RECENSIONE #95 – NOI SIAMO TUTTO DI NICOLA YOON.

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Come procedono le vostre vacanze? Io bene, sono qui per voi con una nuova recensione! Di chi vi parlerò? Di un libro molto particolare, che mi ha emozionato e che ho letto con pochissime ore.

Eccolo:

91JRV5YArZLTitolo: Noi siamo tutto
Autore: Nicola Yoon
UN FILM ATTESISSIMO: DA SETTEMBRE AL CINEMA.
Pagine:  320
Prezzo: Euro  17,90
Uscita:  16 maggio 2017
TramaMadeline è allergica al mondo. Soffre infatti di una patologia tanto rara quanto famosa che non le permette di entrare in contatto con il mondo esterno: per questo non esce di casa, non l’ha mai fatto in diciassette anni. Le uniche persone che può frequentare sono sua madre e la sua infermiera Carla. Ma un giorno un camion di traslochi si ferma nella sua via. Madeline è alla finestra quando vede… lui. Il suo nuovo vicino. Alto, magro e vestito di nero dalla testa ai piedi: maglietta nera, jeans neri, scarpe da ginnastica nere e un berretto nero di maglia che gli nasconde i capelli. Il suo nome è Olly. I loro sguardi si incrociano. E anche se nella vita è impossibile prevedere tutto, Madeline in quell’esatto momento prevede che si innamorerà di lui. Anzi ne è sicura. Come è quasi sicura che sarà un disastro. Perché, per la prima volta, quello che ha non le basta più. E per vivere anche un solo giorno perfetto è pronta a rischiare tutto. Tutto.

RECENSIONE:

La storia ha inizio con una pagina bianca. Madeline sta sfogliando uno dei nuovi libri incellofanati e decontaminati che sua madre le ha comprato. Ad ogni libro, anche se sa che nessuno potrà portarglieli via, chiede un riscatto in caso il libro venga smarrito. Che siano fantasiose o meno non importa, niente può impedire alla ragazza di sognare. Eccone un esempio:

Un pic nic insieme a me (Madeline) tra i pollini di un campo di papaveri, gigli e tageti a perdita d’occhio, sotto un terso cielo estivo.

Dentro casa di Madeline, o meglio ancora Maddy, l’aria è filtrata e lei non può uscire fuori ne mettere il naso fuori casa. Perchè? Perchè è malata, una malattia chiamata SCID. Questo tipo di malattia è molto rara ed è una malattia che indebolisce il sistema immunitario e, senza misure protettive, risulta fatale, a causa delle di gravi infezioni che possono causarsi nel paziente. Quindi Maddy è costretta a vivere le sue giornate da reclusa con sua madre, quando non lavora, e la sua infermiera Carla.

Tutto però cambia quando arrivano i nuovi vicini di casa e Maddy diventa curiosa di scoprire i loro orari e le loro abitudini ed incontra un ragazzo Olly, che le farà perdere la testa.

Chi è quel ragazzo misterioso? Cosa accadrà alla nostra protagonista? Uscirà di casa per cercare di vivere un giorno perfetto?

«Sua figlia è in casa?» domanda Olly a voce alta prima che lei possa chiudere la porta. «Speravamo che ci facesse fare un giro nei dintorni». Il mio cuore accelera e pulsa contro la cassa toracica. Ha appena chiesto di me? Nessun estraneo è mai passato a trovarmi fin’ora. A eccezione della mamma, di Carla e dei miei insegnanti, il mondo sa a malapena della mia esistenza.

Risultati immagini per everything everything

Copertina originale

La trama è molto carina e ben scritta. Mette la giusta curiosità e non ricade in spoiler gratuiti, quindi molto bene.

 

La copertina? Non ne parliamo. Non capisco perché è stata utilizzata la locandina del film quando poteva essere utilizzata l’originale. Lo stesso vale per il titolo. Poteva essere tradotto o lasciato direttamente l’originale che forse non faceva una piega. Guardate come era bello se fosse rimasto l’originale? Molto meglio di sicuro. 

L’epoca è moderna e l’ambientazione si aggira fra la casa di Madeline, in America e le Hawaii. Davvero un libro delizioso.

Con tutti i messaggi che ci siamo scambiati finora ero convinta di conoscerlo, ma adesso che me lo trovo davanti mi fa un altro effetto. E’ più alto di quanto credessi e molto più muscoloso, ma non grosso. Le braccia sono magre e scolpite e i bicipiti riempiono tutta la manica della maglietta nera. Ha la pelle abbronzata, di un colore bruno dorato. Calda al tatto, probabilmente. «Sei diverso da come mi aspettavo», confesso senza pensarci. Lui fa un gran sorriso, e sotto l’occhio dentro gli compare una fossetta. «Lo so. Più sexy, no? Tranquilla, puoi anche dirmelo». Comincio a sghignazzare.

I personaggi non sono poi molti ma sono assolutamente fondamentali.

Madeline, o Maddy se vogliamo, è la nostra protagonista in prima persona. Il libro sembra essere il suo diario. Le sue parole e le sue emozioni traspaiono forti e immediate; da esse traspare l’adolescenza rubata dalla sua malattia, 

Olly è un ragazzo carino e accattivante ma anche premuroso e pieno di problemi in famiglia. Si finge forte e se ne fa una corazza ma non è per niente così, anzi ne risente molto della sua situazione familiare. Con Madeline è premuroso e dolce, è innamorato come non mai. Chi non desidererebbe un ragazzo del genere?

Carla è l’infermiera personale di Madeline che l’assiste quando sua madre non è in casa. E’ l’unica vera amica e complice di Madeline che l’aiuterà a conoscere Olly, il misterioso vicino di casa che ha conquistato il cuore della piccola Maddy.

La mamma di Madeline è una dottoressa. Si prende cura di Madeleine dalla morte di suo marito e del fratello di Madeleine stessa. Ogni giorno controlla il suo stato ed è apprensiva riguardo la sua malattia. Una donna apparentemente forte.

Olly: io ho bisogno che tu non corra rischi. Non voglio perderti
Madeline: Ma se mi hai a malapena trovata!
Madeline: Ti sei pentito?
Olly: Di cosa? Del bacio?
Olly: Sinceramente?
Madeline: Ovvio
Olly: no
Olly: e tu?
Madeleine: No.

Il perno centrale è la malattia di Madeleine, la SCID. Madeline quindi è costretta a vivere in casa senza poter mai uscire all’esterno e l’aria in casa sua è filtrata.

Lo stile utilizzato è semplice e diretto. Il libro sembra essere una specie di diario di Madeline in cui ci sono disegni, chat, mail, pagine di dizionari, ricordi e racconti oltre la storia narrata.

Il finale era comprensibile e accettabile; a metà del libro avevo intuito che poteva essere tale ma non ne ero completamente certa. Sono rimasta piacevolmente colpita dalla lettura davvero coinvolgente, semplice e spontanea. Si riesce a percepire lo stato d’animo e i cambiamenti di Maddy attraverso le sue parole e si impara a conoscerla e a ponderare le sue stesse scelte. Davvero un’ottima lettura.

Olly mi guarda, non credente di fronte a, non dico una prova, ma almeno alla possibilità dell’esistenza di Dio. Mi stringe fra le braccia e ci ritroviamo avvinghiati, il suo viso affondato tra i miei capelli e il mio schiacciato contro il suo petto. Tra i nostri due corpi non passa nemmeno la luce del giorno. «Non morire» mi supplica. «Non morirò».

Il libro mi è piaciuto molto. Leggero e ideale da leggere in vacanza quindi sono felice di averlo portato con me.

Risultati immagini per gif everything everything

Gif tratta dal film

Mi sono bastate poche ore per terminarlo e ve lo consiglio senza ombra di dubbio. Il fatto che abbia disegni, chat e mail rende tutto molto immediato e veloce da leggere oltre che estremamente leggero.

Nicola Yoon entra nella mia lista di autori che preferisco e sono felice dell’esordio che sia stato così ben riuscito. Non vedo l’ora di vedere il film nelle sale dl 21 settembre!

Il mio voto per questo libro è di: 5 pesciolini.

picsart_09-22-09.39.42-1.jpg


Vi piace? Lo leggerete? Io sono ansiosa di vedere il film al cinema e scoprire come è stato riadattato. Vi aspetto con un bel commento!

A presto,

Sara ©

PROSSIME USCITE PER FANUCCI EDITORE.

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Ecco per voi delle nuove letture da aggiungere in lista! Di cosa si tratta lo scoprirete fra poco e non vi resta che segnare queste fantastiche uscite!

Ecco a voi:


Risultati immagini per testimone ostile fanucci editoreTitolo: Testimone ostile 

Autore: Rebecca Forster

Da giovedì 31 agosto in eBook, €4.99

In libreria, €9.90

Editore: TimeCrime

Il primo volume della serie che vede protagonista Josie Bates. Bestseller per USA Today!

Trama: Hannah Sheraton ha sedici anni quando viene arrestata con l’accusa di aver assassinato un giudice della Corte suprema della California. Se venisse riconosciuta colpevole, la sua vita e quella dei suoi familiari sarebbero distrutte. A sua madre Linda non rimane che chiedere aiuto a una vecchia compagna di college, Josie Bates, importante avvocato penalista ritiratosi dalle grandi scene giudiziarie. Ma il caso di Hannah Sheraton è complesso, inquietante, per alcuni aspetti indecifrabile, e Josie non ha altra scelta che prendersene carico, anche a rischio di ripercorrere una strada che aveva deciso già da tempo di abbandonare. Ma più a fondo Bates scava nel terreno che ha nutrito e fatto crescere il seme della violenza, più chiara diventa in lei la consapevolezza che a condannare intere fette della società a un destino di rassegnazione e ingiustizia sono gli intrighi della politica e le connivenze di chi rappresenta la legge.

Un legal thriller intenso, ispirato a un caso realmente accaduto, che fa luce sui meccanismi a volte perversi e violenti della giustizia, nei confronti della fetta più problematica della società: i minori.


Risultati immagini per il collasso dell'impero fanucci editoreTitolo:  Il collasso dell’impero

Autore: John Scalzi

Editore: Fanucci

dal 31 agosto in eBook, €4.99

in libreria €16.90

Trama: Le leggi della fisica che governano il mondo sono destinate a essere riscritte. Una scoperta sensazionale – il Flusso – ha cambiato per sempre la concezione spazio-temporale dell’universo, aprendo al progresso scenari inimmaginabili. Assecondando il Flusso, gli esseri umani sono ora in grado di raggiungere pianeti e stelle lontani anni luce, creare reti tra mondi remoti ma interdipendenti, costruire un impero interstellare in cui il pianeta Terra rappresenta ormai solo un insignificante avamposto. Il Flusso è come un fiume: scorre placido, eterno, ma non è statico, cambia il suo corso e abbandona il suo letto originario. A ogni sua mutazione intere fette di universo vengono però isolate, abbandonate a loro stesse in una deriva cosmica catastrofica per interi sistemi stellari. Quella che doveva essere la via verso la nuova èra intergalattica si rivela dunque la più pericolosa delle minacce per la sopravvivenza stessa del genere umano.

Una rivoluzionaria space-opera ambientata in un universo sfuggente, fino ad oggi inconcepibile, dal genio di uno dei più grandi talenti della fantascienza contemporanea.


Risultati immagini per Evermen. La tradizione fanucci editoreTitolo: Evermen. La tradizione

Autore: James Maxwell

Editore: Fanucci

dal 31 agosto in eBook, €4.99

in libreria €16.90

Trama: Miro, gran lord di Altura, si trova nella capitale dell’Impero per prepararsi a respingere l’assalto finale. La sua terra è l’ultimo baluardo contro un nemico disposto a tutto pur di aprirsi una breccia verso la conquista definitiva. Deve fare in fretta, perché il tempo delle strategie e delle alleanze sta per finire e l’errore più grave sarebbe sprecarlo in inutili lotte di potere. Per superare l’impasse e restituire alla sua gente un’ultima speranza, sua sorella Ella cerca l’aiuto di Killian, il nuovo imperatore, ma le tensioni all’interno delle sfere del potere e le vicissitudini di una guerra che chiede sempre nuovi e maggiori sforzi li terranno lontani l’uno dall’altra, accomunati nella battaglia solo dal nemico che entrambi hanno il dovere di fronteggiare. Nella loro personale lotta contro le forze del male, vecchie ferite, segreti e rancori saranno un ulteriore ostacolo verso l’agognata vittoria. Ma le genti di tutte le nazioni dovranno imparare a fidarsi l’una dell’altra se vorranno respingere un nemico che ha promesso di distruggerle una volta per tutte.

Coraggio, devozione, amicizia: la storia irripetibile di eroi straordinari, chiamati alla più ardua delle imprese.


Cosa ne pensate cari lettori? Vi piacciono? Io vi aspetto con bei commenti!

A presto,

Sara. ©

SEGNALAZIONE #38 – LA CORSA DI MICHELA BELOTTI.

BUON POMERIGGIO LETTORI!

Come state mie piccole particelle? Spero benone! Io sono in riva al mare a godermi il sole, il mare e la pace. Nel frattempo eccovi una nuova segnalazione tutta da scoprire.

Ecco qui:

Il romanzo “La Corsa” dal 30 Giugno pre-ordinabile sul sito Bookabook

Bergamo, 02/07/2017. Il romanzo “La Corsa” di Belotti Michela, partecipa ad una
speciale raccolta crowdfunding unica nel suo genere. Il romanzo è pre-ordinabile sul
sito bookabook dal quale è possibile anche scaricare un’anteprima. Al raggiungimento
di 150 pre-ordini, il libro sarà pubblicato dalla casa editrice Bookabook e distribuito
da Messaggerie Libri e negli Store online.

Risultati immagini per la corsa di michela belotti

Titolo: La corsa

Autore: Michela Belotti.

http://www.bookabook.it/prodotto/la-corsa

Incipit.

“Sto correndo a perdifiato lungo un viale alberato, fra le foglie
autunnali viscide e ormai moribonde incollate al suolo. Sento solo
il mio respiro affannato, il battito del cuore che rimbomba fino in
gola e lo scalpiccio sul selciato ancora umido.”

Sinossi‘La Corsa’ è la storia di Sara, nata e cresciuta nella provincia di Bergamo. Una ragazza semplice, una sognatrice. Una sera autunnale si trova a correre lungo un viale
alberato, ferita e terrorizzata. Dell’aggressione subita e dei giorni precedenti non
ricorderà nulla, vittima di amnesia. Nel tentativo di recuperare i tasselli mancanti della
sua storia, si troverà coinvolta in un fatto di cronaca nera. Insieme all’amica Lisa e al
Tenente dei Carabinieri Castelli, incaricato delle indagini, cercherà di discolparsi dalle
pesanti accuse. Riuscirà Sara a fare luce sulle ombre della sua memoria?
Un’altalena di emozioni racchiuse in un adrenalinico racconto thriller; una personale
rivisitazione su più piani narrativi del genere noir, condito da humor nero e a tratti
romance.


Biografia dell’autore
Belotti Michela è nata a Bergamo nel 1983. Oggi lavora presso un’azienda come
contabile, anche se non ha mai smesso di scrivere. Ama viaggiare e sorprendersi
sempre per le piccole cose. ‘La corsa’ è il suo primo romanzo.

Contatti
Mail: michela_belotti@libero.it
https://www.facebook.com/Belotti.Michela.lacorsa/


Cosa state aspettando? Andate sul sito se vi interessa e potrete aiutare l’autrice nel suo obiettivo.

Vi aspetto con tanti commenti.

A presto,

Sara. ©

PROSSIME USCITE PER DUNWICH EDIZIONI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Oggi ho per voi due novità targate Dunwich Edizioni, che aspettano soltanto voi! Di cosa sto parlando? Di continui di saghe che non potete perdere.

Ecco qui:

Risultati immagini per Shadow Play (Il Fuori della Magia Nera Vol. 2)Titolo: Shadow Play (Il Fuori della Magia Nera Vol. 2)
Autore: Domino Finn
Genere: Urban Fantasy
Pagine: 240
Data di uscita: 7/8/2017
Prezzo: ebook € 3,99 cartaceo 12,90
Link di acquisto: ebook https://goo.gl/hH9bhc

The Guardian Archives
1- Keltor
1.5- Ratha 
2 – Dante – Parte I
3 – Dante – Parte II

QUARTA DI COPERTINA: Mi chiamo Cisco Suarez e una settimana fa ero morto. Costretto da una maledizione a servire un’organizzazione avvolta dalle ombre, ho parecchio sangue sulle mie mani. Per fortuna ho anche un problema a rispettare le autorità, perciò non prendo più ordini e la prima cosa da fare sulla mia lista è abbattere quei bastardi. Se sono bravo in qualcosa, è cercare in posti bui. Ma ho anche delle ombre di mio. Dei fatti terribili continuano a tormentarmi e non sto parlando di un tipo di tormento metaforico. Sto parlando di fantasmi, di maghi… e di quell’entità dagli scintillanti occhi rossi. Questo dimostra che è vero quello che dicono: si raccoglie ciò che si semina. La resurrezione è sopravvalutata o cosa?

L’AUTORE: 

Sono Domino Finn, un autore urban fantay, ribelle dei media e cantante nella mia auto (consiglio dell’esperto: tenete i finestrini tirati su). Se Shadow Play è stato all’altezza dei vostri standard, diffondete la parola. Per favore, postate una recensione dove avete acquistato il libro, anche solo di una riga o due. Significa molto per me. Infine, non dimenticatevi di me. Potete contattarmi e dare un’occhiata a tutto il mio catalogo sul sito
DominoFinn.Com


 

Risultati immagini per Dante - Parte II DUNWICHTitolo: Dante: Parte Seconda (The Guardian Archives Vol. 3)
Autore: Jennifer Sage
Genere: Paranormal Romance
Pagine: 350
Data di uscita: 7/8/2017
Prezzo: ebook € 3,99 cartaceo 14,90
Link di acquisto: ebook https://goo.gl/mVHyjg

La serie è così composta:
1- Dead Man
2- Shadow Play
3- Heart Strings (Inedito in Italia)
4- Powder Trade (Inedito in Italia)
5- Fire Water (Inedito in Italia)

DANTE – UN VIAGGIO DURATO MEZZO MILIONE DI ANNI
Un folle angelo alato ha rapito la Compagna di Dante. Non c’è dolore più grande per un Guardiano della perdita dell’unica creatura che possa amare. Gliel’hanno strappata dalle braccia mentre era in punto di morte e ora potrebbe impazzire tanto quanto Zaqar. Per limitare i danni, Lucio lo ha sedato come un cane rabbioso, ma teme che, una volta risvegliatosi, Dante possa fare una strage. È stanco di rivendicare la sua donna. Lei è sua. Peccato che qualcun altro si sia messo in mezzo. Giovanna ha patito altre atroci sofferenze per mano del suo ex marito, un vero sadico. Rimasta nascosta per lungo tempo, ora dovrà combattere, sempre che riesca a sopravvivere. Cosa sono le ombre che danzano nei suoi occhi mortali e dove l’hanno portata? Cosa si nasconde dietro al nome segreto che la sua famiglia le ha rivelato ma che non poteva usare? La Compagna di Dante non poteva essere una semplice Mortale, ma non è nemmeno un’Immortale. È soltanto una ragazza molto empatica… giusto?  Tutti gli Immortali hanno sempre vissuto nella menzogna. I loro antenati hanno tramandato falsità che ora non sono più in grado di sostenere. Adesso dovranno fare un salto nel buio e unirsi ai Guardiani, oppure i giusti li cacceranno da questo mondo. Alleati o nemici… ma i nemici sono già troppi. I Quattro si sono rivelati. Sono loro i veri antagonisti che si celano dietro tutte le Ombre esistenti. Sono loro a tirare i fili e non si fermeranno fino a quando non potranno governare questo mondo con i loro veri figli, i Demoni. La Regina è negli Inferi con tutti gli Autentici, ma il Principe è libero. Uno a uno, i sigilli si stanno rompendo, il processo è già iniziato. Nove figlie per rompere i sigilli dei Sette Inferi. Tre sono già nate…
La furia dell’Inferno è nulla in confronto a quella di una donna tradita. Thia ha dei progetti per il risveglio del suo Guardiano e stavolta non includono il sesso. La sua
maledizione sta prendendo rapidamente il sopravvento. L’odio la sta consumando… e a lei piace. Zaqar ha ritrovato sua figlia, assassinata duemila anni prima. Lei è il legame che lo unisce alla sua Predestinata, morirebbe pur di non perderla un’altra volta. Ma, soprattutto, è pronto a uccidere. Già una volta ha fatto scorrere il sangue nella valle del Paradiso e non avrebbe problemi a colorare ancora una volta i fiumi di rosso. Proprio come i suoi occhi. La vendetta è un morbo che distrugge tutto ciò che tocca. Quando la speranza finisce, qualcuno la cerca. E nel tempo, lentamente, il sangue si avvelena.
Resiayana fu la prima ribelle, il primo Guardiano a combattere per l’umanità. Anche adesso rappresenta una luce per il nostro mondo. Michael ci sta guardando. Non
siamo stati completamente abbandonati. E questo è soltanto l’inizio. La seconda parte
comincia ora.


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un bel commentino!

Alla prossima,

Sara. ©

WWW WEDNESDAY #47

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI !

Come state? Qui fa caldissimo ma al mare si respira un’aria decisamente migliore e bene o male ci si mette a mollo. Oggi abbiamo la rubrica del mercoledì! Ecco le risposte al WWW Wednesday ideato da Should be Reading :

What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?

91JRV5YArZL

23299512

Sto leggendo Noi siamo tutto di Nicola Yoon edito Sperling&Kupfer. Avrete la recensione a breve!

In più spero di finire This Savage Song che ero rimasta indietro. Vi farò sapere!

 

 

 


What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?

9788867003266_hotel_delle_muse

isabella-e-i-pedoni-danzanti

Ho letto l’Hotel delle Muse di Ann Kidd Taylor edito Corbaccio. QUI Il link del BlogTour, la recensione a giorni!.

In più Isabella e i Pedoni Danzanti – Il mondo oltre il quadro di Katherine Jane Boodman edito Elister Edizioni, la recensione QUI!

 

 


What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?

Vi farò sapere cosa leggerò nella prossima settimana! Non temente che vi tengo aggiornati sempre!


E voi, cosa state leggendo? Vi piacciono queste letture? Lasciatemi un commentino che vi aspetto, come sempre!

A presto,

Sara. ©

RECENSIONE #93 – ISABELLA E I PEDONI DANZANTI – IL MONDO OLTRE IL QUADRO DI KATHERINE JANE BOODMAN

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Cosa ho per voi? Un libro del catalogo Elister Edizioni, che ringrazio per avermi permesso la lettura che andrò a recensire! Di che si tratta?

Eccolo qui:

isabella-e-i-pedoni-danzantiTitoloIsabella e i Pedoni Danzanti – Il mondo oltre il quadro Vol. 1

AutoreKatherine Jane Boodman

EditoreElister Edizioni

GenereFantasy e realismo magico

Prezzo€ 2.99 e-book

Pagine146

TramaIsabella è una bambina di nove anni e vive con i suoi due genitori. Ogni giorno, dopo scuola, va dalla nonna in attesa che i suoi genitori finiscano di lavorare. Andare dalla nonna significa mangiare un sacco di dolci ma anche cacciarsi nei guai. Nella soffitta buia, tra polvere e termiti, su di una parete ammuffita, c’è un quadro raffigurante una strana scacchiera, un bosco tenebroso, una torre bislunga e un castello alle pendici di una montagna. Qual è stato l’errore di Isabella? Quello di toccare il quadro! Isabella si è ritrovata così in un posto alquanto strano, dove il sole e la luna si alternano a loro piacimento, esistono valli senza suoni, le foto di bambini orfani parlano e si muovono, le belle fanciulle vengono chiuse in gabbie d’oro, i boschi sono disseminati di cadaveri, bestie assetate di sangue e morte. Si tratta di Marichon e che da cinquant’anni non vede che orrori e sofferenze. Una storia oltre l’incredibile, che dimostra quanto una semplice bambina sia in grado di fare la differenza. Un libro pieno di stranezze e di avventura, un posto dove ci si perde e non sempre si riesce a trovare la via di casa. Riuscirà Isabella a sopravvivere e a tornare a casa?

RECENSIONE:

La storia ha inizio in casa di nonna Dorotea che, avendo ricevuto visita dalla sua nipote Isabella, prepara dei biscotti tutti per lei. Nella soffitta piena di cianfrusaglie, buia e piena di insetti, Isabella scorge un quadro che la cattura da subito. Un’enorme scacchiera al centro, della boscaglia e una torretta in lontananza. Ne rimane folgorata e non può far altro che toccarlo. Con il solo tocco, Isabella, dolce bimba di soli nove anni, si ritrova catapultata all’interno del quadro.

Come farà la giovane a tornare a casa? Cosa e chi incontrerà lungo il suo cammino? Riuscirà a tornare da sua nonna?

Il freddo banchettava con le sue ossa. Stringeva le mani in un freddo abbraccio e il suo cuore batteva al ritmo della paura. Mille occhi la guardavano e non tutti erano accoppiati. Molte creature ne possedevano solo uno. La luna, le stelle, il sole erano stati inghiottiti perché troppo deboli per risplendere. Il buio aveva vinto. L’oscurità lì era di casa.

La trama è scritta molto bene ed invoglia alla lettura. Fa sembrare tutto quasi come una fiaba per bambini e mette la giusta curiosità. Infatti è stata proprio la prima da cui ho cominciato a recuperare di tutte le letture Elister che dovevo affrontare. Il peccato è che non si è rivelata tale ma vi spiegherò più avanti.

Per la copertina non posso che fare i miei complimenti a chi se n’è occupato. Rispetto a tutte le copertine della Elister edizioni questa spicca sicuramente di originalità essendo le copertine del catalogo somiglianti fra loro. Il titolo è abbastanza lungo ma la seconda parte è solo un sottotitolo. Mi sono sfuggiti nel corso della lettura quali fossero i Pedoni Danzanti. Ovviamente parlando di un quadro con una scacchiera i pedoni saranno le persone nel quadro forse? La cosa non mi è del tutto chiara e spero di avere – magari con la seconda parte – un chiarimento in questo senso. Però tutto sommato è un titolo originale e innovativo, quindi punto a favore.

L’epoca è moderna per quanto riguarda l’inizio. All’interno del quadro tutto sembra passare a una specie di medioevo o comunque a qualcosa di più antico rispetto ai nostri tempi. Per quanto riguarda l’ambientazione, la bambina vive con sua nonna in una società attuale. Nel quadro, invece, la bimba si ritrova in un regno a lei sconosciuto dove accadono cose bizzarre.

A volte non ci rendiamo conto di come tutto ha inizio, ci ritroviamo in mezzo e basta. Ci svegliamo un giorno e ci accorgiamo che il nostro cuore è invaso dall’amore. Ci chiediamo perché, perché proprio ora? Perché non domani o perché non ieri? Perché proprio ora, in questo esatto istante, il nostro cuore inizia a battere diversamente? È un battito caldo e ritmato, veloce e inarrestabile. Quel battito è in grado di darti forza e coraggio, ti spinge oltre i tuoi limiti e ti fa pensare che sacrificarsi per amore, in fondo, è un dono.

I personaggi? Non ce ne sono poi moltissimi. Ritengo però di dovervi parlare del personaggio principale.

Risultati immagini per bambina

E’ tutto nelle mani di Isabella. E’ lei la vera ed unica protagonista, quella che ritroveremo in tutto il libro e alla quale si attribuirà tutto ciò che accade.

E’ una bambina intelligente, curiosa e piena di carisma, adora i dolci, in particolar modo i biscotti che le prepara sua nonna e che può mangiare solo quando va da lei. Ha anche tante paure, come quella del buio perchè sa che un Troll sarà pronta a mangiarla.

Entrare in questo mondo nuovo le ha permesso di essere più forte e coraggiosa ma ci sono delle pecche su questo personaggio davvero notevoli.

E’ una bambina e dovrebbe comportarsi come tale. Infatti, peccato che, negli panni di una bambina, l’autrice non ci si sia messa quasi mai. Per la maggior parte dello scritto, la bambina si comporta come un’adulta. Ad esempio, trascina l’enorme portone a fargli da zattera, e via discorrendo. Per non parlare dei discorsi. A volte sembra essere una bambina, altre volte però non sembra essere tale.

Ho sperato più di una volta che incontrasse qualcosa di negativo lungo il suo cammino, tipo il famoso Troll di cui ha tanto paura. Infatti, l’alterazione giorno e notte avrebbe dovuto procurarle paura come tante altre cose che le accadono che sembrano esserle del tutto normale. 

Son d’accordo che un bambino è fantasioso e si fa meno impressionare da determinati avvenimenti ma ha pur sempre le proprie paure che non sono state colmate.

«Eri tu l’uomo di cui mi ero innamorata, la persona che mi aveva aiutato a capire cosa significava amare. Sono riuscita a rispondere a quella domanda solo perché mi ero innamorata… mi ero innamorata di te! Quando mi misi a studiare, mentre rileggevo tutte le poesie sull’amore, mi venivi in mente sempre e solo tu, Louis. Era un’invasione! Tu mi avevi invaso anima, cuore e corpo. La risposta a quella domanda eri tu.» confessò Tessa dopo anni di silenzi e parole taciute per orgoglio. Isabella guardò Louis. Era stralunato, scioccato, sbigottito. Credeva di essere sposato con una donna che lo aveva scelto per necessità, e ora si era reso conto che, invece, Tessa lo aveva sposato perché lo amava.

Il perno centrale è per l’appunto il mondo all’interno del quadro e il ritorno a casa della piccola Isabella. 

Lo stile utilizzato è molto semplice, quasi fiabesco. Vi vado a parlare dei problemi fondamentali che ho riscontrato all’interno della lettura:

  1. Delle pecche sul protagonista ve ne ho parlato in precedenza (basta risalire in alto), quindi vado avanti.
  2. Gli orrori/errori che, spero vivamente, siano dovuti a distrazione. (Cosa oltretutto strana perchè mi sono domandata: “la casa editrice non li ha notati?“). Qui ve ne lascio degli esempi che ho avuto modo di notare – e spero siano soltanto questi – :

Sentì la chiave girare nella toppa della porta, sentì il cigolio causato dalla chiusura prolungata della porta.


La zattera di Isabella si arenò tra all’acqua ghiacciata del fiume.


«I corvi ammaestrati del castello le portavano ciò che le serviva per rimanere in vita. Le truppe di Rayon l’avevano resa ceca e sola, ma ora con lei ci sono Ingrid e Simon.»


3. In più abbiamo il mistero su cui si fonda poi tutto il libro. Quello del quadro. Perchè la nonna ne possedesse uno in casa sua e perchè (oltre il fatto che la nonna non abbia tentato nemmeno un minimo di nasconderlo) l’alone di mistero non venga svelato almeno un pò dico io?! Il libro sembra terminare com’è iniziato, sembra quindi chiudersi, non lasciando quindi presagire il continuo. Troveremo finalmente svelati i misteri che tanto ci attanagliano la mente? Lo spero.

4. Tutto si risolve con un misero discorso di Isabella. Possibile? Ci sta una volta, ma tutte le volte?

«Quindi voi racchiudete nelle tele solo le persone a cui volete bene?» chiese Isabella, con la candela sempre in mano. «No, a volte vi racchiudo anche l’odio e la rabbia. Anche loro fanno parte di me.» rispose Sua Maestà con lo sguardo fisso sul lume della candela. «Perché non separarvene? Perché non tenerli lontani?» chiesa placidamente Isabella, cercando di guardare la sovrana negli occhi. Quegli occhi così simili a quelli di Isabella, così simili a quelli di Nonna Dorotea. «Per ricordarmi di essere umana.» spiegò la regina, stringendo appena le spalle. Lo sguardo di Sua Maestà, così simile a quello di Nonna Dorotea, fece riemergere nella mente di Isabella un pensiero. «Maestà…»

Purtroppo questo libro non mi ha catturato come doveva. Ho cercato più e più volte di essere positiva nella lettura ma più andavo avanti e più sembrava smontarsi da solo, tassello dopo tassello. Il coinvolgimento è stato del tutto assente ed in alcuni punti è sembrato essere una storia piatta. Non ci sono eventi negativi per Isabella tanto da costringerla ad una scelta difficile o a qualcosa che metta a repentaglio la sua vita. A tutto c’è sempre stata una soluzione ovvia, troppo.

Mi aspetto molto dal secondo libro e spero che sia davvero migliore perchè credo che l’autrice sia in grado di cambiare e migliorarsi. 

Purtroppo è questo.

Il mio voto per questo libro è di: un pesciolino e mezzo.

uno-e-mezzo


Cosa ne pensate? Lo avete letto o avete intenzione di farlo? Vi aspetto come sempre con dei commenti.

A presto,

Sara. ©

RECENSIONE #92 – SEVEN DREAMS DI GIOVANNI MAGLIULO.

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

E buon inizio fine settimana! Ecco per voi una nuova recensione tutta da scoprire! Ringrazio l’autore per avermi permesso la lettura e vado avanti. Di cosa sto parlando?

Ecco qui:

518wwo30dml-_sy346_Titolo: Seven Dreams
Autore: Giovanni Magliulo
Editore: Panesi Edizioni
Data di pubblicazione: 24 marzo 2017
Genere: Fantasy
Formato: Ebook €0,99
SinossiUn gladiatore, un operaio del Nevada, il capo di una tribù africana, un orco cannibale, un’esperta di veleni, un rettile in grado di sputare acido e un enigmatico cavaliere sadico vengono strappati alle rispettive realtà e richiamati dal mago Eris nel regno di Duryan. Al gruppo viene affidata la missione di assassinare Wizen, un incantatore sul punto di aprire un varco tra le dimensioni allo scopo di muovere il proprio esercito alla conquista di tutti i mondi. Lo sforzo per il sortilegio appena lanciato uccide Eris, che prima di morire confida ai sette prescelti di aver legato le loro anime con un incantesimo, allo scopo di obbligarli a collaborare: se anche uno solo di loro dovesse morire, allora morirebbero tutti. Con l’unica speranza di tornare alle rispettive realtà riposta nelle mani dello stesso Wizen, ai prescelti non rimane che tentare di sopravvivere tanto ai pericoli provenienti da un mondo sconosciuto quanto alle loro stesse personalità disturbate.

RECENSIONE:

Primo di una serie di libri che usciranno successivamente, Seven Dreams, ha inizio sotto diversi punti di vista, uno per ogni personaggio che incontreremo all’interno di questa storia: il gladiatore Centurio, Butch operaio del Nevada, il capo di una tribù africana Zuma, Gork, un orco cannibale, Elavh un’esperta di veleni, un rettile in grado di sputare acido di nome Karma e un enigmatico cavaliere oscuro Caos, accompagnato dal suo fedele Imp Berius. Questi personaggi che vivono in diversi mondi e/o in epoche diverse vengono strappati dalle loro vite e vengono trasortati magicamente nel regno di Duryan dal potente mago Eris.

I personaggi saranno legati da un sortilegio piuttosto potente fatto per portarli a collaborare fra loro: Se solo uno di loro dovesse morire rischierebbero di morire tutti. Tutto questo per cercare di completare una missione piuttosto suicida in partenza: uccidere Wizen, un mago talmente potente da voler aprire i varchi fra i mondi per creare il caos più totale.

Riusciranno ad andare d’accordo i nostri eroi? Riusciranno nell’intento? Lo scopriremo sicuramente!

Zuma guardò l’elmo di Caos e il diavoletto appollaiato sulla sua spalla.  «Mi chiamo Berius», disse il mostriciattolo.  «Cosa sei?», chiese Centurio.  «Un imp.»  Zuma inarcò le sopracciglia.  «Un diavolo minore, dell’Ottavo Cerchio.»  «E questo che significa?», chiese Butch. «Niente di particolare. L’Ottavo Cerchio è il nome della mia regione d’origine. Il mio mondo si chiama Egrabut.»  «E tu?», chiese Centurio rivolgendosi al cavaliere.  «Il suo nome è Caos», disse Berius. Lo sguardo interrogativo di Centurio passò da Zuma a Caos.  «Non puoi parlare?»  Le nere fessure dell’elmo fissarono il volto accigliato del gladiatore.  «Sono io la sua voce», rispose l’imp.

La trama è ben scritta e suscita senza dubbio curiosità. E’ quella che mi ha spinto a leggere questo libro, quindi un lavoro ben fatto.

La copertina non mi fa impazzire particolarmente ma è comunque ben costruita e da la possibilità di scorgere i profili dei sette protagonisti che troveremo all’interno del volume. Il titolo mi piacerebbe capire su cosa si basa il sogno. La traduzione è Sette sogni quindi Sette i protagonisti e su questo non c’è dubbio. Al fatto dei sogni non riesco a farmene un’idea ne a dare un senso effettivo ma saprà spiegarcelo l’autore se vorrà, ovviamente per farci capire al meglio tutto.

L’epoca non è del tutto specificata anche se sembra piuttosto antica, quasi medioevo oserei dire, e l’ambientazione scelta è il regno di Duryan facente parte di uno dei tanti mondi su cui vengono trasportati ii protagonisti.

«Anche se questo porterà alla morte di altri innocenti?»  «Sì», disse Centurio.  Lo sguardo di Elavh incontrò quello di Butch.  «E tu?», gli chiese. Lui sembrò spiazzato dalla domanda. Aprì la bocca e la richiuse, poi distolse lo sguardo. «Siete porci ed egoisti per natura», disse Elavh e si allontanò a testa bassa nella foresta.  «Aspetta!», le urlò dietro Butch e la seguì. «Vattene», disse lei continuando a camminare. Lui la afferrò per il gomito ma Elavh si voltò di scatto e lo schiaffeggiò.  Butch si portò una mano al viso.  «Anche volendo, non posso fare niente.» «Se non scegli da che parte stare rimarrai nella tua ignavia e dipenderai sempre dagli altri. Se vuoi sollevarti dalla meschina condizione in cui vegeti comincia a fare ciò che ritieni giusto.»  Butch sbatté le palpebre e rimase a fissarla mentre si allontanava.

I personaggi principali sono sette, come ho avuto modo di spiegarvi anche all’inizio. A parte la confusione iniziale che ho avuto nell’associare il nome all’effettivo personaggio tutto sembra essere proseguito tranquillamente.

Centurio, il gladiatore. Sembra essere un pò il leader velato della combriccola che viene a crearsi. Riesce ad instaurare un buon rapporto con Zuma e Butch e riesce a gestire Gork in maniera eccellente. Si rende conto prima di tutti della situazione ed  il primo a non tirarsi indietro sulle cose.

Butch operaio del Nevada, è un tipo lagnoso, che si butta giù e non riesce a farsi accettare ne sentirsi accettato all’interno del gruppo. Un personaggio pesante sotto tutti i punti di vista.

Zuma, capo di una tribù africana ed esperto di caccia sembra essere il più saggio di tutta l’intera compagnia. Riesce ad instaurare un buon rapporto con Centurio con il quale si confida e cerca di mantenere l’equilibrio fra tutti i componenti.

Gork è l’orco cannibale. Devoto a Gorush, la divinità della sua specie, detesta gli umani ma comprende che non può fare a meno di aiutarli e proteggerli per sopravvivere. Forte, mastodontico e costantemente affamato è un punto cardine per il gruppo.

Elavh un’esperta di veleni, una donna irascibile, scostante e tremendamente cocciuta. Riesce ad andare d’accordo con tutti e con nessuno. E’ un personaggio subdolo e pieno di misteri ancora irrisolti.

Karma è la rettile che riesce ad uccidere le sue prede sputando acido. Sa volare ma non sa comunicare con gli altri. Fino a buona parte del libro non avremo modo di leggere di lei ma la scopriremo andando avanti nella lettura quando si affezionerà ad Elavh.

Il cavaliere oscuro Caos, e la sua voce data dall’Imp Berius, sono gli unici due che mi hanno effettivamente messo curiosità. Non toglie mai il suo elmo e riesce a diffondere il caos dove passa. Gli altri compagni lo descrivono sadico e incomprensibile ma io lo trovo affascinante nel suo mistero.

«Il motivo è semplice. Gork e Caos hanno culture ed esperienze passate molto diverse dalle nostre.» «Certo, Gork è abituato a mangiare le persone e per Caos l’omicidio è un divertimento. Mi sembra ovvio che abbiano più problemi di noi ad adattarsi.» Lei annuì.  «Al limite, potrebbero anche rifiutarsi di farlo. Mi riferisco a Caos in particolare. Gork ci disprezza perché è stato plagiato dalla sua religione. Non ha mai scelto di odiarci, glielo hanno inculcato e da bravo devoto lo ha sempre fatto. Ma il sadismo di Caos mi sembra una scelta deliberata.»  «E perché per Karma il discorso sarebbe diverso?» Elavh guardò il rettile.  «L’istinto le consente di fare la cosa giusta senza bisogno di comprendere il motivo delle proprie azioni.» Centurio osservò accigliato gli occhi gialli del rettile. «Lo so, è una condizione difficile da immaginare», disse lei. «Ma secondo me è un vantaggio.» 

Il perno centrale è per l’appunto uccidere Wizen e ristabilire l’ordine nel regno. Ma è effettivamente questa la missione dei sette personaggi? Non c’è comunque un intrigo di potere sotto la richiesta del mago Eris e del Re Auriel che spinge da sempre la guerra contro il mago? I protagonisti si faranno carico di tante domande che avremo modo di scoprire nel corso della lettura.

Lo stile utilizzato è piuttosto buono ma ho diversi punti da dover analizzare a fondo e che non mi hanno completamente convinto.

La storia è una senza ombra di dubbio originale e allo stesso tempo utilizza un tipo di personaggi visti nei fantasy tradizionali. Mi ha ricordato molto I Quattro regni di Davide Tulipano per il modo in cui è stato scritto. (Era solo un appunto e non ho nulla da dire su questo).

NB: Potrebbero esserci Spolier che sono dovuti alle spiegazioni che devo fare!

  1. Butch è un tipo decisamente inutile per tutto il romanzo, non c’è momento che sia stato utile se non per il casco che fa luce per quei miseri secondi in cui è servito. Per la maggior parte o si lamentava per qualcosa, o se ne stava in un angolo, o combina guai inutili. L’utilità di questo personaggio? Scassare l’anima abbiamo capito che sembra riuscirci ma spero che risulti utile in qualche altro frangente altrimenti doveva essere debellato.

  2. Il mondo in cui è stato strutturato è completamente abbandonato a se stesso. I personaggi viaggiano su questa Strada Maestra che li porta da qualche parte di poco definito ma oltre quello sappiamo veramente poco sull’origine del posto in cui siamo approdati.

  3. Le scene inutili che avrei debellato completamente. Ad esempio quando sono invitati nella casa dai bambini e tutto ciò ce ne consegue. Completamente inutile e superficiale.

  4. Elavh, che razza di donna sei?” E’ scostante, puntigliosa e irascibile, questo lo abbiamo capito tutti ma è incoerente e scostante. Ha scatti per cose futili quando, invece, le cose importanti le scivolano addosso come non fossero successe. Esempio lampante: la violenza subita. Possibile che riesca a dimenticarla così facilmente?

  5. Il mistero che aleggia attorno ai personaggi. Sono sicura che con l’andare del tempo verrà svelato l’arcano che nasconde ognuno di loro, solo che per alcuni la cosa è stata protratta per troppo tempo. Nessuno si scopre e resta tutto in piedi per miracolo. Se almeno uno, non dico tanto, dei personaggi, avesse svelato il suo passato – principalmente Butch o Elavh a questo punto – sarebbe stato migliore.

La sua espressione si addolcì quando riportò lo sguardo sul profilo di Elavh. «E poi lei mi pulì le ferite e si occupò di me. In fin dei conti non ero solo. C’era qualcuno che provava nei miei confronti, se non affetto, almeno empatia. Parlo di quella naturale comprensione che si prova verso qualunque essere umano. Quella che sembra mancare a tutti tranne che a lei.»  Zuma lo osservò passarsi i palmi delle mani sulle palpebre chiuse. «Ma ho capito che la solitudine mi stava portando ad aggrapparmi a un appiglio che in realtà non esisteva. Perché, in fondo, anche lei è molto più simile a voi che a me.»

Tutto sommato non mi è dispiaciuto perchè è risultata una lettura gradevole ma effettivamente poco concreta. 

Il finale aperto non lascia presagire nulla sulla loro direzione o su ciò che potrebbe accadere anche se sicuramente non sarà nulla di buono. Magliulo ha utilizzato uno stile tradizionale riconducibile, tra ambientazioni paesaggistiche e personaggi, ai fantasy classici. Sono sicura che i seguiti prenderanno una piega migliore rendendo la saga più avvincente. Purtroppo tutte le cause elencate poco sopra non mi portano ad un voto convincente in tutti i sensi.

Il mio voto per questo libro è di: 3 pesciolini.picsart_09-22-09.39.42-3.jpg


Cosa ne pensate? Vi ispira questa lettura? Io aspetto tanti bei commentini!

A presto,

Sara.©