RECENSIONE #382 – IL FUOCO DI LAURA BATES.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi, vi porto una nuova recensione e ringrazio la Rizzoli editore per avermi permesso di leggere questo volume., che spero davvero possiate prendere in considerazione, perchè è stata davvero una lettura interessante e che tutti dovrebbero leggere. Ecco a voi che ve lo presento:

4616561-9788817144223-285x424-1Titolo: Il fuoco
Autore: Laura Bates
Pagine: 352
Data di uscita: 4 Febbraio 2020

Link d’acquisto: https://amzn.to/39MyaQ8

TramaAnna ha cambiato città, buttato il telefono e chiuso tutti i suoi profili social. Nulla sembra legarla al passato in cui è accaduto l’”incidente” che ha spinto lei e sua madre a trasferirsi dalla grande città in un incantevole villaggio della costa scozzese che sembra vivere fuori dal tempo. Non è facile costruirsi delle nuove amicizie e una nuova vita, ed è proprio quando pensa di avercela fatta, di non essere più sola, che tutto precipita. Mentre deve fare i conti con il passato e con l’inferno in cui si sta trasformando il presente, non è un caso che Anna si appassioni alla storia di Maggie, una ragazza che, secoli prima, era stata accusata di stregoneria in quello stesso villaggio. Due storie, le loro, che s’intrecciano a distanza di centinaia di anni e che testimoniano come una diceria possa dar vita a un’insensata caccia alle streghe, allora come oggi.

RECENSIONE

close view of bonfireLa storia ha inizio con il trasferimento di Anna Clark nella sua nuova scuola nel piccolo paese di Saint Monans. Si trasferiscono, sia per il nuovo lavoro della madre, sia per ciò che è accaduto nella vecchia scuola di Anna, per cui sua madre ha pensato bene che andarsene e cambiare aria sarebbe stato migliore entrambi. Non è così semplice adattarsi ad un nuovo ambiente e farsi nuove amicizie ma Anna riesce ad appassionarsi, tramite un progetto scolastico, alla storia di una donna locale di nome Maggie che secoli prima era stata accusata di stregoneria. E più Anna comincia a scavare nella storia, più la storia la sente sua perchè il passato per quanto possa essere passato torna a farle visita e cerca nuovamente di distruggerla.

Riuscirà Anna ad uscire da ciò che si porta dietro dalla sua vecchia scuola? Riuscirà a ricostruire il caso di Maggie restituendole la dignità perduta nel suo secolo? Cosa la lega tanto a Maggie e cosa è successo davvero nella vecchia scuola?

Quando avevo undici anni, il mio insegnante di inglese mi disse ce il fuoco è come una tigre: immagino ci stesse facendo una lezione sulle similitudini. Affermò che una tigre è arancione e feroce e balza in avanti, e che può essere bellissima, ma anche letale. Mr Watson si sbagliava. Il fuoco è mille volte più letale di una tigre: non lo puoi fermare con una pallottola o un recinto, e distrugge tutto ciò che incontra sulla sua strada.

La trama è ben scritta e rappresenta assolutamente la storia. Non racconta più di quello che deve e suscita sicuramente curiosità, quindi sicuramente un’ottimo lavoro. Fin dal primo momento ero curiosa riguardo questa storia, quindi non posso che essere soddisfatta della scelta.

Risultato immagini per laura bates the burningPer la copertina originali ci sono due edizioni, una che è uguale a quella utilizzata in Italia, l’altra invece, riprende in parte la copertina originale, a variare molto sono i colori assunti all’interno della stessa. La trovate qui di lato. Personalmente preferisco l’altra versione, quella che abbiamo utilizzato anche per l’Italia. Il titolo originale, come vedete è The Burning che sta per “L’incendio” e non per Il fuoco. 

L’ambientazione è Saint Monans, un piccolo paesino scozzese di poche anime. Anna si trasferisce lì da Birmingham. L’epoca è moderna ma avremo modo di conoscere anche un’altra epoca nel frattempo, quella in cui vive Maggie, intorno al 1600 – 1700. Due storie che si intrecciano nonostante secoli di differenza.

A piece of dangling pearl and flowers jewelry.

La parte peggiore non sono le parole. Sono i nomi. Ogni commento affianca una foto in miniatura di qualcuno che conosco. Con cui sono andata a scuola per anni. Qualcuno che avrei definito amico. Che si trovava accanto a e con un panno in testa nel presepe della scuola elementare o con cui ho scambiato occhiate spaventate mentre sudavamo sopra i fogli delle simulazioni di esame. (…) Qualcuno che conosce tutte queste cose di me e ugualmente pensa che io meriti quelle parole. Quand’è che è scomparso tutto il resto della mia vita?

I personaggi di questa storia che vengono posti in evidenza non sono molti. Abbiamo quasi sempre la nostra protagonista Anna Clark, che si scontrerà con una donna del passato Maggie, uccisa per stregoneria. Che connessione hanno queste due donne? Lo scopriremo all’interno di questo volume.

Anna Clark ha lasciato la vecchia scuola per via di un fatto increscioso e questo non è neanche il suo vero nome, o almeno non è il suo vero cognome. E’ una ragazza insicura, che vorrebbe solo delle amicizie vere e che si appassiona subito alla storia di una donna locale che è stata accusata di stregoneria, per via di un progetto scolastico. Anna è una protagonista che potrebbe essere una ragazza qualunque al liceo, una delle tante fragili anime che girano nei corridoi e cercano solo qualcuno che li apprezzi per ciò che sono. E’ una ragazza che si è fidata, che ha commesso un errore e quello soltanto.

Maggie è una donna del luogo che, secoli prima, è stata accusata di stregoneria solo per aver commesso l’errore di aver amato l’uomo sbagliato. Anche lei si è fidata di una persona e quella stessa persona l’ha tradita. E’ questo che unisce questa donna locale, semplice e buona ad Anna Clark.

«Lo scoprirà mai qualcuno?» Alza le mani come un predicatore che si rivolge alla comunità di fedeli. «CHI E’ ANNA CLARK?» Le gente ride e applaude mentre Louise si siede, e io rido e scuoto la testa, facendo finta che sia tutto un grande scherzo. Le mie budella però, si stanno docilmente accartocciando, come se fossero di carta velina e qualcuno avesse dato fuoco agli angoli.

person walking of fireIl perno centrale di questa storia è l’incidente di Anna e le etichette che una persona attacca ad un’altra solo per una diceria o per un fatto che accade e questa diceria viaggia, si espande, si propaga e come il fuoco niente riesce a fermarlo se c’è solo chi lo alimenta.

Lo stile utilizzato dall’autrice è molto semplice e fin dalle prime pagine noterete quanto sia scorrevole il testo oltre al fatto che la storia è estremamente coinvolgente.

La tematica trattata nel volume, per quanto riguarda quello che succede alla protagonista, è assolutamente importante e attuale. Non voglio spoilerarvi di che si tratta perchè è sicuramente da leggere e da scoprire. Dico solo come ho detto fino ad ora: si tratta di fiducia e di una diceria che si trasforma in fuoco e questo fuoco arde forte se viene alimentato bene. 

Il legame che l’autrice è riuscita a creare fra Anna e la donna accusata di stregoneria in quel paese, Maggie, è sorprendente. Nonostante le storie sono diverse e sembrano non essere effettivamente connesse fra loro, mano a mano anche il lettore si accorgerà della connessione che c’è fra le due cose e che praticamente ancora oggi succede quello che succedeva allora. Non si viene accusati di stregoneria o bruciati vivi ma anche oggi si tende ad umiliare fino allo stremo – e a volte questo porta anche molte persone al suicidio oltre che alla depressione o alla solitudine. L’autrice lancia un messaggio forte e potente, che spero voi leggiate e decidiate di prendere in considerazione.

Ho apprezzato il fatto della collana e come Anna riesca a percepire Maggie in lei. E’ stato una storia autentica, che ho sentito sulla pelle e sembrava quasi di vivere le emozioni e il disagio sia della protagonista ma anche della donna accusata di stregoneria. Molto incentrato sui sentimenti, Il fuoco vi entrerà dentro per restare. Un ottimo lavoro, davvero.

Fisso il fuoco, scorgendovi delle ombre che non sono pronta ad affrontare, facce che non sono pronta a ricordare. E una foto, un’immagine che balugina e ondeggia di fronte a me, gialla e arancione, prendendo fuoco più volte nei miei occhi.

Lasciatemi dire: FINALMENTE. Finalmente, dopo una serie di libri che mi entusiasmano più o meno, eccone uno che mi entra nel cuore e fa centro al primo colpo. Il libro è una vera e piccola perla preziosa che chiunque dovrebbe leggere, soprattutto in età adolescenziale. La consiglio comunque a tutti, sicuramente un buon libro.

Laura Bates scrive una storia attuale che colpisce fin nel profondo l’anima del lettore. Una diceria che unisce due anime in due secoli differenti distruggendo tutto intorno a loro come se un fuoco che brucia qualsiasi cosa. Una storia che è fuoco stesso, da leggere.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Il fuoco e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Il fuoco o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate possa fare per voi? Io, nel frattempo, vi aspetto!

A presto,

Sara ©

TEASER TUESDAY #55

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Come va la vita in casa? Io continuo a lavorare e da domani, invece di fare smart working con tutta probabilità rientriamo tutte in ufficio. Staremo a vedere come va la questione ma la vedo molto dura. Nonostante questo, vi porto questa rubrica, ideata da Should be Readingil Teaser Tuesday! Lo spiego sempre in cosa consiste il (per chi non sapesse di cosa si tratta) ma ve lo ricorderò ogni volta, non temete!

• Prendi il libro che stai leggendo.
• Aprilo in una pagina casuale.
• Condividi un piccolo spezzone di quella pagina ( ” Teaser ” ) .
• Attento a non fare
 spoil
er!
 Riporta Titolo e Autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro Wishlist ( o meglio lista dei desideri!)  se sono rimasti colpiti dell’estratto.


519t5dailbl._sy445_ql70_ml2_Questa settimana ho in programma di leggerne tre per cui vi parlerò per primo di un volume leggero ma spero interessante, essendo un secondo volume. Sto parlando di La Leggenda dei Quattro – Il clan delle tigri di Cassandra O’Donnell.

Ecco lo spezzone:

– Non gliel’ho chiesto: l’ho supplicata di aiutarmi -rettificò Bregan. Clea spalancò gli occhi, sorpresa. Il principe dei Taigan non era certo il tipo che supplicava qualcuno. Era troppo fiero, troppo orgoglioso per abbassarsi a… No, impossibile, eppure qualcosa nel suo sguardo diceva che non stava mentendo. – Perchè, Bregan? Cosa vuoi? Cosa ti aspetti da me? Lui la scrutò a lungo. – Lo sai benissimo cosa voglio.  Clea distolse lo sguardo – Non posso dire nulla. – Dov’è Maya?

 


41tdn2qjk1l._sy445_ql70_ml2_

Altro libro che leggerò in settimana è Mi mancherai all’infinito di Mattia OllerongiS edito Sperling&Kupfer, un libro che spero possa piacermi anche perchè promette bene ed io sono parecchio ispirata. Spero mantenga le mie aspettative, sono fiduciosa.

Ecco a voi un piccolo pezzo all’interno del volume:

Sei di chi

magari non trova le parole

per dirti ciò che prova,

allora te lo dimostra

(e forse è meglio così)


41ityezmhcl._sx322_bo1204203200_Altro libro che vorrei leggere è una piccola raccolta di poesie che ho acquistato su Amazon in ebook in questi giorni e che spero sia molto bellina visto che mi ha attirato appena l’ho vista. Ti amerò da qui di Vanessa Sobrero. 

La poesia è la stessa che trovate su amazon se deciderete di acquistarlo. Io sinceramente mi sono affidata molto a senso ma la trama mi ha convinto quindi spero anche questo rispecchi le mie aspettative. Ecco a voi:

“ho baciato
con i miei occhi
le linee spesse del tuo volto
così tante volte
che i miei sogni
sono un tuo ritratto.


Che ne pensate? Vi piacciono? Quale dei tre fa più per voi? Fatemi sapere mi raccomando che io vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

 

 

 

WWW WEDNESDAY #68

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Come state passando il tempo in casa? Io lavoro e leggo, faccio anche giochi di società con la mia famiglia. Oggi vi porto il WWW Wednesday che spero  – rubrica ideata da Should Be Reading – in cui vi mostro le mie letture di questa settimana. Fatemi sapere le vostre! Ecco qui:

What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?

4616561-9788817144223-285x424-14180io-9gulIn questa settimana leggerò qualche libricino che spero mi piacerà. Innanzitutto parto con Il Fuoco di Laura Bates, un libro della Rizzoli che spero davvero possa piacermi. Un libro che mette intreccia passato e presente lungo una scia particolare che spero mi catturerà.

Altro libro che leggerò: Ti chiamo domani di Rita Petruccioli, edito Bao Publishing, una delle tantissime Graphic Novel che ho acquistato in questi giorni. Di questa sono particolarmente curiosa quindi spero sia davvero bella visto che molti ne hanno parlato davvero bene. Mi ci sono buttata subito su quando ho visto l’offertona online, quindi spero davvero sia bello. Ve lo farò sapere presto.

Altro libro che vorrei leggere nel week end e recuperare qualche altra cosa è il secondo volume de La leggenda dei quattro, Il clan delle tigri di Cassandra O’Donnell edito Il battello a Vapore. Il primo volume è stato molto carino e vi lascio QUI la recensione in modo che possiate dare un’occhiata al primo volume.

 

519t5dailbl._sy445_ql70_ml2_


What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?

Risultato immagini per questo oscuro duetto

Nella scorsa settimana non sono riuscita a leggere molto perchè con tutto questo marasma del Coronavirus e quant’altro tornavo a casa distrutta e non mi andava neanche un granchè di leggere, ne nella pausa pranzo, ne dopo cena. Ero davvero distrutta, quindi sono riuscita a leggere solo  Questo Oscuro Duetto di Victoria Shwab della Giunti Editore.

Il primo volume non mi aveva entusiasmato granché e lo avevo letto in lingua originale. Ora che è uscito in italiano il secondo volume ho deciso che magari potevo leggerlo in italiano. Alcune frasi belle e interessanti e decisamente in tema con questo periodo ma per me, è un clamoroso NO. Vi dirò di più nella recensione che uscirà domani.


What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?

41tdn2qjk1l._sy445_ql70_ml2_Leggerò altri bei volumi che spero mi piacciano e che vi tengano anche compagnia in queste belle giornate.

Sicuramente leggerò Mancherai all’infinito di Mattia Ollerongis, un libro edito Sperlin&Kupfer. Mi ha incuriosito fin dall’anteprima dell’uscita e spero davvero che questo possa essere carino e semplice, proprio una lettura leggera mi ci vorrebbe.

Vorrei leggere davvero un mucchio di libri ma vi farò sapere strada facendo perchè devo fare un check delle letture e vi dirò in maniera più specifica. Voi restate sintonizzati, che io vi faccio sapere!

 

 


Voi cosa state leggendo? Cosa leggerete? Rispondete alle domande mi raccomando, che  io vi aspetto!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #379 – RACCONTAMI DI UN GIORNO PERFETTO DI JENNIFER NIVEN.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Sono qui, di nuovo, per portarvi un’altra recensione. Lo so che nella settimana precedente sono stata abbastanza assente ma con tutti gli eventi che ci sono stati, c’è stato anche molto nervosismo anche nell’ambiente lavorativo e a casa tornavo praticamente stremata, tanto da non voler scrivere molto. Perdonatemi, spero comprenderete. Nel frattempo, per farvi compagnia, vi parlo di questo volume finalmente, di cui ringrazio la Dea per l’evento che abbiamo fatto nelle settimane precedenti:

9788851179038_f449420c65ecda6dd7f75c2baa66f847Titolo: Raccontami di un giorno perfetto
Autore:Jennifer Niven
Target: 14+
Pagine: 384
Link d’acquisto: https://amzn.to/33h0qs4
TramaÈ una gelida mattina di gennaio quella in cui Theodore Finch decide di salire sulla torre campanaria della scuola per capire come ci si sente a guardare di sotto. L’ultima cosa che si aspetta però è di trovare qualcun altro lassù, in bilico sul cornicione a sei piani di altezza. Men che meno Violet Markey, una delle ragazze più popolari del liceo. Eppure Finch e Violet si somigliano più di quanto possano immaginare. Sono due anime fragili: lui lotta da anni con la depressione, lei ha visto morire la sorella in un terribile incidente d’auto. È in quel preciso istante che i due ragazzi provano per la prima volta la vertigine che li legherà nei mesi successivi. I giorni, le settimane in cui un progetto scolastico li porterà alla scoperta dei luoghi più bizzarri e sconosciuti del loro Paese e l’amicizia si trasformerà in un amore travolgente, una drammatica corsa contro il tempo. E alla fine di questa corsa, a rimanere indelebile nella memoria sarà l’incanto di una storia d’amore tra due ragazzi che stanno per diventare adulti. Quel genere di incanto che solo le giornate perfette sono capaci di regalare.

RECENSIONE

Risultato immagini per raccontami di un giorno perfettoLa storia ha inizio sul tetto della scuola. Violet guarda il grande vuoto sotto di lei e non vorrebbe far altro che buttarsi giù e farla finalmente finita. Solo che sul tetto c’è anche Finch, che ha avuto la sua stessa idea in quella mattina. Lui è il buffone della scuola, quello che tutti evitano o deridono, lei è la ragazza popolare; e quando sul tetto Finch riesce a convincere Violet a scendere, tutti credono che sia stata proprio lei ad aver salvato Finch dal suicidio e non l’opposto. Finch resta folgorato da Violet e cerca di avvicinarsi sempre più a lei ma niente è come sembra, per nessuno dei due.

Cosa nasconde davvero Finch? Perchè Violet voleva tentare il suicidio? Cosa succederà fra i due? Riuscirà davvero l’amore a curare entrambi?

Oggi è un buon giorno per morire? È quello che mi chiedo la mattina, quando mi sveglio. A scuola, quando mi sforzo di tenere gli occhi aperti mentre il professor Schroeder continua con la sua lagna. A tavola, mentre faccio passare il piatto coi fagiolini. La sera, a letto, quando non riesco a prendere sonno perché il mio cervello rifiuta di spegnersi per tutto quello su cui c’è da riflettere. Oggi è il giorno? E se non oggi, quando? Me lo chiedo anche in questo momento, mentre sto in piedi su un cornicione a sei piani di altezza dal suolo.

Risultato immagini per all the bright placesLa trama della storia, forse racconta anche troppo ed io avrei evitato di dare troppe informazioni precise lasciando mistero per quanto riguarda parte dei due protagonisti. Una trama ricca ma assolutamente in linea con la storia e fortunatamente non rivela molto.

La copertina della versione originale è assolutamente in linea con la storia e rappresenta tutto sia per i suoi post-it che per la violetta che per il disegno che vi è sopra uno dei post-it. La versione italiana, per quanto riguarda questa che trovate qui è la copertina realizzata per l’uscita del film ed è stata utilizzata, quindi la locandina di Netflix e non è che mi faccia poi impazzire molto – non sono a favore delle locandine sulle copertine dei libri. Per quanto riguarda la precedente utilizzata, e vi basterà girare per il web per trovarla, è davvero fuori linea e la trovo davvero molto scarna se non del tutto deludente. Voi che ne pensate? 

Il titolo di questa storia  è ciò che Finch ripete spesso, vorrebbe un giorno perfetto e di viverne almeno uno prima di morire. Ma qual è davvero, il giorno perfetto? In originale, il titolo All the bright Places sta per “Tutti quei luoghi luminosi“. Forse in italiano non avrebbe reso granché ma penso sarebbe stato sicuramente originale e diverso da tutto ciò che abbiamo visto fino ad ora. 

L’ambientazione è l’Indiana ed è assolutamente piacevole scoprire le sue meraviglie con i protagonisti di questa storia. L’epoca è contemporanea, ai giorni nostri.

Non sto nemmeno ad ascoltare la spiegazione sullo svolgimento del tema. Mi tolgo un pelucco dalla gonna. Ho mal di testa. Dev’essere colpa degli occhiali. Eleanor aveva una vista peggiore della mia. Me li tolgo e li appoggio sul banco. A lei stavano bene. A me stanno da schifo, specie con la frangia. Ma forse, a forza di portarli, diventerò come lei. Vedrò quello che vedeva lei. Potrò essere tutte e due allo stesso tempo, così nessuno sentirà più la sua mancanza. Soprattutto io.

Risultato immagini per raccontami di un giorno perfettoI personaggi di questa storia sono i protagonisti stessi che ci racconteranno questa storia dai loro punti di vista, passando di capitolo in capitolo da uno all’altra.

Violet è una ragazza semplice, che amava le feste e la bella compagnia essendo sempre stata la ragazza popolare. Da quando ha perso sua sorella in un incidente stradale non è più stata la stessa, è spenta ed evita gli amici, le feste. Si costringe a portare gli occhiali di sua sorella anche se rischiano di rovinarle la vista e le stanno male solo per sentirla vicina.

Finch è un ragazzo che pur di non essere ordinario cerca di attirare l’attenzione rendendosi sia invadente che quasi fastidioso, persino per i suoi stessi professori. E’ un ragazzo che ama fare tante cose ma che allo stesso tempo nasconde qualcosa al suo interno, qualcosa che lo ha cambiato quando era più piccolo e che, ogni tanto, torna a fargli visita. Scrivere parole chiave sui post-it, ad esempio, lo aiuta molto.

«Cos’è che ti fa più paura?» (…) «Morire. Perdere i miei genitori. Restare qui per il resto della mia vita. Non riuscire a trovare la mia strada. Essere una persona ordinaria. Perdere quelli che amo.» Chissà se sono compreso anch’io nel gruppo. (…) «E a te?» (…) Penso: Quello che mi fa più paura è Fare attenzione; mi fa paura l’Ultima Caduta; mi fa paura il Grande Sonno e il Trascurabile senso di ineluttabile catastrofe. Quello che mi fa più paura sono io. «Niente».

Risultato immagini per raccontami di un giorno perfettoIl perno centrale di questa storia sono le problematiche dei due personaggi e delle loro vite che, seppur difficili, complicate e piene di sofferenza, li porta a tirare fuori ciò che c’è di buono in loro e ciò che gli altri sembrano non vedere.

Lo stile utilizzato è molto semplice e, per chi ha letto altri libri della Niven sa di cosa sto parlando, il suo stile è fluido, si legge in poco tempo e la storia nonostante le tematiche resta molto leggera.

I temi affrontati oltre al bipolarismo e alla depressione sono anche il suicidio e tanto altro, che potrete scoprire solo se leggerete la storia. I temi ci sono, sono importanti, ma sotto certi aspetti non sono stati trattati come dovevano. Questo ve lo spiegherò fra poco.

Nonostante questo ci sono delle cose che non ho apprezzato particolarmente di questa lettura nella struttura della storia. Infatti, principalmente il tutto si divide in due punti di vista.

C’è quello per cui si guarda la storia nel suo complesso, i due protagonisti e la visione generale della storia che per quanto mi riguarda si può anche definire ok, visto che nell’insieme è stato molto carino specialmente per l’approccio dei due. La loro storia d’amore è davvero molto carina e apprezzo lo sforzo di Violet di comprendere Finch, come quello di Finch di tirare fuori Violet dal vuoto in cui lei si era rinchiusa. In più è stato sicuramente interessante scoprire le meraviglie dell’Indiana assieme ai due.

L’altro punto si fissa sulla struttura del romanzo e delle problematiche che ne fuoriescono a livello di storia, di relazioni interpersonali fra i vari soggetti riguardo le problematiche preposte e sui veri problemi che presentano i stessi protagonisti.

  1. Finch nel corso della storia, nonostante si nota il suo bipolarismo, il suo modo di essere eccentrico e di attirare l’attenzione pur di non sentirsi solo e denigrato, il fatto che nonostante questo sia sempre messo da parte e la situazione famigliare pregressa lo spingono ad essere un ragazzo problematico. Nel corso della storia le problematiche fuoriescono ma a prescindere dal bipolarismo del soggetto, non si riesce davvero a comprendere il suo gesto più grande (non posso parlarvi di cosa, perdonatemi! Mi comprenderete se deciderete di leggere il libro!). Tutto risulta misterioso e Violet non riesce a spiegare nulla, niente fuoriesce davvero e il motivo del gesto resta incompreso a tutti, lettore compreso. (Oltre al fatto che tutto resta completamente un mistero anche dopo. WHY PEOPLE? WHY?!) La trama parla di un Finch depresso che non fuoriesce totalmente nel volume ma ci si sofferma sul fatto dei post-it, della chiusura del personaggio rispetto al mondo esterno ma non su ciò che prova davvero e questa è una pecca sostanziale a livello della storia. Ho cercato davvero di empatizzare con il personaggio ma è stato difficile perchè quando vi era un punto di appiglio visibile, l’autrice lo tirava indietro buttando in mezzo l’ironia o non mostrando quel punto debole, mascherandolo. 
  2. I professori, gli adulti, e le persone che li circondano, dal momento in cui il suicidio di Finch sembra essere particolarmente evidente a tutti, dove sono? Perché non indagano? Perché lasciano che sia tutto così leggero e prendono tutto sotto gamba? Questo punto mi ha lasciato piuttosto sconcertata e non sono riuscita davvero a comprendere la scelta dell’autrice. Perché non aiutare un giovane in difficoltà? Perchè Violet non si affida a persone adulte e che possono consigliarla quando tutto sembra diventare difficile? Questo punto resta per me davvero un mistero.

Questi due punti sono quelli che più mi hanno lasciata perplessa a livello di struttura effettiva ma ci sarebbe da ampliare i discorsi solo che non posso approfondire, altrimenti dovrei spoilerare praticamente tutto il libro per farmi comprendere.

Scrive Prima di morire voglio e tira una riga. (…) Finch comincia a scrivere: Suonare la chitarra come Jimmy Page. Scrivere una canzone che cambierà il mondo. Conoscere La Grande Affermazione. Contare qualcosa. Diventare la persona che sono destinata a diventare e ritenermi soddisfatto. Scoprire cosa significa avere un vero amico. Contare qualcosa. Io per un po’ resto impalata a leggere, poi scrivo: Smettere di aver paura. Smettere di pensare troppo. Riempire i vuoti lasciati. Ricominciare a guidare. Scrivere. Respirare. Finch resta alle mie spalle. È talmente vicino che sento il suo fiato sul collo. Si fa avanti e aggiunge: Prima di morire voglio vivere un giorno perfetto.

Per quanto riguarda la votazione di questo libro sono davvero combattuta. La storia è stata scorrevole, fluida, piacevole ma allo stesso tempo ha diverse problematiche che proprio non sono riuscita a digerire. Quindi mi limito e lascio la storia in balia di un misero e striminzito 3 anche se puntava più ad essere un due e mezzo. Perdonatemi, ma è davvero difficile calibrare le due cose.

Jennifer Niven ci permette di conoscere la storia di due ragazzi che si sono ricostruiti aiutandosi l’uno con l’altro, verso il percorso in salita e il diventare adulti, che li aspetta. Una storia dura e commovente.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene

Senza titolo-3 (2)

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Raccontami di un giorno perfetto e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Raccontami di un giorno perfetto o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate possa fare per voi? Io, nel frattempo, vi aspetto!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #376 – IMPARA A VOLARE DI ERIN ENTRADA KELLY

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Siete pronti per una nuova e stuzzicante recensione solo per voi? Oggi sono qui per parlarvi di un libro per ragazzi davvero molto carino, che spero decidiate di prendere in considerazione per regalarlo ai più piccoli come per lettura leggera e sfiziosa per gli adulti. Ringrazio la Rizzoli per avermi permesso la lettura. Ecco a voi di cosa sto parlando:

41rbfy2b-nklTitolo: Impara a volare
Autore: Erin Entrads Kelly
Pagine: 240
Prezzo: € 17,00
Link d’acquisto: https://amzn.to/2P5tHzV

Trama: A dodici anni, Apple Yengko crede che tutti abbiano almeno tre Fatti Interessanti che li riguardano. Peccato che siano proprio i suoi FI a farne una reietta nella scuola media di Chapel Spring. Quando viene inserita nell’elenco delle ragazze più brutte della scuola, la sua vita cade a pezzi e l’unica via d’uscita diventa la musica. Apple è filippina e fare i conti con le proprie origini non è semplice. Le sembra che sua madre viva su un altro pianeta: non vuole sentir parlare di comprarle una chitarra, continua a ripeterle che è viziata come le americane… Ma nella sua lotta per diventare sé stessa, c’è chi forse può aiutarla. Un insegnante, a volte, e qualche amico non proprio popolare come lei. Perché è da quel sentirsi diversi ma uniti che spesso si trova il proprio posto nel mondo.

RECENSIONE

brown guitarLa storia ha inizio a Chapel Spring dove Apple Yengko ama la musica e vorrebbe imparare a suonare la chitarra come i suoi idoli preferiti. Sua madre non vuole saperne di comprarle lo strumento perchè non lo reputa necessario. Come se non bastasse, Apple finisce nella Lista Canina della scuola, ovvero la lista delle ragazze più brutte e per questo viene derisa e denigrata dalle sue stesse amiche, giorno dopo giorno. Ma il sogno di Apple è grande e forte, anche se la Lista Canina fa male.

Riuscirà Apple ad inseguire il suo sogno e, a suonare finalmente la sua chitarra? Si renderà conti di chi sono i veri amici e da chi, invece, tenersi alla larga?

Le avevo detto che era fortunata. Era nuova, perciò poteva essere chi voleva. Poteva reinventarsi completamente. Dopodiché era stata zitta per un po’. Avevo aspettato, sperando mi dicesse che anch’io ero troppo carina per la Lista Canina, ma non lo aveva fatto.

Risultato immagini per blackbird fly erin entrada kellyLa trama è dolce e mette sicuramente curiosità nel leggere il libro, forse anche più del volume precedente dell’autrice. Una trama che non spoilera ma lascia presagire ciò che effettivamente troveremo in questo libro.

La copertina italiana è davvero molto carina ed in linea esattamente come lo è quella originale che vedete qui di lato. L’originale è sicuramente più colorata e sembra quasi che il libro si concentri molto sulla musica e sul lato musicale ma non è propriamente così. A differenza di questo, notiamo l’ambiente scolastico – che nella storia è decisamente influente – rispetto a quella italiana in cui non c’è. Il titolo originale riprende il testo di una delle canzoni dei Beatles Blackbird Fly ed è la preferita della protagonista di questa storia. In italiano abbiamo cambiato totalmente e il titolo si è trasformato in Impara a volare in cui un riferimento al volo dell’originale c’è ed anche a ciò che avviene con la protagonista in fin dei conti.

L’ambientazione è Chapel Spring in Luisiana e l’epoca sembra essere piuttosto moderna anche se non è specificato ne indicato. Si mantiene sul vago ma è comunque una storia contemporanea.

Ho pensato al nome di mio padre scritto con il pennarello nero su Abbey Road. Quando scrivi il tuo nome su qualcosa, significa che è molto importante per te, quindi dev’essere stato uno dei suoi beni più preziosi.

women's white and multicolored v-neck t-shirtI personaggi di questa storia non sono molti e preferisco assolutamente concentrarmi sulla protagonista e narratrice di questa storia, una piccola ragazza che cerca di combattere con le unghie e con i denti per essere qualcuno di diverso da ciò che vogliono farla sembrare.

Apple Yengko, il cui vero nome è Analyn è una ragazzina semplice e dolce che ama la musica e vorrebbe imparare a suonare la chitarra, il suo strumento preferito. E’ una ragazzina che va bene a scuola e non ha mai creato alcun tipo di disturbi o di problemi. Eppure, quando finisce sulla Lista Canina, tutti cominciano a deriderla e comincia, per lei, un lungo cammino che la porta a valutare veramente le persone e gli amici che la circondano. Un personaggio che potrebbe essere una ragazzina qualsiasi di una qualunque scuola del mondo.

«Mi  chiamo Analyn Yengko» ha detto la ragazza nello specchio. Ho raccolto i capelli in una coda come quella di Gretchen. Analyn Yengko: popolare e divertente. Analyn Yengko: la ragazza più carina della scuola. Analyn Yengko: un sacco di amici e ragazzi. Analyn Yengko: non mangia cani per cena. «Addio, Apple» ho detto. Buongiorno, Analyn. Ma a che cosa serve un nuovo nome quando tutti sanno già chi sei? Ero Apple Yengko e niente di cui sopra. Lo sapevano tutti, me compresa.

Il perno centrale di questa storia sembra dividersi in due. Sia il fatto che Analyn voglia suonare uno strumento musicale come la chitarra e voglia diventare come i suoi idoli, sia il bullismo scolastico che la colpisce ogni giorno a scuola, anche da quelle che lei reputa le sue stesse amiche.

Lo stile utilizzato dall’autrice è piuttosto fluido, diretto e semplice. La storia che ci trasmette è ricca di valori e copre un tema sicuramente interessante narrato in prima persona dalla piccola Analyn.

Oltre al vero e proprio bullismo, c’è anche del razzismo in questo volume – molto sottile, ma c’è. Infatti la giovane protagonista era spesso denigrata perchè filippina e quindi siccome con gli occhi a mandorla, era certo che fosse una “mangia cani”.

La storia prende due canali diversi, quello della musica e quello del bullismo e li converge in un’unica storia. Laddove inizialmente il problema fondamentale di Apple sembra essere quello della musica e di avere uno strumento proprio da suonare e trovare il modo per farlo, si somma il fatto della Lista Canina. Le due cose sembrano prendere due pieghe totalmente differenti all’interno della storia perchè non sono riuscita a trovare molta convergenza sul fatto di trovare soldi per una chitarra e quello che succede a scuola. Ok, la storia può benissimo rappresentare ciò che accade o può cadere ad un adolescente o ad un ragazzino medio che va a scuola e tutto il resto ma, nel finale sono rimasta totalmente insoddisfatta del tutto e di come è stato gestito. E questo non ha fatto altro che avvalorare la tesi. L’autrice ha voluto utilizzare due espedienti differenti ed unirli senza trovare un vero e proprio sbocco se non quello della crescita personale della protagonista che, si è importante (e non ho nulla da dire su questo), ma lasciano a bocca asciutta il lettore. Forse per un lettore più giovane questo arriva sicuramente in maniera migliore ma trovo che sia stata in qualche modo sviluppata male. Ho letto decine e decine di libri per ragazzi che trattano l’argomento e questa mi ha lasciato in qualche modo a bocca asciutta, senza riuscire ad essere completamente soddisfatta. Come se manca qualcosa, avete presente?

La storia a livello di racconto e di protagonisti è sicuramente stata migliore della precedente, però non sono riuscita proprio a trovare un legame solido fra me e la lettura in questione, nonostante anche io abbia sofferto ai tempi delle scuole, dei stessi problemi di Apple. Una storia che consiglio perlopiù ad un pubblico giovane.

«C’è una sola differenza tra come affronti i cretini tu e come lo faccio io, e non c’entra niente con il fatto che io sono un maschio e tu una femmina o che siamo tipi strambi». «E quale sarebbe?» ho chiesto. «Io non sto ad ascoltare quello che dicono, perchè so che tutto ciò che pensano di me è sbagliato». ha detto. «Tu, invece, credi che loro abbiano ragione». E’ stata l’ultima cosa che ha detto prima che ci separassimo per andare in classe.

Il libro è semplice, che racconta una piccola parte della vita della piccola protagonista che può essere simile a quella di ognuno di noi. Un libro che consiglio sopratutto a giovani lettori.

Erin Entrada Kelly scrive una storia dolce, che ci porta tra i banchi di scuola, tra bulletti e ragazzine con sogni nel cassetto che aspettano solo di essere realizzati. Una storia leggera, per i giovani lettori di oggi che spero possano prendere in considerazione.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Impara a volare e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Impara a volare o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate possa fare per voi? Io, nel frattempo, vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

BLOGTOUR # – AURORA RISING DI JAY KROSTOFF & AMIE KAUFMAN: IDENTIKIT DI Aurora.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui per portarvi una bellissima novità in arrivo nelle librerie per la nostra amata Mondadori che ringrazio per la lettura in anteprima. Ringrazio anche Divoratori di libri per avermi permesso di partecipare a questo evento grandioso che promuove questo nuovo arrivo. A voi.

51lFCv0nziL

Titolo: Aurora Rising

Autore: Jay Kristoff e Amie Kauffman
Editore: Mondadori
Genere: Sci-Fi
Data di uscita: 10 Marzo 2020
Trama: Siamo nel 2380 e i cadetti appena diplomati della Aurora Academy stanno per essere assegnati alle loro prime missioni.
L’allievo migliore Tyler Jones è pronto a recrutare la squadra dei suoi sogni, ma il suo stupido eroismo lo vede bloccato con la feccia dell’Accademia, persone che nessun altro vorrebbe… Un diplomatico arrogante cintura nera in sarcasmo
Una scienziata sociopatica con la passione di fotografare i suoi compagni
Un mago della tecnologia con il più grande chip della galassia sulle spalle
Un guerriero alieno con problemi a gestire la rabbia
Un pilota maschiaccio che non è per niente attratta da lui, in caso ve lo steste domandando
E la squadra di Ty non è nemmeno il problema più grande- questo sarebbe Aurora Jie-Lin O’Malley, la ragazza che ha appena salvato dallo spazio interdimensionale. Intrappolata in un sonno per due secoli, Auri è un ragazza al di fuori del tempo e di portata. Ma potrebbe essere il catalizzatore che potrebbe far iniziare una guerra e la squadra di perdenti di Ty potrebbe essere l’ultima possibilità dell’intera galassia.
Non sono gli eroi che ci meritiamo. Sono semplicemente quelli che siamo riusciti a trovare. Nessuno vada in panico.
LA MIA TAPPA?
L’identikit di uno dei personaggi. Oggi ne troverete uno per ogni personaggio online ed io ho scelto AURORA, l’epicentro di tutta questa storia. Ecco a voi:

FanArt: credit Web.

NOME: Aurora Jie-Lin
COGNOME: O’Malley.
SOPRANNOME: Semplicemente Auri
ETA‘: 237 anni
SPECIE: Umana / Terrestre
CAPELLI: Scuri, con una ciocca bianca nella frangia.
OCCHI: Molto chiari, tendenti al grigio.
SEGNI PARTICOLARI: Lentiggini e strani poteri misteriosi.
PARENTELE: Zhang Ji. Nato nel 2125. Era suo padre.
TEAM: Recluta per vecchia missione su Octavia. Attualmente il Team è la Squadra 312.
RUOLO: Da definire (Non posso spoilerarvi proprio tutto).

BREVE DESCRIZIONE.
Ragazza che ha lasciato la Terra per una missione. Forse il fattore scatenante di una guerra in corso da milioni di anni. Una ragazza confusa, misteriosa ma decisamente buongustaia. Fin dai primi momenti in cui si trova a contatto con Tyler esce fuori il meglio di lei in ciò che pensa verso le sue fossette e la sua muscolatura prestante. Si è sempre occupata di Esplorazione e Cartografia ed ama quindi le mappe. È stata troppo tempo nella piega e questo la rende pericolosa e con dei i risvolti interessanti. Un personaggio unico che, assieme a Magellano, cercherà di entrarvi nel cuore.

LA SQUADRA

Risultato immagini per aurora rising team
La squadra si compone di sette personaggi. Si chiama SQUADRA 312 ed è composta dai personaggi decisamente particolari e vasti. Ve li presenteranno :

Tyler Identikit a cura di Divoratori di Libri

Scarlett Identikit a cura di Libri in tavola

Cat Identikit a cura di Gli occhi del lupo

Zila Identikit a cura di Viviamo per sognare

Fin Identikit a cura di Libri al caffè

Kal Identikit a cura di Bookiram


Seguite le altre tappe, mi raccomando, oltre a tutti gli altri Identikit dei personaggi. E le recensioni che troverete online a queste date:

87727711_779890195753266_8190197458865750016_o


Vi aspetto come sempre per opinioni, idee e quant’altro. Un abbraccio da me 😀
A presto,
Sara ©

WWW WEDNESDAY #67

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Oggi io vi porto il WWW Wednesday che spero  – rubrica ideata da Should Be Reading – in cui vi mostro le mie letture di questa settimana. Fatemi sapere le vostre! Ecco qui:

What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?

Risultato immagini per raccontami di un giorno perfetto libro filmRisultato immagini per questo oscuro duettoAttualmente sto leggendo Raccontami di un giorno perfetto di Jennifer Niven edito DeAgostini per via dell’evento che ci sarà in questi giorni in vista dell’uscita del film. Avendo letto l’altro libro dell’autrice spero che questo sia carino e, visto il trailer, spero mi faccia emozionare anche il film. Vi parlerò del volume in questi giorni quindi tenetevi pronti assolutamente.
Altra lettura che intraprenderò in questi giorni è Questo Oscuro Duetto di Victoria Shwab che spero possa piacermi. Il primo non mi aveva convinto tantissimo e non ho grandi speranze però ci provo, mai dire mai. Edito Giunti editore, ve ne parlerò al più presto, non temete. Vi farò sapere a giorni qualcosa su questo libro e la sua relativa recensione.

What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?

4D6DAFCA-766B-4CF7-8870-07B02C97005A51JAMFWmq6LHo appena finito di leggere diverse letture in effetti quindi ci sono vari libri di cui vi parlerò in questa sezione. La settimana scorsa ho fatto il pieno dii letture per cercare di togliermi più libri possibile e portarmi avanti visto che avevo molto da recuperare.

Ho letto un piccolo libro di poesie L’ultimo giorno (versi dell’aldilà) diStefano Fortelli, un autore emergente di cui vi ho parlato sabato. Una raccolta davvero curiosa e che, da brava amante delle poesie, non potevo lasciarmi sfuggire, ero troppo curiosa. Devo dire che ha soddisfatto almeno in parte questa curiosità ma 

Ho letto, 41rbfy2b-nkl di Erin Entrada Kelly della Rizzoli, un volume per ragazzi molto piccolo e curioso che vi invito a leggere. I libri della Kelly sono tutti molto piccoli e semplici, fluidi e con un bel messaggio all’interno, quindi non potete lasciarveli sfuggire. La recensione arriverà nei prossimi giorni, abbiate pazienza, io vi penso sempre!

978880472175hig-628x965-1Altra lettura che ho affrontato in settimana è stata una piccola raccolta di racconti Come acqua versata nell’acqua di Claudia Bergomi che spero possa piacervi. Una raccolta molto particolare, sempre da autrice emergente che vi porterà in posti particolari. Anche questo, recensione a breve, sto cercando di distribuire ogni cosa al meglio. Abbiate pazienza.

In più ho cercato di leggere altro libricino, il secondo Volume de Il custode delle tempeste che si chiama I guerrieri delle Maree di Catherine Doyle. Il primo volume è stato un si e no, e vi lascio la Recensione per cercare di ricordarvi di cosa parla il primo volume. Comunque un libro edito Mondadori che spero piacerà a chi ha letto anche il primo volume.

Ho fatto anche un altra lettura ma ve ne parlo sotto, nella prossima domanda! 

 


What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?

Risultato immagini per aurora risingRisultato immagini per la nona casa bardugoLe prossime letture da intraprendere sono diverse ma ancora non so con quale ordine le  intraprenderò. Sicuramente fra questi ci sarà Aurora Rising di Amie Kaufmann e Jay Kristoff e La nona casa di Leigh Bardugo (la copertina ho messo gli originali che ancora non sono uscite le ufficiali). Però vedrò dove incastrarli al meglio per riuscire nella lettura con tranquillità.

A breve vi arriverà anche la recensione di Loki di Mackanzie Lee, che ho letto nella scorsa settimana, edito Mondadori e spero che vi piaccia. Non sono molto amante del genere Marvel, dipende dal personaggio ma questo mi ha incuriosito molto, quindi ho provato. Ve ne parlerò presto. Intanto trovate online le tappe del BlogTour di cui la mia: il Dreamcast premendo QUI. 


Voi cosa state leggendo? Cosa leggerete? Rispondete alle domande mi raccomando, che  io vi aspetto!

A presto,

Sara ©