentro di lei è la scelta più difficile che abbia mai fatto, e all’improvviso sente il bisogno di saperne di più. Sulla sua storia, sulla sua vera madre. Scopre così di non essere affatto figlia unica. Come un uragano nella sua vita arrivano una sorella e un fratello. Maya, che ha un anno meno di lei e che ha un opinione su tutto. Soprattutto sulla famiglia appena ritrovata. E Joaquin, che ha passato tutta la vita in affido e che non ha alcune intenzione di aprire il suo cuore a nessuno. Tanto meno alle due sorelle. Una storia che parla del significato della famiglia in tutte le sue forme.


RIZZOLI

Titolo: La mappa dei giorni
Autore: Ransom Riggs
Genere: Fantasy
Data di uscita: 23 Ottobre 2018

TramaDi ritorno da devil’s acre e dall’inghilterra vittoriana, dove ha sconfitto i mostri che tenevano sotto scacco il mondo speciale, jacob portman riparte dal presente, dalla florida, dove tutto aveva avuto inizio con la morte di suo nonno abe. Ma lì con lui, adesso, proprio a casa sua, ci sono miss peregrine e i suoi amici speciali; e questa sarebbe un’occasione perfetta per regalarsi una piccola vacanza condivisa sulle belle spiagge americane, mentre emma e enoch e millard e tutti gli altri imparano a muoversi tra i normali – però il destino ha in mente altro. I ragazzi, infatti, scoprono un bunker sotterraneo nell’appartamento di nonno portman. Lentamente emergono le tracce della vita parallela vissuta da abe, e jacob intuisce di avere per le mani un’eredità pericolosa, che sta per proiettarlo in uno scenario emozionante e sconosciuto. In questo quarto episodio della saga di miss peregrine il luogo dell’azione è l’america speciale, un luogo selvaggio, privo di regole, difficile da capire, nel quale non si sa nemmeno che fine abbiano fatto le ymbryne sorprendenti personaggi incroceranno la strada dei nostri amati eroi sollecitando il loro coraggio, mettendone alla prova l’intelligenza, sfidandoli a crescere. Mentre jacob e emma dovranno ritagliarsi uno spazio a parte per fare i conti con l’amore. Come da tradizione, anche stavolta le suggestive fotografie vintage disseminate tra le pagine aumentano l’indiscutibile piacere di questo lunghissimo viaggio in un fantasy senza uguali, inatteso seguito che ransom riggs regala ai suoi innumerevoli lettori. Una sorpresa che lascia intendere che le avventure di jacob portman non sono affatto finite.


MONDADORI

Miti del NordTitolo: Miti del Nord
Autore: Neil Gaiman
Genere: Fantasy
Data di uscita: 16 Ottobre 2018

TramaOdino il supremo, saggio, audace e astuto; Thor, suo figlio, incredibilmente forte ma non certo il più intelligente fra gli dèi; e Loki, figlio di un gigante, fratello di sangue di Odino, insuperabile e scaltrissimo manipolatore. Sono alcuni dei protagonisti che animano il nuovo libro di Neil Gaiman: noto per essersi ispirato spesso ai miti dell’antichità nel creare universi e personaggi fantastici, questa volta Gaiman ci offre una riscrittura dei grandi miti del Nord. Lungo un arco narrativo che inizia con la genesi dei nove leggendari mondi, ripercorriamo le avventure e le gesta di dèi, nani e giganti. Tra i racconti più avventurosi ci sono quello di Thor, che, per riprendersi il martello che gli è stato rubato, è costretto a travestirsi da donna, un’impresa non da poco considerando la sua barba e il suo sconfinato appetito; o quello di Kvasir – il più saggio fra gli dèi – il cui sangue viene trasformato in un idromele che colma di poesia chi lo assaggia. Il finale del libro invece è dedicato a Ragnarok, il giorno del giudizio, il crepuscolo degli dèi, ma anche la nascita di un nuovo tempo e nuovi popoli. “Miti del Nord” è una carrellata del pantheon scandinavo e della bizzarra natura degli dèi: ferocemente competitivi, capricciosi, predisposti all’inganno e a farsi governare dalle passioni. Un universo antico, ricco e affascinante.


ObsidioTitolo: Obsidio
Autore: Jay Kristoff & Amie Kaufman
Genere: Sci – Fi
Data di uscita: 30 ottobre 2018

TramaIn questo terzo romanzo della serie incontriamo nuovamente Kady, Ezra, Hanna e Nick, i protagonisti dei precedenti due romanzi, «Illuminae» e «Gemina». I quattro, scampati per miracolo all’attacco sulla stazione orbitante Heimdall, si ritrovano insieme ad altri 2000 rifugiati sulla nave spaziale Mao. L’unica cosa che possono fare è tornare su Kerenza in cerca di aiuto, anche se, a distanza di sette mesi dall’invasione del pianeta, non sanno chi e che cosa vi troveranno. Qui, nel frattempo, Asha, cugina di Kady, sopravvissuta a quel primo attacco della Beitech, si è unita alla resistenza clandestina. Quando su Kerenza fa la sua comparsa Rhys, una sua vecchia fiamma, i due si trovano ai lati opposti delle barricate. La battaglia finale che è alle porte, e che verrà combattuta senza esclusione di colpi sia in terra sia nello spazio, lascerà sul campo tanti eroi e anche dei cuori spezzati.


L’istante perfetto
Titolo: L’istante perfetto
Autore: Jay Asher
Genere: Young Adult
Data di uscita: 30 Ottobre 2018

TramaDa quasi trent’anni la famiglia di Sierra coltiva “alberi di Natale” in un grande vivaio dell’Oregon. E ogni inverno si trasferisce per un mese in California per venderli. Sierra vive perciò due vite: una in Oregon e l’altra in California, ma solo per il periodo natalizio. Finché si trova lì si è ripromessa di non legarsi a nessun ragazzo, perché sarebbe doloroso poi, dopo solo un mese, doverlo lasciare. Ma quando incontra Caleb, tutto cambia. Certo, da quel che si dice in giro, non è proprio il fidanzato ideale. Pare infatti che, anni prima, abbia commesso un errore enorme, del quale sta continuando a pagare le conseguenze, fatte di ostilità, pregiudizi e isolamento. Ma a Sierra tutto questo non interessa. Anche se migliaia di pensieri le ronzano in testa minacciando di distoglierla dal momento magico che sta vivendo, forse vale la pena di chiudere gli occhi, lasciarsi andare e mandare al diavolo la logica. Dopo tutto, la logica non sa quello che desideri e che quello che conta, alla fine, è l’amore. Vero, puro, necessario. Come il loro. 


Cosa ne pensate? Quale uscita state aspettando? Fatemi sapere!

A presto,
Sara ©

RECENSIONE #223 – UN Tè FRA LE STELLE DI DAVID M. BARNETT.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui con un nuovo libro per voi, una nuova recensione di un libro che ho letto la settimana scorsa e di cui sentivo l’imminente esigenza di parlare. Sono così felice di aver letto questo libro e ringrazio infinitamente la Sperling&Kupfer per avermi permesso di leggere questo volume. Mi sento sicuramente di consigliarlo ma prima… andate a scoprirlo:
unnamedTitolo: Un tè tra le stelle
Autore: David Barnett
Genere: Fiction
Data di uscita: 4 Settembre 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2OKE8Kq
Trama: Tom Major odia l’umanità. Odia suo padre. Odia la sua vita. Ecco perché si è autocandidato per quel viaggio su Marte in solitaria promosso dall’Agenzia spaziale britannica: per almeno vent’anni sarà lontano dagli esseri umani e dai loro problemi, potrà sorseggiare il tè tra le stelle in santa pace, dedicandosi alla musica e alle parole crociate. Un giorno, tuttavia, un banale errore nella connessione telefonica spazio-Terra lo mette casualmente in contatto con la signora Gladys, che con i suoi 71 anni e un principio di Alzheimer è l’unica famiglia che resta ai suoi due nipoti, l’adolescente Ellie e il piccolo James, che cercano di nascondere ai servizi sociali la demenza sempre più evidente della nonna, per non essere affidati a degli sconosciuti.
Una telefonata dopo l’altra, Thomas diventerà una sorta di angelo custode spaziale per questa famiglia strampalata, pronto a guidarla tra le difficoltà della vita. E proprio grazie alle stranezze di Gladys, alla determinazione di Ellie e alla genialità di James, Thomas non sarà più l’uomo cinico e scorbutico che aveva abbandonato la Terra per dimenticare tutto e tutti. Scoprirà che la vita vale la pena di essere condivisa sempre e che tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci aspetti a casa, anche al di là delle stelle.

RECENSIONE

This picture shows an american astronaut in his space and extravehicular activity suite working outside of a spacecraft. In the background parts of a space shuttle are visible. In the far background of the picture planet earth with it's blue color and white clouds is shown as well as a patch of black space.La storia ha inizio l’11 febbraio del 1978 in un piccolo cinema in cui Frank Major porta al cinema suo figlio per i suoi otto anni. Thomas Major adora Guerre Stellari e non vede l’ora di sedersi al cinema con suo padre a guardare il film. Non sa però, che suo padre ha deciso di lasciarlo al cinema mentre lui è via. E’ qui che ha inizio tutto per Thomas MajorAncora prima che fosse preso per una missione spaziale su Marte. Ed è la crescita a farlo diventare un uomo scorbutico e che odia la gente. 

Il perchè comincia da lì inizialmente non sembra essere chiaro ma lo sarà mano a mano che si proseguirà nella lettura. Adesso Thomas è nello spazio e fa una telefonata a Janet, la sua ex moglie. Solo che a rispondere a quel numero sarà la vecchina Gladys che soffre di demenza senile che vive coi due nipoti minorenni – Ellie e James – e che badano a lei. Gli Ormerod sono una famiglia disastrata. Il padre dei ragazzi è in prigione e la loro madre è morta; tutti rischiano lo fratto e non riescono a pagare tutto nonostante i lavori di Ellie che nonostante sia quindicenne, si fa carico della famiglia. E proprio la telefonata di “Major Tom”, come lo chiamano tutti, che cambierà ogni cosa.

Cosa succederà alla famiglia Ormerod? E cosa succederà a Thomas? Cosa riusciranno ad imparare gli uni dagli altri?

«Avrà bisogno di addestramento», commenta rassegnato Baumann. «Dovrà andare in Russia. E non possiamo neanche cominciare, se prima non lo sottoponiamo a una valutazione psicologica completa». «Ci ho già pensato», interviene Claudia. «Proprio ieri gli è stata fatta una valutazione preliminare. E volete sapere una cosa di una tenerezza unica? Ha detto che uno dei momenti decisivi della sua vita è stato quando, all’età di otto anni, il padre lo ha portato a vedere Guerre Stellari».

Risultati immagini per calling major tomLa trama è ben scritta e di sicuro mette curiosità. Come ho saputo dell’uscita di questo libro ho detto “Devo leggerlo assolutamente” e così è stato. Un libro davvero eccezionale sotto molti aspetti e che sono sicura vi conquisterà. Magari non includere quelle ultime frasi che lasciano già presagire qualche tipo di finale…

La copertina italiana davvero non riesco ne a concepire da dove sia saltata fuori ne cosa vuole lasciar intendere. Sarà forse Ellie quella sulla copertina? Ma mi sembra troppo grande per rappresentarla… Quindi davvero non riesco a concepire come sia stata pensata ed è davvero discutibile sotto molti aspetti. Ok la dolcezza ma non ci siamo. Il titolo è carino ma resta il … perché? Secondo me poteva essere benissimo lasciata la copertina originale e si poteva o lasciare come vedete qui di lato o semplicemente intitolarlo “Major Tom” o alle brutte “Chiamata a Major Tom“. Ovviamente sono solo ipotesi ma sempre meglio di ciò che ne è uscito fuori nella versione italiana.

L’ambientazione si sposta da una piccola cittadina chiamata Wigan dove si trova la famiglia Ormerod, allo spazio dove si trova Thomas Major. L‘epoca è assolutamente attuale, ambientata ai giorni nostri.

«Lei com’è diventato astronauta?» «L’uomo che sarebbe dovuto partire ha avuto un infarto». «Ma non mi dica! Allora è tutta questione di aspettare che qualcuno tiri le cuoia. Proprio come in fabbrica. Aveva detto che non era così. Però ci sarà stato un altro motivo, se hanno scelto lei. Mica lasceranno andare nello Spazio il primo che capita. Dev’esserci stata un’altra ragione». «Strano a dirsi, ma un altro motivo c’era», replica Thomas.

Risultati immagini per nonna e nipotiI personaggi di questa storia non sono poi tantissimi, eppure ognuno di questi fa la differenza all’interno di questa storia che non è soltanto un  insieme inesorabile di eventi che accadono dalla telefonata di Thomas in poi ma da tutto quello che è successo a Thomas in passato.

Thomas Major è un uomo che sta andando su marte. Un uomo che odia le persone e che non riesce ad instaurare un rapporto con nessuno, ecco perchè preferisce la solitudine della sua cabina di pilotaggio e spera di trovare pace dove non è mai riuscito a trovarla. E’ antipatico e maleducato e non lo ritengono un buon partito ad essere partito su marte. L’unica cosa che gli si addice? “Appetibile”

Ellie è una quindicenne piuttosto in gamba in famiglia. Si occupa di qualsiasi cosa ed è costretta molte volte a saltare la scuola per svolgere tre lavori che gli consentono di pagare le bollette e da mangiare per la famiglia. Si prende cura del fratello più piccolo e di sua nonna oltre che di mandare avanti tutta la baracca. E’ una ragazzina sveglia anche se perennemente sfinita per tutto ciò che fa. Ama leggere e non ha amici ed è una tipa particolarmente autoritaria.

James è un ragazzino che aspira a diventare un piccolo scienziato. E’ spesso vittima di bullismo a scuola solo perchè è il primo della classe e sogna di vincere un Concorso per giovani scienziati. E’ un bambino sveglio, audace e intraprendente anche se fondamentalmente insicuro. Rivuole suo padre a casa con tutte le forze e non vede l’ora che torni.

Gladys è una nonnina sprint, bizzarra e, purtroppo, malata. Soffre di Alzhaimer ed ogni tanto si perde nei ricordi del passato. Dimentica di avere i nipoti o pensa che suo marito sia ancora vivo. Ma non fatela arrabbiare perchè può scatenare la sua furia. Si affeziona a Major Tom e dopo quella telefonata fatta per errore tra i due si creerà uno strano legame.

Sei miliardi di persone e non è capace di legarsi  a nessuna di loro? Il vuoto è inconsistente e privo di peso, ma di colpo ne avverte la pressione tutt’intorno. E, per la prima volta da quando era stato sparato nello Spazio a bordo di quell’enorme petardo sovietico, si sente terribilmente solo.  «Ero convinto  di riuscire a sopravvivere nel vuoto più assoluto», sussurra Thomas. «E invece mi sbagliavo».

Il perno centrale di questa storia è proprio la vita di Thomas Major anche chiamato Tom Major perchè il giorno in cui è stato annunciato che sarebbe andato su Marte era il giorno della morte di David Bowie che nella canzone “Space Oddity” nomina un certo Tom Major. Da qui, con una serie di coincidenze, fortune ma anche sfortune tutto nella vita di Tom è costretto drasticamente a cambiare.

dark, galaxy wallpaper, nightLo stile utilizzato è semplice e fluido. Leggerete questo libro nel giro di qualche ora, non di più, e sarà una lettura leggera, piacevole, divertente e riflessiva.

La storia è tutta scritta in terza persona ma rende il lettore partecipe della vita di tutti i componenti di questa storia così particolari ma meravigliosi. Tutto sbalza dalla famiglia Ormerod a Tom Major, l’astronauta nello spazio. E non si limita a farci conoscere Tom per come è ora ma ci viene mostrato come è diventato ciò che è, ovvero tutti gli avvenimenti che l’hanno portato a chiudersi a riccio col mondo e al voler partire, lontano da tutto e da tutti.

L’unica cosa che mi ha lasciato un po’ così è stato sul finale, il fatto di James e Major Tom che non sto qui a farvi spoiler. Speravo solo che risolvesse in altro modo, ecco tutto.

Thomas si sente minuscolo. Un uomo solo contro l’infinito. Un anno prima, una prospettiva del genere forse lo avrebbe terrorizzato. Un uomo solo contro l’infinito. Adesso, invece, è indomito e fiero. Quell’uomo è lui. Lui, Major Tom. E ha un lavoro da svolgere.

Il libro è stato molto carino e davvero singolare. Credo che una cosa del genere sia particolare e inusuale ma è allo stesso tempo l’ancora che crea una connessione fra l’uomo nello spazio e una piccola famiglia disastrata ma al contempo bellissima.

David M. Barnett è uno scrittore originale e alternativo. Ha creato una storia pazzesca che insegna quanto la vita possa essere bizzarra ma anche piena di cose bellissime, nonostante quante cose negative possano esserci accadute in passato. Un libro che ci insegna ad amare la vita abbattendo il muro che ci creiamo per difenderci dal mondo.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2


Vuoi acquistare Un tè fra le stelle e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Un tè tra le stelle o dal generico Link Amazon:Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Vi aspetto come sempre e spero che questo libro possa piacervi! Fatemi sapere cosa ne pensate!

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #222 – UNA LETTERA COI CODINI DI CHRISTIAN ANTONINI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi finalmente ho per voi una bella recensione, un libro che dovevo recuperare un mesetto fa come minimo e che mi è scalato per via degli eventi. Mi era arrivato ad Agosto ma non essendo a casa e, quindi, in vacanza non ho avuto modo di leggerlo prima. Per farla breve, l’ho finito la settimana scorsa e dovevo soltanto caricare la recensione. Ringrazio tantissimo l’autore e la Giunti per avermi permesso di leggere questa storia. Ecco qui il libro:
76e4596686394038bbca51972f9b151170965mTitolo: Una lettera coi codini
Autore: Christian Antonini 
Genere: Bambini e Ragazzi
Uscita: 28 marzo 2018
Pagine: 288
Prezzo cartaceo: € 8,90
ISBN: 9788809863033
Link d’acquisto: https://amzn.to/2ygIs9V
Trama: Johanna Pearson (12 anni) è la figlia di un ingegnere ferroviario americano che lavora a Città del Messico. Per metterla al sicuro dalla Guerra Civile, il papà si serve di un cavillo nel regolamento della posta ferroviaria: la spedisce oltre la frontiera! Affrancata con francobolli sugli abiti, Johanna viene fatta salire a bordo di un convoglio speciale, dove viaggia nel vagone postale, accudita dal personale, con cui fa presto amicizia. In particolare con Chico, un giovane valletto e Carbòn, il vecchio macchinista. Il viaggio è lungo e difficoltoso. Johanna impara a fare il valletto e scopre i trucchi di Carbòn per guidare la locomotiva. A metà strada, però, ecco l’imprevisto: a bordo del treno salgono dei guerriglieri capeggiati da un omone con grandi baffi (Pancho Villa) che scortano un vecchio americano molto malato, il vecchio giornalista Ambrose Bierce. Nel corso di un viaggio ricco di emozioni, complotti e segreti, Johanna vive una grande avventura (e il lettore con lei).

RECENSIONE

Risultati immagini per treno a vapore gifLa storia ha inizio con la fuga di Johanna, piccola e adorabile dodicenne, e di suo padre al tempo della Guerra Civile a Città del Messico. Quest’ultimo lavora per le ferrovie e riceve delle minacce che costringono l’uomo a spedire sua figlia Johanna in America dalla madre. Spedisce la piccola Jo di nascosto nello scompartimento delle lettere e dei pacchi in aiuto del capotreno e dello staff come il giovane valletto Chico o Càrbon. E’ così che per Johanna comincia un avventura a bordo del treno che la porterà ad El Paso in cui conoscerà diverse persone e avrà a che fare con dei guerriglieri che salgono quasi volendo prendere possesso del treno capeggiati dal famoso Pancho Villa e dai suoi seguaci fra cui Daniel – altro protagonista di questa vicenda.

Cosa succederà a Johanna? Cosa succederà a bordo del treno? Riuscirà a raggiungere sua madre sana e salva? 

«Dove vanno tutti?» domandò. (…) «Dove vai tu, più o meno rispose il ragazzo. Dove vanno tutti: a casa, da parenti, al lavoro. Oppure vanno via… o tornano indietro. Chi lo sa? Ognuno fa un viaggio diverso, no?» 

La trama di questa storia è molto semplice ma avrei almeno evitato le parentesi. Comunque è un libro per ragazzi ma si adatta bene a qualsiasi genere parlando comunque di guerra e di attacco rivoluzionario ad un treno di linea in Messico.

La copertina è davvero carinissima e mi piace molto sia il disegno, sia il fatto che sia stat dato un volto alla piccola Jo. E’ davvero dolcissima e spero che piaccia anche a voi. Il titolo si riferisce a qualcosa all’interno del libro ma anche a Johanna stessa che è una lettera spedita da suo padre da Città del Messico a El Paso e proprio perchè ha dei bellissimi codini lunghi che la contraddistinguono. Da qui il titolo.

L’ambientazione si aggira da Città del Messico fino a El Paso passando per diversi stati tra cui quello del Chihuahua e l’epoca si aggira nel periodo della Guerra Civile in Messico che ha avuto inizio dal 1910.

«Oh, le lettere portano i pensieri di chi le manda. E non solo quelli. Come quando scrivi al tuo innamorato, hai presente?» Jo si sentì arrossire. «Io non ho un innamorato» disse. L’altro rise dolcemente. «Ma se tu lo avessi, se gli scrivessi una lettera, lui sentirebbe la tua voce leggendo le parole. E il tuo pensiero arriverebbe a lui. E con quello, il tuo amore. Sarebbe un po’ come stare con lui, no?» «Si credo di si. E’ una cosa bella».  «E quindi significa che tu porti con te il pensiero e l’amore di chi ti ha spedito».

Immagine correlataI personaggi all’interno di questo libro sono molti, moltissimi, ma alla fine mi concentrerò sui due personaggi principali che dividono la storia su due fronti ma la convergono in una sola, a bordo del treno. Ecco che ve ne parlo.

Johanna è una ragazzina dodicenne sveglia e intelligente. Ha due bei codini e viene spedita come lettera da suo padre da Città del Messico verso El Paso, città alla frontiera negli Stati Uniti. E’ una ragazzina vivace, determinata e coraggiosa che non si arrende di fronte ad alcuna difficoltà, anzi la padroneggia e ci si butta a capofitto. E’ una piccola straordinaria, forse a volte anche troppo, ma è dolce e adorabile. Un personaggio che di sicuro amerete.

Daniel detto anche Rojo, è un ragazzetto dai profondi ideali sul Messico, tanto da seguire il grande Pancho Villa (realmente esistito), rivoluzionario durante la guerra e pronto ad ogni tipo di insurrezione. Daniel è segretamente innamorato della bella soldadera che viaggia con loro ed è un ragazzo che diventa spesso tutto rosso – per questo il soprannome Rojo. E’ un ragazzo sveglio e capace oltre che fedele a Pancho Villa qualsiasi cosa succeda.

«E pensa a quelle persone, Johanna. Vanno a casa. Dai loro cari, da chi amano. O vanno lontano, a tentare la sorte. Ognuno di loro è una storia, proprio come una piccola lettera, ma c’è di più, perchè quando viaggi cominci un’avventura che ti cambia e quando arrivi non sei più come quando sei partito. E questo fa paura. E la gente, quando ha paura, prega. E ogni carrozza è piena di preghiere. Tutte in fila su questo treno». «Come un rosario…» mormorò Jo, stupita. «Proprio così» disse piano l’uomo.

Immagine correlataIl perno centrale è il viaggio di Johanna. E’ il periodo in cui ancora si usava spedire anche le persone e Johanna è una di queste. Viene spedita da sua madre attraverso la frontiera con una missione: tornare a casa da sua madre e lasciare delle missive al posto di lavoro di suo padre dove potranno aiutarlo.

Lo stile utilizzato è stato piuttosto semplice essendo una storia per ragazzi e l’autore rende molto bene tutto ciò che accade all’interno di questo libro. E’ una storia fluida e si legge in pochissime ore. Ci sono diverse cosine che non sono filate lisce come speravo ma comunque ritengo che sia una buona storia, non fraintendetemi. Non sono delle cose che ritengo particolarmente predominanti, sopratutto l’ultimo ma ritengo che (nonostante e proprio perchè mi è piaciuto tantissimo) ci sono delle cose che devo mettere nero su bianco.

Il fatto che sia per bambini. La storia è si incentrata e vista per la maggior parte da Johanna e per il resto da Daniel ma non è così semplice per un bambino il discorso che si cela dietro la rivoluzione e tutto quello che c’è dietro. Infatti il capitolo iniziale dedicato al punto di vista di Daniel credo sia difficile da comprendere per un bambino sopratutto per gli ideali, per la guerra e tutto ciò che ne concerne. Credo sia più per ragazzi dell’età di Johanna in su anche se ritengo interessante la lettura anche per un adulto.

Si sa molto poco del motivo per cui il padre spedisce lontano la figlia. Ok le minacce ma cosa c’è dietro tutto quello per cui Johanna ha viaggiato, rischiato la vita e lottato?

Credo che ad un certo punto ci fosse bisogno di una perdita. Buoni o cattivi non importa ma sarebbe stata sicuramente d’aiuto sia agli occhi del lettore dal lato della credibilità della storia stessa sia dal lato di Jo che crede di essere l’eroina della storia senza rendersi conto dell’effettivo pericolo che corre.

Comunque il libro mi è sembrato dolcissimo, una storia che incoraggia ad andare avanti in qualsiasi viaggio senza lasciarsi scoraggiare da nessuno. Una storia ricca di valori, quali l’amicizia, la lealtà e il rispetto ma anche con tanto, tanto altro.

Sono talmente rimasta entusiasta di questo libro che vorrei un seguito. Confesso che io ho sempre amato le stazioni e i treni e questo viaggio è stato talmente incredibile che è quasi da non credere. Inoltre, quello che mi lascia sempre malinconia, più di ogni altra cosa sono i saluti. E quello è il mio punto debole, anche all’interno di questa storia quando questa finisce. Mi si stringe il cuore tanto da poter dire che rileggerei con piacere questo libro altre cento volte ancora. Vorrei, come ho detto prima, che ci fosse un seguito, vorrei che Johanna seguisse i suoi ideali, che scegliesse un lavoro che ama e che incontri di nuovo quei personaggi a cui ha voluto bene, che li ricordi e che resti sempre così.

Insomma, questa storia mi ha completamente rapita dal punto di vista sentimentale, come potete vedere e di sicuro io ve la consiglio assolutamente.

«Sai, non ci pensavo, ma è stato proprio Juan a farmelo capre. Io penso che quello che fai è come un viaggio in treno. Ogni tanto ci sono le fermate e tu puoi scendere e magari salire su un altro treno, che non sai dove ti porterà. E questa è la vita. E anche se lei ti porta, sta a te scegliere come viaggiare». Daniel spalancò gli occhi. Il ragazzino pareva a disagio. «Sì, be’… a volte realizzi che in tasca hai un biglietto già pronto. Devi solo deciderti a usarlo». «E’ una cosa molto importante quella che stai dicendo Chico».

Il libro è stato dolce e commovente. Una storia di una bambina che si ritrova a combattere per degli ideali che cerca di scoprire nel corso della sua avventura. 

Christian Antonini è sicuramente un autore di talento e lo dimostra con la sua storia ricca di emozioni, sentimenti e codini. Un libro che parla di cambiamento, di rivoluzione e di tanto, tanto coraggio.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2


Vuoi acquistare Una lettera coi codini e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Una lettera coi codini o dal generico Link Amazon:Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se leggerete questo libro. Vi piace?

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #221 – SACRIFICE DI BARBARA BOLZAN.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI! 

Buon inizio settimana e…. finalmenteeeeeee! Ebbene si, perchè finalmente riesco a fare questa recensione. Mano a mano recupererò anche gli altri letti quest’estate al mare ma con eventi e quant’altro si sono accumulati e non sono riuscita a farla come si deve.
Ora si comincia e piano piano vi ariveranno tutte, non temete. Ecco qui il secondo volume della Rya Series, iniziato con Fracture (QUI recensione).
ALERT: Se volete leggere il primo volume della serie e ancora non l’avete fatto o se siete curiosi della serie, leggete la recensione del primo volume e saltate questa. Se siete temerari potete andare avanti.
Andate a scoprire i libri:

51gox20qrcl-_sx354_bo1204203200_Titolo: Sacrifice
Autore: Barbara Bolzan
Edito da: Delrai Edizioni
Prezzo: Cartaceo 16.50 
Uscita: 8 Maggio 2017
Link d’acquisto: https://amzn.to/2Q2KNN3

Trama: Non dimenticare mai chi sei, Rya. Ora che la strada intrapresa è incerta e il futuro altrettanto pieno di insidie, l’amore guida i suoi passi e la spinge a scelte difficili. Convinta di raggiungere Nemi, la principessa non può venir meno a se stessa e decide così di affrontare la dura realtà, la stessa che non ha mai davvero avuto il coraggio di guardare con i giusti occhi. L’Idrethia non è il luogo meraviglioso delle sue fantasie, è una prigione che inghiotte e getta nel fango, perché la vita fuori dal palazzo non è quella dei ricchi e dei potenti, ma di chi lotta per sopravvivere. Il secondo capitolo di una saga avvincente, Sacrifice è il romanzo che dà nuova linfa alle vicende di Rya, una donna contro un mondo sconosciuto, che combatte per la dignità e per i suoi sentimenti. Perché una Niva non demorde, una Niva non si arrende mai.

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio esattamente dove l’abbiamo lasciata con il volume precedente. Rya si trova da sola a dover affrontare il mondo, senza più nessuno che l’aiuti, senza Nemi che cerca disperatamente di ritrovare. Il palazzo dell’Idrethia e tutto ciò che lei ha sempre vissuto fanno sembrare il suo regno un bel posto ma è per le strade che Rya si rende conto di quanto questo sia solo una mera fantasia. I pochi soldi che aveva le vengono rubati e si trova costretta dapprima a lavorare in una bettola qualunque con un pagamento che le permetteva a malapena di starsene lì, poi viene a sapere di un posto dove si riescono a fare soldi facilmente e dove si riesce ad essere protette: il bordello d’élite di Mama. Lì incontrerà delle ragazze che la odieranno ed altre che la prenderanno a ben volere e diventerà la Forestiera.

Cosa succederà a Rya? Cosa succederà all’interno del bordello di Mama? Quali consapevolezze avrà la futura regina d’Idrethia? Riuscirà a ritrovare Nemi? Quali segreti le nasconde?

Era questo che succedeva, nel mondo reale. Il popolo imbrattava con la sua presenza le strade della dorata città. Noi passavamo a testa alta e sollevavamo appena le gonne per non insozzarci col fango. Passavamo senza vedere.

La trama è ben descritta e lascia solo presupporre tutto quello che la storia ci narrerà. Non ci sono particolari spiegazioni e lascia al lettore la voglia di prendere in mano il libro e goderselo dalla prima all’ultima pagina.

La copertina è molto carina e si intona molto bene alla precedente e alle successive. Mi piacerebbe sapere se i colori utilizzati sono casuali o se sono riferiti a qualcosa in particolare che aveva in mente l’autrice o se è puramente casuale e a scelta di chi ha gestito la grafica. Comunque molto bello e da l’idea del fatto che comunque dal fango e dalla strada, con Sacrificio sia riuscita a risalire e a tornare verso la luce. Il titolo è veramente giusto e appropriato per questo libro e per ciò che accade al suo interno. Sacrifice cela proprio il vero significato di questa storia e quanto tutto questo costi a Rya.

L’ambientazione stavolta è l’Idrethia, il regno di Blodric, re di Idrethie e marito di Rya. Le strade sono completamente diverse dalla vita a palazzo. La vita del popolo è povera e costernata di difficoltà, non come a palazzo che guarda dall’alto e se ne sta lì ad osservare senza fare niente.

Era questo che faceva Nemi, quindi. Non l’amore di Blodric nella nostra stanza profumata, non le notti che avevo trascorso tra le sue braccia a Temarin. Ma questo. Qualcosa di sporco, di rozzo, di doloroso e degradante.

Immagine correlataI personaggi di questa storia non saranno tantissimi ma quei pochi saranno prettamente incisivi per questa storia che si fa sempre più interessante sotto diversi punti di vista.

Rya è una donna ormai e si trova davanti a tante difficoltà che la vita le pone davanti. Si trova a dover sopravvivere di fronte alla fame, alla sete e a tutto quello che è di prima necessità. A Rya manca sua sorella e Nemi ma si rende conto che sua sorella Alsisia non capirebbe mai tutto quello che lei ha provato, non capirebbe cosa vuol dire. Rya si fa forza e va a stare in un bordello, si fa chiamare la Forestiera e ingegna diversi metodi per cercare di non finire a letto con nessuno.

Melina è una delle donne del bordello di Mama ed è l’unica che difende da subito Rya e la prende sotto la sua ala protettrice. Rya non capisce questo suo gesto, ne elemosina aiuto ma lei e Roxile glielo offrono. Quest’ultima, invece, è una piccola bambina che vive nel bordello di Mama. E’ fastidiosa e fa domande inopportune. Entrerà nella simpatia di Rya parecchio tempo dopo essere entrata nel bordello, tanto che si rende conto di volerla salvare. La bambina non è mai stata con un uomo ma non vuole che lei conosca solo quella realtà nella sua vita. 

«Non tutti gli uomini sono come quelli che vengono qui da Mama, però» aggiunsi. «E come sono?» «Buoni». 

Risultati immagini per caspianIl perno centrale di questa storia è il cambiamento di Rya. Il trovarsi nel fango, all’interno del popolo come tanti altri e non come una regina e capire finalmente cosa vuol dire non vivere nell’oro. Il titolo dice tutto in effetti e questa storia è proprio un sacrificio, sacrificarsi nella vita comprendendo quanto possa essere difficile vivere una vita meno agiata di quella che Rya ha sempre vissuto a palazzo, e di vivere invece come una persona qualunque.

Lo stile utilizzato è il medesimo del libro precedente, si contrastano le parti in corsivo a quelle normali ma, in più, ci sono delle parti in cui si incontrerà Niken o si conoscerà meglio Blodric che è rimasto sempre nell’ombra e non si riesce a comprendere.

Ho trovato interessante il fatto che fosse tutto incentrato esclusivamente sul fatto della crescita personale di Rya. In questa storia parte donna ma ancora quasi come una ragazzina e si ritrova a crescere e maturare in maniera particolare. Infatti tutto quello che le accade la colpisce fin nel profondo anche se sembra fatta d’acciaio e ne viene fuori qualcosa di semplicemente unico.

L’unica cosa che è stata calante rispetto al primo volume è stato il fatto che nel centro la storia sembra quasi assottigliarsi, quasi ad essere stata allungata forzatamente quando se la parte di Mama fosse durata meno tempo allungando altre cose, sopratutto nel finale, sarebbe andato leggermente meglio. Con questo non voglio dire che è stato pesante perchè ho trovato comunque la storia molto bella ma meno scorrevole della precedente, tutto qui. Solo una cosa non ho ben compreso ma spero sia chiara nel terzo volume visto che si trova nella parte finale e non voglio spoilerare nulla.

«Tu sei così strana Forestiera» (…) «Non ti lamenti mai?» Un tempo non facevo altro che lamentarmi. «E adesso?» Adesso agivo.

Il libro è un sequel davvero originale sopratutto per quanto riguarda lo sviluppo del personaggio principale che matura e cambia rendendosi conto della realtà delle cose ma sopratutto mettendo in discussione se stessa in tutto e per tutto. 

Barbara Bolzan si conferma come sempre un’autrice di grande talento. Una serie che amerete sempre di più. Non dimenticare mai chi sei, Rya, ma non dimenticare mai quanta strada hai compiuto e ancora hai da compiere. Un viaggio alla scoperta di se stessi, un percorso di maturità difficile e pericoloso, una storia da leggere.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo


Vuoi acquistare Sacrifice e sostenere il Blog? Acquista da Qui:  Sacrifice   o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se leggerete questo libro. Vi piace?

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #92 – SICE, LE BAMBOLE NON HANNO DIRITTI DI FERNANDO SANTINI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

E’ di nuovo venerdì ed io come di consuetudine in questa giornata vi porto una nuova segnalazione che spero possa interessarvi, colpirvi e piacervi. Ringrazio l’autore per la sua gentilezza e vi lascio qui i dati del suo libro:

Risultati immagini per sice le bambole non hanno dirittiTitolo: SICE Le bambole non hanno diritti

Autore: Fernando Santini

Casa Editrice: Dark Zone Edizioni

Genere: Thriller

Pagine: 224

Data prima edizione Ebook: maggio 2016

Data prima edizione cartacea: 25 ottobre 2017

Sinossi: Il Vice Questore Marco Gottardi ha avuto un passato importante nei reparti operativi della Polizia di Stato. Dopo aver vissuto sulla sua pelle la violenza della lotta alla criminalità si è ritirato a gestire un tranquillo commissariato romano. La sua esperienza e la sua capacità di gestione dei propri uomini non possono, però, essere sprecate. È a lui che i vertici del ministero degli Interni affidano il comando di una nuova unità: la Squadra Investigativa Crimini Efferati. La prima indagine in cui la Squadra sarà coinvolta riguarderà la morte di un regista cinematografico, forse collegata all’uccisione di un adolescente il cui corpo, orrendamente torturato, è stato ritrovato alla foce del Tevere. Nel corso della propria azione investigativa, la S.I.C.E. troverà un alleato, anche se non particolarmente gradito al Vice Questore Gottardi: un’organizzazione segreta denominata ARCO, i cui membri hanno deciso che il fine giustifica i mezzi e che quindi si può usare la violenza per far trionfare la giustizia.

ESTRATTO

L’uomo si rigira sul pagliericcio. Le mani, legate dietro la schiena, gli rendono difficili i movimenti. Con lo sguardo cerca di capire dove sia. Il bavaglio gli crea problemi nel deglutire. Il sole, entrando da uno spiraglio lasciato aperto dai suoi sequestratori, colora di rosso le pareti della stanza facendogli capire che il tramonto si sta avvicinando. «Caro Andrea, siamo svegli?» gli domanda un uomo vestito in una tuta nera e con il viso coperto da un passamontagna. L’uomo lo osserva senza muoversi. Non prova neanche a rispondere, poiché il bavaglio renderebbe incomprensibile quello che lui potrebbe dire.

«Hai ragione, non puoi rispondermi. Non preoccuparti, tra qualche minuto potrai parlare. Ti sarai domandato chi siamo. Noi siamo i buoni e sappiamo in cosa sei coinvolto. Sappiamo dei tuoi film, conosciamo i tuoi interessi professionali. Sappiamo dei tuoi legami con gli Sgulli. Ora ti starai domandando cosa vogliamo da te… Semplice, sappiamo tanto, ma non abbiamo prove. Per alcuni di noi questo non sarebbe un problema e ti infliggeremmo, senza alcun dubbio, una dura pena. Però, per tua fortuna, la maggior parte di noi vuole agire seguendo una diversa linea etica. Quindi, abbiamo bisogno della tua confessione», gli dice l’uomo mascherato continuando a girare intorno al giaciglio. «Sono sicuro che stai pensando che non ci dirai nulla. Voglio tranquillizzarti. Parlerai. Ti chiedo, come favore personale, di provare a resistere a lungo alle richieste che ti faremo. Io appartengo al gruppo di quelli che pensano che dovremmo punirti senza attendere oltre e ci troverò gusto a lavorarmi il tuo corpo mentre dirai di non sapere nulla. Però voglio rassicurarti, non ti permetterò di morire. Sarebbe troppo comodo per te», gli dice facendo cenno a un altro uomo, entrato da pochi secondi nella stanza, con cui si avvicina al prigioniero. I due uomini lo sollevano dal giaciglio e lo mettono su una sedia al centro della stanza. Uno degli uomini gli libera le mani, mentre il secondo prende una catena, che pendeva dal soffitto, e aiutato dal suo compagno, lega le mani del regista per poi sollevarle sopra la testa di Saudelli. «Allora, caro Andrea, ora ti togliamo il bavaglio», gli dice l’uomo mascherato. «Cosa cazzo vuoi sapere?!» domanda il regista una volta liberata la bocca. «Vedo che sei intelligente. Non hai provato a urlare.»


Che ve ne pare? Vi ha incuriosito? Vi piace? Fatemi sapere con un commentino che io vi attendo!

A presto,

Sara ©