RECENSIONE #286 – E L’OCEANO ERA IL NOSTRO CIELO DI PATRICK NESS.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oh, Oh, Oh… sono qui con una nuova recensione – tanto per cambiare – e spero che possiate soffermarvi qualche minuto perchè sto per presentarvi un’opera davvero fantastica in un edizione da invidia e con una storia davvero particolare. Siete pronti? Io nel frattempo ringrazio la Mondadori per avermi dato la possibilità di leggere questo libro e… tutti a bordo! Si parte:

978880470943hig-627x965

Titolo: E l’oceano era il nostro cielo
Autore: Patrick Ness
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 26 Marzo 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2KqFLMg
Trama: Chiamatela Bathsheba. Perchè è una balena, ed è diversa da tutte le altre: lei è la predestinata. Fin da piccola ha saputo che sarebbe diventata una cacciatrice, nell’interminabile guerra delle balene contro gli uomini, tra i quali il più temibile è un mostro a metà tra mito e leggenda, lo spaventoso Toby Wick. Secondo molti, lui è il diavolo in persona, ma nessuno sa dire se esista davvero. Guidata dalla temeraria capitana Alexandra, Bathsheba è sulle sue tracce. Lo cercano, vagando da un oceano all’altro. Lo vogliono, per portare a compimento la profezia. Trovarlo sarà l’unico modo per cambiare per sempre il mondo.

RECENSIONE

Risultati immagini per and the ocean was our skyLa storia ha inizio un giorno come tanti per la giovane balena Bathsheba. Lei è un’Apprendista Cacciatrice a bordo della nave della grande Capitana Alexandra. Navigano al di sopra dell’Abisso dove vivono gli uomini e cercano di trovare il leggendario Toby Wick di cui tutti parlano e che tutti temono. Lui può cacciare le balene ed uccide uomini ma nessuno sembra averlo mai visto. Tutti tranne Alexandra, che cerca vendetta per se stessa e per tutte le balene che ogni giorno muoiono per mano sua. Bathsheba è una balena coraggiosa che si presterà in suo aiuto.

Cosa succederà sulla nave della Capitana Alexandra? Esiste davvero il famoso Toby Wick? Quali consapevolezze raggiungerà la nostra giovane protagonista?

«Non posso essere soltanto una cacciatrice» avevo detto. Sono anche una pensatrice. Io non seguirò le loro credenze. «E invece sì» aveva detto mia nonna, facendone un comando e una realtà ineluttabile. (…) «Caccerò ma non sarò una sciocca».

Risultati immagini per and the ocean was our skyLa trama è sicuramente curiosa e fin dal primo momento di cui ne ho avuto notizia, me ne sono innamorata. La storia è davvero interessante visto il punto di vista della balena cacciatrice, questo posso solo assicurarvelo.

La copertina è davvero meravigliosa oltre che assolutamente particolare. In alto la balena, in basso, rovesciato il veliero dell’uomo, un mondo al contrario proprio come questa storia che ha dell’incredibile. Mantenuta come l’originale, si rivela assolutamente meravigliosa con le illustrazioni che troverete anche all’interno di Rovina Cai.

Il titolo, come potete vedere anche dall’originale qui di fianco è stato semplicemente tradotto e sono davvero felice che quest’edizione sia stata mantenuta così e non sia stata modificata.

L’ambientazione è il mare più profondo e l’Abisso, dove vivono gli umani e l’epoca non è assolutamente definita. E’ un tempo come oggi e come ieri in cui le balene sono cacciate e, in questo caso, le balene cacciano gli umani.

«Perchè Toby Wick dovrebbe uccidere degli uomini?» «Perchè può farlo». Lo guardai, sospettosa. «Avete lasciato che il vostro demonio si allontanasse da voi». Lui parve sinceramente stupito. «E cos’altro fa un demonio?»

Risultati immagini per and the ocean was our skyI personaggi di questa storia non sono molti. Vedremo un giovane uomo che verrà catturato dalla Capitana Alexandra e dalla sua ciurma ma a far da padrona di questa storia è la giovane balena orfana Bathsheba che conquista il cuore del lettore e si fa amare dall’inizio alla fine.

Bathsheba è una balena che non voleva diventare cacciatrice ma che in fin dei conti si ritrova a bordo come Apprendista Cacciatrice per una delle balene più forte i tutti i secoli, che ha un arpione impiantato nello sfiatatoio. Lei è una leggenda perchè è l’unica che sembra essere sopravvissuta a Toby Wick, la leggenda di tutti i mari. Bathsheba è intelligente e furba. Non si lascia intimorire ma allo stesso tempo è curiosa di saperne di più sugli umani e non ama uccidere. E’ una balena buona e allo stesso tempo dolce e forte.

«…Torturami, uccidimi. Fa’ tutte queste cose, ma non fingere che sia un dovere. E’ così che si giustifica la malvagità». Non aveva mai parlato tanto fino a quel momento, ma fu ben altro che la loquacità a stupirmi. Sapevo che gli uomini studiavano la nostra cultura come noi studiavamo la loro, ma ci vantavamo di tenerli all’oscuro di tutto. Le vette del cielo erano troppo alte perchè loro potessero tuffarvisi. (…) «Non siamo creature malvagie» risposi. «Noi ci difendiamo»

Immagine correlataIl perno centrale di questa storia è la leggenda di Toby Wick. Basato molto lontanamente sul capolavoro di Moby Dick, per le balene Toby Wick è una leggenda, una creatura di cui non si sa nulla e che nessuno ha mai visto ma che può uccidere uomo e balene e di cui tutti hanno paura indistintamente.

Lo stile utilizzato è tipico di Ness ed è assolutamente unico, come lui sa fare. E’ una storia poetica e fiabesca in cui la balena combatte per se stessa e per ciò in cui crede contro l’uomo per garantire la salvezza alla sua specie e a tutto ciò che ogni giorno perdono. Un racconto ricco di emozioni in cui l’autore ci trasmette i sentimenti della giovane balena strutturando una comunità quasi umana nel sistema delle balene ma che fa riflettere.

Il messaggio che risiede all’interno di questo libro è forte e potente rivolto sopratutto all’essere umano in quanto tale, visto che la storia è vista dal punto di vista della balena. La balena viene cacciata ma, in questo libro, è allo stesso tempo cacciatrice e forza di se stessa. La balena oltre ad affrontare una vera e propria leggenda del mare affronta l’ignoto mettendosi alla ricerca di qualcosa di cui si parla solo nei racconti. La balena fin dall’inizio oltre a combattere per se stessa spera di riscattarsi e di vincere ciò che da anni sta perdendo. Si sommano quindi, anche il terrore per ciò che troveranno dall’altra parte e di ciò che è l’Abisso stesso. 

L’edizione di questo libro è davvero spettacolare e sfido chiunque a dire, anche solo sfogliandolo, che non sia un piccolo capolavoro. L’edizione è curatissima nel dettaglio dalla copertina al sottocoperta fino alle pagine che sono patinate e le illustrazioni che lasciano a bocca aperta e si fanno amare, illustrando il mare e le sue bellezze pagina dopo pagina.

«Forse ci vuole un demonio per combatterne un altro» dissi. «Ma alla fine della lotta, Bathsheba» disse, «non restano solo demoni». E per un momento nell’oceano non ci fu altro che oscurità. Eravamo soli. Persino con noi stessi. E con i demoni, qualunque cosa fossero, che si aggiravano, non visti.

Il libro è davvero una piccola tesoro nascosto nei fondali del mare. Una storia attuale che dovrebbe interessare il cuore di ogni lettore. Nata come una storia per ragazzi, trovo sia interessante e di riflessione per tutti i lettori a cui sta a cuore il mare e le sue creature. 

Patrick Ness come sempre riesce a sorprendere e a creare una storia originale e ricca di meraviglie. Bathsheba e le sue compagne di avventura vi porteranno nei fondali del mare alla ricerca di avventure grandiose e fantastiche. Una storia da leggere.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo

Ringrazio la casa editrice per le copie omaggio

Vuoi acquistare E l’oceano era il nostro cielo e sostenere il Blog? Acquista da Qui: E l’oceano era il nostro cielo o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? E’ davvero un piccolo gioiello raro che sta aspettando soltanto voi. Vi aspetto come sempre!

A presto,

Sara ©

 

SEGNALAZIONE #116 – SERIE SWISS STORIES DI CARMEN WEIZ.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui per presentarvi una serie di libri della stessa autrice, tutti autoconclusivi che spero possano catturarvi. Ecco qui:

SERIE Swiss Stories scritta da Carmen Weiz comprende:


Libro 1: ”La Ragazza nel Bosco” – Thriller romanzo

Risultati immagini per carmen weiz

Sinossi

Direttamente dalle foreste di pini in Svizzera arriva…

È un triste scherzo del destino quello che catapulta Anna, giovane ragazza brasiliana, in una realtà più grande di lei. Spinta dal desiderio di fare del bene, si ritrova schiava della tratta di esseri umani, in mano ad aguzzini senza pietà, pronti a venderla al miglior offerente.

Solo la sua astuzia le permetterà di fuggire, aiutata dall’ufficiale svizzero Thomas Graff, uomo dal cuore di ghiaccio e da un passato che non riesce a lasciarsi alle spalle. Uno scontro tra due diverse culture che farà volare scintille!

Questa è la storia di Anna, ingiustamente vittima come tante altre donne. Tra intrighi, tradimenti, crimini e giochi del destino una giovane donna lotterà per la sua libertà e per l’amore.

Primo volume autoconclusivo delle Swiss Stories, consigliato ad un pubblico adulto.

Link vendita:
e-book https://www.amazon.it/dp/B07C6MFFD9 gratis con Kindle Unlimited
Amazon cartaceo http://amzn.eu/jgax5HN
Book trailer Facebook: https://www.facebook.com/carmenweiz.books/videos/vl.299009420861737/950422128472589/?type=1


Libro 2: ”Mistificami” – thriller romanzo

Risultati immagini per carmen weizSinossi:

Direttamente dalle foreste di pini in Svizzera arriva…

“Può un gesto disperato stravolgere la tua esistenza?

Adam Roth ha sempre condotto una vita tranquilla, divisa tra amicizie e indagini per la sicurezza Svizzera, ma il tentato suicidio di una giovane ragazza rimetterà in discussione tutto il suo mondo.

Cosa può spingere una persona a compiere un atto così estremo?

L’indole di Adam e il suo spirito investigativo lo spingono presto a voler scoprire di più. E si renderà conto fin da subito che quel tentato suicidio nasconde ben altro che un gesto disperato…

Tra criminali dell’Eurasia e indagini serrate, lasciati coinvolgere da una storia fatta di segreti inconfessabili, relazioni pericolose e amori proibiti, perché niente è quello che sembra.

Secondo volume autoconclusivo delle Swiss Stories, consigliato ad un pubblico adulto.

Link vendita:
e-book: http://amzn.eu/d/jgG06jF  – gratis con Kindle Unlimited
Amazon cartaceo: http://amzn.eu/d/cM7qsre
Book trailer: Facebook https://www.facebook.com/carmenweiz.books/videos/1281049785381007/


Libro 3. ”Audace” – thriller romanzo

Risultati immagini per carmen weizSinossi:

Direttamente dalle foreste di pini in Svizzera arriva…

In quanti modi diversi ci si può camuffare?

Dietro a quante maschere ci si può nascondere?

Per quanto tempo lui riuscirà a fare il doppio gioco?

Vivendo nella penombra, dissimulando, sfidando costantemente il destino?

Tic… tac…. tic… tac…

Mettendo la sua vita in pericolo, collaborando con il SIC – Servizio di Informazioni della Confederazione Svizzera.

Cercando di fermare uno spietato maniaco, in perenne lotta contro il tempo. 

Sapeva che innamorarsi sarebbe stato uno sbaglio, ma lei… lei non era come tutte le altre donne, non chiedeva niente in cambio, prendeva solamente ciò che desiderava; anche lei indossava delle maschere e quando tutte le maschere cadranno niente sarà più come prima.

Link vendita
e-book www.amazon.it/dp/B07Q56YBRC – gratis con Kindle Unlimited
Amazon Cartaceo https://www.amazon.it/dp/1091905975
Book trailer: Facebook https://www.facebook.com/carmenweiz.books/videos/655534118242771/


Cosa ve ne pare? Fatemi sapere mi raccomando, io vi aspetto come sempre!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE (#285) – LA RAGAZZA CHE VOLEVA SALVARE I LIBRI DI LISA AISATO E KLAUS HAGERUP.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi con un’altra recensione! Oggi sono qui per presentarvi un’uscita molto carina di cui ringrazio la Rizzoli che me ne ha lasciato una copia. E’ un libricino adorabile che spero possiate apprezzare, voi amanti dei libri. Ecco qui che ve ne parlo:

la-ragazza-che-voleva-salvare-i-libri

Titolo: La ragazza che voleva salvare i libri
Autore: Klaus Hagerup e Lisa Aisato
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 12 Febbraio 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2v6sXQJ
Trama: Anna adorava i libri. Leggeva tutto il giorno. Leggeva la mattina prima di alzarsi. Leggeva la sera prima di andare a letto. Leggeva la sera dopo essere andata a letto. Quando la mamma o il papà entravano nella sua camera, faceva finta di dormire. Ma non dormiva. Leggeva sotto il piumino. Attraverso i libri si faceva centinaia di nuovi amici. E qualche nemico. Ma, si sa, così è la vita.

RECENSIONE

Risultati immagini per la ragazza che voleva salvare i libriLa storia ha inizio con un sogno. La piccola Anna sogna la sua paura più grande, quella di diventare vecchia. Ha paura di crescere, così si chiude nel suo mondo fatto di libri e letture che la portano in altri mondi e la fanno stare bene. Anche andare in biblioteca la fa stare bene e cerca, su consiglio della bibliotecaria, di leggere tanti libri che altrimenti sarebbero stati buttati via.

Riuscirà Anna a salvare i libri che la bibliotecaria le propone? Cosa scoprirà lungo il suo percorso?

Anna non aveva paura quasi di niente. C’era solo una cosa che le faceva paura. Una notte in cui ebbe un incubo sognò di essere vecchia. Prima appassì come una foglia d’autunno. Poi si sgretolò e si fece polvere. Infine scomparve nel vento.

La trama è parte del libro ma è anche l’essenza del libro stesso. Una storia semplice, dolce e che incuriosisce. 

La copertina è adorabile ed in più sono davvero felice del fatto che al tatto la parte rossa che vedete è di stoffa quindi si ha un effetto incredibile. Sulla copertina troviamo il volto della giovane protagonista Anna e le illustrazioni sono tutte adorabili e ricche di magia oltre che di libri ovviamente.

Il titolo è davvero carino e rispecchia la storia completamente.

Immagine correlataL’ambientazione e l’epoca non sono specificati ma per la maggior parte la giovane protagonista è o nella sua casa o in libreria.

Anna leggeva. E continuava a leggere. E continuava a leggere. E continuava a leggere. E continuava a leggere. Finché non si addormentò e sognò tutti i nuovi amici che aveva incontrato.

I personaggi di questa storia non sono molti vista la brevità dell’opera ma ritengo di dover parlare della protagonista di questa storia, ovvero Anna.

Anna è una giovane bambina intelligente, dolce e sensibile. L’amore per la lettura la porta a salvare tanti libri dove trova tantissimi amici che invece non riesce a farsi nella realtà. E’ una giovane bambina a cui piace esplorare nuovi mondi e nuove dimensioni attraverso la lettura e dei semplici libri. E’ perspicace e vuole salvare quanti più libri possibili, sempre di più.

Anna chiuse gli occhi, ma non riuscì a dormire. Pensava a Bosco Stregato. Si chiedeva cosa mai la nonna potesse aver detto a Waldemar.

Il perno centrale di questa storia sono i libri. Per Anna i libri sono la vita, come per ogni buon lettore che si rispetti. E quando i libri che non si leggono più rischiano di sparire, Anna cerca di salvarli tutti. Una protagonista audace e coraggiosa.

Risultati immagini per la ragazza che voleva salvare i libriLo stile utilizzato è davvero semplice, quasi poetico e, nel mix tra immagini e storia, sembra trasformare il libro in una piccola e tenera favola per ragazzi e bambini.

I disegni di Lisa Aisato sono decisamente incredibili e si possono soltanto amare. Anna viene rappresentata nel suo covo di libri ricco di dettagli e di storie magiche che la stanno soltanto aspettando.

Una storia che ci lascia messaggi ricchi di significato: salvare i libri e quindi leggere, leggere leggere, quei tanti libri che non sono così famosi ma sono comunque lì per essere letti. I libri sono come amici e ci raccontano tante storie, sia simili alle nostre vite che emozionanti e ricche di avventure come non abbiamo mai neanche immaginato. Altro messaggio potente è quello della porta che guarda al futuro. Grazie ad un libro dal finale misterioso, Anna e i suoi compagni di scuola saranno sempre più curiosi su questo libro ed Anna non riesce a darsi pace.

Anna diventerà subito un’amica per chiunque decida di prendere in considerazione e che legga questo volume. Mi sono subito sentita in sintonia con lei e con la scelta di salvare tutti quei libri. Se potessi ne leggerei davvero tantissimi. 😀

Anna voleva sapere come finiva il libro. Decise che doveva parlare con chi l’aveva scritto.

Il piccolo libro è sicuramente un ottimo libro per bambini e ragazzi ma allo stesso tempo anche per chi ama i libri e la lettura. Ho trovato questo libro semplice ma diretto e molto, molto carino.

Klaus Hagerup scrive una storia che parla di passato, presente e futuro illustrandoci a non temere ciò che succederà scrivendo al meglio ciò che accadrà nel nostro futuro. Un piccolo gioiello pieno di libri ed emozioni da custodire gelosamente.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2

Ringrazio la casa editrice per le copie omaggio

Vuoi acquistare La ragazza che voleva salvare i libri e sostenere il Blog? Acquista da Qui: La ragazza che voleva salvare i libri. o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Fatemi sapere che ne pensate, mi fa piacere parlarne con voi!

A presto,
Sara ©

BLOGTOUR: IL TEMPO DELLE STREGHE DI CRESSIDA COWELL – CINQUE MOTIVI PER LEGGERE LA SERIE.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui per presentarvi il secondo volume di una storia che è arrivata qualche tempo fa per Rizzoli – che ringrazio per la lettura in anteprima – e ringrazio anche Sara di Bookspedia per avermi coinvolto in questo evento. Ecco che vi parlo del secondo volume di questa serie cominciata con Il tempo dei maghi (trovate la mia recensione QUI):

4380885-9788817109482

Autore: Cressida Cowell
Titolo: Il tempo delle streghe

Pagine: 390
Prezzo: € 17,50
Dai 9 anni
Dopo Il tempo dei maghi un nuovo avvincente romanzo di avventura e magia tra coraggiosi guerrieri, astuti maghi e perfide streghe
Link d’acquisto: https://amzn.to/2VQmEgc
Trama: Un enorme pericolo incombe sul Bosco Selvaggio: le Streghe sono tornate, il Re Stregone si è risvegliato ed è deciso a trovare la Magia-che-ha-potere-sul-ferro e a impossessarsene. Xar però ha un piano per sconfiggerlo e salvarsi dalla Magia Malvagia che, a causa di una macchia sulla sua mano, rischia di infettarlo. Peccato che lui sia rinchiuso nella prigione di Gormincrag… Nel frattempo la regina dei Guerrieri, Sychorax, ha convocato il celebre Fiutastreghe e i suoi cacciatori perchè scovino e distruggano queste creature malefiche. Ma il rischio è che insieme alle Streghe scoprano il segreto magico di Desideria, ragazza guerriera in possesso di un potente libro degli incantesimi. Ancora una volta i destini di Xar e Desideria sono destinati a incontrarsi e scontrarsi nella più improbabile delle alleanze.

La mia tappa è:

CINQUE MOTIVI PER LEGGERE QUESTA SERIE


Immagine correlata

1. Le illustrazioni di questo romanzo sono assolutamente particolari e davvero carinissime. Ne potete vedere alcune aggiunte qui, in questo post. Inoltre, il volume è scritto e illustrato dall’autrice. Quindi l’autrice non solo si è adoperata per scrivere la storia ma ha creato anche queste immagini originali che rappresentano i suoi personaggi. Chi meglio di lei può dirvi come li aveva immaginati?
2. E’ un libro fantasy ricco di magia, maghi, streghe e tantissimi, tantissimi segreti. Il paese che ha creato l’autrice è stato completamente inventato su una base completamente nuova e sono davvero entusiasta della scelta tra maghi e guerrieri. Nel corso della lettura scopriremo i luoghi della mappa che troviamo all’inizio del libro e posso dirvi che amerete ogni piccolo angolino fatato.
Risultati immagini per il tempo dei maghi corvo cressida cowell
3. E’ una storia che possono leggere grandi e piccini. E’ dolce, magica e piena di creaturine fatate che sono dolcissime, temerarie e forti allo stesso tempo.

Immagine correlata

Allo stesso modo anche i personaggi e tutti, buoni e cattivi sono davvero unici. Ho amato molto il personaggio di Desideria che nasce chiusa e timida allo stesso tempo ma diventa una vera e propria guerriera che riuscirà ad incantare il lettore con i suoi lunghi capelli ispidi.
4. Il narratore principale è misterioso e vi lascerà scoprire le vicende di Xar e Desideria in maniera molto avvincente. Non voglio dirvi molto su questo e vorrei che siate voi a poter scoprire tutto ciò che c’è in questa storia. Il tempo dei maghi e Il tempo delle streghe vi stanno aspettando!
5. E’ una storia di maturità e di un percorso evolutivo dei vari protagonisti. I protagonisti sono davvero giovanissimi e nonostante la storia sia per un pubblico più piccolo, nel corso della storia traspare quanto sia Xar che Desideria crescano e maturino nelle loro scelte e nel loro percorso.

Cosa ve ne pare? Prenderete in considerazione questa storia? Spero di si, non sta aspettando che voi! Seguite qui le altre tappe, mi raccomando:

Vi aspetto con dei pareri e delle opinioni al riguardo!
A presto,
Sara ©

BUONA PASQUA DA Milioni di Particelle!

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi non ci saranno post relativi a libri o chissà cosa, voglio utilizzare questo posto solo per farvi i miei più sinceri auguri di Pasqua e per avvisarvi dei giorni in cui il Blog resterà a riposo.

Di domenica sapete che non pubblico mai nulla quindi il giorno di Pasqua sarei stata comunque ferma. Lunedì ci sarà un bellissimo evento che spero voi seguiate. Altro giorno in cui sarò ferma è il 1 Maggio. Il 25 Aprile ci sarà comunque un post e spero che continuiate a leggermi anche nei giorni di pausa e riposo.

Con questo, voglio farvi un grande augurio di buona Pasqua e… non mangiate troppa cioccolata!

Easter holiday concept with cute handmade eggs, bunny, chicks and party hats in bowl on wooden table

Preparatevi all’arrivo di tante novità librose e a delle novità in fatto di rubriche dal mese prossimo! Non vi spoilero nulla ma avrete il post di presentazione a breve quindi restate sintonizzati, mi raccomando!


Un abbraccio grandissimo!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #115 – IL KAMIKAZE DI CELLOPHANE DI FERDINANDO SALAMINO

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui con una novità per voi che spero possiate apprezzare. Esce oggi e lo trovate negli store online. Si prospetta interessante, ecco qui:

Risultati immagini per DI CELLOPHANE Ferdinando Salamino.

Titolo: Il Kamikaze di Cellophane

Autore: Ferdinando Salamino

Pagine: 240

Data di uscita: 18 aprile 2019

Informazioni essenziali

Trama: Cosa può trasformare un ragazzino mite e amante dei libri in un killer implacabile? Cresciuto all’ombra di un padre violento, umiliato dai compagni di scuola e rinchiuso per quasi tre anni in un ospedale psichiatrico, Michele Sabella è sopravvissuto aggrappandosi all’amore per Elena, una paziente anoressica conosciuta in istituto.
Quando Elena tenta il suicidio, Michele decide di dare la caccia al carnefice silenzioso che la sta spingendo oltre la soglia della follia. Per farlo, dovrà liberare i propri “demoni di cellophane” e abbandonarsi alla violenza dalla quale era sempre fuggito.

Genere:
Un noir psicologico che accompagna il lettore al confine tra bene e male, vendetta e perdono, sanità mentale e follia. Se nessuno può essere assolto, ha davvero senso condannare?

BIOGRAFIA
Ferdinando è nato nel 1971. La sua vita si divide tra Milano, dove è nato, e il Regno Unito,
dove esercita come psicoterapeuta e insegna Psicologia all’Università di Northampton. Il Kamikaze di Cellophane è il suo primo romanzo.

Estratto

Risultati immagini per il kamikaze DI CELLOPHANE Ferdinando Salamino.Per quelli come me arriva sempre il giorno. Quello in cui uccidi o ti fai ammazzare, o entrambe le cose. Perché alla fine è tutta una questione di impulsi, capite?
Di impulsi e di controllo. Prendete due bambini in una sera d’estate, una di quelle dove l’aria è una colata di pece sulla pelle e l’unico rumore è lo sfrigolio degli insetti giustiziati dalle zanzariere elettriche. Due bambini come tanti, sui sette anni, vestiti con una canottiera a righe orizzontali e un paio di pantaloncini di spugna. Due bambini punti da un pappataci nella canicola di agosto. Immaginateli piagnucolare per il prurito, correre dalla mamma, sedersi sulle sue ginocchia. Pensate a questa mamma che sorride, estrae la pomata dalla borsa di vimini e la spalma con
cura sul braccino. “Non grattarti, tesoro. Tra due minuti passa”. Bacio sulla fronte. Carezza sulla testa. Il bambino numero 1 getta un’occhiata al braccio. Gli prude da morire, ma non vuole disobbedire e dare una delusione alla mamma. Stringe i denti, chiude gli occhi. Comincia a pensare alla squadra del cuore, all’album delle figurine, al cartone animato preferito. Due minuti dopo, tre al massimo, non sente più fastidio. La pomata ha fatto effetto, come aveva promesso sua madre.
Il bambino numero 2 non riesce a staccare gli occhi dal braccio. Cerca di pensare ad altro ma non ci riesce. Il prurito è un chiodo arrugginito piantato nella testa. Nessuno al mondo, a parte lui, può sapere quanto pruda quel piccolo punto rosso.
Si gratta. Pianta le unghie sporche di sabbia nella pelle e le trascina avanti e indietro come un aratro, seminando sangue. Il prurito diventa bruciore, il bruciore si trasforma in capriccio, il capriccio genera la punizione. Questi due piccoli esseri umani non possono saperlo, ma i loro destini hanno svoltato per sempre in direzioni opposte. Il bambino 1 impara che c’è una soluzione per ogni cosa e ci sono persone che ne sanno più di te, desiderose di aiutarti; che con una strategia efficace e un po’ di sacrificio qualunque risultato è raggiungibile. Non avrà problemi a rispettare le gerarchie e fare gioco di squadra. Uno così lo vogliono tutti. Potete predirgli un futuro da architetto, medico, ingegnere. Il bambino 2 non tollera la frustrazione. Ha la pelle sottile e una mente che si lascia sopraffare dai sensi. Che destino può avere, questo squinternato? Delinquente, malato psichiatrico. Artista, magari. Uno di quelli che fanno un sacco di soldi, da morti. Impulsi e controllo. Base e altezza. L’area delle possibilità di un essere umano si misura in questo modo. Devo confessarvelo, se qualcosa prude io mi gratto. Sempre. Perché ve lo racconto? Perché sto per fare qualcosa di molto, molto impulsivo. Non avevo mai ucciso prima di stanotte e, se non stessi per morire io stesso, credo lo farei ancora, per la magia dell’istante conclusivo, quando capisci di aver esaurito i trucchi, bruciato l’ultima carta.
Smetti di lottare e ti senti pervadere da una strana calma, a volte persino euforia.
Ti spegni in un fiorire di luci abbaglianti, cori di angeli e persone amate che chiamano il tuo nome e tendono la mano.


Cosa ne pensate? Fatemi sapere, mi raccomando!

A presto,

Sara ©

REVIEW TOUR – Recensione: L’ULTIMO GELIDO INVERNO, parte prima DI KATUSCIA OLIVA (#284)

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con un nuovo evento che questa volta vede protagonista un libro auto-pubblicato di cui sono felice di parlarvi. Ringrazio le organizzatrici e l’autrice per avermi coinvolto. Quando me l’hanno proposto ero abbastanza curiosa di saperne di più ed ora vi parlerò delle mie impressioni e del libro. Qui tutti i dettagli:

Risultati immagini per L'ultimo gelido inverno katiuscia olivaTitolo: L’ultimo gelido inverno, Parte prima
Autore: Katuscia Oliva
Prima Parte – È diviso in due volumi: il primo è uscito il 25 marzo, il secondo sarà pubblicato invece a fine aprile/inizio maggio.
Data di uscita: 25 Marzo 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2Io0cYn
Trama: “Ho scoperto quanto la vita potesse essere crudele nell’istante stesso in cui mio padre chiuse gli occhi per sempre, lasciandomi in balia di un avverso destino. Da allora non ho più una casa, non ho più una famiglia, non ho neppure l’amore. Combatto ogni giorno per sopravvivere, ma non è facile senza qualcuno accanto, senza due braccia forti che mi stringano a sé per infondermi il coraggio di cui sento un disperato bisogno. Sognavo di diventare uno dei ricercatori più stimati di tutta la Scozia, invece sono finita a fare la cameriera in una ricca famiglia di armatori. In quell’immensa villa di tre piani trascorro le giornate a pulire e riordinare, sopportando in silenzio le angherie della figlia più giovane e l’inspiegata crudeltà di quello maggiore. Ogni volta che incontro i suoi occhi di ghiaccio sento il mio corpo rabbrividire: com’è possibile che un uomo mai visto prima provi tutto quell’odio senza che io gli abbia mai fatto nulla? Solo il mio vicino di casa Patrick riesce a farmi sentire serena nonostante tutto. La vita è dura anche per lui, ma ci facciamo forza a vicenda. Ci scaldiamo con un sorriso in questo gelido inverno. Ed entrambi speriamo in un futuro migliore.”

RECENSIONE

acqua, bagnasciuga, cieloDopo la morte dei genitori, Alexis Lexi per gli amici, si ritrova a dover fare i conti con i debiti che suo padre le ha lasciato un mare di debiti e si ritrova a dover sgobbare continuamente per non rischiare di vedersi portare via tutto. I suoi unici amici è il vicino di casa Patrick che, con suo figlio Jimmy, diventano l’unica ancora di salvezza per andare avanti. Quando perde l’ultimo lavoro che stava svolgendo, Alexis si ritrova disperata, fino a che non le viene consigliato di fare un colloquio per una famiglia a quattro ore di distanza da casa. La paga sembra essere buona, peccato che la famiglia si pone come arrogante e supponente ed Alexis fatica ogni giorno sempre di più.

Cosa succederà ora che Alexis lavorerà per i McAlister? Chi si avvicinerà a lei? Quali consapevolezze avrà la giovane, lungo il suo difficile percorso lavorativo?

«Patrick ti prometto che sarò forte» gli dissi in un impeto di coraggio, mentre lui tornava a guardarmi. «Domani mi metterò subito alla ricerca di qualche altro impiego e alla fine i miei sforzi saranno premiati» gli sorrisi un poco. «Sfrutta la tua intelligenza» fu il suo saggio consiglio. «Se la vita non fosse stata tanto crudele saresti diventata il fisico più bravo e preparato di tutta la Scozia, ma questo non significa che tu non possa riprendere gli studi e realizzare così il tuo sogno un giorno.»

Per la trama trovo molto dolce ciò che l’autrice ha deciso di utilizzare. Non descrive la situazione al 100% però è interessante notare la voce della protagonista e ciò che pensa. Quindi di sicuro mette curiosità.

La copertina è davvero molto carina ma l’ho trovata leggermente fuori dalla storia generale. Cioè se si prende il lato sognatore e speranzoso della giovane Alexis che spera una vita diversa, allora può anche starci ma se si prende la storia in se non c’entra granchè. Penso che l’autrice volesse comunicare il semplice fatto che Alexis spera in qualcosa di migliore per il suo futuro ed ama le piccole cose, come il mare che sta osservando.

Il titolo mi piace e rispecchia molto il lato dell’inverno che più di una volta la giovane protagonista si troverà a spiegare. Quindi lo trovo molto comunicativo.

L’ambientazione è fra Stirling, in Scozia, dove vive la giovane Alexis e dove vive la famiglia McAlister, a quattro ore di distanza. L’epoca è moderna, ambientato al giorno d’oggi.

La porta sbatté con cattiveria. Il giovane McAlister se n’era appena andato senza neppure aiutarmi, senza neanche chiedermi se stessi bene. Ci fu solo totale indifferenza da parte sua. Mi trascinai nella mia camera trattenendo urla di dolore. Ero sicura che quella notte non sarei riuscita a chiudere occhio e di fatto, questo, fu ciò che effettivamente accadde.

collo, donna, maglietta biancaI personaggi sono molto pochi e ritengo sia giusto soffermarsi sui due protagonisti su cui ruota attorno la storia. Alexis e il rampollo della famiglia McAllister, Arthur.

Alexis è una ragazza che ha sempre faticato nella sua vita dopo la morte di suo padre. Rimasta così orfana di entrambi i genitori ha dovuto rinunciare agli studi in fisica per riuscire a risanare i debiti di suo padre ed è sempre in pena per paura che possano portarle via tutto. E’ orgogliosa ed è una grande lavoratrice instancabile anche se avrebbe voluto vivere un adolescenza normale, come tante altre persone, avere un ragazzo e delle amiche. E’ una ragazza insicura e fragile che fa TROPPA difficoltà ad imporsi ma ha due persone che cercano di aiutarla a stare su di morale e sono il suo vicino di casa Patrick ed il suo piccolo bambino Jimmy.

Arthur, il figlio più grande dei figli McAlister si presenta come un uomo irritante e maleducato. Non c’è nulla di positivo in lui ed ogni volta che i due si incrociano è sempre guerra aperta. E’ arrogante e pretende molto più di ciò che gli spetta. In seguito, diventa subito il tipo da sposare, adorabile e premuroso. Un personaggio che sto ancora cercando di comprendere a fondo.

«Ti ho già detto che è inutile che fai la carina con me, sei una donna insopportabile.» «Le rammento che, se la voglio aiutare, è anche per tornare al più presto a casa. Mi manca la mia famiglia e non vedo l’ora di stare con le persone che amo.» Quando finii di pronunciare quelle parole portai una mano alla bocca. Mio dio, avevo appena definito Patrick e Jimmy la mia famiglia… Pensai al libro sui dinosauri che avevo acquistato il giorno prima, quello che mi era costato venti sterline ma che non ero riuscita comunque a lasciare sullo scaffale. La verità era che amavo troppo quel bambino, gli volevo un bene immenso e lo stesso sentimento lo provavo anche per il padre. Per poco non scoppiai in lacrime a seguito della fitta che avvertii al cuore nel pensare a loro due.

caramella, cibo, coloriIl perno centrale di questa storia è la vita della giovane protagonista Lexi che si ritrova piena di debiti da saldare e si ritrova costretta ad accettare un lavoro in una famiglia di ricchi viziati dove sono abituati a trattare gli altri con sufficienza e arroganza. Una sfida nella vita di Lexi, che ancora una volta la mette davanti a sfide difficili.

Lo stile utilizzato è semplice e delicato, molto scorrevole. Infatti, ho letto questo libro nel giro di poco, due giorni al massimo, quindi potete ben comprendere la sua fluidità.

Nonostante questo ho trovato diverse cose di cui vorrei discutere con voi riguardo la storia che non mi hanno completamente convinto a parte la fluidità della storia.

Sembra di aver letto due libri completamente distinti. La prima metà del libro inquadra Lexi, la sua situazione finanziaria, il suo lavoro, l’arrivo in casa McAlister con annessa e connessa arroganza della famiglia e delle domestiche, e le difficoltà che incombono sulla giovane nei primi mesi lavorativi. Fin qui nulla da dire anche se tendenzialmente il libro ad un certo punto si fa leggermente pesantino e ripetitivo. Come fra i due giovani protagonisti inizia la storia d’amore sembra che sia iniziato un altro libro. Alexis menziona poco il lavoro nella casa ed Arthur è completamente rimbecillito d’amore (in senso buono del termine ovviamente xD). Inoltre Arthur subisce un cambiamento repentino non indifferente quindi difficile o persino impossibile pensare che siano la stessa persona ma di questo vi parlerò fra poco. 

L’incoerenza del personaggio di Arthur. Inizia con l’odio verso la giovane Lexi senza apparente motivo (e già qui c’è da aprire una parentesi che lascerò da parte perchè ebbene si, lui non ha idea del motivo) e poi mano a mano il tipo in questione cambia nei confronti della giovane protagonista. Continua a dire di non sopportarla e poi di punto in bianco la porta in giro e la tratta con riserbo e arriva addirittura ad aiutarla persino finanziariamente più di quanto dovesse. Io ancora sto cercando di capire il carattere e, sopratutto, cosa ha nella testa questo tipo. Più che maturare, il personaggio di Arthur sembra essere diventato un altro. Non  c’è maturità che tenga. A trent’anni dovresti essere bello che maturo, invece certe volte sembra comportarsi come un ragazzino di quindici e non capisco davvero. Nonostante il libro ad un certo punto faccia comprendere anche il punto di vista del giovane Arthur io sono ancora confusa. 

Altra cosa, il personaggio di Lexi. A parte il fatto che è ripetitiva e pesante per la maggior parte della storia non riesco davvero a capire le sue scelte. Ogni volta che si crea un problema ulteriore ai tanti che già ha, invece di affrontarlo a testa alta succede una di queste due cose:

  1. Piange.
  2. elemosina pietà in ogni dove.

Per non parlare del fatto di Grant. ALERT SPOILER La giovane, dopo essere stata molestata dal giovane Grant e che in varie occasioni Artur ha fatto finta di non vedere cosa stesse accadendo (cosa ben grave secondo me), cade irrimediabilmente nel pensare che Artur sia un bell’uomo. Scusa, non era colui che ti trattava di merda ogni tre per due e colui che nonostante tutto quello che è successo si è svegliato solo dopo diversi episodi? FINE SPOILER Trovo il personaggio di Lexi abbastanza irritabile e per quanto sia troppo buona io credo che ci voglia una sferzata ogni tanto. Essere buoni non è sinonimo di essere stupidi e Lexi avrebbe dovuto usare molto più pugno fermo invece di piagnucolare o rispondere alle offese con il suo essere sapere, risultando soltanto saccente e persino più patetica agli occhi degli altri. Invece di essere valorizzata, quindi, nel corso della storia Lexi viene smontata tassello dopo tassello. Solo su una cosa – e questa devo dargliene merito – si mantiene corretta e non cede. I soldi. E’ orgogliosa e non permette a nessuno di farsi aiutare se non per estrema difficoltà.

Il fatto che sia scontato il fatto che, nonostante i due che non si sopportano reciprocamente finiscano per innamorarsi. Il classico cliché che faccio finta di non notare perchè la storia in fin dei conti è stata carina seppur ci sono i problemi che vi ho elencato prima. Non so perchè si tendi sempre a stare con chi ci ha fatto del male – sindrome di Stoccolma portami via – ma Alexis perdonerà il giovane quasi senza nemmeno essersene accorti.

Importante è il messaggio che passa in queste pagine, ovvero il costante sacrificio a cui la giovane protagonista si sottopone notte e giorno. Lexi è costantemente infelice e insoddisfatta, sia perchè cerca di tenere a galla i pochi ricordi e la casa della sua famiglia sia perchè sopprime tutte le cose che potrebbero renderla felice, lavorando talmente tanto da non riuscire mai a fare niente per se. Ed anche l’orgoglio fa da padrone. Sono felice che almeno Lexi non si sia venduta l’anima per i soldi e che sia rimasta con i piedi ben saldi a terra. Questo devo dargliene atto e sono felice che non sia caduta nella rete su questo lato.

«Stai ferma qui a riposare e non provare più ad alzarti» mi ordinò sollevando il dito indice, incutendomi quasi paura con quel gesto. Poi si allontanò verso l’uscio, si girò un’ultima volta a guardarmi. «I supereroi esistono solo nelle favole Alexis Donal» concluse severo, richiudendo la porta dietro di sé.

Il libro è carino nel suo complesso e sono davvero combattuta, ancora ora, nel dare il mio giudizio finale perchè non sono del tutto convinta del voto che sto per dare. Fatto sta, mi tengo comunque sul neutro e lascio a voi la scelta di leggere questo libro o meno. Per il resto non posso che dire che l’autrice è stata molto dolce nell’esprimere Alexis e tutte le sue vicende.

Katuscia Oliva scrive di una storia difficile, di una ragazza in difficoltà che cerca di nuotare in un mare che cerca di affondarla. Una storia che ci ricorda quanto sia difficile cercare di restare a galla quando la vita ti mette tutto contro.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene.

Senza titolo-3 (2)

Ringrazio l’autrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare E l’oceano era il nostro cielo e sostenere il Blog? Acquista da Qui: L’ultimo gelido inverno – parte prima o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


A presto,
Sara ©