WWW WEDNESDAY #65

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Oggi io vi porto il WWW Wednesday – rubrica ideata da Should Be Reading – in cui vi mostro le mie letture di questa settimana. Fatemi sapere le vostre! Ecco qui:

What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?

41fltfdflplAttualmente sto finendo di leggere Eredità, La porta degli Dei di Matt Armon, che spero non mi voglia male nel frattempo. So che sono in ritardo ma per via della mole del libro l’avevo messo da parte per leggere cose più veloci ed è arrivato il momento di recuperare questo libro e farvi sapere di più. Vi farò avere al più presto la recensione, non preoccupatevi, sto cercando di rimettermi in carreggiata per quanto riguarda il blog.

Ovviamente stavolta lo finirò di sicuro, non preoccupatevi. Un libro iniziato molto bene, molto dettagliato e super particolare, su questo ci scommetto.

Se faccio in tempo a leggere altro ve lo dirò ma non ne sono certa. Vi farò sapere!



What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?

Risultati immagini per non è te che aspettavo9788856673067.1000La scorsa settimana ho letto Non è te che aspettavo di Fabien Toulmé, edito Bao Publishing. Come ben sapete, non collaboro con la casa editrice e questo è stato un acquisto proprio da ultimi giorni dell’anno e devo dire che, nonostante la tipologia del disegno non sia di mio gradimento a pieno, la storia è davvero molto bella e ben costruita. La storia di un padre che aspetta il suo secondo figlio e la paura che questo possa avere malformazioni o problemi. Una storia semplice ma intensa, che sicuramente consiglio. La recensione arriverà a breve.

A questo, ho aggiunto un libro che mi è stato regalato a Natale dalla mia cara amica Sara di Bookspedia. Sono rimasta subito colpita dal regalo visto che era un libro che volevo leggere e non avevo e che il film mi ha attirato fin da subito e che, recupererò sicuramente a breve (spero). Sto parlando di Vicino all’orizzonte di Jessica Koch edito Piemme. Un libro tratto da una storia vera, che spero possa incuriosire e far commuovere anche voi. Un libro davvero intenso, che sono sicura vi conquisterà.



What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?

Presto spero di recuperare diverse letture in arretrato che non sono riuscita a terminare nel mese di novembre e dicembre. Avendo iniziato il nuovo lavoro con solo un’ora di pausa era un po’ difficile, prometto che ora che ho due ore le sfrutterò al massimo per leggere. Quindi vi dirò presto cosa leggerò prossima settimana, non temete.


Voi cosa state leggendo? Cosa leggerete? Rispondete alle domande mi raccomando, che  io vi aspetto!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #355 – TRACCE DAL SILENZIO DI LORENZA GHINELLI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI

Eccoci qui con una nuova recensione per voi che spero possa davvero piacervi. Innanzitutto ringrazio la Marsilio per avermi permesso la lettura di questo volume ed ora vi parlerò di questa storia a tratti macabra ma allo stesso tempo veloce e coinvolgente. Ecco a voi che vi parlo di un piccolo libro di una storia intensa. A voi:
ghinelli-199x300Autore: Lorenza Ghinelli
Titolo: Tracce dal silenzio
Collana: Lucciole
ISBN: 978-88-297-0257-2
Link d’acquisto: https://amzn.to/2KW7FxG
Trama: Nina, dieci anni, è diventata sorda dopo essere stata investita davanti a casa. I genitori, decisi a lasciarsi quel brutto ricordo alle spalle, si trasferiscono in una nuova casa confinante con il parco. L’unica vicina si chiama Rebecca, ha ottantaquattro anni e brutti ricordi che la perseguitano. Per la vecchia, Nina è un raggio di sole. Per Nina, Rebecca è la nonna che ha perduto. Ogni sera, prima di dormire, Nina si toglie l’apparecchio acustico e nel silenzio si addormenta, ma una notte una musica la sveglia: è una canzone vecchissima che lei non ha mai conosciuto. Soprattutto, la bambina è l’unica a sentirla. In quella notte, a quell’ora, nella stessa città un ragazzo viene ucciso. Non sarà l’unica volta che Nina sentirà quella musica. Non sarà l’unico episodio di sangue a cui dovrà, con l’aiuto del fratello, porre fine.

RECENSIONE

girl walking on brown grass near trees during daytime

La storia ha inizio a casa della piccola Nina, una dolce e adorabile bambina che qualche tempo prima ha avuto un incidente e ne è uscita sorda. E’ notte fonda e tutti stanno dormendo, tutti tranne Nina. La piccola bambina diventata sorda a seguito di un incidente si alza nel cuore della notte, senza l’apparecchio acustico e sente una musica provenire da fuori al citofono. La musica è spettrale, spaventosa ma questo non la frena dal cercare di curiosare un po’. Se non che sua madre la coglie in piedi e crede che sua figlia abbia un problema. Quello che nessuno sa è che quella stessa notte qualcuno è stato ucciso e tutto sembra essere collegato. Intanto, una simpatica vecchina di nome Rebecca suona alla porta di casa di Nina e la piccola bimba comincia a fare torte e dolci con lei.

Perchè Nina la sera sente sempre una strana musica senza il tuo apparecchio? Cosa succede la notte quando la musica imperversa nell’aria? Perchè accadono queste misteriose morti? Cosa c’entra Nina con tutto questo?

«Cosa ti è preso, me lo dici?» le chiese Sara. «Ho sentito una canzone». «Oh, Nina». Gli occhi tristi della mamma le avevano appena ricordato che non era possibile. «Allora perchè vi siete svegliati?» «La corrente, Nina. Ha fatto sbattere la porta della tua camera». Non l’aveva sentita. Per forza: era sorda. Eppure in quel momento ne fu più sicura che mai: la musica, la voce, non le aveva affatto sognate.

La trama incuriosisce molto. E’ stata, oltre la copertina, la cosa ad attrarmi di più. Pensavo che dalla trama fosse una storia incentrata di più su qualcosa di esoterico o particolare mentre alla fine Nina sembra essere solo la chiave di risoluzione di tutto ciò che accadrà. Trovo comunque sia molto avvincente ed accattivante per chi cerchi una lettura originale e particolare.

La copertina è una delle migliori copertine che ha fatto la Marsilio. Mi piace il colore e il risultato generale della stessa. E’ assolutamente rappresentativa della storia narrata e trovo davvero sia una delle più belle e meglio riuscite di questa casa editrice negli ultimi tempi. Il titolo della storia è semplice e sicuramente inerente a ciò che si descrive e alla storia proposta. Tracce dal silenzio per via della musica che Nina riesce a percepire nel silenzio, è questo che crea un connubio tra copertina e titolo fornendo una soluzione originale e innovativa. Bello il complesso; ottimo lavoro!

L’ambientazione è tutta italiana e la storia si sviluppa ai giorni nostri, senza ombra di dubbio.

“Quando noi vediamo una ragazza passeggiar, cosa facciam? Noi la seguiam, e con occhio scaltro, poi cerchiam d’indovinar cosa c’è da capo a pié”.

girl holding bear while sitting on bench

I personaggi di questa storia non sono poi tantissimi ma quelli che ci sono li ho trovati ben costruiti e ottimamente strutturati. Pagina dopo pagina si delineano i dettagli e i retroscena che nasconde ogni personaggio nel profondo.

Rebecca, molto più di quanto lo sia la piccola Nina, è un personaggio che si scopre man a mano che si scorre nel corso della lettura. All’inizio sembra essere la classica vecchina vicina di casa in cui si carpisce dalle pagine in corsivo ciò che ha passato nel corso della Guerra. Proseguendo la lettura, invece, si evince che Rebecca è tutto tranne che una adorabile e simpatica vecchietta. Ma questo lo lascio scoprire a voi, non vi dirò di più. Nina, dal canto suo è una ragazzina davvero adorabile. Si lascia amare pagina dopo pagina e la sua dolcezza conquisterà il lettore sotto tutti i punti di vista. Pensavo che la sordità fosse più pesante e più invalidante ma con il suo apparecchio la piccola riesce ad ascoltare come sempre. Due personaggi che si contrastano fra loro per i caratteri e per ciò che fanno ma che creano un connubio funzionante all’interno di questa storia.

«Sto sognando» sussurrò Nina. «E’ solo un sogno». Nei sogni le persone possono camminare sulle penne dei corvi e persino volare. Nei sogni si possono esplorare i misteri. Non si muore nei sogni.

Il perno centrale di questa storia sono degli omicidi che avvengono in città ed il fatto che tutte le volte che ne accade uno, Nina riesce a sentire una strana musica senza apparecchi acustici, quindi anche se lei è sorda. Tutto sembra macabro, strano e misterioso ma mano a mano si avrà modo di scoprire sempre più cose riguardo gli avvenimenti che accadono.

girl holding white rabbitLo stile utilizzato dall’autrice è piuttosto semplice e scorrevole, suddiviso dal punto di vista sia della piccola Nina in terza persona che attraverso i ricordi della vecchina vicina di casa, Rebecca. E’ una storia particolare, originale e a tratti quasi macabra.

La cosa che non mi ha colpito poi come dovrebbe è stato il semplice fatto che, laddove sembrava dalla trama una storia in cui Nina fosse coinvolta con il suo problema della sordità e del fatto che lei sembrasse speciale, risulta invece essere soltanto un “accessorio” della storia principale. Nina è il filo conduttore che unisce la sua vita a quella di Rebecca di cui, mano a mano nel corso del volume, si scoprirà la vita.

I trascorsi famigliari di Nina e le vicende della madre, del padre e del fratello li ho trovati decisamente fuori tono e poco inerenti alla storia. Finiscono per essere un contorno che arricchisce la storia ma non da niente in più rispetto a quello che magari avrebbe potuto. Speravo che le vicende che si sviluppavano in separata sede fossero collegate alla fine in qualche modo e rendessero il tutto ancora più misterioso, invece si sono rivelate soltanto un aggiunta per dare una voce in più al libro. A questo punto, avrei preferito che Nina fosse più coinvolta nella vicenda e risultasse davvero quello che la trama lascia intendere, ovvero che ci fosse un lato diciamo quasi “magico” o “paranormale”. Tutto qui.

Nonostante questo, ho trovato sicuramente interessante scoprire la misteriosa esistenza di Rebecca e il suo passato con Maria Sole e Francesco oltre al legame che la vecchia instaura con la piccola bambina. Infatti, Rebecca rivede in lei la sua defunta sorella, quando era soltanto una giovane ragazza. Il lato di Rebecca è risultato interessante e ha dato un tocco oscuro e minaccioso alla storia rivelando una donna che cerca vendetta per il proprio passato.

In lontananza come un grido di Erinni, le sirene, i megafoni, le voci straniere, americane. La guerra è finita. Per Rebecca e Francesco è appena iniziata.

Il libro è sicuramente una storia scorrevole e piacevole. Ci sono cose che ho apprezzato di più e altre di meno ma spero comunque prendiate in considerazione la lettura nel suo complesso. Lo farete?

Dalla penna di Lorenza Ghinelli ne esce una storia misteriosa, ricca di retroscena e ricordi che inquietano e che lasciano al lettore sempre più curioso di scoprire la verità su ciò che accade veramente nel corso della notte. Una storia macabra, misteriosa, che vi consiglio.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Tracce dal silenzio e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Tracce dal silenzio o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate possa fare per voi? Io, nel frattempo, vi aspetto!
A presto,
Sara ©

 

RECENSIONE #354 – CIARLI E LE DODICI ERE DI EMANUELA SCOTTI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Scusatemi il ritardo ma non ho davvero avuto modo prima. Oggi vi parlo di questa nuova uscita in arrivo, che spero possa davvero interessarvi. Ringrazio l’agenzia letteraria Saper Scrivere per avermi permesso la lettura del volume e ringrazio l’autrice. Ecco qui una novità particolare e originale per voi. Ecco:

Titolo: Ciarli e le Dodici Ere
Autore: Emanuela Scotti
Editore: 0111 Edizioni
Data di uscita: 31 gennaio 2019
Pagine: 373; prezzo: € 15,90 (copertina flessibile), € 6,99 (ebook)
ISBN10: 8893702703; ISBN-13: 978-8893702706
Link d’acquisto: https://amzn.to/2OJ5jof
Trama: A seguito di una lettera lasciatale da sua nonna pochi giorni prima della morte, Ciarli trova una misteriosa sfera che, dopo qualche giorno, comincia a emettere strane voci e suoni curiosi. Per Ciarli questo sarà l’inizio di una meravigliosa avventura in mondi paralleli e straordinari, con creature inaspettate che riempiranno una parte importante della sua vita.In un mondo dove le tecnologie più avanzate e il medioevo sembrano essersi fusi, Ciarli dovrà ristabilire l’equilibrio della barriera spazio-dimensionale dei nostri mondi. Un fantasy dalle atmosfere magiche e romantiche, un viaggio che permetterà al lettore di ritrovarsi in un mondo incantato e misterioso.

RECENSIONE

woman holding covering right eye with clear glass ball

La storia ha inizio con una lettera della nonna ormai defunta a Ciarli. La lettera non ha nulla di particolare se non che vi è sopra quello che può sembrare un indovinello. A seguito della lettera, Ciarli trova una strana sfera che sembra appartenere a sua nonna e da quel ritrovamento cominciano ad accadere strani eventi. Sente dei rumori e delle voci e addirittura la sfera sembra parlarle; strane cose stanno per accadere. Per Ciarli questo è solo l’inizio di una nuova avventura ma.. 

Perchè la giovane sembra non saperne nulla? Perchè sua nonna Rebecca non le ha mai parlato della sfera e delle Ere? Perchè è tutto così misterioso e lei è stata trasportata in altre dimensioni? Cosa succede alle Ere e negli altri “mondi” che sono collegati fra loro?

«Islazi, che cos’è esattamente la sfera?» chiese Ciarly, mossa da un senso d’urgenza che le aleggiava in fondo all’anima e di cui non avrebbe saputo spiegare l’origine, senza nemmeno accorgersi di stare parlando la stessa lingua della donna. Islazi corrucciò la fronte: «La risposta alla tua domanda è molto complicata a dir la verità, anche perché molte delle conoscenze che la riguardano sono andate perdute. La cosa che mi preoccupa è che si sia attivata. Questo vuol dirle che la situazione qui è peggiore di quanto credessimo»

La trama è semplice e descrive l’inizio degli avvenimenti che accadranno nel libro e un piccolo spunto di ciò che succederà dopo. Incuriosisce sicuramente, su questo non c’è il minimo dubbio.

La copertina, devo essere estremamente sincera, non mi dice niente, né trasmette qualcosa sulla storia. La trovo spenta e con i colori del bordo rosso estremamente in contrasto con il resto. Posso dire che sicuramente per questa storia sarebbe stato di risalto qualcosa relativo alla sfera o alla giovane Ciarli, ma è soltanto un parere soggettivo e non influisce, come ben sapere sul giudizio finale. Voi che ne pensate della copertina? Io sarei estremamente curiosa di sapere l’opinione spassionato dell’autrice. Il titolo del volume è sicuramente inerente e piuttosto semplice, niente di troppo articolato insomma. Inoltre, racchiude bene ciò su cui si basa tutta la storia.

L’ambientazione della storia non è soltanto una, infatti la nostra giovane protagonista si ritroverà a viaggiare in più spazi dimensionali, le Ere.

«Va bene. Ho capito che potrei andare da un capo all’altro dell’universo in pochi millesimi di secondo. Ma con dimensione cosa intendete? Volete dire un altro mondo?» «Una qualsiasi delle infinite dimensioni createsi dall’espansione del nucleo quantico originale.» «Intendete il Big Bang?» chiese Ciarly. Drona inarcò un sopracciglio. «Un’esplosione disgrega la materia e disperde i quanti. L’espansione del nucleo originale invece ha generato un’onda che ha spinto i quanti ad aggregarsi fra loro, allontanandosi dal nucleo originale e formando ognuna delle cose che noi oggi conosciamo.»

woman standing near green leafed treesI personaggi di questo libro non sono tantissimi e i pochi che ci sono, sono descritti sufficientemente a farsi un’idea di chi si incontrerà lungo la lettura del volume stesso.

Sicuramente a spiccare fra tutti, è la protagonista Ciarli che, nonostante tutto quello che sta vivendo con la sua famiglia sia difficile e non voglia separarsi ne della fattoria ne dei ricordi che la legano a quel posto, riesce a farsi forza e ad essere coraggiosa. Quando trova le indicazioni della sfera, pensa soltanto sia una cosa stupida dettata dall’età della nonna. Quando invece si trova davanti ciò che sta succedendo e tutto si riversa su di lei, improvvisamente si sente coraggiosa, si fa forza e cerca di stare al passo con gli eventi nonostante sia difficile. Un personaggio che non si lascia amare facilmente ma che è buono e forte, una cosa in cui alcuni si potranno riconoscere.

Alla mamma poteva venire in mente di sistemare il bucato nell’armadio, invece di lasciarlo semplicemente sul letto, o di fare le pulizie di primavera e rivoluzionare completamente la disposizione di ogni cosa nell’armadio. Imprese per cui, puntualmente, Ciarly impiegava giorni per recuperare il controllo del suo guardaroba. Aveva pensato di metterli nel bauletto della sfera, ma era troppo piccolo per contenerli. Forse avrebbe potuto fare un incantesimo al completo per farlo sembrare un comunissimo capo d’abbigliamento, ma non sapeva come fare né se potesse usare la magia. Drona era stata chiara, non tutti nascevano con il dono della magia. Però la nonna ne era capace e chissà se anche lei aveva ereditato quella capacità.

Il perno centrale di questa storia sta tutto nella sfera della giovane Ciarli. La nonna ha nascosto questo cimelio e, con Ciarli, si è misteriosamente riattivato mettendo in pericolo le dimensioni spazio temporali, le Ere e i Could. Una storia magica, originale e unica nel suo genere per le idee trattate e per il fantasy che viene proposto.

Lo stile utilizzato dall’autrice è semplice e decisamente fluido, si legge davvero in poco tempo. Ho apprezzato molto le spiegazioni delle Ere e di tutto ciò che riguarda il mondo che Ciarli si trova a dover vivere. E’ stata sicuramente una ricerca minuziosa e precisa da parte dell’autrice, quindi sicuramente un punto enorme a favore. A parte questo, ci sono delle cose che, nonostante la lettura sia stata sostanzialmente piacevole, non hanno favorito la lettura nel modo giusto, se così vogliamo dire.

La ripetizione di diversi nomi in più frasi attaccate. Questo succede specialmente all’inizio con Kim, in cui mi trovavo a leggerlo in continuazione ed avrei preferito ci fosse un sinonimo per nominare questo personaggio o comunque dei piccoli escamotage. Questo è stato comunque il minore dei mali, che non ritengo sia una cosa che vada ad intaccare troppo il corso del mio giudizio.

C’è una contraddizione fra il tipo di scrittura e di storia, che sembra essere scritta per dei lettori giovani e per una fascia comunque adolescenziale ed alcune cose che invece risultano abbastanza difficili da comprendere (e ammetto di avere avuto difficoltà a comprenderle persino io). Queste difficoltà nascono nelle spiegazioni delle Ere e di tutti i passaggi che vengono spiegati a Ciarli ed oltre la difficoltà, ad un certo punto subentrava anche la pesantezza. Ecco, quanto a lei risultavano di veloce comprensione, a me sembravano di difficile interpretazione e facevo sempre più difficoltà dal lato tecnico. Nonostante questo, come ho detto anche in precedenza, sembra essere stato studiato minuziosamente quindi probabilmente è una cosa più soggettiva e sono solo io ad aver avuto questa impressione di difficoltà apparente.

Ultima cosa è sicuramente il fatto che, nonostante sia tutto così strano, particolare, magico e chi più ne ha, più ne metta… Ciarli se lo fa andare bene così com’è. Non fraintendetemi, la ragazza si fa molte domande su cosa sta succedendo attorno a lei, solo che sembra soltanto sorpresa e non c’è il minimo sentore in cui a ragazza pensa di essere impazzita o con qualcosa che non va. Semplicemente pensa che sia curioso e si mette d’impegno per cercare di capire. Possibile che non vacilli mai e sia sempre così sicura di ciò che fa e di ciò che porta avanti? Ho trovato il personaggio di Ciarli davvero un buon personaggio, sotto molti punti di vista ma sotto questo aspetto l’ho trovata quasi “superficializzata”. Possibile che non si ponga tanti problemi? Possibile che si trovi a viaggiare attraverso spazi temporali e non ci si ponga troppe cose?

Per il resto, la storia scorre velocemente ed, una volta addentrati nel mondo di Ciarli, non si vede l’ora di scoprirne sempre di più.

«E le Ere dive sono finite?» chiese Ciarly, completamente rapita dal racconto. «Nessuno lo sa. (…)»

Il libro è stata una lettura piacevole che allieta e alleggerisce le lunghe e faticose giornate dal lavoro. Una lettura che mi sento di consigliare per la sua magia, per i suoi dettagli e per il mistero che avvolge la vita di Ciarli, trasformandola in un’avvincente avventura, nonostante tutto.

Emanuela Scotti scrive una storia che ci porta attraverso le dimensioni temporali con la magia e la forza che solo questa protagonista sa avere. Un libro che ci trasporta attraverso dodici Ere che non credevamo di conoscere.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene.

Senza titolo-3 (2)

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Seguite e andate a leggere le altre recensioni, mi raccomando! Qui:

Banner_Ciarli


Vuoi acquistare Ciarli e le dodici ere e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Ciarli e le dodici ere o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate possa fare per voi? Io, nel frattempo, vi aspetto!
A presto,
Sara ©

NOVITA’ IN LIBRERIA PER NEWTON COMPTON, LETTERE ANIMATE, DEAGOSTINI, MONDADORI, FAZI, SPERLING&KUPFER.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con una nuova piccola serie di uscite per i nostri cari editori. Spero che troviate qualcosa di interessante da leggere nei prossimi giorni uggiosi. A voi:

LETTERE ANIMATE

Titolo: L’adunata dei sette re – Le cronache di Kalendur.
Autore: Ettore Moraca
Pagine:  102
Data di uscita: 26 giugno 2019

Trama: “Le Cronache di Kalendur” narrano la storia di un antico e lontano mondo tanto diverso dal nostro, quanto, per alcuni aspetti, simile. Forze incomprensibili ai più, si mettono in moto per influenzare in maniera radicale la vita dei popoli liberi di quelle terre, ponendosi come obbiettivo la fine di un’era. Naturalmente tali Forze incontreranno la determinazione dei nostri eroi che tenteranno di opporvisi. In questo libro vengono quindi introdotti i personaggi e le condizioni che influenzeranno poi le vicende di quelli successivi. Si tratta in definitiva di una corposa prefazione a quella che poi sarà la vera e propria storia, sviscerata successivamente.


Titolo: La torre di stelle
Autore: J. Reed
Pagine: 272

Trama: Si è prossimi al Natale ad Hope Mills e la cittadina del Nord Carolina è sommersa da delle nevicate eccezionali, eccezionali come gli eventi che porteranno radicali cambiamenti nelle esistenze delle sorelle Giorgia e Cassandra Write e delle loro più care amiche. Durante le vacanze natalizie i loro destini s’incroceranno e si legheranno a quelle di altri personaggi. Le avventure e disavventure del gruppo di amici, le porterà a trovarsi a faccia a faccia con l’amore, ad affrontare i problemi che comporta la disabilità della loro amica Helena, ma soprattutto battersi contro la violenza e la criminalità che si nasconde nelle istituzioni, e tra chi dovrebbe aiutare i più deboli. Per i protagonisti del romanzo la strada che li porterà a realizzare il proprio futuro non sarà né semplice, né lineare né scontata.


Titolo: Carstall e la Spada di Ischeer
Autore: Fulvio Borrelli 
Pagine: 332
Trama: Carstall è un giovane pescatore di Toscar, una tran-quilla cittadina del Regno di Edens. La sua vita or-dinaria viene stravolta quando Jivex, il Signore di Axisgard, torna dalla morte con il suo esercito di morti viventi, in cerca di vendetta. Carstall e i suoi amici sono costretti a scappare verso la capitale. Ma il viaggio è pieno di insidie, segreti e rivelazioni. Carstall non è chi crede di es-sere: egli è il solo che può fermare Jivex e il suo po-tentissimo Scettro di Ghiaccio. Ma per farlo dovrà aff rontare se stesso e il suo destino, in una missio-ne contro il tempo, prima che l’antica profezia si avveri… e il Grande Freddo cali su ogni cosa.

Titolo: Riverton – La saga degli Spencer
Riverton di [Battistelli, Barbara]
Autore: Barbara Battistelli
Pagine: 311

Trama: Nella cornice di Riverton, la splendida dimora di famiglia in riva al mare, in una Long Island degli anni 50, la famiglia Spencer vive un’estate densa di cambiamenti. I tre figli del ricco Kenneth Spencer sono chiamati a diventare adulti, quando la vita li pone dinnanzi a delle scelte. Nathaniel, l’erede designato, dovrà decidere se soff ocare la propria felicità, pur di essere all’altezza delle aspettative di suo padre, la fredda e bellissima Nicole si scontrerà con una realtà che, una volta tanto, non riuscirà a piegare alla sua volontà, mentre lo scapestrato Lawrence travolgerà la famiglia con la sua imprevedibilità.

 


NEWTON COMPTON

I cinque cadaveri di [Bryndza, Robert]Titolo: I cinque cadaveri
Autore: Robert Bryndza
Genere: Thriller
Data di uscita: 14 Novembre 2019

TramaSono passati quindici anni da quando Kate Marshall, una giovane e ambiziosa detective, fermò il famigerato cannibale di Nine Elms, a Londra. L’arresto, invece di un trionfo, si tramutò in un incubo. Tradita da tutti, umiliata, presa d’assalto dai media per le scioccanti verità rivelate dall’assassino, la sua promettente carriera in polizia finì con uno scandalo. Da allora i fantasmi del passato hanno continuato a ossessionare Kate che, nonostante il tempo trascorso, non è mai riuscita a lasciarsi quell’esperienza alle spalle. È andata via da Londra e si è trasferita in una piccola città costiera, dove cerca con tutte le forze di dimenticare. Ma un ammiratore del serial killer di Nine Elms ha deciso di seguire le orme del suo idolo, e Kate sa che non può restare a guardare senza intervenire. Fermare l’assassino potrebbe essere la sua unica occasione di riscatto, e non solo. Quindici anni prima Kate ha rischiato di diventare la quinta vittima del Cannibale. E adesso il nuovo mostro ha intenzione di finire il lavoro del suo predecessore…


Titolo: A Natale tutto può succedere
Autrice: Milly Johnson
Genere: Contemporary romance
Uscita: 13 novembre
Pagine: 480
Trama: Eve Glace è la comproprietaria di un parco giochi sulla neve, e il Natale che è alle porte sarà per lei il più magico di sempre. La nascita del suo bambino, infatti, è prevista proprio per il 25 dicembre e quindi fervono i preparativi per la grande festa, durante la quale lei e suo marito Jacques rinnoveranno le promesse matrimoniali. Annie Pandoro e suo marito Joe gestiscono una piccola fabbrica di decorazioni natalizie. Sono felici, nonostante il rimpianto di non essere mai riusciti ad avere un bambino. Ultimamente, però, Annie ha notato dei cambiamenti nel suo corpo. Possibile che una gravidanza inattesa sia il più bel regalo di Natale di tutti i tempi? Palma Collins sta portando a termine la gestazione per conto di un’altra coppia. Ma quando il matrimonio dei genitori adottivi del bambino entra in crisi, Palma si trova improvvisamente da sola con la prospettiva di diventare madre senza averlo pianificato. Annie, Palma ed Eve si incontreranno a un corso pre-parto, mentre aspettano il Natale più incredibile della loro vita.

DEAGOSTINI

Autore: Simona Sparaco, Margie Simmons

Titolo: Lostland

Genere: Bambini e Ragazzi

Formato: Cartonato con sovraccoperta

Pagine: 224

Data di uscita: 12.11.2019


MONDADORI

Titolo: Quello che abbiamo in testa
Autrice: Sumaya Abdel Qader
Editore: Mondadori
Genere: Narrativa contemporanea
Uscita: 12 novembre
Pagine: 252

Trama: Horra, un’italiana di nemmeno quarant’anni, figlia di giordani musulmani, vive a Milano con il marito che la adora e le due figlie adolescenti che più diverse l’una dall’altra non potrebbero essere. La sua non si può proprio definire una vita noiosa, anzi. Come potrebbe, visto che, da perfetta equilibrista, divide le sue giornate tra la famiglia, il lavoro come segretaria in uno studio di avvocati, l’università, che è a un passo dal terminare, il volontariato, le preghiere e le discussioni in moschea, e il suo variopinto ed eterogeneo gruppo di amiche? Eppure, nonostante la fatica e i piccoli problemi quotidiani, nonostante la malinconia per la parte di famiglia che vive lontana, Horra non può che sentirsi serena, felice persino. Ma un giorno, un fatto apparentemente di poco conto ha su di lei l’effetto di uno tsunami. Perché quando, come lei, sfuggi alle classificazioni, quando vivi al confine tra due mondi, quello occidentale e quello orientale, che faticano a riconoscersi tra loro e a riconoscerti, facendoti sentire marziana, estranea, galleggiante, allora inizi a chiederti che cosa significhi davvero essere “liberi”. A maggior ragione se il tuo stesso nome in italiano significa proprio questo, “Libera”. E così, nei mesi che vengono raccontati in questa storia, tra gioie quotidiane e piccole sconfitte, incontri fortunati e discussioni accese, Horra cercherà di trovare una risposta ai suoi tanti dubbi per riuscire a sentirsi, forse per la prima volta in vita sua, davvero fedele a se stessa.


SPERLING&KUPFER

Titolo: Storia di un supereroe gentile
Autore: Rhys Thomas
Data d’uscita: 5 Novembre 2019
Pagine: 352
Prezzo: e-book 9,99 cartaceo rigida 15,21
Trama: Notte fonda, strade tenebrose di città. Acquattato nell’ombra, invisibile al mondo, il Fantasma si prepara a proteggere i cittadini ignari dei pericoli che li attendono. Una maschera gli copre il viso, una pettorina gli protegge le spalle e il torace, il suo fido destriero è la bicicletta. Nel suo mirino: un gruppo di teppistelli che sta per lanciare dei sassi dalla ferrovia. Il Fantasma avanza deciso, rimprovera i malfattori e si dilegua nell’oscurità… senza aver spaventato proprio nessuno. Sotto il costume da supereroe improvvisato si cela Sam Holloway, un ventiseienne goffo e abitudinario, che tre notti a settimana si lascia alle spalle la sua esistenza grigia e assolutamente ordinaria per agire da paladino della giustizia a beneficio di vecchiette, cani e senzatetto. Per Sam, la maschera di Fantasma è una sorta di valvola di sfogo che gli permette di affrontare la solitudine e la sua vita insignificante, scandita da una ferrea routine e da un lavoro banale in un’azienda che rivende componenti elettronici giapponesi. Finché, un giorno, conosce Sarah, bibliotecaria che gli fa battere il cuore. Pur di conquistarla, Sam è disposto a gettare al vento ogni cautela, e la sua quotidianità semi-tranquilla piomba nel caos. Privato delle sue certezze e in balia degli eventi, Sam dovrà decidere se continuare a nascondersi nell’ombra o se togliersi la maschera, compiendo per amore il suo più grande atto di coraggio.


FAZI

Autore: Angela Carter
Titolo: Nell’antro dell’alchimista
Collana: Le strade
Pagine: 380
Data Pubblicazione: 14-11-2019 
Prezzo in libreria: € 17,50
Trama: Scomparsa al culmine della sua carriera, dotata di un estro narrativo magico e irraggiungibile, Angela Carter ha scritto romanzi e racconti, e sono stati proprio questi ultimi a consacrarla come una delle autrici più talentuose del ventesimo secolo.
Nell’antro dell’alchimista – diviso in due volumi di cui questo è il primo – raccoglie la produzione migliore di un’autrice fondamentale. La camera di sangue, secondo Salman Rushdie il capolavoro per cui verrà sempre ricordata, è una serie di bellissime fiabe in chiave moderna, libere riscritture di quelle classiche, in cui l’autrice sbeffeggia gli stereotipi di genere affidando alla figura femminile le redini della storia, donandole un erotismo inedito e conducendola verso un finale vincente rimaneggiato in chiave ironica. Fuochi d’artificio nasce invece dall’esperienza dell’autrice in Giappone ed è il punto di svolta nella sua produzione, nonché il momento in cui il tema del femminismo diventa centrale: «In Giappone ho imparato cosa significa essere donna e mi sono radicalizzata». Ai tesori custoditi all’interno di questa magistrale raccolta Angela Carter ha affidato il proprio testamento stilistico, servendosi di una scrittura raffinata, barocca, a tratti ermetica e costruendo una nuova mitologia femminista con cui condurre un’acuta analisi della società che supera le barriere del tangibile e penetra i meandri dell’immaginazione. Queste pagine, semplicemente, sono la testimonianza di una perdita incolmabile per la letteratura.

Che ne pensate? Ci sono libri che state aspettando? Fatemi sapere, mi raccomando.

A presto,

Sara ©

COVER REVEAL # – PORTAMI CON TE DI SERENA REINA

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con una bella novità in uscita per voi che spero possa interessarvi ed incuriosirvi. A me piace già molto quindi non vedo l’ora di parlarvene, tenetevi pronti. A voi:

Titolo: Portami con te
Autore: Serena Reina
Editore: Youcanprint
Genere: raccolta di poesie
Data di pubblicazione: Ottobre 2019
Pagine: 81 pp., copertina flessibile
Prezzo: € 10,00 (solo versione cartacea)

COVER

portami con te3

SINOSSI

“Portami con te” nasce dopo diversi anni di silenzio. Una voce che torna a farsi sentire attraverso diverse emozioni. Un’anima che sprofonda, ma che cerca di restare a galla e di uscirne fuori propendendosi verso la luce. Proprio quella fiamma che la porterà al sicuro e l’accompagnerà lungo il suo viaggio verso la felicità, ma solo se lei risponderà affermativamente al suo appello, “portami con te”.


EGOISMO

Uccellino
piccolo e fragile
Essere immortale
che mortale sei
Pronto a volare
per tornare nel cielo 

Canta ancora per me
diventa immortale
non volare via

Uccellino col cardigan rosso
canta un canto infinito
così che tu possa restare

Due occhi, due cascate
egoismo che vuole trattenerti,

ma tu sei pronto a volare
vuoi raggiungere la tua amata
e cantare con lei.

portami con te cit

RIGUARDO L’AUTRICE: 

Nata a Palermo il 13/11/1984. Fin da piccola ha maturato una passione per la letteratura scrivendo racconti e poesie, e per il cinema. Negli anni successivi alla scuola superiore ha frequentato un’Accademia di Musical, un corso per Tecnici della produzione e realizzazione cinematografica, e un corso per correttore di bozze.
Ancora oggi la sua passione per i libri non si è conclusa, anzi cresce sempre di più. Ama perdersi anche nelle storie e nell’immaginazione di altri autori perché pensa che sia un modo per viaggiare e accrescere il proprio bagaglio. Si occupa anche di un blog in cui recensisce i libri letti e lavora come correttore di bozze.

egoismo 3Contatti:
Instagram: @serena.fralibrierealta , @serena_reina_autrice
Facebook: https://www.facebook.com/FraLibrieRealta/?wiew_public_for=1263981797083202
Twitter: https://twitter.com/FraLibrieRealta
Blog: http://cheserie.altervista.org
Wattpad: https://my.w.tt/p823NIO9m0

 


Cosa ve ne pare? Io trovo sia molto bellino e mi incuriosisce davvero. Vi aspetto come sempre.

A presto,

Sara ©

 

 

RECENSIONE #341 – NON AVREMO PIU’ PAURA DI JENNI HENDRICKS E TED CAPLAN.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Altro giorno, altra recensione! Siete pronti? Ringrazio la Garzanti per avermi permesso la lettura di questo libro di cui vi parlo subito subito. Un libro che tratta delle tematiche importanti ma allo stesso tempo in maniera leggera e spiritosa. Ve ne parlo:

immagineTitolo: Non avremo più paura

Autore: Jenni Hendricks e Ted Caplan
Genere: Fiction
Data di uscita: 12 Settembre 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2INdIng
Trama: Tutti conoscono Veronica come la ragazza che non fa passi falsi. Prima della classe in ogni materia, sa esattamente cosa le riserverà il futuro. O almeno così crede. Finché non fallisce il suo primo test e si ritrova incinta. Un incidente di percorso di cui non può fare parola ai genitori e nemmeno alle presunte amiche che, come lei, non ammettono imprevisti sulla strada per il successo. C’è solo una persona in grado di capirla e a cui non avrebbe mai pensato di rivolgersi per un aiuto: il suo nome è Bailey Butler. Dal look alternativo e dall’atteggiamento anticonformista, Bailey non si lascia mettere i piedi in testa, soprattutto da chi la considera diversa. Veronica non è certa di potersi fidare, ma, quando Bailey le propone di partire per un viaggio insieme, per quanto l’idea le suoni assurda, decide di accettare. A bordo di un’auto sgangherata, tra un battibecco e un maldestro tentativo di riconciliazione, le due ragazze macinano chilometri, rischiando più volte di finire nei guai. Sotto cieli stellati e lungo strade sconfinate, Veronica e Bailey si rendono conto che, malgrado le incomprensioni passate e presenti, la loro amicizia è ancora viva e possono riuscire a ricostruirla, un passo alla volta. Perché entrare nel mondo degli adulti e assumersi le proprie responsabilità richiede coraggio e spregiudicatezza, ma tutto è più semplice se al nostro fianco abbiamo un amico pronto a sorreggerci.

RECENSIONE

two women lying down on vehicleVeronica Clarke è una dei pupilli della sua scuola, una brillante studiosa, è nel gruppo delle ragazze più in e il suo fidanzato è il più popolare della scuola. Così come a scuola, anche a casa Veronica è impeccabile; infatti sarà la prima ad andare al college visto che la sorella è rimasta incinta presto e si è dedicata alla famiglia. Quello che Veronica non si aspetta però è di essere rimasta incinta del suo bello e aitante fidanzato. Non può dirlo a nessuno, ne alle sue amiche, ne tanto meno ai suoi genitori ma viene subito scoperta da Bailey Butler, una vecchia amica che ha lasciato alle spalle perchè è quella strana e poco amata. E sarà proprio lei ad aiutarla nel momento del bisogno. Perchè Veronica deve affrontare tantissimi chilometri prima di giungere a destinazione e cercare di abortire.
Cosa scoprirà prima della partenza e cosa succederà lungo il viaggio? Riusciranno le due ad andare d’accordo, a riconciliare la loro amicizia e a chiarire il loro passato lungo il percorso verso la meta? Riuscirà Veronica ad abortire o terrà con sé il bambino?
«Ci sono altri posti dove non ti serve il permesso dei genitori per la tua… ricerca.» Il dito si immobilizzò sul pulsante. «Ce ne sono?» «Sì. Dove abiti?» «Columbia.» Ci fu silenzio in linea mentre l’operatrice cercava qualcosa sul computer. «Pare che il posto più vicino a te sia ad Albuquerque.» «C’è un Albuquerque in Missouri?» chiesi, confusa. «No.» «Ah.» Mi schiarii la voce, nervosa. «Ehm… e quanto è lontano da Columbia?» «Milleseicento chilometri.»
Risultati immagini per Jenni Hendricks e Ted Caplan bookRisultati immagini per Jenni Hendricks e Ted Caplan bookLa trama è ben scritta anche se la trovo un tantino lunga. Nonostante questo è stata proprio questa trama ad incuriosirmi e a spingermi a leggere il libro. Non ci sono spoiler, anzi invoglia a voler leggere il libro.
La copertina italiana è molto carina anche se meno finalizzata al vero e proprio significato della storia come invece puntano le due che vedete qui di lato, utilizzate nelle versioni originali. Penso che l’originale vera e propria sia quella sul rosa ma le versioni che sono state utilizzate all’estero forse rendono di più per questo tipo di storia, dandogli anche una veste leggera e meno impegnativa visto le tematiche trattate all’interno. Nonostante queste ultime, però, la storia si mantiene comunque divertente, leggera e originale quindi posso dirvi con sicurezza che non è ciò che vi aspettate, fidatevi. Il titolo originale ha il suo perchè e forse in italiano non avrebbe suonato altrettanto bene. Forse non avrebbe colpito nemmeno sul tipo di copertina che è stata utilizzata. La combinazione titolo e copertina italiani funzionano molto ma forse avrei utilizzato un altro tipo di accoppiata per descrivere questo libro nel suo complesso.
L’ambientazione di questa storia è la strada e i mille chilometri che separano dove vive Veronica e Bailey dalla clinica ad Alberqueque; l’epoca della storia è moderna, ambientata in una scuola americana odierna.
Bailey mostrò il suo cellulare. «Guarda, ho fatto un selfie di noi due.» Era preso da in cima all’elefante. In primo piano c’era lei con un gran sorriso, la faccia sbiancata dal flash. Molto più sotto, con un’aria piccola e arrabbiata, c’ero io, in piedi con le braccia incrociate. Avvertii una fitta al petto. Avrei potuto essere lassù a sorridere accanto a Bailey. Invece mi ero persa quel momento ed ero rimasta a terra a preoccuparmi. «Bello scatto», borbottai. 
I personaggi di questa storia sono sicuramente ben costruiti e delineati anche se in alcuni casi un pelino “esagerati”. Nonostante questo, di cui vi parlerò più avanti, voglio parlarvi della protagonista e voce narrante di questa storia e della sua “Amica d’aborto”, la stravagante compagna di viaggio che l’accompagnerà alla clinica.
Veronica è una ragazza studiosa, sempre in, e a scuola è nel gruppo delle ragazze che sanno il fatto loro. Ha un fidanzato popolare, il più bello della scuola e sogna da tutta la vita di andare in qualche bel college per via dei suoi voti brillanti. Nonostante questo però, Veronica si scioglie a poco a poco e ricorda ciò che è mano a mano che il viaggio prosegue con Bailey. Finge la perfezione e crede di averla ma non è così e lei è imperfetta come tutti gli altri, ama divertirsi e ritrova un’amica che credeva di aver perduto.
Bailey è una ragazza solitaria, chiusa e mal vista all’interno della scuola. E’ la tipa stramba, coi capelli blu che in corridoio o prendono in giro o la evitano. Gli altri però non sanno com’è la vera Bailey, cosa nasconde dentro di se e con cosa deve combattere ogni giorno dentro casa, con la sua famiglia e tutto il resto. E’ una ragazza che sembra sfidare il mondo a mani nude ma allo stesso tempo è fragile ed ha paura. E’ una ragazza che se ne frega delle regole e a cui piace mangiare. Ma nonostante questo non ha mai dimenticato la sua migliore amica d’infanzia Veronica e, quando questa viene a chiederle aiuto è l’unica e sola a farsi avanti per lei.
«Le persone dietro di noi sono pericolose!» Eravamo entrambe terrorizzate e senza fiato, e stavamo correndo in un bosco che sembrava uscire dritto dritto da un film dell’orrore, ma il lampo negli occhi di Bailey mi fece capire una cosa. «Oh mio Dio. Ti stai divertendo!» «Ma per favore… anche tu.» Era assurdo. Ma non potevo ignorare il fatto che avevo le endorfine a mille e mi sentivo assolutamente, completamente… viva. Accelerai la corsa e mi precipitai verso la salvezza degli alberi.
Il perno centrale di questa storia è l’aborto stesso che Veronica vuole intraprendere. Per fare questo però, la attende un viaggio lungo in compagnia di una vecchia amica e di cui non immaginava ne uscisse tutto quello che poi succederà. Un viaggio, un’amicizia ritrovata e un aborto, in un unico libro on the road.
woman standing beside woman in blue dungareeLo stile utilizzato dai due autori è semplice, fluido e molto molto scorrevole. Non sembra neanche essere stato scritto a quattro mani. 
La storia affronta una tematica delicata dal punto di vista di Veronica e dell’aborto. Nonostante sia comunque il motivo principale del viaggio e di preoccupazione per la protagonista non risulta pesante neanche una volta alla clinica. Gli autori mettono in mostra la realtà dell’aborto in america anche senza il consenso genitoriale, come sul fatto che ci siano dei fedeli a cercare di dissuadere le persone fuori dalla clinica. E’ una realtà che spesso non viene presa in considerazione e non viene affrontata e nonostante la tematica non sia poi così leggera gli autori riescono a rendere il tutto soft e allo stesso tempo ciò che è. Per quanto riguarda Veronica, non c’è un momento in cui si vede madre, non c’è un solo momento in cui dubita della decisione presa – soprattutto per via di ciò che ha carinamente fatto il suo fidanzato. Detto questo, quindi, magari si spiega anche il fatto che l’aborto non venga visto in maniera così negativa. Infatti Veronica nel testo dice una cosa simile a “Un giorno vorrò essere genitore ma non è questo il momento“.
Viene affrontata una tematica anche sullo stalking, visto che il fidanzato di Veronica si dimostra essere tale e anche piuttosto psicopatico. Non vi dirò cosa succede nel corso della storia ne cosa lui abbia effettivamente combinato alla giovane protagonista – è giusto che lo scopriate da soli – ma ho trovato il personaggio un tantino esagerato non tanto nelle cose (che sono possibili, questo non lo metto in dubbio ma mi fanno sorgere dubbi). Possibile che nessuno che circondava Veronica si sia mai accorto dei comportamenti malati di codesto uomo? Possibile che a sedici, diciassette anni, uno arrivi a pensare o a fare cose così moleste senza avere dei precedenti in qualche modo o senza che nessuno noti niente? Possibile che dopo tutto il casino che è successo finga indifferenza persino Veronica?
Nonostante questo ho trovata bellissima l’evoluzione fra le due amiche nel corso della storia ed ho amato profondamente Bailey e tutto il contesto in cui ruota la storia. Il suo modo di fare, le sue frasi divertenti, gli insulti e la sua fragilità. Ogni cosa che ha unito queste due giovani lungo il percorso e tutto ciò che hanno affrontato in un semplice week end diventa qualcosa che riesce a cambiare profondamente sia il loro rapporto che il lettore stesso.
Offrirmi di accompagnarla a trovare suo padre era solo un modo facile per assolvere me stessa da tutti i torti che le avevo fatto. E Bailey non era una persona facile. Non lo era mai stata. Era per quello che mi ero gettata tra le braccia di nuove amiche una volta iniziate le superiori. Amiche che piacevano a tutti. Amiche che facevano quel che ci si aspettava da loro. Amiche che non facevano domande né pressioni. Amiche che non chiedevano niente. Amiche semplici. Amiche vuote. Ma Roswell… Avevo dato per scontato che, una volta persa la macchina, Bailey avesse capito che sarebbe stato quasi impossibile fare quella deviazione. Ci avrebbe portato fuori strada di centinaia di chilometri. (…) Ma avevo detto a Bailey che ci saremmo andate.
Il libro è stata una lettura piacevole e nonostante i temi anche divertente e dolce che riporta alla mente le amicizie adolescenziali, ai drammi di quel periodo e della fragilità che si nasconde dentro ognuno di noi. Un libro che consiglio sicuramente.
Jenni Hendricks e Ted Caplan sono due autori davvero promettenti che si sono fatti un posticino nel mio cuore con questa storia. Un libro che ci porta fra le strade americane in un avventura bizzarra tra mucche, strip club e inseguimenti, assieme a Veronica e Bailey. 
Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.
Senza titolo-2
Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Non avremo più paura e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Non avremo più paura o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate? Fatemi sapere con un bel commentino o con un like. Io vi aspetto come sempre!
A presto,
Sara ©

 

REVIEW PARTY: Recensione in anteprima #340 – ADULTI DI CAROLINE HULSE.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Buon martedì ! Eccomi qui con un nuovo evento per voi che spero possa incuriosirvi ed interessarvi. Un libro per cui ringrazio la Mondadori per la lettura in anteprima e Rosaria di Aria’s Wild che ringrazio per avermi coinvolto nella lettura del libro. Ecco adesso che ve ne parlo:

978880471707HIG-312x480Titolo: Adulti
Autore: Caroline Hulse
Editore: Mondadori
Genere: Fiction
Data di uscita: 15 Ottobre 2019
Link d’acquisto:https://amzn.to/33mY4GX
Trama:Claire e Matt non sono più una coppia ormai da un bel po’ di tempo, ma decidono di trascorrere insieme il Natale per il bene della loro amata figlia Scarlett. Non “ricordano” di chi sia stata l’idea di andare al villaggio vacanze Foresta Felice nel North York­shire o chi abbia proposto di coinvolgere anche i rispettivi nuovi partner, ma è successo, ed è troppo tardi per tornare indietro. Claire porta il suo nuovo fidanzato, Patrick (mai chiamarlo Pat!), patito del fitness (e intenzionato a partecipare a un Ironman), un uomo sensibile ma troppo attento a ciò che gli altri pensano di lui e a dimostrare di essere sempre il migliore; Matt porta il nuovo amore della sua vita, Alex, dolce, divertente, e molto, molto paziente. Scarlett, che ha sette anni, porta Posey, il suo amico immaginario, un paranoico coniglio gigante. Insieme, i cinque (o sei?) stringono i denti per fingere serenità e affiatamento e sopportare le attività di divertimento forzato. Bevono un po’ troppo dopo che Scarlett è andata a dormire, condividono segreti riservati del loro passato e, in men che non si dica, la loro vacanza diventa una polveriera che finisce con una telefonata in lacrime alla polizia, dopo un grave incidente al campo di tiro con l’arco. Cos’è successo? Eppure avevano promesso che si sarebbero comportati da adulti.

RECENSIONE

closeup photo of baubles on christmas treeLa storia ha inizio con una telefonata al 911. Alex chiede un soccorso immediato perchè uno di loro è stato colpito con una freccia al villaggio natalizio Foresta Felice. Poi si torna indietro, a prima della vacanza e si cerca di ricostruire la dinamica degli eventi.
Alex viene a sapere che festeggerà il Natale assieme a Matt, il suo compagno e la sua ex moglie Claire e la sua nuova famiglia. Alex non è molto felice di questo ma pur di non passare per la cattiva della situazione acconsente alla vacanza. Quando però tutti si trovano lì, insieme, niente sembra essere come sembra. Alex ha il continuo sospetto che Matt gli abbia mentito dall’inizio, Claire sembra aver tutto programmato anche se non tutto va come voleva, Patrick ritrova una vecchia fiamma ai tempi della scuola che credeva di aver dimenticato e Scarlett cerca di far riunire mamma e papà nonostante abbia paura che la scienziata Alex possa far del male al suo amato coniglio immaginario Posey.
Cosa succederà nel villaggio Foresta Felice? Quali segreti nascondono tutti loro? Cosa è successo veramente quella sera? Chi è stato colpito dalla freccia? Era volontario o è soltanto un incidente? 
«Questo Natale? Quello che arriva fra un mese?» Matt si sedette accanto ad Alex. Si chinò in avanti, prese un piede di lei e se lo mise sul ginocchio.«Ne abbiamo già parlato prima, vero?» Le accarezzò il piede nel calzino a pois.«Abbiamo già detto che per Scarlett sarebbe bellissimo passare il Natale con me e Claire
Risultati immagini per adults Caroline HulseLa trama è curiosa e sicuramente invoglia alla lettura in questo periodo in cui il freddo si fa sempre più vicino e il Natale ci raggiunge sempre di più.
La copertina non mi fa impazzire, decisamente. E’ stata utilizzata una delle due originali come potete vedere anche qui di lato ma se devo essere sincera preferisco di gran lunga l’altra opzione che vedete di lato. Ovviamente sono gusti e magari molti preferiscono questa attuale quindi… a voi la scelta. Quale copertina preferite? Il titolo è stato semplicemente tradotto e sommariamente quindi non posso che dire che graficamente ed esteticamente parlando, il libro è davvero simile se non uguale all’originale.
L’ambientazione del libro è il villaggio vacanze natalizio Foresta Felice nel North York­shire in cui si svolgono tutti i fatti e in cui i personaggi avranno modo di interagire fra loro. L’epoca è moderna e contemporanea, una storia ambientata ai giorni nostri.
Matt sorrise e batté sulla schiena di Patrick, come per dire sei un bravo tipo. Patrick non era un bravo tipo, lo sapeva. Non in quel momento. Era ben lungi dall’esserlo. Fu allora che Patrick capì, si rese conto davvero, che non poteva contare su Matt per rendere divertente questo weekend. Che gli eventi sportivi sarebbero stati amichevoli e sulla linea del vinciamo tutti e quel che conta è partecipare. Claire scese di corsa giù per le scale.
I personaggi di questa storia sono coloro che condurranno questa storia dall’inizio alla fine e avremo modo di scoprirli più o meno tutti, a parte Claire e Matt, nel profondo. I personaggi sono ben descritti e ben costruiti perchè all’inizio si mostrano in un determinato modo e finiscono per essere tutt’altro di come si sono fatti conoscere.
La prima che avremo modo di incontrare è Alex, la compagna di Matt. Alex è una donna molto fragile che ha bisogno di raccomandazioni continue sopratutto dalla sua amica Ruby. Matt, fin da subito, non sembra essere il tipo adatto a lei e si adagia con lei dicendole sempre il classico “Non te l’avevo detto?”. Alex ha avuto problemi con l’alcool e cerca di mantenere sempre tutto per il verso giusto.
Conosceremo Scarlett, la figlia di Matt e Claire, una bambinetta di sette anni che sa l fattarello suo. Ha un amico immaginario di nome Posey, un coniglio viola molto grande che non aiuta durante il corso della storia. Il coniglio immaginario nasce dopo che la bambina perde il suo effettivo peluches a forma di coniglio e torna ad “aiutarla” in questa nuova veste che metterà a dura prova anche i suoi genitori. Nonostante questo, Scarlett è una ragazzina sveglia e non ama le cose da bambini troppo piccoli al villaggio Forest Felice.
Conosceremo il punto di vista di Patrick, compagno attuale di Claire che cerca di farsi strada come patrigno della piccola Scarlett visto che con la sua famiglia non ha avuto granché successo e la sua ex moglie non gli consenta di vedere i figli. E’ un tipo chiuso, serio che ama lo sport e vorrebbe fare le Iron Man, un evento sportivo molto duro e difficile che Claire non supporta davvero del tutto.
Ha subito danni significativi. È il massimo che posso dirvi senza violare la riservatezza. Come ho detto, non forniamo informazioni senza il consenso del paziente. E al momento non è in grado di darglielo. Non è un buon momento. È appena uscito dalla sala operatoria e ha avuto un’anestesia generale. Lo lascerei dormire, per ora, e suggerirei di rimandare il colloquio a domani mattina.
bridge under snowy mountainIl perno centrale di questa storia, oltre al week end in questa strana famiglia allargata è capire cosa è successo veramente quel giorno, al tiro con l’arco. Chi è stato colpito e perchè? Chi è stato a scoccare la freccia? Una storia bizzarra e inverosimile che ci trascinerà all’interno della Forest Felice, nel periodo di Natale.
Lo stile utilizzato è semplice anche se non particolarmente scorrevole, almeno non lo è stata per me. La storia si divide in diversi punti di vista sempre in terza persona, in modo da conoscere meglio i personaggi e sapere sempre più sia sulle loro vite per quanto riguarda l’odierno ma anche tutto ciò che hanno vissuto in passato.
La storia è stata sicuramente descrittiva, i capitoli sono brevi e suddivisi per personaggio ma, a parte la semplice curiosità di capire cosa è successo nell’incidente per cui all’inizio si ha la telefonata da parte di Alex, non c’è molto di più a tenere in piedi tutto il resto. Non sono stata incuriosita da altro e nonostante i personaggi non si rivelino ciò che sono, cosa che dall’inizio era percepibile, non succede qualcosa che mi ha coinvolto o qualcosa che mi abbia fatto dire “Wow, sono soddisfatta della mia lettura“. E’ stata una lettura piacevole ma si ferma lì, nulla di più.
Ho trovato sicuramente la storia carina perchè è stata un passatempo in questi giorni in cui sono stata malata ma, se devo essere sincera, mi sa di già visto e sicuramente poco originale. L’unica cosa che mi ha particolarmente colpito è stato il punto di vista di Scarlett che con il coniglio Posey ha dato davvero un punto di vista da parte della bambina che ha un amico immaginario e tutto ciò che ne consegue. Quindi non solo come è vista per i genitori che si trovano ad affrontare Posey e Scarlett nella quotidianità ma anche come la bambina stessa vede il piccolo animale peloso immaginario.
«Allora, che libro hai portato con te per l’ora della lettura in famiglia?» «Non ne ho portati. Mi rilasso molto di più cucinando.» «Ma hai detto a tutti di portare un libro.» Claire scrollò le spalle. «Non parlavo di me. Preferisco cucinare.» Quella donna era impenetrabile. Lo faceva apposta? O cambiava, da un giorno all’altro? O stabiliva delle regole e poi pensava che non si applicassero a lei?
Una lettura adatta nel periodo natalizio per passare qualche ora in compagnia di una famiglia allargata che cerca di piacere sia all’altro, sia di dimostrare quanto siano finalmente diventati ADULTI.
Caterine Hulse scrive una storia semplice e curiosa che porta alla luce le dinamiche famigliari di coppie separate alle prese con i figli e con la crescita personale che, in questa storia, sembra ben lontana dall’esserlo.
Il mio voto per questo libro è di: 3 balene.
Senza titolo-3 (2)
Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Seguite le altre recensioni, mi raccomando:

72049448_2480528568883307_9213792786610913280_o


Vuoi acquistare Adulti e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Adulti o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che mi dite? Credete possa piacervi? Fatemi sapere con un bel commentino o con un like. Io vi aspetto come sempre!
A presto,
Sara ©