RECENSIONE #313 – FERRYMAN, AMORE ETERNO DI CLAIRE MCFALL.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui con una nuova recensione per voi che spero possa piacervi. Ringrazio ancora una volta la Fazi editore per avermi permesso la lettura di questo bel libro in anteprima e vi ricordo che trovate le tappe del BlogTour online, se volete degli approfondimenti al riguardo. Trovate QUI la mia. Ecco la recensione:

41qnpouvxzlTitolo: Ferryman
Autore: Claire McFall
Prezzo: € 16,00 / Ebook: € 4,50

Pagine:  297
Genere: Fantasy YA 
Editore: Fazi LainYa  
Data di pubblicazione:  11 Luglio 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2l7tOz3
Trama: Dylan ha quindici anni e quando una mattina decide di andare a trovare il padre, che non vede da molto tempo, la sua vita subisce un drastico cambiamento: il treno su cui viaggia ha un terribile incidente. Dylan sembrerebbe essere l’unica sopravvissuta tra i passeggeri e, una volta uscita, si ritrova in aperta campagna, in mezzo alle colline scozzesi. Intorno non c’è anima viva, a parte un ragazzo seduto sull’erba. L’adolescente si chiama Tristan e, con il suo fare impassibile e risoluto, convince Dylan a seguirlo lungo un cammino difficile, tra strade impervie e misteriose figure che girano loro intorno, come fossero pronte ad attaccarli da un momento all’altro. È proprio dopo essersi messi in salvo da questi strani esseri che Tristan le rivela la verità… lui è un traghettatore di anime che accompagna i defunti fino alla loro destinazione attraverso la pericolosa terra perduta. A ogni anima spetta il suo paradiso, ma qual è quello di Dylan? L’iniziale ritrosia di Dylan e l’indifferenza di Tristan si trasformano a poco a poco in fiducia e in un’attrazione magnetica tra i due ragazzi che non sembrano più volersi dividere. Arrivati al termine del loro viaggio insieme, Dylan proverà a sovvertire le regole del suo destino e del mondo di Tristan, pur di non perderlo.

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio con l’attesa. Un giovane è in attesa alle pendici di una montagna, vicino ad una galleria. Perché qualcosa sta per succedere. Qualcosa che cambierà la sua vita.

Dylan non appena è riuscita ad avere dei contatti con suo padre non ha potuto fare a meno di voler partire e mettersi in viaggio sul treno che la porta da lui. Qualcosa di incredibile però sta per accadere e lei si ritrova vittima di un incidente ferroviario sotto una galleria nel mezzo delle Highlands, lungo il tragitto per raggiungere suo padre. E’ lì che vede il giovane Tristan che la sta aspettando alle pendici della montagna e Dylan riesce a fidarsi subito di lui, tanto da seguirlo e credere di essere semplicemente scampata all’incidente e di essere uscita dal lato sbagliato del treno.

Quello che sta per scoprire Dylan ha dell’incredibile. Lei è finita nelle Terre Perdute e Tristan è il suo fidato traghettatore che dovrà proteggerla lungo il percorso fino alla porta per l’aldilà. 

Ma cosa ha di diverso Dylan da tutte le anime che ha traghettato fino a quel momento? Può l’amore unire anche nell’aldilà? Cosa succederà ai due lungo il loro tortuoso percorso verso l’aldilà? 

Un déjà-vu. Strinse gli occhi per tentare di capire che cosa avesse scatenato quella sensazione. Da sotto i rami di una grande quercia fece capolino qualcosa di biondo e spettinato. Per un istante, Dylan ebbe la visione sfocata di una macchia di capelli che incorniciavano un viso anonimo, tranne per due incredibili occhi blu cobalto. Il sogno. Prese un respiro, il cuore d’un tratto martellante, ma lo sghignazzare sonoro di un ragazzo infranse l’illusione. La testa si girò rivelando una bocca tesa in un sorrisetto da cui pendeva una sigaretta, socchiusa per lasciar uscire un soffio di fumo.

Immagine correlataLa trama è ben strutturata e di sicuro incuriosisce. Avevo notato il libro già dall’uscita in lingua inglese e da brava lettrice quale sono come potevo lasciarmi sfuggire di leggerlo in italiano. Quando ho saputo che arrivava anche in Italia ero davvero entusiasta. Devo dire che la trama rispecchia molto bene la storia, non eccede coi dettagli ma rene un quadro fedele di ciò che accade. Anche se il finale avrei risparmiato qualche dettaglio per cercare quantomeno di creare un po’ si suspance lasciandolo molto più sul vago.

La copertina italiana è abbastanza in linea con lo stile della casa editrice che l’ha pubblicato ma, se devo essere del tutto sincera, la trovo un pochino orribile. Si salva forse giusto per i colori particolari. Per il resto preferisco senza ombra di dubbio la copertina originale che vedete qui di lato. Voi che ne pensate?

Il titolo è stato lasciato come l’originale. E’ stato aggiunto solo il sottotitolo che, anche se penso non c’entri e non c’entri con il contesto generale della storia, ci sta bene. Ferryman sta per traghettatore. Ebbene si, perchè questa storia è una specie di “retelling” se così vogliamo chiamarlo del mito di Caronte. Una storia singolare, di sicuro.

L’ambientazione parte da un piccolo paesino vicino alle Highlands ma si struttura quasi tutto tra le Terre Perdute e l’aldilà. L’epoca in cui si aggira la storia è moderna, Dylan è una ragazzina dei giorni nostri.

«Dannazione», borbottò Dylan. Scioccamente, allungò il braccio per puntare il telefono verso l’alto, pur sapendo che in galleria era perfettamente inutile; nessun segnale sarebbe passato attraverso uno strato di roccia così massiccio. Era in quella posizione, braccio in alto come una Statua della Libertà in miniatura, quando accadde. La luce svanì, il rumore esplose e il mondo finì.

Immagine correlatapersonaggi di questa storia non sono poi tantissimi e di sicuro la storia si lascia condurre dai due protagonisti che si alterneranno il racconto di questa emozionante e bizzarra avventura, in terza persona. Una struttura sicuramente ben predisposta quella dei personaggi di questa storia che si contendono in maniera brillante la storia e ammaliano il lettore. Sicuramente Tristan è il personaggio che attira di più e di cui si vorranno carpire i segreti ma anche la protagonista femminile ha il suo perchè.

Dylan è sicuramente una ragazzina molto intelligente per la sua età. Non ha tanti amici, è chiusa ed è molto legata a sua madre, anche se non vede l’ora di conoscere il suo vero padre. Dylan anche dopo aver incontrato Tristan è sagace, curiosa e non si lascia abbattere neanche dalla notizia della sua morte. E’ una tipa tosta, che sa il fatto suo e che non si lascia demoralizzare in alcun modo. Lei può combattere con le sue forze nonostante Tristan sia l’altro lato della medaglia e sia lì per proteggerla.

Tristan è il traghettatore che spettava a Dylan. E’ un personaggio che si presenta sotto una veste decisamente misteriosa, in forma da ragazzo adolescente ma con secoli e secoli di esperienza nel suo campo. Le sue sembianze sono semplicemente dettate dall’inconscio di Dylan di vedere qualcuno di rassicurante eppure lui si vede bene in questi panni e non si sente neanche troppo vecchio per vestirli, nonostante la sua esperienza. E’ un personaggio che verrà fuori un poco alla volta e che racconterà sia molto del suo passato sia troverà parte di ciò che è effettivamente e che pensava di non avere.

L’area appena fuori dalla galleria avrebbe dovuto essere disseminata di gruppi di sopravvissuti con i volti sporchi di cenere e avviluppati in coperte per difendersi dal vento tagliente. In realtà non c’era niente di tutto questo. Il volto di Dylan si trasformò in una maschera di confusione e malessere. Dov’erano tutti?

Il perno centrale della storia è l’aldilà e il traghettatore. Tristan è una figura misteriosa che si svela mano a mano nel corso della lettura e si trova a proteggere le sue anime lungo ogni percorso che si trova ad affrontare. E’ difficile per lui lasciarsi scoprire ma Dylan riuscirà a colpire nei punti giusti e la sua figura non sarà più solo quella del semplice traghettatore ma qualcosa di più, che si scoprirà nel corso della lettura.

Immagine correlataLo stile dell’autrice è piuttosto semplice, nulla di particolarmente articolato, infatti la lettura scorre veloce e fluida, facendosi leggere in pochissimo tempo. Nonostante questo e al fatto di averla trovata decisamente carina nel complesso, è anche alquanto ripetitiva e si creano dei problemini di fondo che non passano del tutto indifferenti.

Non succede poi granché. Nonostante i pericoli percorsi, la cosa bella sta tutta all’inizio. Dopo che Dylan raggiunge la meta tutto diventa stancante e piuttosto ripetitivo. Mi aspettavo qualcosa di davvero eclatante invece… invece no.

La storia fra Dylan e Tristan è un poco Insta-Love. Non tanto dal lato di Tristan che sembra piuttosto confuso e misterioso quanto invece per Dylan. Comunque il fatto dell’Insta-Love non è esagerata e non diventa una cosa melensa ai limiti dell’inverosimile. Per questo ne sono felice,  perchè rispetto a tante storie d’amore non risulta smielosa o particolarmente pesante sin da subito. Ne dopo, fortunatamente.

La troppa facilità nell’intendo di Dylan di sovvertire le cose. Quanto il viaggio dell’andata verso l’aldilà è lungo, pericoloso e dettagliato, quanto tutto ciò che avviene dopo è veloce e frettoloso e non viene goduto ne spiegato come si dovrebbe. Mi sarei aspettata molto di più nel dopo, invece tutto scorre troppo veloce, sembra quasi che non si vedeva l’ora di raggiungere la fine o di non sapere addirittura come fare.

Dylan strinse le labbra aspettando la battuta conclusiva, che però non arrivò. Invece, Tristan sorrise. E questo gesto gli cambiò completamente il viso, attenuandone la naturale freddezza. Eppure in lui c’era ancora qualcosa di poco chiaro. Sembrava sincero, ma la sincerità non si estendeva allo sguardo. Quello rimaneva glaciale e distaccato. Il ragazzo si avvicinò a Dylan e chinò leggermente la testa in modo da poterla guardare negli occhi, blu acceso in verde stupefatto. La vicinanza provocò a Dylan un leggero disagio, ma lei non si spostò di un millimetro. «Se io ti dicessi che non ti trovi dove pensavi di essere, tu che cosa diresti?».

Il libro è stato dolce, originale e sicuramente innovativo. Per chi ama un po’ di magia, è affascinato dal mito di Caronte e predilige storie d’amore, questa storia è fatta apposta per voi. Una lettura leggera, che di sicuro consiglio in questo periodo estivo. Il libro si conclude ma sappiate che ce ne sarà un prossimo! Tenetevi pronti.

Claire McFall scrive una storia  davvero particolare che affascina per la sua ambientazione e per il suo dolce sviluppo. Una storia che vi porterà nelle Terre Perdute popolate di spiriti pericolosi e traghettatori misteriosamente protettivi.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Ferryman, Amore eterno e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Ferryman: Amore eterno o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere mi raccomando, io ci tengo e vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

RUBRICA: IN VIAGGIO COI LIBRI #1 – INGHILTERRA… in collaborazione con The beauty and a Pile of Books.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi eccomi con la prima tappa del nostro viaggio lungo i luoghi che io e la mia cara The Beauty and a Pile Of Books avremo in comune, avendo però letto due libri diversi. La mia cara amica Deb ha letto un altro libro e vi parlerà di questo, io invece il libro che fra poco vi dirò, di cui trovate già la recensione online.

The Sailor's Club (1)

Questa tappa ci porta in…

INGHILTERRA


Ovviamente io e Deborah abbiamo letto due libri completamente diversi ed io ho letto

I figli del Re di Sonya Harnett.

figlire

Il libro è ambientato ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, nel 1940, e passiamo da Londra, ad un piccolo luogo di campagna chiamato Heron Hall, in cui è presente lo Snow Castle. 

Londra viene citata all’interno del libro ma viene vissuta veramente poco dai protagonisti quindi non avremo modo di scoprire molto della città attraverso le loro parole e le loro azioni se non per uscire dalla città e del fatto che questa, in periodo di guerra sia costantemente sotto bombardamento.

Risultati immagini per london 1940

Molto di più, si avrà modo di scoprire la campagna di Heron Hall e lo Snow Castle. La casa dello Zio Peregrine, il piccolo paese di campagna che, ai tempi in cui è stato ambientato il libro, doveva essere ancora più caratteristico di quanto non lo sia magari oggi. Snow Castle e la sua leggenda si appigliano al cuore del lettore fino a rimanerne ammaliati persino dalle semplici rovine e da immaginarlo proprio come lo Zio Peregrine lo racconta ai suoi nipoti.

Se volete scoprirne i segreti, però, dovrete leggere il libro! Io non vi dirò di più.Risultati immagini per campagna inghilterra e zone collinari

Sinceramente, un bel viaggio nella campagna lontano dalla capitale Londinese lo farei di sicuro. Penso che si scoprirebbero tante cose interessanti o comunque posti che nessuno magari si prende la bega di visitare o anche solo di guardare. A Londra ci sono già stata, ed è stata una bella esperienza, sicuramente da rifare. Oltre alla zona centrale, dei monumenti storici, quella dei parchi e sicuramente Notting Hill, la zona è davvero adorabile.

Adesso, non vi resta che passare da The beauty and a pile of books e leggere il suo unto di vista. ❤


Vi auguro una buona serata. Spero vi sia piaciuto.

A presto,

Sara ©

BLOGTOUR: “FERRYMAN, AMORE ETERNO DI CLAIRE MCFALL” – L’AMBIENTAZIONE: L’ALDILA’.

BUON POMERIGGIO MIE CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con un nuovo evento per voi e neanche di sabato vi lascio in pace con delle novità, come avete potuto notare. Ringrazio infinitamente la Fazi editore per averci permesso la lettura in anteprima di questo bel libro e Sara di Bookspedia per avermi coinvolto in questo evento davvero bello. Ecco che vi parlo del libro in questione e spero che possa piacervi. A voi:

41qnpouvxzlTitolo: Ferryman
Autore: Claire McFall
Prezzo: € 16,00 / Ebook: € 4,50

Pagine:  297
Genere: Fantasy YA 
Editore: Fazi LainYa  
Data di pubblicazione:  11 Luglio 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2l7tOz3
Trama: Dylan ha quindici anni e quando una mattina decide di andare a trovare il padre, che non vede da molto tempo, la sua vita subisce un drastico cambiamento: il treno su cui viaggia ha un terribile incidente. Dylan sembrerebbe essere l’unica sopravvissuta tra i passeggeri e, una volta uscita, si ritrova in aperta campagna, in mezzo alle colline scozzesi. Intorno non c’è anima viva, a parte un ragazzo seduto sull’erba. L’adolescente si chiama Tristan e, con il suo fare impassibile e risoluto, convince Dylan a seguirlo lungo un cammino difficile, tra strade impervie e misteriose figure che girano loro intorno, come fossero pronte ad attaccarli da un momento all’altro. È proprio dopo essersi messi in salvo da questi strani esseri che Tristan le rivela la verità… lui è un traghettatore di anime che accompagna i defunti fino alla loro destinazione attraverso la pericolosa terra perduta. A ogni anima spetta il suo paradiso, ma qual è quello di Dylan? L’iniziale ritrosia di Dylan e l’indifferenza di Tristan si trasformano a poco a poco in fiducia e in un’attrazione magnetica tra i due ragazzi che non sembrano più volersi dividere. Arrivati al termine del loro viaggio insieme, Dylan proverà a sovvertire le regole del suo destino e del mondo di Tristan, pur di non perderlo.
La mia tappa è:

L’AMBIENTAZIONE: L’ALDILÀ

Risultati immagini per ferryman

Ferryman, Amore Eterno è un libro basato sulla mitologia di Caronte e sull’aldilà. Devo ammettere di essere rimasta piacevolmente sorpresa da questa lettura, sia perchè non mi aspettavo un risvolto simile, sia perchè mi ha riportato un po’ ai tempi del liceo, in cui si studiava Dante, le terre perdute e l’aldilà.
Passiamo all’ambientazione del libro. 
L’aldilà ha inizio dalle terre perdute dove l’anima trova il suo “traghettatore”. Nel caso di Dylan, che esce da un incidente ferroviario, è Tristan ad aspettarla, un giovane ragazzo dall’aspetto dolce ma allo stesso tempo risoluto. Anche l’aspetto di Tristan è dovuto dalla proiezione che Dylan ne fa di lui nella sua mente. Per ogni anima è così e per lei non è da meno.
Immagine correlata
Le Terre Perdute dove si ritrova Dylan sono le montagne e le colline  delle Highlands dove il treno ha l’incidente. Le terre perdute appaiono diverse per ogni anima che le intraprende, sono un semplice riflesso incondizionato della mente alla morte.
Solo che il posto è disseminato di oscure presenze che vogliono prendere l’anima della piccola Dylan e solo Tristan può cercare di proteggerla da tutto questo.
Infatti lungo il percorso ci sono delle piccole abitazioni in cui entrambi sono al sicuro e queste presenze non possono attaccarli ne prenderli. La terra sembra impervia e piena di insidie già scritte ma da cui Tristan cercherà di farla uscire indenne. Ci sarà anche un lago scuro, minaccioso, in cui Tristan cercherà di condurla lungo l’ultima parte del viaggio, verso l’aldilà.
Ma il viaggio per Dylan non finisce certo qui, e tutto ciò che c’è dall’altra parte l’aspetta. Ma cosa c’è nell’aldilà nessuno può saperlo, neanche Tristan. Dylan può solo varcare la soglia e scoprirlo.

Immagine correlata

Nonostante le Terre Perdute e l’aldilà suonino minacciose o pericolose, hanno un che di veramente affascinante e misterioso. Infatti ci sarà un momento in cui ylan vedrà le Terre perdute per ciò che sono veramente. Il colore rosso del cielo, altri traghettatori e altre anime e tante presenze oscure che cercano di prendere le anime pure per trascinarle con loro. 
Una storia che  ci trascina in un mondo che potrebbe aspettarci alla fine dei nostri giorni, o forse no, ma suona davvero incredibile e l’autrice ha reso davvero bene sia l’ambiente che la storia stessa. Consiglio sicuramente di prendere in considerazione questa storia per scoprirne i segreti e l’amore, quello eterno, che colpisce due anime e dal quale difficilmente si può tornare indietro.

Ecco qui tutte le tappe del Blog Tour, sperando che possano interessarvi e che possiate seguirle. Che ne dite? Le seguirete? 
66474113_10220237769245565_5761704322710634496_n

Che ne pensate? Fatemi sapere mi raccomando! Io vi aspetto come sempre!
A presto,
Sara ©

COVER REVEAL # – SCACCO MATTO, VOSTRA GRAZIA DI REBECCA QUASI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Sono qui per portarvi una nuova uscita che spero possa incuriosirvi come sempre.

Titolo: “Scacco matto, Vostra Grazia”
Autore: Rebecca Quasi
Editore: Dri Editore
Genere: Regency
Formati disponibili: ebook 3.99/ cartaceo 14.99
Lancio: ufficiale 19 luglio (preorder 15 luglio a prezzo scontato)

COVER

Risultati immagini per SCACCO MATTO, VOSTRA GRAZIA DI REBECCA QUASI.

Sinossi“Troppo intimo. Giocare a scacchi, per certi versi, è come fare l’amore.”
1830 – Torquay, Devon Percival Webster, duca di Clarendon, è determinato a chiedere in moglie la compita lady Albertina e pertanto si reca nella tenuta della sorella per comunicarle la notizia. Durante questa visita, scopre che Emma, figlia del cognato e sua temibile avversaria negli scacchi, non è più la ragazzina impertinente che gli estorceva lezioni, ma una giovane donna in procinto di recarsi a Bath per trovare un marito che ovvii alla sua incresciosa condizione di figlia illegittima.
Introdotta in società, la fanciulla attira l’attenzione di un conte dalla reputazione poco raccomandabile, il che porta Percival a dover fare i conti con i propri principi più radicati, un sentimento stordente e un’attrazione tanto potente quanto inaspettata. 
Dopo le atmosfere uniche e impagabili de “La Governante” e lo straordinario successo del romance contemporaneo “Le Ali”, Rebecca torna allo storico e ci delizia questa volta con uno spin-off del meraviglioso “Dita come Farfalle”. Che resta, a nostro modestissimo parere, uno dei suoi lavori migliori. Siete pronte a scoprire che tipo di gioco si instaura tra i protagonisti?


Che ne pensate? Che ve ne pare? Curiosi? Lo leggerete? Fatemi sapere, mi raccomando!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #125 – LUNA E I MARCHI DEL DESTINO DI VIOLA MUSARAJ.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io tutto bene! Sono qui per parlarvi di un libro che spero possa interessarvi e incuriosirvi. Vi lascio tutti i dati in descrizione e spero che possiate trovare un nuovo libro da leggere. Ecco qui a voi:

Luna e i marchi del destinoTITOLO: Luna e i marchi del destino

AUTRICE: Viola Musaraj

COLLANA: FantasyBorn

Pagine: 372

ISBN: 9788894921748

PREZZO: 12,00 euro

 

Trama:  Lo buttò giù dal burrone cogliendolo alla sprovvista. Il ragazzo spiegò le maestose ali nere e cercò di scappare, ignorando il dolore delle ferite e il peso al piede. Il suo volo fu fermato dagli arcieri. Numerose frecce infuocate gli bruciarono velocemente le ali. In fondo al burrone fu risucchiato dal Vergessen, un oceano senza fine, e fu avvolto da una sostanza blu che iniziò a consumargli pelle e anima. Mentre iniziava la sua discesa nell’abisso infinito, l’unico suono che udì furono le sue grida strazianti che imploravano la morte.

Biografia dell’Autrice:

Viola Musaraj, nata a Palermo nel 1991, vive in Francia da sei anni. Ha conseguito la laurea specialistica in Scienze Politiche nel 2014 e da allora è diventata scrittrice a tempo pieno. Scrive in inglese online sull’applicazione americana Episode Interactive dove le sue storie hanno più di 37 milioni di letture in tutto il mondo.
Pubblica Dark Dreams (Amazon, 2017) in lingua italiana, inglese e francese.


Cosa ne pensate? Fatemi sapere, mi raccomando, che io vi aspetto come sempre!

A presto,

Sara ©

TEASER TUESDAY #51

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? La settimana è ricominciata da poco ed io vi porto la rubrica che non vi portavo da un po’… ideata da Should be Reading: il Teaser Tuesday! Lo spiego sempre in cosa consiste il (per chi non sapesse di cosa si tratta) ma ve lo ricorderò ogni volta, non temete!

• Prendi il libro che stai leggendo.
• Aprilo in una pagina casuale.
• Condividi un piccolo spezzone di quella pagina ( ” Teaser ” ) .
• Attento a non fare
 spoil
er!
 Riporta Titolo e Autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro Wishlist ( o meglio lista dei desideri !)  se sono rimasti colpiti dell’estratto.

Risultati immagini per ferryman amore eternoHo appena iniziato Ferryman, Amore eterno di Claire McFall edito Fazi editore. E’ un anteprima che aspettavo da molto e sono davvero curiosa di poterlo finalmente leggere.

Vi lascio lo spezzone del prologo: 

Si sedette sul pendio della collina e aspettò. Un altro giorno, un altro incarico. Davanti a lui un binario arrugginito spariva nelle buie profondità della galleria. Il fitto grigiore della giornata nuvolosa impediva alla luce di penetrare oltre l’arco di pietra dell’ingresso. Il ragazzo non staccava gli occhi dall’apertura. Ma era un’attesa priva di tensioni, la sua. Non provava alcun fremito d’eccitazione o d’interesse. La curiosità si era esaurita da un pezzo. Ora l’unica cosa importante era portare a termine il lavoro. Aveva occhi gelidi e impassibili. Intorno a lui si alzò un vento ghiacciato, ma non sentì freddo. Era concentrato, attento. Poteva accadere da un momento all’altro.


Risultati immagini per demons of timeSubito dopo aver finito Ferryman inizierò questo libro in inglese che è da un po’ che devo recuperarlo. Demons of time di Varun Sayal è il primo libro della serie Time Travelers Book e sono sicura che sia interessante proprio come lo è stata la precedente raccolta di racconti dello steso autore.

Two hundred years ago, you wreaked havoc as the bloodthirsty princes Trilesh and Vapt, when you mercilessly incinerated ten thousand large villages and their inhabitants.

Time travel is a power, a blessing, a gift, which you could have used for humanity. Instead, you have abused it to take countless lives…


Cosa ne pensate? Vi piacciono? Fatemi sapere presto cosa ne pensate, mi raccomando! Vorreste leggere uno di questi libri?

A presto,

Sara ©

RECENSIONE / REVIEW #311 – DEATH OF DREAMS DI SHRUTI AGRAWAL.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Nuovo libro terminato, nuova recensione in arrivo ovviamente. Una piccola raccolta di poesie in lingua inglese che spero possiate prendere in considerazione. Sono molto semplici da comprendere anche per chi ha difficoltà in inglese quindi potete facilmente provare. Ringrazio l’autore per avermi fornito la copia digitale e ve ne parlo subito:

Titolo: Death of Dreams41i-opjgkfl
Autore:  Shruti Agrawal
Genere: Poesie
Lingua: Inglese
Pagine: 56
Link d’acquisto: https://amzn.to/2X5RyAM
Trama originale : “Death Of Dreams” is a cluster of quotes & poems. It is deep dive into emotions, empathy, acceptance, healing and insights into a different perspective towards life. The book embraces you in silence and stillness of thoughts. The book is an attempt to connect to souls, to reflect upon them, unbiased and together embrace a new beginning and a beautiful journey called life.
Trama tradotta:  “Death Of Dreams” è un insieme di citazioni e poesie. È una profonda immersione in emozioni, empatia, accettazione, guarigione e intuizioni in una diversa prospettiva verso la vita. Il libro ti abbraccia nel silenzio e nella quiete dei pensieri. Il libro è un tentativo di connettersi con le anime, di riflettere su di esse, imparziale e insieme abbracciare un nuovo inizio e un bellissimo viaggio chiamato vita.

RECENSIONE

photo collage on wallDeath of Dreams è una raccolta di citazioni e poesie davvero interessanti. Dall’amore alla vita, all’accettazione a piccoli momenti di vita quotidiana che riflettono ciò che portiamo dentro con i suoi pesi e le sue paure.

Connessioni che si intrecciano e frasi che diventano così vere, così intense che sfiorano l’animo di chi legge, invitandolo a portarle con sé.

Cosa si percepirà attraverso la lettura di questo libro? A cosa andremo incontro? Cosa vuole comunicarci l’autrice?

You are a moment to someone,

And to someone
A beautiful memory
You may be the reason
Of someone’s smile
And maybe a chapter
In their love story.

La trama della raccolta è semplice, diretta ed esplicativa di ciò che parla il libro stesso. E’ breve e concisa visto che anche la raccolta di poesie stessa lo è. Incuriosisce ed io da brava lettrice ne ho approfittato per leggere questa raccolta.

La copertina è davvero molto carina ed in tema con la raccolta. I colori sono leggeri, richiamano la pace e la tranquillità e, una volta letta la raccolta, vi sembrerà ancora più bella di prima, ve lo assicuro.

Il titolo della raccolta lo trovo davvero significativo. Death of Dreams, la morte dei sogni, è qualcosa di così triste che non vi riesco neanche a spiegare. Trovo sia poetico molto più il titolo di tutto il resto. Non per sminuire il lavoro, ci mancherebbe, ma è stato davvero ben scelto e incuriosisce già di per sè.silhouette of person sitting on green grass during golden hour

If your heart gets broken,
It can also shine
And reflect love
You just need to have
The right one
In your fate.

Il perno centrale di questa raccolta di poesie risiede in parte nel titolo, in parte nei stessi scritti che sembrano quasi degli incoraggiamenti alla vita. Una raccolta piccola ma piena di significato.

Lo stile utilizzato dall’autrice è molto semplice e sicuramente scorrevole. Il libro si legge in davvero poco tempo essendo una raccolta piccolina ma, nel complesso, è anche un insieme ricco di emozioni, sensazioni e consapevolezze.

Quelle che ho citato in questa recensione sono alcune delle mie preferite che ho letto e che ho trovato molto belle. Ce ne erano anche altre ma ovviamente non potevo citarvele tutte quante. 

Ho trovato questi testi davvero molto brevi e leggeri, molto più somiglianti a delle citazioni che a delle vere e proprie poesie. Questa è l’unica cosa che non mi è andata particolarmente a genio, nonostante siano davvero belle e interessanti. Sicuramente delle poesie sarebbero arrivate di più però non posso dire che le parole utilizzate non siano belle. 

I have always felt in love,
With stories of pain
And hardships
Maybe because they
Make me realize
That I am not struggling alone
In the battle of life

Una raccolta ricca di emozioni e verità in cui il cuore e la penna dell’autrice incontrano quello del lettore e lo trasportano attraverso un lungo viaggio chiamato vita. Una raccolta piccola piccola, che vi invito a leggere.

Shruti Agrawal racchiude la vita in ogni piccola sfumatura. Trasforma dei sentimenti in piccole frasi che si porteranno nel cuore sempre. 

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la l’autore per la copia omaggio

ENGLISH REVIEW

Death of Dreams is a collection of really interesting quotes and poems. From love to life, to acceptance into small moments of daily life that reflect what we carry within with its burdens and fears. Connections that intertwine and phrases that become so true, so intense that they touch the soul of the reader, inviting them to take them with them.

What will be perceived by reading this book? What are we going to meet? What does the author want to tell us?

The plot of the collection is simple, direct and explanatory of what the book itself speaks. It is short and concise since even the collection of poems itself is. Intrigues and I as a good reader I took the opportunity to read this collection.

The cover is really very nice and in theme with the collection. The colors are light, recalling peace and tranquility and, once the collection is read, it will seem even more beautiful than before, I assure you.

I find the title of the collection really significant. Death of Dreams is something so sad that I can’t even explain it. I find the title of everything else to be much more poetic. Not to diminish the work, God forbid, but it was really well chosen and already intrigues itself.

The central pivot of this collection of poems lies partly in the title, partly in the same writings that seem almost to encourage life. A small collection but full of meaning.

The style used by the author is very simple and certainly smooth. The book is read in very little time being a small collection but, overall, it is also a rich set of emotions, sensations and awareness. The ones I mentioned in this review are some of my favorites that I read and which I found very beautiful. There were also others but obviously I could not quote them all of them.

I found these texts really very short and light, much more like citations than real poems. This is the only thing that I didn’t particularly like, even though they are really beautiful and interesting. Surely poems would have arrived more but I cannot say that the words used are not beautiful.

A collection full of emotions and truth in which the author’s heart and pen meet that of the reader and transport it through a long journey called life. A small little collection, which I invite you to read.

Shruti Agrawal encloses life in every little nuance. Transform feelings into small phrases that will always be carried in the heart.

My vote for this book is 3 stars and a half

We thank the author for the digital copy

Vuoi acquistare Death of Dreams e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Death Of Dreams o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Vi aspetto come sempre con vostre opinioni! Vi auguro un buon inizio settimana.

A presto,

Sara ©