TRE ANNI DI NOI, TRE ANNI DI MILIONI DI PARTICELLE…

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Tre anni di milioni di particelle

Avevo dimenticato di condividere questa tappa. Ormai sono passati ben due mesi ma siccome – alla buon ora, lo so – me ne sono ricordata, il blog ha compiuto 3 anni. E allora, non si festeggia? Si, semplicemente ho delle cose da dirvi per ringraziarvi di questo tempo che abbiamo passato insieme.

AUGURI A ME! 

Risultati immagini per GIF FESTEGGIA

Ma sopratutto, e ci tengo a dirlo con il cuore,

AUGURI A TUTTI VOI.

Perchè lungo questo percorso con i libri sottobraccio ho incontrato tante belle persone, lettori, amici blogger, autrici e autori, le case editrici e le Digital PR che ogni giorno si spendono per noi. Ho partecipato a fiere, eventi e chi più ne ha, più metta. Sono davvero felice di essere entrata a far parte di questa grande famiglia che porta tante cose belle, discussioni costruttive ed anche cose che magari non ci vanno giù come dovrebbero però è pur sempre importante, a modo suo.

Risultati immagini per GIF grazie

Ringrazio ancora tutti e, ora, non ci resta che festeggiare un pochino. No?



Vi auguro delle buone vacanze, ci si sente domani!

A presto,

Sara ©

BLOGTOUR: LA MIA ESTATE INDACO DI MARCO MAGNONE – VIOLA E LA PAURA.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con un nuovo evento in questa settimana. Sappiate che oggi ci saranno due articoli, ebbene si, perchè arriverà anche una bella recensione di un altro libro. Intanto vi parlo di questo, di cui ringrazio la Mondadori per la lettura in anteprima. Ecco che ve ne parlo e vi parlo della mia tappa:

978880471545hig-628x965Titolo: La mia estate Indaco
Autore: Marco Magnone
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 11 Giugno 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2WA2g2r
TramaViola ha quattordici anni e custodisce un segreto legato al giorno peggiore della sua vita, che lei chiama il Giorno in Cui Ho Toccato Il Fondo. Finora ha sempre passato le vacanze in montagna, in roulotte con i suoi adorati nonni e in compagnia della sua migliore amica. Quest’anno però il nonno è in ospedale e Viola si è appena trasferita con i genitori in una città di provincia dove non conosce nessuno e la vita è grigia anche in pieno agosto. Si preannuncia un’estate da dimenticare, ma un pomeriggio tutto cambia, quando Viola si imbatte in un gruppo di ragazzi e ragazze che giocano a pallavolo e che potrebbero diventare i suoi nuovi amici. Tra loro c’è l’indecifrabile e magnetico Indaco, che sembra nascondere molti misteri e ben presto spinge Viola a sfidare le regole, costringendola a superare le sue più grandi paure.


La mia tappa è questa:

VIOLA E LA PAURA


woman wearing blue jacketViola è una ragazzina davvero in gamba. Si trasferisce in una città di provincia ed improvvisamente tutto per lei cambia. Nonostante questo Viola è fragile e nasconde dentro di se tante piccole paure, anche se quella più grande è legata al Giorno in Cui Ho Toccato Il Fondo.

Viola ha quasi paura di ricominciare, ma chi non ne avrebbe al posto suo? Nuovo posto, nuova città, nuove persone. Trovarsi in un nuovo posto senza conoscere nessuno, senza avere al suo fianco la sua amica Charlie, la fa sentire un vero schifo. Non sa come comportarsi e non sa come fare di nuovo amicizia. 

Viola ha paura di perdere suo nonno. La giovane protagonista ha un legame particolare con suo nonno e, i due, sono quasi impossibili da separare. Solo che ora suo nonno è rimasto in centro ed è malato. I genitori non permettono a lei di andarlo a trovare e lei soffre di non poter condividere anche questi momenti con lui. Ha paura che lui possa andarsene senza neanche averlo salutato, ha paura di non poter condividere le cose belle con lui, i suoi segreti, le sue esperienze.

woman in red and black top lying on water while raising her hand

Viola ha paura di essere giudicata ed il suo peso è la gravante maggiore. Questo è sempre stata l’ancora più grande da sopportare dopo il Giorno in Cui Ho Toccato Il Fondo. Non si sente mai troppo bella o troppo adeguata o troppo giusta per qualcosa. Ma Viola è anche una combattente e lotterà con tutte le sue forze.

Viola ha paura di affogare. Non solo in senso lato. Ha paura di toccare di nuovo il fondo, ha paura di non essere mai abbastanza e di non superare mai tutto ciò che ha dentro. Viola naviga in mare aperto, in mezzo alla tempesta di pensieri e vortici che la metteranno sempre più in difficoltà.

Viola ha paura da quando c’è stato il Giorno in Cui Ho Toccato Il Fondo. Non voglio spoilerarvi in cosa consiste perchè spero vogliate scoprirlo da soli. Il Giorno in Cui Ho Toccato Il Fondo è stato per Viola un’ esperienza traumatica e trovarsi in una situazione in cui deve affrontare la sua paura più grande la metterà in estrema difficoltà.

Viola ha tante paure, è una ragazza fragile ed insicura ma è proprio tutto questo a renderla speciale agli occhi di Indaco. Non posso dirvi di più però, posso augurarvi una buona lettura se deciderete di leggerlo.


Seguite le tappe, mi raccomando, che io vi aspetto!

calendario blogtour


Spero che leggiate tutte le tappe e seguiate gli eventi legati a questo libro. Vi aspetto!

A presto,

Sara ©

EVENTI: SALONE DEL LIBRO DI TORINO, SalTO (9 – 13 MAGGIO 2019)

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci arrivati a Maggio e in questo periodo vedremo il Salone del Libro di Torino, il SalTO, che si terrà dal 9 al 13 Maggio 2019. Chi di voi andrà? Io purtroppo non potrò andare ma spero sia interessante la lista degli eventi che ho qui pronta per voi suddivisa per i nostri editori.Risultati immagini per salone torino

MARSILIO EDITORE

GLI INCONTRI
Sabato 11 maggio ore 17.30
Sala Internazionale 
Sasha Marianna Salzmann
presenta il romanzo finalista al Premio Strega Europeo 2019
Fuori di sé
Introduce Stefano Petrocchi
Dialoga con l’autrice Francesco Pacifico
Tra cronaca familiare e romanzo di formazione, l’esordio letterario di una grande voce internazionale, finalista al Premio Strega Europeo 2019, già finalista al Deutscher Buchpreis e vincitrice del Premio Jürgen Ponto-Stiftung: dalla Russia Sovietica a un campo per rifugiati politici nella Germania occidentale fino all’attuale Istanbul, Sasha Marianna Salzmann racconta la solidarietà e gli sconquassi di una famiglia, e della generazione più giovane dei “vagabondi della patria”, in cerca della propria identità linguistica, politica e sessuale.
Sono sempre stati in due, Alissa e Anton. In due nel minuscolo appartamento di Mosca in cui vivevano con i genitori. In due sul treno che, dopo trentasei ore, li condusse in Germania, in fuga dall’antisemitismo di un’Unione Sovietica ormai in pezzi. In due a scuola, tra gli insulti razzisti dei compagni e il desiderio di trovare il proprio posto nel mondo.
Quando Anton sparisce, l’unico indizio per seguirne le tracce è una cartolina che arriva da Istanbul, e anche se sopra non c’è scritto nulla, Ali sa che è lì che suo fratello si nasconde. Si lascia allora alle spalle la vita a Berlino, lo studio della matematica e gli allenamenti di box, e parte, impaziente di riunirsi al gemello – la persona che condivide i suoi ricordi, il suo specchio. Nella città sul Bosforo, le sue indagini cominciano nel mondo sotterraneo di una metropoli scintillante e tentacolare, profondamente lacerata – tra piazza Taksim e Gezi Park – da una violenza politica senza precedenti. La ricerca di Anton diventa per Ali l’occasione per scavare nella storia della sua famiglia, segnata dalle vicende che hanno scosso l’Europa del Novecento, ma anche dall’alcol e dalla violenza domestica, da incontri fortuiti, matrimoni combinati e grandi storie d’amore. E mentre intorno a lei parole come “casa”, “paese”, “lingua madre” e “genere” non hanno più alcun significato, Ali riesce a scavare anche dentro di sé e a interrogarsi su un corpo in cui non si riconosce, sull’eredità culturale che porta in dote e sui contorni di un avvenire senza certezze e senza confini.
Sasha Marianna Salzmann, Fuori di sé, pp. 352, euro 18,00, traduzione di Fabio Cremonesi, Marsilio 2019

Sabato 11 maggio ore 18.30 
Sala Azzurra
Camilla Läckberg
presenta
La gabbia dorata
Dialoga con l’autrice Marta Cervino
Il primo titolo della nuova serie noir di Camilla Läckberg: dalla regina del giallo nordico, con 23 milioni di copie vendute nel mondo, ecco Faye, una protagonista molto determinata a compiere la sua vendetta.
Faye ha tutto: un marito di successo, una splendida figlia, un bellissimo appartamento a Stoccolma. Ma sotto questa superficie dorata, la sua vita apparentemente perfetta nasconde crepe profonde. Faye è una donna fragile, ha una bassa autostima e deve fare i conti ogni giorno con i segreti di un passato terribile che sperava di aver seppellito a Fjällbacka, l’isola natale che ha lasciato da ragazza. Nemmeno il marito Jack è adorabile come sembra. Faye cerca costantemente di compiacerlo e di anticiparne i bisogni, ma lui la umilia, la sminuisce. E un giorno, tornando a casa prima del previsto, Faye lo scopre a letto con una collega. Il mondo le crolla addosso. A lui ha dedicato la propria esistenza, ha rinunciato a tutto per aiutarlo a fare carriera, ha destinato ogni energia alla vita coniugale, e ora è tutto in frantumi. Come se non bastasse, dopo essere stato scoperto, Jack chiede il divorzio e lascia Faye senza l’ombra di un quattrino. La depressione è dietro l’angolo, eppure questa svolta drammatica le dà la forza per reagire e per far confluire la sua rabbia in un piano preciso: un piano di vendetta.
Camilla LäckbergLa gabbia doratapp. 408, euro 16,00, traduzione di Laura Cangemi, Marsilio 2019

Domenica 12 maggio ore 11.30 
Caffè letterario
Simona Vinci

presenta
Mai più sola nel bosco
Dentro le Fiabe dei F.lli Grimm

Dialoga con l’autrice Chiara Valerio

Simona Vinci reinterpreta un classico della letteratura, guardando con occhi nuovi al bosco di quando eravamo bambini, in un viaggio dentro e fuori “il gusto della paura”. E continua a dire della sua paura e della nostra, svelando perché tutti abbiamo vissuto nelle Fiabe dei fratelli Grimm e come, qualche volta, torniamo a viverci. 

La creatura d’acqua scura che striscia in soffitta è forse il fantasma di un uomo ucciso a Budrio durante la Resistenza e il cui corpo è stato occultato nello stagno. La creatura d’acqua scura somiglia – dal buio nel quale Simona Vinci lo incontra, bambina – alle Cose assiepate dietro i cespugli e che ringhiano nell’udire un rumore di passi, al lupo nei boschi che attende Cappuccetto rosso, agli alberi di ginepro che conservano vita e morte nelle bacche e nei rami, ai briganti antropofagi, ai corvi che sono stati uomini, all’arcolaio di Rosaspina bella addormentata nel bosco, alla mela rossa avvelenata di Biancaneve, alle matrigne tagliagole. La creatura d’acqua scura torna, come le altre, come in una favola, come un gatto nero, famiglio o emissario del male, ad avvertire, salutare, raccontare, raccordare il tempo presente con l’infanzia, le colpe e le assoluzioni, i giochi e i dispetti, i morti propri e quelli degli altri, gli amici perduti e i luoghi ritrovati. I bambini che si crescono con i bambini che si è stati.

Simona Vinci, Mai più sola nel bosco. Dentro le Fiabe dei F.lli Grimm, pp. 160, euro 12,00, Marsilio 2019

Domenica 12 maggio ore 14.30 
Sala Bronzo 
Lorenzo Pavolini
presenta
L’invenzione del vento
Dialoga con l’autore Mauro Covacich

Dalle onde del lago di Bracciano a quelle dell’oceano, la storia di due ragazzi con i capelli al vento che hanno contribuito a costruire l’epica del windsurf in Italia; un romanzo sull’amicizia e sul ventennio col quale si è concluso il Novecento.

Giovanni è un ragazzo di buona famiglia, ossessionato dalle tavole da surf come certi adolescenti lo sono dal sesso; disegna tavole con palme e arcobaleni, onde alte come palazzi. Pietro è il figlio del benzinaio di corso di Francia, a Roma. Entrambi frequentano il liceo Farnese, costruito per l’espansione della borghesia lavoratrice: una scuola che non c’era per una classe sociale che non c’era. Così, alla fine degli anni Settanta, nella capitale del settimo stato più industrializzato al mondo, in piena esplosione del debito pubblico, due ragazzi vivono il sogno del loro “Mercoledì da leoni”, ma con il windsurf, la tavola con la vela che a entrambi permetterà prima di scivolare sull’acqua e poi, piano piano, come per attitudine, sulla vita. Giovanni rientrerà nel percorso da bravo borghese che gli toccava e Pietro rincorrerà le onde fino all’oceano, ciascuno dei due pensando all’altro come all’amico che è riuscito. Perché Pietro ha sì seguito il suo sogno da windsurfer ma si è trovato a incrociare movimenti eversivi che gli impediscono di poter rientrare in Italia, mentre Giovanni ha abbandonato il sogno di essere un campione senza che il sogno abbia abbandonato lui.

Lorenzo Pavolini, L’invenzione del ventopp. 176, euro 16,00, Marsilio 2019

Lunedì 13 maggio ore 15.00 
Sala Rosa 
Massimo Fini e Giancarlo Padovan
presentano
Storia reazionaria del calcio
I cambiamenti della società
vissuti attraverso il pallone

Dialoga con gli autori Giangiacomo Schiavi.

Cartellini dei giocatori scambiati come azioni finanziarie, moltiplicazioni di coppe e tornei, calciatori che sembrano sempre di più atleti olimpici, pay-per-view, var, censura negli stadi e un giro di soldi miliardario: negli anni il mondo del calcio è cambiato radicalmente, e insieme a lui i suoi tifosi, che in un paese ossessionato dal pallone come l’Italia vuol dire la stragrande maggioranza della popolazione. Da rito collettivo nazionale in cui sublimare le proprie passioni e frustrazioni, lo sport più bello del mondo è nei fatti diventato una forma di intrattenimento individuale, da consumare preferibilmente sul divano di casa. Tra storia culturale e autobiografia, lo scrittore Massimo Fini e il giornalista sportivo Giancarlo Padovan raccontano attraverso questi cambiamenti l’imbarbarimento della società italiana, senza più regole né confini, che insieme a Maldini e alle «maldinate» e al Gre-No-Li, il tridente d’attacco tutto svedese del Milan formato da Gren, Nordahl e Liedholm, ha perso il rispetto sacro per la partita, che per metà del secolo scorso è stata forse il raro momento in cui, al di là delle differenze sociali, per novanta minuti ogni domenica gli italiani potevano sentirsi tutti uguali.

Massimo Fini, Giancarlo Padovan, Storia reazionaria del calcio. I cambiamenti della società vissuti attraverso il pallone, pp. 264, euro 16,00, Marsilio 2019


Lunedì 13 maggio ore 11.00 
Sala Oro 
Nell’ambito del progetto del Salone
Adotta uno scrittore

Marina Mander
presenta il romanzo candidato Premio Strega 2019
L’età stranieraLeo non studia molto, ma è bravo a scuola. Non fuma tanto, ma un po’ d’erba sì. Ha una madre, Margherita, che lavora come assistente sociale e un padre che è stato matematico, è stato intelligente, è stato vivo l’ultima volta nel mare e poi è scomparso tra le onde con il pigiama e le ciabatte. Leo odia i pigiami, le ciabatte e non si fida più del mare, forse di nessuno. Odia tutte le cose fino a quando nella sua vita non arriva Florin, un ragazzino rumeno che non studia, non ha una casa, non ha madre né padre – o magari sì ma non ci sono – e si prostituisce. Florin si prostituisce e la madre di Leo decide di ospitarlo, sistemandolo nella camera del figlio, perché l’appartamento è piccolo e perché «forse potete farvi bene l’un l’altro». Leo che non ha mai fatto l’amore con nessuno e Florin che fa l’amore con tutti condividono la stessa stanza. Leo pensa di odiare Florin, che comunque è meglio di una cosa, è vivo. Leo è tutto cervello e Florin è tutto corpo: questo pensa Leo, che racconta la storia. La “scimmia” lo chiama, come una delle tre scimmiette: Iwazaru, quella che non parla. In realtà entrambi i ragazzi sono ancora forti di una fragile interezza, perché sono adolescenti e hanno ferite profonde ma corpi e sentimenti giovani. Comincia così, tutta storta, l’avventura del loro viaggio a occidente, fra estraneità e appartenenza: mistico per Leo – in continuo contatto con un tribunale immaginario che cerca di convincerlo di avere ucciso il padre – e fisico per Florin – in balia di uomini violenti in un mondo più violento ancora. Scritto in una lingua immaginifica e ironica, intelligente e musicale, L’età straniera racconta un mondo vocale: è nelle voci che questa storia e tutte le storie si sviluppano – le parole di Florin che mancano, quelle in cui Leo si rifugia.Marina Mander, L’età stranierapp. 208, euro 16,00, Marsilio 2019

NEWTON COMPTON

SABATO 11 MAGGIO ORE 13.30 

Caffè Letterario
IL ROMANZO ROSA SALVERÀ L’EDITORIA?

I romanzi rosa sono tra i più attesi dalle lettrici e trainano vendite e mercato.Perché allora la critica letteraria li classifica come opere di serie B? Come sono cambiate negli ultimi anni storie e protagoniste? Ne parliamo con due regine del romance.

Intervengono Anna Premoli Felicia Kingsley

Coordina Martina Donati


SABATO 11 MAGGIO ORE 15,00

Stand V34-W33  di Newton Compton Editori  Padiglione Oval  

LE REGINE DEL ROMANCE

Firmacopie delle autrici :  FELICIA KINGSLEY • LF KORALINE • TANIA PAXIA • ANNA PREMOLI • ROBIN C. • CASSANDRA ROCCA • LUCREZIA SCALI • NICOLE TESO • ANNA ZARLENGA


SABATO 11 MAGGIO ORE 17.30 
Arena Bookstock

CHI VUOL ESSER LIBRONARIO?

Da Manzoni a Dumas, da Jane Austen a Dostoevskij.

Il primo QUIZ LETTERARIO al Salone del libro di Torino per festeggiare i 50 anni della casa editrice Newton Compton  In regalo 100 LIBRI al vincitore 

Condotto da Wow Eventi


CI TROVATE AL PADIGLIONE OVAL  – STAND  V34-W33


DELRAI EDIZIONI

Anche quest’anno la Delrai Edizioni parteciperà alSalone Internazionale del Libro di Torino,
che si terrà dal 9 al 13 Maggio.
Potete trovarci al Padiglione 3, Stand Q29.

Sabato 11 Maggio
gli autori Delrai Edizioni saranno disponibili per firmare le copie
dei loro romanzi


ASSOCIAZIONE CULTURALE NATI PER SCRIVERE.

L’associazione “Nati per scrivere” ha il piacere di informarvi che una piccola, ma combattiva, delegazione di NPS Edizioni sarà presente al Salone del libro di Torino, che si terrà dal 9 al 13 maggio 2019 presso il Lingotto Fiere.
Ci troverete, con tutti i nostri libri in catalogo, allo stand G112-H113, nel padiglione 2, ospiti allo stand della Dark Zone, in particolare con le ultime novità, che riepiloghiamo qua sotto, qualcuna disponibile prima ancora dell’uscita ufficiale sul mercato:
– Il mistero di Virginia Hayley, romanzo gotico di Alessio Filisdeo
 Bestie d’Italia, il nostro progetto di recupero e valorizzazione del folclore italiano
– Quando Betta filava, antologia di racconti fantastici di Alessio Del Debbio, ispirati al folclore e leggende toscane
– Tito il dito e l’alieno scoppiettante, nuovo libro per bambini di Maria Pia Michelini, con disegni di Luciana Volante
Saranno presenti anche alcuni autori, per incontrare i lettori e firmare copie dei loro libri:
– Alessio Del Debbio: dal 9 al 13 maggio
– Romina Lombardi: dal 9 al 13 maggio
– Daniela Tresconi: dal 10 al 12 maggio

– Luciana Volante: dal 10 al 11 maggio


Salone Internazionale del Libro – Torino
Le proposte Rizzoli e Fabbri ragazzi

Sofia Rhei
MORIARTY E IL MISTERO DEL DODOChi era da piccolo James Moriarty, genio del male nonché arcinemico di Sherlock Holmes?Venerdì 10 maggio ore 11.30
bookstock village – Sala El Dorado

Luigi Garlando
IL MESTIERE PIÙ BELLO DEL MONDO. FACCIO IL GIORNALISTA

La passione, l’intraprendenza e un pizzico di fortuna hanno caratterizzato la carriera dell’autore che la racconta in questo libro tra aneddoti divertenti e consigli utili per aspiranti giornalisti

Venerdì 10 maggio ore 13.30
bookstock village – Sala El Dorado

Riccardo Gazzaniga
ABBIAMO TOCCATO LE STELLE

Da Gino Bartoli a Alex Zanardi, da Tommie Smith a Věra Čáslavská, 
storie di campioni che hanno cambiato il mondo

Lunedì 13 maggio ore 13.30
bookstock village – Sala El Dorado

UNA FIABA PER OGNI EMOZIONE

A cura di 
Stefania Andreoli

Dai Tre porcellini ad Alì Babà passando dal Gatto con gli stivali a La Sirenetta. Le fiabe classiche riviste partendo dalle emozioni

Giovedì 9 maggio ore 11.45
bookstock village – Lab Nati per leggere

Salone Off – incontri a scuola

Davide Morosinotto
VOI
Una storia avventurosa e fantastica che parla di diversità ma anche di condivisione, tolleranza e del legame con la terra
Venerdì 10 maggio ore 10
incontro a scuola con l’autore
Christian Hill
IL LADRO DEI CIELI
Un romanzo ispirato alla storia vera del dirottatore D.B. Cooper, 
unico caso irrisolto della storia dell’aviazione americanaLunedì 13 maggio ore 9
incontro a scuola con l’autore

DEAGOSTINI

Giovedì 09/05

ore 10.30 Francesco D’Adamo presenta Il muro con Eros Miari, Sala El Dorado – DeA
ore 11.30 Nicky Singer presenta Il confine con Marco Magnone, Sala El Dorado – DeA Planeta
ore 18.30 Carlo F. De Filippis presenta Il dono con Stefano Izzo, Sala Rosa – DeA Planeta
ore 18.30 Ciro Auriemma Renato Troffa presentano Piove deserto, Stand Sardegna – DeA Planeta

Venerdì 10/05

ore 11.45 Mel Elliott, laboratorio per bambini su La bambina con due papà presso Laboratorio Lilliput  – De Agostini
ore 12.30 Fabio Chiusi presenta Io non sono qui con Francesco Pacifico presso Caffè Letterario – De Agostini
ore 13.30 Carlo Pestelli presenta La Lingua feliz con Adrian Bravi e Enrico Ganni, Sala Ciano – Utet
ore 13.30 Alessandra ViolaRosalba Vitellaro presentano La stella di Andra e Tati, interviene Tatiana Bucci presso Sala Atlantide – De Agostini
ore 16.30 Daniele Cassioli presenta Il vento contro con Damiano Tommasi presso l’Arena Bookstock – De Agostini
ore 18.00 premiazione Fai viaggiare la tua storia al Circolo dei Lettori, via Bogino 9 – Libromania
ore 19.00 Enrico Pandiani presenta Polvere presso la Sala Argento. Intervengono Anna Maria Mantovani, Patrizia Sciana e Marina Verna – DeA Planeta

Sabato 11/05

ore 13.30 Francesco Mandelli presenta Mia figlia è un’astronave presso la Sala Bianca – DeA Planeta
ore 16.00 Daniele Cassioli presenta Il vento contro presso il carcere di Novara, SALONE OFF – De Agostini

ore 16.30 Simona Sparaco presenta IN ANTEMPRIMA Nel silenzio delle nostre parole presso la Sala Viola.
Introduce Nicola Lagioia. Intervengono Fabio Geda, Michela Marzano e Rosaria Renna – DeA Planeta

ore 16.30 Francesco Mandelli presenta Mia figlia è un’astronave nel carcere di Asti, SALONE OFF – DeA Planeta

Domenica 12/05

ore 11.00 Roberto Emanuelli – incontro presso il nostro stand – DeA Planeta
ore 11.30 Francesca Pieri presenta Bianca con la Fondazione LIA (reading al buio) presso la Sala Indaco – DeA Planeta
ore 12.30 Francesca Pieri presenta Bianca con Annalena Benini presso Sala Bronzo – DeA Planeta
ore 11.30 Mel Elliott presenta La bambina con due papà con Enrico Galiano e Matteo Bussola presso Arena Bookstock – De Agostini

ore 14.30 New school – firmacopie presso il nostro stand – De Agostini

Lunedì 13/05

ore 10.00 Beatrice Venezi presenta Allegro con fuoco presso Liceo Cavour, SALONE OFF – Utet
ore 10.30 Alessandro Q. Ferrari, laboratorio per bambini di Penny dice no! presso Laboratorio Lilliput – De Agostini
ore 15.00 Marta Perego presenta Le grandi donne del cinema presso l’Università degli Studi di Torino (seminterrato Palazzo Nuovo) Auditorium Quazza, SALONE OFF – De Agostini


FANUCCI


FAZI EDITORE

I nostri eventi al Salone del Libro di Torino


GARZANTI


Ci andrete? Fatemi sapere, mi raccomando 😀 

A presto,

Sara ©

BUONA PASQUA DA Milioni di Particelle!

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi non ci saranno post relativi a libri o chissà cosa, voglio utilizzare questo posto solo per farvi i miei più sinceri auguri di Pasqua e per avvisarvi dei giorni in cui il Blog resterà a riposo.

Di domenica sapete che non pubblico mai nulla quindi il giorno di Pasqua sarei stata comunque ferma. Lunedì ci sarà un bellissimo evento che spero voi seguiate. Altro giorno in cui sarò ferma è il 1 Maggio. Il 25 Aprile ci sarà comunque un post e spero che continuiate a leggermi anche nei giorni di pausa e riposo.

Con questo, voglio farvi un grande augurio di buona Pasqua e… non mangiate troppa cioccolata!

Easter holiday concept with cute handmade eggs, bunny, chicks and party hats in bowl on wooden table

Preparatevi all’arrivo di tante novità librose e a delle novità in fatto di rubriche dal mese prossimo! Non vi spoilero nulla ma avrete il post di presentazione a breve quindi restate sintonizzati, mi raccomando!


Un abbraccio grandissimo!

A presto,

Sara ©

IL SALOTTO DELLE PARTICELLE: INCONTRO GAYLE FORMAN IN MONDADORI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Lunedì 18 febbraio 2019 sono andata in sede della Mondadori a Roma per incontrare Gayle Forman, autrice di Resta anche domani, Resta sempre qui, Il mio giorno Migliore, Laggiù mi hanno detto che c’è il sole e tanti altri. Vi consiglio di sicuro la lettura di Resta anche domani e leggete la Recensione di Il mio giorno Migliore uscita ieri 😀

Risultati immagini per gayle formanAbbiamo fatto tantissime domande all’autrice, con ben 1 ora e trenta di registrazione – che non vi riporterò tutta fedelmente sappiatelo, ma per alcune cose vi farò un riassunto (Abbiate pietà di me).

Si è parlato dell’attivismo dell’autrice, visto che in America è un’attivista politica. L’autrice dice che dopo le elezioni si è iniziata ad interessare molto di politica ed ha partecipato ad organizzazioni che si occupano di cambiare quello che c’è nel paese, cercando di capire quello che vogliono le persone.

“Collegamento tra leggere, scrivere e resistere perchè c’è una mancanza di empatia, c’è un vedere l’altro come una persona diversa da noi. Si tenta sempre di demolire il prossimo e quindi agisco in questo senso e bisogna resistere. E’ molto importante mettersi nei panni degli altri. Il mio intento è cercare di cambiare la politica”

E’ cambiato modo di scrivere dopo tutto questo? E come vede il futuro per i giovani?

“E’ importante scrivere per i giovani, ti da un potere importante. Dopo le elezioni ho sentito il bisogno di esprimere la rabbia come donna perchè dopo le elezioni c’è stata una grandissima espressione di misoginia. In questo ultimo libro infatti parlo di tre protagonisti completamente diversi fra loro ma che hanno molto in comune. E quindi è proprio questo il punto. Mostrare i punti in comune nella differenza. Questa è la mia prima esigenza. La seconda esigenza  è che ho sentito il bisogno di fare qualcosa partecipando ad un’organizzazione che è diventato un lavoro part-time. Non sentirmi confinata soltanto a scrivere e fare qualcosa di concreto. Il mondo oggi è terrificante ed io sono sia pessimista che ottimista essendo una Gemelli. In certi momenti avverto che tutto andrà male visto prima di tutto il cambiamento climatico e la nostra incapacità di porre rimedio. In certi momenti invece, sopratutto quando mi confronto con altri attivisti e le loro azioni sopratutto nei confronti dei giovani, costringono il paese e la gente in generale a focalizzare l’attenzione su ciò che noi chiamiamo Intersezionalità, ovvero l’incrocio fra femminismo, i diritti civili, problemi di razzismo, LGBT+, ovvero quindi questa intersezione di tutti questi problemi che viene affrontata dai giovani in maniera incredibile ed è per questo che sono ottimista. Voi in Europa penserete che sarete pazzi con il problema delle armi in America ma la cosa va contro ogni tipo di buon senso. Non voglio porre tutto l’onere di questo spalle dei giovani ma credo che abbiano una consapevolezza su queste tematiche che se non gli consegneremo un mondo completamente guasto sapranno come gestirlo.


E’ stato chiesto se lei scrivesse di sofferenza, emozioni, disperazione e dolore che ha vissuto o che ha da qualcuno vicino a lei.

“Scrivo di emozioni, emozioni famigliari e che siano universali. Non sono libri dark ma pieni di speranza perchè mostrano dei giovani che si trovano ad affrontare situazioni travolgenti ma che nonostante non sappiano come comportarsi, se si condividono le cose con gli altri si assume molto potere e conforto”.

Gli è stato chiesto se soffre da ansia da prestazione dopo che Resta anche domani sia diventato così famoso, nonostante non sia il primo volume.

Lei risponde ridendo che si. Assolutamente è molto ansiosa. Però dice anche che il successo di un libro è fatto dal 10%  della scrittura del libro e il 90% è il publishing, e molta molta fortuna. Si può controllare solo il 10% e si concentra sulla parte che può controllare, ovvero la scrittura del libro.

978880470274HIG-312x480Personalmente ho fatto due domande all’autrice anche perchè ci sono cose che altri hanno chiesto per me e a cui lei ha risposto, quindi ve ne parlerò comunque, non vi preoccupate. Gli ho chiesto se la musica influenza la sua vita e la sua scrittura come prima domanda. 

“Non sono una musicista. Per l’ultimo libro infatti non ho voluto ascoltare musica perchè mi serviva molta concentrazione. Credo però che c’è qualcosa che nella musica che ha a che fare con uno spazio emotivo profondo che tutti noi abbiamo. Per cui a volte noi ascoltiamo un brano e siamo sopraffatte da una sensazione e da un emozione molto forte. Credo che la musica e l’amore siano fortemente interconnessi. Per questo ho fatto riferimento alla metafora della ragazza che perde la voce perchè credo che in qualche modo la musica ha un significato profondo.”

Come seconda cosa, invece, ho chiesto se sia stato difficoltoso condensare le storie in un solo giorno, come Resta anche domani e Il nostro giorno migliore o meno.

“E’ una grande sfida per me in effetti scrivere storie che sono condensate in un solo giorno, in 24 ore o come nell’ultimo libro in 12 ore, contraendo la time line. Però è bello che si condensi il dramma della storia e che ci sia questo ritmo piuttosto complesso. Adoro questo tipo di esercizio e mi fa concentrare sui punti centrali, sui punti del cambiamento. Non perchè i personaggi cambino in 24 ore perchè poi in realtà la direzione della loro vita cambia dopo sei mesi, un anno. Però, si , è una sfida lavorare su questo arco temporale.”

Se ha dei nuovi progetti?

Risponde che attualmente è un giocoliere e che ha tantissimi progetti in ballo come quello di scrivere un audio libro con un protagonista molto più giovane, target di 10 anni, di questi già descritti ed un romanzo storico ambientato nel 1946. La figlia minore non ha la costanza di leggere un libro e le piacciono audio book e le Graphic Novel e voleva approfondire questo. Ha anche pensato di fare una Graphic Novel con un artista di cui ancora non ha idea ed ha in progetto di fare un distopico femminista. Avremo tante novità, sappiatelo.


9788804646792.1000.jpgCi ha raccontato che lei generalmente scrive da computer e che quando scrive ha un inizio e una fine ma nella parte centrale la costruisce mano a mano facendosi trasportare da ciò che succede e conosce i personaggi mano a mano che va avanti nella storia. Ci ha detto che Resta anche domani nasce come un libro singolo, individuale e poi ha pensato a un sequel perchè i personaggi continuavano a premere per continuare la storia e così ha deciso di scriverlo. Inoltre, scrive ovunque, non solo a casa o in silenzio ma si concentra in silenzio. Ama ascoltare la musica quando non scrive perchè è fonte d’ispirazione, canzoni come Rollin in the Deep di Adele, o Lorde. Ha detto che scrive per un target adolescenziale perchè lei è stata giornalista per una fascia adolescenziale e le piaceva quindi ha continuato a muoversi in una fascia che si conosceva ma che le piaceva. 

Gli è stato chiesto se cambierebbe mai qualcosa delle sue storie e lei risponde che ogni volta che li rilegge cambierebbe sempre qualcosa. Il libro finisce perchè viene pubblicato ma non c’è mai un vero momento in cui è completamente convinta che sia tutto apposto o che tutto sia completamente finito.

Il libro più facile da scrivere è stato Resta anche domani. Non aveva alcuna idea se sarebbe stato pubblicato o meno ed era più semplice perchè in tre mesi lo ha scritto e poi fortunatamente è stata pubblicata. Quello più difficile è stato Il nostro giorno migliore perchè stava vivendo grandi dubbi sulle sue capacità e poi perchè ci sono tre personaggi e sei archi narrativi, il ritmo delle emozioni e la difficoltà di inserire anche cosa succedeva prima. Quindi è stato più difficile.

Ambienterebbe un libro in Italia, di uscire dalla confort zone. Adora Roma e gli piacerebbe molto scrivere qualcosa su Roma.

Le è piaciuto molto il risultato del film ed è rimasta soddisfatta. Quando gli hanno detto che ne verrà fatto un film lei la prima cosa che dice è AUGURI! Ha atteso due anni prima che ne uscisse fuori qualcosa seriamente. Per il personaggio di Mia erano già sicuri di affidarlo all’attrice mentre per Adam c’è stata una selezione e l’attore che è stato scelto si è trovato subito in sintonia con lei. Ha seguito le riprese costantemente e ha dato consigli agli attori così da far conoscere meglio i personaggi quindi quando è finito in realtà aveva già un’idea di come sarebbe stato ed era soddisfatta perchè tutti sono stati dolci e disponibili nei suoi confronti.


Cosa ne pensate? Siete curiosi? Fatemi sapere, mi raccomando!

A presto,

Sara ©

THE BEST OF 2018 – LE MIGLIORI LETTURE DEL 2018.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi mi trovo qui con voi a condividere le migliori letture del 2018 con voi e spero che anche voi vi troviate d’accordo con me in alcune scelte o che magari possiate suggerirmene altrettante. Questa idea nasce da Susy di I miei magici mondi e da Ely de Il regno dei libri che ringrazio per avermi incluso. Per quanto riguarda la grafica, un grazie enorme anche a Francesca di Libri, Libretti, libracci.

Vi farò un recap di una lettura del 2018 che mi ha colpito per ogni categoria che è stata assegnata. Spero possano piacervi e che magari commentiate anche voi con le vostre letture preferite. Ecco qui:

Romance

hai-bussato-al-mio-cuore-x1000

Sicuramente rientra nella categoria Hai bussato al mio cuore di Brittany C. Cherry, un libro non prettamente da 5 balene ma che mi ha coinvolto e che mi ha catturato di sicuro. Trovate QUI la recensione se siete particolarmente curiosi. E’ un libro dolce e romantico, di sicuro apprezzerete.


Narrativa

91dWIhUlFeLPer la narrativa ce ne sono stati diversi che mi hanno colpito, come Ti ho trovato fra le stelle ad esempio, ma quello che mi è rimasto più nel cuore è stato Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman edito Garzanti. Un libro con un personaggio principale particolare, una donna schiva, chiusa e diffidente. Una storia che vi emozionerà ed in cui magari vi ritroverete, perchè Eleanor è un po’ tutti noi. (Recensione QUI)


Thriller

Risultati immagini per il nostro gioco crudele

Un thriller decisamente accattivante, sicuramente ve lo ricorderete, l’ho letto poco tempo fa e ne abbiamo fatto un evento, è stato Il nostro gioco crudele di Araminta Hall edito Newton Compton Editori. Trovate QUI la recensione online che spero vi spinga a leggere questo libro. 


Fantasy

bd2b7-il-principe-crudele-holly-black51shatpauol-_ac_us218_

Sul podio finale del fantasy non potevo portare i migliori due. Visto che non sapevo scegliermi ho deciso di metterli entrambi visto che per un motivo o per un altro entrambi mi sono piaciuti e non vedo l’ora di leggerne i seguiti. Sto parlando de Il regno del male di Sandro Ristori edito Newton Compton (recensione QUI ed intervista all’autore QUI) per il quale potete trovare la recensione QUI e Il principe crudele di Holly Black portato in italia da Mondadori.

Altri fantasy che ho amato è stata la serie di Rebel di cui devo ancora fare la recensione e spero arrivi presto e The Last Namsara (recensione QUI), libro inedito in Italia, scritto da Kristen Ciccarelli e che spero possiate apprezzare.


Urban Fantasy

41674bZZoKL._SY346_

Non so se possa essere considerato come vero e proprio Urban Fantasy ma è comunque una storia abbastanza fantasy in un contesto urbano, quindi voglio pensarla così e ve ne parlo. Mentre noi restiamo qui di Patrick Ness edito Mondadori è un libro magico, in cui vi immergerete a piccole dosi ma non riuscirete ad uscirne facilmente. Ness ha uno stile particolare e lo apprezzerete sicuramente. Trovate la recensione QUI.


Distopico

schermata_2018-06-11_alle_11-58-46_1024x1024

Non è stato un libro che mi ha fatto particolarmente impazzire, devo essere onesta, ma è stato l’unico Distopico dell’anno e mi faceva piacere comunque parlarne con voi. La prova di Joelle Charbonneau è il primo libro di una trilogia edita Fanucci, distopica e molto particolare. Ciò che mmi ha fatto storcere il naso è che il libro è sembrato un accozzaglia di roba già letta, ovvero una sorta di miscuglio Hunger Games e Divergent per capirci. Comunque la storia si fa leggere, è scorrevole e sicuramente giusta per dargli una possibilità. Nella recensione, che trovate QUI, capirete bene i motivi per cui mi ha colpito e i motivi per cui no.


Steampunk

978880470534HIG-312x480

Macchine Mortali di Philip Reeve è stato l’unico Steampunk che ho letto quest’anno e che mi è piaciuto, quindi presumo di dover inserire in lista questo, visto che non ne ho altri. Ho visto anche il film e devo ammettere che nonostante buona parte delle cose sono completamente inventate lasciando solo la base del libro come storia, ho trovato migliore la soluzione adattata dal film piuttosto che quella del libro. Il libro è edito Mondadori e ne trovate la recensione QUI, che spero possa interessarvi a leggere questa promettente saga.


Retelling

KotB_1600 (1)

Keeper of the bees di Meg Kassel edito Entangled Teen (Recensione IT-EN QUI) ancora soltanto in lingua inglese ed inedito in Italia è stato sicuramente un retelling de La bella e la bestia come non l’avete mai visto, ovvero particolare, originale e unico nel suo genere. La Kassel si fa amare scrivendo una storia con tematiche importanti e con risvolti misteriosi. Ve lo consiglio se leggete in inglese.


Young Adult

611eufnk2b4l

The hate u give di Angie Thomas è uno dei libro che sicuramente ho apprezzato di più in questa categoria. Non che non ce ne siano anche altri ma questo è quello che personalmente mi ha colpito di più sia per la tematica trattata sia perchè è un libro attuale e per i giovani, che tutti dovrebbero leggere. La storia è commovente, forte e incisiva. D’impatto. Spero leggiate questo libro se ancora non l’avete fatto. QUI la recensione.


New Adult

81QwXgOApsL

Begin Again di Mona Kasten, il primo volume auto-conclusivo della Sperling&Kupfer ed è stato un libro molto carino anche se speravo in qualcosa di meglio solo in qualche punto. Una storia d’amore che sicuramente vi catturerà se amate il genere. Trovate la recensione online QUI.


Libri per ragazzi

51euztzc55l-_sx340_bo1204203200_

Tutta colpa delle meduse di Ali Benjamin de Il Castoro è praticamente il libro più bello che ho letto quest’anno. E’ bastato leggere le prime tre pagine per innamorarmi perdutamente di questo libro e portarlo nel cuore. E non ha deluso le mie aspettative. E’ stato un libro carico di emozioni che sono sicura apprezzerete.  Trovate QUI la recensione se siete curiosi e spero che lo siate perchè questo libro merita potenzialmente tantissimo.


Libri per l’infanzia

il-fantastico-viaggio-di-stella-cover1

Il fantastico viaggio di stella di Michelle Cuevas edito Deagostini (recensione QUI) è stato un libro che mi ha emozionato molto. Non perché è una storia per bambini dovrebbero leggerla solo loro, anzi, posso dirvi che questo libro è maggiormente per adulti visto il messaggio che cela dietro la storia. Un libro dolce, dal messaggio potente. Un libro autentico di cui vi innamorerete.


Gialli / Mistery

51p2kmrm6ml

Metto questa categoria insieme perchè sicuramente mi conviene invece di citare tanti thriller visto che comunque non sono tantissimi quelli che mi hanno fatto impazzire quest’anno. Il libro thriller che ho amato è Il gioco bugiardo di Ruth Ware o L’uomo di gesso di C.J. Tudor. Tra i due ho preferito entrambi e non saprei sceglierne uno ma sono entrambi interessanti. Un giallo giallo non saprei sceglierlo al momento. Mi dispiace.


Sci – fi

Risultati immagini per obsidio

978880468559hig-312x480

Obsidio di Amie Kaufman e Jay Kristoff  (QUI) è stato sicuramente un finale degno della serie. Anche Luna 2 di Nick Lake (QUI) è uno dei libri che ho apprezzato di più in questo genere. Entrambi pubblicati da Mondadori sono dei libri che ci trascinano nello spazio, a bordo delle navicelle spaziali, conducendoci in mondi alternativi ed interessanti. 


Poesia

97603-copertina

In tasca la paura di volare di Lorenzo Foltran è sicuramente stato il mio libro di poesie preferite lette quest’anno. Trovate la recensione QUI e sono sicura che se lo leggerete saprete apprezzarlo anche voi come ho fatto io. Un autore raro e particolarmente delicato, dovete leggerlo.


M/M

22544-leolovesaries-italian

Il libro M/M – forse l’unico che ho letto quest’anno anche se ne ho altri due come minimo in lista di questa serie di libri standalone ma con il filo conduttore dei segni zodiacali, è stato Il leone ama l’ariete di Anyta Sunday. Una lettura leggera, romantica e molto interessante. Le trame dei seguenti non mi hanno coinvolto come questa ma spero mi smentiscano e siano delle belle storie. Trovate QUI la recensione se volete saperne di più! Andate a scoprirlo 😀


Graphic novel

51nqvtcjv6l-_sx362_bo1204203200_

Per la sezione Graphic Novel mi trovo a mettere sul podio Non stancarti di Andare di Teresa Radice e Stefano Turconi della Bao, un libro davvero meraviglioso, che nonostante il suo prezzo decisamente elevato, è davvero un libro che si fa amare. Spero che anche voi lo amerete o lo abbiate amato. Trovate QUI la recensione online.


Romanzi storici

51IeXStE2CL

Non è propriamente uno storico ma una fiction storica ma che ritengo colpisca nel segno e sia interessante: Le assaggiatrici di Adolf Hitler di V.S. Alexander edito Newton Compton. Questa è stata secondo me una delle migliori letture storiche che ho fatto assieme a Le quattro donne di Istanbul. Mi ha colpito nel segno e mi ha lasciato un profondo solco nell’anima pensando a cosa possa essere successo nel passato. Alcune frasi usate dall’autore sono ancora ben presenti nella mia mente e vi consiglio assolutamente di leggerlo. Trovate la recensione QUI.


Ucronico

8ad24-46777692_2829578400401182_6562346777133973504_n

Rodion di Beatrice Simonetti è uscito da poco per la Delrai Edizioni e l’ho acquistato appena ho potuto. Ho iniziato a leggerlo in questi giorni e l’ho finito proprio ieri. E’ l’unico ucronico dell’anno se devo dirla tutta e rientra pienamente in questa categoria. La recensione arriverà a breve, non temete.


Ho tolto dalla lista alcune sezioni come l’Erotico ed ogni qualsivoglia tipo di romance che si distanzi dal semplice rosa visto che non ne leggo non essendo il mio genere preferito. Facendo questa lista, inoltre, mi sono accorta di quanti pochi fantasy e fantascienza abbia letto quest’anno e devo assolutamente rimediare nel prossimo! Ecco qui la lista delle partecipanti all’iniziativa:

48221747_317084735577264_6158031097193037824_n


Spero che i libri siano di vostro gradimento, che magari abbiate anche trovato qualcosa di bello da leggere! Lasciate le vostre preferenze nei commenti se volete, vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

PRESENTAZIONE “CHRISTMAS: BOOK AND FOOD.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui per presentarvi un nuovo progetto che vi terrà compagnia da qui alle vacanze natalizie e che spero vi delizierà e vi riempirà oltre di belle letture anche di tante ricette culinarie per il Natale.

47378621_1003058409902391_8868276733665607680_o

Le ideatrici di questo progetto sono Susy de I miei magici Mondi ed Ely di Il regno dei Libri, che hanno progettato questa cosa di Natale molto carina. Francesca di Libri, Libretti, Libracci invece si è occupata della carinissima grafica assieme a loro 😀 Speriamo che questo progetto vi piaccia!

Christmas: Book & food consiste in questo: leggeremo un libro a tema natalizio (vecchio o nuovo non importa) e scrivere la recensione. Nello stesso articolo parleremo poi di una cibaria natalizia – ricetta o no – per rimanere in tema. Spero che la cosa vi incuriosisca, insomma e che vi accompagni dolcemente verso il Natale.

Spero sia tutto chiaro e che vi piaccia. La mia recensione arriverà il 10 Dicembre, con allegata una gustosa ricetta 😀

Eccovi il Calendario dell’evento! Non perdetevelo e seguiteci, mi raccomando:

47578706_1005773069630925_7626358679142400000_o


Vi aspettiamo in tantissimi. Tenetevi pronti a recensioni natalizie e cibi di natae da leccarsi i baffi.

A presto,

Sara ©