SEGNALAZIONE #108 – SULLA LINEA DI MIRA DI MICHELE MAZZOLENI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui in mezzo alla settimana con una nuova segnalazione che spero possa interessarvi e piacervi. Ecco qui tutti i dettagli del libro:

Risultati immagini per Sulla linea di mira  Michele MazzoleniTitolo: Sulla linea di mira 

Autore: Michele Mazzoleni

Almenno San Bartolomeo (BG), 02/01/19. Il romanzo “Sulla linea di mira” è stato pubblicato in edizione cartacea ed edizione digitale.

Link di acquisto: QUI

INCIPIT

Ho ancora nel cassetto la medaglietta con raffigurata la Madonna e sull’altra faccia il Duce. Nei periodi più tristi della mia vita è capitato di stringermela tra le mani ricordando quell’inferno in cui mi trovai al compimento dei miei vent’anni.

Sinossi: È il 1942 quando la divisione Tridentina parte dal Piemonte diretta verso il fronte russo. Questa è la storia vista dagli occhi di uno di loro. Assegnato al 6° alpini vedrà dapprima l’avvicinarsi al territorio nemico tra povertà e maltrattamenti dei tedeschi verso ebrei e la popolazione russa. Successivamente prenderà parte agli scontri in prima linea sul Don e alle battaglie durante il ripiegamento insieme al fratello artigliere della 32esima batteria Gruppo Bergamo. Perderà più volte la speranza di ritornare a casa, la morte colpirà diversi soldati accanto a lui. Lui stesso sarà ferito e rischierà la vita in diverse occasioni. Solo a fine gennaio del 1943 riuscirà, grazie all’aiuto di un medico, ad essere trasportato insieme ad altri feriti con un treno fino in Italia. Un’emozionante storia vera di un reduce della provincia di Bergamo.

Biografia dell’autore.
Michele Mazzoleni, classe 1984, nato e cresciuto nella provincia di Bergamo è da sempre
appassionato di storia, in particolar modo quella inerente la seconda guerra mondiale. Questo è il suo primo romanzo, ispirato dai racconti tramandati dei suoi zii, che vissero in prima persona la grande tragedia della Ritirata di Russia.

Contatti
Tel. 347/5116638
Mail: sullalineadimira@libero.it
https://www.facebook.com/pg/sullalineadimira


Cosa ve ne pare? Vi interessa? Fatemi sapere con un like o un commentino! 

A presto,

Sara ©

Annunci

COVER REVEAL # – HAREM DI BRENDA MILL.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Il week-end è finalmente alle porte ed io ho per voi una novità, un Cover Reveal che spero possa intrigarvi ed interessarvi. Siete curiosi di scoprire questo nuovo libro? Eccolo qui:

Titolo: Harem
Autore: Brenda Mill
Editore: Self-Publishing
Data di pubblicazione: 22 febbraio 2019
Genere: Dark suspence
Formato: Ebook e cartaceo
Lunghezza: 516 pagine
Prezzo: €2,99
Sinossi: Mi chiamo Karim Al Darkat, anzi, no. Ricominciamo: mi chiamo Karim Lokesh e, dopo una vita trascorsa tra stenti e sacrifici di ogni sorta all’interno del casinò Barazen, ho scoperto di essere l’ultimo maharaja al mondo. E se all’inizio pensavo di avere solo un problema dalle dimensioni titaniche da gestire, ossia il mio regno, in poco tempo ho scoperto che mi sbagliavo di grosso. È bastato un incrocio di sguardi, uno scambio di idee per mettere in crisi anche uno come me, uno che concede il proprio corpo solo per diletto. Elise, la concubina più famosa dell’harem, mi ha
incantato all’istante come spesso succede quando rifiutiamo l’amore ma lui
imperterrito ci viene a cercare. E cosa accade quando un sovrano viene attratto dalla
protetta del proprio padre? Succede che un maharaja e quattro mogli iniziano a
combattere la più sanguinosa delle guerre nella consapevolezza che non c’è nulla di
più discutibile e pericoloso di una schiava che potrebbe diventare regina.

LA COVER

Harem DEF.jpg
BIOGRAFIA

Brenda Mill nasce a Lecce. Nel suo nome e nelle sue vene scorre tanto il sangue del sud quanto il sangue americano. Appassionata fin da piccola di serie televisive statunitensi, ha coltivato la passione per la Grande Mela con gli anni. I suoi studi sono balzati dal liceo classico al sociopsicopedagogico, per approdare in conclusione alla facoltà di lettere e filosofia. Ha iniziato a scrivere per diversi giornali online fino a diventare un’articolista specializzata nel lusso. Detesta i rettili e le persone che non si fanno gli affari loro. Non esclude di essere stata nelle vite precedenti un incrocio tra Xena ed Elisa di Rivombrosa. Adora il caos e, come ogni donna, tutto ciò che brilla e non può permettersi. Inganno Globale è stato il suo romanzo d’esordio, da allora, come un fiume in piena, non si è più fermata nella stesura di opere dalle sfumature dark e fortemente suspense.


Cosa ve ne pare? Vi piace? Vi aspetto come sempre.
A presto,
Sara ©

SEGNALAZIONE #107 – INTO THE DREAM, QUANDO L’AMORE E’ SACRIFICIO DI ALYCIA BERGER.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Finalmente sono tornata a lavoro. Voi penserete che sono impazzita ma a starmene tutto il giorno ammalata dentro casa stava diventando una noia assoluta per una che non sta mai ferma. Sono qui che vi porto una nuova segnalazione autori che spero possa interessarvi, come sempre. Vi lascio tutti i dettagli qui sotto e spero che possiate trovare tutto curioso. Ecco  a voi:

Risultati immagini per Into the Dream - Quando l'amore è sacrificioTitolo: Into the Dream – Quando l’amore è sacrificio 
Autore: Alycia Berger  
Editore: Self publishing 
Pagine: 311
Genere: Contemporary romance – Urban fantasy 
Data di pubblicazione: 9 dicembre 2018
Prezzo: 0,99 euro  (promozione di dicembre) in ebook -prossimamente in cartaceo.
Store: Amazon, Kobo, Play Store, Apple Store e principali librerie italiane on line
Sinossi: Newport, Oregon, 1998
La vita di Chase Runner, guida turistica presso l’Oregon Coast Aquarium, viene irrimediabilmente capovolta quando in un tragico incidente stradale la sua ex moglie perde la vita e sua figlia diventa cieca. 
Decisivo si rivelerà l’incontro con un’orca dai comportamenti tutt’altro che ordinari e una sirena giunta sulla Terra per riprendersi ciò che le è stato sottratto. Tuttavia, Isabelle non è una semplice sirena, e la verità che lei cerca di nascondere porterà entrambi a una scelta.
Un’intensa e struggente storia d’amore sospesa tra la vita e la morte, tra un’insidiosa realtà fatta di complotti e una fantasia alimentata da leggende e creature bizzarre.
Ogni storia ha qualcosa da raccontare, Into the dream parla di un amore che è anche sacrificio.Biografia 

Alycia Berger vive a Milano e ha 25 anni. Amante folla lettura, scrittura, disegno e videogiochi, Alycia si impegna attraverso i suoi libri a trasmettere messaggi di speranza affrontando i temi poi disparati che riguardano la realtà di oggi, senza scordare di far ridere e sognare. 
“Vicino a te ritorno ad Amare” è il suo esordio, pubblicato prima in self nel 2016 e poi nel 2017 con la casa editrice Lettere Animate, nonché vincitore di un concorso internazionale svoltosi a Milano. Pubblicherà con la Butterfly Edizioni un altro libro nel 2019.

Estratto

«Allora è questo che devi dirmi, Isa. Tu che cosa desideri realmente, al di là delle tue paure?»
«Il mio desiderio?» ripeté lei.
Alle ultime sillabe la sua voce si fece flebile e mozzata, come se una mano invisibile si fosse insinuata avida in gola per afferrarle le corde vocali e stringerle in una morsa, impedendole di aggiungere dell’altro. O forse era semplicemente la risposta che, intrisa di speranze e desideri, non aveva fatto i conti con una verità amara, tortuosa, da lei stessa mal concepita, e che ora si trovava incatenata all’interno di un tunnel esattamente nel punto dove esso stava terminando. Proprio come lei, che vagava ormai da tempo prigioniera di un corpo del tutto scollegato dalla sua anima lungo la sottile linea di confine tra la realtà e l’eterno, senza riuscire a oltrepassarla.
Trasse un lungo respiro, stando ben attenta a non incrociare lo sguardo indagatore di Chase, quest’ultimo in silenzio. Gli sorrise velatamente.
«E se non mi ricordassi più di te al mio risveglio?»
In risposta ricevette una dolce carezza sulla guancia.
«Ricominceremo dalle presentazioni, così potremo innamorarci di nuovo.»

Cosa ne pensate? Cosa ve ne pare? Fatemi sapere, mi raccomando, ci tengo a saperlo se vi piace!
A presto,
Sara ©

SEGNALAZIONE #106 – LA PROMESSA DEL PRINCIPE DI JOSEPHINE POUPILOU.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui con una nuova segnalazione per voi e spero che possa interessarvi 😀 Ecco qui che ve ne parlo; tutti i dettagli qui sotto:

Trama: La promessa del principe
Autrice: Josephine Poupilou
Prezzo: 0,99 euro
Formato: E-book
Editore: Self-publishing
Trama: Yvette era solo una ragazzina quando ha ricevuto in dono dalla nonna uno strano ciondolo a forma di serpente. Un gioiello misterioso, legato a una promessa che la donna non aveva mai mantenuto.
Dopo dodici anni, Yvette si ritrova sola, divisa tra una sorella capricciosa e un lavoro dequalificante, ma le cose stanno per cambiare…
Vašek ha sempre cercato di rimandare il giorno in cui avrebbe dovuto far fronte ai suoi doveri e onorare la promessa fatta a suo nonno, ma ormai non c’è più tempo. Si ritroverà così a cercare disperatamente la donna a lui destinata per portarla nel suo mondo e farla sua.
Tra intrighi, tradimenti, rapimenti e bugie, riusciranno Yvette e Vašek a suggellare la promessa che lega le due famiglie da generazioni?

Estratto

«Yvette, sei sicura di volere proprio questo ciondolo?» le richiese ignorando la sua domanda, sapendo che la verità avrebbe potuto farle perdere la stima della nipote. Non era fiera di ciò che aveva fatto, ma ormai era troppo tardi per rimediare. Preferiva godersi i ricordi della sua giovinezza, quando la sua bellezza riusciva a far tremare il cuore anche dell’uomo più freddo e rigido. «Si. D’accordo. Spero solo che tu non debba mai pagare questa tua scelta».


Cosa ne pensate? Vi interessa? Fatemi sapere, mi raccomando!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #105 – INNAMORARSI UN PO’ DI SIMONA FRIO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui, finalmente! E’ di nuovo venerdì e sono qui per portarvi un’altra grande segnalazione che spero possa interessarvi. Siete pronti? Ecco qui che ve ne parlo subito:
Titolo: Innamorarsi un pò
Autore: Simona Frio
Editore: Butterfly Edizioni
Genere: romance
Pagine: 118
Ebook: 0.99 
Cartaceo: – – – 
Trama: “Possono una valigia e un libro causare scompiglio nella vita di una persona? Eccome! Portia lo sa benissimo, soprattutto quando si trova a dover scambiare il proprio trolley con quello di un certo Sirk Meyer, residente niente meno che nel castello di Ludovico II di Baviera… Ma, mancano pochi giorni al Natale, il tempo non fa che peggiorare e lei si trova costretta ad accettare ospitalità proprio a Hohenschwangau, bloccata da un diluvio universale. Complice il libro, un romanzo alquanto piccante, Portia e Sirk saranno costretti a stringere un patto pur di salvare Charlotte. Ma, chi è Charlotte?
Introduzione a cura delle scrittrici Amanda Foley e Simona Liubicich.”

BIOGRAFIA

Simona Friio, vive in provincia di Milano. Amministra un gruppo Facebook dal nome “Gaskell e altri rimedi” e collabora con diverse case editrici (Edizioni Croce, Jo March, Fazi, Iperborea, Sonzogno). È co-admin del blog “Romance e altri rimedi”.

Nontiscordardime, è il romanzo con il quale ha esordito e vinto la prima edizione di un concorso letterario indetto da Aiep editore nel 2014, sezione Narrativa Femminile, e pubblicato nell’ottobre del 2015. Ad aprile 2016 l’opera è presentata al BookPride di Milano. Per Triskell edizioni si fa notare con L’amore ti ha trovato, luglio 2016. Nel dicembre 2016 esce il suo romanzo storico Magar Mulieres – La seduzione del male – Amazon. Ad aprile 2017 esce il secondo romanzo storico Il Re degli inganni – Amazon. A giugno 2017 esordisce per Rizzoli – collana YouFeel – con il contemporaneo Taxi Love. Da aprile a luglio 2018, insieme all’autrice Amanda Foley, pubblica Una mail di troppo e C’era una volta… ma anche no! Esilaranti commedie chick-lit in vetta alla classifica Amazon. Nuovo progetto per la campagna di crowdfunding per la casa editrice BookRoad con l’opera Segreti al profumo di acqua di rose. Novità editoriale natalizia Innamorarsi un po’, disponibile su AmazonFa servizio di editing e valutazioni di lettura per diverse case editrici. Ha fondato la Literary Romance www.literaryromance.it


Cosa ve ne pare? Fatemi sapere, mi raccomando, che io vi aspetto sempre!
A presto,
Sara ©

SEGNALAZIONE #104 – GENERAZIONE BATACLAN DI MARIA LAURA CARONITI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui, pronti ed alla carica con nuove segnalazioni solo per voi. Questa è una di quelle e spero che possa incuriosirvi molto. Ecco qui:

Risultati immagini per Generazione BataclanTitolo: Generazione Bataclan

Serie: Romanzo autoconclusivo

Autore: Maria Laura Caroniti

Genere: Narrativa Contemporanea

Pagine: 184

Prezzo cartaceo: 16,00

Data di uscita: 29 ottobre 2018

Trama: «I writers stavano decorando una saracinesca, in alto avevano scritto: “Hanno provato a seppellirci, non sapevano che eravamo semi”».  Tre storie, le cui traiettorie si incrociano a Parigi alla vigilia dell’attentato al Bataclan. Sono tre donne che hanno in comune il nome e le origini siciliane. Appartengono a generazioni diverse e stanno facendo i conti con i rimpianti del passato, le disillusioni del presente e le scelte per il futuro, ma tutte verranno investite dalla violenza terroristica che cambia e travolge ogni cosa. Vita e morte si fronteggiano in questo romanzo intimo e delicato dove è l’amore a guidare, in modo imprevedibile, i destini.

Biografia autrice

Maria Laura Caroniti è nata a Sant’Agata Militello (Messina). Laureata in Lettere Moderne, nel 2006 si è trasferita in Val di Susa dove ha lavorato come insegnante per alcuni anni. Ha vissuto in Germania e in Francia, insegnando lingua e letteratura italiana nelle scuole internazionali. Attualmente vive tra l’Italia e i Paesi Bassi. Generazione Bataclan è stato finalista nella prima edizione del «Premio RTL 102.5 e Mursia. Romanzo Italiano» nel 2017.

Distribuzione: in libreria e negli store digitali.

Un paio di link dove il titolo sarà disponibile online:

Amazon: https://www.amazon.it/Generazione-Bataclan-Maria-Laura-Caroniti/dp/8842558761

Ibshttps://www.ibs.it/generazione-bataclan-libro-maria-laura-caroniti/e/9788842558767?inventoryId=119970544

La Feltrinelli: https://www.lafeltrinelli.it/libri/maria-laura-caroniti/generazione-bataclan/9788842558767


Vi piace? Siete curiosi di leggerlo? Lo spero davvero! Ci sentiamo prestissimo 😀

A domani,

Sara ©

RECENSIONE #249 – LE CENERI DELLA FENICE – THE FADE DI JANE FADE MERRICK.

BUON POMERIGGIO CARISSIME PARTICELLE LETTRICI!

Finalmente… e dico finalmente… eccomi qui con la recensione di questo libro. E’ diverso tempo che dovevo leggerlo e dico finalmente perchè ho trovato un buchino di tempo per leggerlo. Quindi ora ve ne parlo e ringrazio l’autrice per avermi concesso la lettura del suo libro. Ecco qui:

510hbYRrvhLAutore: Jane Fade Merrick
Titolo: Le Ceneri della Fenice – The Fade
Genere: Narrativa generale | Slice-of-life
Pagine: 196
Editore: Youcanprint (autopubblicato)
Prezzo: € 13,00 / Ebook: € 2,99

Link d’acquisto: https://amzn.to/2AJ1GXN
TramaFade è una ventiquattrenne che vive per strada fra i disagi e i pericoli di una metropoli che ingoia chiunque non tenga il passo con il suo ritmo, con l’unica compagnia di un paio di rollerblade malandati con i quali tenta la fuga dalla sua stessa realtà e un coltello da cucina che brandisce contro chiunque rappresenti un pericolo. Per una serie di coincidenze, che poi coincidenze si scopriranno non essere, incontra un bambino dallo sguardo stralunato e i capelli tinti di rosa che comincia a seguirla dappertutto nel vano tentativo di stringere amicizia con lei. Il ragazzino si presenterà come Jag e, dopo averla messa alle strette, le proporrà di partire insieme a lui per raggiungere una delle band più popolari del pianeta: i Momuth – di cui è fan sfegatato – per diventare il loro finanziatore maggioritario. Con stupore della ragazza, il moccioso mostrerà di avere mezzi e liquidità per attuare il suo strambo piano. Arrivati a destinazione incontreranno Nef, leader della band, il quale entrerà a far parte di un gioco più grande di lui. “Le Ceneri della Fenice – The Fade” si impernia sull’aspetto introspettivo dei personaggi e i loro modi diametralmente opposti di confrontarsi con se stessi per relazionarsi col mondo circostante. La forzata coesistenza dei tre protagonisti li spingerà ad affrontare una diversa visione della realtà, a rivedere le proprie radicate convinzioni e a reagire di conseguenza. Si toccano temi quali la vita, la morte, le difficoltà all’uniformarsi alle regole societarie, la consapevolezza delle proprie scelte e la volontà di portarle a termine.

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio per strada dove Fade è una giovane ragazza con i rollerblade ai piedi, uno coltello sempre nella fodera ed i capelli stranamente acconciati con il gel. Insomma, Fade non passa inosservata ma è anche sola e vive in una casa abbandonata e ruba per tirare a campare. Tutti si chiedono chi è Fade, tutti l’allontanano e nessuno osa avvicinarsi a lei, tranne Jag, un piccolo bambinetto esuberante e rompiscatole con un camice bianco ed i capelli rosa.

Cosa succederà a Fade ora che Jag è entrato nella sua vita? Cosa vuole Jag da lei? E cosa farà lei quando sarà costretta a starsene con i Momuth, famosa band di cui lei non sa nulla?

Scivolava veloce per le strade su dei rollerblade malandati, in costante fuga dalla realtà, allineando il moto all’orchestra dei suoi pensieri. Tutti la conoscevano ma nessuno sapeva chi fosse veramente; viveva di espedienti, non aveva una famiglia e chissà cosa le era capitato per finire vittima di una metropoli che ingoia senza pietà le persone che non ne seguono il ritmo. Non c’era modo di avvicinarla, troppo difficile da seguire. Lasciava solo l’ombra del suo passaggio, tant’è che le era stato dato il nome di ‘The Fade’.

La trama mi piace anche se forse è un tantinello lunga per descrivere il poco che basta per incuriosire il lettore. E’ ben scritta e di sicuro invoglia alla lettura ma alcune cose potevano essere lasciate in un alone misterioso e poteva essere sicuramente più corta, tutto qui.

La copertina è davvero bellissima come tutti i disegni all’interno del libro. Non posso che complimentarmi per la grafica e per i disegni perchè sono davvero molto belli oltre che estremamente rappresentativi della storia in sé. Complimenti davvero alla disegnatrice perchè a Fade sta benissimo questo volto, come a quello di tutti gli altri. E la copertina è assolutamente rappresentativa della storia. Il titolo è azzeccatissimo ed è fantastica anche l’idea dell’autrice di utilizzare il nome per intero della protagonista come pseudonimo da scrittrice. E’ particolare ed una cosa del genere l’ho vista con i due autori delle Lorien Legacies che si facevano chiamare Pittacus Lore, come uno dei più potenti al’interno del libro. Devo ammettere che visivamente è impeccabile, il libro di sicuro tenta che è una meraviglia.

L’ambientazione è apparentemente ignota. La protagonista parla del posto in cui vive e nel posto poi in cui troveranno i Momuth ma nulla di specifico; l’epoca è moderna, la storia è ambientata al giorno d’oggi.

Fade correva fra i vicoli come presa dal panico, come se stesse cercando di sfuggire alla tempesta di congetture che le rimbombava in testa. Correva per scapparne, correva perché lo scivolare lineare sull’asfalto le permetteva di rientrare in sintonia con i suoi pensieri più neutri. Ma non funzionò, tornò a casa a stento e si gettò sul letto tenendosi la testa, ormai ostaggio di un turbinio di strilli, rumori assordanti e raffiche di immagini che si accavallano impazziti in uno spazio troppo stretto per contenerli. Accartocciata come una lattina si lasciò andare a uno straziante urlo di dolore, per poi collassare sul materasso del suo misero monolocale.

Risultati immagini per the fade le ceneri della feniceI personaggi in cui ci imbatteremo non sono moltissimi ma ritengo di dovervi parlare di quelli che incontreremo maggiormente all’interno della lettura. Di sicuro la protagonista Fade è stata la mia preferita ma improvvisamente non sarà più sola, ed ecco qui apparire anche in prima fila Jag e Nef, membro amatissimo della band dei Momuth.

Fade ha 24 anni ed il suo vero nome è Jane Merrick anche se a lei non piace, tanto da non dirlo a nessuno. Va sempre in giro con i suoi rollerblade, da quando si alza in piedi al mattino a quando se ne va a dormire la sera. Porta con se un coltello, ha una strana acconciatura e se ne va in giro a rubacchiare per mangiare qualcosa. Si fa chiamare Fade ed è una ragazza dura, chiusa ma anche scontrosa ed evasiva. 

Jag è un soprannome, il suo vero nome è Nathan Obraz ed è un piccolo bambino dall’acconciatura rosa. E’ esuberante e gli piace molto esssere al centro dell’attenzione… E’ un piccolo genio ed è un vero rompiscatole. Si intrufola nella vita degli altri solo perchè ha i soldi per farlo, nulla di più. Ho trovato il personaggio particolarmente fastidioso oltre che poco utile ai fini della storia.

Nef, o meglio Neffen Shaw è il componente di una band musicale di fama, i Momuht. Insieme a Ted, Joana e Jess formano questa band e lui è il rubacuori in tutto e per tutto. Ogni sera ama spassarsela con una diversa ed ama la bella vita. Quando Jag e Fade appariranno nella sua vita, tutto comincerà ad assumere diverse sfumature e Nef comincerà pian piano a cambiare.

Altri pensieri le si insinuarono nel cervello, si domandò il perché fosse arrivata fin lì. Aveva permesso a degli estranei di invadere la sua vita, di conoscere le sue debolezze; soprattutto lo aveva permesso all’unico, in tutto lo studio, con cui non avrebbe dovuto minimamente parlare.

Immagine correlataIl perno centrale della storia risiede tutto dentro la fragile e scontrosa ragazza dai capelli rossi con i rollerblade ai piedi. Lei è un mistero, nessuno riesce a comprenderla pienamente e la conoscerete mano a mano, pagina dopo pagina. Da quando incontrerà Jag troverà la parte di se che non pensava di avere e sarà un crescendo per il personaggio che maturerà sempre di più.

Lo stile utilizzato è stato piuttosto semplice e particolarmente fluido, ho letto il libro in brevissimo tempo. Ho amato molto il legame che viene a crearsi fra Nef e Fade, è stato un crescendo pagina dopo pagina, come i due si legano inesorabilmente l’una all’altro, veramente molto bello.

Qui arrivano le note dolenti ma prima devo fare una piccola precisazione. Il libro nella sua integrità e nella sua storia mi è piaciuto molto. La cosa che lo “appesantisce” e soffoca/abbassa molto il mio giudizio personale sono diverse cose che ho notato nel corso della storia e di cui ho preso nota perchè volevo parlarvene. Però la cosa che vorrei teneste a mente è che nella sua storia il libro è davvero interessante, è un peccato che io abbia trovato tante cose negative.

Partiamo in maniera graduale. La prima cosa che ho trovato è la troppa frenesia nel testo. Sicuramente se la storia fosse stata scritta in maniera più calma sarebbe stata molto più bella. Con calma intendo distendendo e spalmando la storia su più pagine visto la sua brevità. E’ vero, si può avere una buona storia anche con trenta pagine – non è questo il punto – ma questa storia sembra essere scritta da una persona che va di corsa. Tutto è frenetico, tutto si accavalla, non c’è un momento godibile con calma perchè tutto diventa veloce, si accavalla e la storia perde il suo fascino narrativo.

La storia della setta e del diavolo l’ho trovata veramente banale e inutile oltre che poco credibile. E’ durata due pagine ed è morta come è iniziata. Il legame fra band, Jag e Fade poteva avvenire in diecimila milioni di modi diversi e questo è stato sicuramente il peggiore della storia, perchè oltretutto finisce nel dimenticatoio subito dopo che è iniziato. (Why, people? Why…?)

Il personaggio di Jag è strampalato, di sicuro particolare ed originale ma continuo ancora adesso a domandarmi quale sia il suo senso. E’ apparso a Fade sembrando quasi un illusione, uno strano scherzo della sua mente ma effettivamente come personaggio ha fatto davvero poco e niente se non creare casini e mettere avanti i suoi soldi. Niente di più o di meno.

Altra cosa che mi ha lasciato un po’ nel dubbio è ciò che ha subito Fade  è stato brutale e la rende un personaggio particolarmente fragile. C’è un particolarev(un fatto proprio specifico intendo, non proprio tutto – spero che l’autrice mi capisca perchè non voglio ne fare spoiler ovviamente) che viene descritto e che lei subisce ma la cosa che non mi quadra sta qui: perchè Fade subisce quelle cose e poi con Nef non si fa alcuno scrupolo? – e spero che l’autrice mi abbia capito, in caso contrario ne parleremo in privato. Altra cosa, sempre riguardo ai problemi di Fade: perchè Nef e tutti gli altri quando vengono a conoscenza della verità su di lei, non hanno paura ma addirittura la compatiscono. Ok la pietà ma biasimare e giustificare le sue azioni senza nemmeno conoscere cosa ha fatto? Che poi ritengo davvero assurdo che lei possa aver fatto quello che ha fatto (scusate il gioco di parole) e andarsene in giro con un coltello come se tutto fosse apposto.

Il finale che sembra andare di corsa. Sembrava che non si vedesse l’ora di arrivare ala fine. Per quanto sia rimasta emotivamente scossa da tutte le cose che sono accadute e che il libro a livello emotivo abbia colpito – perchè le frasi sul quaderno di Fade sono veramente stupende come alcune considerazioni che ci sono nel corso della lettura – il finale sembrava correre come se ci fosse qualcuno che avesse puntato la pistola in testa all’autrice. Non c’è pathos e sentimento. Soltanto una fine. Invece credo che si doveva approfondire maggiormente l’aspetto finale che è stato tralasciato alla grande.

Aveva una gran voglia di sbronzarsi, ma anche quel passatempo, ormai, era legato alla ragazza e alle notti in cui si erano ubriacati insieme. Era fottuto: ogni singola abitudine della sua vita era impregnata dal ricordo di lei.

Personalmente, ritengo che l’idea della musica e della band è stata sicuramente una cosa interessante ed un punto di connessione che l’autrice avrebbe potuto sfruttare maggiormente. La musica avrebbe potuto aiutare ed essere un legame incredibile fra i personaggi e fungere da collante per tutta la storia. Invece si è limitato soltanto ad essere un motivo di movimento della band per spostarsi durante le tournée. 

Jane Fade Merrick è sicuramente un’autrice dotata di talento e ritengo che questa storia sia da leggere nonostante tutti i difetti che ho elencato. Fade ha un potenziale che fuoriesce lungo le pagine ed entra nella pelle pagina dopo pagina. Per non parlare dei disegni che sono stupendi.

Il mio voto per questo libro è di:  2 balene e mezzo.

due e mezzo


Vuoi acquistare Le ceneri della fenice – The fade e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Le Ceneri della Fenice: The Fade  o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Lo leggerete? Un abbraccio a tutti e aspetto vostri pareri!

A presto,

Sara ©