BLOGTOUR: LA LISTA DELLE COSE CHE NON DIMENTICHERO’ MAI DI VAL EMMICH – RECENSIONE (#179)

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui… nuovo giorno nuovo Blogtour. Oggi vi presento l’uscita in arrivo in libreria – proprio oggi – per la Piemme, che ringrazio molto. Un libro dolcissimo che sono sicura vi piacerà. Un grazie enorme anche a Sara che mi ha coinvolto in questa bella iniziativa per questo libro. Ecco che ve lo presento:

51sPpg9lRKL._SX323_BO1,204,203,200_Titolo: La lista delle cose che non dimenticherò mai

Autore: Val Emmich
Editore: Piemme
Genere: Narrativa
Data di uscita: 22 maggio 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2J0b92e
Trama: La piccola Joan ricorda tutto, ma proprio tutto. Non lo fa apposta. Ha un “disturbo della memoria autobiografica”. Si ricorda qualunque giorno della sua vita in ogni minimo dettaglio. Per esempio, quante volte sua madre ha pronunciato la frase «Non sbaglia un colpo» negli ultimi sei mesi (ventisette) o che cosa indossava quel giorno di sei anni fa in cui il nonno la portò a pescare (degli orrendi calzettoni). Ma Joan non vuole essere la bambina che ricorda tutto. Vuole essere la bambina che nessuno può dimenticare. E forse l’occasione per farsi ricordare arriva quando viene a stare a casa sua Gavin, un amico di gioventù del papà e come lui cantante e musicista. Joan lo conosce da sempre, e decide di farsi aiutare da lui nell’impresa che la renderà famosa: vincere il Concorso per nuovi cantautori indetto dalla sua scuola. Ma Gavin, purtroppo, non può aiutare nessuno: ha appena perso il suo compagno, Sydney, e con lui anche la gioia di vivere. Così, sarà Joan ad aiutare Gavin. A ricordare. I momenti che lui e Sydney hanno vissuto insieme, le piccole cose, ogni dettaglio che la bambina, negli anni, ha immagazzinato nella sua portentosa memoria. E, in cambio, forse, Gavin la aiuterà a scrivere la sua canzone…

RECENSIONE

Risultati immagini per gif chitarreLa storia si divide su due punti di vista. Tutto ha inizio con la piccola Joan fuori da scuola. Sono passate da un pezzo le quattro e mezza e suo padre sembra aver dimenticato di passare a prenderla. La professoressa è rimasta lì con lei ad aspettare suo padre mentre riflette su quante lei cose riesca a ricordare rispetto agli altri. Joan ha l’HSAM ovvero memoria autobiografica altamente funzionale e ricorda qualsiasi data da quella in cui si è macchiata la sua maglia preferita con del burro a quella in cui è morta sua nonna o tante altre cose ed ama la musica. Appunta tutto su un quaderno, anche le canzoni che scrive e suona la chitarra. Gavin è un attore discretamente famoso e ha interpretato una serie televisiva. E’ un amico dei genitori di Joan e ha perso da poco l’amore della sua vita, Sydney. Per questo i due si incontreranno.

Cosa succede fra la piccola Joan e il triste Gavin? Riuscirà Joan a scrivere la sua canzone per il contest? Gavin riuscirà a trovare un po’ di pace e a metabolizzare il suo lutto?

Le persone trovano un sacco di scuse quando non si ricordano di qualcosa. Danno la colpa a problemi di udito, o magari al fatto che sono troppo occupate, o troppo vecchie, o troppo stanche. Ma la verità è che non hanno spazio sufficiente dentro le loro scatole. Quando stavo per compiere cinque anni, la mamma mi ha regalato una scatola per le mie opere d’arte. Non ne poteva più che sparpagliassi in giro per casa disegni e progetti. Allora mi ha detto di scegliere i pezzi più importanti perché nella scatola non c’era spazio sufficiente per conservarli tutti. È così che funziona con il cervello della gente: c’è spazio solo per i ricordi più importanti, il resto si getta via. Però quando tocca a me essere gettata via perché non sono abbastanza importante è difficile non abbandonarsi alla depressione come fa John Lennon nel White Album quando canta I’m lonely and I wanna die. Specie considerando che io non getterei mai via nessuno, perché nel mio cervello lo spazio non manca mai. Voglio solo un po’ di giustizia.

La trama mi è saltata subito all’occhio e l’ho trovata dolcissima, per questo quando mi è stato proposto l’evento ho detto subito si. E’ una storia dolce e la trama incuriosisce e cattura nel modo giusto. Non potete perdervi questa lettura, assolutamente.

Risultati immagini per val emmich bookPer quanto riguarda la copertina devo dire che sono davvero entusiasta della scelta italiana della Piemme. Guardando poi l’originale che lascia decisamente a desiderare, stavolta, sono più che soddisfatta dell’adattamento italiano che rispecchia in pieno la storia, in tutto e per tutto. Ottimo lavoro sicuramente. 

Il titolo originale come potete vedere dalla copertina originale qui di lato è The Reminders che significa “I promemoria“. In italiano sarebbe stato sicuramente sminuente e sono davvero felice che sia diventato La lista delle cose che non dimenticherò mai. Sicuramente molto lungo ma decisamente appropriato per riassumere questa storia e azzeccato.

L’ambientazione si divide, almeno inizialmente, fra Los Angeles dove vive Gavin e The Heights, vicino a New York dove vive Joan. Da casa sua si ha una vista sul fiume Hudson fino a Manhattan. La storia comunque si svolge per la maggior parte a casa di Joan o comunque a New York. L’epoca è senza dubbio moderna, ambientata ai giorni d’oggi, precisamente nel 2013.

La rievocazione di Joan mi dà la sensazione di riconnettermi in qualche modo con il vero Sydney. Ho provato una specie di ebbrezza, di esaltazione, di pietoso sollievo dalla tristezza. Mi ha fatto superare la serata. Ci sono stati dei buchi nel suo racconto, ogni volta che è andata in bagno o ha perso la concentrazione, ma quasi non me ne sono accorto. Quello che c’era è stato così vivido e tipico di lui da creare una sensazione di realtà. Per diversi secondi di seguito ho sentito che Syd era qui davvero, che eravamo insieme, anche se solo per pochi istanti.

I personaggi di questa storia non sono tantissimi ma sono davvero ben costruiti i principali e la famiglia di Joan. I sentimenti e le emozioni di entrambi i protagonisti sono ben strutturati e calibrati e la cosa che stupisce è come i personaggi riescano ad entrare dentro fin nel profondo.

Joan è una bambina di dieci anni davvero intelligente. Oltre ad avere HSAM che le consente di ricordare qualsiasi cosa, lei vuole essere ricordata. Scrive canzoni, ama la musica e sa suonare la chitarra. Il suo doppio nome è Lennon come il cantante perchè i suo padre amava quel cantante e lei conosce tutte le loro canzoni. E’ una bambina arguta e sveglia. Non veste mai allo stesso modo perchè altrimenti un vestito corrisponderebbe a due ricordi e lei non può permetterselo. Si affezionerà a Gavin e diventeranno l’ancora una dell’altro.

Immagine correlataGavin è un uomo che sognava da una vita di fare l’attore ed ora ha debuttato in una serie televisiva. E’ triste per aver perso l’uomo e l’amore della sua vita, Sydney. Sydney era la cosa più importante per lui e si sente perso senza di lui. Quando va a trovare i genitori di Joan per cambiare aria trova una strana sintonia con la bambina che ricorda tutte le volte che Sydney è stato lì da loro. Lo aiuta a ricordare dei bei momenti, che anche se fanno male gli consentono di avere Sydney ancora lì con lui.

Penso alle centinaia di canzoni che papà ha scritto e registrato qui nel suo studio. Posso sentirle nella mia testa e posso anche vedere tutto quello che è successo qui, come il quartetto d’archi che papà aveva reclutato, e il quadro che era caduto dalla parete mentre papà suonava troppo forte la batteria, e quando era mancata la corrente cancellando una delle sue canzoni e così aveva dovuto riprendere daccapo e registrare per la seconda volta ogni singolo strumento. Difficile immaginare cosa succederà dopo nello studio. Lo vedo ogni anno a scuola quando cambiamo aula, o quando al centro commerciale un ristorante chiude e uno nuovo apre nello stesso posto. Presto papà toglierà tutte le sue cose e questo appartamento sembrerà vuoto e delle nuove persone vorranno riempirlo con la loro roba. Ma per me questo posto non sarà mai vuoto, sarà sempre pieno, perché ovunque guardo, tutto attorno, vedo quello che gli altri non vedono: i ricordi.

Il perno centrale di questa storia è diviso in due ma al contempo si unisce in una cosa sola. L’amore di una bambina per la musica e la fissazione di essere ricordata da tutti e il dolore di un uomo che ha perso tutto il suo mondo, la persona che amava. Quando queste due anime si incontrano ne nascerà qualcosa di meraviglioso. Unico.

Lo stile utilizzato è decisamente semplice e conciso. I capitoli si alternano passando dalla piccola e sensibile Joan al timoroso e chiuso Gavin. Entrambi soli uniti dalla passione per la musica e per i ricordi.

Joan vuole essere ricordata come lei ricorda qualsiasi cosa per via dell’HSAM. Gavin vorrebbe Sydney, l’uomo della sua vita, di nuovo acanto e si serve dei ricordi della piccola bambina per non dimenticare. Il tricheco e il merlo uniti più che mai nella scrittura di una canzone che li porterà a ricordare, sorridere, riflettere e commuoversi. Entrerete nel cuore di Gavin e vi aggrapperete al suo amore per Sydney amandoli entrambi, così diversi ma allo stesso tempo simili.

Interessante è la tematica dello HSAM di cui conoscevo molto poco se non nulla. Approfondirete questo assieme alla piccola protagonista che vi sembrerà un piccolo prodigio. Inoltre, all’interno del libro ci sono dei disegni che sono davvero unici e apprezzerete, assieme alla storia stessa.

E terrete per meno la piccola Joan lungo il suo percorso musicale ma anche a quello dei ricordi. Una storia davvero tenera e scorrevole, che leggerete in pochissime ore.

Finalmente la mia memoria mi serve a qualcosa. Rifaccio la stessa strada che ho fatto con Gavin quando siamo andati in città, giù per la collina e attraverso Hoboken. Diventa più difficile quando arrivo alla metropolitana, perché Gavin aveva usato una tessera gialla per superare i tornelli, ma io la tessera gialla non ce l’ho. A tutto il resto ci ho pensato. Sulla schiena ho la Gibson di papà e dentro la sua custodia morbida ci sono tutte le mie cose: il mio diario, il borsellino con gli spiccioli, i plettri di Sydney, le gomme da masticare e i documenti che ha mandato Felicia. Ma niente tessera gialla.

Il libro è stato davvero molto carino e decisamente tenero. Questo libro una volta iniziato non si riesce a smettere di leggere, consigliato!

Val Emmich scrive un romanzo che narra il dolore di un uomo e la passione di una bambina uniti dal vortice dei ricordi e dalla musica che li accompagnerà lungo il corso della storia. Una storia toccante, profonda e piena di dolcezza.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo


Ecco la lista delle tappe che potete seguire. Seguiteli e non ve ne pentirete!

Val Emmich - calendario


Vuoi acquistare Less e sostenere il Blog? Acquista da Qui: La lista delle cose che non dimenticherò mai o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se leggerete questo libro. Vi piace?

A presto,

Sara ©

Annunci

REVIEW PARTY + GIVEAWAY: “ELEANOR OLIPHANT STA BENISSIMO DI GAIL HONEYMAN” (#178)

BUONGIORNO CARE PARTICELLE!

Oggi vi porto una novità in uscita oggi per la Garzanti che ringrazio per averci permesso la lettura e ringrazio Sara di Bookspedia, come sempre, per avermi coinvolto in questa bellissima iniziativa. Il libro è stato piuttosto interessante e sono sicura che piacerà anche a voi. Ecco qui che ve lo presento:

91dWIhUlFeLTitolo: Eleanor Oliphant sta benissimo
Autore: Gail Honeyman 
Genere: Fiction
Data di uscita: 17 maggio 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2L8BYiW
TramaMi chiamo Eleanor Oliphant e sto bene, anzi: benissimo. Non bado agli altri. So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo. Forse è perché io dico sempre quello che penso. Ma io sorrido, perché sto bene così. Ho quasi trent’anni e da nove lavoro nello stesso ufficio. In pausa pranzo faccio le parole crociate, la mia passione. Poi torno alla mia scrivania e mi prendo cura di Polly, la mia piantina: lei ha bisogno di me, e io non ho bisogno di nient’altro. Perché da sola sto bene. Solo il mercoledì mi inquieta, perché è il giorno in cui arriva la telefonata dalla prigione. Da mia madre. Dopo, quando chiudo la chiamata, mi accorgo di sfiorare la cicatrice che ho sul volto e ogni cosa mi sembra diversa. Ma non dura molto, perché io non lo permetto. E se me lo chiedete, infatti, io sto bene. Anzi, benissimo. O così credevo, fino a oggi. Perché oggi è successa una cosa nuova. Qualcuno mi ha rivolto un gesto gentile. Il primo della mia vita. E questo ha cambiato ogni cosa. D’improvviso, ho scoperto che il mondo segue delle regole che non conosco. Che gli altri non hanno le mie stesse paure, e non cercano a ogni istante di dimenticare il passato. Forse il «tutto» che credevo di avere è precisamente tutto ciò che mi manca. E forse è ora di imparare davvero a stare bene.

Anzi: benissimo.

RECENSIONE

Risultati immagini per gif incendioLa storia ha inizio in un giorno come tanti. Eleanor Oliphant è una donna trentenne poco incline alla moda che adora i cruciverba e la vodka. La vita di Eleanor Olphant sembra, in apparenza, andare benissimo. Ogni mercoledì sua madre la chiama dal carcere e lei le racconta la sua triste routine fatta di lavoro, la sua pianta Polly di cui si prende cura e poco altro. Le racconta persino del suo nuovo progetto: conquistare il cuore di un uomo, Johnnie Lomond, un musicista della sua zona di cui lei sembra essersi innamorata. Ma la vita Eleanor Olphant va tutt’altro che bene: lei è una donna sola. Tutto si sconvolge  un giorno in cui il suo Pc sembra non essere funzionante e si rivolge e Raymond, un nuovo collega che si occupa di computer. Lei lo trova sciatto, quasi un bambino. Quando Eleanor si ritrova di ritorno a casa dal lavoro percorre un tratto di strada con il giovane collega. E’ lì, quando un anziano crolla a terra e i due lo soccorrono che la vita di Eleanor Oliphant cambierà passo dopo passo.

Cosa succederà ad Eleanor Oliphant? Cosa cambierà nella sua vita? Basta un gesto per cambiare la vita di una persona? Come riuscirà la nostra protagonista a stare bene, anzi benissimo?

Io ero Eleanor, la piccola, triste Eleanor Oliphant, con il mio lavoro patetico, la mia vodka e le mie cene da sola, e lo sarei sempre stata. Niente e nessuno – e certamente non quel cantante, che si stava sistemando i capelli durante l’assolo di chitarra di un altro membro della band – avrebbe potuto cambiare le cose. Non c’era speranza, le cose non si potevano riparare. Io non potevo essere riparata. Al passato non si poteva sfuggire, né lo si poteva disfare. Un’illusione durata settimane intere, mi resi conto, senza fiato: ecco la verità nuda e cruda. Sentii disperazione e nausea che si mescolavano dentro di me, e poi calò rapidamente quell’umore nero, nerissimo, e familiare.

Risultati immagini per eleanor oliphant is completely fineLa trama è sicuramente curiosa così strutturata perchè sembra essere proprio Eleanor a rivolgersi al lettore. Io me ne sono innamorata praticamente subito e non vedevo l’ora che uscisse questo libro per leggerlo. Ve lo dico, non ne sono rimasta per nulla delusa. E’ un libro davvero brillante e coinvolgente. Eleanor Oliphant non vi deluderà!

La copertina è davvero meravigliosa e sono felice che sia stata mantenuta l’originale. Il fatto che sia rappresentata una casa è il simbolo in cui Eleanor si rifugia. Il fatto che questa sia fatta con dei fiammiferi lascia comprendere quanto “il castello” sia fragile. Oltretutto il fiammifero rappresenta l’incendio per Eleanor e come questo abbia cambiato la sua vita. Davvero particolare. Il titolo originale è Eleanor Oliphant is completly fine e l’adattamento italiano è stato semplicemente tradotto e arrangiato. Non è stato modificato alcunché almeno nell’aspetto del libro, il che è una gioia.

L’epoca è senz’altro moderna. Eleanor si barcamena nel nostro presente cercando di rimanere a galla, nella sua solitudine e nella sua ordinaria routine.

Se qualcuno ti chiede come stai, si aspetta che tu risponda BENE. Non devi dire che la sera prima ti sei addormentata piangendo perché erano due giorni di fila che non parlavi con un’altra persona. Devi dire: BENE. Quando avevo cominciato a lavorare per Bob c’era una donna più vecchia in ufficio, cui mancavano pochi mesi alla pensione. Era spesso assente perché doveva badare alla sorella, che aveva un cancro alle ovaie. Questa collega più vecchia non parlava mai di cancro, non pronunciava nemmeno la parola, e accennava alla malattia solo con i termini più vaghi. Capisco che allora quest’approccio fosse considerato assolutamente abituale. Ai giorni nostri la solitudine è il nuovo cancro, una cosa vergognosa e imbarazzante, così spaventosa che non si osa nominarla: gli altri non vogliono sentire pronunciare questa parola ad alta voce per timore di esserne contagiati a loro volta, o che ciò possa indurre il destino a infliggere loro il medesimo orrore. 

Immagine correlataI personaggi sono davvero ben descritti e ben strutturati. La protagonista è resa così reale da far quasi paura, tutte le sue manie, la sua quotidianità, completa e vera nella sua interiorità ed esteriorità.

Eleanor Oliphant è una donna trentenne, chiusa ed estremamente fragile. Le uniche visite che riceve sono gli assistenti sociali perché sua madre è in carcere. Quest’ultima, invece, le telefona sempre di mercoledì sera e tra un insulto e l’altro parla con sua figlia. E’ una contabile, tiene all’igiene e all’educazione, non ha problemi a dire quello che pensa ed è critica verso gli altri e con se stessa. Inoltre la donna ha un grande sfregio sulla faccia come sulle mani dovuta dall’ustione che si è procurata in un incidente.

Raymond è un ragazzo che si occupa del reparto d’informatica nella società in cui lavora anche Eleanor. E’ lì, infatti, che i due si conoscono. E’ un ragazzo sveglio, intelligente e premuroso. Si prende cura della propria madre e si affeziona quasi immediatamente ad Eleanor, senza un apparente motivo. E’ gentile e aiuterà la nostra protagonista nel corso del libro, diventando il primo vero amico che abbia mai avuto.

«Ci vediamo presto, eh? Stammi bene», disse. Sembrava che parlasse sul serio riguardo a entrambe le cose, che effettivamente ci saremmo rivisti presto e che voleva che io stessi bene. Sentii un calore dentro di me, una sensazione piacevole e radiosa, come un tè caldo in una mattina fredda.«Stammi bene anche tu, Raymond», risposi. E lo pensavo sul serio.

Il perno centrale di questa storia è proprio la protagonista Eleanor. La storia si basa sulla parte della vita in cui le vengono poste davanti delle alternative come dei gesti gentili, delle persone inaspettate a cui volere bene, e l’accettazione di se stessi per ciò che si è elaborando il proprio passato. E’ proprio questo che succederà alla giovane protagonista di questa storia.

Lo stile utilizzato è stato piuttosto semplice anche se non propriamente scorrevole come potrebbe sembrare. La storia, comunque, è coinvolgente e sfacciatamente difficile. La narrazione sbalza tra momenti in cui Eleanor sarà sarcastica e divertente ad altri in cui vi sentirete dannatamente giù di morale. Comunque, nonostante Eleanor non sia una persona facile e fin dalle prime pagine vi sembrerà sfacciata, puntigliosa e precisa, andando avanti nel corso della lettura vi sembrerà tutt’altro che questo. Anzi, vi ritroverete persino a giustificare il suo bizzarro comportamento in determinate situazioni, comprendendola e amandola.

La tematica all’interno del libro, però, è decisamente ben sviluppata ed Eleanor non è certo una persona facile da gestire. Eleanor ha vissuto un passato burrascoso e difficile, ha una madre che la fa sentire una nullità e non ha alcun amico/a con cui confidarsi. Tutti pensano che lei sia strana ma verrà alla luce la cosa più importante di tutte. L’evento che ha vissuto da bambina e di cui ne porta le cicatrici sulla pelle l’ha resa com’è oggi.

 

“Eleanor”, dissi a me stessa, “a volte giudichi la gente troppo in fretta. Ci sono un sacco di ragioni per cui potrebbero non avere l’aspetto delle persone che vorresti vedere sedute accanto a te su un autobus, ma non si può riassumere qualcuno con un’occhiata di dieci secondi. Non è un tempo sufficiente. Non c’è niente di male nell’essere sovrappeso, no? Magari mangiano perché sono tristi, proprio come tu bevevi vodka. Potrebbero avere avuto dei genitori che non gli hanno mai insegnato a cucinare o a mangiare cose salutari. Potrebbero essere disabili e non essere in grado di fare esercizio, oppure avere una malattia che gli fa acquistare peso nonostante ogni loro sforzo. E tu non puoi saperlo, Eleanor. ” La voce nella mia testa – la mia voce – era in realtà molto ragionevole e razionale, iniziavo a rendermene conto. Era la voce della mamma a giudicare in continuazione e a incoraggiarmi a fare lo stesso. La mia voce e i miei pensieri cominciavano a piacermi davvero. Ne volevo di più. Mi facevano sentire bene, calma persino. Risultati immagini per gif ragazza solaMi facevano sentire me stessa.

Il libro in questione è davvero una piccola perla. Sono felice che sia stato portato in Italia e che abbia avuto la possibilità di presentarvelo. Un romanzo unico, un piccolo gioiello che tutti dovrebbero leggere.

Gail Honeyman è un’autrice davvero eccezionale. La sua penna è unica e riesce a rappresentare Eleanor Oliphant rendendola quasi un’amica agli occhi del lettore. Una storia che vi farà commuovere, divertire e riflettere allo stesso tempo. Una storia di una donna che capisce che l’unico modo per vivere davvero è imparare ad aprire il proprio cuore.

Il mio voto per questo libro è: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo


GIVEAWAY

Vuoi provare a vincere una copia di Eleanor Oliphant sta benissimo? Le regole da seguire sono semplicissime: 

Seguire i blog partecipanti
Commentare le recensioni
Seguire su Facebook la pagina Garzanti

Il giveaway va dal 17 al 20 maggio.

Basta che compiliate questo modulo per partecipare e seguiate le regole (che sono le stesse che vi ho elencato poco fa): a Rafflecopter giveaway


Seguite le altre tappe qui sotto, vi aspettano e sono sicuro che andrete a vederle. Eccole qui:

Oliphant


Vuoi acquistare Eleanor Oliphant sta benissimo e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Eleanor Oliphant sta benissimo o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Vi entusiasma, lo leggerete? Fatemi sapere i vostri pensieri!

A presto,

Sara ©

PROSSIME USCITE PER DEAGOSTINI, NEWTON COMPTON, NORD, SALANI, CORBACCIO, GARZANTI, RIZZOLI, FAZI E MONDADORI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Sono qui per voi con un mix di uscite di case editrici con cui collaboro ed altre con cui no ma che mi interessano particolarmente e spero di comprare e leggere. Voi cosa ne pensate? Spero vi piacciano molto. Ecco qui:

DEAGOSTINI

Titolo: L’eredità di mezzanotte
Autore: Irena Brignull 
Genere: Fantasy
Data di uscita: 29 maggio 2018

TramaLa guerra tra i clan delle streghe si è conclusa, la perfida Raven è stata sconfitta e Poppy nominata nuova regina. Ma anziché sedere sul trono, la ragazza abbandona gli amici e in particolare l’amato Leo partendo per lidi lontani… Giunta in Africa, terra della magia, un’anziana sciamana la accoglie e si prende cura di lei aiutandola a coltivare i suoi poteri. Ma quando Poppy decide che è tempo di tornare a casa, la donna la trattiene: vede un’ombra incombere sul futuro di Poppy. Un’ombra nera come la morte. E pur di non lasciar allontanare l’erede al trono, la imprigiona. La prolungata assenza di Poppy però mette a repentaglio il regno intero. I clan si ribellano, le forze del male si risvegliano e Leo, lontano dalla ragazza di cui è innamorato, si sente perduto. Ora che il fantasma di Raven è tornato dal regno dei morti, l’eredità delle streghe è davvero in pericolo. Perché basta una sola parola, un solo segreto, per decretare la fine di tutto…


Titolo: Iron Flowers
Autore: Tracy Banghart
Genere: Fantasy
Data di uscita: 29 maggio 2018
TramaIn un mondo governato dagli uomini, in cui le donne non hanno alcun diritto, due sorelle gemelle non potrebbero essere più diverse l’una dall’altra. Nomi è testarda e ribelle. Serina è gentile e romantica e ha sempre desiderato diventare una delle Grazie, una delle mogli del principe. Ma il giorno in cui le due ragazze si recano a palazzo, Nomi come ancella, Serina come candidata Grazia, accade qualcosa di inaspettato che cambierà per sempre le loro vite. Perché contro ogni previsione è proprio Nomi a essere scelta dal principe come sua donna, non Serina… E mentre per Nomi inizia così una vita a palazzo, tra sfarzo e pericolosi intrighi di corte, Serina, accusata di tradimento per aver mostrato di saper leggere, viene condanata nell’isola di Monte Rovina, una prigione di donne ribelli in cui per sopravvivere occorre combattere e uccidere. Per entrambe, la fuga è impossibile e un solo errore potrebbe signi?care la morte. Quando non c’è soluzione, l’unica soluzione è cambiare le regole, e a volte bastano due sole donne per farlo.

CORBACCIO

Titolo: La scrittrice che decise di voltare pagina

Autore: Jo Platt
Genere: Corbaccio
Data di uscita: 7 giugno 2018
TramaLa scrittrice Grace Waterhouse è convinta di avere proprio toccato il fondo. L’ex marito Aiden ha appena avuto un figlio dalla nuova compagna e l’ultimo romanzo che ha appena concluso è… be’ meglio non parlarne, secondo il suo agente. Scoraggiata, decide di dare un colpo di spugna sul passato e di inventarsi una nuova vita. L’occasione si presenta quando Rose, la sua collaboratrice domestica nonché confidente materna, in partenza per un lungo soggiorno in Spagna, scopre che l’amica che avrebbe dovuto fare le pulizie negli appartamenti affidati a lei, non può più sostituirla. Grace allora ha un’ispirazione folle: prenderà lei il posto di Rose. Così, ragiona, conoscerà nuove persone, abbandonerà la sua quotidianità e potrà magari trovare ispirazione per un nuovo romanzo. Ma improvvisarsi in un nuovo lavoro e cambiare vita di colpo non è facile, e quando Aiden, pentito, chiede di tornare da lei, la tentazione è forte, anche se, certo, fra i suoi nuovi “datori di lavoro” c’è un giovane avvocato, che sembra invitarla a rompere tutti i ponti con il passato…

GARZANTI

Titolo: Ascolta i fiori dimenticati

Autore: Holly Ringland
Genere: Fiction
Data di uscita: 31 maggio 2018
Una bambina che si fida solo dei fiori.
Il giardino è il suo rifugio.
Perché lì sono custoditi i suoi segreti.

Trama: Alice ha nove anni quando la sua vita cambia per sempre. Tutto quello che conosce sparisce in pochi istanti, lasciandola sola. È per questo che sceglie di non parlare più. Ora a prendersi cura di lei c’è nonna June, di cui non sospettava nemmeno l’esistenza. Con la sua passione e il suo entusiasmo, questa donna amorevole insegna ad Alice a coltivare i fiori. Ad ascoltarli e a imparare i loro significati nascosti. Col tempo, quei fiori diventano le sue parole. Il giglio per l’amore che accoglie e protegge. Le campanule gialle per lo stupore che accompagna le novità. L’orchidea nera per i desideri che bruciano in fondo al cuore. Perché solo qui, nel giardino della nonna, Alice si sente davvero al sicuro. Cullata dalla voce dei fiori, con i quali intreccia meravigliose ghirlande per coloro che desiderano fare un regalo capace di curare l’anima. Ma nel cuore di Alice ci sono ancora ferite che chiedono a gran voce di essere ricucite. Nessun fiore è stato in grado di lenirle. E quando il passato ritorna nella sua vita, Alice non può più far finta di niente. Deve tornare là dove tutto è cominciato per portare alla luce la verità e scoprire che, forse, non è sola come ha sempre creduto ma c’è qualcuno ad aspettarla. Solo così potrà rinascere davvero. Solo così potrà finalmente decidere in quale luogo mettere radici, proprio come un fiore che cresce vigoroso dopo la tempesta.


Titolo: L’aroma nascosto del tè
Autore: Jamie Ford
Genere: Narrativa
Data di uscita: 31 maggio 2018
Due giovani separati dal destino.
Un amore che non conosce ostacoli.
Solo il tempo potrà farli incontrare di nuovo.

TramaSeattle, 1962. Per Ernest Young la storia sembra destinata a ripetersi. Sono passati più di cinquant’anni dall’ultima volta che ha visitato l’Esposizione universale, ma nulla è cambiato. Oggi come allora c’è il padiglione della lotteria, su cui svetta una bandiera gialla e viola. A Ernest basta vederla stagliarsi nel cielo azzurro per sentirsi di nuovo nel lontano 1909. Per lui, appena sbarcato in America dalla Cina a soli dodici anni, quella bandiera è un simbolo di speranza e libertà. Ma conquistarle non sarà facile. Venduto come premio della lotteria, finisce servitore nella casa di una stravagante signora. Fino a quando, proprio qui, nel più insospettabile dei luoghi, incrocia lo sguardo di una ragazzina pura e innocente: è Fehn e il suo viso dagli inconfondibili tratti giapponesi non gli è nuovo. L’ha incontrata sulla nave che l’ha condotto negli Stati Uniti e se n’è subito innamorato. Perché negli occhi smarriti di Fehn, Ernest legge il suo stesso dolore. Le stesse difficoltà, nate dall’essere diversi. Giorno dopo giorno, avvolti dall’aroma del tè che preparano per gli ospiti della casa, la loro amicizia si trasforma in qualcosa di più. Un amore profondo reso impossibile da quel sogno americano in cui entrambi credevano e che, invece, li ha delusi non mantenendo le promesse. Ernest e Fehn sono costretti a separarsi e a prendere strade diverse. Eppure sono sicuri che il loro sentimento, più forte di tutto, riuscirà a sopravvivere e li aiuterà a ritrovarsi. Ora, a più di cinquant’anni di distanza, Ernest torna là dove tutto è cominciato, nella speranza di ritrovare la sua Fehn, il primo amore che, a dispetto del tempo, sente così vicino da poterlo quasi toccare, e di riprendere la loro storia da dove l’avevano lasciata.


Titolo: Frammenti di felicità
Autore: Anne Ostby
Genere: Narrativa
Data di uscita: 17 maggio 2018
Una fabbrica di cioccolato su un’isola esotica.
Cinque amiche pronte a rimettersi in gioco.
TramaNel bel mezzo dell’oceano Pacifico c’è una piccola isola dove la terra incontra il cielo e il mare è così cristallino da riempire gli occhi di meraviglia. È qui che Kat ha scelto di vivere trovando nelle onde calde di sole e nelle distese di sabbia bianchissima frammenti di una felicità più grande. Una felicità costruita con pazienza, pezzo dopo pezzo, e che ora è pronta a condividere con le amiche di una vita. Per questo invia a ognuna di loro una lettera: per sfidarle a rischiare, a lasciarsi alle spalle tutto quello che non ha funzionato e ricominciare insieme all’ombra delle palme fijane. Nessuno saprebbe resistere a una proposta tanto allettante. Nemmeno Sina, madre single con un figlio egoista e arrogante. O Maya, a cui la vita sta scivolando tra le dita un poco ogni giorno. O ancora Ingrid, troppo abituata alla solitudine, e Lisbeth, prigioniera delle apparenze. Armate solo di intraprendenza ed entusiasmo, le quattro amiche trovano il coraggio di trasferirsi sull’isola e, sotto la guida sapiente di Kat, danno vita a una piccola fabbrica di cioccolato. Un luogo speciale, dove imparano a racchiudere in bocconi cremosi e vellutati tutto il loro amore per la vita. Un luogo dove, istante dopo istante, avvolte dall’aroma intenso del cacao, riscoprono una nuova forma di leggerezza e arrivano a gustare il sapore dolce della libertà. Ma anche in un paradiso come questo, dove il tempo sembra essersi fermato in un eterno presente, è impossibile non fare i conti con l’ombra lunga del passato. Sina, Maya, Ingrid, Lisbeth e la stessa Kat non tarderanno a confrontarsi con i segreti che ognuna di loro si porta dentro e che rischiano di mettere a dura prova il loro legame e tutto quello che hanno costruito insieme.

NEWTON COMPTON

undefinedTitolo: Le donne di casa Blackwood 
Autore: Ellen Marie Wiseman
Editore: Newton Compton
Genere: Historical Fiction
Data di uscita: 17 Maggio 2018
Trama: Una sera dell’estate del 1931 Lilly Blackwood intravede le luci abbaglianti del circo dalla finestra spiovente della sua camera da letto. Non ha il permesso di esplorare i dintorni della casa. Non è neanche mai uscita dalla sua stanza all’ultimo piano. Sua madre sostiene che sia per il suo bene e che le persone si spaventerebbero se la vedessero. Ma quella notte calda e stellata è destinata a cambiare ogni cosa: Lilly esce dalla sua prigione e si dirige verso il tendone del circo. Più di vent’anni dopo, la diciannovenne Julia Blackwood ha ereditato dai genitori la tenuta di famiglia e la casa adiacente. Per Julia, quello è un luogo di ricordi infelici, pieno di regole ferree e stanze proibite. Tornare lì dopo tanto tempo potrebbe aiutarla a liberarsi dai fantasmi del passato? Scavare a fondo tra i segreti di casa Blackwood porterà Julia a scoprire verità scabrose e tradimenti di cui si è macchiata la famiglia, perché la sua storia è intrecciata a quella di Lilly, in fuga per trovare la sua strada nel mondo duro, a volte brutale del Circo dei fratelli Barlow.

RIZZOLI

Titolo: Dimmi che ci credi anche tu

Autore: Eleonora Gaggero
Pagine:
204

Prezzo: € 16,00
Trama: Il sogno di Effy di diventare un’attrice sta per trasformarsi in realtà. Dopo aver trascorso l’estate in un campus esclusivo per giovani talenti, si è, infatti, aggiudicata un viaggio nella patria del cinema: Hollywood, Los Angeles, Stati Uniti. Per tre settimane! Non sembra vero. E con lei ci sono anche Stella, Bruce e, soprattutto, James. Questo viaggio è così anche una meravigliosa vacanza con le persone che sono diventate quasi una seconda famiglia, con il ragazzo che è, forse, il primo grande amore. Questa volta però le prove da superare non sono solo quelle del palco. La vita ha in serbo per Effy altre sfide: come la bella Alyssa, che ha puntato James dal primo momento in cui lo ha visto. O Brandon, l’affascinante attore che sembra avere simili intenzioni con Effy. E in mezzo a questo c’è anche la prima importante occasione di lavoro, un’opportunità che porrà Effy di fronte a un dilemma molto più grande di quanto possa immaginare. James, infatti, le nasconde un segreto, un capitolo del suo passato che credeva di essersi lasciato alle spalle e che ora rischia di mandare in frantumi i loro sogni… Eleonora Gaggero ha esordito sul set della famosa serie Disney Alex&Co e ha poi recitato in diverse fiction tv, come la serie “Scomparsa” su Rai 1, e al cinema in “Non c’è kampo” di Moccia. Il suo primo libro Se è con te sempre è diventato un best seller vendendo più di 24 mila copie.


FAZI

Risultati immagini per All’inizio del settimo giornoAutore: Luc Lang
Titolo: All’inizio del settimo giorno
Pagine: 562
Prezzo in libreria: € 18
Prezzo E-Book: € 13.99
Data Pubblicazione: 10-05-2018
TramaAlle quattro di notte squilla il telefono. È la polizia, che informa Thomas che sua moglie è in rianimazione a causa di un incidente d’auto. L’uomo non sa perché Camille si trovasse su quella strada, né perché andasse così veloce e tantomeno come abbia fatto a perdere il controllo del veicolo su un rettilineo. Era in pericolo, o c’è dell’altro? E come dire a Elsa e Anton, i figli di otto e dieci anni, che la madre è in coma e non si sa se tornerà mai a casa? E poi le consegne urgenti per il nuovo progetto, i clienti che scalpitano e la concorrenza dei nuovi soci: Thomas cerca disperatamente di tenere tutto insieme, ma non è facile, qualcosa continua a sfuggirgli. A dire il vero, sono molte le cose che gli sfuggono: segreti nascosti dalla moglie sulla loro vita di coppia, ma anche segreti sepolti nella storia della sua famiglia, che coinvolgono i genitori e i fratelli in vicende dolorose sulle quali tutti hanno sempre preferito tacere. L’infanzia serena e l’incontestato successo della sua vita adulta hanno avuto un costo che qualcuno si è addossato al suo posto. Da Parigi a Le Havre, dai Pirenei al Camerun, Thomas attraverserà territori intimi e distanze incolmabili per andare fino in fondo nella ricerca della verità. La scrittura di Luc Lang, fitta, densa, che dilaga sulla pagina e toglie respiro al pensiero, traccia una geografia dei meandri e degli angoli più impervi delle relazioni sentimentali e familiari. Finalista al premio Goncourt, questo romanzo, che coniuga il ritmo inarrestabile di un thriller e l’aura epica di una tragedia classica, ha assicurato a Luc Lang un posto nel firmamento letterario contemporaneo.

MONDADORI

Titolo: Aria di neve
Autore: Serena Venditto
Editore: Homo Scrivens
Pagine: 165
Genere: Giallo

TramaAriel è una ragazza italo-americana che ha girato mezzo mondo e ora vive nell’adorata Napoli. Lavora come traduttrice di romanzi rosa dai titoli immancabilmente profumati di agrumi e, dopo quattro anni di fidanzamento e due di convivenza, è appena stata lasciata da Andrea, l’uomo perfetto, ispettore di polizia e compagno dolce e premuroso. In lei si aggrovigliano sconforto, delusione, rabbia, ma soprattutto la fastidiosa sensazione di vivere in una di quelle storie melense e scontate che le consentono di pagare l’affitto. È necessaria una svolta, qualcosa di tanto imprevisto quanto atteso. E così, facendosi coraggio Ariel si mette alla ricerca di un luogo dove ricominciare da zero, e presto si imbatte nel coloratissimo e disordinato appartamento di via Atri, dove vivono altri tre ragazzi: Malù, sagace archeologa con una passione per i romanzi gialli, Samuel, rappresentante di articoli per gelaterie di origini sardo-nigeriane, e Kobe, talentuoso quanto sgrammaticato pianista giapponese. Un terzetto strambo e caotico cui si aggiunge la presenza fissa di Mycroft, uno stupendo gatto nero dagli occhi verdi che, coi suoi eloquenti miagolii, non ha bisogno della parola per farsi capire alla perfezione. Ariel si sente subito a casa, e tra una chiacchiera in cucina, un concerto e una passeggiata in una Napoli infuocata di sole, le cose per lei riprendono a girare per il verso giusto, al punto che dimenticare Andrea sembra quasi possibile. Ma proprio allora un evento tragico che si consuma molto vicino ai coinquilini rimetterà tutto in gioco e sconvolgerà il microclima di via Atri. Un suicidio molto sospetto o un vero e proprio delitto della camera chiusa? Le “celluline grigie” di Malù non potranno che essere stuzzicate da questa sfida e l’archeologa-detective coinvolgerà tutto il gruppo nelle indagini, cui parteciperà anche Mycroft dando sfoggio di tutta la sua sottile, felina intelligenza.


Titolo: Tutto il tempo del mondo 
Autore: Sara Purpura
Data di uscita: 8 maggio 2018
Genere: Young adult 
Prezzo: € 8.99 

TramaAnais Kerper è la ragazza che tutte vorrebbero essere. Bella, intelligente, di famiglia benestante. Ha al suo fianco il ragazzo ideale e davanti a sé un futuro radioso. Eppure, dietro questa patina di perfezione, lei sta andando in pezzi, incapace di ribellarsi a una vita che non le corrisponde affatto. Una vita di cui ha il pieno controllo solo quando, chiusa fra le quattro mura del suo bagno, cerca il dolore per sfuggire alla realtà. Desmond Ward è un ragazzo difficile. Orfano da quando aveva sette anni, ha alle spalle un passato di continui abbandoni e un’anima rattoppata. Nera. Sporca. Marcia. Ma il destino sembra finalmente tornare a sorridergli il giorno in cui una facoltosa famiglia decide di prenderlo in affido, regalandogli così la possibilità di una vita diversa, e forse perfino il sogno di diventare un giocatore professionista di football. Una volta giunto nella loro villa, però, conosce Anais, la sua futura sorellastra, stupenda e fragile. E, subito, quello che è stato il loro mondo fino a quel momento si sgretola. L’uno coglie negli occhi dell’altra il suo stesso tormento e l’attrazione si fa largo dirompente. Incontrollabile. E proibita. Ciononostante Des e Ana non possono smettere di cercarsi, desiderarsi, e amarsi, perché solo l’uno tra le braccia dell’altra, per la prima volta, capiscono cosa significhi vibrare e sentirsi vivi. Ma il mondo “fuori” non si lascia mettere in un angolo, al contrario si fa avanti minaccioso e li costringe a chiedersi fino a dove sono disposti a spingersi per difendere il loro amore. Quella di Anais e Des è una scelta difficile. Un sì o un no che richiederebbero un istante per essere pronunciati. Ma «la vita è fatta di istanti. E di respiri impigliati in gola, e del cuore in fondo allo stomaco che li precede. E poi c’è il “mentre”: quell’attimo in cui decidi se essere felice o soffrire».


SALANI EDITORE

Titolo: L’unico ricordo di Flora Banks
Autore: Emily Barr
Genere: Young Adult
Data di uscita: 24 maggio 2018
Trama: Tutti ricordano per sempre il primo bacio. Flora non ricorda nient’altro.
TramaFlora Banks, diciassette anni, non ha la memoria a breve termine. I suoi ricordi si sono fermati a quando aveva dieci anni: da allora, dopo che una malattia le ha colpito il cervello, deve continuamente fissare i momenti che vive, scrivendoli su un quaderno, su post-it, oppure direttamente sulle mani e sulle braccia. Quello che sa di sé è che mamma e papà le vogliono bene, così come Jacob, il suo adorato fratello maggiore, e che Paige è la sua migliore amica, quella che si prende cura di lei nel difficile mondo esterno. Ma una sera, durante una festa, Drake, il ragazzo di Paige, la bacia sulla spiaggia e stranamente questo ricordo non svanisce come gli altri. Flora ricorda il bacio, ricordale parole di Drake, ricorda ogni singolo istante di quell’episodio. Possibile che Drake sia l’artefice del miracolo? Peccato però che il ragazzo sia partito per studiare in Norvegia… Flora non ha dubbi: deve raggiungerlo, solo così potrà capire veramente chi è e cominciare a vivere davvero. Ma come può fidarsi degli altri se non può fidarsi nemmeno di se stessa? 
La sensibilità di John Green si unisce al fascino misterioso di un thriller, in un romanzo di segreti e bugie, amore e perdita, con una protagonista fragile e coraggiosa, alla ricerca di un passato senza il quale non può conoscere la verità su se stessa.

NORD

La casa in mezzo al mare di [Reina, Miquel]Titolo: La casa in mezzo al mare
Autore: Miquel Reina 
EditoreNord
Genere: Fiction
Data di uscita: 17 maggio 2018

Trama: Sembrava una domenica di luglio radiosa come poche a Brent, una remota isola vulcanica circondata da un mare freddo e ostile. Invece, gradualmente, una densa coltre di nubi ha coperto il cielo e, all’improvviso, è scoppiato un acquazzone. Harold e Mary Rose Grapes sono barricati nella loro villetta gialla, a picco sulla scogliera. Sei mesi prima, hanno ricevuto un’ingiunzione di sfratto: quella casetta sulla falesia, in cui la coppia di pensionati ha vissuto per trentacinque anni, non è sicura e va abbattuta. L’indomani devono lasciarla e trasferirsi in una casa di riposo. Gli scatoloni non bastano a contenere i ricordi: quella casa è tutto ciò che li lega alla memoria del figlio, perso troppo presto, e ai sogni di gioventù cui hanno da tempo rinunciato, in favore di una vita tanto rassicurante quanto noiosa. Ma ecco che, durante la notte, avviene un fatto straordinario. Un fulmine colpisce la scogliera e crea profonde crepe nella roccia. E, con un tonfo, la casa scivola in mare.
È così che i Grapes diventano due naufraghi a bordo di una casa galleggiante. È così che ha inizio il loro viaggio alla deriva in un mare irto di pericoli. Per sopravvivere dovranno affrontare insieme le avversità quotidiane, dire addio ai fantasmi del passato e dimenticare i vecchi rimorsi. Come i più grandi avventurieri, impareranno che non è mai troppo tardi per realizzare i propri sogni e che, a volte, è necessario perdersi per riuscire a ritrovarsi.




Cosa ne pensate di tutte queste uscite? Fatemi sapere con dei bei commentini, io vi aspetto come sempre!

A presto,
Sara ©

COVER REVEAL # – TRAVOLTI DALL’AMORE DI SUSY TOMASIELLO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi si svela il cover reveal dell’ultimo libro di Susy Tomasiello, Travolti dall’amore. Come sempre un grande in bocca al lupo all’autrice, per questo nuovo libro.

Risultati immagini per travolti dall'amore susy tomasiello

La storia è edita dalla Collana Un cuore per capello. Un romance contemporaneo adatto per chi ama il rosa e le storie d’amore a lieto fine.

Trama: Emma ha due convinzioni nella vita: sua nonna e la fotografia. Quando però viene licenziata, capisce che deve rivoluzionare la sua vita se non vuole andare a lavorare dai suoi genitori che sono dentisti. Per un pò decide di rifugiarsi a casa di sua nonna, ed è proprio lì che scopre per caso delle lettere tra Lorenzo e Giulia.La loro storia è stata interrotta sul più bello senza un motivo e quando sua nonna le
racconta che Giulia è stata una grande amica, decide di rintracciarla. Grazie a Internet non è difficile e senza pensarci due volte parte con nonna Chiara per Napoli. Non si è mai allontanata così tanto da Firenze e l’impatto è forte, soprattutto quando scopre che Giulia ha un nipote davvero insopportabile: Alessandro. Alessandro non sopporta l’idea di rintracciare Lorenzo, un uomo di cui non conosce nemmeno l’esistenza e in più non sopporta Emma e la sua invadenza. Tra equivoci, scontri verbali e
baci infuocati, Alessandro ed Emma scopriranno che l’antipatia reciproca forse può essere superata. Tra amori vecchi e nuovi, tutti saranno travolti dall’amore.

Ecco un paio di estratti:

Risultati immagini per travolti dall'amore susy tomasiello

Leggendo principalmente storie d’amore, ho sempre sognato segretamente un principe azzurro per la vita. E poi è arrivato Alessandro e tutto il mio mondo è stato travolto. Con lui non mi accontento, con lui vivo.


“Zitta e baciami” m’interrompe Alessandro e l’attimo dopo le sue labbra sono sulle mie come se fosse la cosa più normale del mondo. Vorrei mandarlo al diavolo, respingerlo con forza, urlargli di smettere, ma il mio corpo non la pensa così. Lo accoglie prontamente ed io non posso fare altro che assecondarlo.


Il libro sarà disponibile il 20 maggio in tutti gli store in edizione digitale e a brevissimo anche in edizione cartacea.


Spero che vi piaccia la notizia e il libro in questione. Vi aspetto con dei commentini!

A presto,

Sara ©

REVIEW PARTY: L’ESTATE SENZA RITORNO DI VIVECA STEN (#176)

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Oggi sono qui con un nuovo libro, un nuovo thriller in arrivo nelle librerie che spero vi piacerà come è piaciuto a me. Ringrazio la Marsilio editore per avermi dato la possibilità di organizzare l’evento e di promuovere questo libro. Spero davvero vi piacerà:

3170929Titolo: L’estate senza ritorno
Autore: Viveca Sten
Pagine: 432
Prezzo: 18,50 euro
Link d’acquisto: https://amzn.to/2KPxaij
Trama: Weekend di solstizio a Sandhamn. In occasione della tradizionale festa di mezza estate, le barche a vela affollano il porto e i pontili sono presi d’assalto da gruppi di ragazzi che si riuniscono per celebrare il giorno più lungo dell’anno. Nella folla, nessuno sente la disperata richiesta di aiuto di una di loro, che finisce per accasciarsi sulla riva, priva di sensi. Anche Nora Linde si prepara a una serata di festa insieme a Jonas, con cui ha iniziato da poco una relazione che l’ha aiutata a gettarsi alle spalle un matrimonio infelice. Ma l’entusiasmo lascia il posto all’angoscia quando Wilma, la figlia quattordicenne di Jonas, scompare e sulla spiaggia viene trovato il corpo senza vita di un suo amico. Dalla centrale di Nacka a Stoccolma, l’ispettore Thomas Andreasson raggiunge l’isola dell’arcipelago per guidare le indagini e fare luce su una storia ingarbugliata in cui, in un mondo di adolescenti smarriti, ognuna delle persone coinvolte ha la propria versione dei fatti e la propria verità da difendere.

RECENSIONE

Risultati immagini per SandhamnLa storia ha inizio al porto di Sandhamn, un’isola al largo di Stoccolma, la sera del Solstizio d’estate. Una ragazza disorientata, senza una scarpa e spaventata, al molo si aggira fra la gente ma tutti non sembrano nemmeno fare caso a lei. Tutti sono talmente intenti nei festeggiamenti, fra musica e alcool che non sembrano accorgersi di lei. Quel giorno, Nora è a casa con il suo compagno Jonas e la figlia di quest’ultimo, Wilma, insiste per poter rimanere alla festa del solstizio fino a tardi. Suo padre si lascia convincere ed la ragazza va alla festa. Ma all’una la ragazza ancora non torna a casa e non riescano a rintracciarla in nessun modo. La mattina dopo, mentre Jonas e Nora sono ancora intenti nelle ricerche della ragazzina, il corpo di un adolescente viene trovato sulla spiaggia, nascosto da qualche arbusto. Non si tratta di Wilma ma si tratta di un amico.

Dove si è cacciata Wilma? Chi ha ucciso il giovane ragazzo sulla spiaggia? I due fatti sono collegati o è stato tutto un caso? Riuscirà Thomas Andreasson incaricato del caso a risolvere la situazione?

Tobias sprofondò di nuovo nel divano, sembrava sul punto di riaddormentarsi lì davanti ai suoi occhi.«Allora sarà con Felicia. » Adrian stava perdendo la pazienza.«Non hai sentito quello che ho appena detto? Felicia è da noi, alla stazione di polizia. » Stavolta le parole fecero effetto, e sul volto di Tobias apparve un vago stupore. Adrian continuò: «È con Ebba. Ma io vorrei capire dov’è Victor. È venuto anche lui con voi su quell’altra barca?» «No, non mi pare. » «Quand’è stata l’ultima volta che l’hai visto?» Tobbe aveva un’aria sperduta. Si passò una mano tra i capelli, guardando incerto il poliziotto.«Sa che non lo so?»

Risultati immagini per viveca sten I stundens hettaLa trama è fluida e ben strutturata, sicuramente mette la giusta curiosità al lettore che curioso cerca un libro interessante. Questo è il quinto libro di una serie che l’autrice stessa ha scritto. In Italia ne sono arrivati solo alcuni, ma non temete perchè sono a se stanti e potete leggerli anche in solitaria. Sicuramente, dopo aver letto questo, sono curiosa di leggere anche i precedenti per conoscere meglio i personaggi principali che ritroveremo in ogni volume.

La copertina italiana la trovo decisamente molto, molto bella, molto più di quanto lo sia l’originale che sembra quasi essere una copertina per quei libri di guide turistiche. Voi non credete? 

Il titolo originale è Svedese, I stundens Hetta, che dal traduttore ho potuto vedere che letteralmente significa “In un periodo caldo”. Posso comprendere la traduzione visto che la storia è ambientato alla festa del solstizio di Sandhamn ma trovo decisamente più azzeccato l’adattamento italiano che ne è stato fatto. Insomma, la copertina e il titolo di questo titolo adottati dalla Marsilio sono davvero unici e veramente belli, a mio parere.

L’ambientazione della storia è Sandhamn, una città svedese situata a Sandö, una piccola isola e l’epoca in cui la storia prende vita è il 2008. 

Probabilmente in tutta Skärkarlshamn non c’era posto migliore per nascondere un cadavere. Quantomeno se si voleva evitare di trasportarlo per un bel pezzo.«In altre parole, era la soluzione più semplice. » «Sì, diciamo di sì. » Thomas stava andando verso le case grigie quando Nilsson lo chiamò.«Ho trovato qualcosa, vieni a vedere. » Il tecnico sfilò con estrema cautela un cellulare dalla tasca degli shorts color kaki del ragazzo morto. Era un Eriksson e non esattamente il modello più a buon mercato.«Con questo dovresti riuscire a identificarlo. » Thomas soppesò l’oggetto nella mano. Chi sei?, si domandò. Da dove vieni?

I personaggi descritti e introdotti in questa storia sono decisamente variegati e molteplici. Avrete modo di conoscere i dettagli di ogni personaggio, in un modo o nell’altro. In più, tutti gli altri personaggi sono ben descritti e mai lasciati al caso. Tutti sono ben impostati, anche i ragazzi più giovani di cui si tratta del periodo adolescenziale. Nonostante questo, l’autrice riesce a trattarlo veramente bene immedesimandosi nelle problematiche dei giovani.

Thomas Andreasson è un’ispettore che dalla centrale di Nacka a Stoccolma, viene chiamato sull’isola di Sandhamn per guidare l’indagine relativa ad un omicidio avvenuto durante il solstizio. Thomas è un uomo forte e determinato nel suo lavoro ma al contempo fragile nella vita privata. Un personaggio singolare e decisamente interessante sotto molti punti di vista.

Nora Linde è un avvocato che ha divorziato con il precedente marito e che ha a carico due figli e la figliastra del giovane compagno di cui è innamorata. E’ una donna caparbia e sicura ma anche allo stesso tempo preoccupata per le sorti della piccola Wilma e per ciò che succede sull’isola. Thomas e Nora si conoscono da diverso tempo e, dalle pagine di questo volume, la cosa si nota senza ombra di dubbio.

«Dobbiamo andare» disse. Anjou salutò Thomas con un cenno e lo seguì. Anche Thomas si alzò.«Sarebbe bene che andassimo subito a casa tua» disse a Nora.«Da un momento all’altro arriverà anche Margit. » le accarezzò la guancia per farle forza.«Ma Jonas dov’è?» «Ancora a casa. Sta chiamando gli altri amici di Wilma per sentire se qualcuno sa qualcosa. Spero proprio che tu abbia ragione… » Il suo tono era molto dubbioso. lo spero anch’io, pensò Thomas.

Risultati immagini per SandhamnIl perno centrale è la festa del Solstizio di mezza estate dell’isola di Sandhamn. E’ da lì che la storia ha inizio e dalla quale si creano misteriosi intrecci e vengono fuori strani risvolti nella storia.

Lo stile che è stato utilizzato è decisamente fluido e scorrevole. Ad un tratto la storia è sembrata rallentare per soffermarsi su ulteriori dettagli che probabilmente non erano così richiesti ma non rendono meno vera e intensa la lettura. Avrei infatti preferito che ci fosse qualche colpo di scena in più, non per forza di particolare rilevanza ma che aiutassero a tenere tutto più vivo ad un certo punto. Insomma che non fossero concentrati tutti alla fine.

Ho apprezzato particolarmente l’ambientazione scandinava. Non ho mai letto libri con quest’ambientazione e devo dire che l’autrice ha descritto il posto egregiamente e lo ha reso talmente bello da voler immediatamente a fare un viaggio in quelle terre. L’autrice sembra avere così tanta dimestichezza col posto che descrive da farlo sembrare il posto in cui vivi, da farlo sembrare vivido e reale.

I personaggi sono stati ben impiantati e veri. In particolar modo Thomas mantiene l’aspetto di persona umana sotto tutti gli aspetti. Ha perso una figlia quando era molto piccola, si sente provato della perdita di quel ragazzo e del dolore dei genitori tanto da non riuscire ad essere di alcun aiuto, neanche morale. E’ un poliziotto ma è anche un uomo allo stesso tempo. Ho apprezzato molto questo aspetto, perchè molto spesso si tende a far diventare questo, diciamo, l’eroe della situazione, dimenticando la sua umanità e che fa errori come tutti gli altri. Il personaggio che è arrivato meno è stata, invece, Nora. Sembra essere troppo accondiscendente e fredda anche nel modo in cui cerca la sua figliastra. Non so, mi ha dato quest’impressione ma probabile che il suo personaggio sia stato meglio spiegato nei libri precedenti.

Thomas conosceva le statistiche a memoria, vittima e assassino di solito si conoscono. Era molto raro che il colpevole fosse un perfetto estraneo.«Cos’altro abbiamo?» «Ecco, bravo. Al momento direi nient’altro» rispose Margit. La collega fece una smorfia preoccupata.«È morto un ragazzo adolescente e noi non abbiamo idea di cosa sia successo, davvero non so se sia più credibile pensare a un ignoto assassino o a uno della sua cricca. » l’aria della stanza si fece d’un tratto pesante nonostante la finestra spalancata.

Il libro è stata decisamente una bella scoperta. Sono felice di aver avuto l’opportunità di presentarvi questo volume, che sicuramente vi consiglio. Una storia interessante, un thriller misterioso e avvincente.

Viveca Sten scrive un thriller scandinavo che si lascia leggere in poche ore, dai tratti decisamente accattivanti. Una vacanza che si trasforma in un incubo, una festa estiva che porta con se un cadavere sulla spiaggia. Una storia che vi catturerà per la grande curiosità che riesce a suscitare.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2


Seguite le tappe delle altre blogger che vedete qui sotto, nell’immagine. Non ve ne pentirete:

banner_review_party[1]


Vuoi acquistare L’estate senza ritorno e sostenere il Blog? Acquista da Qui: L’estate senza ritorno o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se avete letto questo libro o se lo leggerete e cosa ne pensate!

A presto,

Sara ©

 

 

RECENSIONE #174 – TI ASPETTO DA SEMPRE DI AVA DELLAIRA

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui, ancora una volta con una recensione librosa solo ed esclusivamente per voi! Un grazie grandissimo alla Sperling&Kupfer per avermi permesso di leggere questo splendido libro. Ve ne parlerò fra poco, non temete. Ecco qui:
424978882006HIG_1_227X349_exactTitolo: Ti aspetto da sempre
Autore: Ava Dellaira
Editore: Sperling & Kupfer
Genere: Young Adult
Data di uscita: 6 marzo 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2FsiTnV
Trama: Tutti siamo in cerca di qualcosa. Un amore, un nuovo inizio, un futuro. Angie, per esempio, è in cerca di risposte. Ha diciassette anni, ama la storia e le scienze (biologia, in particolare), la corsa, il formaggio alla piastra con i bordi bruciacchiati, il calcio, il caffè schiumato con il latte di soia, i dischi in vinile, la musica hip-hop sparata a palla nelle cuffie; ma tutto questo non le basta per dire chi è veramente. Vive sola con la madre nel New Mexico. Il padre non l’ha mai incontrato, ma sa di assomigliargli molto. E l’unica cosa che la madre riesce a raccontarle, senza affogare tra le lacrime, è che è morto prima che lei nascesse. Un giorno, però, in fondo a un cassetto nella camera di sua madre, Angie trova una fotografia che le fa pensare che finora tutta la sua vita possa essere stata una bugia. Così decide di partire alla volta di Los Angeles, con la speranza che cercare la verità sulle sue origini e sul padre possa aiutarla a capire meglio se stessa. Cosa ci sarà in fondo alla strada, Angie ancora non lo sa. Ma è determinata a scoprirlo.

RECENSIONE

Immagine correlata

La storia ha inizio un giorno qualunque, in una casa qualunque, in New Mexico, dove una diciassettenne di nome Angie che ama biologia, la corsa e la musica hip-hop, come tanto tanto altro, ma ha bisogno di sapere chi è veramente. Non riesce a decidere il suo futuro scolastico ne lavorativo ne riesce a dire che ama ad un ragazzo con cui si rincorre da una vita. Tutto perché lei ha una carnagione scura mentre sua madre è bianco latte e tutti gli ripetono sempre che probabilmente lei è stata adottata. Tutto perchè lei non ha mai conosciuto suo padre, che sua madre Marilyn dice morto, ma di cui non dice nulla più delle lacrime che ogni volta sgorgano prima di riuscire a parlare.

Marilyn da ragazza ha avuto un’adolescenza difficile e combattuta, sua madre voleva farla diventare una star del cinema ma lei non ci ha mai creduto perchè lei voleva solo andarsene lontano e scappare via. Quando però si trasferisce con sua madre a Los Angeles conosce un ragazzo, James, di cui si innamorerà e che le cambierà la vita completamente.

Cosa scoprirà Angie di così grande da farla scappare di casa assieme a Sam alla ricerca di suo padre? Cosa è successo negli anni in cui Marilyn ha conosciuto James? Cosa succederà a madre e figlia, messe di fronte alla dura realtà da affrontare e dalla quale non possono tirarsi indietro?

Adesso James la sta fissando in quel suo modo indecifrabile. Lei non aveva mai detto a nessuno delle sue foto immaginarie, e comincia a chiedersi se non avesse dovuto continuare a farlo. Ma poi lui sorride. Marilyn si rende conto che è la prima volta che le sorride davvero, mostrando i denti e tutto il resto, e probabilmente è una delle cose più belle che abbia mai visto. Tutto il suo viso si anima, ed è così luminoso da squarciare la foschia quasi la bruciasse. «Figo, quello che fai», le dice. «Ti ammiro». Marilyn è raggiante. «Se voi diventare bravo a fare qualcosa, l’unica soluzione è esercitarsi, fare pratica», continua lui. «Vero. (…) Quando ho cominciato io a scattare fotografie, è stato come rimettere insieme dei pezzetti di me».

La trama è molto pertinente e la trovo davvero molto buona e adatta a descrivere questo romanzo. Mi piace molto ed è quella che sicuramente mette curiosità.

Risultati immagini per in search of us ava dellairaLa copertina originale è quella che trovate qui di fianco ma ho potuto vedere che ce n’è una versione estera utilizzata, che è esattamente uguale a quella usata in Italia. Solo nei colori è leggermente più forte quella italiana mentre l’altra è più spenta. Comunque adoro la versione originale che vi ho lasciato qui. Non ha nulla di speciale eppure è davvero unica nel suo genere, non credete?

Il titolo è stato modificato totalmente. Noi abbiamo deciso di far diventare In search of us ovvero “In cerca di noi” in Ti aspetto da una vita. Carino ma, almeno secondo me, poteva essere semplicemente tradotto, no?

L’ambientazione di partenza è il New Mexico precisamente ad Albuquerque e si sposta fino a Los Angeles, nel quartiere di Hollywood dove si svolge quasi tutta la storia. L’epoca si sposta a seconda della protagonista con cui si verrà a contatto. Si passa da oggi con Angie a diciassette anni prima, con Marilyn sua madre.

Marilyn le rilegge, ancora e ancora; comincia a pensare alla bambina di sette anni seduta sulle ginocchia di sua madre, guarda se stessa in tv, con in mano un My Little Pony nuovo di zecca. (…) Pensa anche alla ragazzina di tredici anni che si era spaventata a morte quando aveva cominciato a crescerle il seno. Alla ragazzina che, per un periodo di tempo, aveva smesso di mangiare per vedere se si sarebbe appiattito di nuovo, scomparendo nel suo corpo. Alla ragazzina che non riusciva più a recitare le sue battute senza farsi prendere dal panico. Diventare un’altra persona non è una cosa che succede in un istante. No: i passi per reinventarsi sono lenti. Marilyn pensa alla migrazione verso ovest: chilometri interminabili da percorrere, un carro coperto come unico riparo. Ma se sopravvivevi, i freddi inverni dell’Est diventavano un ricordo lontano. E arrivavi da un’altra parte. Dove diventavi un’altra persona. Eppure. Ciò che la mente con il tempo lascia andare, il corpo se la ricorda. Sempre.

Immagine correlataI personaggi non sono tantissimi ma sono tutti essenziali all’interno di questa storia. Questo romanzo si basa su due protagoniste unite da parentela, con un passato che le unisce, la vita di Marilyn e quella di Angie. Personaggi sviluppati decisamente molto bene ma anche vagamente somiglianti, non a caso sono madre e figlia. Entrambe non sanno cosa le aspetta nel futuro e sono insicure.

Marilyn è una donna apparentemente forte che ha cresciuto sua figlia come meglio ha potuto e che ha avuto un adolescenza difficile, a tratti tormentata ma con un amore per James davvero unico. Quando lei è con James tutto è diverso, quando è con la sua famiglia si sente a casa e sente di appartenere a qualcosa, finalmente.

Angie è una ragazza che ha sempre amato Sam ma non è mai riuscito a dimostrarglielo, non  mai riuscita a dirgli che lo ama come vorrebbe. Si sente ancorata e non sa qual’è il futuro che l’attende. Quindi parte alla ricerca di se stessa, del suo passato e della verità.

La vede anche Sam; senz’altro, perchè accelera per raggiungerla. Sono ancora indietro di un paio di isolati, quando l’auto nera svolta a destra in una strada secondaria. Sam la segue, e percorrono una via piena di auto parcheggiate, buia e silenziosa, una strada come tante. Quanti, tra i sette miliardi di abitanti della Terra, hanno la testa annebbiata? Quanti hanno un desiderio struggente nel cuore? Quanti stanno inseguendo degli estranei? Quanti stanno cercando il loro padre? 

Risultati immagini per gif hollywoodIl perno centrale è la ricerca del suo passato da parte di una delle due protagoniste, Angie. Nel suo passato, inoltre, ricerca anche se stessa e spera che trovando suo padre o qualcosa che lo colleghi a lui, lei possa finalmente crescere, comprendere e cambiare.

Lo stile utilizzato è stato molto semplice e decisamente fluido sotto molti aspetti. La storia si divide su due livelli differenti e su due personaggi che sono estremamente connessi ma che hanno avuto una vita differente. La storia si divide tra Marilyn, di cui conosceremo il suo periodo felice, in cui ha scoperto l’amore e ha avuto sua figlia ed Angie, la quale non riesce a crescere perchè in cerca della verità su suo padre.

Una storia ricca di sentimenti e di emozioni completamente contrastanti. Una storia che vi farà innamorare, vi farà piangere e vi farà emozionare. Da un lato l’adolescenza tormentata di Marilyn che vive in una casa con un giocatore di poker incallito che si ubriaca ogni giorno e con sua madre che vuole farla diventare una star e la usa a suo piacimento, costringendola a lunghi digiuni e a estenuanti provini a cui non vorrebbe mai partecipare. Dall’altro lato Angie che è cresciuta senza un padre e trova una fotografia di sua madre e suo padre, e si mette in cerca del suo stesso passato e delle sue origini.

Clic. «Sembri pronta per spiccare il volo», le dice, sottovoce. E’ radiosa, sullo sfondo rosa del cielo della sera. «In certe sere che ho trascorso qui, ho provato esattamente quella sensazione…» Angie guarda la Città degli Angeli, e si ricorda della domanda che le aveva rivolto Sam: «Non credi che, se tuo padre fosse qui, cioè, se potesse parlare con te, ti direbbe che per amore ne vale la pena? Indipendentemente da quanto possa durare?» Si, pensa adesso. Le direbbe così. 

Il libro è stato davvero bello, molto più di quanto effettivamente mi aspettassi. E’ stata una scoperta davvero molto bella, che consiglio di sicuro ad ogni lettore che voglia intraprendere una lettura non troppo impegnativa ma piena di significato, che sappia emozionare sotto ogni sua forma.

Ava Dellaira scrive una storia con valori importanti. Una storia famigliare, di rinascita e di scoperta del proprio passato, delle proprie origini ma anche della scoperta di se stessi. Perchè sulla Terra ci sono miliardi di persone ma a volte l’unica che rincorriamo per tutta la vita è quasi sempre quella che ha iniziato la corsa, ma non ce ne accorgiamo quasi mai.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1


Vuoi acquistare Ti aspetto da sempre e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Ti aspetto da sempre o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se avete letto questo libro o se lo leggerete e cosa ne pensate!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #173 – IL TEMPO DEI MAGHI DI CRESSIDA COWELL.

BUON POMERIGGIO BELLE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Spero bene! Oggi vi porto una nuova recensione. Preparatevi perchè nella prossima settimana ce ne saranno delle altre e non vedo l’ora i conoscere i vostri pareri e le vostre opinioni al riguardo. Un libro per bambini e giovani ragazzi edito Rizzoli, che ringrazio per avermi permesso la lettura! Ecco qui di cosa sto parlando:

il_tempo_dei_maghiTitolo: Il tempo dei maghi
Autore: Cressida Cowell 
Editore: Rizzoli
Genere: Fantasy
Pagine: 387
Data di uscita: 20 Marzo 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2HiSmPG
Trama: In un’epoca molto lontana, I Guerrieri decisero di estirpare dal mondo la magia, sterminando prima le Streghe, depositarie della Magia Nera, e poi giurando guerra al Maghi e a tutte le altre creature di Magia Buona. I due fronti vivono ora separati nelle loro roccaforti, ma lo scontro prosegue senza esclusione dl colpi. Xar, 12 anni, è figlio di Encanzo, re dei Maghi, ma a differenza del fratello maggiore Looter, non mostra ancora di possedere poteri, però ha molto coraggio. Seguito da un gruppo di creature fatate, entra nella foresta proibita a caccia di una Strega che, convinto, si nasconde lì dentro. Ma il piano dl cattura non funziona e la trappola che prepara imprigiona Invece Desideria, sua coetanea, figlia della Regina dei Guerrieri, goffa e pasticciona, proprio come lui.
 

RECENSIONE

Risultati immagini per cressida cowell libri the wizard of onceUna volta c’era la magia, molto molto tempo fa in una piccola isola Britannica. Su quest’isola ci sono i Maghi che ci vivono da sempre, con spiriti, fate, giganti … e ci sono i Guerrieri, abili conquistatori e coloro che hanno ucciso tutte le Streghe con il ferro, perché il Ferro indebolisce la Magia. Tutti sono convinti che siano estinte ma non è così, le Streghe son tornate!

Xar è il secondogenito di Encanzo, Re dei Maghi senza magia mentre Desideria è figlia della Regina dei Guerrieri, si incontreranno per puro caso e si ritroveranno a collaborare per sopravvivere e per sconfiggere le streghe.

Cosa succederà a Xar? Troverà la sua magia? Desideria riuscirà a farsi valere agli occhi di sua madre? Collaboreranno e riusciranno nell’intento i due protagonisti?

Desideria e Stiletto distolsero lo sguardo perchè Xar, colui-che-non-piangeva-mai, stava piangendo. In cuor suo, Xar sapeva che non poteva incolpare Desideria e Stiletto per quel che era successo. Provava un gran senso di colpa, schifoso e disperante. Era tutta colpa sua. Spremucco si era fidato di lui. Se non fosse riuscito a salvarlo non se lo sarebbe mai perdonato.

La trama mi piace molto anche se non è la stessa che troverete sul libro cartaceo in se. Questa è quella di Amazon, la quale ho notato che riportava i nomi dei protagonisti scritti in inglese, o probabilmente nella versione originale. Non si distanziano di molto, ma sono differenti. Per il resto nulla da dire, ben scritta e sicuramente rappresentativa del libro in questione.

La copertina è molto molto bella e non dimenticatevi di scoprire il libro della sua sovraccoperta per scoprire cosa c’è sotto. Sono davvero felice dell’edizione che è uscita in Italia perché è davvero una meraviglia per il lettore. Inoltre è stata lasciata come l’originale quindi non possiamo lamentarci. Il titolo era originariamente The Wizard of Once ovvero approssimativamente “Il mago di una volta” ma penso sia sicuramente meglio l’adattamento italiano, non credete?

L’ambientazione è, appunto, una piccola isola britannica in cui si trova la foresta dei Maghi e la zona dei Guerrieri, dove c’è il forte dei Guerrieri di Sychorax, mentre l’epoca è indefinita.

E mentre si libravano gloriosamente e spericolatamente sopra le cime degli alberi, seduti sulla scardinata porta volante e col vento notturno nei capelli, Stiletto scoprì sbalordito che si rilassava e assecondava i movimenti della porta poteva gridare di gioia insieme agli altri. Suo padre si sarebbe meravigliato (e non sarebbe stato molto felice) se lo avesse visto in quel momento. E’ questo il problema delle avventure. Portano a galla quelle parti di noi che non sapevamo di avere.

Risultati immagini per cressida cowell libri the wizard of onceI personaggi sono diversi ma trovo doveroso di dovervi parlare dei due protagonisti principali di questa storia, che la costruiscono e la plasmano sotto diversi punti di vista.

Xar è un giovane piccolo mago che non ha la magia. E’ figlio del Re dei maghi, Encanzo ed ha un fratello più grande che lo maltratta. Xar, nonostante non sia un mago vero e proprio ha coraggio da vendere e cerca, per questo, di stare sempre al centro dell’attenzione. Neanche gli amici gli mancano, ha tante creature che seppur strane e di dubbia utilità, sono uniche e lo aiuteranno nel corso della storia. 

Desideria è figlia della Regina dei Guerrieri, acerrimi nemici da sempre dei Maghi. Infatti, tanti anni prima i Guerrieri hanno ucciso tutte le streghe, o almeno così credevano. Desideria è imbranata, ha sempre i capelli fuori posto e non ne combina mai una giusta. Infatti anche sua madre non la tiene in considerazione come dovrebbe. E’, senza dubbio, una ragazzina coraggiosa e piena di sorprese.

Una volta ascoltato il Canto della Magia Perduta non lo si dimentica più. Oltre al groviglio di emozioni che evocava – disperazione, speranza, dolore -, dava la possibilità ai prigionieri di ricreare il mondo Magico e i poteri che avevano capito di possedere nel momento in cui li avevano persi; così quel canto che echeggiava lungo i corridoi ripetendosi e riflettendosi creava un dedalo di suoni ed emozioni e scelte morali confuso e sconvolgente tanto quanto il labirinto fisico. “Abbiamo fatto bene? Abbiamo sbagliato?” diceva la canzone. “Cos’abbiamo perduto? Ma avevamo altra scelta?” E quelle parole si confondevano con altri canti che raccontavano la bellezza del Bosco Selvaggio a mezzanotte, quando solo gli occhi della magia potevano vedere;

Risultati immagini per cressida cowell libri the wizard of onceIl perno centrale di questa storia sono le Streghe e il loro ritorno, che costringeranno i nostri due piccoli eroi, che dovrebbero odiarsi fra loro, ad unirsi e a fare squadra in modo da poter sconfiggere le Streghe.

Lo stile utilizzato è piuttosto semplice e basilare. Essendo una storia per bambini e ragazzi è facile immaginarlo, ma ciò che rende tutto davvero davvero bello sono le illustrazioni e le immagini che circondano il libro in tutto il suo essere. Nonostante esse siano abbastanza macabre come immagini, quasi sul genere “Tim Burton” e non le classiche immagini, rendono la storia decisamente particolare. Sono quelli che ho utilizzato anche all’interno della recensione e provengono dal libro stesso. Non mancano i messaggi, ovvero che a volte le persone più inaspettate sono quelle che saranno nostre amiche o quanto sia importante sia la fiducia che l’amicizia.

La storia non mi ha convinto pienamente. Non che non fosse sufficiente o che non ci siano le giuste qualità ma nonostante sia il genere che preferisco e nonostante abbia trovato delle piccole perle ultimamente nelle storie per bambini e ragazzi, la storia è sembrata piuttosto standard. I due nemici che si incontrano e si aiutano, cercano di combattere il male,si ribellano con i loro stessi genitori e combattono il “cattivo di turno” non ho trovato qualcosa che mi facesse dire “Si, questo è un signor libro“. Una storia semplice ma poco efficace e le illustrazioni sono di sicuro un punto di forza che rafforzano tutto.

«Non è la pietra!» trasalì Desideria. «C’è qualcosa all’interno!» Ci fu un lampo di un colore sfolgorante e quando la vista di Desideria si fu adattata alla luce… Si accorse che stava fissando l’occhio di un enorme Strega raggomitolata dentro la pietra, con le gambe piegate sotto di sé come una gigantesca cavalletta nera.

Il libro è stato semplice ma sommariamente carino. Nonostante sia per bambini non mi ha comunque comunicato ciò che avrei voluto. Probabilmente è soggettivo ma sembra sommariamente stereotipata.

Cressida Cowell scrive una storia per bambini e per ragazzi fra Maghi e Guerrieri, un’avventura all’insegna dell’amicizia e della fiducia inaspettata fra acerrimi nemici. La prima avventura di una serie decisamente particolare.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene.

Senza titolo-3 (2)


Vuoi acquistare Il tempo dei maghi e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Il tempo dei maghi o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se avete letto questo libro o se lo leggerete e cosa ne pensate!

A presto,

Sara ©