RECENSIONE #520 – CIELO DI CILIEGIE DI JEF AERTS E SANNE TE LOO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io bene! Finalmente vi parlo di un nuovo libricino che spero possa colpire voi e i più piccoli, magari figli o per un bel regalo a dei bambini. E’ un libricino davvero adorabile, quindi perché non tentare? Io ringrazio tantissimo la casa editrice Camelozampa per l’invio e ve ne parlo subito. Ecco a voi:

cielo-di-ciliegie-cover-web-scaled-1Titolo: Cielo di ciliegie
Autore: Jef Aerts e Sanne Te Loo.

Data di uscita: 3 giugno 2021
Pagine: 48 
Link d’acquisto: https://amzn.to/2S471F2
Trama: Alcuni amici sono molto più che amici. Crescono come ciliegie gemelle attaccate allo stesso gambo. Adin e Dina sono degli amici così. Ma un giorno Adin e la mamma si trasferiscono in città, lontano dai ciliegi… Una storia su chi parte e chi ritorna e su come le vere amicizie possano durare per sempre.

Età di lettura: da 5 anni.

RECENSIONE

La storia è molto breve, semplice e leggera per i più piccoli. La storia di un’amicizia che unirà due bambini molto più di qualsiasi altra cosa. Adin e Dina sono amici da sempre, legatissimi e uniti sotto tutti gli aspetti possibili. Colgono assieme le ciliegie, passano il loro tempo assieme e si divertono l’uno con l’altra. Tutto fra loro potrebbe cambiare, però, quando Adin deve trasferirsi in città per via del lavoro dei suoi genitori.

Cosa succederà fra i due amici? Può durare un’amicizia anche da così lontani oltre che da così piccoli? Cosa li spinge mantenere solido ciò che hanno coltivato per tanto tempo, con amore e dolcezza?

Cielo di ciliegie. Ediz. illustrata - Jef Aerts - Libro - Camelozampa - Le  piume | IBS

La trama è breve e molto semplice ma assolutamente rappresentativa della storia che ci viene presentata. E’ una trama che mi ha conquistato fin dal primo momento e la dolcezza di quanto descritto viene riproposto poi anche all’interno. Una trama che conquisterà gli adulti ed anche i più piccoli.

La copertina è meravigliosa. Oltre a rappresentare la scena migliore all’interno di questa storia, rappresenta sia l’amicizia di Adin e Dina, sia il fatto dei ciliegi. Così per quanto riguarda il titolo. E’ una copertina dolce e caratteristica per questa storia così come lo è il titolo, intenso, dritto al punto e dolce come le ciliegie che porta. E’ un connubio interessante e davvero unico per un libro per bambini. Si presenta in un formato quadrato e più grande del formato normale, che saprà conquistarvi tra illustrazioni e la storia.

Cielo di ciliegie. Ediz. illustrata - Jef Aerts - Libro - Camelozampa - Le  piume | IBS

I personaggi di questa storia non sono tantissimi, sono soltanto due e la storia è molto breve. Adin e Dina sono due bambini e molto dolci. Adin e Dina sono uniti dalle ciliegie e da molto altro. La loro amicizia vaga tra gli alberi di ciliegio a cui i due sono molto legati. Non sapremo molto di loro se non che sono molto uniti e lo saranno anche se la distanza porta Adin in città e lascia a lui una scia di ossi di ciliegie e a Dina un piccolo uccellino nero che le fa compagnia.

Cielo di ciliegie. Ediz. illustrata - Jef Aerts - Libro - Camelozampa - Le  piume | IBS

Il perno centrale di questa storia è l’amicizia fra Adin e Dina. I due sono veramente legati e nonostante la lontananza, i due sapranno cosa vuol dire e sapranno spiegare cos’è l’amicizia molto più di quanto facciano gli adulti. Una storia molto breve ma sicuramente intensa.

Lo stile utilizzato è diretto, quasi poetico. Il libro, essendo un volume per bambini conquista per le sue illustrazioni in primis, che con i colori pastello tenue, regalano qualcosa di unico e incredibile. L’amicizia, tema centrale di questa storia, è la cosa migliore che si possa prendere in considerazione, specialmente all’età di questi  due giovani protagonisti. 

Ho trovato la lettura emozionante e leggera, così come consiglio questo piccolo volume a tutti i piccoli lettori che vogliono intraprendere una lettura unica e indimenticabile. Regalate questo volume ai più piccoli, perché ne vale davvero la pena.

Cielo di ciliegie. Ediz. illustrata - Jef Aerts - Libro - Camelozampa - Le  piume | IBS

Il piccolo libricino per bambini è una piccola perla che tutti i più piccoli dovrebbero leggere. Coloro che cambiano scuola, che pensano di poter perdere un amico o chiunque creda che l’amicizia sia il valore assoluto della vita. Un piccolo diamantino da leggere.

Jef Aerts e Sanne Te Loo illustrano e scrivono una storia per bambini che conquisterà i più piccoli e si farà amare pagina dopo pagina. Una storia breve ma che dice molto più di quello che sembra sul valore incredibile dell’amicizia.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Cielo di Ciliegie e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Cielo di ciliegie o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere cosa ne pensate che sono davvero curiosa di avere vostre opinioni al riguardo! E vi aspetto ovviamente.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #517 – IL MARTELLO NELLA TESTA DI STEFANO FORTELLI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui per parlarvi di un nuovo libro di poesie nel frattempo che si va avanti e si leggono nuovi volumetti che sto recuperando per voi. Devo anche recuperare su Instagram ma mi sto rimettendo in careggiata piano piano quindi presto novità per voi. Spero che questo volume, comunque possa piacervi. A voi:

il-martello-nella-testaTitoloIl martello nella testa: Dark poetry
AutoreStefano Fortelli
GenerePoesia
Casa editriceHelios Edizioni
Data di Pubblicazione15 gennaio 2021
FormatoCartaceo, Ebook
Pagine71
Link d’acquisto: https://amzn.to/3fIey5j
Trama: Arriva la stagione in cui si perde la leggerezza. Quando resta poco asfalto da poter divorare e ci si rassegna all’idea che le cose, fuori e dentro di noi, non possano cambiare. Ci osserviamo e osserviamo il mondo con le sue brutture, inermi, dal braccio della morte, mentre batte incessante nella testa un martello. E arriva il momento in cui rischi di impazzire, quello in cui l’unica salvezza è gettare su un foglio bianco le frequenze di quel battere.

RECENSIONE

Questa raccolta di poesie è qualcosa che ho sentito subito dentro, subito mia, perché anch’io ho avuto quel martello nella testa per fin troppo tempo. E’ una raccolta di poesie oscure, emozionanti, coraggiose. Delle poesie che si scrivono nei momenti duri e difficili, in cui si rischia di impazzire e in cui l’unica cosa che sembra salvarci è gettare su carta tutte le emozioni che sembra ci stiano divorando. Una raccolta di poesie strazianti, che ci permettono di entrare nella testa e nelle paure più intime dell’autore così come possiamo ritrovare una parte di noi, che almeno una volta, magari abbiamo passato o attraversato.

Cosa riuscirà a trasmetterci l’autore con queste poesie? Cosa vuole dirci davvero e quanto ha da dire?

Inganni del cuore
Quante storie andate,
dentro le poesie
Rianimiamo le nostre verità
con l’afflato di un respiro
Ci inchiodiamo alla croce
lasciando libera una mano
Le scriviamo in bilico
tra la vita e la morte
per chi non leggerà.

La trama della raccolta sembra muoversi in punta di piedi, così come la raccolta stessa seppur sia di tutt’altro colore, di tutt’altro avviso e potenza. La trama è spontanea, genuina e penso sinceramente che poteva essere davvero difficile fare di meglio su questo punto di vista.

La copertina, detta francamente, non mi fa impazzire. Non per l’accostamento del soggetto utilizzato al titolo ma proprio la composizione generale dell’impostazione tra immagine, colori e font utilizzato. Probabilmente mi sarei aspettata un immagine di un uomo tormentato, uno sfondo bianco o addirittura un disegno minimal di un uomo seduto con la testa fra le mani. Non so, probabilmente c’era molto su come impostare visivamente la raccolta nel modo migliore ma immagino ci sia anche la scelta dell’autore – probabilmente – dietro al risultato attuale, quindi avrà i suoi buoni motivi al riguardo. Trovo che, personalmente, poteva essere sfruttato diversamente ma nel complesso, il titolo compensa il resto.

Il titolo della raccolta non poteva essere più azzeccato di così. Le poesie sono un vero e proprio martello nella testa, così come viene posto nel titolo, quindi quale scelta poteva essere migliore? Nessuna probabilmente. Trovo sia un titolo giusto, equilibrato e pensato nei minimi dettagli per ciò che l’autore voleva esprimere per la sua raccolta. Questo titolo porta alla mente il rumore di un martello che batte, come un qualcosa che entra dentro l’animo e s’insinua nelle pieghe della mente distruggendo ogni cosa buona, trapassando e abbattendo ogni cosa.

Ultima notte
Ho lasciato una lettera
sul frigo spento e il mazzo
di chiavi sotto lo zerbino
Ho gettato l’immondizia
nel bidone in fondo al viale
in quest’aria cha sa ancora di notte
e senza voltarmi ho proseguito
Poco importa se la leggerai,
poco, se sarai lì al mio ritorno
Dopo tutto, poco importa ora
se un giorno mi vorrai capire

Il perno centrale di questa silloge parla di tutto quello che un dubbio, un pensiero negativo o dei tarli nella testa, proprio come un martello si ritrovano a colpire l’animo di una persona fino a penetrare nelle ossa, distruggendo ogni cosa possibile. E nel momento stesso in cui il martello sembra distruggere ogni cosa c’è la parte che cerca di sopravvivere cercando di mantenere il tutto in equilibrio nonostante non sia affatto semplice.

Lo stile utilizzato dall’autore è al tempo stesso leggero nel suo modo di scrivere e dello scorrere del testo, così come è potente ciò che cerca di comunicarci. Una scrittura originale, di piacevole lettura ma che allo stesso tempo si mantiene sul dark, dando quel tocco di oscuro, di emozione dura, cruenta, che colpisce il lettore riga dopo riga, pagina dopo pagina. Le due parti, separate dallo scritto degli Scheletri nell’armadio, colpisce e, nonostante la sua stranezza complessiva del testo, il tutto completa la parte successiva alla precedente. E le due parti collimano perfettamente assieme.

Rispetto alla raccolta precedente, L’Ultimo Giorno – Versi dell’Aldilà, di cui trovate la recensione online, ho trovato questa raccolta ancor più forte ed emozionante. Fra le due ho preferito questa, sia per la maturità che per la struttura della raccolta oltre al semplice fatto che in questi versi ci si può ritrovare molto più facilmente, visto che ad ognuno di noi è capitato almeno una volta di avere come un martello nella testa. Con frasi brevi e concise e con poesie che arrivano dritte al cuore del lettore, le poesie diventano qualcosa che si vive oltre che si legge.

Due anni
Dicono, che a credere di essere
infermo, ci si ammali per davvero
Ma io non volevo ammalarmi:
questo stesso giorno di
due anni fa, volevo morire
Da allora non c’è stato giorno
in cui non lo abbia sperato
Sono ancora qui che aspetto
e solo mi consola il fatto
che di questi anni, non
mi resti alcun ricordo

Con questo libro, c’è un salto di qualità di un’autore che mi era piaciuto ma che non mi aveva colpito a pieno con la sua opera precedente. Ho trovato questa raccolta forte, diretta e ricca di coinvolgimento emotivo.

Stefano Fortelli s’insinua, s’insedia e colpisce il lettore, come il suo stesso martello che sembra averlo turbato tanto, con una raccolta originale, empatica. Un insieme Una lettura che mi sento di consigliarvi.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2

Si ringrazia l’autore per la copia omaggio

Vuoi acquistare Il martello nella testa e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Il martello nella testa o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò


Cosa ne dite? Fatemi sapere se lo leggerete e se pensate possa piacervi, mi raccomando! Io vi aspetto come sempre.

A presto,

Sara ©

PROSSIME USCITE PER CAMELOZAMPA, NPS EDIZIONI, DEA PLANETA, PONTE DELLE GRAZIE, OLTRE EDIZIONI, THE PINK FACTORY PUBLISHING, NEWTON COMPTON EDITORI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui che vi porto una nuova serie di uscite che spero possiate apprezzare. Personalmente ci sono diversi titoli che mi piacerebbe leggere in questa lista e io ve li propongo, in caso vogliate dare un’opportunità a qualcosa. Ecco a voi, come sempre suddivisi per editore, le seguenti uscite:

THE PINK FACTORY PUBLISHING

Woby storia di un'amicizia di Patrizia Baglioni - Un cuore tra i libriTitolo: Woby – Storia di un’amicizia
Autore: Patrizia Baglioni
Illustratore: Serena Pelegatti
Collana: Red Riding Hood
Genere: Narrativa per ragazzi
Pagine: 100 
Store online: Esclusiva Amazon
Cover, progetto grafico e impaginazione: Luigileone Avallone
Data d’uscita: 17 Maggio 2021
Sinossi: Bobby, detto Woby, è un piccolo meticcio dalle zampe troppo corte e dalle sorprendenti virtù: è un leader, nonostante la gracile struttura fisica, è un eroe, nonostante l’innata tendenza alla pusillanimità. È distaccato come un gatto, ma anche un valoroso cane da caccia. Woby vive grandi avventure in compagnia dai suoi amici a due e a quattro zampe. Unico cane domestico in un branco addestrato alla ricerca, al riporto e all’inseguimento, ne combina sempre di tutti i colori. Questa storia parla di animali, di uomini, di vita familiare e contadina, di natura ma soprattutto di un’amicizia più forte di ogni altra cosa, poiché Woby, come tutti gli amici pelosetti che incontriamo nella vita, si mette accanto a noi, ben attento a tenere il nostro passo.


COVER REVEAL: Seduction di Francesca Palamara – Sognare Leggi e Sogna…Titolo: Seduction
Autore: Francesca Palamara
Collana: Pink Boudoir
Genere: Erotico/Contemporary Romance
Pagine: 340 
Formato: ebook e cartaceo
Store on line: Esclusiva Amazon
Data di pubblicazione: 24 maggio 2021
Sinossi: Seduction #inlovewiththeboss. Jasmine Swift ha ciò che da sempre desidera: un lavoro, l’amore e la felicità.
Un giorno però, all’improvviso tutto cambia e Jasmine si ritrova nell’oscurità: perde tutto e con il cuore a pezzi. È disperata, almeno fino a quando nella sua vita non entra lui: Caleb Taylor, lo scapolo più ambito della città.
L’agenda di Caleb è piena di appuntamenti, perché è l’avvocato che tutti vorrebbero: astuto, spietato, bellissimo. Insieme al suo migliore amico ha appena aperto un locale di successo. Tutto va alla grande, fino a quando nel suo ufficio non entra lei: Jasmine Swift. È la svolta per entrambi: il momento in cui il loro mondo si ribalta. La tensione erotica tra i due è palpabile, intensa. Caleb la desidera come non ha mai desiderato nessuna donna e non avrà pace fino a quando lei non sarà tra le sue braccia. Ci riuscirà? Una storia che lascerà il segno e che vi terrà incollati fino all’ultima pagina…


MARSILIO

Memorie di un rettile
Autore: Silje O. Ulstein
Titolo: Memorie di un rettile
traduzione: di Giovanna Paterniti
Pagine: 432
Collana: Farfalle
ISBN: 978-88-297-1032-4
Prezzo: 19,00 euro
Trama: Liv è una studentessa dall’infanzia travagliata, che annega il proprio disagio in serate a base di alcolici, heavy metal e canne con gli amici più stretti. Trova conforto nella compagnia di Nero, un piccolo di pitone moluro dal quale si sente profondamente attratta e con cui instaura una simbiosi oscura e sempre crescente. Quattordici anni dopo, in una cittadina della costa norvegese, Mariam è in giro a fare acquisti con la figlia Iben quando, dopo un banale litigio, la ragazzina si allontana facendo perdere le proprie tracce. L’ipotesi di una sparizione volontaria si trasforma per Mariam in un angosciante timore, le cui radici affondano in un altro luogo e in un altro tempo. A indagare sul caso c’è Roe Olsvik, un introverso ispettore di polizia con una condotta irreprensibile e una tragedia familiare alle spalle. Il suo comportamento improvvisamente ambiguo, però, inizia ben presto a destare dei sospetti. Che cosa lega Liv a Mariam? Quali sono i fantasmi che affliggono la vita di Roe? E qual è il ruolo di Liv all’interno dell’indagine? I personaggi di questo thriller caleidoscopico nascondono tutti un passato misterioso, qualcosa che li ha segnati e che non li abbandona. Le loro storie, in apparenza così lontane, si riveleranno intimamente legate, in un costante cambio di prospettiva dove niente è ciò che sembra, e nessuno è chi dice di essere.

ROBIN EDIZIONI

Un ragazzo in fuga - Andrea Bianchi - Libro - Robin - Robin&sons | IBSTitolo: Un ragazzo in fuga
Autore: Andrea Bianchi 
Pagine: 333
Data di uscita: DA MAGGIO

“Tra tutte quelle mani forse ce n’era una che reggeva un’arma,
magari una pistola a canna lunga, e magari quella mano apparteneva
proprio all’uomo che lo stava puntando senza sosta con lo sguardo.
L’arma, se c’era, non poteva che essere mirata contro di lui.”

Trama: Davide Galetti è un adolescente come tanti: va al liceo, gioca a calcio con gli amici e sogna il Torino. La sua vita viene sconvolta improvvisamente quando qualcuno, assoldato dal padre Joe “Occhi di Tigre” Galetti, criminale latitante che lo vuole morto, tenta di sparargli in pieno giorno. Davide deve così scappare con la madre e abbandonare amici, sogni e speranze. Sul treno per Venezia, però, il sospetto di essere seguito si concretizza spaventosamente e lo costringe a rifugiarsi dal suo amico Frank, a Milano, per fuggire da un padre che non si ferma davanti a nulla pur di
rimediare a un torto subito. Qui, tra avvocati senza scrupoli, commissari sospetti e il miraggio di una vita tranquilla, Davide sarà costretto a crescere prima del tempo. Oppresso da un segreto inconfessabile, sceglierà di combattere dalla parte della giustizia o affronterà il padre con le sue stesse armi?


OLTRE EDIZIONI

La bella signora dal soprabito rosso' di Paolo Del ConteAutore: Paolo Del Conte
Titolo: La bella signora dal soprabito rosso
Pagine: 180
Prezzo: 16,00
In libreria dal: 14 maggio 

Trama: Fino a quel momento la sua vita lavorativa era stata un mezzo disastro, aveva fatto un po’ di tutto, dal corriere al manovale al porto. Poi, quasi per caso, si ritrova nella redazione di un piccolo quotidiano che ha cambiato proprietà e che cerca di dare una scossa alla sua linea editoriale attraverso nuovi inserti, commenti, rubriche. Dopo l’immancabile “gavetta” e soprattutto grazie all’aiuto di un collega esperto, il giovane protagonista scopre di avere il fiuto e il talento per scovare e piazzare in cronaca veri e propri reportage che incontreranno il gradimento dei lettori e della redazione. Per il ragazzo finalmente sembra filare tutto liscio ma, come è noto, il diavolo si annida nei dettagli e la realtà non è solo come appare. Cosa vuole veramente da lui la bella signora dal soprabito rosso moglie del direttore del giornale? La ricerca delle notizie è solo un esercizio giornalistico o qualcosa di più profondo di uno scoop? Lo scorrere degli avvenimenti porterà Il giovane reporter a misurarsi con un percorso di lavoro e di vita costellato di ostacoli spesso destabilizzanti, ma ricco di esperienze umane e formative.


CAMELOZAMPA

Il giardino delle meduseTitolo: Il giardino delle meduse
Scritto da: Paola Vitale
Illustrato da: Rossana Bossù
Collana: Le Sinapsi
Stampato su carta ecologica FSC
In libreria dal: 3 giugno 2021
Trama:
Colorano di riflessi l’acqua degli oceani più profondi, dei porti e
delle spiagge. Sono trasparenti, dai colori accesi e brillanti. A volte sono grandi come aquiloni, a volte così piccole da confondersi tra le gocce d’acqua salata. Vivono ovunque, dall’Artico agli oceani tropicali, dalle acque costiere fino alle profondità marine. Un’immersione nel mondo affascinante delle meduse, dove forse si nasconde la chiave del nostro futuro.

Cielo di ciliegie. Ediz. illustrata di Aerts Jef - Bookdealer | I tuoi  librai a domicilioTitolo: Cielo di ciliegie
Scritto da: Jef Aerts
Illustrato da: Sanne te Loo
Traduzione di: Anna Patrucco Becchi
Collana: Le Piume
Stampato su carta ecologica FSC
In libreria dal: 3 giugno 2021
Trama:
Alcuni amici sono molto più che amici. Crescono come ciliegie gemelle attaccate allo stesso gambo.
Adin e Dina sono due amici così.
Ma ora Adin dovrà trasferirsi in città, lontano dai loro ciliegi…
Una storia su chi parte e chi ritorna e su come le vere amicizie possano durare per sempre.

DEA PLANETA

Autore: E. Lockhart
Titolo:
Forse ci ritroveremo
Traduzione di: Valentina Zaffagnini
Genere:
Narrativa
Pagine
: 304
IN USCITA IL:
22.06.2021
Prezzo: € 15,90
TramaSe potessi vivere la tua vita di nuovo, faresti qualcosa di diverso? È questa la domanda che si ritrova a vivere Adelaide, dopo un momento difficile in famiglia e una rottura improvvisa col suo ragazzo di sempre. L’estate dei suoi diciotto anni si trasforma così in un mazzo di carte da scegliere, una scatola di cioccolatini da scoprire. Quell’estate, tutto può avverarsi, è Adelaide a dover scegliere. Può innamorarsi centinaia di volte, può chiudersi in se stessa, prigioniera del segreto che dilania la sua famiglia, può cambiare idea sull’amore e scoprire che solo ritrovarsi nell’altro è la soluzione combattere la tristezza. Adelaide potrà fare tutto per combattere, ma dovrà trovare la strada giusta per ritornare a galla.


Autore: William LASHNER
Titolo: Webster & Co. Il portale dell’aldilà
Data di uscita: 1 giugno
Pagine: 224
Prezzo: euro 14,90
Target: 10+
Trama: Il secondo capitolo di una saga infernale! Dopo aver vinto il suo primo processo in aula, ed essere riuscita a liberare il padre dalle grinfie del demone Alarossa, Elizabeth è convinta che il peggio sia ormai passato. È pronta a tornare alla normalità. Per quanto possa essere normale fare praticantato presso lo studio legale Webster & Co., dove i clienti meno eccentrici sono dotati di zanne e artigli affilati. È per esempio il caso di Althea, una gremlin ingiustamente accusata di aver aggredito la capra della vicina. Armata di casco protettivo e delle migliori intenzioni avvocatesche, Elizabeth è pronta a dimostrare che può fare molto più che archiviare documenti e pulire i polverosi scaffali dello studio. Aiutare la gremlin, dopotutto, non sembra così complicato… E poi, che cosa potrebbe mai distrarla dalla missione? Un compito in classe a sorpresa? Un’invasione di demoni? Le cose, per l’intraprendente giovane avvocatessa, potrebbero complicarsi. Elizabeth Webster riuscirà a cavarsela risolvendo il caso senza perdere l’udienza, o peggio… la vita?


PONTE DELLE GRAZIE

La spiaggia degli affogati – Domingo Villar - Casa editrice Ponte alle  GrazieAutore: Domingo Villar
Titolo: La spiaggia degli affogati
Genere: ROMANZO
Pagine: 492
Prezzo: euro 18,50
Data di uscita: 6 giugno 
Trama: Un mattino di ottobre, sulla spiaggia di Panxón, a sud di Vigo, il mare restituisce il corpo di un pescatore annegato. Non si tratta di una disgrazia: l’uomo ha le mani legate con una fascetta. Potrebbe sembrare un suicidio, anche perché il Biondo era incline alla depressione e aveva un passato da tossicodipendente. O forse dovrebbe sembrare un suicidio, come sospetta l’ispettore Caldas. Forse la causa della morte è da cercare nei misteri che ancora avvolgono un altro naufragio, vecchio di dieci anni. Forse davvero, come sostiene qualcuno nel paese, un fantasma si aggira in cerca di vendetta… Torna l’ispettore Leo Caldas, e con lui tornano i suoi comprimari: i colleghi del commissariato — a cominciare dal fido ma impetuoso aiutante aragonese Estévez — il padre ritiratosi fra le sue vigne, l’insopportabile conduttore radiofonico Losada, i «filosofi» della taverna di Eligio. Torna, soprattutto, la Galizia di Domingo Villar, autentica coprotagonista: sole bruciante e nebbie, piogge improvvise, marinai taciturni, bar, osterie e quell’oceano che la isola e la unisce al resto del mondo. La spiaggia degli affogati è il romanzo che ha confermato il talento di un grande autore. Nella costruzione della trama come nella caratterizzazione dei personaggi e dell’ambientazione, nel mirabile uso del dialogo e nella straordinaria capacità di gestire il ritmo della narrazione, Villar è un autentico maestro del noir moderno.


NPS EDIZIONI

Il vortice dei dannati - Franco Giacoia :: NPS EdizioniTitolo: Il vortice dei dannati
Autore: Franco Giacoia
Genere: urban fantasy / folclore italiano
Formato: cartaceo e digitale
Pagine: 140
Prezzo: 14 euro (cartaceo), 2,99 euro (digitale)
ISBN: 978-88-31910-385 (cartaceo) – 978-88-31910-37-8 (digitale)
Copertina di Marco Pennacchietti.
Uscita: 8 giugno 2021.
Trama: Pietro Bracaletti è un marinaio esperto, baciato dalle ninfe del mare. Non c’è peschereccio su cui si imbarchi che non rientri in porto carico di pescato. Una simile fama genera invidia e attira l’attenzione dell’ombra. Costretto all’esilio dalla sua amata San Benedetto del Tronto, Pietro vaga per tutta l’Italia, deciso a lasciarsi alle spalle i fantasmi del suo oscuro passato. Ma le anime erranti in cerca di vendetta non gli danno tregua: soltanto un Tagliatore, in fondo, può aver ragione della potenza dello Scijò.


NEWTON COMPTON EDITORI

Tre mogli di [Tarryn Fisher]Titolo: Tre mogli
Autore: Tarryn Fisher
ISBN: 9788822744340
Collana: Nuova Narrativa Newton n. 1178
Pagine: 320
Prezzo: € 9,90
Trama: Non sa assolutamente niente di loro, e neppure le interessa, perché è pazza di lui. Tra loro c’è un patto: Thursday non tenterà mai di avvicinarsi alle altre due, e in cambio avrà Seth tutto per sé una volta alla
settimana. Non è certo il matrimonio perfetto, ma è un sacrificio che lei è disposta ad accettare. Eppure, la curiosità sa essere più forte di qualsiasi promessa e quando Thursday trova tra i vestiti del marito una ricevuta con su scritto il nome di una di loro, decide di provare a mettersi in contatto con la fantomatica “Hannah”. Scoprirà così che Seth non è l’uomo meraviglioso che finge di essere, e che nasconde molti più segreti di quanti lei potesse immaginare…


Cosa ne pensate? Avete trovato qualcosa di bello da leggere? Fatemi sapere ovviamente, io vi aspetto sempre.

A presto,
Sara ©

REVIEW PARTY: Recensione #516 – QUATTRO IL RISVEGLIO DI LUCA FARRU.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Finalmente è giovedì ed oggi vi porto una nuova novità che spero possa incuriosirvi e interessarvi. Ringrazio tantissimo la Sperling&Kupfer per avermi permesso la lettura in anteprima e Miriam per aver organizzato l’evento in questione. Ecco qui che ve ne parlo:

51aSqyOaEaS._SX323_BO1,204,203,200_Titolo: Quattro. Il risveglio
Autore: Luca Farru
Pagine: 370
Data di uscita: 18 maggio 2021
Link d’acquistohttps://amzn.to/3oCp9Sw
Trama: Siete l’unica speranza che ha il mondo di sconfiggere Serafyn ed evitare che spalanchi le porte degli Inferi. Sei pronto a rischiare tutto per opporti al male? Cody, Matt, Rose e Sybil sono quattro ragazzi che vivono in città lontanissime tra loro – rispettivamente a Vancouver, New York, Milano e Singapore – e che conducono esistenze diametralmente opposte. Sennonché, un giorno, tutti loro notano sulla pelle l’apparizione di un marchio insolito e cominciano ad avere strane visioni, oltre a manifestare poteri inspiegabili. Ed è allora che il velo che separa naturale e soprannaturale si squarcia, e i ragazzi scoprono di essere presi di mira dai seguaci di Serafyn, un antico demone che dominava il reame oscuro di Inferium, e che è stato sconfitto in passato dalle forze del bene, di stanza a Nuramen e guidate dalla regina Melania. Tra fughe rocambolesche, addestramenti serrati e scoperte sconvolgenti, i Quattro dovranno lasciare che il loro destino si compia. Riusciranno a impedire il ritorno di Serafyn e a salvare chi amano?

RECENSIONE

two men sitting and one man standing near cliff taken during golden hourLa storia ha inizio in quattro parti diverse del mondo: Vancuver, Milano, Singapore e New York dove vivono i nostri quattro protagonisti. Cody, Matt, Rose e Sybil sono quattro ragazzi che vivono in città lontanissime tra loro e che stanno per condividere una grande responsabilità. I quattro, Sybil, Matt, Cody e Rose improvvisamente cominciano ad avere delle strane visioni l’uno dell’altro così come un marchio che appare inspiegabilmente sulla loro pelle, che sembra addirittura essere vivo. Quello che i quattro non sanno è che Serafyn, un potente demone sconfitto anni addietro dalle forze di Nuramen e che sembra stia per risvegliarsi.

Cosa c’entrano i quattro ragazzi in tutto questo? Riusciranno a fermare la rinascita di Serafyn oppure si troveranno a dover combattere qualcosa di più grande di loro? Cosa scopriranno su Nuramen e sull’Inferium?

«Sempre insieme voi ragazze, eh? Quand’è che mi fai conoscere un bravo giovanotto?» domandò Adele sventolando il ventaglio che reggeva in mano, ciuffi di capelli incollati alle tempie. La frecciatina colpì direttamente l’orgoglio della nipote.

La trama della storia è piuttosto lunga, forse avrei evitato di allungare il brodo qui e di sintetizzare parlando del volume e della storia in maniera più blanda possibile, in modo da mettere ancor più curiosità. Infatti avrei utilizzato qualcosa di più breve e incisivo invece di raccontare quanto più nella trama, a volte occorrerebbe un po’ dosare ma capisco anche che a volte è difficile riassumere un po’ il fulcro della storia.

La copertina del volume è piuttosto semplice, ritrae l’anello che sarà un fulcro abbastanza importante all’interno della storia ma resta comunque piuttosto modesta. E’ una copertina che riguardo la versione precedente pubblicata dall’autore risulta sicuramente originale. Ora siamo curiosi di sapere come sarà per il secondo volume. Il titolo è piuttosto semplice e mette in evidenza il fatto che i protagonisti siano, per l’appunto quattro, e coloro che cambieranno il destino dei mondi, così come si parla del risveglio, vista la possibilità del ritorno del potente demone Serafyn. Il connubio fra titolo e copertina è giusto e ben fatto a mio parere, quindi un bel lavoro di immagine di certo.

L’ambientazione di questa storia è differente in base a quale personaggio ci troveremo ad incontrare, ovvero in base a quale città essi risiedono. La storia poi si sposta su Nuramen e nei luoghi del mondo su cui il fantasy è ambientato. L’epoca sembra essere abbastanza moderna, in tempi contemporanei e attuali, in cui tutti possiamo rispecchiarci nei vari personaggi.

Ricordati che sei un artista, la follia fa parte del pacchetto. Salì i gradini, salutò distrattamente il portinaio con un cenno della testa e, grato di aver trovato l’ascensore libero, vi entrò. Non appena le porte si chiusero alle sue spalle, puntò la fotocamera  dello smartphone sul polso e si scattò una foto, a folle idea di pubblicarla online in caso fosse stato necessario. Non ne era sicuro, ma per un attimo ebbe l’impressione che il marchio fosse più  in rilievo, lingue d’inchiostro nero che strisciavano sulla pelle come serpenti. Sembrava vivo.

Raised fistI personaggi di questa storia sono diversi fra loro ed ognuna con le proprie peculiarità e caratteristiche seppur alcuni sembrano somigliarsi sotto determinati aspetti. C’è una certa mise en place di personaggi, anche secondari, che sono tra i più vari così come particolarmente interessanti.

Rose è il personaggio che aggiungerà pepe e sale sulle situazioni, rendendosi a volte anche insopportabile. E’ un personaggio che mostra fin da subito le sue fragilità, legate all’alcool dovute anche al fatto di essere sempre in viaggio per via del suo lavoro da modella. E’ un personaggio caratteristico, che si distingue maggiormente dagli altri ma che risulta, in alcune occasioni, anche il peggiore fra i quattro.

Cody è di Vancuver ed è un ragazzo semplice, che vive assieme al suo ragazzo Jason da diverso tempo anche se la loro relazione sembra essere arrivata al capolinea. E’ spiritoso anche se molto chiuso e timido e vi sorprenderà per via del suo animo molto quieto. E’ il personaggio che mi ha colpito di più, sia per via del fatto che fa parte della comunità LGBTQ+, sia per la sua indole e per il modo di essere.

Matt ha tanto l’aria del risolutore fin dalle prime battute. E’ un tipo in gamba, diretto e sarà colui che cerca più di tutti di risolvere determinate situazioni, rispetto a quanto facciano invece altri. E’ un tipo che cerca di comprendere ciò che accade, metabolizzando e spingendo molto sul suo lato riflessivo. E’ un buon personaggio ma non è riuscito a coinvolgermi molto.

Sybil è un personaggio forte, coraggioso e decisamente intraprendente. Vive a Singapore con sua nonna ed è l’unica che fin da subito riesce a comprendere e a gestire al meglio i suoi poteri nonostante siano a livello mentale visto che alcuni suoi parenti non sono nuovi al mondo di Nuramen. E’ un personaggio carismatico e forte, che non si lascia intimorire tanto facilmente e che darà la carica giusta agli altri.

La chimica non era affatto un problema, al contrario, aveva da sempre rappresentato l’ingrediente magico che rendeva il loro rapporto così forte. «Ti amo», sussurrò Cody. Si presero per mano e raggiunsero la camera da letto.
Due anni dopo.
Lo sguardo di Jason era spento. Si avvicinò a Cody con la testa china, una tristezza preannunciata che non poteva più evitare. Eccomi, scusa il ritardo, esordì Jason. Cody si voltò con un sussulto. «Hey, va tutto bene?» chiese il suo fidanzato.

No.

Il perno centrale della storia è Serafyn e il rischio del suo risveglio. Serafyn è un antico e potente demone che dominava il reame oscuro di Inferium e il rischio he i suoi seguaci arrivino a loro quattro è alto. Se dovessero essere presi potrebbero tutti essere in pericolo e la minaccia del risveglio di un essere potente è nell’aria. State all’erta e tenetevi pronti a combattere.

Lo stile utilizzato dall’autore è molto semplice, sicuramente scorrevole visto che si legge molto velocemente. L’unica cosa che tende a disturbare è il continuo salto da uno all’altro che almeno all’inizio confonde parecchio il lettore. Questo per via, sicuramente della brevità dei pezzi e del passaggio repentino da un personaggio all’altro. I flashback però ci consento di scoprire quante più cose sui protagonisti della storia e sulle aggiunte di altri personaggi, quindi posso dirvi di essere soddisfatta ma fino ad un certo punto.

La struttura del world building è particolare e ben descritta anche se personalmente non mi ha fatto impazzire, specialmente agli inizi. Andando avanti le cose hanno preso una piega diversa, anche più dinamica e il mondo i Nuramen assume contorni sempre più vividi e il tutto prende una piega decisamente migliore di come ha avuto inizio.

Le tematiche trattate sono differenti e interessanti; le scelte infatti sono interessanti e ben pensate. L’utilizzo di un personaggio della comunità, tematica a volte ancora non presa particolarmente tra i scrittori italiani, così come la scelta dell’alcool per quanto riguarda Rose, che resta comunque forte e toccante anche per chi ha vissuto queste cose personalmente o che comunque può aver avuto persone accanto in questo modo e che ha aiutato. Altra tematica quella dell’amicizia che unirà questi quattro personaggi quanto più possa fare il potere e la magia stessa, e sarà forte ed ineguagliabile.

Il finale ci lascia sospesi quel che basta per incuriosirci relativamente a ciò che andremo a leggere nel volume successivo. Questo lascia presagire diverse cose che sono in attesa di scoprire e di cui sono sicura, l’autore non ci deluderà.

La cosa che non mi ha fatto impazzire è l’originalità della storia che a livello generale non ha sortito un grande effetto e mi è sembrata nella media nonostante il volume resti scorrevole e mi sia piaciuto in linea generale.

Al diavolo, solo un altro goccetto, pensò. Si scolò tutta la bottiglietta d’un fiato e chiuse gli occhi. Era esattamente la carica che le serviva per finire il servizio di bellezza. Ora si che si ragiona. Si alzò barcollando, afferrò saldamente la sedia per riprendere l’equilibrio e vide nello specchio due Rose. Sorrise a entrambe e si abbandonò all’euforia del momento.

Il libro in questione è un primo volume di una saga fantasy di piacevole lettura ma che non ha catturato come speravo, rivelandosi non troppo originale. Per gli amanti del fantasy leggero e non troppo articolato, consiglio di certo la lettura di questo volume.

Luca Farru ci consente di viaggiare fra due mondi, la terra e Nuramen. Una potente minaccia incombe e il ritorno di Serafyn potrebbe causare seri pericoli nei quattro così come nei vari mondi. Siete pronti a sorprendere la minaccia e a cercare di fermarla assieme ai Quattro coraggiosi eroi?

Il mio voto per questo libro: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Seguite qui le altre recensioni, mi raccomando, come sempre vi aspettiamo numerosi!

186491381_10225817411486682_6781250509497521402_n


Vuoi acquistare Quattro. Il risveglio e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Quattro. Il risveglio o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò


Cosa ne dite? Pensate che potrebbe piacervi? Fatemi sapere ovviamente, io vi aspetto come sempre.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #513 – NUVOLE ZERO, FELICITA’ VENTITRE’ DI STEFANO TOFANI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi vi porto una nuova recensione, che spero possiate apprezzare. Collegato al precedente volume dell’autore, Sette abbracci e tieni il resto, questo volume ci regala tantissime dolcezze ma anche tanto altro. Una lettura di cui ringrazio la Rizzoli e di cui vi parlo subito. Ecco a voi:

5179845-9788817155267-285x424-1Titolo: Nuvole zero, felicità ventitrè
Autore: Stefano Tofani
Data di uscita: 30 Marzo 2021
Pagine: 280
Link d’acquisto: https://amzn.to/3euTij5
Trama: È l’estate tra la quinta e la prima media, quella senza compiti. Ernesto passa le giornate a girovagare con i suoi amici, la Maura e il Cardella, e a misurare il cielo con uno strumento che una bufera di vento gli ha portato in cortile, un cianometro. Meglio tra le nuvole che a casa, d’altronde, dove i suoi genitori ormai litigano in continuazione. Un pomeriggio, Ernesto e il Cardella trovano in pineta una vecchia valigia che contiene due statuette di legno, uno strano libro e una piccola chiave. I due amici si dividono il bottino, ma al momento di separarsi una forza potente li attira l’uno verso l’altro. Sono le statuette che non vogliono stare lontane. Ma come fanno? Sono magiche? Grazie alla nonna, Ernesto scopre che le statuette, il libro e la chiave sono collegati con la leggenda di due innamorati vissuti nel ‘700. A quanto pare per ritrovarsi i due innamorati hanno bisogno proprio di lui, di Ernesto detto Quattrocchio. Nel frattempo a casa la situazione peggiora, ed Ernesto vorrebbe tanto far tornare insieme anche i suoi genitori Ma è tutto così complicato, come si fa a capire in che modo aiutare gli altri? E aiutare gli altri è sempre la cosa giusta da fare? Stefano Tofani torna a raccontare del tenerissimo Ernesto in un romanzo ironico, avventuroso e pieno di sfumature, come l’azzurro del cielo.

RECENSIONE

boy in red hoodie wearing black framed eyeglassesLa storia ha inizio l’estate tra la quinta elementare e la prima media per il piccolo Ernesto che ormai sta diventando grande. Vorrebbe che i suoi genitori restino per sempre insieme come vorrebbe non essere preso di mira dai suoi compagni di scuola, così come vorrebbe avere un’avventura emozionante o togliere in via definitiva i suoi occhiali. E’ all’improvviso, tra una scorribanda e l’altra con i suoi migliori amici, in un giorno qualunque Ernesto e il Cardella trovano una strana valigia nera contenente un piccolo libricino, due statuine e una piccola chiave. E’ lì che ha inizio la più grande delle avventure per Ernesto e per i suoi amici. Un avventura che cambierà tutto, soprattutto Ernesto stesso.

Cosa succederà visto che le statuine e il misterioso libro sembrano essere collegati a qualcosa del passato? Riuscirà Ernesto ad uscire dal suo guscio e a risolvere il mistero oltre ad avere la consapevolezza di chi si è davvero e cosa si è capaci di fare?

Ho cominciato a singhiozzare e ho nascosto la faccia in grembo alla nonna. La sua pancia profumava, era morbida e larga. Mi ha tolto gli occhiali, mi ha accarezzato e mi ha lasciato piangere in pace addosso a lei.

La trama è decisamente lunga. Sarebbe stato migliore e preferibile anche per il lettore avere qualcosa di meno dettagliato e che incuriosisse più il lettore. Fortunatamente tutta la trama l’ho letta dopo aver letto il volume quindi non mi sono tolta il gusto della lettura e mi sono goduta il volume. Un po’ lunga ma molto

La copertina è davvero molto carina e rappresenta ciò che la storia porta con sé. I due ragazzini che trovano la valigia fra gli alberi e scoprono cosa sta per accadere loro oltre a tutti i cambiamenti che l’apertura di quella strana valigetta porterà con sé. La trovo molto bella e in linea con la copertina del volume precedente, Sette abbracci e tieni il resto da cui le avventure di Ernesto hanno inizio. Il titolo è intenso e particolare, come per il volume precedente. E ho apprezzato tantissimo i riferimenti all’interno del volume al cielo e alle nuvole e alla felicità in base al cianometro.

L’ambientazione e l’epoca della storia non sono espressamente indicate ma sembra essere ambientato quasi negli anni novanta visti i giochi, la voglia di ritrovarsi in giro a giocare assieme, i giri in bicicletta e le piccole avventure quotidiane lontani dai genitori.

Mi è venuto da pensare che in quel momento, nonostante tutto, stavo bene e che forse certi momenti non me li avrebbe rubati mai nessuno, né il papà né la mamma, meno che mai il Cardella o chiunque avessi mai incontrato in vita mia: stare seduto all’ombra con il mio pallone, sudato dopo una partita finta, dopo aver fatto gol meravigliosi. L’estate, le cicale, le foglie che frusciano, il profumo dei panni stesi al sole e la pancia piena di spaghetti alle vongole e patatine fritte. Mi sbagliavo? Le cose, una per una, non possono essere belle anche quando la vita non lo è o ti fa innervosire?

I personaggi di questa storia non sono tantissimi e ci si concentrerà principalmente su Ernesto. Ci sono i personaggi che si concentrano attorno a lui ma saranno quasi esclusivamente da contorno: il Cardella, i genitori e la sua nonna. La sua amica e i Nasuto così come tutti i suoi compagni.

Ernesto è l’amico che tutti avremmo voluto avere o la persona che ci siamo sentiti almeno una volta nella vita. E’ un ragazzino sensibile, dolce e con il suo paio di occhiali pronto a scoprire il mondo che lo circonda con occhi curiosi. Ama la sua famiglia e spera che i suoi genitori possano tornare a stare assieme, così come ama sua nonna. Non sopporta molto il Cardella, eppure è l’unico amico che riesce ad avere visto che viene spesso bullizzato dagli altri del gruppo della sua scuola. E’ un bambino fragile, che si sente spesso solo ma che ha molto da dare al mondo. Ed è un ragazzino che adora l’avventura.

Al ritorno dal mare sono successe due cose che mi hanno spappolato: ho preso le statuette da sotto il letto e quella della duchessa piangeva. Calde lacrime scendevano mute dai suoi occhi di perla. In serata poi è passato papà e mi voleva parlare; gli ho fatto dire dalla mamma che non avevo voglia di vederlo.

Il perno centrale di questa storia, oltre alla crescita e alla maturità che Ernesto si ritrova ad assumere nel corso delle sue avventure, è la valigetta e le due statuine con il libro all’interno. E’ una storia magica, particolare e sicuramente originale che dona un valore aggiunto al tutto.

silhouette of man riding in bikeLo stile utilizzato dall’autore è semplice, lineare e scorrevole. La lettura è stata piacevole e molto veloce, non ci vuole più di qualche ora per terminare la lettura e apprezzerete questo volume così come il precedente che, seppur collegati, possono essere letti anche singolarmente.

All’interno del volume troverete anche un piccolo cianometro di cartoncino, utile per misurare sia il cielo che la felicità di Ernesto, o se volete la vostra. In effetti i riferimenti del protagonista all’interno del libro sono la cosa più bella che c’è all’interno del volume. Ci regalano, quasi fosse una specie di diario di bordo, la felicità di Ernesto e la sua forza, le sue debolezze e tutto il resto.

La storia delle due statuine regala magia, suspance, mistero e avventura ad un libro per ragazzi davvero molto carino e dolce. Ho apprezzato il contesto, l’utilizzo e il modo in cui è stato strutturato il tutto. Il punto focale è sicuramente Ernesto ma tutto ciò che si muove attorno, l’avventura e la rivincita del fatto che sia sempre e costantemente preso di mira regala un sorriso al lettore che vede finalmente un riscatto per il giovane ragazzo. Una storia che non solo regala tanti sorrisi e avventure ma anche la maturità di un personaggio che sta crescendo e cambia con l’autore e il lettore stesso.

Una storia che vi invito a leggere ovviamente, per tutti voi curiosi e desiderosi di tornare bambini una volta ancora assieme a Ernesto e alla combriccola che lo circonda.

E’ stato un miracolo a salvarmi, poco prima del precipizio: mi hanno fermato le braccia storte di un arbusto, quando ormai mi vedevo già in volo, quand’ero già sicuro di morire. Sono scoppiato a piangere. Era un pianto diverso da tutti gli altri pianti: non nasceva negli occhi, nasceva in tutto il corpo, in ogni cellula. Veniva da chissà dove e non finiva più.

Questo libro per ragazzi può essere letto anche singolarmente ma se si legge anche il precedente date un valore aggiunto al tutto. E’ un volume dolcissimo, che vi farà emozionare e che spero deciderete di dargli un’opportunità.

Stefano Tofani scrive un libro SUPERIORE! Ernesto è un ragazzino formidabile e saprà trascinarvi in un’avventura avvincente e misteriosa. Ernesto è sensibile, dolce e buono, in cui potrete facilmente rispecchiarvi. Preparate gli attrezzi e partiamo assieme a lui per misurare il cielo e la nostra felicità.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezza.

quattro e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Nuvole zero, felicità ventitré e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Nuvole zero, felicità ventitré o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Potrebbe piacervi? Spero proprio di si ovviamente! Fatemi sapere che ne pensate!

A presto,

Sara ©

COVER REVEAL # – PIPER DI K.L. SHANDWICK.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Buon inizio settimana a tutti e buon lunedì! Oggi sono qui con un nuovo cover reveal per voi che domani si ricomincia con le recensioni, che qualche libricino lo abbiamo letto nel week end nonostante tutto. Siete curiosi? Vi parlo intanto di questo e dovrete aspettare domani per saperne di più. A voi:

TITOLO: Piper
SERIE: Last Score – Spin Off
AUTORE: K.L. Shandwick
EDITORE: Queen Edizioni
GENERE: Contemporaneo
PAGINE: 270
FORMATO: Ebook
PREZZO: € 3,99
DATA DI PUBBLICAZIONE: 27/05/2021
NB: Libro disponibile nei vari digital store.

Trama: So cosa pensano tutti. Credono che io sia troppo innocente per lo stile di vita che mi sono scelta.  Forse hanno ragione. Forse lo sono davvero. Ma a volte bisogna solo seguire il proprio istinto, anche se poi si ottiene un fallimento. E poi, maggiore è il rischio, più in alto si può arrivare. Le cose stanno così: ho un talento musicale e la possibilità di avere un incredibile nuovo inizio. L’unico problema è Simon McLennan, il mio mentore, nonché una famosa rockstar che fa parte
della band del mio padre adottivo. Il fatto che Simon pensi sempre e solo ai propri interessi è una cosa risaputa. Ma io ho una cotta segreta per lui. Questa attrazione è reciproca oppure lui è fuori dalla mia portata? Ho sempre vissuto all’ombra di un passato oscuro e solitario, ma questo è il mio momento di brillare. Il mio momento per prendermi tutto ciò che voglio. Anche se questo potrebbe mettere a rischio la mia possibilità di stare con Simon.

COVER

piper_web

Biografia Autore.

K.L. Shandwick è una scrittrice di romanzi Contemporary Romance, Suspence Romance e New Adult Romance, che dal 2015 si dedica alla scrittura a tempo pieno. Ha lavorato come ostetrica e assistente sociale, ma durante l’adolescenza ha seguito la sua passione per la musica lavorando come merchandiser per gruppi rock. La carriera di scrittrice di K.L. è iniziata solo quando è stata sfidata a scrivere un capitolo di un libro, da cui è seguita la pubblicazione della sua prima serie, “The Everything Trilogy”. Dal 2013, K.L. ha pubblicato quindici romanzi e cinque novelle. Grazie alla sua capacità di osservazione, riesce a infondere nei suoi personaggi sentimenti reali in cui lettori riescono a immedesimarsi, creando storie mozzafiato. Momenti toccanti sono bilanciati dal suo acuto senso dell’umorismo, che rendono i suoi libri impossibili da mettere giù una volta iniziati. Quando partecipa ai firmacopie, sia nel Regno Unito che all’estero, ama incontrare i suoi lettori e parlare di libri.

Visita il suo sito: http://klshandwick.com/


Cosa ne pensate di questa bella lettura? Fatemi sapere se può essere di vostro gradimento. Io vi aspetto come sempre ovviamente!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #511 – IL TEMPO PERSO IN AEROPORTO DI LORENZO FOLTRAN

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Oggi finalmente riprendo piano piano con le recensioni. Perdonate se per qualche giorno mi avete visto a singhiozzo ma ho un periodo un po’ confuso e ho bisogno di rimettere in linea le idee. Ringrazio tantissimo l’editore Graphe.it per avermi permesso la lettura di questo volume e anche all’autore. Eccoci che ve ne parlo subito:

41jfdmjdl._sx304_bo1204203200_Titolo: Il tempo perso in aeroporto
Autore: Lorenzo Foltran
Data di uscita: 7 aprile 2021
Pagine: 102 
Editore : 
Graphe.it

Link d’acquisto: https://amzn.to/2RTsPTv
Trama: Non una semplice antologia, ma una raccolta organica nella quale i singoli testi poetici sono organizzati in modo tale da raccontare una storia. Il tempo è il tema di questa raccolta che in tre sezioni ne esplora le molte sfumature. Esso appare come un elemento relativo che si dilata, si comprime, e che soprattutto passa, in rapporto però allo spazio dentro al quale scorre: la dimensione del sogno e della realtà alternativa dei videogame, l’ambiente non cronologico del ricordo o della riflessione, sono contrapposti allo scandire alienante della vita vera, dove il tempo è percepito soprattutto come perdita. Così il lettore procede fra giorni senza calendario o calendari appesi al muro per nasconderne le crepe; si riconosce fra ore piene e vuote, nei minuti precisi che occorrono per cucinare una pastasciutta che però risulta insipida. Insieme alla giornata si rischia di perdere talvolta la strada o il senso di sé: scrivere è allora l’antidoto al disperdersi dei propri momenti, anche quando è soltanto esaurita la pila dell’orologio.

RECENSIONE

silhouette of person across gray cloudsDopo aver letto il precedente volume di Lorenzo Foltran, In tasca la paura di volare, non potevo tirarmi indietro e dovevo leggere questo piccolo volume sulla poesia.

Il tempo è una cosa che personalmente mi ha sempre affascinato. Ci sono momenti che passano veloci, volano e altri momenti in cui tutto si comprime e il tempo sembra rallentare e da quasi il senso che non passi mai. Eppure passano entrambi nello stesso modo, lo scorrere è esattamente lo stesso, siamo noi che lo viviamo in maniera differente in base a come lo viviamo e a quale peso diamo alle cose. In questa raccolta si passa dallo scorrere veloce dei giochi e di quanto questo cambi quando uno è fermo, in attesa di qualcosa e si guarda attorno. Una raccolta sul tempo e sulla vita quella di Lorenzo Foltran, che spiazza e allo steso tempo ci accomuna tutti in un modo o nell’altro.

Misuro il tempo perso in aeroporto
all’andata e al ritorno.
(…)

La trama è decisamente molto semplice e ci introduce al mondo in cui Foltran cerca di catapultarci pagina dopo pagina. E’ una raccolta di poesie sul tempo, sulla vita e sui giochi, sui piccoli dettagli e sul punto di vista che ognuno può dare ad una piccola cosa, rispetto al punto di vista di un’altra persona. E’ una trama interessante e curiosa che cattura anche i più piccoli amanti della poesia contemporanea.

La copertina è molto minimal, anche rispetto al volume precedente. Per i libri di poesie adoro questo imprinting nella struttura del volume quindi posso dirmi soddisfatta della scelta della casa editrice di mantenere uno standard sobrio ma al tempo stesso efficace, con il titolo ben in evidenza. Sul retro della copertina troviamo comunque un disegno che rimanda ai manga giapponesi con un uomo con la valigia, in attesa, come fosse in aeroporto. Assolutamente in linea con tutto il resto. Il titolo è originale ed è questo più di ogni altra cosa – oltre al fatto che avevo già letto dell’autore in sé – a spingermi alla lettura del volume. Il tempo che si aspetta in aeroporto può sembrare lunghissimo se si attende di imbarcarsi, così come se si aspetta il ritorno di qualcuno e, se ci si sofferma sul guardarsi attorno si possono scorgere le piccole sfumature delle persone che si muovono attorno a noi e di tutto ciò che succede.

La mia preferita, tra tutte le preposte c’è anche questa volta. E’ una cosa in cui mi sono rivista quindi l’ho sentita parlarmi e dirmi sono qui per te. Eccola qui:

E’ successo davvero.
Erano giorni, luoghi
dove tu eri diversa,
anche se eri la stessa,
quella che non sei in vero
e che non sei per finta
nemmeno se per esserlo
ti sei impegnata al massimo.

planes at airport during daytimeIl perno centrale di questa raccolta è il tempo. Il tempo visto come attesa sia come piccole movenze delle persone che abbiamo a fianco o che abbiamo visto nel corso della nostra vita. E’ un tempo unico e indivisibile che ognuno vive e percepisce in maniera differente dando il proprio peso relativo in base all’angolazione in cui una cosa viene vista e vissuta. E’ una storia 

Lo stile utilizzato dall’autore si è evoluto ed ha maturato una consapevolezza maggiore rispetto al precedente volume, aggiungendo anche dei pezzi particolarmente lunghi. Nonostante questo apprezzo maggiormente i scritti brevi e concisi in cui riesce ad esprimere tutto se stesso nel migliore dei modi, molto più di quando allunga il tutto.

L’opera viene strutturata e divisa in tre parti: 

Il tempo perso in aeroporto. E’ questa la parte in cui l’autore si concentra sul tempo e analizza ogni piccolo dettaglio di ciò che riesce a scorgere e analizzare guardandosi semplicemente attorno. O almeno questa è l’impressione che sembra dare leggendo questa prima parte della raccolta. Dei pezzi che ci portano in aeroporto, seduti e in attesa della prossima partenza o dell’arrivo di qualcuno.

Sogni interattivi. Questa è la parte assai più strana e particolare oltre che originale che io abbia mai letto. Da giocatrice in alcune cose mi ci sono ritrovata e sono riuscita a comprendere la profondità di ciò che vuole cercare di trasmettere anche solo parlando di videogiochi. Qui l’autore prende il nome del videogioco e ci scrive su qualcosa di diverso dal solito, innovativo e che non mi era mai capitato di analizzare sotto quest’aspetto. Divertente, leggero e originale.

Adesso. E’ la parte introspettiva e che si riferisce – presumo – al momento stesso in cui viene scritto, quasi in concomitanza con il vissuto dell’autore stesso. Dall’alzarsi dal letto la mattina e al peso che una giornata di lavoro può portare ai ricordi a cui la mente ci consente di viaggiare. Anche qui ci ritroviamo nella modernità e nella quotidianità delle cose di tutti i giorni, spingendoci a riflettere su ciò che ci circonda.

Soppeso a coperta
il tepore nascosto
tra le piume e il lenzuolo.
Sogno appena rimosso
del sonno che è rimasto.
Ricordo, no, anzi, sento
ancora al ventre il peso:
il giorno di lavoro
passato e già futuro.

Questa raccolta di poesie ci porta in una dimensione in cui il tempo diventa assolutamente relativo, in un periodo in cui a volte il tempo sembra essere persino monotono, con giornate una uguale all’altra. Una raccolta semplice, originale e attuale. Consiglio la lettura per gli amanti della poesia e non, soprattutto per chi vede il tempo sotto una luce e una prospettiva completamente differente.

Lorenzo Foltran ci trascina nel suo mondo che potrebbe essere quello di ognuno di noi, analizzando ogni piccolo briciolo di tempo che ci circonda, come a guardare una clessidra che lentamente lascia cadere i suoi granelli. Una piccola raccolta da leggere.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Il tempo perso in aeroporto e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Il tempo perso in aeroporto o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate?

A presto,

Sara ©

COVER REVEAL # – OLTRE L’AMORE DI ABBY BROOKS.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E buon lunedì! Sono qui per portarvi una nuova uscita che spero possiate apprezzare, visto che sta arrivando nelle librerie. Siete curiosi? Io spero di si. Ecco che vi lascio tutti i dettagli qui:

TITOLO: Oltre L’amore
SERIE: The Hutton Family vol.2
AUTORE: Abby Brooks
EDITORE: Queen Edizioni
GENERE: Forbidden
PAGINE: 300
FORMATO: Ebook – copertina flessibile
PREZZO: € 3,99 – 12,90
DATA DI PUBBLICAZIONE: 13/05/2021
NB: Libro disponibile nei vari digital store e in libreria.

Trama: La nostra storia era una lenta danza di seduzione…
Gli occhi azzurri di Wyatt Hutton mi avevano rubato il respiro, anche se li avevo visti solo per un
secondo prima che si rifiutasse di guardarmi di nuovo.
Era più grande di me. Troppo. E se ciò non fosse bastato a tenerci lontani, quello che nascondevano
le nostre famiglie avrebbe dovuto farlo.
Suo padre era un alcolista imbroglione.
Mia madre? Lei era stata la sua amante.
Ma la vita continuava a unirci, ancora e ancora.
Non volevo aver bisogno di lui, ma Wyatt era la persona a cui mi rivolgevo quando le cose
andavano in frantumi. E anche se cercava di mantenere le distanze, era attratto da me tanto quanto
io lo ero da lui.
Avevamo combattuto contro i nostri sentimenti.
Avevamo combattuto contro le nostre famiglie.
Avevamo combattuto persino contro il destino.
Forse era arrivato il momento che combattessimo l’uno per l’altra …

LA COVER

Stampa

Biografia Autore

Abby Brooks è scrittrice statunitense di romanzi rosa. Vive con l’amore della sua vita e i suoi tre figli in una piccola città dell’Ohio. Adora ballare mentre cucina, ridere con le persone che ama e leggere fino a tarda notte.
Adora anche ascoltare i suoi lettori!
Potete trovarla ai seguenti link:
Website: abbybrooksfiction.com


Spero che possa piacervi. Fatemi sapere, che io vi aspetto sempre ovviamente! Vi mando un abbraccio grande.

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #510 – LA RAGAZZA SCOMPARSA DI ANGELA MARSONS.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui che vi porto una nuova recensione che spero possiate apprezzare. Scusate il rallentamento nelle recensioni ma è un periodo un po’ pieno di cose e sto leggendo a rilento. Ringrazio la casa editrice Newton Compton per avermi permesso la lettura di cui vi parlo ed ecco a voi:

51fo1myjiylTitolo: La ragazza scomparsa
Autore: Angela Marsons
Data di uscita: 31 agosto 2017
Pagine: 439
Link d’acquisto: https://amzn.to/3sUaFi7
Trama: Charlie e Amy, due bambine di soli nove anni, compagne di gioco, scompaiono all’improvviso. Un messaggio recapitato alle rispettive famiglie conferma l’ipotesi peggiore: le giovani sono state rapite. È l’inizio di un incubo. Poco tempo dopo, un secondo messaggio è ancora più mostruoso. I malviventi mettono le due famiglie l’una contro l’altra, minacciando di uccidere una delle due bambine. Per la detective Kim Stone e la sua squadra il caso è più difficile del solito. I rapitori potrebbero davvero trasformarsi in assassini spietati. Bisogna agire con rapidità e trovare la pista giusta. E Kim ha intuito che nel passato delle due famiglie si nascondono degli oscuri segreti… 

RECENSIONE

two women holding flowersLa storia ha inizio una mattina come tante altre per le due piccole migliori amiche Charlie ed Amy. Solo che loro due sono scomparse inspiegabilmente. Viene lasciato un messaggio ad entrambe le famiglie con una richiesta alquanto meschina e pericolosa. La famiglia che avesse fatto l’offerta più alta, avrebbe rivisto la figlia. E’ qui che entra in gioco Kim, ispettore della polizia che cerca in tutti i modi di farsi affidare il caso visto che una delle bimbe scomparse è di una sua conoscenza del passato, Karen

Riuscirà Kim e il suo team di poliziotti a risolvere il caso e a riportare a casa le bambine? Cosa si conosce dei rapitori e cosa vogliono davvero? Riusciranno le due famiglie, amiche da una vita, a non sfaldare il loro rapporto nonostante l’evidente asta che verrà a crearsi?

«Non potrò mai dimenticare quello che è successo dopo», esclamò Karen, con un sorriso che non riuscì a illuminarle gli occhi. «C’erano scarpe nuove da tutte le parti». Scosse la testa. «Allora, non sapevamo niente di te. Non parlavi ad anima via del tuo passato – anzi, parlavi poco in generale – ma si capiva che eri una tipa determinata». Kim accennò un sorriso. «E vuoi che mi occupi del caso perché ti ho fatto guadagnare un paio di scarpe nuove?» «No, Kim. Voglio che te ne occupi perché sono sicura che, se deciderai di aiutarti, riabbraccerò mia figlia».

La trama di questa storia è curiosa ed è ciò che poi accade in questo volume, senza fronzoli e senza spoiler anche se l’ultima frase l’avrei comunque risparmiata. E’ una trama ben strutturata e ben costruita per un thriller d’effetto.

Lost Girls: A fast paced, gripping thriller novel: Volume 3: Amazon.it:  Marsons, Angela: Libri in altre lingueLa copertina di questo volume è strutturata bene, tipica dei thriller della casa editrice e dei thriller americani e riprendendo una delle versioni originali utilizzate. Ritrae lo scantinato o comunque il luogo dove le due piccole sembrano essere trattenute in ostaggio. E sicuramente è d’impatto oltre che rappresentativo della storia stessa. Il titolo di questo volume, invece, viaggia con l’originale e diffida di poco. Mentre quest’ultimo, che vedete di lato, si basa su Lost Girls che è al plurale e quindi poteva essere tradotto come Ragazze Scomparse, il titolo italiano si basa su un’unica ragazza scomparsa. Anche se le ragazze sono comunque due all’interno del volume e quindi non capisco la scelta della traduzione.

L’ambientazione e l’epoca sono il Black Country nel 2015, una storia abbastanza moderna.

«Lo mandi ora?», chiese Symes, sprofondando di nuovo nel divano. Will non capiva la sua impazienza. Non era il messaggio che avrebbe cambiato la vita delle due famiglie. Non era il messaggio che avrebbe mandato in frantumi la loro esistenza, che avrebbe causato un dolore irreparabile: quello era previsto per l’indomani, ma Symes non riusciva ad aspettare.

I personaggi di questa storia sono diversi e ci sono diversi punti di narrazione diversi nonostante la storia si mantenga comunque in terza persona. Avremo modo di conoscere i rapinatori e i loro modi di fare, di vedere le due bambine rapite e le famiglie delle stesse, così come la squadra di Kim. 

Il fulcro, però, attorno al quale ruota la storia è la vita dell’ispettrice Kim Stone. E’ una poliziotta che prende a cuore le cose ed è impulsiva, ci mette molto sentimento anche quando dovrebbe prendere le cose in maniera più distaccata. E’ molto legata al suo collega che la supporta e l’aiuta a rimettersi in carreggiata. E’ una donna forte e intraprendente che ci mette tutta se stessa quando fa qualcosa. E’ determinata e vuole riportare a casa le due bambine a costo di rinunciare a tutto ciò che crede mettendo in ballo persino la sua stessa carriera.

Per catturarla bisognava capire la paura. Dopo due stagioni in Afghanistan, Symes conosceva le scelte indotte dalla paura cieca. Era una paura che non trovava posto nella realtà quotidiana, esiste solo quando temi veramente per la tua vita. Prima di un salto di bungee jumping, la paura montava in tutto il corpo mischiata a eccitazione e adrenalina. Ma la vera paura non lasciava spazio a nessun’altra emozione. Si faceva strada dalla pelle e scavava fino ad arrivare all’osso. Non diventava parte di te. Diventava te. Ogni respiro, ogni sguardo, ogni movimento era permeato di paura, e nessun esercizio di respirazione poteva farla sparire.

Il perno centrale di questa storia è il rapimento delle due bambine e il ricatto che ne deriva. Nasce sia una caccia all’uomo ma, allo stesso tempo, anche l’astio per la gara tra le due famiglie che metterà ancora più tensione ad ognuno, persino ai rapitori stessi.

Lo stile utilizzato dall’autrice è semplice e scorrevole, la storia è scritta in terza persona e si compone di diverse voci, dalla vittima al carnefice svelando mano a mano tutto il processo che ne verrà fuori. Misteri, segreti e intrighi all’interno delle famiglie stesse, così come negli animi di tutti i componenti della squadra prendono sempre più piede e mescolano persone e personaggi in una storia con una trama incredibilmente sorprendente. 

Bella è la determinazione dell’ispettrice protagonista che conquista il lettore con il suo carattere irascibile, sentimentale e prorompente. La cosa fondamentale è non far entrare i sentimenti in gioco ma a rompere i schemi della poliziotta semplice che investiga su un determinato caso sono le sue emozioni coinvolgenti che ci permettono di avvicinarci a lei e di sentirla vicina, di sentirci simili a lei o di comprendere a pieno il suo lavoro. E’ un personaggio che intriga e lascia di stucco, e mi ha sorpreso positivamente.

La cosa che non fa impazzire completamente è la risoluzione del caso che, nonostante fino all’ultimo è difficile, pericoloso e ricco di azione e suspance, lascia con l’amaro in bocca. Non per cosa succede ma proprio perché che si risolve si capisce da un bel pezzo e la lettura comincia a sbriciolarsi mano mano, seppur continui a piacere la storia e come questa sia stata sviluppata. Infatti l’idea dell’asta e del ricatto sono originali, la soluzione invece lascia a desiderare. Nonostante questo ho apprezzato molto la lettura, che ho trovato interessante.

«Che vuole dire?» «Che quelle erano urla di orrore, non di dolore. C’è una differenza». «Come fa a saperlo?» Lui non batté ciglio. «Si fidi, lo so».

Il libro è stato molto intenso, colpisce dalla prima all’ultima pagina e non si vede l’ora di scoprire il destino delle due ragazzine. Un thriller ben costruito seppur il finale è abbastanza noto e poco difforme dal genere, da cui è difficile distanziarsi o creare diversità.

Angela Marson cattura con la sua scrittura ipnotica e travolgente mettendoci nei panni di Kim Stone e insegue dei rapinatori pericolosi che agiscono nell’ombra. Una storia che vi farà entrare in un incubo in cui due famiglie si contenderanno, attraverso il denaro, le proprie figlie. Una storia

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare La ragazza scomparsa e sostenere il Blog? Acquista da Qui: La ragazza scomparsa o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate?

A presto,

Sara ©

RECENSIONE IN ANTEPRIMA // PREVIEW REVIEW #508 – BREATHING UNDERWATER DI SARAH ALLEN.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Spero bene! Oggi vi porto una nuova recensione, di un libro uscito in lingua proprio in questi giorni. E’ una storia dolce e semplice, una storia di due sorelle davvero molto dolce. Ve ne parlo subito, ringraziando prima l’editore così come Giselle di Xpresso Book Tours per la lettura in anteprima. Ecco a voi:

**Ho ricevuto una copia di questo libro da Xpresso Book Tours come parte di un blog tour, in cambio di una recensione onesta.**

Titolo: Breathing Underwater
Autore: Sarah Allen
Data di uscita: 30 marzo 2021
Pagine: 219
Lingua: Inglese
Pubblicato da: Farrar Straus and Giroux (BYR)
Link d’acquisto: https://amzn.to/3dcmqtD
Trama Originale: A sparkly, moving middle grade novel from Sarah Allen, and a big-hearted exploration of sisterhood, dreams, and what it means to be there for someone you love. 
Olivia is on the road trip of her dreams, with her trusty camera and her big sister Ruth by her side. Three years ago, before their family moved from California to Tennessee, Olivia and Ruth buried a time capsule on their favorite beach. Now, they’re taking an RV back across the country to uncover the memories they left behind. But Ruth’s depression has been getting worse, so Olivia has created a plan to help her remember how life used to be: a makeshift scavenger hunt across the country, like pirates hunting for treasure, taking pictures and making memories along the way. All she wants is to take the picture that makes her sister smile. But what if things can never go back to how they used to be? What if they never find the treasure they’re seeking? Through all the questions, loving her sister, not changing her, is all Olivia can do—and maybe it’s enough.

Trama tradotta:
Olivia è nel viaggio dei suoi sogni, con la sua fidata macchina fotografica e sua sorella maggiore Ruth al suo fianco. Tre anni fa, prima che la loro famiglia si trasferisse dalla California al Tennessee, Olivia e Ruth seppellirono una capsula del tempo sulla loro spiaggia preferita. Ora stanno attraversando il paese con un camper per scoprire i ricordi che si sono lasciati alle spalle. Ma la depressione di Ruth sta peggiorando, quindi Olivia ha creato un piano per aiutarla a ricordare com’era la vita: una caccia al tesoro improvvisata in tutto il paese, come i pirati a caccia di tesori, scattare foto e creare ricordi lungo la strada. Tutto quello che vuole è scattare la foto che fa sorridere sua sorella. Ma cosa succederebbe se le cose non tornassero mai come prima? E se non trovassero mai il tesoro che stanno cercando? In tutte le domande, amare sua sorella, non cambiarla, è tutto ciò che Olivia può fare e forse è abbastanza.

RECENSIONE

man and woman smiling while laying on lawn fieldLa storia ha inizio nella camera da letto di Olivia, dove si trova a preparare le sue cose per partire per un viaggio di una settimana assieme agli zii e a sua sorella per cercare di farla sentire un po’ meglio. Questo perché a Ruth soffre di depressione e ci sono giorni buoni ma giorni in cui ci si sente come dentro ad una Fossa. E’ per questo motivo che Olivia è davvero felice di organizzare la caccia al tesoro fotografica attraverso un viaggio in camper verso San Diego, lo stesso che le due avevano fatto tre anni prima quando si stavano per trasferire in Tennessee. 

Cosa succederà durante il loro percorso? Riuscirà Olivia a rendere il viaggio memorabile e far sorridere sua sorella ricordando i bei momenti passati insieme? Ricordando quanto è bella la vita e quanto assieme si possa essere più forti?

Ruth told me some of this herself—the tidal waves, the crash down to numbness. The rest is what I’m trying to learn from watching Ruth up close, trying my best to understand something she can only express in metaphor, trying to figure out what an inside hurt looks like on the outside. I’ve tried to learn the signs. Her signs. I want to watch Ruth’s face when we find our old box and open it up and see the shells she put inside, and her favorite necklace, and the pictures I took of her. Pictures of us dancing and playing pirates and all the times when we were happy Treasure Hunters. Because I think that will be a good day. A really good one.

La trama è molto semplice che da una partenza sprint a questa lettura e che invoglia a gettarsi in questa lettura. Una trama dolce e tenera, che incuriosisce e che mi ha spinto a voler leggere questa storia assieme alla presentazione visiva della copertina.

La copertina è meravigliosa e trovo che sia azzeccatissima per questo volume. Sia perché all’interno della storia ci sono riferimenti all’aquario che le due andranno a visitare così come il fatto che le due abbiano fatto immersioni insieme. Bello anche il riferimento a fatto che Ruth sia con i suoi abiti scuri e i suoi capelli dal taglio particolare che si ritrova a condividere la musica con sua sorella, per una volta, invece di come fa costantemente da sola all’interno del volume stesso; in più il fatto che Olivia sia poggiata sopra la spalla di Ruth e non il contrario che dimostra quanto tenga Olivia a sua sorella. Il titolo si ricollega alla copertina e lascia un senso molto più ampio di quanto sembra. Il fatto di respirare sott’acqua, la difficoltà che ne deriva e destreggiarsi in un mare di incertezze dona alla copertina e al titolo il connubio perfetto per questa storia. Non solo per il viaggio delle due ma proprio il significato stesso della depressione e di quanto possa sembrare simile al cercare di respirare sott’acqua, nei momenti più bui.

L’ambientazione della storia è un camper sul quale saremo in viaggio attraverso gli stati americani, passando per il Texas così come tanti altri posti interessanti, passando da Knoxville a San Diego in un’epoca moderna e contemporanea ai tempi di Instagram e dei social più popolari, come oggi.

“I think I’ve figured out what your superpower is,”he says. “My superpower?”“Yeah, everyone has one. Yours is finding pretty things to show other people. To try and make them happy.”Red lights of an ambulance rush by. “Ha, that’s not a superpower,”I say. “I wish it was.”“Believe me, it is,”Eddie says. “Not everybody thinks that way, and you’re really good at it.”If I was really good at making people happy, I think, then the people around me wouldn’t be sad. But I tell Eddie thanks.

silhouette of woman beside aquarium with whale sharkI personaggi di questa storia non sono molti, ci si concentra principalmente sulle due protagoniste anche se avremo modo di conoscere qualcosina anche dei due zii delle ragazze, in special modo di Ellie, di cui avremo modo di capire qualcosa di importante sul suo passato.

Olivia è una tredicenne che ama la fotografia e la bella musica così come ama sua sorella. Gli piace postare i suoi scatti su Instagram e condividerli come diario di viaggio delle sue avventure, anche le più piccole catturando l’essenza delle cose. Ma la cosa più importante per lei è Ruth e fare qualcosa per lei e per cercare di farla tornare a sorridere come una volta, condividendo i pirati, la caccia al tesoro fotografica e le belle avventure. Nonostante Olivia ci metta tutta se stessa si trova in seria difficoltà e si rende conto di quanto sia fragile sia sua sorella come se stessa. Olivia soffre un po’ la situazione, specialmente con i genitori che si preoccupano molto più facilmente di Ruth che di lei ma tiene duro per sua sorella e perché le vuole bene.

Ruth è una ragazza di sedici anni molto chiusa, che ama la musica e le belle fotografie che sa scattare sua sorella, nonostante sia molto più piccola di lei. Ruth soffre di depressione ed ha dei momenti di down in cui si chiude in se stessa e non vuole ne mangiare molto ne parlare, che la sorella chiama La Fossa, e dei momenti di Up in cui è più aperta ed espansiva. Ha un taglio di capelli davvero singolare ed ama mettersi pesanti felpe col cappuccio che coprano la sua testa e possa nascondersi.

Due protagoniste interessanti e forti, che vi sapranno coinvolgere e che saprete apprezzare.

I watch Ruth trace a finger across the wood grain of the table, and I wonder what’s going on behind her tired eyes. I know there have got to be happy memories in there. The Ruth from those pictures is in there somewhere. My plan for the next week—my plan for this trip— will be to remind her . And tomorrow, the plan begins. Tomorrow, we go on a Treasure Hunt.

photo of person reach out above the waterIl perno centrale di questa storia non è solo il viaggio sulla roulotte e la caccia al tesoro, ma la depressione e quanto questo viaggio sia importante, secondo Olivia, per sua sorella Ruth e di cui lei sia convinta che serva ad aiutare sua sorella.

Lo stile utilizzato è molto delicato e semplice, che si legge nel giro di poche ore anche per chi non mastica l’inglese molto bene (parlo da Italiana ovviamente). E’ una storia molto leggera e fluida nonostante la storia tratti un argomento molto pesante e altrettanto delicato.

Ci sono due risvolti all’interno di questa storia: uno è positivo e l’altro è negativo nonostante io parli da persona a cui il libro è piaciuto molto.

L’aspetto positivo è molto banale ma non così scontato fra due sorelle. L’amore fra le due sorelle e le difficoltà che si ritrovano ad affrontare assieme, l’una tenendo la mano dell’altra seppur a volte non sembrino andare molto d’accordo e Ruth sembra chiusa per via della depressione. Olivia cerca di condividere quanto le è possibile ed organizza questo viaggio apposta per lei, per mostrarle tutto l’amore che ha per lei e la gratitudine solo perché sia sua sorella. E’ un sentimento assolutamente positivo e trovo che sia stato trasmesso alla massima potenza rendendolo genuino e spontaneo, come dovrebbe essere sempre.

L’altro lato della medaglia, ovvero l’aspetto negativo sta nella malattia di Ruth. La depressione è una malattia infida, che si insinua al di sotto e che a volte è anche difficile da notare. Posso dirlo perché ne ho sofferto – non a livelli da prendere medicinali particolarmente pesanti – ma ci sono passata anche io e me ne rendo conto ancora quando ho dei momenti che mi buttano giù.  Quindi non è un sentimento a me sconosciuto ed è anche per questo che ho deciso di buttarmi su questo libro perchè mi incuriosiva l’argomento e mi piacciono queste tematiche forti e importanti. In alcuni momenti, più che soffrire di depressione, Ruth sembra avere il classico periodo che ha ogni adolescente che si chiude in se stesso ed ha bisogno dei suoi momenti. In altre occasioni invece la sua malattia sembra essere più evidente, e sembra quasi essere reale. Quindi ho apprezzato lo sforzo e la calibratura dell’autrice su questo ma in alcuni momenti è piuttosto minimal e poco reale a livello di impatto emotivo con la malattia vera e propria. 

Altro punto, il peso che viene dato ad Olivia: gestire sua sorella e se stessa. Il fatto che Olivia si senta quasi colpevole della malattia della sorella, tanto da dover organizzare il viaggio – che non metto in dubbio sia una cosa meravigliosa – ma che i genitori acconsentano mettendo tutto sulle spalle della figlia minore che ovviamente comincia a risentire del peso di quanto ha di fronte mano a mano che passano le ore e i giorni a contatto con sua sorella Ruth. Così come non ho apprezzato il fatto che Olivia cerchi di far sentire in colpa la sorella per il tatuaggio. Le sue parole in quel momento non mi sono piaciute molto ma ho soprasseduto trattandosi di una protagonista tredicenne che dimostra e dovrebbe dimostrare la sua età in queste circostanze. In molte altre, specie per qualche ragionamento sembra più grande ma trovo che sia stata ben calibrata. Dall’altro lato ho apprezzato però il fatto dei genitori consapevoli e vicini alla figlia, pronti ad aiutarla, così come gli zii, pronti a tutto per le proprie nipoti, aspetto non da poco in queste storie, che viene spesso messo da parte o addirittura trova il genitore/parente distante o del tutto assente.

La cosa però a colpirmi maggiormente sotto una luce del tutto positiva è come questa storia riesca ad insinuarsi nel cuore toccando le corde giuste, parlandoci col cuore conquistandoci con le parole di Olivia nei confronti del mondo, della situazione e con l’amore per sua sorella. E’ una storia dolcissima ed emozionante che ho apprezzato e che rileggerei volentieri perché sa entrarti dentro e colpire dritto al cuore, nonostante quanto detto e le complicazioni che derivano nel trattare tematiche di questo tipo.

These are the kinds of Ruth situations I’ve always been terrible at, even before Ruth got sick. The knowing-what-to-say part. The comforting part. I can never get the tone right, like a singer always slightly off-key. I try, but can always tell I come off like a trite, ignorant cheer captain instead of someone who really cares. It seems like this should be such an obvious thing, comforting my sister. But somehow for me, knowing exactly what to say to make her feel better is like a bird knowing how to breathe underwater. But I have to try. Another step closer. I want her to know that I don’t care about our dumb argument anymore, and I’ve put it behind me. That there will be more opportunities. That she should always keep working on her songs and her own things no matter what, because they’re amazing.

Il libro è una storia per ragazzi piacevole che mi sento di consigliare soprattutto nelle scuole, visto l’argomento delicato e molto attuale. Una storia che mi sento di consigliare ai più piccoli ma anche agli adulti che si vogliono addentrare in una storia unica e sotto il pelo dell’acqua.

Non avevo ancora letto nulla di Sarah Allen, nonostante sia già uscito un libro in precedenza anche in Italia, Coraggiosa come una ragazza (What Stars Are Made of). L’autrice ci trascina in un viaggio itinerante attraverso gli scatti fotografici, la musica e l’amore indissolubile di due sorelle che si sostengono a vicenda e continueranno a farlo sempre. Una storia da leggere!

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

PREVIEW REVIEW

I received a copy of this book from Xpresso Book Tours as part of a blog tour, in exchange for an honest review.

The story begins in Olivia’s bedroom, where she is packing her things to go on a week-long trip with her uncles and her sister to try to make her feel a little better. This is because Ruth suffers from depression and there are good days but days when it feels like inside a Pit. It is for this reason that Olivia is so happy to organize the photographic treasure hunt through an RV trip to San Diego, the same one the two had done three years earlier when they were about to move to Tennessee.
What will happen during their journey? Will Olivia make the trip memorable and make her sister smile by remembering the good times they had together? Remembering how beautiful life is and how much stronger you can be together?

The plot is very simple that gives a sprint start to this reading and that invites you to throw yourself into this reading. A sweet and tender plot, which intrigues me and which prompted me to want to read this story together with the visual presentation of the cover.

The cover is wonderful and I find it fits perfectly for this volume. Both because within the story there are references to the aquarium that the two will visit as well as the fact that the two have dived together. Also nice is the reference to the fact that Ruth is with her dark clothes and her hair with a particular cut that finds herself sharing the music with her sister, for once, instead of constantly coming alone within the volume itself; plus the fact that Olivia is leaning over Ruth’s shoulder and not the other way around which shows how much Olivia cares about her sister. The title links back to the cover and leaves a much broader sense than it seems. The fact of breathing underwater, the difficulty that comes with it and juggling in a sea of ​​uncertainties gives the cover and the title the perfect combination for this story. Not only for the journey of the two but the very meaning of depression and how similar it can seem to trying to breathe underwater, in the darkest moments.

The setting of the story is a camper on which we will be traveling through the American states, passing through Texas as well as many other interesting places, passing from Knoxville to San Diego in a modern and contemporary era at the time of Instagram and social media. popular, like today.

I watch Ruth trace a finger across the wood grain of the table, and I wonder what’s going on behind her tired eyes. I know there have got to be happy memories in there. The Ruth from those pictures is in there somewhere. My plan for the next week—my plan for this trip— will be to remind her. And tomorrow, the plan begins. Tomorrow, we go on a Treasure Hunt.

The characters in this story are not many, we focus mainly on the two protagonists even if we will also get to know a little bit of the girls’ two uncles, especially Ellie, of which we will be able to understand something important about her past.

Olivia is a 13-year-old who loves photography and beautiful music as much as she loves her sister. He likes to post his shots on Instagram and share them as a travel diary of his adventures, even the smallest ones, capturing the essence of things. But the most important thing for her is Ruth and to do something for her and to try to make her smile as she once did, sharing the pirates, the photographic treasure hunt and the beautiful adventures. Although Olivia gives her all she finds herself in serious trouble and realizes how fragile her sister is as herself. Olivia suffers a little from the situation, especially with her parents who worry much more easily about Ruth than about her but hold on for her sister and because she loves her.

Ruth is a very closed sixteen-year-old girl who loves music and beautiful photographs that her sister can take, despite being much smaller than her. Ruth suffers from depression and has moments of down in which she closes in on herself and does not want to eat much or talk, which her sister calls La Fossa, and the moments of Up in which she is more open and expansive. She has a very unique haircut and loves to wear heavy hoodies that cover her head and can hide.

Two interesting and strong protagonists, who will know how to involve you and that you will know how to appreciate.

The central focus of this story is not just the caravan ride and the treasure hunt, but the depression and how important this journey is, according to Olivia, to her sister Ruth and that she believes it helps her sister.

The style used is very delicate and simple, which can be read within a few hours even for those who do not chew English very well (I speak Italian of course). It is a very light and fluid story despite the fact that the story deals with a very heavy and equally delicate subject.
There are two implications to this story: one is positive and the other is negative despite the fact that I speak as a person who liked the book a lot.

The positive aspect is very trivial but not so obvious between two sisters. The love between the two sisters and the difficulties they find themselves facing together, one holding the hand of the other even if at times they don’t seem to get along very well and Ruth seems closed due to depression. Olivia tries to share as much as possible and organizes this trip especially for her, to show her all the love she has for her and her gratitude just because she is her sister. It is an absolutely positive feeling and I find that it has been transmitted at maximum power making it genuine and spontaneous, as it should always be.

The other side of the coin, which is the downside, is Ruth’s disease. Depression is a treacherous disease, which creeps underneath and which is sometimes even difficult to notice. I can say this because I have suffered from it – not at levels to take particularly heavy medicines – but I have been through it too and I still realize it when I have moments that bring me down. So it is not a feeling unknown to me and it is also for this reason that I decided to throw myself on this book because I was intrigued by the subject and I like these strong and important themes. In some moments, rather than suffering from depression, Ruth seems to have the classic period that every teenager has that closes in on herself and needs her moments of hers. On other occasions, however, her illness seems to be more evident, and it almost seems to be real. So I appreciated the effort and the calibration of the author on this but in some moments it is rather minimal and not very real in terms of emotional impact with the actual disease.

Another point, the weight given to Olivia: managing her sister and herself. The fact that Olivia feels almost guilty of her sister’s illness, so much so that she has to organize the trip – which I do not doubt is a wonderful thing – but that the parents agree by putting everything on the shoulders of the younger daughter who obviously begins to suffer from the weight of what he has in front of him as the hours and days pass in contact with his sister Ruth. Just as I dislike the fact that Olivia tries to make her sister feel guilty about her tattoo. I did not like her words at that moment but I postponed it since it is a thirteen-year-old protagonist who demonstrates and should demonstrate her age in these circumstances. In many others, especially for some reasoning it seems bigger but I find that she has been well calibrated. On the other hand, however, I appreciated the fact of the parents aware and close to their daughter, ready to help her, as well as the uncles, ready to do anything for their nieces, an aspect not just in these stories, which is often put aside or even find the distant or absent parent / relative.

However, the thing that strikes me most in a totally positive light is how this story manages to insinuate itself in the heart by touching the right chords, talking to us from the heart, conquering us with Olivia’s words towards the world, the situation and with the love for her sister. It’s a very sweet and exciting story that I appreciated and that I would gladly reread because she knows how to enter you and hit you straight to the heart, despite what has been said and the complications that arise in dealing with issues of this type.

The book is a pleasant story for children that I feel I can recommend especially in schools, given the delicate and very current topic. A story that I can recommend to children but also to adults who want to delve into a unique story under the surface of the water.

I had not yet read anything by Sarah Allen, although a book has already been published previously in Italy, Coraggiosa come una ragazza (What Stars Are Made of). The author takes us on a traveling journey through the photographs, the music and the indissoluble love of two sisters who support each other and will continue to do so forever. A story to read!

The vote for this book: 4 stars.


GIVEAWAY:

Linkhttp://www.rafflecopter.com/rafl/display/d04251234189/


TROVATE LE ALTRE RECENSIONI IN INGLESE E GLI ALTRI APPROFONDIMENTI IN BASSO A QUESTO LINK. Ovviamente per chiunque voglia approfondire può tradurre le pagine con la sezione traduci di google.

XPRESSO BOOK TOUR – SARAH ALLEN, BREATING UNDERWATER


Vuoi acquistare Breathing Underwater e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Breathing Underwater o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Pensate possa piacervi come libro (se leggete in lingua ovviamente)? E per tutti gli altri speriamo venga tradotto in Italia! Vi aspetto come sempre ovviamente!

A presto,

Sara ©