REVIEW PARTY: “WINTERSONG DI S. JAE-JONES” (#116)

BUON POMERIGGIO LETTORI!

Sono particolarmente entusiasta di parlarvi di questo libro. Uno perchè è un’uscita che aspettavo da molto, due perchè la casa editrice Newton Compton, che ringrazio molto per l’invio e per avermi permesso di partecipare all’evento, ha fatto davvero un’ottimo lavoro stavolta!
51b3sa1ldll-_sx329_bo1204203200_Titolo: Wintersong
Autrice: S. Jae-Jones
Editore: Newton Compton

Data di pubblicazione: 26 Ottobre 2017

Prezzo: 9,90 €
Pagine: 448
Un labirinto di bellezza e oscurità, musica e magia. Questo è il mondo in cui ti perderai.
Trama: È l’ultima notte dell’anno. Ora che si sta avvicinando l’inverno, il Re dei Goblin sta per partire alla ricerca della sua sposa… Per tutta la vita, Liesl ha sentito infiniti racconti sul bellissimo e pericoloso Re dei Goblin. È cresciuta insieme a quelle leggende che hanno popolato la sua immaginazione e ispirato le sue composizioni musicali. Adesso è diventata grande, ha ormai diciotto anni, lavora nella locanda di famiglia e sente che tutti i sogni e le fantasticherie le stanno scivolando via dalle mani, come tanti minuscoli granelli di sabbia. Ma quando sua sorella viene rapita dal Re dei Goblin, Liesl non ha altra scelta che mettersi in viaggio per tentare di salvarla. E così si ritrova catapultata in un mondo sconosciuto, strano e affascinante, costretta ad affrontare una decisione fatale. 
Ricco di musica e magia, personaggi straordinari e storie avvincenti e romantiche, Wintersong di S. Jae-Jones trasporta il lettore in un mondo indimenticabile.

RECENSIONE

La storia ha inizio con l’Overture in cui due bambini che suonano della musica e si divertono nella Radura dei Goblin. Il bambino, Re dei Goblin, chiede la mano alla bambina e lei rimanda. Così per più volte, finché la bambina non cresce e non va più nella foresta.

La bambina è ora una piccola donna, si chiama Liesl, o meglio Elisabeth ed è una ragazza bruttina, che si sente piccola ma ha un cuore grande. Quella notte sarà l’ultima dell’anno, quella dove il mondo umano e quello del Sottosuolo dove vivono i Goblin si assottiglia e il Re dei Goblin andrà a cercare la sua sposa. Liesl lo sa bene ma sa anche che quella sera è importante per suo fratello perchè avrà un provino musicale e da esso dipenderà la sua carriera come la sua vita. Quindi si alza e, assieme a sua sorella, va al mercato. Lì succederà l’irreparabile. Sua sorella mangerà un frutto offerto dai Goblin e sparirà quella sera stessa. Dove è finita?

Nel Sottosuolo, il regno dei Goblin, assieme al loro Re, che la reclama in sposa. Ma Liesl vuole liberare sua sorella? Ci riuscirà? Cosa chiederà in cambio il Re degli Inganni, Il Re dei Goblin? 

Lui non disse nulla. «Se», esordii schiarendomi la voce, «se perdi cosa accadrà? La primavera non arriverà mai? Il mondo di sopra vivrà in un inverno eterno?». Il suo volto si fece serio. «Sei disposta a correre il rischio?». Era una scelta impossibile. La vita di mia sorella… o il destino del mondo. Pensavo che la posta che avevo messo in gioco fosse alta, ora capivo che quella del Re dei Goblin lo era molto di più. «Cosa ti succederà se vinco?», sussurrai. Sulle sue labbra si disegnò un sorriso, ma gli angoli della bocca erano incurvati in un’espressione più triste che soddisfatta. «Sai», disse lui. «Sei la prima in assoluto a chiedermelo». E svanì in un turbine di vento e foglie morte.

Risultati immagini per wintersong fanartLa trama è ben scritta e mette curiosità, senza dubbio. Quando avevo adocchiato questo libro in lingua originale ne ero rimasta colpita e come ho saputo che arrivava in Italia ho aspettato pazientemente.

Per la copertina e il titolo è stato fatto un bel lavoro davvero. Sono davvero felice che sia stata mantenuta la versione originale della copertina come il titolo originale. In mano alla Newton non so cosa sarebbe potuto diventare ma sono davvero, davvero soddisfatta. La versione cartacea è bellissima. Finalmente – ripeto e sottolineo – finalmente un ottimo lavoro!

L’ambientazione è particolare e tutt’altro che scontata. Non è propriamente definita se non si capisce che siamo e l’epoca sembra barcamenarsi fra il settecento e l’ottocento. Il padre di Liesl ha conosciuto Mozart, quindi ho dedotto da qui le mie conclusioni.

Sembravo una pazza. Sembravo una di loro. La mia risata ruppe l’incantesimo che li tratteneva. I goblin iniziarono a sbattere tra loro, spingendosi, in mezzo al rumore delle stoviglie rotte e delle posate che cadevano e il suono acuto e stridulo delle loro risate. E della mia. Osservai il mio regno. Caos. Crudeltà. Abbandono. Mi ero sempre contenuta. Trattenuta. Volevo diventare più grande, più luminosa, migliore; volevo essere capricciosa, maliziosa, scaltra. Prima di allora non avevo mai conosciuto l’intossicante dolcezza dell’essere al centro dell’attenzione. Nel mondo di sopra erano sempre stati Käthe o Josef a conquistare gli occhi e il cuore di tutti, Käthe per la sua bellezza e Josef per il suo talento. Io ero sempre stata dimenticata, sottovalutata, ignorata: la semplice, scialba, concreta sorella senza talento. Ma nel Sottosuolo ero il sole intorno al quale girava il mondo, l’asse su cui turbinava il loro vortice. Liesl, la ragazza, era noiosa, spenta e obbediente; Elisabeth, la donna, era una regina.

I personaggi sono intensi e tutti ugualmente importanti. Sono delineati molto bene e non si può non amarli tutti, dal primo all’ultimo.

Elisabeth detta anche Liesl, è una ragazza particolare. Ama suo fratello Josef con tutta se stessa e spera che lui diventi un musicista e non sopporta molto sua sorella, troppo bella e civettuola per lei. Liesl è molto attaccata alla sua famiglia e cerca di mettere prima gli altri di se stessa. Nonostante questo, però, lei ama comporre musica e crede nel Re dei Goblin e nel Sottosuolo, in cui ci credono solo suo fratelo Josef e la nonna Costanze. Liesl è bruttina ed egoista e vi ritroverete nei suoi panni, più di quanto possiate riuscirci.

Il Re dei Goblin, un re senza nome, il Erlkonig, il Re degli Inganni. E’ il classico soggetto belloccio che ti ammalia solo con il sorriso. Questo genere di personaggi, così fisicamente costruiti li ho sempre detestati, infatti ho cercato di pensarlo in tutt’altro modo. Invece mi è piaciuto molto perchè ha avuto un lato umano davvero convincente. La sua devozione a Dio, l’attaccamento alla normalità degli umani. Ecco cosa di lui mi è piaciuto. Il suo essere vero e umano. Il suo sentirsi vulnerabile nonostante non lo sia.

Risultati immagini per wintersong fanart

Stecco e Spina sono state ben descritte e mi sono piaciute particolarmente. Sono le due Goblin che servivano Liesl nelle sue stanze e che si occupavano di lei in ogni momento. Una è dolce e gentile e l’altra più aspra. Due Goblin davvero molto particolari.

«Solo allora», disse. «Non mi accontenterò di niente di meno. No mi accontenterò di metà del tuo cuore quando ciò che voglio è tutta la tua anima. Solo allora assaggerò il tuo frutto e ne gusterò ogni goccia finché non sparirà». Tremai per lo sforzo di trattenere le lacrime. Lui aveva un sorriso triste. «La tua anima è bellissima», disse dolcemente, posando gli occhi sull’abito da sposa e sul pianoforte. «E questa ne è la prova. La tua musica. Se tu non avessi tanta paura di condividerla con me, se non avessi tanta paura di quella parte di te, avresti potuto avermi già da un pezzo». Dopodiché il Re dei Goblin sparì in un turbine di seta, lasciando nell’aria un lieve odore di ghiaccio.

Risultati immagini per wintersong fanartIl perno centrale sta tutta in Liesl e nella sua musica. Si, perchè Liesl ha sempre sognato di diventare una grande componitrice e il Re dei Goblin vuole la sua musica come sacrificio, come  pegno d’amore. Vuole la sua musica come vuole essa stessa.

Lo stile utilizzato è stato scorrevole, fluido e veramente coinvolgente. La storia mi ha catturata dall’inizio alla fine nonostante ci sia qualche intermezzo che non mi sia andato giù più di tanto.

Elisabeth è esasperante. Forse perchè è scritto in prima persona dal suo punto di vista ma è così. Passa da momenti di nostalgia a momenti in cui vuole spaccare il mondo. Oppure, cosa ancora peggiore, quando passa da non voler stare assieme al Re del Goblin al volerlo portare ardentemente a letto. Coerenza?! In effetti, nel corso della lettura Liesl, o meglio Elisabeth mi è sembrata un “tantinello” pazza. Ma forse era proprio ciò che voleva creare l’autrice. Liesl, all’inizio, quando era ancora a casa, con la sua famiglia non sembrava così ma impazzisce completamente dopo aver aiutato sua sorella e dopo essere caduta nelle grinfie del Re dei Goblin. Il personaggio che ho apprezzato di più, infatti, come vi ho detto anche prima, è stato proprio il Re dei Goblin

In certi momenti sembrava di leggere un romance erotico più che un fantasy, ma credo sia una cosa soggettiva. Piano piano andando avanti i due cominciano a conoscersi e a prendere coscienza uno dell’altra e la storia assume una forma. Il finale ti lascia col fiato sospeso, da non vedere l’ora di leggere il seguito.

«Vuoi la dura verità, Elisabeth?», disse lui. «Molto bene, allora l’avrai». Si mise a camminare avanti e indietro davanti a me, come un animale in gabbia. C’era un lupo intrappolato nel suo cuore che voleva liberarsi a tutti i costi. «Ti volevo perché sei strana e diversa e poco graziosa. Perché un uomo può anche trascorrere l’eternità – e credimi, io l’ho fatto – con una schiera infinita di belle spose, ma i loro nomi e i loro volti continueranno a confondersi davanti ai suoi occhi. L’unica che posso ricordare sei tu, così strana e così poco graziosa». (…) «La tua intensità, la tua fierezza», disse lui a bassa voce. 

Nonostante questo, il libro mi è piaciuto molto. Mi è entrato dentro e mi ha coinvolto più di quanto immaginavo. Quindi le mie conclusioni questa volta saranno sorprendentemente positive.

Il libro è stato un misto fra bugie rivelate e verità nascoste. Musica e passione. Amore e paura. Ignoto, debolezza e sacrificio.

S. Jae-Jones vi trasporterà in un mondo di magia, Goblin e musica, dove un Re vi aspetta come sua Sposa per amarvi e prosciugarvi, finchè il Sottosuolo non avrà fine. 

Il mio voto per questo libro è di: 4 conchiglie e mezzo. 

quattro-e-mezzo


Ringrazio Federica che ha organizzato l’evento! Passate a trovare gli altri blog, mi raccomando!REVIEW PARTY (1)


Cosa ne pensate di questo nuovo libro? Vi piace? Fatemi sapere se lo leggerete o se lo metterete in lista. Oppure se non vi ispira e perchè! Insomma vi aspetto come sempre!

Alla prossima,

Sara ©

Annunci

THORNY BLOGGERS – CATENA DI DISCUSSIONI LETTERARIE: LA LETTURA IN CRISI – SOLUZIONI, IPOTESI.

BUON POMERIGGIO LETTORI!

Oggi abbiamo di nuovo il nostro appuntamento mensile. Vi siamo mancate? SAREMO Spinose anche stavolta! Ci baseremo per la maggior parte sui libri, su argomenti di ciò che leggiamo o tutt’altro.

Ecco a voi i blog partecipanti:

La lettrice in soffitta – Tempo di libri  I miei magici mondi – Milioni di Particelle (io) – Anima in penna  The avid reader questo mese abbiamo avuto un’aggiunta: Loving Books


In questo mese parleremo della lettura in crisi e noi offriremo ognuna delle ipotesi e soluzioni per risollevare la lettura, o almeno ci proveremo.

Io penso che la lettura in crisi, sopratutto in Italia, sia principalmente dovuta da diversi fattori e partono dalla radice dei tempi. Nelle scuole, come a casa, si tende a leggere sempre poco se non per niente sopratutto da bambini. E’ pur vero che non tutti siamo predisposti alla lettura ma se non ci si prova neanche… ahimè… ecco che esce un disastro. Molti studenti, ed io ho come esempio lampante i miei fratelli, senza lettura hanno un’elevata scarsità di termini e non riescono ad esprimersi, non sanno scrivere un tema e non riescono ad esprimersi o non riescono ad utilizzare sinonimi. Hanno sommariamente un dizionario scarso.

  • Quindi per prima cosa si dovrebbe alimentare la lettura sia in casa che nelle scuole, obbligatoriamente. Un libro al mese, o ogni due mesi. Io ricordo, per esperienza, quando facevo le elementari e la maestra ci diceva di tornare dalle vacanze e di leggere un libro, i miei compagni tornavano tutti con il battello a vapore (per carità è una conquista per chi non legge niente ma mi sembra piuttosto riduttivo non credete?) mentre io lessi il libro Cuore, Pattini D’argento, I ragazzi della Via Paal, Harry Potter, Pollyanna, Piccole Donne. Incrementare la lettura nelle scuole, anche come lettura di classe, a giro, che impegna tutta la classe sarebbero obiettivi.

 

  • Passiamo ad un altro dei tanti motivi per cui uno non compra libri, quindi non legge. I prezzi esorbitanti. Mettiamo da parte per un momento i non lettori. Mettetevi nei panni di chi non ha uno stipendio esorbitante ma ama leggere. Venti euro per un libro mi sembra eccessivo. Avessero le pagine d’oro o le rilegature zigrinate o non so, allora ci potrebbe stare (diciamo!) ma se uno deve scegliere tra venti euro per vestirsi o mangiare alla fine non sceglierà mai i libri. Proviamo allora a leggere l’ebook direte voi. E no! Perchè dove un libro cartaceo costa 20 – 22 euro se non di più, il digitale non ci costa meno di dieci euro. Ma porca miseria, vi rendete conto del furto?

Come presentare un libro?

  • Altro punto che mi fa venire il ribrezzo o da piangere ma questo dipende dai casi, a volte anche tutte e due assieme. Le copertine. Entrate in una libreria italiana ed entrate in una libreria all’estero. DUE MONDI COMPLETAMENTE OPPOSTI. Lo stesso libro non sembra lontanamente esserlo. E poi non capisco perchè cambiarle e renderle ridicole. Lasciate l’originale. Quelle italiane sono: Uno, fuorvianti. Due, orribili

 

  • I titoli. Certi titoli, come per le copertine sono da mettere le mani ai capelli. Guardate ad esempio: Words in a Deep Blue che in Italiano diventa magicamente Io e te come un romanzo. Io quando l’ho visto ho pensato: Ma che cazz….???? Vi prego. Quando entro in libreria mi guardo attorno e mi viene da piangere, vi giuro, è una cosa inquietante.

 

  • Altro aspetto che trovo fondamentale sono le trame. Per la maggior parte delle volte non si sa costruire una trama accattivante oppure, UDITE UDITE, si spoilera il finale. Mi sembra ovvio che se io prendo un libro fra le mani vorrei leggere una trama avvincente e ovviamente che non mi dica come vada a finire. Sennò che lo leggo a fare? 

Questo chiude il quadro della qualità del libro che viene portato nelle nostre librerie, ecco tutto.

  • Promozione dei libri. Non si riesce a fare una promozione adeguata dei libri. Accumuliamo e promuoviamo solo ciò che sembra figo al momento e poi viene gettato nel dimenticatoio. Non ci sono incontri con gli autori (SOPRATTUTTO ESTERI) e per la maggior parte – se mai ce ne fosse qualcuno – vengono incentrati solo nel nord Italia, dove uno è costretto a pagare fior di quattrini di viaggio per vedere il suo autore preferito. Follia. Una domanda per voi editori: Roma non vi piace? Sveglia, la capitale è Roma, non Milano!

Questi secondo me sono i miei motivi alla lettura in crisi. Cosa ne pensate? Secondo voi è lo stesso?

Fatemi sapere! Vi aspetto.

Sara ©

OFFERTA DUNWICH EDIZIONI.

BUON POMERIGGIO LETTORI!

Oggi ho per voi un post abbastanza leggero, me ne rammarico ma sto preparando tante recensioni per voi: come avete visto ieri ne è uscita una, domani ci sarà la mia tappa del Review Party, (che ha inizio oggi e durerà per tre giorni) di un libro Newton Compton, e per fine settimana altre recensioni! Quindi oggi vi lascio qualcosa di leggero.

Sapevate di quest’offerta della Dunwich edizioni? Se non ne eravate al corrente, fra poco lo saprete! 

Trovate su Amazon i seguenti ebook a prezzo speciale:

A € 2,99 invece di € 3,99: 
– “Dante – Parte Prima” di Jennifer Sage → https://goo.gl/bVjwR8

A € 1,99 invece di € 3,99:
– “Tankbread” di Paul Mannering → https://goo.gl/KhSr9a
– “Evadne – La Sirena Perduta” di Diana Al Azem → https://goo.gl/MhLHSf

A € 1,99 invece di € 2,99:
– “Nyctophobia – Mondo senza Luce” di Carlo Vicenzi → https://goo.gl/pnAqcn

A € 0,99 invece di € 2,99:
– “Suzie Moore e il Nuovo Viaggio al Centro della Terra” di Anita Book → https://goo.gl/7H8DQ5
– “Exceptor – Legno & Sangue” di Fabrizio Cadili e Marina Lo Castro → https://goo.gl/4vFkRU
– “Zomb Saga” → https://goo.gl/9jLMjb


Siete interessati? Vi piacciono? Andate a dare un’occhiata e mi raccomando approfittatene, questi sono prezzi fantastici!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #107 – WONDER WOMAN: WARBRINGER DI LEIGH BARDUGO.

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Come state? La settimana inizia alla grande e per darvi la carica ecco una recensione su un’amazzone, una donna forte che incanta da anni fumetti e adesso ne è diventato un libro! Ringrazio la Rizzoli e la Fabbri che mi ha dato la possibilità di leggerlo.

ddfdgTitolo: Wonder Woman  Warbringer (DC Icons #1)

Autore: Leigh Bardugo

Data di pubblicazione: 31 agosto 2017

Editore: Fabbri Editori

Prezzo: 17,00 €

Pagine: 500

Trama: Diana, la futura Wonder Woman, è una giovane principessa amazzone che vive su un’isola completamente ignara di ciò che accade nel mondo. La sua vita però cambia completamente quando un giorno salva dalle onde una ragazza di nome Alia: tempeste e terremoti iniziano a scatenarsi sull’isola e una strana febbre si diffonde tra le sue abitanti, spingendo Diana a consultare l’Oracolo, che gli rivela che Alia è una Warbringer, ovvero una portatrice di guerra e odio. Ucciderla o purificarla: queste sono le uniche alternative per salvare il pianeta. E siccome tra le due ragazze è ormai nata un’amicizia, partiranno insieme per un lungo viaggio da New York alla Grecia, affrontando sfide difficili, nemici potenti e persino divinità antiche, nel tentativo di liberare Alia da questo terribile destino. E con lei il mondo intero.

RECENSIONE:

Innanzi tutto dimenticatevi il film perchè questa storia non gli somiglia minimamente ne riprende idea da quello. Quindi questa volta dobbiamo astenerci dal fare commenti: il film è peggiore del libro o viceversa, anche perchè non c’entrano niente. 

Detto questo vado avanti e cominciamo:

La storia ha inizio a Themyscira. Diana sta per gareggiare assieme alle sue sorelle Amazzoni e sa che potrebbe vincere perchè ha studiato un passaggio diverso dalle altre concorrenti. Si è preparata molto in segreto e sa dentro di lei che può farcela: Non si partecipa a una gara per perdere, questo le ripete sua madre e ne fa un credo.

Peccato che, durante il percorso, la ragazza anche se in vantaggio, si lascia colpire da ciò che accade fuori, al limitare della protezione dell’isola.

La Thetis, una nave, esplode e Diana si getta in mare per cercare di salvare qualcuno. Troverà Alia e cercherà di salvarla dalla morte anche se portare un umano sull’isola potrebbe costarle la sua stessa permanenza e potrebbe essere esiliata.

Cosa succederà a Diana? Chi è Alia? Cosa spingerà Diana ad aiutare la giovane che scoprirà essere una Warbringer?

Lei si era sempre sentita sola a Themyscira, ma Alia era altrettanto isolata in quella immensa metropoli… forse anche di più. Il palazzo dell’Efeseo era monumentale, ma era stato costruito per il bene comune, uno spazio dove le persone si recavano per le udienze con la regina e dove si tenevano lezioni sulle varie materie. Le donne che servivano Diana e Ippolita erano anche loro amiche, con cui mangiavano e si allenavano. Chi in un modo, chi in un altro, tutte servivano Themyscira e tutte erano guerriere. Erano tutte uguali. Per questo motivo molte ritenevano che non fosse necessaria una regina, soltanto un consiglio eletto. Forse quella missione avrebbe liberato sia Diana sia Alia. Diana avrebbe avuto l’opportunità di sentirsi davvero integrata tra le sue sorelle e Alia quella di avere una vita serena e pacifica.

Sulla trama io sono andata a scatola vuota, lo ammetto. Non l’ho letta quando ho richiesto di leggere il libro. Mi sono affidata al buon nome dell’autrice – io non ho mai letto nulla di suo ancora ma dicono che i suoi libri siano molto belli – e dalla copertina oltre al fatto che ero curiosa di Wonder Woman in generale. Quindi la trama l’ho letta una volta terminato il libro. E’ esattamente ciò che narra la storia.

Risultati immagini per gif wonder womanLa copertina è molto bella ed è stata mantenuta come l’originale, quindi si può chiedere di meglio? Peccato che nella mia testa Wonder Woman ormai sua mora e non bionda ma è un dettaglio. Anche il titolo, come la copertina, non ha subito modifiche e quindi sono felice per questo.

L’ambientazione si sposta da Themyscira a New York fino nel Mar Egeo, in Grecia. e l’epoca, fuori dall’isola di Themyscira, è assolutamente moderna, ai giorni d’oggi.

Mia madre è più vecchia di queste pietre, rifletté mentre si mescolavano alla folla. Nel mondo mortale, il mio popolo è materiale da museo. Miti. Leggende. Manufatti. Ippolita e le amazzoni erano scomparse dal mondo molto prima che quel tempio venisse costruito. Diana studiò gli invitati che ridevano e sorseggiavano calici di vino. La vita umana non è altro che il battito d’ali di una falena che svanisce in un istante.«Questa sala è stata progettata per replicare il luogo dove il tempio si trovava in origine» spiegò Nim, con gli occhi scintillanti, mentre si avvicinavano a un tavolo. Molte teste si erano già girate alla vista di Jason e Alia, mani che sventolavano per salutarli e chiamarli. «La vasca piena d’acqua rappresenta il Nilo e la parete di vetro ricorda gli argini. » «Sai quello che nessuno ti ha chiesto?» disse Theo. 

I personaggi su cui si basa il romanzo sono essenzialmente due, le parti e i punti di vista all’interno del libro:

Diana è la principessa di Tehemyscira, Amazzone e figlia di Ippolita, la regina. E’ chiamata Figlia della Terra perchè non è sull’isola come tutte le sue sorelle, morte in guerra nel mondo degli umani. Lei è stata plasmata dalla terra ed è nata già sull’isola per volere di sua madre Ippolita. E’ una ragazza audace, forte e coraggiosa ma anche molto sensibile. Vorrebbe solo essere una vera Amazzone, riconosciuta valorosa come le sue stesse sorelle Amazzoni.

Alia è una Warbringer ma non sa di esserloo fino a quando non incontra Diana e viene salvata proprio da quest’ultima. E’ una ragazza semplice e fa difficoltà a credere alla giovane Amazzone ma finirà per essere sua amica

«Come fa a non incolparmi?» singhiozzò Alia.«Io lo faccio. » Diana si sforzò di cercare le parole capaci di consolarla e trovò soltanto quelle che diceva a se stessa quando aveva la sensazione che l’isola fosse troppo piccola per lei, quando le frecciate di Tek erano troppo dolorose.«Non possiamo evitare come siamo nate. Non possiamo evitare quello che siamo, soltanto scegliere come vivere la nostra vita. » Alia scosse la testa in un moto di rabbia.«Dimmi che una parte di te non si è pentita di avermi salvata» sibilò.«Sappiamo entrambe che avrei dovuto morire in quel naufragio.» L’Oracolo non aveva forse detto la stessa cosa? All’epoca Diana se n’era quasi convinta, ma adesso rifiutava di accettare quell’idea.«Se quel giorno tu fossi annegata o se morissi in questo preciso istante, sarebbe soltanto questione di tempo, ma nascerebbe una nuova War bringer (…).»

Risultati immagini per gif wonder womanIl perno centrale è l’arrivo di Alia sull’isola. Alia è una Warbringer, una portatrice di guerra e odio. Alia non può restare sull’isola ma non può neanche vivere nel mondo degli umani perchè provocherebbe una guerra imminente. E se la Warbringer dovesse morire ne nascerebbe subito un’altra. L’unica opzione è portare Alia a Terapne a purificarsi per permettere di porre fine alla stirpe delle Warbringer.

Lo stile utilizzato è stato molto semplice e coinvolgente. Ti fa sembrare di essere sul posto e di seguire Diana e Alia passo dopo passo. Ci sono dei colpi di scena inaspettati e l’autrice sicuramente mi ha colpito per il suo stile accattivante e diretto con il lettore. Riesce a creare empatia e reputo che sia una cosa rara, perchè – almeno per me – con pochi autori accade, o è accaduto lo stesso.

La cose che non ho condiviso sono essenzialmente tre:

Primo. Il finale: poco creativo; sembrava che l’autrice non sapesse come far finire la storia.

Secondo. All’inizio sono partita in quarta ed ero entusiasta, dopo la metà l’entusiasmo è andato a diminuire sempre più. Il fatto degli Dei che si palesavano nel corpo degli amici di Alia mi ha fatto tornare in mente un altro libro, La biblioteca delle anime di Ramson Riggs quando c’è lo scontro finale. Non c’entra nulla, lo so ma mi ha ricordato quello e siccome il finale di quel libro mi è sembrato un po’ scemotto, questo in alcuni pezzi mi è sembrato altrettanto. Tutto qui.

Terzo. Diana, almeno in parte, non sembrava realistica. Ok che non capiva niente del mondo degli umani che la circondava e sono d’accordo ma, in alcuni tratti, non era totalmente convincente. Infatti ho apprezzato di più Alia e la sua franchezza nei suoi discorsi e nei suoi comportamenti perchè più veritiera.

«Perché… ho bisogno di liberarmi. » «Certo, dalla maledizione!» «No» disse lei con le guance in fiamme.«Liberarmi. » Theo alzò i pollici.«Capito. » Il ragazzo girò sui tacchi e si avviò sul sentiero, ma mentre si chinava a prendere la tanica, Alia lo chiamò.«Ehi, Theo!» «Sì?» «La sera del ricevimento al Metropolitan, come mai hai fatto i complimenti a tutte tranne a me?» Lui sorrise.«Perché con quel vestito dorato mi hai mandato in pappa il cervello. » Alia roteò gli occhi. «Seh, come no. » Theo fece un paio di passi, poi si fermò.«Alia?» «Che cosa c’è?» «Quella sera al ricevimento sembravi un tesoro nascosto. »

Il libro è stato carino e, come vi ho già detto in precedenza, abbastanza coinvolgente. Peccato che non mi abbia entusiasmato come doveva. Mi ha coinvolto perchè volevo sicuramente sapere come andava a finire e il tipo di scrittura ha aiutato ma non è stato come avrei sperato.

(Piccola parentesi) — > La storia del film è stata sicuramente più avvincente e mi è piaciuta di più, niente da togliere alla scrittura e alla composizione del libro. – ATTENZIONE: non che qui non ci fosse azione – ma la tipologia di storia mi ha entusiasmato poco.  ATTENZIONE NUOVAMENTE: lo so che all’inizio ho detto di non fare paragoni fra libro e film perchè non c’entrano niente. E’ vero è così. Infatti io parlo semplicemente di storia e di contenuti.

Sono comunque curiosa di leggere altri libri dell’autrice perchè ne ho sentito parlare solo che bene e mi piacerebbe leggere la duologia di Six Of Crows.

Il mio voto per questo libro è di: 3 e mezzo.

picsart_09-29-08.44.45-3.jpg


La serie DC Icons si compone dei seguenti libri ma ogni libro è assolutamente uno stand alone e non si è costretti a leggere gli altri:

1.  Wonder Woman: Warbringer di Leigh Bardugo (#1)

2.  Batman: Nightwalker di Marie Lu (#2)

3.  Superman di Matt De La Pena (#3)

4.  Catwoman di Sarah J. Maas (#4)


Cosa ne pensate? Lo leggerete? Lo avete già letto? Fatemi sapere, mi raccomando!

A presto,

Sara ©.

RECENSIONE #98 – HOTEL DELLE MUSE DI ANN KIDD TAYLOR.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Sono arretrata con qualche recensione ma sto cercando di rimediare al più presto. La prossima sarà di This Savage Song che ho terminato due settimane fa, poi ci sarà la lettura di questa settimana. Ecco che vi parlerò di questo libro, edito Corbaccio, che ringrazio ancora per l’invio:

9788867003266_hotel_delle_museTitolo: Hotel delle Muse
Autore: Ann Kidd Taylor
Editore: Corbaccio
Collana: Narratori Corbaccio
Data di uscita: 06/07/2017
Pagine: 320
Prezzo: 17,90 euro

TramaUn’isola sperduta. Un hotel pieno di atmosfera. E un ritorno carico di promesse. 1988. In una giornata estiva nel Golfo del Messico alla dodicenne Maeve Donnelly succedono due cose straordinarie: viene baciata da Daniel, il ragazzino dei suoi sogni, e viene aggredita da uno squalo. Diciott’anni più tardi Maeve è una biologa marina molto apprezzata che si trova più a suo agio sott’acqua con gli squali che con le persone. E quando fa ritorno all’isoletta della Florida dove ha trascorso l’infanzia, nell’Hotel delle Muse dove la nonna l’ha cresciuta insieme a suo fratello gemello, ritrova Daniel e i ricordi riaffiorano impietosi. Ripensa a quando, da bambina, sognava di diventare un’affermata esperta di squali, ma anche di avere un marito, una famiglia, un figlio a cui insegnare a nuotare nelle acque del Golfo. Finora ha cercato in tutti i modi di sfuggire alla forza dei sentimenti del passato, ma adesso capisce che non può più continuare a tuffarsi nell’oceano per tenere lontana l’eco di quel che accade sulla terraferma; è giunto il momento di affrontare la sua paura più grande: quella di mettersi in gioco con tutta se stessa per raggiungere la felicità.

RECENSIONE:

La storia ha inizio a Bimini nelle ultime giornate di studio sui squali di Maeve, la donna che sussurra agli squali, sta nuotando in mare con Nicholas, studioso delle razze. La ragazza guarda Sylvia, uno dei suoi squali preferiti.

Maeve ha trent’anni, fa la biologa marina ed ama in particolar modo gli squali, sono la sua ossessione. Da bambina, la protagonista ha subito un attacco da parte di uno squalo e da quel giorno si è improvvisamente innamorata di queste creature e stare a contatto con loro la fa sentire completa. Quando dai suoi studi torna a casa, si ritrova a fare i conti con il suo passato. Daniel è l’uomo che Maeve non è mai riuscita a dimenticare e che l’ha fatta soffrire. A pochi giorni dal loro matrimonio ha messo incinta un’altra donna, Holly. Quindi, al rientro all’Hotel delle Muse della nonna di Maeve, Perri, non solo tornano i ricordi, che fanno male, ma assieme a loro c’è la presenza di Daniel che lavora proprio all’hotel in compagnia di sua figlia, Hazel.

Risultati immagini per gif squali

Riuscirà a mettere da parte il rancore e l’orgoglio, perdonare ed amare di nuovo? Oppure capirà che finalmente deve mettere da parte Daniel e pensare di più alla sua vita?

 

Quando, in passato, avevo immaginato la mia vita a trent’anni, era così che mi vedevo: come ora, a studiare gli squali. Ma credevo sarei stata anche madre, e mi vedevo a insegnare a mio figlio a nuotare nel Golfo. Con il giubbino di salvataggio chiuso fino al mento, il mio bambino avrebbe scalciato  come una rana sotto il pelo dell’acqua limpida, color menta. Qualche volta era una bambina, con le ciocche di capelli neri e bagnati appiccicati alle guance. (…) Avrei scosso i rami, per infilare il pollice nella parte superiore dell’arancia, coe faceva mio padre per me. Qualche volta usava un coltellino tascabile e intagliava una M, come Maeve, sul lato. Ho sempre pensato che avrei fatto lo stesso per mia figlia.

La trama è molto carina e invoglia la lettura. Mi ha messo subito curiosità, fin dal momento in cui mi hanno proposto di partecipare al BlogTour! Sicuramente è coinvolgente, su questo non c’è dubbio.

Risultati immaginiLa copertina mi piace ma se devo dirla tutta, quella originale – che vedete qui di lato – non si batte. Quella italiana non ha riferimento ai squali in nessun modo e sembra essere quasi soltanto una storia d’amore. E’ vero, in parte può esserlo ma c’è anche tutto il contorno e gli squali sono parte integrante del libro in tutto e per tutto. Quindi perchè non utilizzarli e metterli da parte? Corbaccio, mi stai deludendo…non si fa, non si fa.

Il titolo originale era The Shark Club. Posso capire l’adattamento del titolo italiano anche perché “Il Club dello Squalo” mi sarebbe sembrato troppo per bambini ma poteva anche essere lasciato tale, senza essere tradotto, no? Mi sembra comprensibile da chiunque.

L’epoca è moderna, Maeve si trova in una situazione del tutto attuale. Maeve ha trent’anni ma si scava a ritroso nel suo passato, a come è diventata studiosa fino ai giorni d’oggi su cui la storia si incentra. L’ambientazione principale è proprio l’Hotel delle Muse in Florida.

Camminò verso il comò e si fermò di fronte al piccolo dipinto: Maeve, lo squalo. Lo fissai sperando che se ne andasse, e dal silenzio nacque un flusso di ricordi più personali dei compleanni. Ero improvvisamente traboccante di vecchi sentimenti, quel limpido, dolce primo amore.

I personaggi sono in numero piuttosto discreto ma mi soffermerò sulla protagonista e sui più importanti in questa storia:

Maeve è la protagonista principale ed è una ragazza dolce, insicura ma anche temeraria. Ama gli squali e li studia da tutta la vita tanto che diventano un vero credo per lei. E’ tenace ma anche orgogliosa. Ha un cuore d’oro e ama infinitamente.

Daniel è un uomo davvero ambiguo. Da come lo descrive Maeve sembra dapprima tenero e premuroso poi possessivo e geloso, a tratti anche immaturo. Quando lo incontreremo sarà un uomo diverso pieno di premure e maturo. Un papà modello per la sua piccola bimba.

Hazel è una bambina molto grande per la sua età ed è figlia di Daniel. E’ intelligente e perspicace, vispa e furba. Non sono riuscita a fare a meno di innamorarmi di lei. E’ una bambina particolare che ama le creature marine e tutte le cose antiche.

Perri è la nonna di Maeve e Robin, il gemello di Maeve, che li prende in custodia e li fa vivere all’interno dell’Hotel delle Muse da quando i due hanno perso i genitori da bambini restando soli. Perri è una donna forte e intelligente e gestisce l’Hotel nel migliore dei modi.

Come non parlarvi dell‘Hotel delle Muse? Delle camere sono state adibite per far vivere i due gemelli assieme alla nonna e le altre stanze sono per gli ospiti. Vi posso assicurare che è tutto da scoprire. Ogni stanza è dedicata a un autore e c’è una citazione in ogni camera. Oltretutto ci sono libri e Perri organizza eventi letterari davvero fantastici. Un vero tesoro per i lettori e se devo dirla tutta sarebbe fantastico se esistesse davvero.

ma ne troveremo anche altri che scoprirete mano a mano che procederete al’interno della lettura.

Non ero come lui. Per lui il golfo era divertimento.Un grande parco acquatico. Io ero più come Nicholas. Una volta mi aveva detto che, quando guardava il mare, vedeva qualcosa di oscuro, instancabile e antico. E io percepivo quel mistero e i suoi pericoli ancora di più di notte. Non sottovalutavo la capacità che aveva di trascinarmi nelle sue profondità, o di afferrarmi il collo e sbattermi in spiaggia, ma, guardando Daniel e il suo corpo screziato d’ambra, e le dita che sfioravano l’acqua, iniziai a togliermi i vestiti. Rimasi solo con la biancheria intima, ed entrai, pensando alla tartaruga di mare che era uscita dall’oceano per rientrarvi.

Il perno centrale è proprio Maeve. Lei ama gli squali, suo fratello Robin e sua nonna Perri. Daniel è rimasto nel suo cuore da sempre e non è mai riuscito a dimenticarlo perchè il dolore è forte e le ha fatto troppo male. Quando però, all’Hotel delle Muse si troverà davanti il suo passato, riuscirà ad agire?

Lo stile utilizzato è semplice e scorrevole. La lettura intriga e la cosa sorprendente è che ti fa entrare nel suo vortice piano piano fino a coinvolgerti totalmente. Mi ha sorpreso il fatto che riesce a farti amare totalmente i squali, delle creature marine davvero spaventose e pericolose. Il racconto riesce a farti apprezzare il mare e quelle creature che tanto temiamo.

Nonostante questo, le cose che non mi ha del tutto convinto sono principalmente due. NB:(Potrebbe contenere SPOILER, quindi non leggete i due punti qui sotto se non volete!)

  1. Il fatto dello spinnamento si concentra tutto in un capitolo o poco più. Ovvio che ci sono delle avvisaglie precedenti ma niente di preoccupante ed il colpevole della cosa si trova subito (oltre che si era capito fin dall’epoca dei tempi)
  2. Nicholas. E’ un pezzo fondamentale e viene sminuito in poche righe all’inizio e poche alla fine. La sua utilità? Vi prego, parliamone! Doveva essere più presente.

«Vuoi cercare dei denti di squalo?» propose. «Cosa, Solo con la luce della luna? Okay.» Indicai il cielo. «Ma guarda là, se quella nuvola la copre, siamo nei guai». «Allora è meglio che ci sbrighiamo» disse. Salì sulla parte più elevata della spiaggia, dove era maggiormente illuminato. La seguii. Ci sedemmo sul gradino più basso  della scala che portava all’albergo. «Questo conta come Club dello Squalo.» disse, agguantando un pugno di sabbia e ispezionandolo con l’indice. «Oh, decisamente» confermai. Per qualche istante lavorammo in silenzio.

Il libro è stato piuttosto carino e mi ha lasciato un’impressione decisamente positiva. Se non fosse stato per quei due fatti che ho specificato poco sopra, probabilmente lo avrei promosso a pieni voti.

Lo consiglio? Sicuramente. Non potete perdervi questa lettura. Vi immergerete in una storia importante che va dai fondali marini fra le creature più antiche e spaventose al mondo alla terraferma in cui l’Hotel farà da sfondo alla vicenda. La Taylor è stata una scoperta.

Questo libro mi ha lasciato molto e mi ha fatto amare il mare ancor di più di quanto io lo ami già. Leggetelo e non ve ne pentirete!

Il mio voto per questo libro è di: 4 conchiglie.picsart_09-22-09.39.42-2.jpg


Cosa ne pensate? Vi intriga? Lo leggerete? Io vi aspetto con tanti bei commenti per sapere cosa ne pensate!

A presto,

Sara. ©

PROSSIME USCITE PER DUNWICH EDIZIONI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Oggi ho per voi due novità targate Dunwich Edizioni, che aspettano soltanto voi! Di cosa sto parlando? Di continui di saghe che non potete perdere.

Ecco qui:

Risultati immagini per Shadow Play (Il Fuori della Magia Nera Vol. 2)Titolo: Shadow Play (Il Fuori della Magia Nera Vol. 2)
Autore: Domino Finn
Genere: Urban Fantasy
Pagine: 240
Data di uscita: 7/8/2017
Prezzo: ebook € 3,99 cartaceo 12,90
Link di acquisto: ebook https://goo.gl/hH9bhc

The Guardian Archives
1- Keltor
1.5- Ratha 
2 – Dante – Parte I
3 – Dante – Parte II

QUARTA DI COPERTINA: Mi chiamo Cisco Suarez e una settimana fa ero morto. Costretto da una maledizione a servire un’organizzazione avvolta dalle ombre, ho parecchio sangue sulle mie mani. Per fortuna ho anche un problema a rispettare le autorità, perciò non prendo più ordini e la prima cosa da fare sulla mia lista è abbattere quei bastardi. Se sono bravo in qualcosa, è cercare in posti bui. Ma ho anche delle ombre di mio. Dei fatti terribili continuano a tormentarmi e non sto parlando di un tipo di tormento metaforico. Sto parlando di fantasmi, di maghi… e di quell’entità dagli scintillanti occhi rossi. Questo dimostra che è vero quello che dicono: si raccoglie ciò che si semina. La resurrezione è sopravvalutata o cosa?

L’AUTORE: 

Sono Domino Finn, un autore urban fantay, ribelle dei media e cantante nella mia auto (consiglio dell’esperto: tenete i finestrini tirati su). Se Shadow Play è stato all’altezza dei vostri standard, diffondete la parola. Per favore, postate una recensione dove avete acquistato il libro, anche solo di una riga o due. Significa molto per me. Infine, non dimenticatevi di me. Potete contattarmi e dare un’occhiata a tutto il mio catalogo sul sito
DominoFinn.Com


 

Risultati immagini per Dante - Parte II DUNWICHTitolo: Dante: Parte Seconda (The Guardian Archives Vol. 3)
Autore: Jennifer Sage
Genere: Paranormal Romance
Pagine: 350
Data di uscita: 7/8/2017
Prezzo: ebook € 3,99 cartaceo 14,90
Link di acquisto: ebook https://goo.gl/mVHyjg

La serie è così composta:
1- Dead Man
2- Shadow Play
3- Heart Strings (Inedito in Italia)
4- Powder Trade (Inedito in Italia)
5- Fire Water (Inedito in Italia)

DANTE – UN VIAGGIO DURATO MEZZO MILIONE DI ANNI
Un folle angelo alato ha rapito la Compagna di Dante. Non c’è dolore più grande per un Guardiano della perdita dell’unica creatura che possa amare. Gliel’hanno strappata dalle braccia mentre era in punto di morte e ora potrebbe impazzire tanto quanto Zaqar. Per limitare i danni, Lucio lo ha sedato come un cane rabbioso, ma teme che, una volta risvegliatosi, Dante possa fare una strage. È stanco di rivendicare la sua donna. Lei è sua. Peccato che qualcun altro si sia messo in mezzo. Giovanna ha patito altre atroci sofferenze per mano del suo ex marito, un vero sadico. Rimasta nascosta per lungo tempo, ora dovrà combattere, sempre che riesca a sopravvivere. Cosa sono le ombre che danzano nei suoi occhi mortali e dove l’hanno portata? Cosa si nasconde dietro al nome segreto che la sua famiglia le ha rivelato ma che non poteva usare? La Compagna di Dante non poteva essere una semplice Mortale, ma non è nemmeno un’Immortale. È soltanto una ragazza molto empatica… giusto?  Tutti gli Immortali hanno sempre vissuto nella menzogna. I loro antenati hanno tramandato falsità che ora non sono più in grado di sostenere. Adesso dovranno fare un salto nel buio e unirsi ai Guardiani, oppure i giusti li cacceranno da questo mondo. Alleati o nemici… ma i nemici sono già troppi. I Quattro si sono rivelati. Sono loro i veri antagonisti che si celano dietro tutte le Ombre esistenti. Sono loro a tirare i fili e non si fermeranno fino a quando non potranno governare questo mondo con i loro veri figli, i Demoni. La Regina è negli Inferi con tutti gli Autentici, ma il Principe è libero. Uno a uno, i sigilli si stanno rompendo, il processo è già iniziato. Nove figlie per rompere i sigilli dei Sette Inferi. Tre sono già nate…
La furia dell’Inferno è nulla in confronto a quella di una donna tradita. Thia ha dei progetti per il risveglio del suo Guardiano e stavolta non includono il sesso. La sua
maledizione sta prendendo rapidamente il sopravvento. L’odio la sta consumando… e a lei piace. Zaqar ha ritrovato sua figlia, assassinata duemila anni prima. Lei è il legame che lo unisce alla sua Predestinata, morirebbe pur di non perderla un’altra volta. Ma, soprattutto, è pronto a uccidere. Già una volta ha fatto scorrere il sangue nella valle del Paradiso e non avrebbe problemi a colorare ancora una volta i fiumi di rosso. Proprio come i suoi occhi. La vendetta è un morbo che distrugge tutto ciò che tocca. Quando la speranza finisce, qualcuno la cerca. E nel tempo, lentamente, il sangue si avvelena.
Resiayana fu la prima ribelle, il primo Guardiano a combattere per l’umanità. Anche adesso rappresenta una luce per il nostro mondo. Michael ci sta guardando. Non
siamo stati completamente abbandonati. E questo è soltanto l’inizio. La seconda parte
comincia ora.


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un bel commentino!

Alla prossima,

Sara. ©

SALONE INTERNAZIONALE DI TORINO 2017 – PROGRAMMA CASE EDITRICI

BUON POMERIGGIO LETTORI!

Cosa abbiamo oggi in programma? Gli eventi suddivisi per casa editrice del SalTo 2017, ovvero il Salone Internazionale del Libro di Torino. CI sarà dal 18 al 22 Maggio e per tutti voi, curiosi, ci sono gli eventi per ogni Casa Editrice.

FAZI EDITORE:

SABATO 20 MAGGIO

Caffè Letterario, ore 11:30

UN’ORA CON… 

Andrea Bajani con Daniele Zito

Autore di ROBLEDO

Lavoratori fantasmi e un amore sconfinato per la letteratura. Daniele Zito scrive un romanzo scatenato e che combina in un’unica miscela Bolaño, i black block e Foster Wallace.


Spazio Incontri, ore 12:30

Incontro con Claudio Damiani
in occasione della pubblicazione del suo nuovo libro di poesia CIELI CELESTI

con  Chiara Fenoglio e Gian Mario Villalta

Una lingua chiara, disarmata, con la quale affrontare le domande che la conoscenza di oggi, nutrita delle conquiste della scienza e della tecnica, ci obbliga, come accade da sempre, a formulare: chi è l’uomo, qual è il suo destino?


Sala Azzurra, ore 16:00

TEMPI SELVAGGI: IL RITORNO DEL COMMISSARIO YERULDELGGER

 
Sandrone Dazieri dialoga con Ian Manook in occasione della pubblicazione della seconda parte della trilogia “Yeruldegger”.
 
Con la capacità di chi sa tracciare nuovi orizzonti per un genere letterario, Ian Manook è autore di thriller di enorme successo, ambientati in una Mangolia immensa, spirituale, nera. Ian Manook, un fenomeno editoriale da 500 mila copie in Francia, in corso di pubblicazione in tantissimi paesi, pluripremiato dalla critica, è alla sua prima visita al Salone di Torino. 

DOMENICA 21 MAGGIO

Arena Bookstock, ore 11:30

TOTÒ: VITA, OPERE E MIRACOLI

Incontro con Giancarlo Governi
 
Nel cinquantesimo anniversario della sua scomparsa, il racconto di un artista poliedrico e di una personalità complessa e niente affatto scontata: attraverso le pagine di Governi, un omaggio a Totò, il più grande attore italiano. Con Giancarlo Governi, ‘totologo d’eccellenza’. 

DEAGOSTINIDeA Planeta Libri XXX Salone del Libro di Torino

Giovedì 18 maggio

ore 11:30 – spazio Book

Scopri il perché delle cose con Ada

Andrea Vico intervista Andrea Beaty, in occaione della pubblicazione di Ada la scienziata (De Agostini).

Ci sono donne scienziate sin da quando inizia la scienza. Hanno posto domande e cercato risposte sui segreti dell’universo. Ada La Scienziata è un omaggio a tutte le donne di scienza e a tutti i piccoli lettori che, animati dalla stessa curiosità, vogliono inseguire le loro passioni. 

ore 17:00 – sala Gialla

Incontro con Flavio Caroli

Rossana Valier intervista Flavio Caroli in occasione della pubblicazione del suo libro Storie di artisti e di bastardi (UTET). Curiosità e aneddoti controversi sul mondo degli artisti degli anni Settanta e Ottanta, raccontati da uno dei più importanti critici italiani.

ore 18:00 – spazio Book

Educare alla lettura. La scienza raccontata

Raccontare la scienza e gli scienziati ai bambini è una cosa seria, ma è appassionante e divertente come un’avventura. Andrea Beaty, scrittrice statunitense, autrice di Ada la scienziata (De Agostini) e Andrea Vico, giornalista e autore, ci raccontano l’editoria di divulgazione scientifica.

ore 18.00 – Bookstock Village – Aula 2030

Le nuove competenze digitali. Laboratorio su come costruire storie con Scratch

Anche gli editori hanno avviato la pubblicazione di testi che si occupano dei nuovi linguaggi digitali. Scratch è un software gratuito basato su un linguaggio di programmazione a blocchi che permette ai bambini di creare storie interattive, animazioni, giochi e prodotti artistici.

Attività con Andrea Ferraresso, a cura di De Agostini Scuola e Riconnessioni – Fondazione per la Scuola.


VENERDÌ 19 MAGGIO

ore 10.30 – Bookstock Village – Biblioteca digitale

Il ragazzo degli scarabei

Vieni a conoscere Baxter il coleottero! Attraverso un divertente gioco a squadre scopriremo il mondo degli insetti e i loro ecosistemi, sulla scorta del libro e dell’app Il ragazzo degli scarabei (DeA).

Attività con Ester Castelnuovo ed Erica D’Oria a cura di DeA Planeta LibriMattia Crivellini e Rossella Trionfetti.

ore 15.30 – Bookstock Village – Aula 2030

Sperimenta con Ada

La piccola peste protagonista del libro Ada la Scienziata (De Agostini) si trasferisce su Minecraft Education Edition. Coding, per scoprire nuovi mondi digitali e avventure 3D e ripercorrere così la storia di Ada Lovelace, la prima programmatrice al mondo.

Attività con Valentina Gelsomini, a cura di De Agostini Scuola, MicrosoftRiconnessioni – Fondazione per la Scuola.


DOMENICA 21 MAGGIO

ore 11.45 – Spazio Prospettive Digitali

Presentazione del libro di Giovanni Ziccardi, Il libro digitale dei morti (UTET)

Nell’era digitale sparire non è semplice. Neppure se lo si fa nel mondo reale. Ne parlano Hamilton Santià e Giovanni Ziccardi

Fra le varie impostazioni di facebook una si occupa di a chi affidare la gestione del proprio account nel caso in cui si venga a mancare portando così la morte nella stessa categoria di una scelta, di un imprevisto, un caso in cui tra i tanti. Forse è il momento di occuparsene.

ore 13.30 – Spazio Book

Incontro con Alberto Pellai e Barbara Tamborini, autori di L’età dello tsunami (DeA)

Fabio Geda modera l’incontro con gli autori.

Allo tsunami della preadolscenza non c’è cura, ma un segreto per sopravvivere, sì: capire cosa sta succedendo a un cervello in piena evoluzione, che funziona in modo diverso rispetto a quello di un adulto. Barbara Tamborini e Alberto Pellai ne sanno qualcosa: esperti di psicologia dell’età evolutiva e genitori di quattro figli, sapranno introdurvi alle meraviglie di quest’età e darvi consigli giusti per ritrovare un canale di comunicazione che vi sembra impossibile.

ore 17:30 – Spazio Stock

Incontro con Jordi Sierra i Fabra, autore di Bob Dylan. 99 motivi per riscoprirlo assieme a tuo figlio (DeA)

Un idolo, una leggenda, un poeta, un sobillatore, un’icona. Il Nobel per la letteratura 2016. La vita dell’icona del folk raccontata alle nuove generazioni. Le novantanove strade percorse da un uomo straordinario che da sempre fa parlare di sé.

La lettura comincia con la scrittura. Come si scrive un libro per ragazzi? In che misura tener conto del lettore Quali regole deve seguire lo scrittore per costruire il suo lettore? Gli scrittori si interrogano sulla scrittura, sulla lettura, sui lettori.


LUNEDÌ 22 MAGGIO

ore 9.00 – Salone off – Biblioteca Don Milani

Incontro con Mavis Miller, autrice di Lisbeth e il giardino dei fiori incantati (DeA)

Mavis Miller incontra gli studenti della Scuola Media Leonardo Da Vinci presso la Biblioteca Don Milani.

ore 13.30 – Laboratorio Parole 2

Incontro con Mavis Miller, autrice di Lisbeth e il giardino dei fiori incantati (DeA)

Un fantasy con grande potenza immaginifica, ma anche uno straordinario romanzo di formazione che racconta la difficoltà di essere se stessi e di accettarsi. Una serie sorprendente che ha già conquistato il cuore dei ragazzi.

ore 17:30 – Spazio Book

Scrivere: le fondamenta della lettura

Con Jordi Sierra i Fabra, autore di Bob Dylan. 99 motivi per riscoprirlo assieme a tuo figlio (DeA), partecipano Melvin BurgessFabio GedaGaia GuastiChristophe LéonEros Miari.


NEWTON COMPTON

Padiglione 2 – Stand J 72

VENERDÌ 19 MAGGIO ORE 15,30

Spazio Stock

CONSIGLI D’AUTORE PER ASPIRANTI SCRITTORI

DI MARCELLO SIMONI, TESTIMONIAL DE «ILMIOESORDIO»
Mentre parte la nuova edizione del concorso letterario «ilmioesordio» l’autore bestseller Marcello Simoni svela i segreti per costruire un romanzo  perfetto
Introducono Alessandra Penna e Andrea Mastromattei
Intervengono le vincitrici de «ilmioesordio» 2016, Federica Introna ed Elisabetta Lugli
A cura di ilmiolibro,  Newton Compton Editori e Scuola Holden


VENERDÌ 19 MAGGIO – ORE 21,00
Salone OFF 
QUESTA NON È L’AMERICA
Incontro con Alan Friedman
Autore di Questa non è l’America
A cura di Centro Pannunzio, Unione Industriale Torino e Newton Compton Editori            Centro Congressi Unione Industriale Torino – Via Fanti, 17


SABATO 20 MAGGIO ORE 14,00
Sala Gialla
ANOTHER SIDE OF AMERICA. 2017, L’ANNO DI TRUMP
 
Che fine ha fatto il sogno americano e cosa ha in mente l’uomo
che può cambiare i destini del pianeta?
Trump e il nuovo disordine mondiale
Piero Fassino e Maurizio Molinari dialogano con Alan Friedman
Autore di Questa non è l’America
Con un intervento di Massimo Bray
a cura di Newton Compton Editori


SABATO 20 MAGGIO ORE 16,30
Arena Bookstock
IL METODO DANESE PER CRESCERE BAMBINI FELICI
 
Quali sono i segreti alla base dell’armonia tra genitori e figli?
È possibile educare i bambini in modo consapevole?
La risposta arriva dalla Danimarca, Paese che da 40 anni
domina le classifiche della felicità
 
Gabriella Greison dialoga con Jessica Alexander
Autrice del bestseller internazionale Il metodo danese per crescere bambini felici
A cura di  Newton Compton Editori


MARSILIO:

Trenta anni fa nasceva… il Salone del Libro
L’idea che ha cambiato il modo di vivere la cultura a Torino e in Italia

giovedì 18 maggio, ore 14:00
Sala Azzurra

Roberto Moisio con
Guido Accornero, Ernesto Ferrero, Rolando Picchioni, Paolo Verri

 

Un’ora con… Laura Pugno
Autrice de “La ragazza selvaggia”

venerdì 19 maggio, ore 10:30
Caffè letterario

Laura Pugno dialoga con Elena Varvello

 

 
Scrittori oltre il confine
Incontro con Pep Puig, Spagna. Autore de “La vita senza Sara Amat”

venerdì 19 maggio, ore 16:00
Sala Blu

Pep Puig dialoga con Francesco Olivo

 

Carlo Ossola. Lectio Magistralis
Un poeta di tre continenti: Giuseppe Ungaretti

sabato 20 maggio, ore 11:00
Sala Filadelfia

con Carlo Ossola

 

Un’ora con… Violetta Bellocchio
Autrice di “Mi chiamo Sara, vuol dire principessa”

sabato 20 maggio, ore 10:30
Caffè letterario

Violetta Bellocchio dialoga con Giusi Marchetta

 

Il destino dell’Occidente. Incontro con Bill Emmott
In occasione della pubblicazione del suo libro

domenica 21 maggio, ore 13:30
Sala 500

Bill Emmott dialoga con Gianni Riotta

 

Le forme della bellezza
Incontro con Vittorino Andreoli.
In occasione della pubblicazione del suo libro

lunedì 22 maggio, ore 15:30
Sala Blu

con Vittorino Andreoli

 

Scrittori giornalisti:
il futuro dell’informazione di qualità

lunedì 22 maggio, ore 16:00
Sala Rossa

Daniela Marcheschi con Gianmaria Ajani, Chiara Fenoglio, Claudio Marazzini, Alessandro Perissinotto, Alberto Sinigaglia


Voi ci andrete? Cosa farete una volta lì? Vi aspetto con tanti commenti!

A presto,

Sara. ©