REVIEW PARTY: IRON FLOWERS DI TRACY BANGHART (#181)

BUONGIORNO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Buon lunedì! Oggi vi porto un fantasy che mi ha davvero sorpreso. Ultimamente trovare un buon libro è sempre più raro, sopratutto nei fantasy e sono davvero soddisfatta che questo libro sia stato portato in Italia. Ringrazio la DeAgostini per averci permesso la lettura e ringrazio Silvia per aver organizzato quest’evento, includendomi.

89b530ed-f1fd-4d02-9468-f24fee584dbc

Titolo: Iron Flowers

Autore: Tracy Banghart
Genere: Fantasy
Data di uscita: 29 maggio 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2LvfBoq
Trama: In un mondo governato dagli uomini, in cui le donne non hanno alcun diritto, due sorelle gemelle non potrebbero essere più diverse l’una dall’altra. Nomi è testarda e ribelle. Serina è gentile e romantica e ha sempre desiderato diventare una delle Grazie, una delle mogli del principe. Ma il giorno in cui le due ragazze si recano a palazzo, Nomi come ancella, Serina come candidata Grazia, accade qualcosa di inaspettato che cambierà per sempre le loro vite. Perché contro ogni previsione è proprio Nomi a essere scelta dal principe come sua donna, non Serina… E mentre per Nomi inizia così una vita a palazzo, tra sfarzo e pericolosi intrighi di corte, Serina, accusata di tradimento per aver mostrato di saper leggere, viene condannata nell’isola di Monte Rovina, una prigione di donne ribelli in cui per sopravvivere occorre combattere e uccidere. Per entrambe, la fuga è impossibile e un solo errore potrebbe significare la morte. Quando non c’è soluzione, l’unica soluzione è cambiare le regole, e a volte bastano due sole donne per farlo.

RECENSIONE

Risultati immagini per gif games of throne t donne

La storia ha inizio nella piazza principale di Lanos. Serina è lì con altre nove ragazze della stessa età in attesa di essere scelte come Grazie per l’Erede del Supremo e nuovo sovrano di Bellacqua. La famiglia di Serina è in un angolo: Nomi, la sorella, se sua sorella dovesse essere scelta sia in quel momento che dall’Erede, potrebbe cambiare vita divenendo l’ancella di sua sorella. Le due sorelle non potrebbero essere più diverse. Serina è sempre stata abituata ad essere sottomessa, una donna che deve rassettare e ai servizi degli altri mentre Nomi è ribelle e non ama stare in silenzio di fronte a ingiustizie o a qualsiasi altra cosa che per lei non sia corretta.

Serina viene scelta dal magistrato e portata a Bellacqua assieme a sua sorella Nomi come ancella. Le due si recano a palazzo dove l’Erede Malachi aspetta le sue prime tre Grazie. Solo che al momento della scelta delle Grazie, non viene scelta Serina ma sua sorella Nomi. Serina viene spedita sull’isola di Monte Rovina dove le donne ribelli, che uccidono che non servono o che leggono, vengono portate.

Cosa succederà alle due sorelle? Serina riuscirà a cambiare il suo modo di essere e sopravvivere a ciò che l’attende? Nomi si adatterà alla vita a palazzo? Si ribellerà anche lì?

Serina fissò Ines, poi la sorella, con il cuore che batteva a un ritmo forsennato. Nomi aveva gli occhi spiritati, e i capelli le sfuggivano dalla lunga treccia. Il semplice vestito marrone le si era sollevato su un fianco, rendendo l’orlo sbilenco. Anche in quel momento, con il suo abito migliore, sembrava più indomabile che mai. Una ragazza che odiava tutto delle Grazie e ciò che rappresentavano… e adesso era una di loro.

Immagine correlata

Risultati immagini per grace and fury

La trama è ben scritta e, personalmente è stata una delle prime cose a mettermi curiosità su questo libro. Non mi piace, però, l’ultima frase in cui, non c’è uno spoiler evidente o particolarmente pressante ma lascia presupporre troppo cosa accade all’interno del libro. Lo si comprende ancor di più dopo averlo letto.

La copertina, più che rappresentare il libro in se sembra parlare di Games of Thrones e la trovo decisamente fuorviante per ciò che il libro rappresenta. Amo particolarmente questa che vedete qui di fianco ed immagino rappresenti Nomi e il fuoco rappresenti il fatto della ribellione e del suo animo di fuoco e imponente. Apprezzo molto anche l’altra copertina con entrambe le sorelle sullo sfondo.

Il titolo italiano è presente nel libro, si parla proprio di quanto le donne a Monte Rovina siano dei fiori di ferro ma preferisco, anche qui, l’originale. Grace and Fury ovvero Grazia e Furia è sicuramente più azzeccato ed esprime meglio la storia nel suo complesso. Se volevano utilizzare il titolo in inglese come hanno fatto potevano lasciare l’originale che era meglio.

L’ambientazione è senz’altro di fantasia, come il libro stesso e ci divideremo fra Bellacqua, dove si trova il palazzo con Nomi e Monte Rovina, l’isola-prigione dove si trova Serina. L’epoca è indefinita. La storia si muove molto su qualcosa che non sono riuscita del tutto a comprendere: si accenna a treni – in un millesimo di secondo e lo ricordo bene – ma poi sembra tutto basarsi, come periodo storico, nel Medioevo.

Serina sentì il cuore sprofondare. Le donne non combattevano. Mai. Non contro gli uomini, e nemmeno le une contro le altre. La violenza implicava sempre la punizione più severa. Serina conosceva storie di donne che avevano cercato di difendersi: una lontana cugina che aveva resistito a un marito violento, una ragazza in una fabbrica tessile che aveva dato uno schiaffo a un uomo che aveva cercato di baciarla. Quelle donne erano state punite severamente. Frustate, incarcerate. Mandate a Monte Rovina o in una prigione simile. Dunque, come poteva essere consentito l’uso della violenza proprio nel luogo destinato ad arginarla?

I personaggi principali di questa storia sono le due voci narranti. Queste due si svolgono su due piani inizialmente simili ma principalmente diversi e divisi. Procedono anche in maniera inversa: inizialmente odierete Serina e il suo modo di fare e apprezzerete sicuramente più Nomi ma andando avanti nel corso della lettura apprezzerete il cambiamento di Serina che avrà all’interno di Monte Rovina e Nomi si manterrà su un piano abbastanza normale. Ci saranno anche altri personaggi ma vi parlerò delle nostre due protagoniste principali.
Nomi è una ragazza sveglia, intelligente e ribelle. Non gli è mai piaciuto starsene al suo posto e non sopporta come la sorella abbia dedicato la sua vita per diventare Grazia e stare al servizio degli altri pensando solo ad essere ben vestita e di bella presenza, annuendo a testa bassa e senza dire la propria opinione. E’ una ragazza che neanche davanti all’Erede e al Supremo si piega, nulla riesce a piegare il suo animo e il suo spirito. Infatti ha imparato a leggere da suo fratello Renzo anche se è severamente proibito alle donne del loro paese.

Serina è una ragazza devota alla sua famiglia ma sopratutto al suo popolo. Lei è chiusa ma cambierà il suo modo di essere non appena sua sorella verrà nominata Grazia dell’Erede e lei è costretta a proteggerla quando trovano un libro nella sua stanza, condivisa con Nomi. Serina si sente comunque in dovere si difendere sua sorella e prende lei la colpa, venendo condannata a passare il resto dei suoi giorni sull’isola di Monte Rovina. Lì le donne sono costrette a sopravvivere in gruppi e vengono messe uno contro l’altra a combattere in un’arena per vincere una razione in più rispetto alle altre.

Con un’ondata di nausea, Serina pensò a Nomi e al suo segreto, al suo rifiuto di sottomettersi. Per quale altro motivo l’avrebbe desiderata Malachi, se non per piegare il suo spirito? Serina era stata troppo docile, troppo obbediente. Era stata educata per esserlo. Una furia e un terrore mai provati prima la travolsero con la forza di un maremoto. Guardò verso l’oceano, il suo bagliore distante appena visibile attraverso gli alberi. Sua sorella era confinata in una prigione fatta di sete e pizzi, a soffrire per mano dell’Erede. Contro la sua volontà. In quel preciso istante, Serina fece una scelta. Monte Rovina non l’avrebbe piegata. E sicuro come il fuoco che divorava l’isola dall’interno, non avrebbe permesso che l’Erede piegasse Nomi. Sarebbe fuggita. In un modo o nell’altro sarebbe fuggita. E avrebbe salvato sua sorella.

Selene by DanielleFiore

Il perno centrale è il femminismo che in questa storia è davvero preponderante. La storia introduce tematiche che la gente, in alcune culture e alcuni paesi vivono tutt’ora. Come ad esempio che le donne siano inutili praticamente per tutto tranne che per servire ed essere considerate come un oggetto. In questo libro infatti le donne non possono leggere, devono portare i capelli lunghi e devono parlare solo se interpellate. Un libro sulla forza delle donne e sulla ribellione che da esse scaturisce.

Lo stile utilizzato è stato molto semplice e fluido. Nonostante in alcuni punti non accadessero cose esorbitanti o non ci siano plot twist evidenti – ma molto radi – la storia è stata molto bella e interessante. Primo di una serie fantasy, questo libro vi trascinerà in un mondo da cui non vorrete più uscire, ve l’assicuro.

Non ho apprezzato particolarmente solo una cosa che è quella che ha fatto il modo che la mia valutazione passasse da cinque, ovvero il massimo, a quattro e mezzo. La storia, sia per quanto riguarda Nomi che quanto riguarda Serina prende una piega – come dire … – amorosa. E’ quest’infatuazione, sopratutto nel caso di Serina è davvero fuorviante e inutile sotto tutti i punti di vista. Di sicuro avrebbe reso meglio se se la fosse cavata da sola o comunque non serve per forza la parentesi amorosa, basta a volte anche “un’amicizia” o un escamotage differente. Nel caso di Nomi la situazione amorosa è più che giustificata ma il lato di Serina – almeno sotto questo punto di vista – per me è un NO.

«In tutti i racconti, le donne rinunciano a ogni cosa» disse Maris, con voce tesa. «Dobbiamo cedere, sempre. Nessuno pensa che potremmo reagire. Perché credi che sia così?» Nomi pensò alla regina Baccaro e alle sue figlie, tradite dai loro stessi consiglieri uomini e cancellate dalla storia. Pensò alla lettera nascosta nella sua stanza. A voce bassa, sapendo di camminare su una corda sospesa sul vuoto, mormorò: «Perché hanno paura di quello che accadrà quando lo faremo».

Il libro è stato davvero molto bello e decisamente significativo sotto molti aspetti. Sono felice che sia stato mandato un messaggio e abbia risaltato all’interno del libro mantenendosi tale per tutto il tempo. Consiglio questo libro agli amanti dei fantasy e non, un libro che apprezzerete.

Tracy Banghart scrive un fantasy che intriga e affascina il lettore con il messaggio. La storia di due sorelle legate da un destino che le separa e le mette in difficoltà passo dopo passo. Nomi e Serina sono due personaggi particolari e originali narrati da una penna davvero unica.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo


Seguite le altre tappe qui, vi aspettano:

33469222_1367381583363085_764534183329529856_o


Vuoi acquistare Iron Flowers e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Iron Flowers o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se leggerete questo libro. Vi piace?
A presto,
Sara

Annunci

SEGNALAZIONE #73 – GRIMACE DI CHIARA ORLANDO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Eccomi qui con una nuova segnalazione per voi! E’ venerdì e come sempre vi propongo delle nuove letture che spero vi interessino. Vi abbraccio e vi lascio al libro. Ecco qui:

Risultati immagini per grimace chiara orlandoTitolo: Grimace
Autore: Chiara Orlando
Editore: Genesis Publishing
Genere: Urban Fantasy
Prezzo ebook: €3,99 ( disponibile in tutti gli store online)
Prezzo cartaceo: € 10,60
Data pubblicazione: 7 aprile 2018
Pagine: 220
Serie: The Crow Series

Trama: Blair Sharp è una giovane donna disoccupata dal carattere difficile. Pigra, immatura e annoiata dalla vita, non ha grandi ambizioni lavorative nonostante la sua migliore amica, Tess – modella e attrice di successo con uno stuolo di favolosi ammiratori –, cerchi sempre di spronarla e aiutarla come può. Proprio per agevolare la sua ricerca di lavoro, le fa fare un provino per il ruolo di comparsa nel telefilm in cui recita.
Quello che sarebbe dovuto essere il giorno del cambiamento, dà invece inizio a una serie di pericolose situazioni. Blair verrà presto catapultata in una realtà inquietante popolata da creature fiabesche e oscure. Dovrà vedersela con un fastidioso coinquilino “spettrale”, un potente Principe dei Vampiri intenzionato a completare la propria anima, un lupo mannaro dal cuore infranto e, probabilmente, anche con la Morte
stessa.

Risultati immagini per grimace chiara orlandoBiografia autore
CHIARA ORLANDO n asce a Torino nel 1990 e si diploma al liceo Socio-psico- pedagogico. Attualmente studia Storia all’Università di Torino. Nel tempo libero fa la volontaria presso L’associazione Onlus “L’Isola Che Non C’è”,
che offre momenti di svago a ragazzi disabili. Ama leggere e i suoi generi preferiti sono il fantasy e il romance storico. Pubblica il suo primo romanzo, Il Giullare, nel 2013, seguito da Ikanos la Gazza – La corona spezzata e Amore, musica e confetti.
Grimace è il romanzo d’esordio per la Genesis Publishing e primo volume della trilogia urban fantasy The Crow Series.
Link editore: http://www.thegenesispublishing.com/grimace
Pagina autrice: https://www.facebook.com/chiaraorlandoscrittrice/


ESTRATTO:

Risultati immagini per grimace chiara orlando


Cosa ne pensate? Io lo trovo interessante! 🙂 Vi aspetto con tante opinioni!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #173 – IL TEMPO DEI MAGHI DI CRESSIDA COWELL.

BUON POMERIGGIO BELLE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Spero bene! Oggi vi porto una nuova recensione. Preparatevi perchè nella prossima settimana ce ne saranno delle altre e non vedo l’ora i conoscere i vostri pareri e le vostre opinioni al riguardo. Un libro per bambini e giovani ragazzi edito Rizzoli, che ringrazio per avermi permesso la lettura! Ecco qui di cosa sto parlando:

il_tempo_dei_maghiTitolo: Il tempo dei maghi
Autore: Cressida Cowell 
Editore: Rizzoli
Genere: Fantasy
Pagine: 387
Data di uscita: 20 Marzo 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2HiSmPG
Trama: In un’epoca molto lontana, I Guerrieri decisero di estirpare dal mondo la magia, sterminando prima le Streghe, depositarie della Magia Nera, e poi giurando guerra al Maghi e a tutte le altre creature di Magia Buona. I due fronti vivono ora separati nelle loro roccaforti, ma lo scontro prosegue senza esclusione dl colpi. Xar, 12 anni, è figlio di Encanzo, re dei Maghi, ma a differenza del fratello maggiore Looter, non mostra ancora di possedere poteri, però ha molto coraggio. Seguito da un gruppo di creature fatate, entra nella foresta proibita a caccia di una Strega che, convinto, si nasconde lì dentro. Ma il piano dl cattura non funziona e la trappola che prepara imprigiona Invece Desideria, sua coetanea, figlia della Regina dei Guerrieri, goffa e pasticciona, proprio come lui.
 

RECENSIONE

Risultati immagini per cressida cowell libri the wizard of onceUna volta c’era la magia, molto molto tempo fa in una piccola isola Britannica. Su quest’isola ci sono i Maghi che ci vivono da sempre, con spiriti, fate, giganti … e ci sono i Guerrieri, abili conquistatori e coloro che hanno ucciso tutte le Streghe con il ferro, perché il Ferro indebolisce la Magia. Tutti sono convinti che siano estinte ma non è così, le Streghe son tornate!

Xar è il secondogenito di Encanzo, Re dei Maghi senza magia mentre Desideria è figlia della Regina dei Guerrieri, si incontreranno per puro caso e si ritroveranno a collaborare per sopravvivere e per sconfiggere le streghe.

Cosa succederà a Xar? Troverà la sua magia? Desideria riuscirà a farsi valere agli occhi di sua madre? Collaboreranno e riusciranno nell’intento i due protagonisti?

Desideria e Stiletto distolsero lo sguardo perchè Xar, colui-che-non-piangeva-mai, stava piangendo. In cuor suo, Xar sapeva che non poteva incolpare Desideria e Stiletto per quel che era successo. Provava un gran senso di colpa, schifoso e disperante. Era tutta colpa sua. Spremucco si era fidato di lui. Se non fosse riuscito a salvarlo non se lo sarebbe mai perdonato.

La trama mi piace molto anche se non è la stessa che troverete sul libro cartaceo in se. Questa è quella di Amazon, la quale ho notato che riportava i nomi dei protagonisti scritti in inglese, o probabilmente nella versione originale. Non si distanziano di molto, ma sono differenti. Per il resto nulla da dire, ben scritta e sicuramente rappresentativa del libro in questione.

La copertina è molto molto bella e non dimenticatevi di scoprire il libro della sua sovraccoperta per scoprire cosa c’è sotto. Sono davvero felice dell’edizione che è uscita in Italia perché è davvero una meraviglia per il lettore. Inoltre è stata lasciata come l’originale quindi non possiamo lamentarci. Il titolo era originariamente The Wizard of Once ovvero approssimativamente “Il mago di una volta” ma penso sia sicuramente meglio l’adattamento italiano, non credete?

L’ambientazione è, appunto, una piccola isola britannica in cui si trova la foresta dei Maghi e la zona dei Guerrieri, dove c’è il forte dei Guerrieri di Sychorax, mentre l’epoca è indefinita.

E mentre si libravano gloriosamente e spericolatamente sopra le cime degli alberi, seduti sulla scardinata porta volante e col vento notturno nei capelli, Stiletto scoprì sbalordito che si rilassava e assecondava i movimenti della porta poteva gridare di gioia insieme agli altri. Suo padre si sarebbe meravigliato (e non sarebbe stato molto felice) se lo avesse visto in quel momento. E’ questo il problema delle avventure. Portano a galla quelle parti di noi che non sapevamo di avere.

Risultati immagini per cressida cowell libri the wizard of onceI personaggi sono diversi ma trovo doveroso di dovervi parlare dei due protagonisti principali di questa storia, che la costruiscono e la plasmano sotto diversi punti di vista.

Xar è un giovane piccolo mago che non ha la magia. E’ figlio del Re dei maghi, Encanzo ed ha un fratello più grande che lo maltratta. Xar, nonostante non sia un mago vero e proprio ha coraggio da vendere e cerca, per questo, di stare sempre al centro dell’attenzione. Neanche gli amici gli mancano, ha tante creature che seppur strane e di dubbia utilità, sono uniche e lo aiuteranno nel corso della storia. 

Desideria è figlia della Regina dei Guerrieri, acerrimi nemici da sempre dei Maghi. Infatti, tanti anni prima i Guerrieri hanno ucciso tutte le streghe, o almeno così credevano. Desideria è imbranata, ha sempre i capelli fuori posto e non ne combina mai una giusta. Infatti anche sua madre non la tiene in considerazione come dovrebbe. E’, senza dubbio, una ragazzina coraggiosa e piena di sorprese.

Una volta ascoltato il Canto della Magia Perduta non lo si dimentica più. Oltre al groviglio di emozioni che evocava – disperazione, speranza, dolore -, dava la possibilità ai prigionieri di ricreare il mondo Magico e i poteri che avevano capito di possedere nel momento in cui li avevano persi; così quel canto che echeggiava lungo i corridoi ripetendosi e riflettendosi creava un dedalo di suoni ed emozioni e scelte morali confuso e sconvolgente tanto quanto il labirinto fisico. “Abbiamo fatto bene? Abbiamo sbagliato?” diceva la canzone. “Cos’abbiamo perduto? Ma avevamo altra scelta?” E quelle parole si confondevano con altri canti che raccontavano la bellezza del Bosco Selvaggio a mezzanotte, quando solo gli occhi della magia potevano vedere;

Risultati immagini per cressida cowell libri the wizard of onceIl perno centrale di questa storia sono le Streghe e il loro ritorno, che costringeranno i nostri due piccoli eroi, che dovrebbero odiarsi fra loro, ad unirsi e a fare squadra in modo da poter sconfiggere le Streghe.

Lo stile utilizzato è piuttosto semplice e basilare. Essendo una storia per bambini e ragazzi è facile immaginarlo, ma ciò che rende tutto davvero davvero bello sono le illustrazioni e le immagini che circondano il libro in tutto il suo essere. Nonostante esse siano abbastanza macabre come immagini, quasi sul genere “Tim Burton” e non le classiche immagini, rendono la storia decisamente particolare. Sono quelli che ho utilizzato anche all’interno della recensione e provengono dal libro stesso. Non mancano i messaggi, ovvero che a volte le persone più inaspettate sono quelle che saranno nostre amiche o quanto sia importante sia la fiducia che l’amicizia.

La storia non mi ha convinto pienamente. Non che non fosse sufficiente o che non ci siano le giuste qualità ma nonostante sia il genere che preferisco e nonostante abbia trovato delle piccole perle ultimamente nelle storie per bambini e ragazzi, la storia è sembrata piuttosto standard. I due nemici che si incontrano e si aiutano, cercano di combattere il male,si ribellano con i loro stessi genitori e combattono il “cattivo di turno” non ho trovato qualcosa che mi facesse dire “Si, questo è un signor libro“. Una storia semplice ma poco efficace e le illustrazioni sono di sicuro un punto di forza che rafforzano tutto.

«Non è la pietra!» trasalì Desideria. «C’è qualcosa all’interno!» Ci fu un lampo di un colore sfolgorante e quando la vista di Desideria si fu adattata alla luce… Si accorse che stava fissando l’occhio di un enorme Strega raggomitolata dentro la pietra, con le gambe piegate sotto di sé come una gigantesca cavalletta nera.

Il libro è stato semplice ma sommariamente carino. Nonostante sia per bambini non mi ha comunque comunicato ciò che avrei voluto. Probabilmente è soggettivo ma sembra sommariamente stereotipata.

Cressida Cowell scrive una storia per bambini e per ragazzi fra Maghi e Guerrieri, un’avventura all’insegna dell’amicizia e della fiducia inaspettata fra acerrimi nemici. La prima avventura di una serie decisamente particolare.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene.

Senza titolo-3 (2)


Vuoi acquistare Il tempo dei maghi e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Il tempo dei maghi o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se avete letto questo libro o se lo leggerete e cosa ne pensate!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #172 – LA RAGAZZA DI STELLE E INCHIOSTRO DI KIRAN MILLWOOD HARGRAVE.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E buon giovedì! Come avete passato la festa della liberazione? Io sono stata a casa con un bel po’ di mal di schiena per via della palestra che ultimamente sto facendo parecchie ore quando vado in vista della preparazione del saggio. Quindi stiamo proprio sotto torchio. Per alleggerire me e sopratutto voi, vi lascio una delle mie letture di questa settimana che spero vi piaccia! Ringrazio la Mondadori Ragazzi per avermi permesso la lettura di questo volume, ecco qui che ve ne parlo:

download (1)
Titolo: La ragazza di stelle e inchiostro
Autore: Kiran Millwood Hargrave
Genere: Fantasy
Data di uscita: 20 Febbraio 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2Hrqepz
Trama: Cosa c’è oltre la foresta? Chi abita i Territori Dimenticati? Isabella, figlia del cartografo che ha mappato la misteriosa isola di Joya fin dove lo spietato governatore Adori permette di esplorarla, sogna di poter disegnare su una cartina la risposta a queste domande. Così quando Lupe, la sua migliore amica nonché figlia del governatore, sparisce proprio in quei territori, è Isabella a guidare la spedizione di ricerca. Le mappe di famiglia la guidano attraverso villaggi deserti, nere foreste e fiumi prosciugati, e le stelle che suo padre le ha insegnato a osservare la accompagnano dall’alto. Ma il vero pericolo del suo viaggio appare presto chiaro: nelle viscere bollenti della terra Yote, un demone di fuoco, si sta risvegliando…

RECENSIONE

Risultati immagini per the girl of ink and starLa storia ha inizio una mattina come tante altre. Isabella si sveglia e nell’aria c’è odore di porridge bruciato, quello che prepara ogni mattina suo padre, che lei chiama e che è il cartografo dell’isola di Joya. Si prepara per il primo giorno di scuola, come tutti gli anni ma quando si incontra con Lupe, sua egocentrica migliore amica e figlia del Governatore di Gromera, il paese dove vivono, ed entrambe arrivano davanti all’istituto vengono avvisate che la scuola sarà rimandata di qualche giorno. Il Governatore le carica sulla sua carrozza e le riporta a casa ma non riescono a comprenderne il motivo. Qualcosa di orribile è accaduto in paese.

A Gromera tutto funziona sotto il comando del Governatore che non permette a nessun abitante del villaggio di uscire dal paese e di inoltrasi nelle Terre Dimenticate dove vivono gli Esiliati, ma Isa sogna sempre di poter esplorare quei posti per essere sicura che la vecchia mappa ereditata da Mà e quelle di suo padre siano effettivamente vere. Fin quando questo non si avvera, perchè in seguito a ciò che succede in paese e in seguito alla sparizione di Lupe, Isa si mette in viaggio per ritrovarla.

Cosa succederà alla nostra protagonista? Cosa troverà nelle Terre Dimenticate? Sono pericolose? Quanto c’è di vero delle storie che suo padre le racconta?

Me lo ricordavo quel male alla pancia. Mi tornò due mesi dopo, quando Ma’ morì. Soltanto allora fu più acuto, e non c’era nessuno a portarmi fuori dall’oscurità. Tre anni dopo, la stessa malattia del sudore si portò via Gabo. A tre anni di distanza, al ricordo della miniera di argilla sentivo ancora una stretta allo stomaco.

La trama è ben scritta e rappresentativa del libro anche se per metà. Dice che Lupe sparisce ma non ciò che succede in paese ne del perché Lupe sia svanita. Inoltre avrei evitato di inserire le ultime due righe per evitare spoiler che sono troppo avanti con la storia. Infatti ricordo che quando ho richiesto in recensione il libro, di trama lessi solo l’inizio, come faccio di mio solito. Non mi fido molto e non vorrei incappare in spoiler. Qui lo spoiler non è poi troppo evidente ne palese ma annuncia una cosa che avviene a più della metà del libro e avrei evitato di aggiungerla, ecco.

La copertina e il titolo, il Signore sia lodato, non si sono discostate dall’originale. La copertina è esattamente la stessa, il titolo è stato semplicemente tradotto essendo The Girl of Ink and Stars. Quindi devo ammettere di essere rimasta completamente soddisfatta dalla cosa. La Mondadori raramente delude su questo, e meno male.

L’ambientazione è l’isola di Joya. Inizialmente tutto si concentra a Gromera, il piccolo villaggio dove Isa è cresciuta, poi ci sposteremo all’interno delle Terre Dimenticate e gli altri villaggi, il Labirinto e la Cascata. Scopriremo assieme a Isa tutta Joya. L’epoca all’interno del romanzo è sicuramente indefinita ma per come vivono gli abitanti all’interno del villaggio direi quasi medioevo. Ma ovviamente è tutto molto approssimativo.

«Anche tu prenderesti il posto di tua madre, o no?» «Non è la stessa cosa…» «E’ esattamente la stessa cosa. Come quando sei andato a lavorare nei campi al posto suo». Si bloccò per un attimo. «Si, ma io sono un uomo». «Sei un ragazzo. E comunque cosa c’entra? Anche le ragazze possono fare cose avventurose». «Hai mai sentito di una ragazza che l’abbia fatto?» Arrossii nel buio. Ne conoscevo soltanto una. «Arinta».

Risultati immagini per la notte stellata gifI personaggi all’interno della struttura del libro sono diversi ma sicuramente quello che troverete più approfondito è quello della protagonista e quello della sua amica Lupe, che per quanto poco la vedremo sarà fondamentale e si distinguerà per carisma e determinazione da suo padre, il Governatore. Il padre di Isa, Pa’, sarà un altro punto fermo nella vita della protagonista per il suo lavoro e per le sue storie ma lo saranno anche sua Madre Ma’ e suo fratello Gabo, che anche se non ci sono più lei li sente dentro ogni minuto della sua vita.

Isa è una ragazzina sveglia e intelligente. Ama le stelle e l’inchiostro con cui suo padre disegna le mappe. E un giorno vuole disegnarne anche lei. Sogna di esplorare le terre che circondano Gromera e vorrebbe essere coraggiosa come Arinta, la ragazza della leggenda del suo paese. Adora gli animali, tra cui la sua gallina Miss La e Pep.

Lupe è la figlia del Governatore di Gromera ma nonostante suo padre sia abbastanza schizzinoso nei confronti del suo popolo e sia un despota, sua figlia è molto diversa sebbene sembri molto egocentrica. E’ ingenua e non vede a due palmi dal suo viso. Si fida di suo padre e di sua madre ma adora Isa, che è la sua migliore amica.

‘Vedo che hai dei dubbi, Isa, ma io ci credo. Credo che quella barca non fosse di questa terra o, almeno, non fosse della terra degli umani. L’isola la diede al nonno e l’isola se l’è ripresa. Tutte le cose hanno un ciclo, Isabella, la tendenza a tornare da dove sono venute. Le stagioni, l’acqua, la vita, forse perfino gli alberi. Non sempre si ha bisogno di una mappa per trovare la strada del ritorno. Anche se spesso aiuta. Ora, tu cosa credi?’

Risultati immagini per gif stelle e inchiostroIl perno centrale è Isabella stessa. Sono le stelle e l’inchiostro e sono le mappe di suo padre, che più di ogni altra cosa la richiamano all’avventura verso le Terre Dimenticate di Joya alla ricerca della sua migliore amica. Una storia sui valori della famiglia e dell’amicizia ma anche sul coraggio.

Lo stile utilizzato è stato abbastanza scorrevole e veloce. E’ scritto in prima persona dal punto di vista di Isa ed è assolutamente unico in fattore di scenario e di World Building. L’isola di Joya è davvero ben strutturata e le mappe/cartine del padre vi faranno senz’altro sognare, su questo non c’è dubbio. Isa mi ha ricordato molto Vaiana di Oceania per gli animali che la circondano e per il fatto dell’isola stessa. E’ molto particolare ed è una delle prime cose che mi è venuta in mente, non so.

L’unica cosa che ho trovato carente all’interno del libro è stata la posizione di Isa verso le cose e le altre persone. L’avventura e il contesto erano piuttosto chiari e ben scritti ma i sentimenti, talvolta, erano sottintesi. Il sentimento per Lupe, specialmente nelle battute finali, sembra essere flebile e poco presente nonostante lei sia parte fondamentale della sua vita. La cosa viene però ripresa nell’epilogo quindi è calante al momento d’impatto, quando le cose accadono ma tutto si riprende in un secondo momento. Questo l’ho trovato giusto per un verso e sbagliato in un altro quindi almeno questo non influenza molto il mio giudizio.

Invece, questo che sto per scrivervi, l’influenza un pochino. Quando Isa si riprende (scusate se sono molto vaga ma non posso fare spoiler) sembra come se nulla sia accaduto anche se era quasi sul punto di affogare. Ma si, dopo tutto ciò che è accaduto e che era sul punto di affogare e che … (tutto il resto) lei si alza e fa tutto come se niente fosse. Possibile? Non tantissimo.

“Ecco cosa fa un cartografo. Noi diamo vita alle mappe. La tua stanza dovrebbe trasmettere l’essenza della casa. Dovresti poterla guardare non come una stanza qualsiasi, ma come la tua stanza, quella dove hai trascorso l’infanzia. I cartografi tracciano mappe di luoghi dove magari sono stati anni prima. Anche qui, a Joya, io potrei disegnare una mappa dell’Afrik che ti farebbe girare la testa per quanto è forte l’odore di incenso nei mercati. La mia mappa del Circolo dei Ghiacci ti costringerebbe a mettere le calze di lana e scappare a gambe levate dall’orso bianco! Be’, quasi…”

Il libro è stato dolce e unico nel suo genere. Essendo molto piccolo è veloce da leggere ma vi assicuro che difficilmente riuscirete a staccare gli occhi dal volume.

Kiran Millwood Hargrave scrive una storia tenera, piena di amicizia e coraggio. Una storia in cui la figlia di un cartografo, una ragazza come tanti altri ma piena di coraggio e lealtà verso suo padre, la sua amicizia e la sua terra, prende le redini della situazione e si getta in un’avventura davvero grandiosa. E tu, cosa saresti disposto a fare per salvare le persone che ami di più al mondo?

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo


Vuoi acquistare e sostenere il Blog? Acquista da Qui: La ragazza di stelle e inchiostro o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se avete letto questo libro o se lo leggerete e cosa ne pensate!

A presto,

Sara ©

#SHARINGBOOKS – FANTASY

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io oggi torno con l’iniziativa del blog Vuoi conoscere un casino?

L’evento si chiama #sharingbooks e ha l’obiettivo di far conoscere il maggior numero di libri possibile a un pubblico il più vasto possibile. Per un mese, ogni lunedì verrà scelto un tema e tutti i post della settimana dovranno riguardare quell’argomento: dovranno essere scelti tre libri ed una citazione tratta da uno di questi (e legata al topic della settimana). Poi si dovranno taggare tre persone, inserendo l’hashtag dell’evento e il link rimandante al sito organizzatore (che trovate qua ).

Le tre persone taggate dovranno (se vogliono) a loro volta pubblicare un post con la stessa struttura. In ogni articolo uno dei libri dovrà essere ripreso dal post della persona che vi ha taggato, mentre gli altri due dovrete aggiungerli voi.

L’evento è iniziata lunedì 2 aprile, e terminerà il 29 aprile.


Il tema di oggi è: FANTASY

PS: Premetto che cene sono tantissimi che mi sentirei di consigliarvi ma non posso metterli qui tutti quindi ne scelgo tre fra i tanti. Sappiate che per me è difficilissimo fare questa scelta.


divergent_book_by_veronica_roth_us_hardcover_2011

Porto nel cuore Divergent di Veronica Roth edito DeAgostini. Questa è una saga che mi ha lacerato dall’interno e non posso non consigliarvela se non l’avete ancora letta. Un fantasy ambientato in una Chicago del futuro che stravolge sia per il funzionamento della società che per i suoi personaggi e la sua storia. La mia recensione: QUI

Ecco qui la citazione:

Ora mi domando se abbiamo tutti davvero bisogno di queste parole – Intrepidi, Eruditi, Divergenti, Alleanti – o se possiamo semplicemente essere amici, amanti, fratelli e sorelle, e definirci solo in base alle scelte che facciamo e all’amore e alla lealtà che ci lega.


The Midnight Sea - promo

Adesso facciamo un salto nel passato. Vi porto una saga travolgente ambientata nell’antica Persia, Midnight Sea di Kat Ross. Il primo volume è stato portato in Italia l’anno scorso ed anche il secondo è arrivato. Il terzo dovrebbe arrivare a breve. Una storia misteriosa con poteri, Daeva e Druj. La mia recensione: QUI

Ecco la citazione:

«Basta. Quello che dici non ha alcun senso, Darius.» «Darei ogni cosa per essere come te», replicò. «Per essere un buono. Ma sono un Druj. E mi piacerebbe che la smettessi di far finta del contrario.» «Sono dei bugiardi!» gridai, non curandomi di chi avrebbe potuto sentirmi. «Forse hanno mentito anche su altre cose. Forse hanno mentito su tutto!» «So cosa sono. Prendi il potere, Nazafareen. Non lo voglio.» «No.»

 


9788851140335_fa1cadc9fd788d4ae551658b5dbab6d2

Shadow Magic di Joshua Khan è un’altra saga che sto amando sempre più. Nonostante sia una storia più per ragazzi, è una storia davvero unica nel suo genere e piena di mistero e magia. Potenti regni della Luce e dell’Ombra. Una principessa salita al trono troppo presto e uno scudiero improvvisato a cavallo di un pipistrello. Una saga che amerete. La mia recensione: QUI

Ecco la citazione:

«Eserciti di non-morti? Questo è male.» «Davvero? A me sembra che gli eserciti di vivi siano peggio. Pensaci. Figli, padri e fratelli che partono per la guerra e forse moriranno, forse perderanno un braccio o una gamba. Che cosa ne sarà delle loro famiglie a casa, senza nessuno che semini o che si occupi del raccolto? Non conosceranno che fame e miseria. Perfino quelli che sopravvivono non sono più gli stessi. La guerra sfinisce gli animi.» Wayland indicò il cimitero. «Uno zombie non prova dolore. Ha già lasciato questo mondo. Nessuno fa assegnamento sul suo ritorno a casa, no? Una volta c’era una legge per cui potevi prestare servizio nell’esercito fino a dieci anni dopo la tua morte.»


Ecco! Questa settimana nomino i stessi della volta precedente così che possano continuare:


Cosa ve ne pare? Spero che le mie scelte vi piacciono. 

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #68 – L’EREDITA’ DELLA SPADA E LA SPIA E IL GUARITORE DI CRISTINA AZZALI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Ed eccoci in un altro venerdì pieno di letture. Come sempre vi porto una segnalazione e stavolta ritengo che il libro sia davvero interessante. Ringrazio l’autrice per la cortesia e per avermi scritto. Sono entusiasta di parlare del suo libro. Eccolo qui:

Risultati immagini per Cristina AzzaliTitolo: L’eredità della spada
Serie: L’eredità della spada – Vol. I
Autrice: Cristina Azzali
Genere: fantasy
Casa editrice: SensoInverso Edizioni
Uscita: Settembre 2015
Formato: cartaceo, ebook
Pagine: 630
Trama: Il giovane Arthur Dalen ha un unico desiderio: seguire le orme del defunto padre e diventare un cavaliere. Il suo sogno lo porterà a scegliere tra un’esistenza sicura, ma monotona, e un’avventura piena di insidie e incognite; a sfidare il volere della famiglia e ad esplorare il continente di Eryon, in compagnia di tre misteriosi viandanti. Tra duelli, tornei e inseguimenti nei boschi, Arthur sarà chiamato a mettere alla prova tutto il proprio coraggio e la propria determinazione, per trovare finalmente un posto nel mondo e plasmare il suo futuro.

Link acquisto: QUI

ESTRATTO

Era una notte piuttosto temperata per il mese di Marzo, con la luna ridotta a uno spicchio opaco, stagliato sul limpido cielo; la temperatura si era abbassata di pochi gradi appena rispetto al giorno e non tirava vento. Tuttavia, Lenya Dalen voleva che il camino nella sua casa restasse acceso, quasi che la sua luce rossastra e rassicurante potesse proteggere quelle mura dal buio e dagli oscuri presagi che incombevano all’esterno.

“L’eredità della spada” – Prologo

Risultati immagini per Cristina Azzali


Titolo: La spia e il guaritore
Serie: L’eredità della spada – Vol. II
Autrice: Cristina Azzali
Genere: fantasy
Casa editrice: SensoInverso Edizioni
Uscita: Settembre 2017
Formato: cartaceo, ebook
Pagine: 462
Trama: Una notte di tempesta. Una corsa contro il tempo. La vita di un cavaliere appesa a un filo. L’agguato subito dal giovane Arthur si abbatte come un fulmine improvviso sul gruppo dei viandanti, sconvolgendone dinamiche e piani. La missione incombe, ora impossibile da rimandare. Cedere ai sensi di colpa sarà rischioso, poiché ad attenderli c’è un viaggio avventuroso verso l’assolata Vhalesia; qui, Gwinneth e gli altri dovranno stringere nuove, curiose alleanze, muovendosi con cautela nel dominio di un avversario insidioso e potente. Un gioco fatto di astuzie, sotterfugi e inganni, che potrebbe mutare le sorti dell’intero Continente.

Link acquisto: QUI

ESTRATTO

Fu quando, dopo una notte penosamente trascorsa a lottare contro una violenta tosse, sul guanciale di seta del sovrano furono trovate delle tracce di sangue, che Wilbur, Wilfred e Yorick Balfour compresero che al padre non sarebbe rimasto molto da vivere. Nonostante la crescente preoccupazione dei medici e dei figli, Re Wynstan rifiutò di sottoporsi a qualsiasi cura gli venisse proposta, poiché ogni rimedio prevedeva un elemento che nessun reggente avrebbe mai potuto permettersi, nemmeno alla veneranda età di ottantadue anni: il riposo. Nulla pareva capace di farlo ricredere, né gli accessi di tosse che gli squassavano le membra, riducendolo spesso sulle ginocchia, né le notti insonni, quando il dolore lo assaliva con spaventosa ferocia, lasciandolo solo a lottare contro la bestia che sentiva agitarsi nel petto, mordendo e lacerando le sue carni infuocate. Le urla strazianti, le imprecazioni e le preghiere, i gemiti convulsi emessi quando si affannava per trovare un po’ d’aria appartenevano al buio, all’intimità dei suoi appartamenti, non potevano trovare posto nelle vaste e sfarzose sale del suo palazzo, accompagnarlo nell’adempimento dei suoi doveri di re, né, tantomeno, agitarsi nei pensieri e sulle bocche dei suoi sudditi. Tuttavia, malgrado la tenacia con cui le si opponeva, la malattia consumava il suo corpo in maniera lenta ma inesorabile, così come i venti gelidi erodono le cime delle montagne, e finì per abbattere anche il suo spirito.

“La spia e il guaritore” – Capitolo Uno

BIOGRAFIA AUTRICE:

Cristina Azzali è nata nel 1989 e vive a Lazise (VR) con tre gatti: Akira, William Shakespeare e Regan. Coltiva, fin dalla più tenera età, l’amore per la lettura, al quale, nel corso degli anni, si sono affiancate la passione per la storia del cinema e quella per la scrittura. “L’eredità della spada” è il suo romanzo d’esordio, seguito nel 2017 da “La spia e il guaritore”.

Pagina facebook: https://www.facebook.com/ereditadellaspada/


Che ne pensate? Vi piace? A me tantissimo e spero di leggerlo (prima o poi) fra tutto il marasma di libri che ho da leggere. Fatemi sapere!

A presto,

Sara ©

 

BLOGTOUR: U4. KORIDWEN DI YVES GREVET – IL CAST (+ GIVEAWAY).

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui che vi parlo di un nuovo libro e apriamo con un altro bel Blogtour! Siete felici? Io si, perchè aspettavo di leggere questo libro da un po’ di tempo. Ringrazio la Garzanti per averci permesso la lettura e Laura di Anima in Penna per avermi coinvolto. Ecco che ve ne parlo:

27497860_10216247430084783_841778513_nTitoloU4. Koridwen
Autore:  Yves Grevet 
Editore: Garzanti
Genere: Distopico
Data di uscita: 1 marzo 2018
In un mondo colpito da un virus mortale, il destino dell’umanità è in mano a quattro ragazzi
TramaIl mondo è popolato solo da adolescenti dai 15 ai 18 anni. Gli unici sopravvissuti fino ad ora al virus U4. Tra loro Koridwen che vive in una fattoria isolata in Bretagna. La ragazza piano piano da sola prova a rimettere in piedi la sua vita. Fino al giorno in cui tutto cambia. Fino al giorno in cui scopre di essere la prescelta per fermare il virus nella sua corsa mortale. Koridwen non capisce perché abbiano pensato proprio a lei. Ma non può non rispondere all’appello di quel messaggio misterioso: deve trovarsi il 24 dicembre a mezzanotte sotto l’orologio più antico di Parigi. Koridwen ha paura, eppure sa che c’è un’unica cosa che può darle la forza per affrontare il suo destino: il ciondolo che sua nonna le ha regalato che si rivelerà un fondamentale talismano. Quello che trova arrivata nella capitale francese è una realtà totalmente nel caos: il cibo scarseggia, le comunicazioni sono impossibili, non c’è elettricità e i monumenti più importanti della città come la Torre Eiffel, l’Arco di trionfo e il Sacro Cuore vengono presi d’assalto. Koridwen deve fare di tutto per proteggere la sua vita e raggiungere il luogo dell’appuntamento. Ma non è sola. Con lei altri tre ragazzi che come lei sono i prescelti: Jules che ha tra le mani segreti che non può svelare; Stephane che è convinta che il padre medico non sia morto e Yannis pieno di voglia di vendetta per la morte della sorellina. Tutti insieme sono l’unica salvezza per l’umanità. 
La mia tappa?

Il cast e dream cast.

Parto dal personaggio principale di questa storia e poi continuerò con gli altri personaggi.

KORIDWEN

Risultati immagini per Rose Leslie

Protagonista principale di questa storia, è una ragazza che si ritrova in qualcosa più grande di lei. Ecco lei è stata, almeno per me, un personaggio molto enigmatico. E’ fragile ma allo stesso tempo forte e riesce in tutto quello che fa, motivo per cui mi porta a non sopportare molto questo personaggio.
L’attrice in cui vedrei bene questo personaggio è sicuramente Rose Leslie. Non seguo GOT ma so che quest’attrice ha una parte molto forte nella serie e la trovo somigliante al protagonista di U4. Koridwen, sopratutto per i tratti fisici.

MAX

Risultati immagini per Ansel ElgortSarà la spalla di Koridwen per tutto il nostro viaggio durante il libro. In certi momenti sarà più assente di altri ma è sicuramente un personaggio da non sottovalutare. Chi è Max? E’ il cugino di Koridwen che lei non esita a salvare dalle grinfie di gente malvagia. E’ un ragazzo molto particolare e soffre di disturbi che definirei quasi autistici anche se non viene specificato e non posso dirlo con sicurezza.
L’attore in cui lo vedo bene è Ansel Elgort, attore che abbiamo trovato in Colpa delle Stelle, Divergent e quant’altro. Non so perchè ma sono sicura che saprebbe interpretarlo davvero bene e l’ho sempre visto con un aria ingenua e tranquilla come quella di questo attore.

JULES

Risultati immagini per Ezra MillerE’ il secondo Esperto di WOT. E’ un tipo che fin da subito ispira fiducia. E questo arriva anche agli occhi di Koridwen. E’ un ragazzo misterioso ma allo stesso tempo un tipo aperto e pronto a tutto. Si fida da subito delle capacità di Koridwene e cerca di aiutarla quanto più gli è possibile.
L’attore che vedo bene nei panni di Jules è Ezra Miller, attore rilevante per i film come Noi siamo Infinito, Animali Fantastici e la Justice League. Ce lo vedo bene perchè quest’attore ha l’aria sia misteriosa che vera allo stesso tempo.

STEPHAN

Immagine correlataTerza Esperta di WOT, Stephan è una ragazza davvero dura. La incontreremo molto avanti nel libro ma non esiterà a dare del filo da torcere a Koridwen. E’ sveglia, determinata e coraggiosa.
La incontreremo, insieme a Yannis, solo dopo il 70% del volume quindi non si può intuire molto di più di quello che vi ho già detto. Spero che ne sapremo di più quando si parlerà del suo volume.
Kaya Scodelario la vedo bene nei suoi panni. Attrice nei film come Maze Runner o Skins, quest’attrice non mi ha mai dato l’aria di una che fosse particolarmente affidabile, una tipa furba e schiva. Quindi ce la vedrei bene nei suoi panni.

YANNIS

Risultati immagini per Dayo OkeniyiQuarto Esperto di WOT, Yannis è il compagno di avventure di Stephan fa la sua comparsa proprio assieme a lei. E’ un tipo chiuso e di poche parole e si fa trascinare dalla giovane Staphan. Si fa ingannare anche da Koridwen per cui non è ne un tipo sveglio ne uno che ha voglia di fare tante storie. Si trova in mezzo a qualcosa più grande di lui e non può fare a meno di giocare assieme agli altri.
L’attore che vedo bene per lui è Dayo Okeniyi che abbiamo trovato in film come Hunger Games o Terminator. Questo personaggio mi ha fatto pensare subito a lui. E’ un attore che ha l’espressione con un viso buono ma che sa il fatto suo, proprio come immagino Yannis.
Insomma, non mi sono fatta mancare nessuno e ho scelto un super cast. Ma, dopotutto è bello sognare, no?! Voi che ne pensate delle scelte?

Eccoci al GIVEAWAY! In palio una copia cartacea di
U4. Koridwen. Dovrete seguire queste semplici regole:
– Seguire tutti i blog del blogtour
– commentare tutte le tappe del blogtour
– mettere mi piace alla pagina Facebook della Garzanti
https://www.facebook.com/garzantilibri/
– condividere almeno una tappa sul proprio profilo Facebook in modalità pubblica

Ecco le altre tappe, mi raccomando, seguitele tutte! Ecco qui:

27583565_1271460592955185_649342125_n


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un bel commentino se vi interessa e se volete leggerlo! Vi aspetto come sempre.

A presto,

Sara ©