RECENSIONE #380 – QUESTO OSCURO DUETTO DI VICTORIA SHWAB.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Finalmente riesco a portarvi la recensione di questo libro di cui, dovete scusarmi il ritardo ma ci sono stati eventi nell’intermezzo e con il lavoro è slittato tutto. Ho letto il primo volume di questo libro in lingua originale e non mi ha convinto davvero del tutto ma sono speranzosa per quanto riguarda il secondo volume. Ringrazio la Giunti editore per avermi permesso la lettura. Ve ne parlo subito: 

downloadTitolo: Questo nostro oscuro duetto
Autore: Victoria Schwab
Genere: Fantasy
Data di uscita: 8 gennaio 2020
Pagine: 413
Link d’acquisto: https://amzn.to/39HMlpQ
TramaNel secondo e ultimo episodio della serie Monsters of Verity torniamo nelle strade infestate dai mostri, tra giochi di potere e nuovi intrighi. – Ma Kate Harker non ha paura dei mostri. Li caccia, li uccide ed è anche brava. Ora Kate vive a Property e combatte. August Flynn, il mostro che bramava di diventare umano, ora vive a Verity e combatte. Le loro strade sono destinate a incontrarsi di nuovo. Così come i loro cuori. Ora, infatti, la guerra è iniziata. I mostri stanno vincendo. E uno nuovo mostro li sta aspettando – uno che si nutre di caos e fa emergere il lato oscuro delle sue vittime. Kate deve tornare a Verity. August dovrà lasciarla tornare.

RECENSIONE

person in black hoodieLa storia riparte qualche tempo dopo la fine del volume precedente. Kate è scappata da Verity e vive ormai a Prosperity, dove è riuscita anche a farsi degli amici. A lei sembra ancora strano tutto ciò che la circonda ma a farle compagnia nella monotonia sono i Mostri che decidono di comparire anche a Prosperity. E’ lì che si metterà a caccia e questa stessa caccia la riporta a Verity, dove August è a capo di una squadra, anche lui a caccia di mostri. Entrambi sembrano essere cambiati ma entrambi combattono per la stessa identica causa. 

Riuscirà August a ritrovare se stesso, tornando quello che voleva essere un umano? Riuscirà Kate ad uscire dal labirinto che la riconduce e la condanna al suo cognome?

Amica. La parola le rimbalzò contro le costole, così forte da lasciarla senza fiato. Perchè lei conosceva un segreto: c’erano due tipi di mostri, quelli che infestavano le strade e quelli che vivevano nella tua mente. Lei era in grado di combattere contro i primi, ma i secondi erano più pericolosi. Erano sempre, sempre un passo avanti a te. Non avevano denti o artigli, non si nutrivano di carne o di sangue o di cuori. Semplicemente, ti ricordavano cosa succede quando apri il tuo cuore a qualcuno.

La trama è semplice e non rivela quasi nulla di ciò che accade se non che i due protagonisti saranno costretti ad incontrarsi nuovamente ma con delle consapevolezze diverse rispetto quanto riguarda il volume precedente. Non è una trama particolarmente interessante ma almeno non spoilera niente e credo sia giusto così.

La copertina è molto bella e riprende il precedente che ho letto quindi direi Top, sicuramente anche se non comprendo la retromarcia della Giunti riguardo le copertine. La prima fu pubblicata con la versione Uk, questo secondo volume con la versione USA ed è stata anche modificata la copertina del primo volume. Comprendete bene però, che chi ha già il primo volume si ritrova con una serie con due copertine che fra loro non ci azzeccano proprio nulla. Un mistero profondo. Il titolo è stato semplicemente riproposto, come l’originale apponendo la traduzione come sottotitolo. Niente di più niente di meno. Forse la scelta migliore in questo caso.

L’ambientazione ha inizio con Prosperity e si ritorna a Verity, la città partorita dalla mente dell’autrice suddivisa fra nord e sud, come nel primo volume in cui la suddivisione si sente davvero poco perchè la città è chiusa ed in quarantena per via dei Mostri che la popolano; l’epoca è indefinita anche se sembra moderna da quel che ne risulta.

«Te lo sto raccontando, no? Ogni tanto qualcuno combina qualche casino. La tensione sale, si commettono degli errori. In questi casi non danno altri esempi. Quando succede, il soldato sparisce e basta. Tra di noi c’è un detto: Soro viene per i cattivi, Ilsa si occupa dei pentiti». Conclusero un altro giro di pista prima che Kate parlasse di nuovo. «E August?» Colin ansimava: «Che cosa vuoi sapere?» «Be’, se Soro raccoglie le anime dei cattivi e Ilsa quelle dei pentiti, August quali raccoglie?» Mony sbuffò: «Quelle di tutti gli altri».

brown violinI personaggi di questa storia sono diversi e ce ne sono di nuovi ma i principali restano comunque coloro su cui ruota tutta la storia. Ci saranno nuovi mostri come Alice, Soro e conosceremo meglio Isla. August e Kate sembrano essere cambiati entrambi.

Kate è più forte, audace, combattiva, la degna figlia di suo padre nonostante abbia una costante paura contro i mostri. E’ una tipa tosta, ha scoperto cosa vuol dire avere degli amici e cerca in August ciò che sperava di aver lasciato quando era andata via da Verity.

August non è più lo stesso da quando Kate è andata via. Sente la voce di suo fratello Leo nella sua mente, non riesce più ad essere il mostro che voleva essere umano ma riesce ad essere solo ciò che effettivamente è: un Sunai. Suona la sua melodia dal violino e cattura le anime, tutte quelle che gli altri non riescono a catturare. E’ un personaggio particolare e fragile, forse molto di più di quanto non lo sia Kate.

«Una volta ti ho odiato disse lei all’improvviso». August alzò la testa di scatto. «Come?» «Quando ci siamo incontrati. Ti ho odiato. Sai perchè?» «Perchè ero un mostro?» «No. Perchè volevi essere umano. Avevi tutto questo potere, tutta questa forza, e volevi gettare via tutto… e per cosa? Per l’occasione di essere debole, inerme. Ho pensato che eri un’idiota. Poi però ti ho visto bruciare vivo, per questo sogno. Ti ho visto andare in pezzi, per tenerlo stretto, e allora ho capito qualcosa. Non si tratta di cosa sei, August, si tratta di chi sei, e quel ragazzo stupido, pieno di soni, quello non era un errore, o un’illusione, o uno spreco di energia. Eri tu». Si chinò in avanti. «E allora, dove sei andato?»

woman standing near wallIl perno centrale di questa storia è, ancora una volta Verity e i suoi mostri, solo che questi al momento sono molto più pericolosi di quanto si credeva, molto più di quanto era nel primo volume. I Corsai, i Malchai e i Sunai sembrano essere niente in confronto a ciò che sta per raggiungere la città. Bisogna combattere prima conm i mostri che si hanno dentro per sconfiggere quelli al di fuori.

Lo stile utilizzato è apparentemente semplice anche se non particolarmente fluido. Ammetto di aver avuto seria fatica a continuare la lettura  sia per quanto riguarda lo stile, sia per la struttura della storia.

I problemi alla base di questo libro sono tante. Quella più grande di tutte è il semplice fatto che esso stesso sia stato scritto. E dico seriamente, era evitabile al 100%. Non dico questo perchè il libro è brutto o perchè non mi è piaciuto ma perchè tendenzialmente, il volume, non ha una trama solida ed efficace.

Ciò che nel primo volume era la novità, ovvero i mostri, in questo volume è sembrato semplicemente ridondante e, non fanno decisamente più effetto, non perchè non ne abbiano ma perchè non hanno più la centralità della storia, anzi ne sono solo accessorio. Anche il fatto che August sia un Sunai perde di valore. Figo, invece, il lato combattivo di Kate che si scopre impavida e affronta i mostri anche per dimostrarsi migliore di quanto sia stato suo padre.

Il fatto dei mostri al proprio interno. Se fosse stata solamente una cosa retorica magari avrebbe avuto persino senso ma questa cosa, accadendo in senso reale ed effettivo per quanto riguarda ENTRAMBI i protagonisti, mi sembra una vera e propria esagerazione. Ripeto, ENTRAMBI. Non bastava che il problema fosse soltanto di uno dei due protagonisti? No, Kate ha un mostro potente, quasi demoniaco, August ha suo fratello a rendere tutto piuttosto ridicolo (che poi non si comprende nemmeno se sia effettivamente così o se è solo ciò che August pensava avrebbe detto suo fratello in determinate occasioni).

Il libro finisce per essere piatto. La prima parte è soltanto uno “stabilizzatore” o un’introduzione di ciò che ci aspetteremo. Tutto troverà un senso quando ci avviciniamo  verso la terza parte dove l’azione comincia a farsi sentire, ma ormai siamo già oltre il 75% del volume. Se per il primo volume ho avuto dei dubbi e delle incertezze e la storia non sembrava prendere il volo davvero, in questa nasce e muore così come è iniziata. Non aveva neanche ragione di esistere, secondo il mio modesto parere personale.

Finale scontato come pochi. Non posso dirvi nulla al riguardo, ci mancherebbe ma con un po’ di fantasia credo possiate arrivarci da soli, se avete letto il primo volume. In questo caso, comunque, mi astengo da qualsiasi tipo di commento sia perchè non posso, sia perché, cosa dire?!

August la afferrò per un braccio. «Che farai quando lo trovi, Kate? Come lo ucciderai? Sei sicura di poterlo uccidere, con i suoi artigli dentro la testa?» La guardò mentre cercava di dire di sì, vide le parole che le si bloccavano in gola. Quando alla fine rispose, la sua voce era flebile. «Non lo so» disse, incrociando il suo sguardo. «Ma che sia dannata se lascerò che lui uccida me. Tu puoi rifiutarti di affrontare i tuoi mostri, August. Ma io combatterò il mio».

Il libro è sicuramente una lettura particolare per quanto riguarda la sua struttura generale ma non nella storia complessiva. Questo secondo volume era opzionale e non necessario. Se sul primo volume non ero totalmente convinta, questo ha affossato la situazione. Sinceramente, non saprei se consigliarvi questa duologia visto che molti, a differenza mia hanno un’opinione completamente contrastante.

Victoria Shwab, sicuramente si conferma un’autrice che non so se leggerei ancora. Sono curiosa della trilogia uscita già in Italia ma non rientra fra le priorità. Una lettura che affascina per via dei Mostri e delle loro peculiarità, ma niente di più.

Il mio voto per questo libro è di: 2 balene.

Senza titolo-4

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Questo oscuro duetto e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Our dark duet. Questo oscuro duettoo dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate possa fare per voi? Io, nel frattempo, vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #105 – THIS SAVAGE SONG DI VICTORIA SCHWAB.

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Finalmente ce la faccio! Si, questa recensione viene alla luce! Dite assieme a me: Halleluja! Dovevo farla ad agosto, vi dico tutto, ma col fatto che sono andata a Londra sono rimasta in sospeso, quindi meglio tardi che mai.

23299512Titolo originale: This savage song (#1)

Titolo italiano: Questo canto selvaggio 

Autore: Victoria Schwab

Genere: Young Adult

Pagine: 416

Trama originale: There’s no such thing as safe in a city at war, a city overrun with monsters. In this dark urban fantasy from author Victoria Schwab, a young woman and a young man must choose whether to become heroes or villains—and friends or enemies—with the future of their home at stake. The first of two books. Kate Harker and August Flynn are the heirs to a divided city—a city where the violence has begun to breed actual monsters. All Kate wants is to be as ruthless as her father, who lets the monsters roam free and makes the humans pay for his protection. All August wants is to be human, as good-hearted as his own father, to play a bigger role in protecting the innocent—but he’s one of the monsters. One who can steal a soul with a simple strain of music. When the chance arises to keep an eye on Kate, who’s just been kicked out of her sixth boarding school and returned home, August jumps at it. But Kate discovers August’s secret, and after a failed assassination attempt the pair must flee for their lives.


Trama italiana: Kate Harker e August Flynn sono gli eredi di una città divisa – una città in cui la violenza ha cominciato a dar vita a dei veri mostri. Tutto quello che Kate vuole è essere spietata quanto suo padre, che lascia liberi i mostri e fa pagare gli umani per avere la sua protezione. Tutto quello che August vuole è essere umano, buono come suo padre, e di poter fare di più per proteggere gli innocenti – ma lui è uno dei mostri. Uno che può rubare l’anima con una semplice melodia. La tregua sottile tra gli Harker e i Flynn si sta sgretolando, e un tentato omicidio forza Kate e August a una improbabile alleanza. Ma per quanto potranno sopravvivere in una città dove nessuno è al sicuro e i mostri sono reali…

RECENSIONE:

La storia ha inizio con la ribelle, testarda e temeraria Kate. Ha dato fuoco alla cappella della scuola dove andava e tutto va come pianificato, tutto va come aveva previsto. Suo padre la chiama e dopo aver cambiato una serie di scuole in poco tempo decide che è ora che lei torni a casa, a Verity City. Quindi è arrivato il momento di mostrare a suo padre, Callum Harker, chi è Kate e di cosa è capace.

Verity City è una città violenta e questa violenza ha dato vita a dei mostri: i Corsai, i Malchai e i SunaiEbbene, la città è divisa in due parti: lepoca è indefinita ma Verity sembra essere l’ambientazione perfetta. V-City è una città in cui a dominare è la violenza. Al Nord abbiamo Callum Harker, padre di Kate, che offre protezione ai cittadini dando un medaglione in cambio di denaro e al Sud Henry Flynn che cerca di salvare il salvabile combattendo per difendere chi ha con se, tutto questo assieme all’aiuto degli ultimi tre giovani Sunai rimasti: LeoIlsa e August.

August, essendo uno degli ultimi tre Sunai rimasti, i mostri più rari e forti, capaci di divorare anime con la loro musica a chiunque abbia commesso reati gravi o che sia una persona. August vorrebbe essere umano e lo troveremo che studia e si ritrova, come al solito, a pregare suo padre di fare finalmente qualcosa come Leo, suo fratello, che si batte in prima linea per salvare la vita delle persone del sud della città. Perciò cerca di fare qualcosa che pensa possa aiutarli nella causa: iscriversi in una scuola al Nord della città, la stessa alla quale si s’iscriverà la nostra Kate e spacciarsi per qualcuno che non è.

Qui i due protagonisti si conosceranno ma riusciranno ognuno nei propri intenti? Cosa succederà a Verity City? Lo scoprirete se deciderete di leggere il libro.

Corsai, Corsai, tooth and claw,
Shadow and bone will eat you raw.
Malchai, Malchai, sharp and sly,
Smile and bite and drink you dry.
Sunai, Sunai, eyes like coal,
Sing you a soul and steal your soul.

La trama, visto che è uscito anche in Italia ho voluto metterle entrambe, ma io ho letto la versione originale. E’ ben scritta e mette di sicuro curiosità, in entrambi i casi e non ci sono spoiler che intaccano la lettura in nessun modo. 

La copertina è splendida, sia questa che quella del seguito, molto di più della versione inglese (che poi è quella che è stata mantenuta anche in Italia). Mi piace molto di più, però, quella del secondo che è celeste. *_* Il titolo mi piace molto. Fortunatamente, nella versione italiana non è stato cambiato ma semplicemente tradotto, quindi punto a favore senza ombra di dubbio. 

“Am I free to go?” she asked. Landry nodded, and she escaped out from under his gaze and into the empty hall. Kat shook a white tablet into her palm. She looked down at the pill, hesitated. Where are you? she asked herself. Away. Whole. Sane, Happy. A dozen different selves with a dozen different lives, but she wasn’t living any of those. She had to be here. Had to be strong. And if Dr. Landry saw the frayg edges, then so would her father.

I personaggi principali su cui poi si basa tutta la storia sono proprio loro, i due protagonisti. Se devo dirvi di averne preferito uno, mi sono sentita molto come August e l’ho compreso e amato. Kate è stata difficile da digerire ma le sue scelte finali sono state davvero inaspettate .

Kate è irruenta, coraggiosa, impavida e senza pietà. E’ disposta a fare di tutto pur di arrivare a ciò che vuole. Ha un pugno di ferro ed è arrogante e aggressiva ed è così che si mostra a tutti anche se non è forte come fa sembrare.

August nonostante sia un Sunai, ha un carattere buono e vorrebbe soltanto essere un umano. Ci prova con tutte le sue forze anche se sa che non potrà mai esserlo veramente. E’ forte ma allo stesso tempo buono e non umano.

Someone answered. “Tell Harris and Phillip to take a walk,” he said, them hung up. He drew a folded piece of paper from his pocket and pressed it into August’s hand. “Go eat before you lose more than your temper”. Leo wrapped his fingers around the base of August’s neck and pulled him close. “Pretend it’s chicken,” he said softly. “Pretend you’re normal. Pretend whatever you like, little brother. It does not change what you are.” And with that Leo let go and returned to his place at the table. August didn’t follow.

Il perno centrale è Verity City. Una città che racchiude una violenza inaudita, che divide Nord e Sud e legherà i figli di due acerrimi nemici per cercare di riportare

La scrittura e lo stile narrativo di certo non hanno aiutato nella scorrevolezza del testo. Inizialmente, fin quando troviamo da un lato Kate e dall’altro lato August tutto sembra procedere per il verso giusto. Infatti la narrazione si divide tra i due ma non direttamente in prima persona. Non appena August va a scuola le cose sembrano assumere il piattume più assoluto. Quindi fino alle prime 20 pagine mi ero quasi convinta che sarebbe stato un bel libro, poi fino a dopo la buona metà del libro… il piatto più assoluto. Non succede nulla se non sempre le stesse cose tanto che arrivati ad un certo punto inveivo contro il mondo mentre pregavo che succedesse qualcosa. Niente. Tutto si è risolto alla fine, e per fortuna!

Il legame tra August e Kate non mi ha colpito particolarmente ma sono comunque rimasta contenta che non ci sia la classica storia d’amore fra i due. [NB: Parlo generalmente e non in riferimento solo a questa storia] Felice perchè questo genere di storie si risolvono sempre in questo modo e i lettori sbavano dietro a queste cose. Ma una storia per essere bella non deve per forza avere la storia d’amore. Toglietevelo dalla testa se pensate di leggere una storia con sfondo amoroso, perchè non c’è.

“Henry Flynn is my family,” he snarled. “And I’m willing to bet he’s been a better father than yours”. “Fuck off” Kate slumped back, breathing through gritted teeth. ” Why would you even want to be human? We’re fragile. We die.” “You also live. You don’t spend every day wondering why you exist, but don’t feel real, why you look human, but can’t be. You don’t everything you can to be a good person only to have it constantly thrown in your face that you’re not a person at all.” He stopped, breatless.

Il mio dubbio rimane: perchè tutti l’hanno osannato così tanto? Questo è un mistero. Personalmente non mi ha fatto impazzire. Per carità l’idea è carina ma niente di speciale anche perchè per la maggior parte è rimasto piatto, senza eventi che mi facessero sperare in un buon libro.  Spero il secondo sia migliore. LO SPERO CON TUTTA ME STESSA.

Detto questo, spero ancora nella saga di A darker Shade of Magic, sempre della stessa autrice, Victoria Schwab, in italia Magic per la Newton Compton a ottobre. Perchè se sarà anche quello come questo, addio Schwab è stato un piacere.

Il mio voto per questo libro è di: 3 pesciolini

picsart_09-22-09.39.42-3.jpg


Cosa ne pensate lettori? Lo avete già letto? Vi è piaciuto? Attendo i vostri pareri.

A presto,

Sara ©

WWW WEDNESDAY #41

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI !

Bene, bene, bene! Come di routine oggi abbiamo la rubrica del mercoledì! Ecco le risposte al WWW Wednesday ideato da Should be Reading,. Eccovi le mie risposte:

What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?

Risultati immagini per absence lainya

23299512

In questa settimana, sono piuttosto indietro sulla tabella di marcia non avendo avuto molto tempo per leggere la settimana scorsa. 

Quindi sto continuando a leggere This Savage Song di Victoria Schwab, (in Italia sarà Questo canto selvaggio, fra qualche settimana uscirà).

Ho da iniziare Absence di Chiara Panzuti edito Fazi editore (Lainya) che ringrazio per la possibilità di lettura, una bella novità da domani in libreria! 

 Ho già terminato Spegni la luce di Gianluca Esposito, una raccolta di racconti. 41caiyuq2el-_sy346_

Le recensioni arriveranno nel fine settimana! 


What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?non_tornare_indietro

Ho letto Non tornare indietro di Sophie Hannah. Ringrazio Infinitamente la Garzanti e La stamberga d’inchiostro per avermi richiesto la partecipazione a questo evento con lei e il suo blog ed altri bellissimi blog. Trovate QUI la mia tappa del Blogtour (con la possibilità di vincere una delle tre copie Cartacee in palio)

 

E avevo iniziato This Savage Song che non sono riuscita a continuare.


What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?

In seguito ho delle letture interessanti:

I Quattro regni di Pietro Davide Tulipano che mi ha inviato l’agenzia letteraria Saper Scrivere, che ringrazio, e sembra un libro sul genere di Tolkien (Non ho letto suoi libri ma avendo visto i film mi da quell’idea).

Poi, ho da leggere una raccolta di racconti di Maurizio Vicedomini, Ogni orizzonte della notte che mi ha inviato l’autore.

Ma probabile aggiungerò qualcos’altro, per liberarmi di un pò di letture! Sto scoppiando fra tutti i libri da leggere!


E voi, cosa state leggendo? Vi piacciono queste letture? Fatemi sapere con un bel commento che io vi aspetto!

A presto,

Sara. ©

WWW WEDNESDAY #40

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI !

Come state?! Io tutto bene, un pò assonnata ma si può fare! Oggi ho per voi, la solita rubrica del mercoledì, il WWW Wednesday ideato daShould be Reading,. Eccovi le mie risposte:

What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?

23299512
Questa settimana sto affrontando due letture:
This Savage Song di Victoria Schwab, (uscirà a giugno in Italia)e lo sto leggendo in lingua. Me l’ha regalato una mia amica, Qui –>La lettrice in soffitta.
In più sto leggendo un libro su cui dovete tenervi forte perchè ci sarnon_tornare_indietroà un bellissimo BlogTour nei prossimi giorni ed io ne faccio parte. Edito Garzanti, sto parlando di un Thriller che si prospetta molto interessante:
Non tornare indietro di Sophie Hannah. Ringrazio Infinitamente la Garzanti ma sopratutto La stamberga d’inchiostro per avermi richiesto la partecipazione a questo evento con lei e il suo blog ed altri bellissimi blog.

What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?tutto-lamore-che-mi-manca_8972_x1000The Midnight Sea - promo

Ho finito di leggere due bei libri.

Uno è edito Dunwich edizioni, The Midnight Sea di Kate Ross, che vi consiglio ovviamente ma vi dirò tantissimo domani nella recensione! Quindi tenetevi pronti.

L’altro è edito Newton Compton, Tutto l’amore che mi manca di Emily Henry e trovate la recensione online QUI!


What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?

 

Ho degli arretrati che recupererò strada facendo e vi farò sapere mano a mano cosa leggerò. Non temete!


E voi, cosa state leggendo? Vi piacciono queste letture? Fatemi sapere con un bel commento che io vi aspetto!

A presto,

Sara. ©