REVIEW PARTY: Recensione in anteprima #550 – AZOTH EXPRESS DI ELIA P. ANSALONI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Spero bene. In questo bel venerdì di metà dicembre sono qui a portarvi una recensione di un libro che spero possa piacervi. Ringrazio la casa editrice Delrai edizioni per avermi permesso la lettura di ciò di cui vi parlerò e spero possiate apprezzarlo anche voi. Ecco che ve ne parlo:

azoth-express-cover-ebook_front_1875x2560Titolo: Azoth Express
Autore: Elia P. Ansaloni
Data di uscita: 2 dicembre 2021
Prezzo ebook: 4,99 / Prezzo cartaceo: 15,50
Pagine: 208
Genere: fantasy
ISBN: 9788855420686
Collana: Eltanin.
Link d’acquisto: https://amzn.to/3mfzJyO
Trama: Invitato a una traversata notturna sull’Azoth Express, un treno misterioso di cui sembra impossibile reperire informazioni, il professor Volfram Volkov, accademico di prestigio affetto da una bizzarra licantropia, fuma pensieroso la sua immancabile pipa a bolle di sapone. Salito a bordo, fa la conoscenza degli altri strambi ospiti: Mercedes, una famosa e avvenente attrice televisiva; gli aristocratici Ravencroft, un’inquietante famiglia in lutto; la giovane esploratrice Lyra, con una grande conoscenza degli abissi oceanici; Zohn, un signore tarchiato che non sembra volersi staccare dalla sua macchina da scrivere; Maddox, un pittoresco e chiacchierone croupier di Las Vegas; e infine i signori Yong, che trasportano un carico misterioso. È il signor Swapan, proprietario della compagnia, a spiegare ai passeggeri che stanno per prendere parte a un singolare gioco: se scopriranno dove è diretto il treno, ciascuno riceverà un premio di immenso valore. Riusciranno a risolvere l’enigma e, soprattutto, ad arrivare tutti a destinazione?

RECENSIONE

black train on railway bridge under heavy cloudsLa storia ha inizio con una lettera indirizzata al Professor Volkov da parte di un certo signor Swapan in cui viene invitato a bordo del treno Azoth Express dalla destinazione ignota e dal misterioso e altrettanto ignoto gioco che i viaggiatori saranno costretti ad intraprendere per scendere dal treno e per ricevere una lauta ricompensa. A condurre le redini del gioco è il Signor Swapan che pone le condizioni e le regole del gioco per tutti i giocatori.

Ma cosa succederà a bordo? Riusciranno a vincere e a scoprire dove è diretto questo treno? E perché sono stati scelti proprio loro per questo viaggio senza meta?

A nome della nostra Compagnia, sono onorato di invitarLa a unirsi a noi per il viaggio che l’Azoth Express compirà durante la prossima notte di luna nuova. Vorrà perdonare l’impertinenza di aver allegato alla presente un biglietto per Lei, tuttavia desideriamo rimarcare quanto la partecipazione di uno scienziato della Sua levatura sia per noi un motivo di grande prestigio. Qualora fosse interessato, La attenderemo presso la nostra sala d’aspetto sotterranea nella Stazione Centrale. Il treno partirà esattamente un’ora dopo il calar del sole, con la massima puntualità. Una volta a bordo, Le saranno forniti tutti i dettagli necessari circa il viaggio. Confidando che questo invito incontri il Suo interesse, cogliamo l’occasione per aggiungere che qualsiasi spesa sarà a carico nostro. Le consigliamo pertanto di portare con sé il bagaglio che riterrà opportuno, incluso qualsiasi tipo di attrezzatura scientifica. 

La trama finisce per dire fin troppo, descrivendo tutti i personaggi e ciò a cui si andrà a partecipare, così come le frasi finali che lasciano intendere molto più del dovuto. Sarebbe stato più logico, in questo caso, rimandare ad una sintesi ed evitare i personaggi – che possono essere scoperti nel corso della lettura tranquillamente – cercando di limitare il tutto all’essenziale infondendo curiosità al lettore.

La copertina la trovo molto accattivante, nonostante ricordi qualcosa di pop vintage, quasi tipo le neon da insegna che rimandano ad un malfamato locale notturno. I colori catturano e vediamo in prima linea il lupo che primeggia su tutto, ovviamente rimanda al Professor Volkov. Se si guarda con più attenzione però, i piccoli dettagli sulla copertina rimandano a delle cose che accadono all’interno del volume o a dei dettagli che ci verranno lasciati come molliche di pane e che dovremo cercare di catturare perché possono essere un monito per il lettore. La trovo una copertina decisamente affascinante, non vi è dubbio e rimanda molto alla storia; chi l’ha letta può confermare di certo. Il titolo della storia, invece, si limita ad esporci il nome stesso del treno su cui viaggeranno i nostri protagonisti. Non sembra essere molto, così esposto ma il nome del treno ha la sua valenza, visto che la storia si svolge esclusivamente a bordo di questa struttura.

silhouette of dogL’ambientazione è tutta strutturata a bordo del treno in questione, sul quale si sviluppa a storia e l’epoca non sembra essere definita anche perché anche i luoghi sembrano essere reali ma con dei riferimenti di fantasia.

Era una voce che proveniva da lontano, con un riverbero che sembrava propagarsi attraverso l’oscura sostanza dalla quale era composto il treno, per giungere come un mormorio alle sue orecchie. Doveva tenere gli occhi aperti: c’era qualcosa di pericoloso su quel treno e, con ogni probabilità, stava cercando lei. L’abisso mi ha seguita fin qui.

I personaggi di questa storia sono molti e tutti assolutamente variegati fra loro. Il nostro protagonista iniziale sembra essere il Professore Volfram Volkov, un licantropo improprio di origine russa, come lui stesso si definisce dall’animo decisamente attento ai dettagli ed osservatore delle piccole cose. E’ un personaggio peculiare e bizzarro e lo apprezzerete nel corso della lettura. Accanto a lui, dove pensiamo di trovare dei semplici personaggi secondari, ci troviamo con altrettanti protagonisti visto che l’autore ce li propone mano a mano tutti in prima persona, pur di permetterci di conoscerli. C’è Mercedes che è una bellissima attrice e musicista che non riesce a distaccare la persona dal personaggio nonostante da sola sia totalmente differente; c’è la coppia di orientali che sembrano carini e pacati ma con qualcosa da nascondere; c’è la famiglia aristocratica della Cornovaglia di Ravencroft, che hanno da poco perso il padre – stipite portante della famiglia – e si presentano cupi, poco decisi e poco tristi nonostante la loro sia stata una grande perdita. Abbiamo ancora Zohn, uno scrittore che non riesce mai a staccarsi dalla sua macchina da scrivere, l’esploratrice Lyra che ha una grande conoscenza degli abissi oceanici e del mare in generale ma che si sente perseguitata da qualcuno che non conosciamo e per finire Maddox, un uomo eccentrico e chiacchierone croupier di Las Vegas. A chiudere il cerchio, c’è  il signor Swapan, proprietario dell’avventura che tutti stanno vivendo che avrà il compito di spiegare cosa succederà a bordo del treno nonostante non sia per nulla chiaro e sempre criptico sulle modalità e su cosa accadrà.

La peculiarità di questa storia si fonda sui personaggi che sono ognuno diverso dall’altro, coinvolgenti e ben composti così da dare al lettore l’opportunità di scovare il tassello mancante e di affezionarsi a chi ritengono sia più vicino a loro. Un bel mix di personaggi.

«Randolph è un ottimo musicista» intervenne Willow, senza nascondere un sorriso di compiacimento davanti all’evidente imbarazzo del fratello. Lui si strinse nervosamente le mani. «Solo discreto, ma non so se l’acustica di questo treno sia congeniale.» «In realtà, signori» disse uno dei camerieri «La struttura dell’Azoth Express è stata studiata anche per ottimizzare un’eventuale esibizione musicale.» A quella notizia, Maddox distese le labbra in un ghigno divertito. 

black railway surrounded by treesIl perno centrale è tutto basato sul mistero che si aggira a bordo del treno. Tutti devono giocare cercando di indovinare la destinazione e chiunque riesca a trovarla farà ricevere premi a tutti coloro che sono a bordo e che giocano sul treno. Ma perché sono stati scelti per salire e giocare a bordo dell’Azoth Express? Una lettura misteriosa che ci porta a bordo di un treno ricco di misteri e pericoli che nessuno sembra aspettarsi veramente.

Lo stile utilizzato dall’autore è molto semplice, fluido e sicuramente scorrevole. Infatti il libro, già essendo considerevolmente piccolo trattandosi di poco più di 150 pagine, si riesce a leggere con una manciata di ore, se non meno. Nonostante questo, vale il tempo speso a leggerlo visto che riesce a coinvolgere il lettore pagina dopo pagina cercando di capire cosa succederà a bordo del treno. L’unica pecca sembra essere la brevità dell’opera, sarebbe stato meglio avere dei punti più dettagliati e saperne di più riguardo la storia stessa e su determinati personaggi, in modo da approfondire molto di più.

La paura era che questa storia finisse per assomigliare ad Assassinio sull’Oriental Express viste le modalità del gruppo all’interno di un treno per trasporto viaggiatori e il fatto che tutto sia altamente misterioso. Andando avanti nel corso della lettura si nota subito la sostanziale differenza seppur il viaggio e una tinta di giallo ci siano. La lettura è un fantasy – che si distingue perlopiù da alcuni personaggi (sotto l’aspetto fisico o sotto l’aspetto comportamentale). In più, la storia si prospetta sotto forma di un gioco che porta il lettore a porsi diverse domande, a stare sempre in allerta ma che finisce per stupire anche il più astuto dei lettori.

«Ho il sospetto che qualcuno mi avrebbe lasciato in pegno.» «Mi ricorda gli avvertimenti della prozia Berenice al suo caro marito Reginald» commentò Willow. «È proprio vero che tutto il mondo è paese.» Fra l’ottima cena e quel momento di svago, l’atmosfera si era fatta più rilassata. Solo lady Phyllis manteneva inalterato il proprio distacco. Maddox raccolse le carte, pronto per un’altra mano, ma non ebbe il tempo di proporla perché la voce di Swapan irruppe nello scompartimento. «Mi dispiace interrompervi, signori, ma è giunto il momento di proseguire con il nostro gioco.»

Il libro è un piccolo volume ci pone davanti una storia coinvolgenteLe domande non saranno poche e continueranno a sommarsi nel corso della lettura, sciogliendosi mano a mano che si procede e che si conoscono i vari personaggi. Insomma, nonostante la brevità il volume cattura e si vorrebbe leggere un pochino di più per scoprire nel profondo determinate tematiche e per conoscere nel profondo i diversi personaggi della storia. Una lettura che consiglio, sicuramente.

Elia P. Anseloni ci porta a bordo di un treno che ci permetterà di viaggiare ad una velocità maggiore al normale e che ci porterà attraverso luoghi sconosciuti che solo i passeggeri potranno cercare di capire. Riceverete anche voi la lettera dal Signor Swapan?

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Azoth Express e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Azoth Express o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Potrebbe fare il caso vostro? Spero possa piacervi ovviamente. Io vi abbraccio come sempre.

A presto,

Sara ©

One thought on “REVIEW PARTY: Recensione in anteprima #550 – AZOTH EXPRESS DI ELIA P. ANSALONI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.