SEGNALAZIONE #100 – UN GIALLISTA SOTTO L’ALBERO DI SILVIA DEVITOFRANCESCO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io sono di nuovo qui a portarvi delle nuove segnalazioni che spero possano interessarvi. Eccolo qui:

Risultati immagini per Un giallista sotto l’alberoTitolo: Un giallista sotto l’albero
Autore: Silvia Devitofrancesco
Genere: Commedia romantica
Data di uscita: 5 novembre
Editore: Pubblicazione indipendente
Formato: MOBI e cartaceo
Pagine: 184
Prezzo: 1.99 euro ebook / aderente a Kindle Unlimited / 10.50 euro cartaceo
Sinossi: Abbandonato il suo paesello d’origine nel sud Italia, Sara, trentenne con un forte
desiderio d’indipendenza e dalla mania d’inventare vite perfette, giunge a Londra, dove diviene la ghost social ufficiale di Thomas Heart, noto e aitante scrittore di gialli. A causa di un disguido, accaduto proprio sui social network, Sara viene licenziata. Un evento già di per sé traumatico destinato a mutare in una vera tragedia quando con una telefonata prima e un paio di note vocali su WhatsApp poi, i genitori annunciano di aver deciso di trascorrere le vacanze natalizie sul suolo britannico. Sarà anche questa l’occasione per conoscere l’interessante genero inglese del quale la loro adorata figlia ha “innocentemente” inventato l’esistenza. Tra intrighi, festività incombenti, momenti di tensione, ripensamenti e tante bugie, Sara imparerà a sue spese che la verità, per quanto amara possa essere, è sempre la scelta migliore.

LINK ACQUISTO: https://amzn.to/2Sn9dTD

BREVE ESTRATTO

Talvolta le bugie rappresentano l’unico luogo nel quale rifugiarsi senza dover dare troppe spiegazioni a chi ci circonda (realmente o virtualmente). Ho costruito un
castello di bugie certa che la distanza geografica sarebbe stata la mia àncora di salvezza, mi sono impegnata a far sì che non trasparisse mai alcun dettaglio della mia reale esistenza sfruttando la questione della riservatezza a lungo cercata tra i vicoli del paesello. Cosa ho ottenuto? Nulla, o meglio una felicità momentanea. Sì, perché quando descrivevo “la mia vita che non era” con tono felice, io quell’entusiasmo che ostentavo lo provavo realmente. Parlavo di serate trascorse nei locali più popolari, di ore a Piccadilly Circus, raccontavo di avere un lavoro meraviglioso e un fidanzato perfetto che era rimasto folgorato dalla mia bellezza italiana unita a un’intelligenza vivace. Quando poi la conversazione aveva termine, tornavo alla mia piccola realtà con il cuore colmo di sensi di colpa e la mente già pronta a lavorare alla successiva bugia. Già, iniziare a mentire è semplicissimo, sono sufficienti una buona dose di fantasia e discrete doti recitative, tuttavia uscire dal tunnel delle bugie è pressoché impossibile, solo la loro scoperta le annienta. Tra qualche giorno, pertanto, la bugiarda che è in me verrà smascherata  a meno che sia così brava da riuscire a gestire la situazione con delle controbugie. Un’impresa titanica, ma, ovviamente, da tentare. 

Biografia autrice

Silvia Devitofrancesco è nata a Bari nel 1990, dove vive tuttora. Ha conseguito la Maturità Classica e successivamente la Laurea triennale in Lettere (Curriculum “Editoria e giornalismo”).Dopo aver pubblicato racconti in antologie, approda al romanzo a sfondo storico con Lo specchio del tempo (pubblicato per la prima volta nel 2014 dalla Casa Editrice Libro Aperto International Publishing e ripubblicato nel 2016 in versione Self Publishing) col quale si classifica prima al contest “Autore possibile 2016” nell’ambito della quindicesima edizione del Festival del Libro Possibile di Polignano a Mare. Nel 2016 pubblica l’opera umoristica Ultimo accesso alle…; firma assieme ad Arianna Berna, Monica Coppola e Loriana Lucciarini il volume solidale 4 petali rossi – frammenti di storie spezzate (Arpeggio Libero Editore) e pubblica la commedia romantica natalizia Un secondo, primo Natale. Nel 2017 omaggia le donne con la raccolta di racconti Essenzialmente donna, pubblica Dietro le apparenze, romanzo di narrativa con elementi gialli, e l’opera natalizia umoristica Buon Natale 2.0. Gestisce un blog nel quale propone recensioni e tappe di blog tour.

CONTATTI

Blog: http://www.ragazzainrosso.wordpress.com
Pagina Facebook autrice: Silvia Devitofrancesco autrice
Pagina Facebook blog: Ragazza in rosso blog
Twitter: @ragazzainrosso
Instagram: Ragazza_in_rosso_blog


Che ve ne pare? Fatemi sapere se siete interessati al titolo proposto, che io vi aspetto!

A presto,

Sara ©

Annunci

COVER REVEAL # – RODION DI BEATRICE SIMONETTI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con un nuovo Cover reveal che spero possa piacervi molto. Io sono già entusiasta di questa lettura e sono anche particolarmente curiosa al riguardo. Eccoci qui, un libro Delrai Edizioni, che spero possa colpirvi. Ecco qui:

Titolo: Rodion 

Autore: Beatrice Simonetti

Genere: Ucronico

Editore: Delrai Edizioni

Prezzo: 3,99 (ebook) e 16,50 (cartaceo)

Data di pubblicazione: 05 Dicembre 2018

Anteprima a Più Libri più Liberi, fiera della piccola e media editoria di Roma, dal 5 al 9 dicembre 2018. 
Veniteci a trovare per scoprire di più allo stand B70!
L’autrice sarà presente sabato 8 per il firmacopie, tutto il giorno.

TramaTula, 4 settembre 1946. Rodion è un bambino di nazionalità russa che sopravvive a stento nella dura realtà dei campi di isterilimento nazista. La Germania ha vinto la Seconda Guerra Mondiale e, insieme ai suoi alleati, ha creato un regime fanatico e totalitario in tutto il mondo. Tredici anni dopo,Edmund è l’altra faccia della medaglia: un giovane tedesco vittima della folle propaganda nazista che cela oscuri retroscena, mascherandoli con nobili ideali, ai quali il ragazzo crede con assoluta fedeltà. 
Il desiderio di difendere la patria si concretizza presto in una chiamata alle armi e lì la lotta di Edmund Heyder si tramuta gradualmente in un percorso di dubbi e incertezze sulla validità di un pensiero che uccide l’umanità. Famiglia, amicizia, rispetto di sé e del prossimo, patriottismo, dignità, orgoglio e amore gravitano attorno a lui e alla verità che un sovietico rimane pur sempre un essere umano.

Un romanzo senza alternative, né sconti, dove la crudeltà dell’uomo arriva a uccidere persino se stessa, in un crescendo di azioni e rivoluzioni. Non c’è vincitore dove c’è guerra e non c’è anima se a schiacciarla è l’idea che un uomo valga più di un altro, in ogni caso. 

Ogni giorno che passava, ogni istante che sarebbe trascorso, la speranza, la forza e il coraggio di lei non lo avrebbero abbandonato mai realmente, dissolvendo qualsiasi tormento, ogni umiliazione.

L’AUTORICE

Beatrice Simonetti è nata a Loreto il 3 luglio 1994 e attualmente vive a Castelfidardo, nelle Marche. A prescindere dai suoi studi che l’hanno portata ad approfondire la passione per le culture e per le lingue occidentali e orientali, soprattutto russo e tedesco, ha sempre avuto un grande amore per la lettura, grazie alla sua famiglia. Le lettere l’hanno affascinata fin da bambina, per questo ha poi deciso di mettere su carta le sue storie, dando vita a nuove realtà con cui spera di coinvolgere chi come lei non può fare a meno dell’immaginazione. Rodion è il suo romanzo d’esordio e il primo per la Delrai Edizioni.


Che ne pensate? Vi entusiasma? Io spero di si, veramente. Fatemi sapere con un commento.

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #99 – I FIGLI DI CARDEA DI ALESSIO DEL DEBBIO

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Ecco un nuovo libro per questo week-end. Torna come sempre su questo blog Alessio del Debbio, che ha scritto un nuovo libro e lo accolgo qui con infinita gioia. Scoprite i suoi libri, questo è il secondo volume di una serie iniziata con La guerra dei Lupi, segnalato già sul mio blog QUI.

Risultati immagini per i figli di cardeaTitolo: I figli di Cardea
Saga: ULFHEDNAR WAR
Autore: Alessio Del Debbio
Editore: Edizioni Il Ciliegio
Genere: fantasy contemporaneo
Formato: cartaceo
Pagine: 416
Prezzo: 19,50 euro (cartaceo)
ISBN: 978-88-6771-544-2
Disponibile dal 15 maggio 2018.

TramaDopo lo scontro alla Grande Quercia, gli ulfhednar del Vello d’Argento sono senza un Alfa e temono attacchi da parte dei Figli di Cardea. Daniel cerca di addestrare i nuovi membri del branco, la Dottoressa è tormentata dai fantasmi del suo passato, Dominic, infine, medita vendetta, incolpando Ascanio e Daniel della morte di sua madre.
Quando un nuovo branco invade l’Appennino, i Figli di Cardea decidono di sferrare l’attacco finale, per cancellare lupi e stregoni dalla penisola. Nel frattempo, Ascanio è scomparso… I Figli di Cardea è il secondo capitolo della trilogia Ulfhednar War, iniziata con La guerra dei lupi.

Daniel non seppe rispondergli.
A parole, del resto, non era mai stato bravo.
Era un lupo e tra i lupi bastavano i gesti.

Ambientato in Toscana, tra Viareggio e le montagne della Garfagnana, il libro mescola mitologia nordica e celtica a storia e leggende toscane, alternando, con ritmo incalzante e colpi di scena, capitoli nel presente e altri nel passato.

Link acquisto

Amazon: QUIIbs: QUI Mondadori store: QUI

Biografia autore

Alessio Del Debbio, scrittore viareggino, appassionato di tutto ciò che è fantastico e oltre la realtà. Numerosi suoi racconti sono usciti in riviste (come Con.tempo e StreetBook Magazine) e in antologie, cartacee e digitali (come I mondi del fantasy, di Limana Umanìta Edizioni, Racconti Toscani, di Historica Edizioni, Sognando, di Panesi Edizioni). I suoi ultimi libri sono Favola di una falena (Panesi Edizioni, 2016), Ulfhednar War – La guerra dei lupi (Edizioni Il Ciliegio, 2017) e Berserkr (Dark Zone edizioni, 2017).
Cura il blog “I mondi fantastici” che promuove scrittori di fantasy italiano. Scrive articoli per il portale di letteratura fantastica “Le lande incantate”. È presidente dell’associazione culturale “Nati per scrivere” che d’estate organizza la rassegna “Un libro al tramonto” – Aperitivi letterari a Viareggio, per far conoscere autori locali.

Contatti autore
Pagina Facebook “I mondi fantastici – Alessio Del Debbio”: https://www.facebook.com/alessio.deldebbio/
Sito autore: http://www.alessiodeldebbio.it
Blog “i mondi fantastici”: http://www.imondifantastici.blogspot.it
Twitter autore: https://twitter.com/ADelDebbio


Cosa ve ne pare? Vi piace? Leggerete questa serie? Fatemi sapere, come sempre vi aspetto!

A presto,

Sara ©

COVER REVEAL # – STRENNE & CANNELLA DI JANE ROSE CARUSO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi per voi ho in serbo un bellissimo….

47073656_265416214325902_1805007375338307584_n

Ebbene si, avete capito bene. Un Cover Reveal in cui vi presento la copertina e i dati di questo secondo volume della serie di questa scrittrice. Siete curiosi? Non vi faccio attendere, eccolo qui:

Titolo: Strenne e Cannella 
Autrice: Jane Rose Caruso
Serie: Miss Garnett Chatarine Book – cooking Volume #2
Self Publishing

Trama: Miss Book e Prudence partono per Borringhton, dove  sono state invitate dai cugini Lorribrie nella loro tenuta per Natale. Complice una violenta bufera, il viaggio in treno si rivela ricco di sorprese, fatti inquietanti e nuove conoscenze, fra cui l’arcigno e arrogante Barone Lorkingard, pronto a prendersi gioco di tutto, compreso il Natale. 
Ma non mancano le vecchie amicizie:Miss Bennet, che ha bisogno dell’aiuto di Miss Book per prendere la decisione più importante della sua vita o i cugini Lorribrie, sbadati e distratti, alle prese con una disattenzione che potrebbe rovinare le feste…
Questa volta il compito di Miss Book sarà davvero difficile: riuscirà, con l’aiuto delle sue magiche ricette, a salvare il Natale?

L’AUTRICE

​Jane Rose Caruso è nata in un piccolo paesino di provincia ma si è trasferita in città per motivi di studio. Ha frequentato la facoltà di Giurisprudenza. È molto attiva sui social, e fa la blogger a tempo pieno. Una volta sposata, è ritornata a vivere in campagna, ha un bambino e tre cani che le allietano le giornate. Delle serie Miss Garnette Catharine Book Cooking ha già pubblicato il primo volume, Spezie & Desideri e una novella, Un tè alla zucca.


Cosa ve ne pare? Vi piace questo libro? Fatemi sapere nei commenti!

A presto,

Sara ©

NOVITA’ IN USCITA PER DIVERSI PICCOLI EDITORI INDIPENDENTI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E’ da un po’ che voglio parlarvi di queste belle uscite, che spero tanto di poter leggere e recensire al più presto. E’ un insieme di uscite per Ianieri e il Gruppo Alter Ego, che raccoglie i marchi Alter Ego Edizioni, Augh! Edizioni e Scatole Parlanti Edizioni. Vi ho parlato già di qualche libro di queste piccole case editrici ed ora voglio approfittarne per fare una piccola raccolta di nuove uscite che spero siano di vostro gradimento. Ecco qui:

Risultati immagini per pietro pan nicolaAutore: Nicola Pecci
Titolo: Pietro Pan – Memorie di un perdigiorno

Collana: Forsythia
Pagine: 160
Editore: Ianieri
Prezzo: € 14,00
Trama: Sognatore perdigiorno o talento incompreso? Pietro Pandolfi, in arte Pietro Pan, 45 anni suonati, è convinto di aver scritto almeno cinque capolavori della musica italiana. Eppure non se n’è ancora accorto nessuno. Per questo odia tutto e tutti, ma forse è solo indifferenza. L’incontro con Lana – una sedicenne anticonformista che si lega a lui come a un fratello maggiore folle e incosciente – e la ricezione di una lettera postuma della sua amata nonna – che lo sprona, finalmente, a diventare adulto – sconvolgono la sua esistenza fatta di espedienti. Pietro coinvolge allora Lana in un viaggio improvvisato e illegale verso Londra, tra autostop, furti subiti e incontri pericolosi, in cui proverà a realizzare il suo sogno improbabile e romantico. Pietro Pan. Memorie di un perdigiorno è un’avventura on the road divertente e profonda, perché quando scopriamo di essere responsabili dei sogni delle persone che ci amano, allora, forse, cominciamo a crescere un po’.


Risultati immagini per Dal mare l’amore, liberamente ispirato a “il pescatore e la sua anima” di oscar wildeAutore: Lucilio Santoni
Titolo: Dal mare l’amore, liberamente ispirato a “il pescatore e la sua anima” di oscar wilde
Collana: Forsythia
Pagine: 88
Editore: Ianieri
Prezzo: € 12,00
Genere: Racconto
TramaUna favola per tutti, adulti e ragazzi. Una storia d’amore oltre le barriere e le differenze, fra un Pescatore e una Sirena. Intorno ad essi girano personaggi straordinari ma anche quotidiani, che esprimono l’eterno conflitto fra luce e tenebre, che si misurano
con Dio, con l’altro, con il mistero, con il fondo dell’essere, con gli enigmi del tempo, le profondità marine, l’ignoto, l’infinito, la paura e, soprattutto, il desiderio. Il tutto affidato al potere dell’immaginazione e al grande valore di liberazione che può raggiungere la parola. Partendo da un racconto di Oscar Wilde, Lucilio Santoni opera quello che in musica si chiamerebbe un “completo riarrangiamento”, al fine di adattare la narrazione ai nuovi gusti del lettore moderno. Il risultato è ancor più piacevole e interessante dell’originale, poiché riesce a trascinare il lettore verso territori inediti dove la fantasia alimenta la capacità di pensare e di vivere.


Titolo: Nostalgia di cartapesta

Autore: Maria Caterina Basile

Collana: Frecce

Prezzo: Euro 9,90

Pagine: 82

Trama: Salvatore ha raggiunto i trent’anni e il fulcro della propria esistenza si trova in via Arte della Cartapesta, nel cuore di Lecce. La toponomastica non è casuale: lì si trova la bottega dello zio, mastro cartapestaio che per il ragazzo è a tutti gli effetti un vero padre. Quello reale fa parte di un quadro familiare difficile, dove spicca la presenza di un fratello schiavo della tossicodipendenza. In quel mondo semplice e artigianale, a contatto con lo zio, Salvatore si è rifugiato per anni senza riuscire mai a spiccare il volo agli occhi del resto della famiglia e di una società frenetica che mette le apparenze al primo posto. Un nuovo arrivo in città gli permette di guardare al futuro con rinnovata fiducia, per cercare di raggiungere un equilibrio tra la propria forte interiorità, scossa dalle avversità della vita, e la leggerezza necessaria per apprezzare la semplicità delle cose belle.


Titolo: Auxarian

Autore: Francesco Bellia

Collana: Mondi

Pagine: 100

Prezzo: Euro 9,90

Trama: Un uomo senza nome e senza passato approda ad Auxarian, la terra in cui i sogni diventano realtà. È un luogo meraviglioso, avvolto dal mistero, dove gli abitanti, i Sognatori, possono creare qualsiasi cosa con il solo potere dell’immaginazione. Dopo essersi invaghito di una donna di nome Ara, Senza Nome scopre i grandi poteri creativi della propria mente e viene accolto dai Sognatori, diventando uno di loro. Ma la terra in cui è approdato nasconde terribili insidie come le dure leggi istituite. I sovrani si rivelano cinici e dispotici, sottomettono i Nativi, come se si trattasse di una “razza” inferiore, e il Vegliardo, un uomo malvagio dal volto sconosciuto, è un cospiratore che provoca terribili temporali per distruggere sogni e creazioni. Da luogo di meraviglia a luogo di orrore e menzogna, soltanto alla fine Auxarian rivelerà i suoi segreti e la sua misteriosa origine.


Cosa ne pensate? Fatemi sapere se c’è qualcosa che vi piace, che sono molto curiosa. Vi aspetto come sempre.

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #98 – UN TE’ ALLA ZUCCA DI JANE ROSE CARUSO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci con una nuova segnalazione per voi! Spero che anche stavolta, come tutte le volte, il libro proposto possa interessarvi! Vi lascio tutti i dettagli, come sempre fatemi sapere cosa ne pensate qui sotto:

Titolo: Un te’ alla zucca

Autore: Jane Rose Caruso

Serie: #1.5 Miss Garnette Catherine Book cooking
Editore: Self-Publishing
Genere: Racconti

Uscita: 31 Ottobre 2018

TramaSta arrivando la fatidica notte del 31 Ottobre e la magica ‘Pumpkins Dinner’ è vicina. La zucca, con le sue mille sfumature, impreziosirà ogni ricetta, accompagnando
l’arrivo della stagione invernale. A Beltory ci si prepara al grande evento, quando una strana malattia colpisce proprio le zucche! Cosa sta succedendo? Ancora una volta gli abitanti chiederanno aiuto a Miss Garnette Catharine Book e alle sue magiche spezie. Riuscirà anche stavolta a risolvere l’enigma e a ristabilire l’armonia a Beltory?

BIOGRAFIA

Jane Rose Caruso è una blogger a 360° ormai da più di dieci anni si occupa del suo Blog “La Fenice Magazine” e ha aperto da poco un Vintage Blog proprio con il suo nome. Ha frequentato la facoltà di Giurisprudenza. Vive in un paesino abbarbicato sulle montagne con suo marito, suo figlio e tre cagnolini che la seguono ovunque. Ama viaggiare, leggere e fotografare piccoli dettagli.


Fatemi sapere e buon inizio settimana!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #97 – LA GRANDE CASA BIANCA DI MAURIZIO GRAMOLINI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E buon inizio settimana. Oggi iniziamo col botto visto che abbiamo una segnalazione nuova di zecca di un libro che è uscito da poco e che spero vi possa interessare. Come sempre, buona lettura alla scoperta di un nuovo libro:

Titolo: La grande casa bianca 
Autore: Maurizio Gramolini
Pagine: 204 
Data di uscita: 31 ottobre 2018
Prezzo: 18 euro
SinossiIl romanzo, ambientato in un lasso di tempo che va dall’epoca etrusca ai giorni nostri, racconta la storia di un luogo leggendario, in Toscana, che consente il passaggio delle anime dei morti. Il flusso si blocca e la famiglia residente sul colle in questione rischia di subirne le conseguenze. Sarà necessario un viaggio in un’altra dimensione, coadiuvato dall’intervento di un potente medium e un estremo sacrificio per chiudere il varco tra la terra dei morti e quella dei vivi.

Quarta di copertina: Una grande casa sulla sommità di un colle a picco sul mar Tirreno, teatro dell’epopea di una famiglia, custode inconsapevole dei segreti di un’antica leggenda, attraverso anni e generazioni, in una Toscana misteriosa e incantata. Dall’Era degli Etruschi, un varco aperto per il passaggio delle anime dei morti…
Un potente medium che catalizzerà le forze nel tentativo di chiudere il varco.
Una lotta epica tra il Bene e il Male, al termine di un terribile viaggio in una dimensione parallela. “…Colle Nitti, silenzioso custode di antichi segreti di vita e di morte.”

ESTRATTO

Il colle
Si staglia nitido sull’orizzonte. L’azzurro del Tirreno, sullo sfondo, a ovest, e la macchia mediterranea delle colline metallifere a est. All’occhio del passante quasi sempre sfugge il bianco della strada sterrata, delle poche curve che rapide conducono alla sommità e altrettanto spesso sfugge il nero metallo del cancello che apre la via alla grande casa bianca. Ma a volte anche l’occhio distratto coglie un movimento, un biancore che si agita in cima al colle, e guardando con attenzione appare, anche se fugacemente, per un solo istante, l’insieme della casa, delle grandi finestre e delle tende bianche che ondeggiano nella brezza, e che per prime hanno attirato il nostro sguardo.  Molto più raramente un passante che si avventuri fino a lambire l’ombra del colle, percepisce quelle sensazioni che si provano entrando in un grande tempio antico, che lascia intuire le imponenti dimensioni del tempo trascorso e le tracce di coloro che, in epoche diverse, ne hanno attraversato le navate. E a volte quel passante così sensibile alza lo sguardo, senza sapere il perché, e per qualche istante osserva Colle Nitti, silenzioso custode di antichi segreti di vita e di morte.
Prologo – Etruria – VI secolo a.C.
Le fiamme delle torce, agitate dal vento, illuminavano la scena, creando ombre in movimento sulla spianata alla cui sommità si trovava il tempio con il suo portale -OH>OM (Mundus), il varco per l’oltretomba. Il suppliziato fu condotto al cospetto del Sacerdote Tagete, innanzi al Mundus; l’uomo, di corporatura robusta, incatenato e circondato da soldati, appariva sereno e del tutto indifferente sia alla propria sorte
che a quanto lo circondava. «Tuchulcha, stai per ritornare negli Inferi ai quali appartieni. Il Mundus del colle di Altraga sarà sigillato con il tuo sangue e tornerà ad essere il varco attraverso il quale i morti lasciano questo mondo, e dal quale nessuno potrà tornare.» proclamò Tagete guardando il suppliziato negli occhi.
«Nessuno potrà varcare il Mundus e tornare nel mondo dei vivi, neanche i demoni come te Tuchulcha.» continuò. E con queste parole aprì il portale del tempio e tracciò con una lancia un solco sulla soglia, a delimitare il Mundus. Tuchulcha sorrise e parlò con la voce di mille bambini: «tu non puoi nulla contro di noi…» il vento aumentò facendosi impetuoso e rischiando di spegnere le torce. «Il varco sarà riaperto.» continuò il demone con voce di moltitudine. Tagete fece un cenno ai soldati che fecero inginocchiare il suppliziato in prossimità del solco sulla soglia del tempio ed estrasse dalla veste un lungo coltello sacrificale. «Demone lascerai questo corpo insieme alla vita che lo abbandonerà e tornerai negli Inferi dai quali sei venuto!» esclamò Tagete afferrando Tuchulcha per i capelli, poggiandogli la lama sulla gola. Il vento si fece tempesta mentre si levarono sempre più assordanti le voci delle moltitudini emesse dal demone: «Non ci fermerete, il varco sarà riaperto. Non oggi. Non domani. Un uomo inconsapevole sarà il fulcro
che aprirà il Mundus e i morti cammineranno sulla terra». E mentre la lama del coltello di Tagete apriva la giugulare di Tuchulcha, o per meglio dire del simulacro umano che il demone aveva posseduto, le grida delle moltitudini non cessavano di uscire dalle labbra del suppliziato, mentre il sangue si riversava sul solco tracciato sulla soglia del Mundus. Incredulo Tagete affondò la lama nel collo, tranciando la trachea e affondando tra le vertebre, mentre le grida assordanti e disumane del demone sembravano aumentare…il sacerdote continuò a infierire con la lama tagliando muscoli e tendini, tirando il cranio per i capelli…fino a che la testa del suppliziato non si staccò completamente dal corpo. Il sacerdote la resse per qualche istante per i capelli, osservando incredulo il volto contorto dalla rabbia con la bocca che ancora si muoveva producendo una terribile cacofonia di voci e versi animaleschi. Terrorizzato come tutti gli astanti, Tagete gettò lontano la testa urlante del demone, afferrò gli anelli dei due grandi battenti e chiuse con un tonfo sordo il portale del Mundus.

BIOGRAFIA

Nato a Milano parecchi anni fa, troppi per dichiararli, dice lui.
Da sempre grande lettore, afferma che scrivere lo ha sempre divertito, infatti, dalle
elementari alle medie, i suoi temi venivano regolarmente pubblicati sui vari giornalini
scolastici. Al Liceo no, pare fosse antipatico all’insegnante d’italiano. Ha tentato le prime pubblicazioni incoraggiato dalla moglie e, dopo che alcuni suoi racconti erano stati selezionati in qualche concorso letterario, ha ritenuto giusto fargliela pagare scrivendo un romanzo di cui lei è coprotagonista, così impara. Lavora in un azienda di Telecomunicazioni nella divisione Information Technology. Suona la chitarra elettrica in una band di musica hard rock anni ’70 con il figlio.


Cosa ve ne pare? Vi piace? Fatemi sapere.

A presto,

Sara ©