SEGNALAZIONE #94 – TI PROMETTO LA FELICITA’ DI LAURA CASSIE.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Ecco una nuova segnalazione per voi cari lettori! E’ venerdì e come sempre io vi lascio qui un nuovo libro. Spero possa interessarvi e piacervi. Eccolo qui:

Risultati immagini per LAURA CASSIE TI PROMETTO LA FELICITàAutore: Laura Cassie
Titolo: Ti prometto la felicità
Casa editrice: Literary Romance 
Prezzo: € 2,99 (ebook)
Genere: New Adult
NUOVA VERSIONE RELOADED nuovi contenuti, nuovo finale
Link pagina autore: https://www.facebook.com/lcassieblog/
Data di pubblicazione: 17 settembre 2018

Trama: Lorena ha subìto un grave incidente: è stata investita. Per lei è inevitabile, ora, avere il controllo delle proprie giornate, delle ore, di qualsiasi attimo. Programma tutto,
annotando con dovizia di dettagli un diario che porta sempre con sé. Ha anche un
blog, che aggiorna spesso, dove mette nero su bianco le emozioni, certa che il suo
passato non sia poi così diverso dagli utenti che la seguono. Per lei, giovane
commessa, nulla può essere lasciato al caso, pena la solitudine. Un giorno, uscendo
dal negozio in cui lavora, è letteralmente travolta da un tizio che fa jogging. Si tratta
di Matt, un musicista, soffocato dalla recente perdita di un amico e arrabbiato con
Dio oltre che con se stesso. Ha bisogno solo di ricominciare, di aprire di nuovo gli
occhi e lasciare che torni a scorrere in lui la voglia di vivere e, perché no,
innamorarsi. A seguito del loro scontro, Lorena perde il diario e, sorprendentemente,
tutti i sogni, i desideri che ha annotato, iniziano ad avverarsi un po’ per volta…

Estratti

LUI – Esiste la casualità? Credo che se alcuni avvenimenti un po’ insoliti accadono,
un motivo ben preciso ci deve essere. Un po’ come Peter Howitt, il regista di Sliding
Doors, che ha brillantemente spiegato nel suo film di come, comunque vadano le
cose, al destino non si sfugge. Non so se si tratti veramente di destino, non mi ritengo
abbastanza ferrato sull’argomento per stare qui a esprimere teorie in merito, ma mi
piace pensare che le coincidenze siano dei piccoli segnali che qualcuno da lassù vuole inviarci. Insomma, faccio cadere a terra una ragazza rovesciando il contenuto della sua borsa, raccolgo tutto meno che la sua preziosa agenda che ritrovo poco dopo e, come se tutto ciò non fosse sufficientemente bizzarro, me la ritrovo in prima fila a un mio concerto.

Vogliamo chiamarle coincidenze? Perfetto, chiamiamole pure così, ma non posso non notarle e non andare incontro a ciò che l’universo sta cercando di dirmi. Devo
conoscere questa ragazza e nel male delle ipotesi, mi sarò solo sbagliato. 

LEI – Mi piace osservare le persone, studiarne le espressioni, i gesti, e Matteo mi
affascina sotto questo punto di vista, proprio perché non è semplice capire ciò che
prova. Una cosa però mi ha colpito, un particolare che conosco molto bene: il dolore.
Sta soffrendo per qualcosa, i suoi occhi parlano per lui e, purtroppo, so riconoscere
certe sfumature negli sguardi perché sono le stesse che scorgo nei miei quando,
davanti a uno specchio, cerco di ignorarle. Ed è per questo che devo mantenermi a
debita distanza, non sono la persona adatta a condividere o vivere certi tormenti:
avrebbe bisogno di qualcuno che lo faccia sorridere mentre io, le persone, posso solo
farle piangere.

Biografia

Laura Cassitto nasce a Torino il 26 ottobre 1993 e, sebbene abbia trascorso tutta la
vita circondata dai paesaggi piemontesi, il legame con le sue terre di origine non l’ha
mai abbandonata. Infatti, tra i suoi fitti capelli ricci e la carnagione scura, risplendono
i profumi e i colori del sud Italia. Laura si appassiona ben presto alle parole e,
crescendo, si immerge sempre di più nei romanzi e nelle storie da essi raccontate. Nel
2015 decide di aprire un blog letterario, “Lettrice Abusiva”, per condividere questa
sua grande passione con tutti gli amanti della letteratura. Nello stesso anno,
intraprende un percorso da autrice con lo pseudonimo L. Cassie. Per la Literary Romance fa il suo esordio con un romanzo romantico e intenso.


Cosa ne pensate? Vi interessa? Fatemi sapere con un bel commentino o con un like!

A presto,

Sara ©

Annunci

SEGNALAZIONE #93 – MILLE FIORI DORATI SUL MARE TRANQUILLO DI SHANMEI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Domani è venerdì ma io ve la lascio oggi perchè non volevo ammassare recensioni una dietro l’altra e come al solito ho una segnalazione bella per voi, che spero possa interessarvi. E’ un racconto ma spero possa incuriosirvi ! Eccolo qui: 

Risultati immagini per Mille Fiori Dorati sul Mare Tranquillo.Titolo: Mille Fiori Dorati sul Mare Tranquillo
Autore: Shanmei
Casa editrice: Selfpublishing
Genere: Fantasy/racconto breve
Formato: solo digitale
Prezzo ebook: 2,99 cent
Disponibile solo su Amazon: QUI 
Pagine: 34

Sinossi:

A volte gli dei passeggiano tra gli uomini, sotto mentite spoglie. Può succedere che Houyi, il dio dell’arco, sceso dal Paradiso sulla terra per aiutare il genere umano, prenda le sembianze di un vecchio cantastorie cieco. E può succedere che un’ eroina cinese che pratica le arti marziali, saggia e coraggiosa ma sventata si dimentichi di una promessa. La storia che leggerete è la loro storia, ma ci saranno anche pirati, un carico d’oppio maledetto, commercianti inglesi malvagi, un pescatore, una strega, tifoni, magia, insomma tutto il meglio del fantasy cinese.


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino o un like se vi interessa! Io vi aspetto.

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #92 – SICE, LE BAMBOLE NON HANNO DIRITTI DI FERNANDO SANTINI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

E’ di nuovo venerdì ed io come di consuetudine in questa giornata vi porto una nuova segnalazione che spero possa interessarvi, colpirvi e piacervi. Ringrazio l’autore per la sua gentilezza e vi lascio qui i dati del suo libro:

Risultati immagini per sice le bambole non hanno dirittiTitolo: SICE Le bambole non hanno diritti

Autore: Fernando Santini

Casa Editrice: Dark Zone Edizioni

Genere: Thriller

Pagine: 224

Data prima edizione Ebook: maggio 2016

Data prima edizione cartacea: 25 ottobre 2017

Sinossi: Il Vice Questore Marco Gottardi ha avuto un passato importante nei reparti operativi della Polizia di Stato. Dopo aver vissuto sulla sua pelle la violenza della lotta alla criminalità si è ritirato a gestire un tranquillo commissariato romano. La sua esperienza e la sua capacità di gestione dei propri uomini non possono, però, essere sprecate. È a lui che i vertici del ministero degli Interni affidano il comando di una nuova unità: la Squadra Investigativa Crimini Efferati. La prima indagine in cui la Squadra sarà coinvolta riguarderà la morte di un regista cinematografico, forse collegata all’uccisione di un adolescente il cui corpo, orrendamente torturato, è stato ritrovato alla foce del Tevere. Nel corso della propria azione investigativa, la S.I.C.E. troverà un alleato, anche se non particolarmente gradito al Vice Questore Gottardi: un’organizzazione segreta denominata ARCO, i cui membri hanno deciso che il fine giustifica i mezzi e che quindi si può usare la violenza per far trionfare la giustizia.

ESTRATTO

L’uomo si rigira sul pagliericcio. Le mani, legate dietro la schiena, gli rendono difficili i movimenti. Con lo sguardo cerca di capire dove sia. Il bavaglio gli crea problemi nel deglutire. Il sole, entrando da uno spiraglio lasciato aperto dai suoi sequestratori, colora di rosso le pareti della stanza facendogli capire che il tramonto si sta avvicinando. «Caro Andrea, siamo svegli?» gli domanda un uomo vestito in una tuta nera e con il viso coperto da un passamontagna. L’uomo lo osserva senza muoversi. Non prova neanche a rispondere, poiché il bavaglio renderebbe incomprensibile quello che lui potrebbe dire.

«Hai ragione, non puoi rispondermi. Non preoccuparti, tra qualche minuto potrai parlare. Ti sarai domandato chi siamo. Noi siamo i buoni e sappiamo in cosa sei coinvolto. Sappiamo dei tuoi film, conosciamo i tuoi interessi professionali. Sappiamo dei tuoi legami con gli Sgulli. Ora ti starai domandando cosa vogliamo da te… Semplice, sappiamo tanto, ma non abbiamo prove. Per alcuni di noi questo non sarebbe un problema e ti infliggeremmo, senza alcun dubbio, una dura pena. Però, per tua fortuna, la maggior parte di noi vuole agire seguendo una diversa linea etica. Quindi, abbiamo bisogno della tua confessione», gli dice l’uomo mascherato continuando a girare intorno al giaciglio. «Sono sicuro che stai pensando che non ci dirai nulla. Voglio tranquillizzarti. Parlerai. Ti chiedo, come favore personale, di provare a resistere a lungo alle richieste che ti faremo. Io appartengo al gruppo di quelli che pensano che dovremmo punirti senza attendere oltre e ci troverò gusto a lavorarmi il tuo corpo mentre dirai di non sapere nulla. Però voglio rassicurarti, non ti permetterò di morire. Sarebbe troppo comodo per te», gli dice facendo cenno a un altro uomo, entrato da pochi secondi nella stanza, con cui si avvicina al prigioniero. I due uomini lo sollevano dal giaciglio e lo mettono su una sedia al centro della stanza. Uno degli uomini gli libera le mani, mentre il secondo prende una catena, che pendeva dal soffitto, e aiutato dal suo compagno, lega le mani del regista per poi sollevarle sopra la testa di Saudelli. «Allora, caro Andrea, ora ti togliamo il bavaglio», gli dice l’uomo mascherato. «Cosa cazzo vuoi sapere?!» domanda il regista una volta liberata la bocca. «Vedo che sei intelligente. Non hai provato a urlare.»


Che ve ne pare? Vi ha incuriosito? Vi piace? Fatemi sapere con un commentino che io vi attendo!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #91 – QUATTRO, IL RISVEGLIO DI LUCA FARRU.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Ecco qui che vi porto una nuova segnalazione, stavolta un fantasy che spero vi catturerà. Presto arriverà la recensione anche per questo volume, non temete e abbiate pazienza ma sono una e in questo periodo ho il pienone di articoli da recuperare e libri da leggere! Ecco qui che intanto ve ne parlo:

Risultati immagini per QUATTRO IL RISVEGLIITitolo: Quattro, Il risveglio
Autore: Luca Farru
Pagine: 334
Editore: Auto pubblicato
Sinossi: Per cinquecento anni, il mondo sovrannaturale e quello degli esseri umani hanno vissuto in armonia. Il regno dei guardiani ha garantito stabilità e giustizia a tutte
le sue fazioni, ma l’equilibrio sembra d’un tratto interrompersi e le paure legate al passato riemergono impetuose. Le forze oscure sono riuscite a scalfire il più potente
incantesimo della storia del mondo magico, ed hanno come obiettivo ultimo, quello di risvegliare il loro padrone, Serafyn, per riprendere il suo piano diabolico da dov’é stato interrotto. Rose, Sybil, Matt e Cody sono quattro sconosciuti apparentemente ordinari, vivono le loro esistenze spensierati, in zone diverse del mondo e non hanno la minima idea di cosa sta per travolgerli. Scopriranno di essere legati indissolubilmente l’uno all’altra, in modo inquietante, e di essere gli ingranaggi fondamentali di un terribile destino comune dove l’oscurità é protagonista. In questa intensa avventura, non potranno fidarsi di nessuno, a volte nemmeno di loro stessi, e lotteranno insieme per
evitare che il mondo intero finisca nelle mani dei demoni. “Il Risveglio” racconta della prima parte del loro viaggio; li conosceremo, ci affezioneremo, incontreremo un sacco di
altri personaggi interessanti ed arriveremo in men che non si dica all’ultima pagina, con un colpo di scena che ci lascerà senza parole. Cosa ne sarà del loro futuro?

ESTRATTO

Singapore
Sybil era a casa di sua nonna; stava leggendo un libro molto interessante mentre sorseggiava una limonata fresca aromatizzata allo zenzero. Trascorreva tanto tempo con Adele, i suoi genitori erano sempre in viaggio per lavoro, e quindi, quella casa, era diventata per lei il punto di riferimento quando aveva nostalgia della sua famiglia. Quella sera aveva in programma di andare al cinema con le sue migliori amiche, c’era un film romantico in uscita che l’aveva catturata fin da quando vide il trailer per la prima volta. “Tesoro, ti preparo qualcosa per cena?” Chiese Adele “No nonna, non ti preoccupare. Esco con Amanda e Taylor, mangiamo un po’ di sushi prima di andare a vedere il film” “Sempre insieme voi ragazze, eh? Quand’è che mi fai conoscere un bravo giovanotto?” “Fosse semplice.. Mi sa che ti devi rassegnare nonna.. In giro con c’è nessuno che va bene per me” rispose Sybil scherzando. (CONTINUA…)

Milano
(…) Non era sicura che quello che vedeva fosse reale; adorava sentirsi così, tutte le preoccupazioni e le insicurezze scivolavano via e la testa diventava più leggera. “Rose, ti senti bene?” Chiese Bryan “Chi sei?” “Sei ancora strafatta, non è vero?” “Ah, sei tu! Lasciami in pace, guastafeste!” “Ora ti riporto a casa, non puoi farti vedere così!” Disse l’uomo tirandola su di peso “Ma ho bevuto solo un cocktail, vattene!” “Io ti amo piccola, ma questa storia deve finire; domani ti
porto in riabilitazione” Rose si aggrappo’ a lui e si incamminarono verso l’uscita; si
voltò verso le poltrone, la ragazza bionda era ancora lì, sembrava che la fissasse ma non riusciva a metterla a fuoco.

New York
Matt si era appisolato sul divano; erano giorni che cercava di concludere l’editing del libro, ma quell’ultima fase, era quasi più complicata di tutto ciò che aveva già fatto. Gli apparve in sogno una ragazza, era alta e bionda, aveva dei curiosi occhi dal colore indefinito che virava al viola, ed un vistoso ciondolo che le sbucava dalla camicetta. “E così tu sei uno di loro” “Parli con me? Chi sei?” Chiese Matt
“Non importa, devo andare ora” rispose la ragazza con un filo di voce (CONTINUA …)

Vancouver
(…) Ad un certo punto, i rami e le foglie lasciarono spazio ad un’ombra diversa; riuscì a distinguere l’immagine sfocata di una persona. Si inginocchiò per osservarla meglio, ma un bambino che giocava a pochi metri da lui, tirò un sasso e l’acqua si  Increspo’ cancellando ogni traccia. “Eccomi, scusa il ritardo” esordì Jason
Cody si voltò, fece un respiro profondo, ed iniziò a recitare il discorso che si era preparato.


Cosa ve ne pare? Spero che vi incuriosisca e che vi possa piacere. Voi potete lasciarmi le vostre opinioni, come sempre!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #90 – E ALLA FINE C’E’ VITA DI DAVIDE ROSSI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi porto con me una nuova segnalazione e la porto di mercoledì perchè sono in arrivo tantissime altre novità per voi. Un libro uscito da qualche mese per una piccola casa editrice che sembra molto interessante. E quindi, spero possa incuriosire anche voi. Eccolo qui:

Risultati immagini per E alla fine c'̬ la vita" - Pubblicazione : Maggio 2018 - Autore: Davide RossiTitolo: E alla fine cՏ la vita
Pubblicazione : Maggio 2018
Autore: Davide Rossi
Casa editrice: Apollo Edizioni
Pagine: 180
Prezzo: 9 euro
SinossiMarco si sveglia dopo l’ennesima notte di eccessi. Marianna vomita in un bagno
dell’università. Mario si ritrova bloccato in un letto di ospedale. Marika finisce a
letto con un professore. Tante vite che si bruciano, annientandosi con tutto ciò che è legale ed illegale, alla ricerca disperata di un’altra boccata di ossigeno. – Quale futuro mi riserva la vita?- pensa senza mai dirlo Marco. Osserva Marika, invece della lezione, fantastica su di lei, se ne innamora. Si innamora dell’idea di vita con lei. La insegue durante una delle mille feste, salvo perderla per sempre. Marianna vive la propria vita senza limiti. Si concede ai ragazzi. Ama le griffe, l’estetica, l’apparenza le illude la vita. La realtà le serve il conto facendole scoprire che aspetta un bambino. È innamorata di Marco, ma la loro relazione è finita lasciando dei conti in sospeso fra i due. Ora aspetta un bambino, e pensa sia suo. Mario frequenta l’ateneo da pendolare. Ha un’esistenza quieta e fatta di pochi fronzoli. Ha litigato con Marco perché ha frequentato Marianna. Ora, dopo un malore, la malattia e l’ospedale capisce che la vita è molto di più che tenersi a galla. Marika è una ragazza spagnola, arrivata a Pavia grazie ad uno dei tantti
progetti Erasmus. Lavora e studia. Una routine che non le lascia grande spazio per
una vita sociale amplia. La rottura con Jorge la spinge ad intraprendere un viaggio
nei party bagnati dall’alcol e animati dalle droghe. Finirà in coma dopo un
incidente stradale. Si riprenderà qualche giorno dopo, desiderosa di cancellare
quella parentesi frenetica dai suoi ricordi.  Un caleidoscopio su tante giovani vite, intrappolate dall’ansia di vivere la vita al massimo. Il raggiungimento dell’abisso li spingerà a riemergere, obbligandoli a prendere decisioni drastiche.
Introduzione del romanzo letta da Valter Zanardi

BIOGRAFIA

Davide Rossi è nato il 18/01/1985 ed è cresciuto in un piccolo paese della
provincia di Pavia, Sant’Angelo Lomellina.
Nonostante gli studi di natura prettamente scientifica, continua a coltivare due
grandi passioni che lo accompagnano fin dalla tenera età: il cinema e la scrittura.
La stesura di varie sceneggiature rappresenta dunque un’evoluzione naturale e una
di queste, scritta a sei mani, risulta nel film “Benvenuti a casa Verdi” del 2013
(Muccapazza film).
Parrallelamente all’esperienza cinematografica inizia una fase di sperimentazione
che l’ha portato a partecipare a diversi concorsi letterari con racconti brevi, poesie
e saggi. “E alla fine c’è la vita” nasce in seguito, e dall’unione, di tutti questi percorsi.


Cosa ve ne pare? Vi interessa? Vi piace? Aspetto vostre opinioni!
A presto,
Sara ©

SEGNALAZIONE #89 – LE CENERI DELLA FENICE, THE FADE DI JANE FADE MERRICK.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui con una nuova segnalazione che spero possa interessarvi. Vi parlerò di questo libro più avanti visto che lo leggerò e vi farò una recensione. Sono davvero curiosa e spero possa incuriosire anche voi. Ecco tutti i dati:

Risultati immagini per Le Ceneri della Fenice - The Fade"Autore: Jane Fade Merrick
Titolo: Le Ceneri della Fenice – The Fade
Genere: Narrativa generale | Slice-of-life | Donne contemporanee
Età: +14
Pagine: 196
Formato: 15x21cm
Editore: Youcanprint (autopubblicato)
Prezzo: € 13,00
Ebook: € 2,99
TramaFade è una ventiquattrenne che vive per strada fra i disagi e i pericoli di una metropoli che ingoia chiunque non tenga il passo con il suo ritmo, con l’unica compagnia di un paio di rollerblade malandati con i quali tenta la fuga dalla sua stessa realtà e un coltello da cucina che brandisce contro chiunque rappresenti un pericolo. Per una serie di coincidenze, che poi coincidenze si scopriranno non essere, incontra un bambino dallo sguardo stralunato e i capelli tinti di rosa che comincia a seguirla dappertutto nel vano tentativo di stringere amicizia con lei. Il ragazzino si presenterà come Jag e, dopo averla messa alle strette, le proporrà di partire insieme a lui per raggiungere una delle band più popolari del pianeta: i Momuth – di cui è fan sfegatato – per diventare il loro finanziatore maggioritario. Con stupore della ragazza, il moccioso mostrerà di avere mezzi e liquidità per attuare il suo strambo piano. Arrivati a destinazione incontreranno Nef, leader della band, il quale entrerà a far parte di un gioco più grande di lui. “Le Ceneri della Fenice – The Fade” si impernia sull’aspetto introspettivo dei personaggi e i loro modi diametralmente opposti di confrontarsi con se stessi per relazionarsi col mondo circostante. La forzata coesistenza dei tre protagonisti li spingerà ad affrontare una diversa visione della realtà, a rivedere le proprie radicate convinzioni e a reagire di conseguenza. Si toccano temi quali la vita, la morte, le difficoltà all’uniformarsi alle regole societarie, la consapevolezza delle proprie scelte e la volontà di portarle a termine.

Personaggi

Fade – Età: 24
Il suo vero nome è Jane Merrick ma questo nessuno lo sa. Se ne va in giro per la città su dei rollerblade malandati, rubando per sopravvivere e portando con sé un coltello da cucina per minacciare chiunque provi ad avvicinarla. Scontrosa e sfuggente, le è stato affibbiato il soprannome “The Fade”. Spesso si accrocca una ridicola acconciatura a metà strada fra il punk e il freak, che la gente trova utile per avvistarla da lontano e cambiare strada. Sulla gamba sinistra una spettrale cicatrice le ricorda ogni giorno chi è e perché si trovi in quelle condizioni. Incontrerà Jag, ragazzino petulante che le metterà sottosopra la vita.

Jag – Età: 10
Il suo vero nome è Nathan Obraz, ma si presenta a tutti col nome di Jag.
Iperattivo e petulante come dovrebbe concernere a un moccioso della sua età, se non fosse che se ne va in giro con i capelli tinti di rosa, un camice da scienziato in miniatura e un sorriso da psicopatico stampato sul volto. Nonostante la sua giovane età, ha ben chiari gli obiettivi nella sua vita, purtroppo questi prevedono lo stravolgimento delle vite altrui solo per soddisfare i suoi primordiali capricci di bambino.

Nef – Età: 34
Nome completo Neffen Shaw. Componente di una band musicale di fama planetaria conosciuta con il nome di Momuht e, come tale, se la tira da morire. Si incasina l’esistenza per un messaggio lasciato su internet da ubriaco, un messaggio talmente strambo che non si sarebbe mai aspettato che qualcuno lo potesse aver letto e decifrato. Si dovrà ricredere il giorno in cui Jag e Fade entreranno con prepotenza nella sua vita, ritrovandosi a dover gestire un bambino con manie di onnipotenza e un’ingestibile stramba sui roller. Praticamente non capirà niente di cosa sta accadendo fino alla fine
del romanzo. Momuht La band di Nef è composta da esseri di specie faunistica senziente e si chiamano rispettivamente Ted, Joanna e Jess.

Ted è il chitarrista e colui che compone gran parte delle canzoni, è emo da far schifo, con perenne ciuffo spiaccicato davanti alla faccia che sembra che l’abbia leccato una mucca, è in continuo conflitto verbale con Nef causa opposte visuali di vita, viene sgridato in continuazione. Però è bravo a suonare. Ha una tresca segreta, ma non troppo, con Joanna.

Joanna è la cantante. Piccola e grintosa, vagamente goth nel look, ama tutto quello che è riferito alla cultura giapponese (in altre parole il cibo e i cartoni animati), per questo le è stato appioppoato il soprannome di Sushi. Sta sempre appiccicata allo smartphone per messaggiare, ma quando canta lo fa per bene.

Jess è il batterista spilungone. Ha un’ego smisurato (persino più di quello di Nef), è sboccato e dice chiaramente quello che pensa in faccia (e la maggior parte delle volte ciò che pensa è offensivo). Anche se ha il ritmo nel sangue, ha un debole per la musica classica.

Immagine correlata

L’autrice

Jane Fade Merrick è lo pseudonimo che usa l’autrice nel tentativo di rimanere anonima.
Scrittrice per diletto, crede nel self-publishing come reale mezzo di pubblicazione, non come mero ripiego alle case editrici tradizionali.

Dove trovarlo 
Gratis e completo: https://www.wattpad.com/user/janefademerrick
Cartaceo e ebook

Youcanprint: https://www.youcanprint.it/fiction/fiction-generale/le-ceneri-della-fenice-the-fade-9788892646766.html

Feltrinelli: http://www.lafeltrinelli.it/libri/jane-fade-merrick/2145923
Amazon: https://www.amazon.it/ceneri-della-fenice-Fade/dp/8892646761
IBS: https://www.ibs.it/ceneri-della-fenice-the-fade-libro-jane-fade-merrick/e/9788892646766


Cosa ne pensate? Fatemi sapere se interessati e se vi ha colpito! Io sono qui che aspetto opinioni!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #88 – SENZA FAR RUMORE DI RICCARDO CASTIGLIONI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi apro la settimana con una nuova segnalazione perchè ho tantissimi eventi per voi e questo articolo è stato anticipato e spero che vi interessi. Vi riporto tutti i dati e per i più curiosi in fondo c’è anche l’estratto! Ecco qui:

Risultati immagini per Senza far rumore riccardo castiglioniTitolo: Senza far rumore

Autore: Riccardo castiglioni

Copertina flessibile: 272 pagine

Editore: La Ponga (30 giugno 2017)

Collana: Nessun alibi

Lingua: Italiano

ISBN-10: 8897823610

ISBN-13: 978-8897823612

Link acquisto: QUI

Pagina Facebookhttps://www.facebook.com/SFR.SenzaFarRumore/

SINOSSI: Una vita senza far rumore quella di Antonio, anziano insegnante di Liceo, con l’unica compagnia di Lele, suo amico di sempre. La vita di Antonio cambia quando conosce online Claudia, giovane studentessa universitaria amante dei libri come lui, ma un equivoco interrompe la loro amicizia. Antonio dovrà però rintracciarla quando un’ombra minacciosa ricompare dal passato. Antonio è costretto a lasciarsi alle spalle la sua esistenza apatica e senza scosse per fare una cosa per lui impensabile: diventare un “uomo d’azione”.

Risultati immagini per Senza far rumore riccardo castiglioniBREVE BIO

Riccardo Castiglioni è nato nel 1971 a Busto Arsizio, dove risiede. Laureato in Economia e Commercio, è direttore finanziario di una società del settore Ottico. E’ sposato e ha due figlie. Senza Far Rumore, il suo romanzo d’esordio, è stato selezionato per concorrere al Premio Scerbanenco 2017.

ESTRATTO

Nessuno si ricordava a lungo di lui: lo sapeva bene da tempo. Era un uomo a basso peso specifico, come si definiva con una punta di autoironia. Di quelli che percorrono le pagine del mondo senza fare rumore, incapaci di lasciare una traccia. Questa etichetta lo aveva accompagnato per tutta la sua esistenza adulta. Non avrebbe saputo dire quando la sua rarefazione fosse cominciata: era sempre stato un ragazzo timido, forse poco incline all’ottimismo ma capace di farsi trascinare dagli altri quando era il caso. Della sua giovinezza rammentava momenti di vera allegria, briciole di spensieratezza; perfino sporadici attimi di brillantezza come in quelle estati in campagna, ospiti nella casa di nonna. Una combriccola di cugini di vario grado che gli piaceva capitanare in un mondo di soli bambini di cui lui era il maggiore, ciò che ne faceva il più alto in grado. Una vita normale – quella che a lui appariva normale; solo, forse, un po’ troppo monotona. Dopotutto, rifletté, la vita e le sue cadenze non erano quasi cambiate nei suoi primi sessantadue anni. Aveva trovato rifugio nella scuola che aveva frequentato: prima come studente, poi in veste di insegnante. Con gli anni era divenuta la sua vera casa; forse più ancora del minuscolo alloggio su due piani nella casa di corte dove aveva sempre vissuto e che aveva riscattato dopo anni di affitto. La scuola lo aveva accolto nel suo grembo materno e lui vi si era lasciato cullare come un figlio. La sua esistenza era stata una lunga teoria di eventi ripetitivi: scuola da lunedì a sabato, riposo e visite parenti la domenica. Da un settembre a un altro passando per Ognissanti, Immacolata, Natale, Capodanno, Carnevale, Pasqua, Venticinque Aprile e Primo Maggio. Primo e secondo quadrimestre in un fiato. L’Estate, che sembrava non dovesse finire mai e che invece cedeva presto il posto alle brezze di settembre. Lungo il fluire immutabile degli anni scolastici il Professore aveva attraversato l’adolescenza, era diventato un giovane adulto e poi un adulto meno giovane. Infine aveva cominciato a invecchiare, ingrigendo e quasi scolorendo insieme ai muri intonacati delle aule che conosceva così bene.


Cosa ne pensate? Vi piace? Io come sempre aspetto le vostre opinioni e vi mando un abbraccio.

A presto,

Sara ©