RECENSIONE #189 – MARY E IL FIORE DELLA STREGA DI MARY STEWART.

BUON POMERIGGIO MIE CARE PARTICELLE!

Nel corso della settimana spero di tirare fuori diverse recensioni che avevo in arretrato e sto cercando di incastrare le letture fra un libro e l’altro. Questo è stato piuttosto veloce vista la sua brevità e quindi mi sono sbrigata a recuperarla. Ringrazio la Rizzoli per avermi permesso la lettura e vi lascio qui la mia recensione. Ecco qui:

8436807_3237373

Titolo: Mary e il fiore della strega
Autore: Mary Stewart 
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 29 maggio 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2HSmcWJ
TramaMary Smith non si è mai annoiata così tanto in vita sua. I genitori l’hanno spedita a passare le vacanze in campagna, a casa dalla prozia Charlotte, dove non accade mai niente di divertente. Un giorno più noioso degli altri, Mary si mette a seguire un gattino nero, si inoltra nel bosco e trova un fiore viola mai visto prima, così bello da sembrare magico. La bambina non ci mette molto a scoprire che le basta sfregare i petali del fiore su un manico di scopa per prendere il volo. Da quel momento per Mary la vacanza in campagna si trasforma in un’avventura da brividi, che la porterà in una misteriosa scuola di stregoneria, tra lezioni di incantesimi, laboratori di magia e segreti molto pericolosi.

RECENSIONE

Risultati immagini per mary and the witch's flower gifAgli inizi, Mary Smith viene spedita in vacanza a casa della noiosa e vecchia prozia Charlotte mentre i suoi fratelli gemelli più grandi, sempre più fortunati di lei,  le trascorrono in un luogo più divertente. All’arrivo sul luogo delle sue future vacanze, Mary sa già cosa l’aspetta: la noia totale circondata dalla prozia, dalla sua governante, il giardiniere e qualche altra persona che gira per la casa. Un pomeriggio mentre cerca qualcuno da aiutare nelle faccende, Mary nota un piccolo gatto nero che, seguendolo, la conduce fino ad una pianta a prima vista innocua. Si dice che fosse il fiore della strega che fiorisce una volta ogni sette anni e che un tempo le streghe ne andassero a caccia così come molte altre persone. Successivamente succede una cosa stranissima: la scopa prende vita.

Cosa succederà alla nostra protagonista Mary nel corso di questo piccolo volume? Quale potere si nasconde nel fiore che lei stessa ha trovato? Qual’è l’avventura che le sta per capitare?

Poi, improvvisamente, elegante e silenzioso e aggraziato come un danzatore, apparve un gattino.  Era completamente nero, dalle orecchie alla punta della coda; nere le zampe, neri i baffi e le sopracciglia aristocratiche che spuntavano sopra gli occhi verdissimi.  Era al centro del sentiero e la guardava. Poi aprì la bocca, mostrò un triangolo di lingua rosa e di denti bianchissimi, e disse qualcosa.  Probabilmente si trattava di una frase normalissima, qualcosa come “Piacere”, o “Bella giornata, vero?”. E siccome il gatto si aspettava una risposta, Mary disse: «Piacere. Mi chiamo Mary Smith. E tu?»

Risultati immagini per mary and the witch's flower gifLa trama è assolutamente rappresentativa del libro in se. Forse non avrei specificato il fatto della scuola e tutto il resto lasciando suspance al lettore che sta per intraprendere una lettura, lasciando un pizzico in più di curiosità. 

La copertina è carina ma non mi fa impazzire in modo particolare. E’ comunque molto semplice e mi ricorda un po’ quei libri di ricette della nonna in quelle belle credenze. Ed è azzeccatissimo per la rappresentazione del libro in se: c’è Mary la scopa e il gatto che sono, insieme, coloro che creano la storia stessa. Il titolo, è semplice come l’originale e come la copertina. Rappresentativo anche questo, nient’altro da dire.

La storia è ambientata a Shropshire, il piccolo paese dove vive la vecchia prozia di Mary e sembra non essere troppo moderna come storia, anzi.

Fu come volare attraverso un’enorme girandola di cielo, dove le stelle turbinavano e la scia della piccola scopa piroettava spumeggiante di luce. Poi le stelle scivolarono via e si ridussero a polvere luminosa, e gli alberi scuri si avvicinarono. La scopa era arrivata.

I personaggi che troveremo all’interno di questa storia sono veramente pochi essendo veramente corta e concentrata molto sulla protagonista più che su resto. Per questo vi parlerò molto più di lei che di qualsiasi altra cosa.

Mary è una ragazzina sveglia, disponibile e intelligente. Si annoia con la prozia e cerca sempre di aiutare come può. La bambina è brava persino a mentire e a farsi passare per ciò che non è una volta in cui si trova nella scuola di magia. E’ una ragazzina davvero sorprendente e si affeziona da subito al piccolo gattino nero che si promette di aiutare.

«Eccola lì» disse il signor Flanagan. «Quella è la scuola ed è anche una delle migliori del suo genere. E ora, se hai finito il pranzo, è meglio che ti avvii. Non vorrai arrivare in ritardo a lezione proprio il primo giorno, no?» «Ma io non voglio…» Mary fu interrotta dal suono di una campanella che proveniva dall’interno dell’edificio. «Sbrigati!» esclamò il signor Falanagan saltando giù dal sedile e tirandosela dietro.

Risultati immagini per mary and the witch's flower gifIl perno centrale di questa storia sta tutto nel fiore della strega. Nonostante nel libro non sia spiegato apertamente come invece si sente dire nel trailer del film (questo lo trovo disarmante e poco pratico ai fini della lettura perché il lettore così facendo non comprende il quadro generale della questione) che questo fiore renderà Mary una strega per un giorno. La cosa sembra rivelarsi effettivamente corretta ma ho compreso il senso generale del potere di Mary se non dopo aver visto il trailer del film.

Lo stile utilizzato in questa storia è fluido, scorrevole e decisamente semplice sotto ogni aspetto possibile. Ad ogni inizio capitolo ci sono dei disegni rappresentativi di ciò che accadrà all’interno del capitolo e sono molto belli anche se me ne aspettavo molti di più e se lo fossero stati sarebbe risultata di sicuro una ancora più bella edizione.

La cosa che non mi ha colpito molto all’interno di questo libro è stata la trama in se che mi aspettavo diversa almeno da ciò che prospetta oltre al fatto di cui vi ho parlato poco sopra. La storia non si concentra sulla scuola di magia o sulla magia o semplicemente sulla curiosità della bambina di quel posto e quello strano potere che ha preso lei e non qualcun altro. L’unica cosa che sembra interessargli è il gatto e salvare un altro gattino compagno di quello che era con lei. Capisco che il messaggio verso i nostri amici animali sia importante e non lo sto sminuendo ma per come è posta la storia sembra sbagliato e, in alcuni momenti sembra andare fuori storia, fuori trama diciamo. Non so spiegarvelo ma è veramente così, riuscirete a comprendermi solo se deciderete di leggerlo.

Ma gli animali non la ascoltavano. Gli occhi la imploravano, le zampe si tendevano disperate attraverso le sbarre, le gole gracchiavano, miagolavano, gorgogliavano e piangevano. Poi, improvvisamente, il silenzio. Allora, anche Mary sentì quel che avevano sentito loro: dei passi risalivano lungo il corridoio, verso la porta del laboratorio.

Immagine correlata

Il libro è stato carino ma mi aspettavo (avendo visto il trailer prima di ogni altra cosa) molto di più o almeno una storia più incentrata sulla magia. Invece il tutto si è limitato al salvataggio e nient’altro. Gesto nobile ma discutibile per quanto riguarda la forma generale e la trama su cui la storia si basa.

Mary Stewart scrive una storia per bambini simpatica, dolce e sopratutto magica ma adatta a tutte le età. Una storia che vi permetterà di diventare una/o strega/stregone per un giorno e vi farà vivere un’avventura diversa dal solito. Una storia per bambini e ragazzi che merita di essere anche vista al cinema.

[PS: le gif che vedete sono del film che è stato al cinema la settimana scorsa limitato a pochi giorni.]

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene.

Senza titolo-3 (2)


Vuoi acquistare Mary e il fiore della strega e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Mary e il fiore della strega o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Vi piace? Siete andati a vedere il film al cinema? Fatemi sapere con un commento!

A presto,

Sara ©

Annunci

RECENSIONE #188 – FRECCIA SENZAPAURA DI EMILIA CINZIA PERRI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Ovvi vi porto il libro di cui vi avevo parlato solo qualche giorno fa e che spero vi abbia incuriosito molto. Trovate QUI la segnalazione e ve ne parlo subitissimo con la mia recensione, ringraziando ancora Emilia per avermi inviato il suo piccolo gioiello. Ecco qui che ve ne parlo:

freccia-senzapaura-1Titolo: Freccia Senzapaura
Autrice: Emilia Cinzia Perri
Casa editrice: La Ruota Edizioni
Pagine: 120
Prezzo: 10 euro cartaceo
Data di pubblicazione: Giugno 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2JTLwgV
TramaDa che era un mocciosetto, Enrico Belpieri, per brevità “Erri”, ha sempre avuto paura del buio. Ma ora che ha undici anni ed è costretto a passare l’estate dai nonni a Cantalupi, deve fronteggiare le proprie debolezze per entrare nei Senzapaura, la banda di cui fanno parte tutti i suoi amici d’infanzia: per raggiungere quest’obiettivo è necessario superare una terribile prova di coraggio. Ce la farà ad affrontare le sue paure più profonde? E se queste paure prendessero forma, trasformandosi in incredibili mostri?

RECENSIONE

20180619_223034-1[1]La storia ha inizio a casa del piccolo Enrico, chiamato Erri ma con diversi soprannomi. A Cantalupi infatti, dove vivono i suoi nonni e dove trascorre le sue vacanze è chiamato Freccia dai suoi amici. Freccia perché quando corre è veramente velocissimo, sembra – appunto – una freccia.

Quell’estate proprio a Cantalupi dai nonni, i suoi amici non lo vogliono all’interno del loro gruppo perchè ora accadono strane sparizioni nel paese e bisogna avere coraggio, bisogna essere uno dei Senzapaura. Per entrarci Enrico dovrà affrontare una delle sue più grandi paure.

Quale sarà la paura di Enrico? Cosa succede a Cantalupi? Riuscirà Enrico a riavere indietro i suoi vecchi amici? Risolveranno il mistero che incombe sul piccolo paese?

«Cosa mi volevi dire?» «Enrico, stai lontano dai luoghi pericolosi di Cantalupi.» «Eh? Quale pericolo corro a Cantalupi? Persino di notte chiudiamo le porte senza girare la chiave!» «Sai bene cosa intendo. Non venirci mai da solo, qui, presso la Quercia. Non entrare nel Vicolo Buio o nella Casa Storta!»

La trama è ben scritta e rappresentativa della storia in tutto e per tutto. Non ci sono spoiler – e meno male – e spero che metta anche a voi la giusta curiosità, quella che a spinto anche a me a volerlo leggere e recensire.

La copertina la trovo decisamente fantastica sotto tutti i punti di vista. Prima di ogni cosa è stata quella a catturarmi e poi, ovviamente la trama. E’ davvero rappresentativa sia del protagonista che della storia, che della paura del ragazzino stesso. I disegni all’interno mantengono lo stesso stile anche se sono in bianco e nero ovviamente. Il titolo mi piace e come per la copertina rappresenta il libro molto bene. Infatti, insieme, creano il connubio perfetto per presentare questo bel libro. L’unica cosa che non ho amato particolarmente sul lato estetico è il font di scrittura all’interno ma è una cosa decisamente relativa.

La storia è ambientata a Cantalupi, un piccolo paesino dove Enrico, il protagonista, passa le vacanze dalla città a casa dei nonni. L’epoca sembra abbastanza moderna perchè si parla di videogiochi e cellulari quando Enrico racconta della vita in città.

Enrico sedette sul letto, a riflettere su quello che aveva appena detto. Pensava veramente quelle cose. Quando aveva parlato con la mamma al telefono, aveva alzato la voce. Si era sforzato di apparire deciso. Eppure dentro di sé, stava già considerando l’altra possibilità. Restare a Cantalupi. Diventare uno dei Senzapaura. Affrontare il suo terrore più grande, quello che nutriva fin da bambino. Non si trattava soltanto di una prova per essere accettato nel gruppo. Si trattava della Prova. Quella che aveva il sapore di un appuntamento con la vita, un incontro definitivo, lo scontro finale.

20180619_222921[1]I personaggi di questa storia non sono tanti e il più importante è il piccolo Enrico soprannominato Freccia e chiamato anche Erri. Gli altri personaggi sono gli amici di Enrico: Violetta, i gemelli Miccia e Molla e Giorgio, il Capo. Tutti diversi ma accomunati da qualcosa che li rende fortemente amici tutti.

Enrico, o meglio Freccia per gli amici, è un ragazzino intelligente, studioso, che ama leggere e ha tante paure. Sia per come lo chiamano in casa “Erri” che per i suoi grandi occhiali rotondi, a scuola lo chiamano Harry Potter ma a Cantalupi, Enrico è Freccia. Perchè corre velocissimo e batte sempre tutti.Quest’anno, per entrare a far parte dei Senzapaura, Enrico dovrà affrontare le sue più grandi paure e aiutare i suoi compagni a risolvere il mistero che incombe sul piccolo paese di Cantalupi.

Poteva essere un mostro spaventoso, un essere creato da qualcuno animato da una paura folle, una paura immensa. Una creatura simile aveva fatto sparire alcuni animali. Avrebbe potuto fare del male anche ai suoi amici? Questo dubbio non gli permise di addormentarsi sereno.

20180619_223010-1[1]Il perno centrale di questa storia risiede tutta all’interno del protagonista. Enrico dovrà superare una prova una volta arrivato a Cantalupi. Una prova che decreterà se prendere parte alla cerchia dei vecchi amici del paese dei Senzapaura o se restare completamente solo e senza amici e quindi tornare a casa in città.

Lo stile utilizzato è semplice ma allo stesso tempo accattivante. Essendo soltanto di 120 pagine leggerete questo libro in poco tempo, una manciata di ore è più che sufficiente ma saranno abbastanza per trasportarvi in quel piccolo paese assieme al gruppo e assieme a Enrico o meglio Freccia.

Le illustrazioni scelte all’interno di questo piccolo volume (ne vedete alcune qui, sparse all’interno della recensione) sono a cura di Stephanie Astrid Lucchesi e sono veramente bellissime come potete vedere. Rendono ancor più vera questa storia dandone forza. Io le ho amate in particolar modo.

La storia ha due lati su cui si fonda. Il lato del mistero e della magia: ci sono i succiamorte esseri che percepiscono la paura e se ne nutrono, fantasmi e quant’altro. Vi lascerò scoprirli nella lettura. L’altro lato è quello dei profondi messaggi che trasmette. Sia il fatto di superare le proprie paure che il fatto di non voler crescere è di rilevanza e anche se tutto è mascherato sotto il fatto dei mostri/fantasmi che si aggirano a Cantalupi, non perde la sua sostanza, tutt’altro. Trovo questa storia davvero molto carina e sicuramente da leggere.

C’era un’unica persona in grado di sciogliere i suoi dubbi. Una persona che poteva incontrare soltanto di notte. Enrico sapeva che non poteva tirarsi indietro.

Il libro è stato tenero e incredibilmente veritiero su molti aspetti della vita, sia per quanto riguarda i bambini/ragazzi stessi ma anche gli adulti. Gli adulti che diventiamo e le paure che portiamo con noi sono il frutto di ciò che non abbiamo affrontato quando eravamo bambini. In più, è stato unito il fatto del non voler crescere, di non voler affrontare il futuro e il fatto di non voler cambiare. Consiglio questo libricino a tutti voi lettori del mio blog, una storia davvero molto carina!

Emilia Cinzia Perri scrive di una piccola avventura in un paesino di campagna, rendendo l’avventura di cinque ragazzi un vero e proprio cambiamento verso loro stessi. I personaggi matureranno sotto alcuni aspetti  L’autrice in poche pagine ha scritto una storia tenera all’insegna dell’amicizia e del coraggio sotto una veste magica e misteriosa che incanterà il lettore portandolo a Cantalupi.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2


Vuoi acquistare Freccia Senzapaura e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Freccia senzapaura o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con i vostri commenti che sono ultra curiosa!

A presto,

Sara ©

 

REVIEW PARTY + GIVEAWAY : “PER LANCIARSI DALLE STELLE DI CHIARA PARENTI” (#186)

BUON POMERIGGIO CARE E BELLISSIME PARTICELLE LETTRICI!

Oggi eccomi con un evento che ho organizzato con il permesso della Garzanti che ringrazio ancora per l’opportunità e ringrazio tutte le ragazze che hanno accettato di partecipare. Di cosa vi sto parlando? Della nuova uscita di Chiara Parenti di cui avevo già recensito in precedenza La voce nascosta delle pietre, che ho adorato (trovate la recensione QUI se ve la siete persa). Un nuovo libro che vi conquisterà, eccolo qui:

1c5bc-chiarapr

Titolo: Per lanciarsi dalle stelle
Autore: Chiara Parenti
Genere: Narrativa
Data di uscita: 14 giugno 2018
Link d’acquistohttps://amzn.to/2JyBndj
Trama: Sono queste le parole che Sole trova nella lettera che la sua migliore amica le ha scritto poco prima di partire e di sparire dalla sua vita. Sole non smette di guardare quel foglio perché, per lei, non c’è nulla di più difficile che superare le proprie paure. Quando non c’è nulla da rischiare, è tutto più facile. Per questo ha preferito un lavoro sicuro al sogno di laurearsi e non ha mai dato il primo bacio, perché è meno pericoloso immaginarlo tra le pagine di un libro che viverlo realmente. Adesso, però, Sole non può più aspettare. Lo deve alla sua amica. Così per cento giorni affronta una piccola paura dopo l’altra, dal salire sulle montagne russe al dormire in un bosco sotto le stelle, dal fare un viaggio da sola a Parigi a lanciarsi con il paracadute. Giorno dopo giorno scopre il piacere dell’imprevisto e dell’adrenalina che fa battere il cuore. Accanto a lei c’è Asia, una timida adolescente. Rivedendosi in lei, Sole prova a smontare tutti i tasselli della sua insicurezza per insegnarle quello che ha appena imparato: è normale avere paura, quello che serve è solo un unico, magnifico istante di coraggio per lasciarsi andare. E, per dimostrarlo, è pronta a vivere il suo timore più grande: confessarsi al ragazzo di cui è innamorata da sempre. La prova più difficile. Perché anche per amare davvero bisogna essere pronti a mettersi in gioco.

BOOKTRAILER

RECENSIONE

Sogni ad occhi aperti by RioTAngiELa storia ha inizio su un aereo. Sole sta per lanciarsi da un aereo ed ha paura ma è questione di pochi minuti, non può più tirarsi indietro e si butta assieme all’istruttore.

Sole e Stella sono amiche da una vita e non potevano essere più diverse una dall’altra. Sole è chiusa, casa e lavoro e nient’altro per nulla al mondo. Stella è temeraria, viaggia nel mondo e non si perde mai d’amino. Le piace sperimentare cose nuove e cerca di spingere anche Sole a fare lo stesso. Quando però Stella viene a mancare improvvisamente Sole si sente in debito verso la sua migliore amica e comincia a fare una lista di cose di cui ha paura. Una al giorno, per cento giorni, Sole affronterà le sue paure aprendosi sempre di più al mondo.

Cosa succederà a Sole nel corso di questa storia? Siamo veramente in grado di vincere le nostre paure? Come possiamo farlo e come riesce Sole in tutto questo?

Lo squillo del telefono fisso rimbomba nella stanza come una sirena antiaerea che, con un suono lungo, cupo e lamentoso, annuncia un pericolo imminente. I miei genitori e io fissiamo l’apparecchio come fosse un ordigno innescato e per un momento infinito nessuno parla o respira. Restiamo immersi in un limbo di terrore, una bolla sospesa nel tempo e nello spazio destinata a infrangersi non appena qualcuno alzerà la cornetta. Sarà sollievo o strazio. Sarà riprendere a respirare o trattenere il fiato per sempre. Sarà vita o morte. Alla fine è mio padre a rispondere, a me manca la forza, manca il coraggio. Non serve che lui parli e nemmeno che lo faccia Patrizia dall’altra parte. Basta il singhiozzo che le sfugge a provocare un terremoto di proporzioni gigantesche, che infrange i vetri e fa scoppiare i tubi, scoperchia il tetto e fa crollare tutto quello che c’è dentro casa finché non ci resta più niente. Solo un gigantesco, incancellabile senso di colpa.

La trama è ben scritta e mette di sicuro la giusta curiosità nel lettore. Personalmente ero attratta dal libro per il solo fatto che fosse di Chiara Parenti avendo amato il primo in maniera viscerale quindi non sono stata a badare troppo alla trama all’inizio ma devo dire che di sicuro attira gli occhi e l’attenzione di chi legge. Ero davvero curiosa non appena l’avevano accennato.

La copertina è meravigliosa. La Garzanti se s’impegna, ogni tanto, fa uscire i suoi gioiellini con le copertine, sopratutto per i libri italiani. Sono davvero felice per questo libro perché in fatto di grafica è davvero stupendo, anche più del libro precedente della stessa autrice. 

L’ambientazione è un piccolo paese nelle Molise, quindi location tutte italiane e l’epoca è moderna. La storia si sviluppa al giorno d’oggi.

Quando il mondo finisce, io non sento più niente. Tutto quello che succede nelle ore e nei giorni successivi alla notizia della morte della mia migliore amica mi arriva come da lontano, un’eco debole e ovattata di una realtà troppo assordante da ascoltare. Non ascolto quando mia madre mi dice che Patrizia e Giorgio sono partiti per Parigi per sbrigare le formalità burocratiche. Non ascolto quando mi dice che la bara è tornata in Italia. E non ascolto nemmeno quando mi ricorda che è tardi e che devo prepararmi per il funerale perché è ora di andare in chiesa. Nella bolla di dolore in cui mi sono rifugiata, mi trascino dietro i miei genitori sul sagrato della chiesa di Santa Maria a Mare.

Risultati immagini per gif paurepersonaggi all’interno della storia sono ben delineati e accuratamente strutturati. Non si confondono uno con l’altro e sono davvero ben caratterizzati. Mi sento in dovere di parlarvi della protagonista di questa storia più che di ogni altro personaggio che troveremo all’interno della lettura perchè decisamente colonna portante della storia.

Sole è una ragazza intelligente, lavora in un piccolo supermercato e le sue giornate si svolgono con una routine fin troppo semplice ed ha paura praticamente di qualsiasi cosa: non è mai salita su un aereo, non ha mai baciato un ragazzo e non ha mai bevuto o ballato ad una festa. La sua migliore amica Stella è l’esatto contrario e quando lei muore, tutto per Sole sembra essere finito. Fin quando non riceve il regalo di compleanno da parte di Stella, un regalo che la costringe a sfidare le sue paure più grandi. Lei decide di farlo, decide di lanciarsi col paracadute da un aereo solo per Stella. D’ora in poi farà tutto ciò di cui ha sempre avuto paura solo e soltanto per lei, per la sua migliore amica.

«Ehi, che cos’hai?». Lo guardo scettica. «Paura?!» «Oh, anch’io, non preoccuparti…» risponde come fosse la cosa più naturale del mondo. Stupita, sollevo la testa per guardarlo in faccia e vedere se sta scherzando. «Anche tu?» «Certo», annuisce. «Chiunque sano di mente avrebbe paura a lanciarsi appeso a un drappo di stoffa da quattromila metri di altitudine!» esclama come fosse ovvio. «Sai, non sono pratica, ma credo che queste non siano le parole giuste da dire mentre si sta salendo sull’aeroplano che ci butterà giù.» Lui ride. «È normale avere paura», dice e poi inchioda gli occhi azzurri ai miei e li tiene fermi. «Quello che ci serve, piccola, è solo un unico, singolo, magnifico istante senza paura. È in quell’istante che si fanno le cose più impensabili!» (…) Penso che sono qui per lei e mi lascio invadere da una sensazione meravigliosa. So che sto facendo la cosa giusta, so che sto facendo quello che lei voleva. “Questo è per te”, le dico.

Il perno centrale è il superare le proprie paure. Ognuno di noi ha qualcosa di cui ha paura e sono quelle stesse paure talvolta a fermarci, a mettere un paletto o un limite a delle situazioni o a qualcosa che invece vorremmo fare. Questa storia ci insegna quanto sia importante affrontare le cose che più temiamo e di non rinchiuderci nel dolore assoluto. 

Risultati immagini per gif paureLo stile dell’autrice è semplice e super scorrevole. Riuscirete a leggere questa storia in pochissime ore e la storia, in un modo o nell’altro, vi catturerà. 

Personalmente ho preferito La voce nascosta delle pietre in tutto e per tutto. Ora vi spiego i motivi che si sono fatti strada nella mia mente, a prescindere – ovviamente – dal libro precedente e che ho trovato poco funzionali in questa storia.

Poca empatia con il personaggio. L’autrice trasmette le sue emozioni al lettore ma non riesce a farle passare attraverso Sole. Mi piacciono i pensieri profondi e li trovo veri, reali, persino un po’ miei ma non è la protagonista a lasciarmeli. Sole sembra muoversi nel limbo dell’insicurezza che la porta a compiere gesti che non avrebbe mai pensato di fare ma, semplicemente, la cosa non arriva come dovrebbe. In compenso, invece, ho preferito Stella, sia inizialmente per la sua presenza che per ciò che ha lasciato a Sole, per come l’abbia aiutata lungo tutto il percorso.

La situazione con Massimo è fin troppo prevedibile e chiara fin da subito e Samuele non ve ne parlo nemmeno. I due sono stati un mix sorprendente di incroci davvero scontati ed è un cliché che mi aspettavo sin dalla comparsa di ognuno dei due personaggi. E su questo non dico altro. 

Nonostante questo, però, la storia si basa su sensazioni, emozioni e realtà che ci circondano e che fanno parte della nostra vita. Come ad esempio il fatto che Stella muoia in un attentato a Parigi o come la possibilità di riscattarsi nelle propria vita. Una storia che, nonostante tutto, ci insegna a credere in noi stessi, a superare i nostri limiti e le nostre paure.

In pochi istanti mi ritrovo a pogare in mezzo a questi ragazzi che mi incitano e mi sorridono e mi inondano con la loro pazzesca energia che, unendosi alla mia, esplode sopra di noi con una fiammata. Ora sono carica come una bomba e quando mi sento prendere per le gambe e sollevare in aria non oppongo resistenza, ormai ogni barriera è caduta e io mi sento senza limiti. Con la musica che mi pulsa nelle vene, nel cervello e nei polmoni, mi ritrovo sdraiata sopra decine di mani saltellanti, ma non ho paura di cadere perché mi sembra di volare. Sotto di me c’è tutto quello di cui ho avuto paura per tutta la sera, per tutta la vita. Sopra di me c’è solo un cielo pieno di stelle.

Il libro è stato dolce e pieno di significato. Questa storia impatta di sicuro a livello emotivo, che vi consiglio se avete paura di almeno una cosa (e so che ce l’avete) o se c’è qualcosa che nella vita avete deciso che non farete mai e poi mai. Consiglio sicuramente questa lettura ma ancor di più vi consiglio di leggere il precedente della stessa autrice, quello si che è meraviglioso.

Chiara Parenti ci fa vivere una storia all’insegna del coraggio e del riscatto, delle seconde possibilità e di tirare fuori l’io più nascosto. Un libro che ci insegna ad avere la forza di vincere le profonde paure che teniamo nascoste dentro di noi. Perché dal dolore, a volte, può nascere veramente qualcosa di buono. 

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo


GIVEAWAY

Per vincere una copia di Per lanciarsi dalle stelle le regole sono molto semplici , dovete solo:

– seguire la pagina Facebook di Garzanti;
– diventare lettori fissi dei blog (trovate la lista qui sotto);
– commentare le recensioni;
– (facoltativo) condividere le recensioni nei social.

Il giveaway inizia oggi, 14 giugno e termina il 17 giugno.

Qui sotto trovate il form per partecipare:

http://www.rafflecopter.com/rafl/display/74b4a56249/

(Se non riuscite a utilizzare il form, utilizzatelo da una delle altre recensioni, grazie!)


Mi raccomando, seguite le altre tappe, qui:

review partec


Vuoi acquistare Per lanciarsi dalle stelle e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Per lanciarsi dalle stelle o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con tanti bei commentini!

A presto,

Sara ©

COVER REVEAL: IVAN DI MALIA DELRAI

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi ho per voi un cover reveal particolare, per la casa editrice Delrai edizioni in cui proprio la titolare della casa editrice ha scritto un nuovo libro e ne annuncia la copertina. Eccolo qui:

Data di uscita: 23 giugno 2018

Titolo: Ivan

Autrice: Malia Delrai

Pagine: 450

Prezzo e-book: 3,99 euro

Prezzo cartaceo: 19,90 euro

Sinossi: Ivan Volkov è uno dei killer più temuti della Russia per ferocia e precisione. Lui è un Lupo di Tambov e il migliore amico di Roman Nevskij. Non ha mai fallito un obiettivo, mai, da quando ha conosciuto ed è diventato il braccio destro del leader della Tambovskaja, la mafia russa di San Pietroburgo. Perciò si trova spiazzato quando a puntargli la pistola contro il torace è la figlia dell’uomo che dovrà uccidere e che lo sfida con i suoi occhi da assassina: lei non è poi così diversa da lui. A sconvolgere l’uomo è la proposta che la ragazza gli fa: del sesso in cambio della vita. Lo sguardo di Ania Mikhajlova sembra schernirlo e il sorriso malizioso che gli lancia lo provoca e vuole fargli superare ogni limite.

Due assassini a confronto, anime affini, spiriti sconfitti dall’assenza di umanità. Nessuno di loro è disposto a perdere, in una lotta di passione e di violenza reciproca. Perché l’unico modo che hanno per sopravvivere è uccidere, anche quando si tratta di sentimenti.

Ecco a voi la cover

cover-ebook-IVAN-big

template-tipografia-dorso353

Biografia 

Malia è… be’, Malia. C’è poco da dire su di lei, la si deve conoscere a fondo per poterla definire in qualche modo: un po’ Pippi Calzelunghe, un po’ Cartesio, con un pizzico di Casanova e Saffo, mista a Baci Perugina. La sua vita è un continuo combattere contro le tentazioni del cibo e del comprare libri, ne è fortemente dipendente, e non esclude in futuro di poter aprire un gruppo di golosi anonimi e lettori indomiti. Un suo serio problema è scegliere tra scrittura e lettura, ma ha risolto in fretta aprendo una casa editrice: la Delrai Edizioni.

Estratti

Forse lui l’avrebbe usata e buttata via, perché era questo che Ania era, una bambola rotta, un oggetto di piacere letale. Era nata per esserlo e soffrire ora non sarebbe valso a cambiare qualcosa, però gli avrebbe lasciato il segno delle unghie addosso, avrebbe solcato la sua pelle allo stesso modo dei tatuaggi che gli disegnavano il corpo. Se lui era assoluto, lei sarebbe stata l’estasi. Ivan Volkov era suo. Lui scoppiò a ridere, una risata che aveva il gusto soddisfatto della vittoria. Lei era bella, dannatamente bella, ma non si sarebbe fatto fottere da una donna.

Giveaway

Hai tempo dal 13 al 17 giugno compreso per rispondere sotto la foto del cover reveal sul profilo di Andrea Melchiorre di Instagram (https://www.instagram.com/andreamelchiorre1/) e avere l’occasione di vincere il cartaceo di Ivan autografato da Andrea e dall’autrice.

Qual è la domanda a cui dovrai rispondere? “Cosa ti piace di più di Andrea?”

Vincerà la risposta più originale.

Regolamento:

segui il profilo Delrai Edizioni su Instagram

Segui Andrea Melchiorre su Instagram

Il 18 giugno sarà proprio Andrea a decretare il vincitore o i vincitori. Perché potrebbero esserci più risposte originali, chissà. Cercate di colpirlo e tenete gli occhi puntati sul suo profilo.

In più, se la persona vincitrice, avrà “repostato” sul proprio profilo Instagram la foto del cover reveal (naturalmente verrà verificato, il profilo dovrà essere pubblico) vincerà anche il poster dell’evento con l’autografo di Andrea.

Evento

Il 23 giugno 2018, giorno dell’uscita di Ivan, Malia Delrai e Andrea Melchiorre presenteranno il romanzo “Ivan” presso la libreria Mondadori, Viale Europa 86, a Roma, indicativamente dalle ore 17 alle ore 19. Vi aspettiamo!

Nei post su Facebook: taggare la pagina “Andrea Melchiorre official”

Nei post su Instagram che fate, usate l’hastag dell’evento “Ivan4Delrai”, “gustiamoloitaliano”.


Cosa ve ne pare? Fatemi sapere che ne pensate, mi raccomando.

A presto,

Sara ©

PROSSIME USCITE PER SPERLING&KUPFER, FANUCCI, RIZZOLI, LA CORTE EDITORE, SONZOGNO, MONDADORI, E NEWTON COMPTON.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Buon lunedì! Sono di nuovo qui con voi, stanca morta dopo ieri sera che ho avuto il mio saggio di hip-hop a cui ultimamente mi sono dedicata tantissimo. Però le notizie a voi non mancano mai, non temete! Ecco qui, come sempre le nuovissime uscite in arrivo per i nostri editori, suddivise sempre nello stesso modo. Spero troviate qualcosa che vi interessa o che aspettavate. Buona lettura:

SPERLING&KUPFER

Le voci delle betulle di [Donadelli, Eloisa]Titolo: Le voci delle betulle
Autore: Eloisa Donadelli
Data di uscita: 5 Giugno 2018
Trama: Bernadette vive da sempre con un peso inspiegabile sul cuore, un senso di vuoto che le fa mancare l’aria all’improvviso nonostante l’abbraccio caldo della famiglia, e che cerca di colmare con il suono del suo violoncello. Finché, un giorno, un oggetto stonato rinvenuto sul pavimento di casa rivela una verità affilata, che squarcia il velo di purezza della sua vita. E il dolore la getta in un crepaccio senza appigli, di quelli che si insidiano nei ghiacciai delle Alpi che fanno da contorno al paesino di Cimacase, dove lei da Milano si è trasferita per amore. Una notte, in cerca di ossigeno fresco, Bernadette si addentra nei boschi e scopre una radura protetta da un recinto di betulle. Lì, in una casa di sasso, vive Giosuè, un pastore solitario, un uomo anziano che si è fatto eremita per proteggere i ricordi. In paese lo chiamano «il re delle betulle»: dicono che i suoi consigli siano un balsamo per le ferite dell’anima; dicono che sappia leggerti dentro, ma che non tutti riescano a trovarlo. Parla poco, ma conosce la saggezza degli alberi e sa ascoltare. Grazie a quell’incontro, Bernadette troverà la chiave per spalancare una porta sul suo passato, sulla storia della sua famiglia e sul mistero delle sue origini.


Titolo: Il silenzio della città bianca
Autore: Eva García Sáenz de Urturi 
Genere: Thriller
Data di uscita: 12 Giugno 2018
TramaTasio Ortiz de Zárate sta per lasciare la prigione per il suo primo permesso. E Tasio non è uno qualunque: brillante archeologo, protagonista della scena culturale e pop con le sue trasmissioni televisive che hanno conquistato il pubblico vent’anni fa, il professore è finito in galera per omicidio. Tasio Ortiz de Zárate è stato condannato come serial killer. È accusato di aver ucciso seguendo una logica macabra, lungo un percorso ideale nella tranquilla città di Vitoria. Una città che ora si ritrova immersa nel terrore di tanto tempo fa. Perché alla libertà di Tasio corrisponde una nuova ondata di crimini. La prima coppia viene ritrovata nella Cattedrale Vecchia, due ragazzi di vent’anni nudi in una posa di sconvolgente tenerezza. Mentre le indagini sono solo all’inizio, i corpi di due venticinquenni compaiono nella Casa del Cordone, in pieno centro e durante la festa di San Giacomo. E il giovane ispettore Unai López de Ayala inizia la caccia. Per lui non si tratta soltanto di fermare la scia di morte, ma di vincere la sfida contro la mente criminale che lo ha coinvolto personalmente. E di dimostrare al suo capo, l’affascinante Alba, che seguire le regole non è sempre la migliore strategia.


Titolo: Ogni respiro
Autore: Nicholas Sparks
Genere: Romantico
Data di uscita: 26 giugno 2018
TramaTru Walls non è mai stato in North Carolina. Lui è nato e cresciuto in Africa, dove fa la guida nei safari. Si ritrova a Sunset Beach dopo aver ricevuto una lettera da un uomo che sostiene di essere suo padre, e spera finalmente di sciogliere il mistero che ha sempre circondato la sua vita. E quella della madre, perduta insieme ai suoi ricordi nell’incendio che l’ha portata via tanti anni fa. Hope Anderson è a un punto cruciale della vita: ha sempre immaginato un futuro diverso, ma è fidanzata da sei anni con un eterno bambino e non si aspetta più una proposta di matrimonio. Dopo l’ennesima pausa di riflessione, Hope decide di visitare per l’ultima volta il cottage di famiglia a Sunset Beach, in North Carolina, dove ha passato le meravigliose estati della sua infanzia. Quando Hope e Tru s’incontrano, tra loro nasce un’intesa immediata, qualcosa di forte e disarmante, come se si fossero riconosciuti oltre il tempo e lo spazio. Come se si fossero sempre amati in attesa di trovarsi. Ma la realtà presenta presto il conto e ognuno deve fare una scelta: tra amore e dovere, tra passato e presente, tra rimpianti e felicità. Nicholas Sparks ritorna con una storia d’amore travolgente, una storia destinata a durare oltre il tempo, a spaziare oltre i continenti e a sfidare i capricci del destino. Ogni respiro è un romanzo profondo sulle diverse facce dell’amore, sui rimpianti che spezzano il cuore e sulle speranze che non muoiono mai, sugli effetti del tempo e sulla durata di un sogno. Che può diventare infinito.

LA CORTE EDITORE

Titolo: Oltre

Autore: Giorgia Cozza

Genere: Young Adult

Data di uscita: 7 Giugno 2018
Trama: Vaol è sveglia, ma crede ancora che si tratti di un sogno. Si trova nella sua città, ma non la riconosce. Palazzi, negozi, parchi, alcuni sono dove devono essere altri no, non ci sono più. Vaol sta ancora aspettando di svegliarsi, quando compare lui. Il ragazzo più bello che lei abbia mai visto e che le spiega tutto: Vaol è morta. A diciannove anni è finita in una sorta di limbo, in un mondo sospeso tra la vita e la morte. Una seconda opportunità, un altro poco di storia dopo la parola fine, per chi muore troppo giovane o con qualcosa in sospeso. Potrebbe essere un dono, se non fosse che quelli come Vaol, gli ultimi arrivati, sono costretti a vivere in un ghetto e lavorare come schiavi, privati di ogni diritto dai Primi, gli oligarchi che sono al governo. Quando Vaol scopre che suo padre, morto due anni prima in un incidente, si trova nel limbo ed è a capo della Resistenza, entra tra le fila dei ribelli decisa a fare la sua parte per rovesciare la Casta. Così mentre di giorno combatte la sua battaglia contro la dittatura, di notte si innamora di Hans ogni ora, ogni minuto, ogni secondo di più…


FANUCCI

Titolo: I bambini delle Case Lunghe
Autore: Corrado Peli
Genere: Giallo
Data di uscita: 6 Giugno 2018
Trama: 1985. A Case Lunghe, località della piccola frazione di San Felice nella Bassa bolognese, la vita scorre lenta e i bambini crescono giocando nei campi e nei casolari abbandonati. Ma quei silenzi, quegli orizzonti bassi, quelle nebbie che sembrano non diradarsi mai custodiscono segreti inconfessabili, violenze soffocate nel perbenismo, passioni proibite consumate e rinnegate, silenzi ottenuti col ricatto… Finché un gruppo di bambini si ribella tragicamente all’ipocrisia e alla violenza degli adulti, ristabilendo un nuovo ordine destinato in apparenza a durare. Ma trentun anni dopo, quando don Stefano Vitali viene inviato a San Felice per curare i particolari burocratici di un ingente lascito alla parrocchia della frazione, dietro a quella realtà riemerge un dramma ormai dimenticato, pronto a reclamare che il cerchio venga chiuso una volta per tutte.

RIZZOLI

Titolo: Ink
Autore: Alice Broadway
Genere: Fantasy
Data di uscita: 12 giungo 2018 
Trama: Immagina un mondo in cui ogni tua azione, ogni evento della tua vita ti viene tatuato sulla pelle, perché tutti lo possano vedere. Immagina se avessi qualcosa da nascondereNon ci sono segreti a Saintstone: dall’istante in cui si nasce, successi e fallimenti vengono tatuati sulla pelle, così che tutti possano vederli e giudicarti, come un libro aperto. E proprio un libro i morti diventano: la pelle viene asportata, rilegata e consegnata ai familiari, come antidoto all’oblio che è ancora più temibile della morte. A patto che le pagine della vita superino il giudizio del consiglio: in caso contrario il libro viene gettato alle fiamme, e con lui il ricordo di un’intera vita. Quando l’amato papà muore, Leora, sedici anni, è convinta che il giudizio su di lui sarà pura formalità, e invece si rende conto che l’uomo nascondeva dei segreti, ma che di segreti ne cela anche il Consiglio.

SONZOGNO

ProfileAutore: P.K. Mahanandia
Titolo: L’incredibile storia dell’uomo che dall’India arrivò in Svezia in bicicletta per amore

L’incredibile storia dell’uomo che dall’India arrivò in Svezia in bicicletta per amore è il racconto della storia, vera, di PK e Lotta, una favola divenuta realtà: nel 1975 a New Delhi, un artista di strada indiano, un Dalit, si innamora, ricambiato, di una giovane hippie, una turista svedese giunta in Oriente come moltissimi in quegli anni. Privo di altri mezzi, percorrerà in bicicletta la distanza che lo separa da lei, in un lungo viaggio attraverso Pakistan, Iran, Turchia, Grecia, Austria… fino a Boras, nel sud della Svezia, per raggiungere la donna che amerà tutta la vita.
 
Caso editoriale in Germania dove ha venduto oltre 300.000 copie, i diritti del libro sono stati opzionati per la trasposizione cinematografica.
Trama: Tutto ha inizio in una fredda serata di dicembre del 1975, quando Lotta e PK si incontrano per caso in una piazza di Nuova Delhi. Tra la giovane turista svedese e l’artista di strada cresciuto in un villaggio sul limitare della giungla dell’India orientale, è amore a prima vista. Lotta però torna a casa, in Svezia, in un altro pianeta che si trova chissà dove, e perché non scompaia dalla sua vita per sempre PK deve inventarsi un modo per raggiungerla. Ma come? È un senza casta, non possiede nulla: le probabilità che ci riesca sono minuscole. Se non fosse per una vecchia bicicletta. PK è abituato alle situazioni più estreme, ha conosciuto la fame e le umiliazioni degli intoccabili, ma è molto bravo a disegnare, perfino Indira Gandhi gli ha chiesto di ritrarla. Il blocco e le matite sono il suo biglietto per un lungo viaggio verso occidente: in sella alla sua bicicletta di seconda mano, il discendente degli indigeni oppressi dell’India parte da Delhi, attraversa le cime innevate dell’Afghanistan, approda nella terra dello scià e da lì prosegue verso l’Europa, pedalando ogni giorno fino allo stremo per cinque lunghi mesi e superando povertà, pregiudizi e innumerevoli avversità – oltre a dodicimila chilometri di strada – per stare insieme alla donna che ama. Forse, pensa PK, tutto è davvero già scritto nelle stelle, visto che alla sua nascita un astrologo aveva predetto che avrebbe sposato una ragazza di un’altra tribù, addirittura di un’altra nazione. Come nelle favole a lieto fine, Lotta e PK si sono ritrovati, e mai più lasciati. Oggi hanno tre figli e vivono insieme in una grande casa alle porte di Boras, nel Sud della Svezia. Questa è la loro storia.


Notte al Casablanca
Autore: Daniela Grandi

Titolo: Notte al Casablanca

1° ed. 2018
Collana: Romanzi
TramaNina Mastrantonio, maresciallo dei carabinieri a Parma, deve faticare il doppio per farsi rispettare: è donna, è bella, e ha la pelle nera. Per di più ha un carattere indipendente, è ostinatamente single e, con scandalo dei colleghi, preferisce il sesso senza legami a una relazione stabile. D’altra parte, sono proprio gli affetti il punto sensibile di questa giovane donna in cerca d’identità: italiana di origini somale, è fiera delle proprie tradizioni, ma al tempo stesso decisa ad affermarsi nel paese in cui è nata, l’Italia, dove il nonno – reclutato dai carabinieri al tempo del colonialismo – emigrò al termine della Seconda guerra mondiale. Un lunedì di pioggia, nell’appartamento di un anonimo condominio viene ritrovato il cadavere di Marco Cagli, piacente pilota d’aviazione. La vittima giace nuda sul letto, con un sacchetto di plastica intorno alla testa. C’è chi vorrebbe archiviare il caso come un gioco autoerotico finito male, ma Nina è di un altro avviso: conosceva bene quell’uomo, comprese le sue abitudini sessuali. Appoggiata dal fido Paolini e dall’avvenente brigadiere Navarra, sfidando le convinzioni dei superiori, Nina si decide così ad avviare un’indagine per sospetto omicidio. Tanto più che qualcuno ha iniziato a inviarle bigliettini anonimi con strane citazioni letterarie: stanno tentando di dirle qualcosa, ma cosa? E perché una giovane prostituta cerca di mettersi in contatto con lei? E come si spiegano tanta omertà e imbarazzo tra i notabili della città? Molte piste conducono al Casablanca, un club per scambisti frequentato dalla buona società di provincia. Tra giochi di potere, sesso e ricatti, Nina dovrà grattare via lo smalto delle apparenze e immergersi, sola contro tutti, in un’inchiesta ricca di colpi di scena, per venire a capo di un caso inquietante e delicato.

NEWTON COMPTON

undefinedTitolo:  La verità sul caso Beth Taylor
Autore: Erin Kelly
Genere: Thriller
Data di uscita: 14 giugno 2018
Trama: Estate 1999.
Kit e Laura sono diretti al festival di Capo Lizard, in Cornovaglia, per assistere a un’eclissi solare. Kit è un vero appassionato e Laura non ne ha mai vista una dal vivo. Sono giovani e felici e non vedono l’ora di vivere la loro avventura. Ma negli istanti successivi all’eclissi, mentre fanno ritorno alla loro tenda, Laura intravede un uomo sopra una donna. Il suo istinto le dice che ha assistito a qualcosa di terribile, ma l’uomo nega. Ciò nonostante viene arrestato. È la sua parola contro quella di Laura. Nei mesi che seguono, Beth, la vittima dell’aggressione, mostra una crescente gratitudine nei confronti di Laura e Kit, tanto da diventare eccessiva. E quando cominciano a verificarsi alcuni episodi inquietanti, in Laura comincia a sorgere un timore: avrà dato fiducia alla persona giusta? 
Quindici anni dopo, Kit e Laura sono sposati e vivono sotto falso nome. Il passato però riesce a raggiungerli di nuovo e minaccia di sconvolgere per sempre le loro vite… 


undefinedTitolo: L’infinito tra me e te
Autore: Mariana Zapata
Genere: New Adult
Data di uscita: 14 Giugno 2018
TramaVanessa Mazur sa che sta facendo la cosa giusta. Non ha alcuna intenzione di sentirsi in colpa per aver mollato. Il lavoro di assistente tuttofare di Aiden Graves è sempre stato un impiego temporaneo. Lei ha altri piani per il futuro, ha delle ambizioni, e di certo non comprendono il ruolo di fatina personale di una star del football. E allora perché quando Aiden si presenta alla sua porta, pregandola di ripensarci, Vanessa esita? Per due anni, l’uomo che le televisioni chiamano “il Muro di Winnipeg” è stato il suo incubo: neanche un buongiorno al mattino, o un sorriso il giorno del suo compleanno. Era talmente concentrato sullo sport che sembrava non accorgersi nemmeno di chi o cosa lo circondasse. Cos’è cambiato, allora? Quello che Aiden chiede, per Vanessa è semplicemente incomprensibile. Dopo il modo in cui è stata trattata, lei desidera solo dedicarsi alla sua vera passione, il design, e lasciarsi alle spalle l’indifferenza. La perseveranza di Aiden sarà in grado di farle cambiare idea? In questo genere di partite, segnare un punto richiede pazienza, gioco di squadra e una buona dose di determinazione.


undefined
Titolo:  13 anni dopo
Autore: Kerry Wilkinson
Genere: Thriller
Data di uscita: 21 giugno 2018
TramaUna ragazza fa la sua comparsa in una cittadina inglese dicendo di essere Olivia Adams, la bambina svanita nel nulla tredici anni prima. Quando Olivia Adams, a soli sei anni, scomparve dal giardino di casa, la piccola comunità di Stoneridge venne presa dallo sgomento. Come poteva una bambina sparire semplicemente nel nulla? Tredici anni dopo, Olivia è tornata. Si è presentata al bar di sua madre, Sarah, che non ha avuto nemmeno un momento di esitazione nel riconoscere la figlia scomparsa che non ha mai smesso di cercare. La ragazza sostiene di essere stata rapita, ma dice anche che solo di recente i ricordi del passato hanno cominciato a riaffiorare. Alcuni punti del suo racconto, però, rimangono oscuri: dove e come ha vissuto per tutti quegli anni? E che cosa è accaduto esattamente in quel lontano pomeriggio assolato? Eppure c’è qualcuno che non è felice della ricomparsa di Olivia. Perché quando il passato ritorna ci sono segreti che rischiano di essere svelati, dopo essere stati sepolti per molti anni.


undefinedTitolo:  La coppia quasi perfetta
Autore: John Marrs
Genere: Thriller
Data di uscita: 21 Giugno 2018
TramaPer trovare l’anima gemella, quella vera, non serve altro che un tampone con un campione di saliva: si tratta di un velocissimo test per scoprire a chi appartiene il tuo cuore, la persona con la quale sei geneticamente compatibile. Dieci anni dopo la scoperta di un gene che ognuno condivide soltanto con un’altra persona nel mondo, in milioni hanno fatto il test per trovare il vero amore. Mandy è divorziata e sceglie di sottoporsi all’esame per costruire finalmente la famiglia che ha sempre desiderato; Christopher è uno spietato serial killer con un macabro record da raggiungere; Nick è felicemente fidanzato, ma la sua ragazza lo convince a provare il test per curiosità; Jade, pur essendosi sottoposta all’esame, ancora non è riuscita a convincere la sua anima gemella a incontrarla; Ellie si dedica completamente alla carriera e non ha tempo per l’amore, eppure il risultato del suo test parla chiaro… Ognuno di loro, dopo aver inviato il tampone di saliva, scoprirà che non è più possibile tornare indietro. Perché persino le anime gemelle nascondono dei segreti. E alcuni di questi sono più scioccanti – e pericolosi – di altri…


MONDADORI

Il destino divideTitolo: Il destino divide
Autore: Veronica Roth
Genere: Distopico
Data di uscita: 26 Giugno 2018
TramaIl destino li ha fatti incontrare. Ora sta per dividerli. Non ci si può opporre al proprio fato. Sarebbe sciocco, oltre che inutile, perché non si può andare contro qualcosa di inevitabile. Lo sanno bene Akos Kereseth e Cyra Noavek, eppure, fin dal momento in cui è stato reso pubblico il loro, di fato, si trovano in bilico tra l’accettazione del proprio destino e il desiderio di tentare l’impossibile e cambiarlo. Akos non ha potuto fare a meno di innamorarsi perdutamente di Cyra, nonostante il suo fato preveda che lui morirà proprio al servizio della famiglia Noavek. E quando il padre di lei, Lazmet – un tiranno spietato e senz’anima che tutti avevano creduto morto -, torna alla ribalta reclamando per sé il trono degli shotet, il ragazzo si convince che la sua fine è ormai vicina. Nel momento in cui Lazmet innesca la tanto temuta guerra tra thuvhesiti e shotet, i due ragazzi sanno di non avere scelta, devono cercare di fermarlo in tutti i modi possibili. Anche se per Cyra questo potrebbe significare togliere la vita a suo padre, e per Akos perdere la propria. I due scopriranno quanto il fato che guida le loro vite possa sorprenderli in modi assolutamente inaspettati.

Che cosa ve ne pare? Fatemi sapere cosa ne pensate con un commentino e cosa preferite?!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #184 – TUO, SIMON DI BECKY ALBERTALLI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

E buon week end. Il mio fine settimana sarà sicuramente super impegnato e pieno di cose da fare ma non vi abbandono, tranquilli. Avrò pace? Forse la settimana prossima, spero. Infatti, oggi vi porto una nuova recensione. Ecco qui che ve ne parlo:

8751283_3120459Titolo: Tuo, Simon
Autore: Becky Albertalli
Genere: Young Adult
Data di uscita: 17 aprile 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2M63sX1

TramaSimon ha diciassette anni e un amore segreto per Blu, un ragazzo conosciuto on line con cui intrattiene un’intensa, tenera corrispondenza. Il loro rapporto è al sicuro finchè un email finisce in mani sbagliate: quelle di Martin, il bullo della scuola, che ora minaccia di rivelare a tutti lo scoop dell’anno… a meno che Simon non l’aiuti a conquistare Abby, la ragazza di cui è innamorato ma che non lo degna di uno sguardo. Per proteggere il suo amore, Simon dovrà affrontare per la prima volta la paura di uscire dal guscio che ha costruito intorno a sé, trovando il coraggio di rinunciare alle proprie sicurezze per fare spazio alla bellezza e alla libertà di essere se stessi. Email dopo email, il sentimento per Blu cresce, e così la voglia di conoscersi e far conoscere agli altri chi è davvero.

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio a scuola. Martin mostra a Simon di avere delle foto delle sue mail perchè lui, distrattamente ha lasciato l’account aperto nel computer della scuola. Martin non dirà niente a nessuno se Simon lo aiuterà a conquistare Abby, la ragazza dei suoi sogni e una delle migliori amiche di Simon. In quel momento per Simon comincia un vero e proprio caos per cercare di non fare in modo che il suo segreto non venga divulgato. Qual’è il suo segreto? Simon scrive delle mail ad un ragazzo che si fa chiamare Blu, intrattengono delle conversazioni e si conoscono sempre più approfonditamente.

I due vanno a scuola insieme ma nessuno sa nulla dell’altro. Simon non vuole far sapere in giro che lui è gay. E’ il suo segreto più grande e se qualcuno dovesse scoprirlo per lui potrebbe essere terribile per questo cercherà di aiutare Martin, anche se non ne ha voglia. 

Cosa succederà all’interno della scuola? Riuscirà Simon nell’intento? Chi è questo misterioso e affascinante Blu? Chi si nasconde dietro le sue mail che fanno battere il cuore del giovane Simon?

Ricordo esattamente come è stato vedere il suo primo messaggio nella mia casella di posta. Era un po’ surreale. Voleva sapere di me. A scuola, nei pochi giorni dopo quel messaggio, mi sentivo il personaggio di un film. Riuscivo quasi a immaginare un primo piano della mia faccia, proiettato sul grande schermo. Strano, perché in realtà non sono mai protagonista di niente. Al massimo sono il migliore amico del protagonista. Non riuscivo a vedermi come una persona interessante fino a quando a trovarmi interessante è stato Blu. E così non posso dirglielo. Non voglio perderlo.

La trama è ben scritta e – per fortuna – non porta con se Spoiler visto che siamo piuttosto gettonati per mettere nelle trame cose che dovremo scoprire leggendo il libro in se. La trovo molto semplice e che mette la giusta curiosità. Voi che ne pensate?

Risultati immagini per becky albertalli simon vsLa copertina riprende in parte l’originale anche se diversa. Il libro era già stato portato in Italia in una versione differente, con un altro titolo. Sinceramente preferisco questa copertina e questo titolo essendo uno molto breve e l’altra molto carina nel complesso, anche se si tratta della locandina del film. Il titolo, come ho detto poco fa mi piace, sa molto di lettera anche se all’interno troveremo mail. In precedenza, nella vecchia versione già pubblicata in Italia il titolo era Non so chi sei ma io sono qui e quello originale è Simon vs. Homo Sapiens Agenda che personalmente non è che mi sia mai piaciuto particolarmente.

L’ambientazione è americana e l’epoca è sicuramente moderna. Infatti troveremo social come Tumblr dove i ragazzi della scuola scrivono i loro segreti anche anonimamente. 

Cioè, se ci pensi, è un po’ una fregatura questa cosa che i prof siano convinti di doverti imporre cosa pensare. Come se non bastasse startene lì in silenzio e lasciarli insegnare. E’ come se credessero di avere il diritto di controllarti la mente. E io non voglio pensare alla guerra del 1812. Non voglio sapere perché diamine è stata così importante per un manipolo di marinai del cavolo. Quello che voglio è starmene seduto qui e pensare a Blu. Mi sa che sto iniziando a essere un po’ ossessionato da lui. Da una parte, sta sempre superattento a non darmi dettagli di sé. E pi cambia atteggiamento e mi confida cose personali, e sono cose che se volessi potrei tranquillamente usare per scoprire chi è. E lo voglio. Ma anche non lo voglio. E’ tutto terribilmente confuso. Lui mi confonde.

Risultati immagini per love simon gif

I personaggi che vi sono all’interno del libro sono diversi ma mi concentrerò molto di più sul protagonista principale che sul resto.

Simon è un ragazzo intelligente, spiritoso ed ha una famiglia che lo apprezza e lo ama. Ha due sorelle e un cane, Bieber che è la mascotte fra i suoi amici. E’ un ragazzo giovane, che cerca l’amore come ogni ragazzo della sua età. Simon sostiene: “Io sono come te”. Simon tiene nascosto a tutti un “segreto”: lui è gay. Simon ha una cerchia di amici con cui si trova molto bene:

Nick lo conosce da quando aveva quattro anni ed è uno dei migliori amici che si possano avere. Gli piace giocare ai videogiochi ed è innamorato della bella Abby. Leah la conosce dalle medie – se non sbaglio – ed è una ragazza fragile, che si sente sempre un po’ al di sotto degli altri. Abby è arrivata negli ultimi sei mesi e con Simon e i suoi amici è nato subito un feeling particolare. Lui sostiene che le sembra di conoscerla da molto più tempo.

Non so come spiegarlo che, a tutti gli effetti, sono già preso. Da qualcuno che a quanto pare condivide il nome con un presidente e un personaggio minore dei fumetti e che non ama disegnare, (…). Qualcuno che a quanto pare piacevo prima di sapere chi fossi.

Immagine correlataIl perno centrale è questa fitta corrispondenza e il mistero che si aggira attorno a Blu. Simon ne diventa quasi ossessionato e si innamora di lui anche se non sa chi possa essere dietro quello schermo. Anche se immagina una sfilza di persone che spera possano essere lui. Tutto si concentra su questo e sul coming out di Simon sia nei confronti dei suoi genitori che dei suoi amici che della scuola stessa. Ma dovrete leggere per scoprire di più!

Lo stile utilizzato è semplice e decisamente fluido. Essendo lungo poco più di duecento pagine leggerete il libro in poche ore, lo divorerete. La storia è scritta in prima persona dal punto di Simon intervallata dalle lunghe mail – un capitolo si e uno no – in cui lui si scrive con Blu.

La tematica trattata all’interno del libro è davvero importante. Infatti, il fatto che Simon fosse gay apre una porta enorme e rende tutto così bello, così vero e reale in cui ogni ragazzo o ragazza può riconoscersi. All’interno del volume non mancheranno anche tante cose relative al caso: i pregiudizi, lo scandalo del fatto che uno possa essere gay e non semplicemente la norma, …. Riporta la realtà nuda e cruda e ho amato tanto che questo sia arrivato sullo schermo perchè è importante e il messaggio è profondo, toccante e cavolo, fatemelo dire: FINALMENTE! Questo libro è una storia d’amore bellissima, come tante altre, che ho apprezzato tantissimo perchè porta in Italia ciò che ancora agli ottusi non piace o che non vuole comprendere.

[PS: Non vi farò una recensione del film ma vi dirò che si, è divertente e leggero ma sul libro segue la linea principale in maniera piuttosto flebile e giusto per le email che i due, Simon e Blu si scrivono. Per il resto molte cose sono completamente modificate o amplificate o totalmente inventate. Come ad esempio il rapporto fra i quattro amici. Fra libro e film gli amici di Simon si comportano in modi diversi e questo si scaturisce da moventi diversi. Quindi se vi aspettate una ripresa del libro ottimale scordatevelo e vi consiglio di leggere prima il libro. Ma vi piacerà nel complesso, come è piaciuto a me.]

E allora ripercorro tutto dall’inizio, da Agosto, e leggo tutto. Gli oggetti delle email. Ogni riga di ogni email. Non ho idea di chi sia. Nessun cavolo di indizio. Ma mi sa che mi sto innamorando di lui.

Il libro è stato leggero e vero più che mai, sotto ogni aspetto trattato. Una storia sicuramente da non sottovalutare, di formazione e decisamente bella sotto ogni punto di vista. Consiglio assolutamente.

Becky Albertalli scrive un romanzo per ragazzi che parla di una semplice storia d’amore fra adolescenti fra le mura di una scuola. Una storia dai temi importanti. Un libro sull’amicizia, sull’amore – quello vero – e sull’importanza di essere se stessi sempre.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1


Vuoi acquistare Tuo, Simon e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Tuo, Simon o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Vi piace? Fatemi sapere con un bel commento!

A presto,

Sara ©

REVIEW PARTY: SABBIE MOBILI – TRE SETTIMANE PER CAPIRE UN GIORNO DI MALIN PERSSON GIOLITO (#182)

BUONGIORNO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui in questo giovedì con la nuova uscita del momento, un thriller di cui presto, nel 2019 ci sarà una serie tv su Netflix. Ringrazio la Salani per avermi permesso la lettura e ringrazio Sara di Bookspedia, che mi ha coinvolto in questa bella iniziativa. Ecco qui il libro:

9788893810166Titolo: “Sabbie mobili: Tre settimane per capire un giorno
Autore:  Malin Persson Giolito 
Editore: Salani
Genere: Thriller
Data di uscita: 31 Maggio 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2Ja26ff
TramaStoccolma, il quartiere più elegante. Nella classe di un liceo cinque persone sono a terra, colpite da una raffica di proiettili. Accanto a loro, Maja Norberg: diciotto anni appena compiuti, brava studentessa, popolare, ragazza di buona famiglia. Tra le vittime ci sono il suo fidanzato, Sebastian Fagerman, il figlio dell’imprenditore più ricco di Svezia e la sua migliore amica, Amanda. Nove mesi dopo, il processo sta per cominciare. Maja è accusata della strage e ha trascorso un lungo periodo in custodia cautelare. I giornali non le hanno dato tregua, nessuno crede alla sua innocenza, la ragazza della porta accanto si è trasformata nella teenager più odiata di Svezia.  Peder Sander, l’avvocato difensore, ha il difficile compito di mettere in discussione quello che ormai sembra scontato per tutti, la colpevolezza della ragazza, e di fare emergere la verità di Maja. Che cosa ha fatto? O, forse, è quello che non ha fatto ad averla condotta a questo punto? Attraverso la voce di Maja, irriverente, dura, unica, ripercorriamo i fatti fino ad arrivare a quel terribile giorno. L’incontro con Sebastian, un amore malato e totalizzante, feste, tradimenti. E, mentre il racconto prosegue, si sgretola la facciata rassicurante di una comunità agiata in cui gli adulti si voltano dall’altra parte per non vedere i loro figli che – tra violenza, tensioni razziali e problemi di droga – affondano sempre di più nelle sabbie mobili. Un crime avvincente e fuori dagli schemi, ma non solo. Sabbie mobili è un romanzo che dipinge con cruda acutezza i risvolti più bui della società occidentale di oggi. 

RECENSIONE

Risultati immagini per gif ragazza che sparaLa storia ha inizio a scuola. Maja ha fra le braccia Sebastian, suo fidanzato e figlio dell’uomo più ricco di Svezia, morto. Gli altri compagni tra cui Amanda la sua migliore amica e il suo coordinatore di classe Christer giacciono a terra con delle pallottole in corpo e nell’aria c’è odore di uova marcia e polvere da sparo.

Maja è l’unica sopravvissuta e dopo nove mesi in carcere si apre il suo processo per aver ucciso i suoi amici. Le accuse nei suoi confronti sono pesanti e tutti la vedono come un mostro perchè lei era lì a puntare l’arma contro le persone a cui voleva bene e davanti al giudice non piange, non attira l’attenzione, anzi sembra impassibile.

Cosa succederà a Maja? Cos’è successo in quell’aula scolastica? Cos’è che lega tutti in quell’aula anche se sono tutti così diversi fra loro? Cosa provava Maja per Sebastian? E come vive ora tutto ciò che le sta accadendo? 

E i giornalisti. Non voglio guardare neanche loro. Capisco cosa vogliono: vogliono spiegare chi sono, dire che ero così o cosà, che la mia infanzia è stata in un certo modo, i miei genitori in un altro, che ‘non stavo bene’, che bevevo troppo, che fumavo le sigarette sbagliate; che ascoltavo la musica sbagliata, che frequentavo le persone sbagliate, che non ero ‘una ragazza normale’; che mi immaginavo delle cose e non ne capivo delle altre. A loro non interessa sapere cos’è successo, vogliono incasellarmi in un riquadro il più piccolo possibile. Perché così sarà più facile liquidarmi. Vogliono essere convinti di non avere nulla in comune con me. Solo allora riusciranno a dormire la notte. Solo allora potranno pensare che ciò che è successo a me non potrebbe mai, mai, mai succedere a loro.

La trama è ben scritta e mette la giusta curiosità al lettore che, curioso si avvicina al libro in questione. Personalmente è stata la cosa che mi ha attirato maggiormente. In genere, anche se è sbagliato lo ammetto, la prima cosa a catturarmi è la copertina. Anche se generalmente non leggo libri solo per la copertina – ci mancherebbe solo – (anche perchè generalmente quelle italiane lasciano parecchio a desiderare), mentre questo mi ha catturato da subito per la storia che cela. Una trama che rispecchia completamente il libro senza ricadere in spoiler.

Risultati immagini per störst av alltLa copertina originale è questa che trovate qui di lato. Trovo ci sia un collegamento tra la piscina della foto e la piscina di casa di Sebastian ma trovo comunque la cosa fuorviante per quanto riguarda la storia stessa. Trovo sia molto bello l’adattamento italiano anche se piuttosto inquietante. Anche qui però, non ne vedo troppo il senso ma decisamente è migliore di quella originale.

Il titolo originale, come potete vedere è Störst av allt che (traducendolo tramite Google translate che non so poi quanto sia affidabile) sarebbe approssimativamente “Più grande di tutti”. Non so di preciso a chi si riferisca ma sicuramente ha avuto un senso per l’autrice. Il titolo italiano lo trovo interessante come scelta anche se avrei evitato il sottotitolo che è senz’altro inutile e superfluo.

L’ambientazione è una piccola frazione svedese, precisamente a Djursholm. L’ambientazione, per quanto venga vista solo in alcuni punti l’ho ritenuta davvero espressiva. Difficilmente un libro mi trasporta completamente in un posto e questo ci è riuscito anche per quanto riguardava il processo stesso. L’epoca è abbastanza moderna, non è specificata ma sembra ambientata ai giorni nostri.

Non so come farò ad ascoltare. Ma perdere la concentrazione è pericoloso, perché se lo faccio arrivano i rumori. Il rumore di quando sono entrati in classe e mi hanno trascinato via, il rumore della testa di Sebastian che cade a terra con un tonfo sordo. Mi rimbomba dentro, appena mi lascio andare ritorna. Mi conficco le unghie nel palmo della mano, cerco di fuggire da lì. Ma non funziona. Non riesco a eliminare quel rumore. Il mio cervello mi trascina sempre di nuovo in quella classe. A volte mentre dormo mi capita di sognare quel momento. E quello subito prima che arrivassero. Io che gli tenevo la mano sulla ferita per fermare il sangue: lui sdraiato sulle mie ginocchia e io che premevo con tutte le mie forze. Per quanto forte premessi non riuscivo a fermare il flusso di sangue. Era come cercare di trattenere l’acqua che spruzza da un tubo di gomma che si sta staccando dal rubinetto. Lo sapevate che il sangue può spruzzare? Che è impossibile da fermare con le mani? E Sebastian diventava sempre più freddo. Di notte sento ancora – ancora e ancora – le sue mani diventare sempre più fredde. Ci è voluto poco. (…) Non sapevo che si potesse sognare la sensazione che dà la pelle di qualcun altro, oppure un rumore. Eppure si può, perché a me succede di continuo.

Risultati immagini per gif ragazza che sparaI personaggi di questa storia di cui ritengo di over parlare sono soltanto due anche se ce ne sono diversi che interagiscono con la storia e con la protagonista stessa. Trovo tutti ben strutturati e costruiti finemente, uno diverso dall’altro, visti dal punto di vista di Maja. Trovo interessante il suo profilo e mi è piaciuta la struttura contorta del personaggio.

Maja Norberg. Il suo vero nome è Maria Norberg ed è una ragazzina chiusa, enigmatica e silenziosa. E’ una ragazza inizialmente misteriosa che impareremo a conoscere nel corso della lettura. Durante il romanzo sapremo tutti i suoi pensieri ed elaboreremo i suoi punti di vista rispetto i suoi compagni e la comunità che gira attorno a tutto.

Sebastian Fagerman è figlio dell’imprenditore più grande di Svezia è un ragazzo chiuso. E’ un ragazzo non particolarmente intelligente e sa che gli amici si vedono soltanto nel momento in cui mette i suoi soldi in mostra. Nonostante la sua maschera di ragazzo popolare e ricco nasconde una profonda insicurezza che lo renderà fondamentale in questa storia.

E poi’ vi bisbiglierete a vicenda, ‘tu non sei chiunque. C’è una ragione per cui dentro quella cella ci sei proprio tu’. Perché non volete certo pensare che ‘sarebbe potuto capitare a voi’. Voi volete che io abbia qualche rotella fuori posto. Volete essere sicuri di non avere niente in comune con me. Voi non ve ne andate in giro a pensare i miei pensieri, voi non avreste mai fatto quello che ho fatto io, non direste mai quello che ho detto io, ossignore quanto credete che quel che è successo a me non potrebbe mai succedere a voi, io invece me lo merito, io sono caduta nella mia fossa. Io ero ossessionata da Sebastian, avevo dei disturbi empatici, ero viziata, distante dalla realtà. Forse ero perfino tossicodipendente: non possiamo fare finta che sia così? Voi invece non siete ossessionati, voi non fate uso di droghe, voi avreste contattato la polizia. Voi non siete me. (…)  ‘Il caso è solo il modo che ha Dio per rimanere anonimo’ ha detto qualcuno. Tutto ciò che ha un significato è il risultato di una lotteria.

Il perno centrale è il processo di Maria Norberg chiamata da tutti Maja. Perchè i suoi compagni sono morti, tra cui il suo fidanzato, il suo coordinatore scolastico che lei trovava gentile e buono nei loro confronti e la sua migliore amica Amanda. Una storia particolare vista dagli occhi della ragazza accusata della morte dei suoi compagni.

Lo stile utilizzato è stato particolarmente descrittivo e fitto – a tratti un po’ lento – ma molto, molto bello. Scritto in prima persona dal punto di vista di Maja, la storia si svolge in tre settimane di processo, in cui la protagonista ripercorrerà a ritroso tutto ciò che le è accaduto. Il thriller è particolarmente complesso pieno di terminologie giuridiche, che ritengo siano state studiate con efficace minuzia e che affascinano il lettore sotto diversi punti di vista. Sbalzeremo temporalmente più e più volte durante il racconto indiretto di una ragazza sotto processo, che ripercorrerà tutti i passaggi, le amicizie, le storie d’amore, l’infanzia con i genitori e l’incontro con il giovane e affascinante Sebastian. 

La cosa bella di questo personaggio è la vastità e il modo in cui l’autrice stessa la descrive. Nonostante sia appena diciottenne, Maja è piuttosto intelligente ed ha pensieri veramente profondi per la sua età verso la società, le persone che la circondano e tutto ciò che le accade. Il personaggio appare quasi ambiguo ed è l’autrice a tessere una tela complessa che apprezzerete. Passerete dal pensare che Maja sia un’ingenua o una killer spietata a pazza o che sia priva si sentimenti, al fatto che fosse completamente sola o semplicemente sfacciata, non per forza in quest’ordine. Lo farete, ve l’assicuro. Passerete sotto diversi profili e processi che vi porteranno da detestare i personaggi ad amarli percorrendo un percorso difficile e tortuoso. Che sicuramente vi stupirà. 

Oltre al cercare di capire cos’è successo quel giorno trovo interessante, quindi, il personaggio poco comune di Maja e il suo punto di vista davvero unico nel suo genere.

Amanda non ballerà mai più. Non canterà mai più. Non ascolterà mai più musica che in realtà non le piace perché capisce che ‘dovrebbe’ piacerle. Adoravo il fatto che Amanda mi lanciasse baci volanti e me li facesse acchiappare. Era superficiale e sciocca e distante dalla realtà ed egoista e io le volevo bene. Ovvio che le volevo bene. Era la mia migliore amica in assoluto. Non avrei mai potuto farle del male. Mai mai mai. Però l’ho fatto lo stesso.

Il libro è stato sicuramente impressionante. Consiglio a tutti la lettura di questo volume che, anche se lento nel suo procedere, è assolutamente ben costruito sia a livello strutturale che di contenuti. Difficilmente riuscirete a staccare gli occhi dalle pagine, vorrete sapere tutto. Chi è avvocato poi, amerà di sicuramente questo caso perchè giuridicamente e strutturalmente ben piazzato.

Malin Persson Giolito scrive un thriller con un potere comunicativo non indifferente. La sua penna è formidabile. Riuscirete ad entrare perfettamente sia nella sequenza degli eventi che nella testa di Maja. Entrerete nella scuola e vedrete la morte da vicino. Finirete in isolamento e verrete processati. Una storia potente, che entra dentro dalla prima all’ultima pagina.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1


Seguite le altre tappe del Review Party qui. Non lasciatevele sfuggire:

Sabbie Mobili - blog


Vuoi acquistare Sabbie Mobili – Tre settimane per capire un giorno e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Sabbie mobili: Tre settimane per capire un giorno o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Io spero vi incuriosisca e che possa piacervi. Attendo i vostri commentini!

A presto,

Sara ©