BOOK TAG # – THE MID YEAR BOOK FREAK OUT TAG.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui con una tag dopo diverso tempo che non ne facevo uno. Sono stata nominata da BookDust Sparkle QUI che ringrazio e rispondo subito alle domande che ci sono all’interno del tag. Siete tutti invitati a partecipare oltre a quelli che nominerò.
Ecco qui:

Book Tag #4

The Mid Year Book Freak Out  Tag

  • Miglior libro letto finora nel 2018

Il libro migliore che ho letto nella prima metà di questo 2018 è probabilmente… oddio non lo so. Uno di quelli a cui ho dato cinque balene. Quelli mi son piaciuti tutti nello stesso modo quindi non saprei sceglierne uno solo fra questi. Non saprei decidere così.

  • Miglior sequel letto finora nel 2018715IAcrjBFL

Sicuramente Absence, l’altro volto del cielo molto bello, pieno di dinamica e azione e bello molto più del primo anche se io al primo ho dato comunque cinque. Quindi vi lascio immaginare. Ve ne parlerò comunque in una recensione e non voglio dirvi troppo qui per non togliervi la curiosità!

  • Nuova uscita che non hai letto, ma che vuoi leggere

Ink di Alice Broadway. Voglio assolutamente leggerlo e lo farò spero nel più breve tempo possibile. Voi lo avete letto? E’ una delle nuove uscite di punta della Rizzoli e io lo adoro. Punto.

  • Nuova uscita che attendi con trepidazione per la seconda metà dell’anno
 Tantissime, per settembre e ottobre sono previste infinite uscite che voglio leggere, dovrei farvi un elenco ma posso solo nominarvi qualcosa per lasciarvi capire la situazione: Obsidio, The Cruel Prince, Children of Blood and Bone, I have lost my way…
Non siete curiosi anche voi?
  • Peggiore delusione

U4. Koridwen di Yves Grevet per Garzanti e L’amica perfetta di Emily Lockhart per Deagostini. Entrambi sembravano essere delle belle uscite, interessanti e curiosa le o lette persino in anteprima. Due delusioni totali una dopo l’altra. U4 Koridwen non ha senso nel complesso, è un viaggio e il finale è ridicolo. Cosa ancora peggiore è il fatto è che i seguiti non sono dei veri e propri seguiti ma racconteranno la storia da altri punti vista. Quindi essendo quattro saranno quattro zappe sui piedi. Per quanto riguarda L’amica Perfetta ero partita positiva per via del libro che avevo letto in precedenza della stessa autrice. Siccome avevo amato L’estate dei segreti perduti pensavo che anche questo sarebbe stato all’altezza. Invece? Uno sfacelo!

  • Miglior sorpresa
51shatpauol-_ac_us218_
Ci sono state tante sorprese quest’anno in fatto i bei libri letti e sicuramente una lo è stata Il Regno del Male di Sandro Ristori di cui trovate la Recensione QUI. Mi aspettavo che mi piacesse ma non così tanto invece è stato davvero davvero bello e lo consiglio a tutti gli amanti del fantasy.
  • Nuovo autore preferito

Difficile dirlo ma se un autore mi colpisce in modo particolare con un suo libro quello diventa parte del cuore e voglio leggerne altri. Se invece, il contrario, è difficile che legga altri libri di quell’autore. Ci sono tanti libri che ho amato e che gli autori sono entrati a far parte dei miei preferiti di sicuro. Per esempio leggerò altri libri di Angie Thomas avendo amato The Hate U Give. O di Chiara Panzuti visto che amo la sua saga o Jay Kristoff per Illuminae e così via. La mia autrice preferita in assoluto resta sempre una: Cecelia Ahern.

  • Nuova crush letteraria

La mia crush letteraria di sempre voi dovreste sapere qual’è, ce l’ho anche nella presentazione del Blog. Il mio SEVERUSSSS ❤ Ma nessuno è come lui, nessuno è mai successo lo stesso devo dirvelo.

Comunque in genere faccio veramente difficoltà ad avere una crush totale per un personaggio di un libro. Per un libro che ho letto ultimamente è ancora più difficile ma se proprio mi trovo a dover scegliere direi Darius della saga di The Midnight Sea di Kat Ross avendo letto da poco il terzo libro della saga.

  • Un libro che ti ha fatto piangere

AH. AH. AH. Io sono una sensibilona emotiva quindi se trovo il libro che mi tocca particolarmente parte la fontana che è in me e prende il sopravvento su qualsiasi cosa. Se un libro è particolarmente bello o comunque ahimè drammatico – perchè ebbene si io amo le storie drammatiche (della serie la vita è già triste di suo ma prendiamoci anche un libro che ci fa piangere xD ) e posso dirvi che diversi libri mi hanno fatto piangere in stile fontana. Quello che mi ha fatto piangere fra diciamo lo scorso anno ormai è stata la saga di Divergent, davvero bellissima. Ultimamente Il fantastico viaggio di Stella di Michelle Cuevas. Non mi ha fatto piangere ma è stato uno dei libri per bambini più carini di inizio anno.

  • Un libro che ti ha reso felice

Di sicuro Ti aspetto da sempre di Ava Dellaira. Il libro è stupendo e solo per il fatto che sia da amare ti rende felice. Anche se ce ne sono anche molti altri. Quando un libro è bello ti rende felice. Punto.

  • Adattamento preferito che hai visto quest’annodownload
Adattamento. Il sole a mezzanotte. Il libro è stato una mezza ciofeca ma nel film mi sono commossa ed è stato uno dei film sicuramente più belli del libro e che sono sicura che la penserete anche voi. E’ stato un film emozionante, lo consiglio.
  • Recensione preferita che hai scritto quest’anno

Penso che una delle recensioni preferite di questo inizio 2018 è questa QUILa ragazza di stelle e inchiostro perchè oltre ad essere stato un libro davvero davvero carino, la recensione rispecchia la bellezza e la semplicità del libro anche nelle sue immagini. Tutto qui. Non che non mi piacciano le altre recensioni ma se devo proprio sceglierne una direi quella.

  • Libro più bello che hai comprato finora

In generale è difficile scegliere fra tutti i libri che ho ma in genere è raro che mi sbaglio su un libro che compro e alla fine tutti quelli che ho in casa bene o male sono libi che ho amato particolarmente. I soldi più ben spesi però sono stati quelli che mi ha regalato il mio ragazzo con un buono con cui ho comprato la saga di Divergent che io non avevo mai letto. Sugli acquisti fatti di recente non saprei perchè quelli che ho comprato devo ancora leggerli tutti xD (sono in arretrato pardon!)

  • Che libri hai bisogno di leggere entro la fine dell’anno?

Una marea di libri, tipo quelli che ho citato prima in arrivo in Italia. Spero di leggerne quanti più ne sia possibile. Ad elencarli penso non finirei mai.



Vi aspetto e spero che le mie risposte vi piacciano! Attendo le vostre e un abbaraccio!
A presto,
Sara ©
Annunci

RECENSIONE #194 – ABSENCE (#2) L’ALTRO VOLTO DEL CIELO DI CHIARA PANZUTI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi vi porto il secondo volume della trilogia che ha avuto inizio con Absence, Il gioco dei Quattro edito LainYA. Del primo volume trovate la recensione QUI e il secondo volume eccolo qui. Finalmente ve ne parlo e spero vi piacerà. Se non volete sapere notizie riguardanti al secondo perchè volete leggere il primo volume non vi consiglio la lettura di questa recensione. Comunque, a parte questo, ecco qui:

715IAcrjBFLTitolo: Absence. L’altro volto del cielo

Autore: Chiara Panzuti
Editore: Fazi in Lain YA
Genere: Young Adult
Data di uscita: 10 Maggio 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2JljDgs
TramaIn “L’altro volto del cielo”, nuovo capitolo della trilogia di Absence, è trascorso appena un mese dall’inizio del gioco insidioso di cui l’uomo in nero tiene le fila, e le coordinate dell’ultimo biglietto conducono Faith e i suoi compagni a Est. L’invisibilità è diventata per Faith, Jared, Scott e Christabel una strana routine, per sopravvivere in un mondo che non ha memoria di loro, e il motivo che li spinge a continuare il viaggio intrapreso per tornare a esistere. Ma il siero NH1 comincia a indebolire il fisico dei ragazzi e la conquista dell’antidoto si fa sempre più indispensabile. Soltanto Faith sembra resistere agli effetti collaterali e sviluppa un’inaspettata prontezza fisica e mentale. Sotto l’ombra dell’Illusionista e sulle tracce dei biglietti dell’uomo in nero, i ragazzi della squadra Gamma fronteggiano più volte le squadre degli Alfa e dei Beta: il gioco, però, comincia a svelare il suo lato crudele, che non accetta provocazioni né debolezze. Dopo uno scontro violento con una squadra avversaria nella base navale di Changi Bay, a Singapore, Faith scoprirà alcuni risvolti delle regole spietate dell’Illusionista e si troverà faccia a faccia con l’altro volto della competizione e di se stessa.

RECENSIONE

Risultati immagini per gif singaporeLa storia ha inizio dove l’abbiamo lasciata. Non posso dirvi molto se non che stavolta invece il prologo, invece di iniziare con i nostri protagonisti, ci introduce la squadra Alfa vista sotto ogni personaggio: Abigail, Stephane, Ephraim e Barrett. La storia poi riprende dal punto di vista di Faith quindi in sostanza cambia davvero poco. Cosa ci nasconderanno questi personaggi non ci è dovuto saperlo ma mano a mano che andremo avanti nel corso della lettura lo scopriremo e verremo a conoscere sempre più verità che sono state nascoste ai nostri veri e propri protagonisti.

Una corsa contro il tempo e contro loro stessi, questo viaggio comincia a Singapore. Una città del futuro in cui saranno sempre più l’uno contro l’altro e fin da subito, si creeranno strane e improbabili alleanze e si combatterà in uno strano mix tra sentimenti e adrenalina.

Cosa succederà alla squadra Gamma? Cos’è che nasconde l’Illusionista? Saranno in grado di resistere e di combattere ancora per il loro futuro?

Nell’erba alta… Strizzai le palpebre, ma non rammentavo.
Un nascondiglio.C’è un nascondiglio.
La mente non voleva ricordare. Il carrello toccò terra con un rombo, facendo slittare il velivolo sull’asfalto. Fu necessario uno sforzo di glutei per restare seduti, e i muscoli ultimamente non erano molto affidabili.
Il mondo non ti vede. Il mondo non ti vede più.
Era tutto mescolato, un vortice in cui erano affogate anche le emozioni. Entrai in apnea per contrastare la rabbia, e quando riaprii gli occhi le luci delle cinture si erano spente. Poi la voce del comandante intervenne per indicare temperatura, orario di arrivo, e coincidenze, mentre la nostra calma era la fretta dei passeggeri, già in piedi a recuperare i bagagli.

La trama la trovo molto azzeccata e non rivela troppo d ciò che accade all’interno del libro lasciando il lettore in una specie di curioso limbo in cui vuole soltanto sapere cosa accade. Davvero ben fatto!

La copertina la trovo sempre molto bella e l’autrice ha persino avuto modo di spiegarci un aneddoto simpatico legato alla copertina. Io non avrei chiesto un collegamento al libro ma comunque trovo che sia legata al fatto dell’invisibilità. La medusa è trasparente e difficilmente la si riesce a vedere in acqua. Per questo trovo molto azzeccato l’abbinamento. L’autrice invece ci ha spiegato che il grafico ha deciso di mettere la medusa di sua spontanea volontà senza che all’interno del libro fosse menzionata ed l’autrice ha pensato, dopo averla vista che se i lettori le avessero chiesto il perchè della medusa non avrebbe saputo cosa dire. Così hanno aggiunto una scena in cui è presente una medusa per riparare a questa cosa. Incredibile retroscena ^^

Il titolo lo trovo molto bello. E’ Absence, uguale al precedente ma con il sottotitolo l’altro volto del cielo. E’ menzionato anche questo all’interno e trovo che sia molto significativo.

L’ambientazione è sempre la Terra. Questa volta ci muoveremo partendo da Singapore e ci sposteremo in altri luoghi che non vi menzionerò per darvi modo di scoprirli da soli. L’epoca di questa trilogia è moderna e ai giorni d’oggi.

L’allarme gridava più deciso che mai. (…) «Dammi un motivo per non ucciderti», incalzò Abigail. Attraversò un tappeto di rifiuti inceneriti e me la trovai davanti, con la canna della pistola a un centimetro dalla mia fronte. Accadde tutto in fretta, e l’unica cosa che notai fu il bracciale che pendeva al suo polso, così simile a quello che indossava Sebastian. «Non ne ho», replicai. «E allora lo premo, questo grilletto, per spedirti all’altro mondo una volta per tutte». «E’ diverso?», sibilai. «E’ diverso da quello che mi hai già fatto?» Ma chi era lei per cancellarmi? Il suo capo di era già preso la briga di uccidermi una volta, e lo aveva fatto nel modo peggiore. Ero morta, non esistevo nei ricordi di nessuno, avevo perso identità, forma, spessore. L’Illusionista lo aveva premuto quel grilletto, senza neppure preoccuparsi di chiedere, e i suoi tirapiedi dovevano smetterla di tormentare quella ferita. Perché c’era un effetto collaterale dentro di me, qualcosa che assomigliava alla follia di un topo in gabbia. Qualcosa che mi rendeva pericolosa. 

Risultati immagini per gif seven sisterI personaggi sono sempre i stessi che abbiamo trovato nel libro precedente ma si stanno evolvendo. Scopriremo meglio anche i personaggi delle altre squadre con cui Faith e gli altri si imbatteranno.

Abigail, Barrett, Stephane ed Ephraim sono della squadra degli Alfae sono in ordine in cui ve l’ho citati: la testa calda, l’armadio porta tutti, il salva-situazione altrimenti chiamato miracolo (per modo di dire intendo, si fa per ridere) e il fratello un po’ fuori fase. Non che mi siano particolarmente simpatici, risultano sotto un altro aspetto e il lettore riesce a conoscerli un po’ meglio perchè tutto più approfondito. Restano comunque gli ultimi in ordine di simpatia fra squadre e di sicuro preferisco i Betache in questo volume oltre a stringere strane alleanze con i Gamma(ovvero i nostri protagonisti) sono risultati vulnerabili e essenzialmente più umani.

Faith in questo volume è forte e determinata. Si scopriranno tantissime cose su di lei che non sto qui ad elencarvi per non fare spoiler ma sarà ancora più unita di prima ai suoi amici, la sua sola famiglia ormai.

Jared è dolcissimo, sappiatelo. E’ un personaggio che si sposa e si compensa completamente con quello della protagonista principale. Non smetterete mai di amarlo dal primo volume in poi.

Scott è l’amico stupido che si conferma tale ancor di più ma penso che sia una voce assolutamente importante in tutto questo perché alleggerisce sia la situazione che il contesto in cui i quattro riversano.

Christabel avrà qualche problema in questo volume e il siero comincerà ad avere effetti collaterali proprio su di lei. In alcuni casi infatti risulterà completamente inutile ma avrà il suo perchè lo stesso, tranquilli.

Le nostre verità stavano diventando mostri, e dai mostri non si scappa, così come non si scappa dal ricordo di un trauma. Il prima e il dopo, che avevano creato uno strappo, facendo emergere le paure alte come palazzi. Jared spense la mia candelina con un unico soffio, preciso e ben assestato. «Mi manca Tommy», disse. Già. Mi manca mia madre, pensai. Faceva così male da non riuscire a pronunciarlo. Bruciava la gola, e quell’incendio sarebbe rimasto sordo a tutti gli allarmi. Mi manca mia sorella, mi mancano da morire. (…9 Ci eravamo scambiat due baci io e Jared Price.

Immagine correlataIl perno centrale di questa storia sarà scavare ancora di più nel profondo per cercare di trovare la verità su ciò che gli sta accadendo e su ciò che gli accadrà in futuro. Hanno ancora un futuro? Potranno mai tornare a casa? Riusciranno nonostante abbiano sempre più difficoltà sentendosi male e avendo reazioni al siero che gli è stato iniettato? Queste sono le domande che ci si porrà durante la lettura per le quali dovremo attendere ancora un altro libro per ricevere le risposte definitive, che ci servono per chiudere un ciclo ed avere il quadro completo.

Lo stile utilizzato dall’autrice è sempre il medesimo del primo volume ovvero leggero, fluido e veramente profondo. E’ strutturato sempre dal punto di vista di Faith ma ritroveremo soltanto l’inizio in cui troveremo a sorprenderci il punto di vista dei quattro Alfa.

Nonostante in questo volume l’autrice ricorre molto meno alle parti descrittive in cui la protagonista lascia correre i suoi pensieri più profondi il libro  diventa ancora più dinamico e si lascia leggere in poche ore.

L’azione in questo libro è la parte predominante, non ci sarà un solo momento in cui potrete tirare un sospiro di sollievo, sarete costantemente sulle spine e vorrete saperne sempre di più. Nel primo volume l’autrice si era concentrata molto di più sul tema dell’invisibilità qui risulta ormai elaborato e digerito. La protagonista si trova ad affrontare un lato di se che riscoprirà nel corso degli eventi e la rabbia sarà il motore che farà muovere tutto. 

Vi legherete ancor di più ai protagonisti che ormai sentirete come amici stringendo a voi Faith ancor più intimamente e ai suoi pensieri talvolta ritrovandovi a condividere ogni cosa, persino l’odio verso l’illusionista. Una storia davvero sorprendente e di cui faccio i miei più sinceri complimenti all’autrice. 

Ero a un passo dalla morte, o almeno da quella che credevo fosse la morte, e non c’era spazio per la vita di prima. Lo spazio, il regno, era di Mr Hyde. La mia nuova identità apparteneva a lui, e io non sarei tornata in un mondo che non voleva vedermi. Quando la porta si aprì, brandii il vetro, tenendo il bulbo in una mano e l’intera lampada dall’altra. «Posso?», chiese Ephraim. Ovviamente non attese risposta. Si appoggiò alla porta per richiuderla, e rimase là, ad ammirare le armi con cui lo stavo minacciando. «Siamo già  alle mani?», sorrise. «Prometti davvero bene, caschetto».

Nonostante al primo volume io abbia dato cinque balene, ovvero il massimo della votazione, posso dire che questo mi è piaciuto ancor di più del primo, cosa strana per una saga le quali in genere nel secondo volume tutto si affievolisce un po’. Una trilogia che mi sento di consigliare vivamente.

Chiara Panzuti si conferma ancora una volta un’autrice dalla voce autentica e accattivante che sa trascinare il lettore in un avventura sconvolgente pagina dopo pagina. Una storia che ci spinge a sentirci visibili più che mai in una società che ci spinge sempre più a diventare trasparenti e invisibili. Raramente ho avuto modo di leggere storie di questo genere che mi sorprendessero tanto quanto questa storia. Un libo dal messaggio prorompente e di un’originalità unica nel suo genere.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1


Vuoi acquistare Absence l’altro volto del cielo e sostenere il Blog? Acquista da Qui: L’altro volto del cielo. Absence o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Io spero cominciate a leggere questa trilogia perchè ne vale davvero la pena. Vi aspetto nei commenti!
A presto,
Sara ©

 

PROSSIME USCITE PER NEWTON COMPTON, LA NAVE DI TESEO, MONDADORI, MARSILIO, FANUCCI, RIZZOLI, FAZI E SPERLING&KUPFER.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Buon lunedì! La scorsa settimana non sono riuscita a darvi notizie riguardo i libri in uscita ma rimedio subito! Come ogni appuntamento settimanale porto con me una valanga di novità per diversi editori italiani di cui sono felice di parlarvi. Ecco qui le uscite della settimana scorsa e le prossime uscite che spero vi piaceranno. Fatemi sapere se c’è qualcosa che vi interessa:

NEWTON COMPTON

undefinedTitolo: Le quattro donne di Istanbul
Autore: Ayşe Kulin
Genere: Historical Fiction
Data di uscita: 12 Luglio 2018
Trama: Dopo l’ascesa al potere di Hitler, Gerhard Schlimann, la moglie Elsa e i loro due figli Peter e Susanne abbandonano la Germania per sfuggire alle persecuzioni naziste. Si rifugiano dapprima a Zurigo e poi, quando Gerhard riceve un’offerta dal Dipartimento di Medicina dell’Università di Istanbul, in Turchia. Mentre Susanne e Gerhard sono affascinati dalla cultura turca e provano a integrarsi, Elsa e Peter sono invece fortemente ancorati alle origini tedesche. Nella città musulmana le nuove usanze avranno impatti fortissimi sulle loro vite, fino a ridisegnare i loro concetti di patria e appartenenza. In questa potente saga familiare, la Kulin racconta le sfide e le difficoltà di una vita in esilio, le difficili scelte di chi è costretto ad abbracciare un futuro incerto con una valigia piena di speranze.

undefinedTitolo: Una romantica estate nella casa dei ricordi 
Autore: Helen Pollard
Genere: Romance
Data di uscita: 12 Luglio 2018

Trama: Emmy Jamieson ama la sua nuova vita tra le colline e i girasoli, coccolata dalla bellezza della campagna francese. La Cour des Roses, poi, la bella pensione costruita in pietra bianca, è una continua fonte di entusiasmo e vivacità, alimentata da Alain, il suo fidanzato dagli occhi color caramello, di cui è più innamorata che mai. Lei e Alain ormai stanno per sposarsi e le cose non potrebbero andare meglio. Neanche l’uragano scatenato da sua madre in modalità organizzativa può scalfire il suo buonumore. E adesso che tutti i campanelli d’allarme provenienti dalle ex fidanzate di Alain si sono acquietati, Emmy si sente finalmente tranquilla. Del resto, il padrone della pensione e tutti gli ospiti si stanno assicurando che niente possa interferire con la sua felicità. Ma proprio quando il matrimonio è alle porte, un segreto del passato si prepara a sconvolgere tutti i piani. Le idilliache nozze francesi andranno come previsto o Emmy si ritroverà a fuggire di nuovo in Inghilterra con il cuore spezzato?

undefinedTitolo: La vendetta delle single
Autore: Tracy Bloom
Data di uscita: 19 Luglio 2018
Trama: Suzie Miller cura la rubrica della posta del cuore per una rivista di successo. Ogni giorno dà consigli a decine di lettori che chiedono aiuto per risolvere i loro problemi amorosi. Ma quando viene mollata nel modo peggiore possibile (che razza di uomo lascia una donna con un SMS dopo esserci andato a letto?) decide che è arrivato il momento di fare qualcosa. Suzie vuole vendicarsi per tutte le volte in cui le hanno spezzato il cuore, mettendola da parte: stavolta ha intenzione di dimostrare che è perfettamente in grado di rendere pan per focaccia. I suoi metodi sono bizzarri, ma l’umiliazione è garantita… ed è su larga scala. Proprio quello che si meritano. Determinata a portare avanti il suo piano, comincia a suggerire anche a chi scrive alla sua posta del cuore modi stravaganti per reagire. E le lettere si moltiplicano: tutti vogliono i consigli di Suzie. Al culmine del successo, felicemente single, ha finalmente trovato la strada da seguire. Questo fino a che un

uomo non si mette in mezzo…


Risultati immagini per una casa troppo tranquillTitolo: Una casa troppo tranquilla
Autore: Jane Shemilt
Genere: Thriller
Data di uscita: 12 Luglio 2018
TramaPer Beth incontrare Albie, chirurgo dalla carriera in ascesa, ha significato ricominciare da zero e
lasciarsi il passato alle spalle. Adesso Beth sembra avere tutto ciò che desiderava: un marito nuovo di
zecca, una vita da inventarsi da capo e un futuro luminoso davanti a sé. Per conto suo, anche Albie pare
attraversare un buon momento: il suo mentore, Ted, l’uomo che con autorevolezza e fascino
magnetico tiene le fila dell’intero ospedale, gli ha fatto capire che intende fare di lui il suo “erede”. Ma
quello che non sa, o che la sua ambizione sfrenata gli impedisce di vedere, è che qualcosa si sta già
incrinando nella sua vita perfetta. E in lontananza si scorgono i lampi che annunciano l’arrivo di una
tempesta di dimensioni catastrofiche…


undefinedTitolo: Gli strani delitti di Steep House
Autore: M.R.C. Kasasian
Genere: Thriller
Data di uscita: 17 Luglio 2018
TramaLondra, 1884 . Al civico 125 di Gower Street, che corrisponde all’indirizzo di Sidney Grice, il più famoso
detective privato della città, regna la pace. Dopo le consuete chiacchiere serali, il grande investigatore e
la sua pupilla March Middleton si sono ritirati nelle loro stanze, lasciando la dimora in un silenzio carico
di armonia. Ma questa condizione non è destinata a durare.Qualcuno bussa freneticamente alla porta
e ben presto il mistero e la morte tornano a intrufolarsi dentro casa: sta per cominciare una nuova
indagine. Un’indagine che coinvolge un principe prussiano, due donne con un passato difficile, un cinese
che viene da Londra e un gangster dal volto ignoto.Ognuno di questi personaggi si muove tra le misteriose rovine di una casa un tempo rinomata: Steep House. Riusciranno, una volta ancora, il detective Grice e la sua assistente March a risolvere il mistero? E quale sarà il prezzo da pagare per riportare a galla tutta la verità?

undefined
Titolo: Tre Cadaveri
Autore: Raffaele Malavasi
Genere: Thriller
Data di uscita: 19 Luglio 2018

TramaUna serie di omicidi sconvolge la città di Genova. Tre donne sono ritrovate morte, e ogni scena del
delitto è un’efferata rappresentazione. Si tratta di un serial killer o di una setta di invasati? L’ispettore capo Manzi viene incaricato di condurre le indagini insieme alla sua squadra, e decide di chiedere aiuto a Goffredo Spada, un ex poliziotto, a suo dire l’unico ad avere le competenze per trovare l’assassino.
Spada, però, non è per niente collaborativo e dimostra cinismo e totale sfiducia nelle istituzioni. C’è qualcosa nel suo passato che lo tormenta. Ma la polizia non è l’unica a muoversi sulle tracce dell’assassino.Orietta Costa, una giornalista di cronaca del «Secolo XIX», intende venire a capo del mistero, e firmare lo scoop dell’anno. Man mano che il tempo passa, però, gli omicidi sono sempre più brutali e chiunque abbia intenzione di fermare quelle morti violente dovrà addentrarsi nell’abisso della perversione umana, in una lenta discesa agli inferi.


Risultati immagini per La donna senza nome newtonTitolo: La donna senza nome
Autore: Eric Rickstad
Genere: Thriller
Data di uscita: 19 Luglio 2018
TramaIn una remota cittadina nel nord del Vermont, Rachel Rath, una studentessa, ha la sensazione di essere seguita. Le sembra di avere addosso gli occhi insistenti di uno sconosciuto. Sono gli occhi di chi, molti anni prima, ha torturato e ucciso la sua famiglia.Grazie a un cavillo legale, Ned Preacher è riuscito a ottenere una riduzione della pena e, adesso che è libero, Rachel pare sia diventata la sua ossessione. Dopo il brutale omicidio della sorella, il detective Frank Rath ha adottato sua nipote. Per anni ha cercato
di proteggerla dalla verità sulla morte dei genitori. Ma ora che Preacher è stato scarcerato, Rath sa che userà Rachel per vendicarsi di lui. E Frank non ha alcuna intenzione di perdere l’unica cosa preziosa che gli è rimasta.Quando alcune ragazze vengono assassinate e una scompare, Rath e la detective Sonja Test capiscono che non possono più agire con cautela. Scopriranno presto che la verità può essere molto più perversa di quanto avessero immaginato. 

LA NAVE DI TESEO

Autore: CECILIA SCERBANENCO
Titolo: IL FABBRICANTE DI STORIE – Vita di Giorgio Scerbanenco
Pagine: 384

Prezzo: euro 23

La prima biografia di Giorgio Scerbanenco, basata su documenti inediti, nel racconto appassionato della figlia Cecilia.

Trama: Narratore, autentico e instancabile, della razza di un Georges Simenon”, come lo definì fulmineo Oreste del Buono, Giorgio Scerbanenco veniva da lontano, da quella Russia zarista che lasciò ancora in fasce e che lo accompagnerà per sempre nel suono di un cognome diventato il marchio del maestro indiscusso del noir italiano.
La vita di Scerbanenco, ricostruita in questo libro per la prima volta dalla figlia Cecilia attingendo a un’ampia mole di documenti dall’archivio di famiglia, ha il ritmo della sua scrittura: instancabile, multiforme, tagliente nell’indagare le sottigliezze dell’animo umano, illuminata dall’ironia. Una scrittura al servizio dei lettori dapprima nelle redazioni dei giornali e dei periodici con cui collabora dagli anni ’30, segnalato da Cesare Zavattini che aveva intuito il talento di quel giovane che batteva sui tasti della macchina da scrivere. Negli anni ’60 arriva finalmente il successo in libreria con la serie di romanzi con protagonista Duca Lamberti, che gli valgono la consacrazione internazionale: dopo una vita nell’ombra, spesso scrivendo sotto pseudonimo, la stella di Scerbanenco poteva finalmente brillare. L’autore di Venere privata e Milano calibro 9rivive in queste pagine nelle sue molteplici scritture, dal rosa al giallo, dalla radio al cinema, e in un’inedita dimensione privata, piena di sorprese e inquietudini come la trama di uno dei suoi romanzi.


MONDADORI
Come una storia d'amore di [Pywell, Sharon]

Titolo:  Come una storia d’amore

Autore: Sharon Pywell 
Genere: Narrativa
Data di uscita: 3 Luglio 2018

Trama: Cresciute all’ombra della Seconda guerra mondiale, nel Massachusetts, Lilly e Neave non potrebbero essere più diverse. Lilly è bellissima, sicura di sé e non fa che infrangere cuori, mentre Neave vive in un mondo tutto suo e preferisce trascorrere il tempo persa nelle pagine di un libro piuttosto che mettersi in gioco nella vita reale. Comincia così a frequentare la biblioteca cittadina, ma ha accesso solo alla Sezione ragazzi, e “quel piccolo deserto di lieti fini e legami felici con animali parlanti” a lei di certo non interessa più. Un giorno, però, incontra Mrs Daniels, un’anziana signora e avida lettrice che cerca qualcuno con la vista ancora buona che possa leggere per lei. Neave accetta la proposta e inizia a passare i pomeriggi in compagnia di Hemingway e Omero, fino a quando riesce finalmente a mettere le mani sugli scaffali “proibiti”; da qui ruba un romanzo erotico, L’amore pirata, una inebriante e avventurosa storia d’amore che la proietta in un universo tutto nuovo, fatto di passioni e tradimenti, matrimoni combinati e fughe romantiche. E sarà a questo mondo che lei continuerà a tornare una volta cresciuta, quando la vita si farà inaspettatamente dura.

Gli anni passano, gli uomini ritornano dalla guerra, in famiglia tutti si aspettano che Neave e Lilly si sposino presto, mentre le due sorelle sono fiere di essere indipendenti e decidono di realizzare il loro sogno professionale lanciando un rivoluzionario marchio di cosmesi, “Bella Più Che Mai”. Ma proprio quando gli affari vanno a gonfie vele, Lilly scompare improvvisamente… Sconvolta, Neave dovrà farsi forza e reagire, e per la prima volta sarà costretta ad abbandonare il rassicurante mondo dei libri e diventare finalmente l’unica e vera protagonista della propria storia.
Come una storia d’amore celebra il legame indissolubile tra due sorelle e la forza delle donne, capaci di rialzarsi e di lottare, e dimostra quanto i libri non siano soltanto un rifugio o un momento di evasione ma anche una vera e propria scuola di vita. 

FANUCCI

Titolo: Chi sono?

Autore: Tim Weaver

In libreria da: luglio 2018

“David Raker è uno dei detective più complessi e avvincenti della narrativa contemporanea.” Liz Nugent
L’ottavo attesissimo libro che vede come protagonista David Raker, questa volta alle prese con il caso di un uomo alla ricerca di sé stesso e della verità. Richard Kite – sempre che questo sia il suo vero nome – si risveglia contuso, malmenato e senza alcuna memoria di chi sia e da dove venga. Nessuno lo conosce… chi è veramente? Definito dal “Daily Express” “un thriller dal ritmo frenetico, pieno di tensione e sorprese”, Chi sono? tiene il lettore incollato alle pagine anche grazie al brillante uso dei colpi di scena.


Titolo: Il bugiardo 

Autore: Nora Roberts

In libreria da: luglio 2018
 “Quando si tratta di romantic suspense, Nora Roberts è impareggiabile!” Book Reviews
L’autrice di questo thriller ricco di sensualità e colpi di scena, è vincitrice di sette RITA Awards con più di quattrocento milioni di copie vendute. A seguito di un misterioso incidente in cui perde il marito, Shelby scopre di aver sposato un adultero e un bugiardo. Decisa a voltare pagina cambia città e incontra un nuovo amore ma suo marito aveva dei segreti che deve ancora scoprire… Un romanzo sulla riscoperta di sé stessi e sull’importanza della famiglia e dell’amore.


Titolo: Il sangue dei draghi 

Autore: Robin Hobb

In libreria da: luglio 2018
 Finalmente in libreria il quarto e conclusivo capitolo di una delle saghe fantasy più amate di sempre: Le cronache delle giungle della pioggia. Definito da George R. R. Martin “Un fantasy perfetto”, il romanzo racconta di come la sopravvivenza dei draghi sia in pericolo. Con l’occasione di nuovo in libreria anche i primi tre volumi della saga in versione tascabile.
 
“Draghi, magia e intrighi fanno di questo libro una lettura affascinante.” Booklist


Titolo: Codice Lumiere
Autore: Sergio Fanucci

TramaIn una New York prossima ai festeggiamenti del giorno dell’Indipendenza, l’avvocato Elisabeth Scorsese si prepara a trascorrerlo da sola. Suo padre si è ritirato in una zona isolata nel Vermont mentre sua madre è ancora data per dispersa. Ogni cosa sembra giocarle contro fino a quando non riceve una visita del tutto inaspettata: un nuovo cliente, Philip Delany, vuole che lo rappresenti in una causa contro la Nasa per un brevetto di recupero dei satelliti in disuso nello spazio. Ma la festa della Grande Mela si tinge di nero: un noto ingegnere viene trovato morto nel suo albergo a Times Square, e Peter Makarov, della squadra omicidi di North Manhattan, comincia a indagare. L’uomo lavorava per l’agenzia spaziale ed era molto legato a Philip Delany grazie alla vendita di un algoritmo sorgente. E tutto questo mentre una notte, a Parigi, scompare la scienziata Debbie McRoland, a capo di un progetto in grado di cambiare il destino del mondo. Cosa li unisce di così dannatamente pericoloso? In un susseguirsi di eventi apparentemente slegati tra loro, Peter Makarov ed Elisabeth Scorsese torneranno a incontrarsi e questa volta sarà per scoprire la verità di un complotto che sembra travalicare il tempo e lo spazio, dove il potere non conosce limiti né teme di essere svelato.


FAZI

La famiglia AubreyAutore: Rebecca West
Titolo: LA FAMIGLIA AUBREY

Trama: Gli Aubrey sono una famiglia fuori dal comune, nella Londra di fine Ottocento. Nelle stanze della loro casa coloniale, fra un dialogo impegnato e una discussione accanita su un pentagramma, in sottofondo riecheggiano continuamente le note di un pianoforte; prima dell’ora del tè accanto al fuoco si fanno le scale e gli arpeggi, e a tavola non si legge, a meno che non sia un pezzo di papà appena pubblicato. Le preoccupazioni finanziarie sono all’ordine del giorno e a scuola i bambini sono sempre i più trasandati; d’altronde, anche la madre Clare, talentuosa pianista, non è mai ordinata e ben vestita come le altre mamme, e il padre Piers, quando non sta scrivendo in maniera febbrile nel suo studio, è impegnato a giocarsi il mobilio all’insaputa di tutti. Eppure, in quelle stanze aleggia un grande spirito, una strana allegria, l’umorismo costante di una famiglia unita, di persone capaci di trasformare il lavaggio dei capelli in un rito festoso e di trascorrere «un Natale particolarmente splendido, anche se noi eravamo particolarmente poveri». È una casa quasi tutta di donne, quella degli Aubrey: la figlia maggiore, Cordelia, tragicamente priva di talento quanto colma di velleità, le due gemelle Mary e Rose, due piccoli prodigi del piano, dotate di uno sguardo sagace più maturo della loro età, e il più giovane, Richard Quin, unico maschio coccolatissimo, che ancora non si sa «quale strumento sarà». E poi c’è l’amatissima cugina Rosamund, che in casa Aubrey trova rifugio. Tra musica, politica, sogni realizzati e sogni infranti, in questo primo volume della trilogia degli Aubrey, nell’arco di un decennio ognuno dei figli inizierà a intraprendere la propria strada, e così faranno, a modo loro, anche i genitori. Personaggi indimenticabili, un senso dell’umorismo pungente e un impareggiabile talento per la narrazione rendono La famiglia Aubrey un grande capolavoro da riscoprire.


Siracusa

Autore: Delia Ephron
Titolo: SIRACUSA

Trama: Due coppie vanno in vacanza insieme in Sicilia: Michael e Lizzie, raffinati newyorchesi, lui scrittore affermato e lei giornalista precaria; Finn e Taylor, lui ristoratore senza troppe pretese e lei donna glaciale e madre oppressiva, vengono dal Maine e viaggiano con la figlia Snow, una bambina strana e taciturna. Non si tratta di amici di vecchia data, anzi: la confidenza è scarsa. Un invito nato quasi per scherzo, durante una serata piacevole passata insieme, uno slancio di entusiasmo, e i quattro americani si ritrovano in vacanza insieme dall’altra parte dell’Atlantico. Ben presto spuntano gelosie e rivalità, bugie, attrazioni incrociate e antipatie neanche troppo celate. In una danza perfetta di luci e ombre, sotto il sole cocente di Siracusa cominciano a addensarsi zone oscure. Finché, a complicare ulteriormente le cose, spunta da lontano, ma si fa sempre più ingombrante, la presenza della giovane amante di Michael. E la vacanza prende una piega inaspettata… In un gioco di incastri congegnato in maniera sapiente, ognuno dei personaggi racconta la sua verità: quattro versioni diverse della stessa storia, che però inevitabilmente vanno a convergere verso un unico, tragico finale. Dalla sceneggiatrice di C’è posta per te, un imperdibile romanzo estivo in cui la commedia brillante americana assume un’intrigante sfumatura noir.


SPERLING&KUPFER / FRASSINELLI

Titolo: Darkest Minds

Autore:  Alexandra Bracken

Genere: Distopico

Data di uscita: 24 Luglio 2018

Trama: Quando Ruby si sveglia il giorno del suo decimo compleanno, qualcosa in lei è cambiato. Qualcosa di abbastanza preoccupante da costringere i genitori a mandarla a Thurmond, un brutale campo di riabilitazione gestito dal governo dove sono rinchiusi i giovani come lei. Ovvero, i giovani che sono riusciti a sopravvivere alla misteriosa malattia che ha decimato la popolazione e che da allora sembrano aver acquisito poteri speciali. Ci sono i Verdi, dotati di un’intelligenza eccezionale; i Blu, di telecinesi; i Gialli, che controllano l’elettricità; i Rossi il fuoco e gli Arancioni, come Ruby, la mente umana. Ora Ruby ha sedici anni ed è riuscita a scappare da quell’inferno, ma per lei l’incubo non è ancora finito. Durante la sua fuga, però, incontra un gruppo di ragazzini evasi come lei: Zu, Ciccio e Liam, carisma da leader e decisamente carino. Ma Ruby non può rischiare di avvicinarsi a lui. Sarebbe troppo pericoloso. E, in viaggio verso l’unico rifugio sicuro, ci sono già fin troppi pericoli da affrontare. Finalmente arriva in Italia Darkest Minds la serie d’esordio di Alexandra Bracken che, con questa storia adrenalinica, ha conquistato il primo posto della classifica del New York Times e da allora ha firmato un successo dietro l’altro. 


 

Titolo: La straniera

Autore: David Bergen

Genere: Fiction
Data di uscita: 24 luglio 2018

TramaIn una remota cittadina del Guatemala, da alcuni anni si è affermata una clinica della fertilità che richiama a sé numerose donne benestanti in cerca di un miracolo. È lì che lavora come assistente la giovane Iso, una ragazza che per nove ore al giorno si prende cura delle pazienti che le vengono affidate; nella stessa clinica lavora anche il dottor Eric Mann, un attraente medico americano che ha gioco facile nel sedurla e a cui Iso finisce per concedersi, innamorandosene perdutamente. Il medico è sposato, e la situazione si complica quando la moglie del dottore arriva nella clinica per usufruire a sua volta della terapia, ed è Iso stessa a prendersene cura diventandone la confidente. Il ricovero della signora Mann dura due settimane senza dare alcun risultato, settimane in cui Iso smette di vedere l’uomo che ama. Quando la moglie fa ritorno negli Stati Uniti, le cose sembrerebbero tornare come prima, ma non è così, perché Iso è incinta e avrà una figlia dal dottor Mann; e quando la bambina nascerà, Iso si renderà conto di essere stata tradita nel modo più crudele.


RIZZOLI

Titolo: Sharp Objects 
Autore: Gillian Flynn 

Pagine: 350

Prezzo: € 19
In libreria dal:  24 luglio 2018

Trama: Otto anni dopo essere andata via da Wind Gap, la cittadina soffocante in cui è nata e cresciuta, Camille Preaker lascia Chicago per tornare in quel minuscolo avamposto cattolico del Missouri battista, luogo sperso nel nulla, dove la gente si illude di sapere come stare al mondo.
È il giornale per cui lavora a spedirla laggiù, in seguito alla scomparsa della piccola Natalie Keene. Caso che somiglia a quello di un’altra bambina svanita nel nulla poco tempo prima, ricomparsa il giorno dopo nel letto di un torrente, strangolata. Si chiamava Ann Nash e aveva nove anni.
Quando il cadavere di Natalie viene rinvenuto su Main Street, la comunità di Wind Gap deve arrendersi all’evidenza: la mano che si è abbattuta con brutale meticolosità sulle due bambine è la stessa. A rivelarlo è un unico, macabro dettaglio.
Con caparbietà, Camille porta avanti la propria indagine sfidando le rigide norme sociali di una cittadina bigotta e pettegola, ma soprattutto, è costretta ad affrontare la madre, una donna fredda e manipolatrice, ammirata dai vicini e temuta dentro casa, da cui era fuggita ancora ragazza. L’inchiesta diventa un fiume in piena e Camille non è più in grado di tenere a freno i ricordi e il male che contengono.


MARSILIO

Sotto il falò
Autore: Nickolas Butler

Titolo: Sotto il falò

Collana: Romanzi e Racconti
ISBN: 978-88-317-2937-6

Prezzo: 17,50 euro

Trama: I boschi del Midwest, i suoi laghi che gelano con i primi freddi e riflettono i colori del tramonto nelle sere d’estate, custodiscono da sempre storie ruvide e umanissime. Storie di amici che organizzano feste intorno al falò per raccogliere la legna in vista dell’inverno, di giovani coppie che si immergono negli abissi per ritrovarsi, di uomini che tornano nei luoghi d’infanzia per scoprire di non essersene mai andati, di donne che ne aiutano altre a vendicare le violenze di un amante o di un’intera comunità, di nonni che insegnano ai nipoti ad amare i temporali. Storie in cui il confine tra bene e male non è mai netto, e in cui la luce si intravede anche in fondo alla disperazione più nera. In questa raccolta Nickolas Butler, ormai autore di culto in Italia, in Francia e nel suo paese, ce ne racconta dieci, tutte intense e commoventi, tutte capaci di condurci nel cuore più autentico degli Stati Uniti come solo un viaggio lungo le sue strade secondarie potrebbe fare.


Cosa ne pensate di tutti questi bei libri? Io che non vedo l’ora di leggerli! Fatemi sapere quale vi piace di più!

A presto,
Sara ©

 

BOOK TOUR: SOMNIUM DI FELISCIA SILVA E GLORIA CREDALI – RECENSIONE (#193)

BUONASERA PARTICELLE LETTRICI!

E buona domenica! Scusate il ritardo ma attendevo delle conferme e quindi ho atteso fino a quest’ora. Oggi sono qui con l’ultima tappa del Book Tour dedicato a questo libro fantasy in uscita in self e scritto da una delle blogger che seguo (Il Lettore Curioso) assieme ad un altra ragazza e che spero vi abbia incuriosito già quando sul blog era uscito il Cover Reveal (QUI). Ecco che ve ne parlo:

Risultati immagini per somnium feliscia silvaTitolo: Somnium
Autore: Feliscia Silva & Gloria Credali
Genere: Fantasy
Serie: Somnium #1
Data di uscita: 2018
Link d’acquisto:  https://amzn.to/2uvLcP2
TRAMAQuando Doli è fuggita dal proprio passato per rifugiarsi in una nuova vita, non avrebbe mai immaginato di restare intrappolata in una routine che rispecchia tutto ciò dal quale era scappata. Dex, un misterioso sconosciuto dai tratti che ricordano quelli di una volpe, stravolge però la sua esistenza rivelandole che la Terra Umana e tutti i suoi abitanti sono in pericolo. Doli è un Blazon e deve seguirlo su Somnium, una dimensione in cui uomini prescelti e Incarnati vivono in armonia con il mondo naturale.
Doli non vuole credere alle sue parole, ma una notte qualcosa in lei si trasforma, un dolore lancinante che si propaga in tutto il corpo.
Comprende che non può fuggire dal proprio destino, una minaccia è in agguato: la Fazione, un gruppo di Blazon che ha tradito Somnium, vuole imporre il proprio controllo sulla Terra Umana. Doli dovrà prendere una decisione che le cambierà per sempre la vita: combattere o tornare alla sicurezza dell’esistenza che si era creata?
Un emozionante viaggio attraverso un mondo fantastico, nel primo capitolo della saga fantasy Somnium.

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio a Tempe, al lavoro. Doli è alla scrivania e sta lavorando come tutti gli altri giorni in mezzo ai colleghi con cui si ritrova a fare a gara solo per avere una promozione. La vita di Doli è solitaria e monotona e spera davvero di essere gratificata in ambito lavorativo ora che ci si è fiondata dentro ma ciò che sta per succedergli è, probabilmente, una condanna o forse un sollievo dalla vita di tutti i giorni.

Doli scopre di essere un Blazon quando incontra Dex, un Uomo-Volpe che si affezionerà a lei e la seguirà durante tutto il suo percorso. La minaccia è imminente e Doli si trasformerà e vivrà come una Blazon, un essere potente in connessione con la natura e la Terra. Esseri che vivono in un altra dimensione chiamata Somnium. Doli è una Donna-Aquila, una dei più potenti mai esistiti.  Somnium è un mondo bellissimo e vieta al lato oscuro in cui una parte di Blazon chiamata Fazione trama oscuri segreti e minaccia la vita di tutti i Blazon.

Cosa succederà a Doli? Perchè questa trasformazione e perchè sta succedendo tutto questo proprio a lei? Riusciranno i Blazon nel loro intento e a proteggere Somnium?

Chiuse gli occhi e poi li riaprì. Fu in quel momento che lo vide, un fugace movimento oltre la finestra. Veloce come un fulmine, una grande ombra scura che si ergeva in volo. Si alzò di scatto, sporgendosi oltre alla scrivania e premendo il viso contro al vetro. Era certa di aver visto qualcosa ma non era in grado di descriverlo. Forse la stanchezza l’aveva sopraffatta provocandole un’allucinazione, forse si trattava semplicemente di un piccione che la sua immaginazione aveva ingigantito. Qualsiasi cosa fosse, quella sera, mentre tornava a casa non smise di guardare verso il cielo, domandandosi se avesse davvero visto qualcosa.

La trama è ben scritta, sicuramente accattivante. Non ci sono spoiler e di certo c’è il fatto che coinvolge il lettore e lo cattura invitandolo a leggere il libro. Il tema sembra interessante e sono sicura catturerà anche voi.

La copertina di questo libro la trovo senza alcun dubbio davvero spettacolare e credo che la scelta che hanno fatto le autrici sia stata davvero fantastica. Il gufo sulla copertina rappresenta l’Incarnato dell’anziano capo dei Blazon che ha la forma di un uomo gufo. Il titolo scelto invece risiede nel vero fulcro della storia. Somnium è il mondo in cui i Blazon vivono e in cui la stessa Doli si ritroverà ad andare dopo la sua scoperta. Quindi entrambi fanno esteticamente un libro azzeccato e bellissimo agli occhi del lettore. Ottimo lavoro!

L’ambientazione si divide fra la Terra dove noi viviamo e Somnium, il bellissimo mondo al naturale in cui vivono i Blazon. Un mondo in cui tutto è verde e i Blazon vivono a stretto contatto con la natura. Doli vive a Tempe, una piccola città dell’Arizona ed è li che scopre di essere un Blazon. L’epoca sulla Terra e moderna mentre su 

Josh annuì, come se comprendesse le sue parole. «Lo capisco, davvero. Io credo che la connessione che ci lega è qualcosa di primordiale, le nostre origini rappresentano questo legame.» Doli non sapeva che cosa replicare. Che cosa le suscitava realmente Josh? Era ciò da cui era scappata o ciò da cui sarebbe tornata? Josh si lasciò andare, appoggiando la schiena al manto sconnesso. Prese dolcemente Doli per un braccio, portandola accanto a sé. «Chiudi gli occhi.» le sussurrò lui piano. Doli obbedì e pochi secondi dopo era in grado di avvertire attorno a sé il vento farsi sempre più forte. Sentiva la terra fine, accanto al suo viso, sollevarsi e posarsi a tratti sul suo corpo e poi volare verso una destinazione ignota. Il terreno sotto di lei la cullava soavemente, ricordandole la sua appartenenza. Nell’aria, udì il grido di un’Aquila.

Risultati immagini per donna aquilaI personaggi sono tanti e sono tutti apparentemente importanti sotto diversi profili ognuno per il suo portamento, il suo messaggio e il suo essere intimamente connesso con la terra.

I Blazon sono degli esseri che nascono ogni decade. Su Somnium tutto è connesso alla terra e i Blazon si sentono connessi agli odori, ai suoni e persino i colori potevano risultare ai loro occhi più vividi. Ogni Blazon alla nascita avrà un Marchio su una parte del corpo che riporta la connessione con il proprio Incarnato (l’animale a cui si è legati), il suo spirito e il proprio potere. Ma la storia completa vi consiglio di leggerla sul libro perchè non vorrei raccontarvi tutto ecco. E’ bello scoprirlo da se.

Doli è la protagonista indiscussa di questa storia. E’ una donna che è lontano dalla sua famiglia e che vive una vita ordinaria e semplice. Punta ad una promozione e proprio quando sta per arrivare tutto sembra andarle storto ed ecco lì che accade l’inspiegabile. Le viene detto che lei è una Blazon ed è una Donna-Aquila. Subirà una trasformazione e andrà a vivere su Somnium in cui il suo potere si svilupperà e si allenerà. Ha dei poteri incredibili nascosti dentro di lei, deve soltanto scoprirli.

Dex è l’Uomo-Volpe ed è stato l’unico personaggio che mi ha incuriosito davvero tanto e del quale sono soddisfatta anche della sua vita passata, molto intensa. E’ un uomo forte, determinato ed incredibilmente legato a Doli, che trova subito speciale e unica. E’ legato in particolar modo a lei perché è stato il suo “mentore” diciamo, quello che le è stato affidato per ciò che le accadrà.

Doli se lo ricordava così. L’odore di suo padre ancora aggrappato alla camicia che stava stringendo fra le mani quella notte. Quel misto di dopobarba un po’ scaduto e di terra appena lavorata. Lo respirava a fondo quando correva ad abbracciarlo al suo rientro a casa la sera, in un tempo così distante che non sembrava neppure appartenerle. Doli non sapeva più in quale tempo si trovasse. In realtà non se lo era neppure chiesto, si era limitata a osservare inerme quello che aveva intorno, lasciandosi trascinare dall’esistenza che andava avanti, senza però riuscire a comprenderla. Si rigirò sul fianco opposto nel letto, continuando a tenere la camicia stretta a sé. Il suo viso era rivolto verso la finestra, e all’orizzonte della notte fonda riusciva a scorgere un’ombra scura e imponente che si sollevava da terra. In quell’istante si ricordò di un particolare, rimasto nei suoi ricordi dopo tutto quel tempo.

Risultati immagini per donna aquilaIl perno centrale è Somnium stessa e la vita dei Blazon. Somnium è un mondo particolare, speciale e completamente naturale.

Lo stile utilizzato è stato abbastanza buono, scritto in terza persona sempre però sotto il punto di vista di Doli. Peccato la poca scorrevolezza del testo e, a volte, la sua prevedibilità. Nonostante la storia della nascita di Somnium, dei Blazon e tutto ciò che riguarda l’originalità della storia stessa non ho nulla da dire perchè è stata ben descritta e davvero unica nel suo genere.

Per quanto riguarda il resto ho trovato delle cose che credo siano scontate, prevedibili e lente. Ecco che ve le analizzo nel dettaglio:

  • Il testo è risultato lento e monotono, a tratti persino noioso. Neanche nei momenti di azione la cosa è cambiata perché troppo prolissa e ridondante. Ritengo che il fatto di spiegare in cosa consistesse Somnium, i Blazon e il mondo stesso fosse corretto e giusto tanto da far comprendere molto bene al lettore cosa stesse accadendo e di cosa il mondo fosse composto ma per alcune cose il testo è stato ingiustamente appesantito. Già dall’inizio la scrittura diventa opprimente specificando dettagliatamente cose superflue e tralasciando altre che magari sarebbe stato preferibile fossero approfondite. Anche nella parte centrale accade lo stesso. Dopo che Doli arriva su Somnium tutto si ripete e sembra essere troppo statico. Capisco l’allenamento e tutto ciò che ne deriva ma tutto risulta lento senza mai carburare facendo risultare il tutto piatto.
  • Il fatto che il testo in alcuni punti fosse totalmente scontato tanto da averlo persino anticipato. Ero già riuscita a capire dove le scrittrici – in questo caso – volevano andare a parare. Sia per quanto riguarda il potere di Doli, che non si è manifestato fino all’ultimo ma era ben comprensibile (non vi dico da cosa altrimenti svelerei una cosa che magari un altro non troverebbe così banale) ed anche il fatto di Nancy (che non sto ad elencarvi ovviamente).
  • Alcune spiegazioni tralasciate. Il fatto degli uomini morti non è stato completamente spiegato. Sono stati introdotti e poi lasciati a se stessi senza avere la giusta spiegazione che invece speravo di avere. Insomma questo è quanto.

Il pezzo che più mi è piaciuto di tutto il libro sono state le ultime due pagine (non so dirvi se fossero due pagine precise perchè l’ho letto con il Kindle) in cui ho visto la bellezza dagli occhi di Doli, quella vera, il dolore e ho sentito una qualche connessione con il testo perchè più semplice, meno artificiosa e semplice. Un pezzo in cui Doli, finalmente, è arrivata a me come speravo.

Mentre si avvicinava notò che la pioggia sembrava non penetrare tra le piume del maestoso Animale. Una volta che le fu molto vicino, il suo Incarnato aprì un’ala, che era grande quanto la vela di un veliero o quanto il tetto di una casa, e la tenne sollevata per riparare Doli dalla pioggia battente. Si allungò appena, in modo da riuscire a sistemarsi tra l’incavo dell’attaccatura delle ali e il suo corpo. Vi affondò il viso, scossa da un sentimento penetrante. Il suo piumaggio era asciutto, confortevole, familiare. Doli sarebbe voluta restare stretta a lui per l’eternità, con il temporale, giunto al culmine della forza. Attorno a loro i fulmini cadevano senza sosta, alcuni più lontani e altri a pochi metri di distanza. La tempesta durò a lungo, ma Doli non era preoccupata. Non era neppure spaventata, non si sarebbe lasciata andare al dolore, non più. Doli era un Blazon.

Il libro non mi ha fatto particolarmente impazzire ma la storia è stata sicuramente originale. Probabilmente se fosse stata sviluppata in un altro modo mi avrebbe colpito di più, non saprei dirvi ma non posso dirvi che sia stato un brutto libro, anzi. La storia è particolare e merita comunque un’occasione.

Gloria Credali e Feliscia Silva hanno sicuramente creato un mondo fantastico ricco di originalità e in pieno stile fantasy nonostante quanto detto sopra. Spero che nel secondo volume tutto si alleggerisca e che si movimenti molto di più. 

Il mio voto per questo libro è: 2 balene e mezzo.

due e mezzo


Andate a scoprire le altre tappe precedenti di questo Book Tour, eccole qui:

presentazione del libro _somnium_(5)


Vuoi acquistare Somnium e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Somnium o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Vi piace? Fatemi sapere con un commento cosa ne pensate e se vorrete leggerlo!

A presto,

Sara © 

SEGNALAZIONE #81 – BACK TO SEPTEMBER DI CHIARA KIKI EFFE.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi ho una nuova segnalazione per voi che spero vi piacerà! Io adoro la copertina, è davvero bellissima e sono sicura che il libro piacerà anche a voi. Eccolo qui, tutto per voi:

 

Back to September di [Effe, Chiara Kiki]Titolo: Back to September

Autore: Chiara Kiki Effe

Self Amazon

Data pubblicazione:17 Maggio 2018

Prezzo: 11,90 Cartaceo 2,99 E-book

Pagine: 351

Genere: Romance Chik-lit

Quarta: La vita di Lavinia sta svoltando nella direzione giusta: dopo la fine della sua relazione con Alessandro, ha deciso di prendere in mano le redini del suo futuro. Ha un buon lavoro, un figlio a cui pensare e una casa tutta sua. Quando crede di non poter desiderare di più, per uno strano gioco del destino, conosce Daniele. Sarà pronta a innamorarsi di nuovo? E lui, riuscirà a scendere a compromessi per non perderla? Uno spaccato di vita che si snoda lungo la costa ligure, tra mare e sole, sentimenti e ragione, decisioni giuste e decisioni sbagliate.

Biografia autore:

Legata alla Terra (prima uscita giugno 2017) Riedizione nuova copertina e nuovo editing Aprile 2018 Un racconto in un quadro – Storie di Vampiri Prima Ediz. Marzo 2018

Breve estratto (Incipit):

Lavinia guardò Elisa, aspettando che sparasse una delle sue sentenze. La sua amica la scrutava con un’espressione indecifrabile in volto, era preoccupata per lei ma non voleva darglielo a vedere. «Sei sicura che sia la decisione migliore da prendere?» «Ma si Ely, per forza, devo andarmene da quella casa e prendere in mano le redini della mia vita una volta per tutte. A trent’anni suonati da un pezzo, sarebbe anche l’ora che lo facessi!» «Senza dubbio», le rispose mentre dava poderosi morsi al suo panino al prosciutto. Le pause pranzo in hotel duravano solo mezz’ora; parevano volare via come il vento. «Sarà dura, da sola con tuo figlio, e un solo stipendio. E se non ce la fai?» continuò, imperterrita. «Devo farcela. Come dice il detto? Volere è potere.» Lavinia aveva finito di mangiare e stava riponendo i resti del pranzo nel sacchetto, pronta per tornare a lavorare. «Aspetta, Lavi! Dio, che premura che hai! Un caffè non lo prendiamo?» «Ma si, ovvio. Scendiamo alla caffetteria.» «Mi fai venire l’ansia» riprese l’altra, «non è che voglio spaventarti, dico solo che questa decisione di lasciare Alessandro magari è affrettata, non puoi riflettere ancora un po’?» «Ci ho già pensato abbastanza. Affrettata non lo è di sicuro!» rispose infervorandosi e avviandosi verso il bar. «Vieni, o lo vado a prendere da sola questo caffè?» disse a voce un po’ più alta mentre era già a metà corridoio e procedeva spedita verso gli ascensori. Lavinia ci aveva riflettuto eccome, sulla sua relazione con Alex. Erano mesi che non faceva che pensarci e non aveva trovato mille soluzioni, ma solo una. «Sai che ne abbiamo discusso, con Alex, su cosa sia meglio fare, sia per noi che per Samu. Separarci e rimanere in buoni rapporti è la miglior cosa, ne sono certa» aveva continuato Lavinia, guardando Elisa che l’ascoltava, attenta. Quando, quasi cinque anni prima, si era trasferita in Liguria, solo e solo per amore, credeva di aver trovato la persona giusta, e i primi tempi erano stati piuttosto idilliaci. Poi era rimasta incinta e le cose erano andate deteriorandosi, nonostante lei ci avesse messo tutto l’impegno possibile per farle andar bene. Alessandro si era rivelato quello che lei mai avrebbe creduto: sbagliato nel più sbagliato dei modi. Certo, lavorava e portava uno stipendio, anche se a volte era molto egoista sulle sue cose, sui propri spazi e sulla sua libertà, ma questo a Lavinia non era mai pesato, era abituata a fare lo stesso. Ma, dopo essere diventati genitori, aveva pensato che qualcosa sarebbe cambiato e quando non era successo, ci aveva sofferto. «Rimane il fatto, Lavi, che non sarà facile organizzarti, ma sai che se avrai bisogno di me, io ci sarò.» «Grazie, sei una vera amica» le rispose, abbracciandola. «Non avrei mai pensato che Alex venisse sopraffatto dalla responsabilità di crescere un essere umano, né che non si fosse reso conto di cosa significa metter su famiglia… pazienza. Una ragione me la sono fatta.» «Certo, ci mancherebbe. Non voglio farti desistere, ma riflettere, lo sai.» «Lo so, tranquilla. Il colpo di fortuna è stato trovare questo lavoro: mi ha dato la sicurezza di potermi reggere sulle mie gambe, e ti giuro che in questo momento è tutto ciò che desidero. Non dover dipendere da nessuno!» Con tanta ricerca e molto tempo impiegato – quasi tutta l’estate, in effetti – Lavinia aveva scovato una casa adatta alle sue esigenze e aveva stipulato il contratto di affitto. Niente e nessuno avrebbe potuto farle cambiare idea. Non a quel punto.


Cosa ne pensate? Vi piace? Fatemi sapere con un commento o con un mi piace se vi interessa!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #192 – IN TASCA LA PAURA DI VOLARE DI LORENZO FOLTRAN

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui con una nuova recensione per voi. Preparatevi che a partire da oggi vi riempirò di recensioni che ne devo recuperare davvero tantissime. Spero che questo libro vi piacerà e ringrazio l’autore per avermi permesso la lettura. Ecco qui che ve ne parlo: 
97603-copertinaTitolo: In tasca la paura di volare
Autore: Lorenzo Foltran
Editore: Oèdipus Edizioni
Genere: Poesia 
Formato: cartaceo
Prezzo: 12€ 
Data pubblicazione: Maggio 2018
Pagine: 96 
Link d’acquistohttps://amzn.to/2ukDTcL
Sinossi: In tasca la paura di volare è una raccolta di 67 poesie divise in tre sezioni: Donne sparse, I lampioni e nessun altro e In tasca la paura di volare. 
Scostate le fronde ultime, un saluto e ciascuno alla sua strada. Le prime luci, rade (è notte e la più parte dorme) fanno sicuro l’accesso al villaggio.

RECENSIONE

Risultati immagini per disegno innamoratiIl libro è una raccolta di poesie suddivisa in tre parti. Ho trovato la suddivisione corretta e rispettosa dei canoni imposti in partenza. L’autore in poche pagine – in tutto 96 – con sole 67 poesie ci permette di vedere il suo modo di vedere e vivere le cose diverse fra loro sempre mantenendo la modernità, senza perdersi in cose futili.

Infatti, già nella poesia con cui tutto ha inizio – che trovate qui sotto – l’autore promette bene fin da subito mostrandosi determinato e consentendo a tutti di vedere di che pasta è fatto.

Nonostante la poesia stia descrivendo una scena relativamente semplice l’autore è in grado di renderla bellissima e unica nel suo genere. 

Quando scambi le chiavi
devo trovare il codice
e le cifre a ogni tasto
non sono date
o anniversari
ma lacrime che hai pianto.
Se il mondo ci divide
perché non so parlare
o meglio, dire,
e forse leggo troppo,

non lasciarmi partire.
Ti chiedo condivisa
la solitudine

La trama trovo che debba essere essenziale e quella utilizzata per la segnalazione che avevo fatto in precedenza (QUI) la trovo ben spiegata ma troppo prolissa per cui per la recensione ho deciso di abbreviarla prendendola da amazon o siti affiliati visto che era più semplice.

La copertina la trovo sobria, semplice e davvero dolcissima. Riflette molto il libro e, per quel che è venuto in mente a me – quindi del tutto un opinione soggettiva – mi fa pensare che l’autore assomigli nella forma e nella tenerezza all’immagine stessa. Il titolo prende nome da una delle tre parti del volume che è stata a mio parere una delle migliori, genere sul quale spero l’autore si concentri in futuro per sviluppare altre sue poesie.

La mia preferita in assoluto resta quella che mi ha spinto in particolar modo a voler leggere queste poesie davvero molto interessanti.

Immensa consapevolezza
del tempo che passa,
di quello che resta.
Un biglietto di andata in tasca
vuota, invece, l’altra.

Lo stile utilizzato dall’autore è semplice ma al tempo stesso ricercato. Utilizza profondità in maniera artistica e allo stesso tempo moderna.

Risultati immagini per paperman

Corto animato Dinsey Paperman

La sua raccolta si suddivide in tre parti Donne sparse, I lampioni e nessun altro e In tasca la paura di volare. Personalmente ho trovato profondo e bellissimo da I lampioni e nessun altro fino a In tasca la paura di volare. Le poesie più belle risiedono proprio nell’ultima parte che sembra appartenere all’autore molto di più di quanto lo facciano le altre.

Nella prima parte ovvero in Donne Sparse l’autore parla di varie donne, le chiama per nome e per ognuno ha, in poche righe, la loro storia da raccontare. Inizialmente appare interessante ma con l’avanzare della lettura suonano ridondanti e si percepisce – almeno è ciò che ho percepito soggettivamente – quanto poco l’autore sembra essere poco convinto. Cioè, mi spiego. Sicuramente sarà ciò che avrà vissuto o quanto meno avrà avuto dove trarre ispirazione ma in questa parte dopo un po’ l’autore sembra calare di autenticità.

Nella seconda parte ovvero in I lampioni e nessun altro l’autore riprende vita e descrive scene di vita quotidiana come il fatto che non ci sia spazio per la poesia sui scaffali o il sabato sera o della strada e di come lui la percorra senza l’amore e senza i punti di riferimento giusti. L’autore sembra perso e consente al lettore di smarrirsi assieme a lui, nella sua stessa strada e nei suoi stessi dubbi.

Nella terza parte In tasca la paura di volare l’autore non abbandona il suo stile ma lascia che sia la testa a parlare ed esprime il meglio di se in tutto e per tutto. Proprio come il titolo della sezione e lo stesso che contraddistingue il titolo dell’opera stesso, Lorenzo Foltran esprime la paura, i dubbi, il viaggio e lo mette in tasca. In questa parte sembra partire per un viaggio e ritornare bambino in cui si descrivono antichi pranzi domenicali o Palazzo Grandenig in cui un uomo aspetta il suo tramonto. 

Te che m’hai strappato da pagine
dov’ero finito per sbaglio,
senza indice né esergo,
un testo finto, deciso, già scritto,
ringrazio per avermi dato albergo
nella vita che non si scrive.
Chiuso il libro, scorto la copertina,
scuoto per trarne il segno. Dissento.
La palpebra si libra e resto muto

Questa raccolta di poesia, dalla seconda parte in poi mi ha trascinato nella quotidianità e negli occhi dell’autore e si riesce ad assaporare così bene il tutto. Nella sua singolarità, questa raccolta di poesie mi ha ricordato molto la leggerezza e la dolcezza che trasmette il corto animato Paperman (immagine sopra). Consiglio all’autore di concentrarsi molto più su cose che lo contraddistinguono proprio come la sezione In tasca la paura di volare. Consiglio questo piccolo volume a chiunque ami la poesia ma anche a chi voglia addentrarsi in questo mondo a volte troppo sconosciuto o semplicemente inesplorato.

Lorenzo Foltran è un poeta discreto e umile. Non scrive versi complessi o descrive scene o cose particolarmente astruse. Nella sua semplicità mantiene modestia e la rispetta lungo tutto il suo percorso. Forse non sarò stata particolarmente entusiasta della prima parte ma la seconda e la terza la battono in tutto e per tutto. Complimenti a Lorenzo!

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene

Senza titolo-2


Vuoi acquistare In tasca la paura di volare e sostenere il Blog? Acquista da Qui: In tasca la paura di volare o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se leggerete questo libro. Vi piace?

A presto,

Sara ©

BLOGTOUR: LE QUATTRO DONNE DI ISTANBUL DI AYSE KULIN – “LA VITA SU DUE FRONTI: LO STILE DI VITA TEDESCO E QUELLO TURCO”

BUONGIORNO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi vi porto una novità in libreria per la Newton Compton da domani. Il Blogtour è iniziato già da qualche giorno e vi consiglio di seguirlo, sono sicura vi piacerà! 🙂 Ecco qui che ve ne parlo attraversando le città che incontreremo in lettura:

51FMz-Fm8RLTitolo: Le quattro donne di Istanbul
Autore: Ayşe Kulin
Genere: Historical Fiction
Data di uscita: 12 Luglio 2018
Trama: Dopo l’ascesa al potere di Hitler, Gerhard Schlimann, la moglie Elsa e i loro due figli Peter e Susanne abbandonano la Germania per sfuggire alle persecuzioni naziste. Si rifugiano dapprima a Zurigo e poi, quando Gerhard riceve un’offerta dal Dipartimento di Medicina dell’Università di Istanbul, in Turchia. Mentre Susanne e Gerhard sono affascinati dalla cultura turca e provano a integrarsi, Elsa e Peter sono invece fortemente ancorati alle origini tedesche. Nella città musulmana le nuove usanze avranno impatti fortissimi sulle loro vite, fino a ridisegnare i loro concetti di patria e appartenenza. In questa potente saga familiare, la Kulin racconta le sfide e le difficoltà di una vita in esilio, le difficili scelte di chi è costretto ad abbracciare un futuro incerto con una valigia piena di speranze.
La mia tappa è:

LA VITA SU DUE FRONTI: LO STILE DI VITA TEDESCO E QUELLO TURCO


Risultati immagini per francoforte


Francoforte

La storia di questo libro ha inizio a Francoforte nel 1933.

La famiglia Schlimann è una famiglia ebrea che vive a Francoforte. Gerhard è un professore rinomato e viene a scoprire tramite un collega che ci saranno i controlli nell’università e chi è ebreo rischia molto. Quindi senza destare sospetti, Gerhard invia un messaggio a sua moglie intimandole di prendere i figli e prepararsi a partire.

Francoforte non è proprio come Berlino ma si respira aria pesante, l’aria che precede la guerra e in cui tutti sono tesi sotto l’ascesa al potere di Hitler. La famiglia Schlimann stessa ha paura e si ritrova a fuggire appena in tempo, prima che le vere e proprie persecuzioni contro gli ebrei abbiano inizio. Lasciano la propria casa, le proprie cose, tutti loro stessi, per andare verso Zurigo, città dove vivono i genitori di Elsa.

Dopo qualche rassicurante boccata di fumo, si mise a osservare l’atrio neoclassico intorno a sé come se lo vedesse per la prima volta. Quanti particolari sfuggivano nel trambusto della vita quotidiana. In tutte le sue precedenti visite alla stazione era stato troppo indaffarato a non perdere il treno o del tutto assorbito dai figli e dai bagagli di famiglia. Quel giorno, con la sigaretta che gli pendeva dalle labbra, guardò in alto, verso il soffitto di ferro e vetro, e in basso, il pavimento scintillante. C’erano lunghe file davanti alle biglietterie. Quando giunse il suo turno chiese con calma un posto sul primo treno per Zurigo.

Risultati immagini per zurigo

Zurigo

Zurigo è poco descritta all’interno di questo libro anche perchè i personaggi per la maggior parte del tempo se ne staranno a casa assieme ai genitori. Zurigo è comunque la città principale della Svizzera e ritengo abbia un fascino particolare. Alla fine Gerhard riesce a trovare lavoro ma il posto è ancora più lontano da casa: devono andare ad Ankara perchè verrà aperta una università dove si ricercano professori europei e di altri paesi che siano particolarmente istruiti. 

Abbracciando le mura di Palazzo Topkapi, il treno girò lungo il promontorio di Sarayburnu. Era stato trasportato in una terra immaginaria? Stava sognando? Nulla assomigliava alle città che aveva visto in Europa centrale o sul Mediterraneo, ma al tempo stesso non coincideva nemmeno con la sua idea di Medio Oriente. Non c’era neanche un cammello. Il treno giunse sbuffando alla stazione di Sirkeci. Con in mano solo una piccola valigia, Gerhard mise piede su un marciapiede che odorava di carbone e salsedine.

Risultati immagini per istanbul

Instanbul

 Istanbul viene descritta dagli occhi dei vari personaggi come una città piena di fascino. Il mare, il sole, i mercati e la vista. Tutto di Istanbul riesce a catturare il lettore tanto da costringerlo a voler rimanere in quel posto per sempre. La bellezza orientale di Istanbul cattura perchè affascinante e diversa dalle città come Francoforte e Zurigo per i colori, la temperatura e le persone stesse. Le donne con il velo e i loro vestiti sgargianti, i venditori ambulanti e i gabbiani. Istanbul riesce ad incantare Gerhard in ogni cosa. Persino i ricchi e i poveri sedevano gli uni accanto agli altri come gli edifici stessi: edifici maestosi vicino a quelli trasandati: Istanbul è un insieme di contrasti di cui l’autrice stessa ne va fortemente fiera e ne esprime l’amore con le sue parole.

Proprio davanti a lui, innumerevoli cupole e minareti si stagliavano su un sole scarlatto e un cielo multicolore e in continuo mutamento. A Gerhard venne la pelle d’oca. Non era un uomo particolarmente religioso, ma lo spettacolo davanti ai suoi occhi, quell’antica città che sembrava affondare nel mare insieme al sole del tramonto, era di sicuro un capolavoro di quel grande artista che alcuni chiamano Dio. Erim gli stava domandando qualcosa. Voleva sapere che idea Gerhard si era fatto fino a quel momento di Istanbul. «Magnifica», disse senza esitazione. Quella città, che assomigliava talmente poco alla terra in cui era nato e cresciuto, sembrava meritare ogni superlativo.

Risultati immagini per ankara

Ankara

Ankara, all’interno di questa storia si percorre in un periodo in cui  era ancora molto più sottosviluppata di Istanbul. Non ha comodità e sembra quasi una città fantasma in cui tutti sognano soltanto di tornare ad Istanbul. E’ qui che lavorerà Gerhard ma non mancherà modo di vedere Istanbul più e più volte nel corso della lettura. Una città apparentemente triste e spenta che si svilupperà nel corso della lettura.

«Passo a prenderla in albergo a mezzogiorno. Questa città non è come Istanbul. Non c’è molto da vedere oltre al viale laggiù, che va dalla stazione ferroviaria fino alla residenza presidenziale a Çankaya. Questa è una città nuova, è ancora in costruzione». «È quello che ho intuito guardando dal finestrino del treno. Non ho avuto occasione di andare in giro per Istanbul, ma non dimenticherò mai quel tramonto sul Bosforo». «Una volta chiesero a un famoso poeta turco cosa gli era piaciuto di più di Ankara. “Poter tornare a Istanbul”, rispose».

L’autrice vuole lasciare ed imprimere al lettore l’amore verso la sua terra e ci riesce, lasciandomi una strana voglia di partire per Istanbul al più presto. Trovo che queste siano le cose meglio riuscite in assoluto: se un autore riesce a farti amare una città o un posto attraverso la lettura è lì che ha vinto.

Spero che questa tappa vi sia piaciuta e che l’abbiate trovata interessante! 😀


Seguite le altre tappe che sono scritte nel’immagine. Spero che vi piacerà:

tappe istanbul


Cosa ne pensate? Seguite tutti e spero vi piaccia molto! 🙂 Fatemi sapere con un commento!

A presto,

Sara ©