RECENSIONE / REVIEW #177 – THE CASTOFFS V.3 RISE OF THE MACHINES DI M.K. REED, BRIAN SMITH, KENDRA WELLS E WYETH YATES.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Buon inizio settimana! Ho ricevuto questa copia digitale da leggere grazie a NetGalley e all’editore, in cambio di un’onesta recensione. Quindi vi parlo di questo libro, questa graphic Novel, il terzo volume cominciato con The Castoff v.1: Mage against the Machine, che ho recensito: QUI. Il secondo volume è recensito QUI.

39789811

Titolo: The Castoffs, V.3: Rise of the Machines

Autore: M.K. Reed, Brian Smith, Molly Ostertag, Kendra Weels  e Wyeth Yates
Pagine: 137
Editore: Lion Forge
Lingua: Inglese
Link d’acquisto: https://amzn.to/2jTD4mj

Trama originale: Our intrepid heroes―mages Trinh, Charris, and Ursa―have made great strides in learning to work together as a team. But the darkness is coming, and a foe from their past has grown more formidable. Will their combined talents be enough to defeat the ever-expanding Surrogate army? An army that has swallowed up so many mages more powerful than they are?

Trama tradotta da meI nostri intrepidi eroi – maghi Trinh, Charris e Ursa – hanno fatto grandi progressi nell’imparare a lavorare insieme come un team. Ma l’oscurità sta arrivando e un nemico del loro passato è diventato ancor più formidabile. I loro talenti combinati saranno sufficienti per sconfiggere l’esercito Surrogate (delle Macchine) in continua espansione? Un esercito che ha inghiottito tanti maghi molto più potenti di loro?

RECENSIONE

La storia ha inizio esattamente dove l’avevamo lasciata e per non farvi troppi spoiler ne parlerò in modo molto ampio. Inizialmente le nostre tre Maghe sono partite in missione per conto del loro capo villaggio. Dopo aver affrontato varie incombenze e svolto diversi compiti, CharrisUrsa e Thrin si trovano in un villaggio umano dove hanno avuto uno scontro nell’episodio precedente. Il villaggio è semi distrutto ma loro non si danno per vinte e trovano diverse cose da fare. Nel frattempo Amira e le Macchine diventano sempre più potenti e avanzano pronte a distruggere i Maghi. 

Cosa succederà alle nostre tre protagoniste? Chi incontreranno nel villaggio? Chi cambierà le loro vite? Cosa succederà quando i Maghi si scontreranno con le Macchine? La guerra avrà finalmente inizio?

7878798952

La copertina, stavolta è davvero meravigliosa. Questa batte sicuramente le precedenti e ne sono rimasta piacevolmente colpita. Quella che vedete in copertina è Amira, la madre di Ursa, che da Maga quale è, è passata dal lato nemico ed è a capo delle Macchine. 

Il titolo, The Castoffs: Rise of the Machine lascia intendere molto, soprattutto nel sottotitolo,  L’ascesa delle macchine già mette sull’attenti e ci da un messaggio. Quello che speravo, ovvero una svolta dal lato della storia, in questo volume ci sarà e spero che venga mantenuta nei successivi a venire.

Questa volta siamo in un villaggio umano, Plumstead , dove le nostre eroine erano arrivate nel corso del secondo volume. Non ci sposteremo da qui, se non alla fine o nei pezzi in cui vedremo all’opera la madre di Ursa, terribile Maga che ha acquisito in se le Macchine, da sempre acerrime nemiche dei Maghi.

thtth

I personaggi che troveremo, almeno i principali sono sempre gli stessi essendo le tre protagoniste principali. L’unica cosa che cambia tra ThrinUrsa e Charris è che finalmente le ragazze riescono a lavorare di squadra. 

Un nuovo personaggio introdotto è Omarion, padre di Ursa che conosceremo in questo volume e che oltre ad essere, almeno apparentemente una brava persona ha un lato misterioso avendo perso la memoria tanti anni prima e non ricordando di avere avuto Ursa come figlia. Amira, la madre di Ursa, è a capo dei Surrogati/ Macchine e, in questo volume, posso assicurarvi che le cose si faranno un tantino più complicate. Sono curiosa di sapere come sarà il quarto volume essendo entrati in modalità scontro.

Altro personaggio che avremo modo di approfondire è Rosalba o Ro, che si è unita alla squadra ed essendo più grande delle ragazze si occupa della situazione e della loro incolumità, nonostante le tre siano abbastanza in grado di prendersi cura di se stesse. Inoltre, conosceremo meglio un personaggio che abbiamo incontrato alla fine del secondo volume e che è un Mago abbastanza svampito e discutibile. Sto parlando di Duncan, che darà una mano al villaggio, si innamorerà e scopriremo diverse cose su di lui. Un personaggio sicuramente discutibile ma ben fatto.

lll

Il perno centrale in questo volume, comincia a delinearsi, rispetto ai precedenti. Le Macchine si avvicinano, la guerra sembra essere alle porte e le tre metteranno a repentaglio la loro vita assieme a Rosalba, Duncan e altri tre Maghi che sono con loro per salvare gli altri. Riusciranno nell’intento? Lo sapremo nei prossimi volumi.

La grafica utilizzato è la stessa del libro precedente e mi piace molto. E’ sicuramente questo che mi spinge a leggere questi volumi oltre alla curiosità di sapere se la storia prenderà una piega interessante.

Resto dell’opinione della scorsa recensione. Non capisco perché creare questi volumi separati quando la storia, almeno nei primi due poteva essere senz’altro compressa e passare alla parte interessante come ciò che accade in questo volume. Questo non ci è dato saperlo, fatto sta che la storia in questo terzo volume di questa saga tra Maghi e Macchine, prende una piega decisamente interessante rispetto ai precedenti.

Sono curiosa di sapere che piega prenderà il quarto volume che si prospetta interessante, visto il finale di questo volume. Spero solo che i combattimenti non siano scontati ne di scontati altrimenti invece di migliorare, peggioriamo.

L’unica cosa che non ho apprezzato particolarmente in questo volume è stata l’accoglienza di Omarion nei confronti di Ursa. Troppo semplice, troppo facile, troppo veloce. Non come mi sarei aspettato che reagisse. Cioè, scopri di avere una figlia in più e – si, hai perso la memoria e tutto il resto – ma seriamente la inviti subito a casa tua e l’abbracci come se niente fosse. Un po’ difficile almeno a mio parere.

Sono invece particolarmente felice per Thrin, ma non voglio dirvi nulla altrimenti non c’è gusto, no?!

7878.JPG

Spero che la storia vada sempre a migliorare e che finalmente sia i personaggi che la storia acquisiscano un senso molto più ampio di ciò che hanno inteso nei primi due volumi. Ci sta bene il conoscere i personaggi ma mettere in evidenza quello invece del filo conduttore e del combattimento tra Maghi e Macchine fa perdere molto. Spero che d’ora in avanti si migliori soltanto.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo



Review

The story begins exactly where we left it and not to make too many spoilers I will talk about it very broadly. Initially, our three Mages went on a mission on behalf of their village chief.  After having faced various tasks and performed various tasks, Charris, Ursa and Thrin are in a human village where they had a fight in the previous episode. The village is semi-destroyed but they do not give up and find different things to do. Meanwhile Amira and the Machines become more and more powerful and advance ready to destroy the Mage.

What will happen to our three protagonists? Who will meet in the village? Who will change their lives? What will happen when Wizards clash with the machines? Will the war finally start?

The cover, this time is really wonderful. This certainly beats the previous ones and I was pleasantly surprised. What you see on the cover is Amira, Ursa’s mother, who from Mage as she is, has passed from the enemy side and is head of the Machines.

The title, The Castoffs: Rise of the Machine suggests a lot, especially in the subtitle, The rise of the machines already puts to attention and gives us a message. What I hoped, that is a turning point on the side of the story, in this volume will be there and I hope it will be maintained in the following to come.

This time we are in a human village, Plumstead, where our heroines had arrived during the second volume. we will not move from here, if not at the end or in the pieces where we will see at work the mother of Ursa, terrible sorceress who has acquired in itself the Machines, always bitter enemies of the wizards.

The characters we will find, at least the main ones are always the same being the three main protagonists. The only thing that changes between Thrin, Ursa and Charris is that finally the girls are able to work as a team.

A new character introduced is Omarion, father of Ursa whom we will know in this volume and who besides being, at least apparently a good person has a mysterious side having lost his memory many years ago and not remembering to have had Ursa as a daughter. Amira, Ursa’s mother, is in charge of the Surrogates / Machines and, in this volume, I can assure you that things will be a little more complicated. I’m curious to know how the fourth volume will be, having entered the clash mode.

Another character that we will investigate is Rosalba or Ro, who has joined the team and being bigger than the girls takes care of the situation and their safety, despite the three are able to take care of themselves. Moreover, we will know better a character that we met at the end of the second volume and that is a fairly fading and questionable magician. I’m talking about Duncan, who will help the village, fall in love and discover several things about him. a certainly questionable but well done character.

The central pivot in this volume begins to take shape, compared to the previous ones. The Machines are approaching, the war seems to be at the door and the three will jeopardize their lives together with Rosalba, Duncan and three other Wizards who are with them to save the others. Will they succeed? We will know it in the next volumes.

The graphics used are the same as the previous book and I really like it. This is surely what drives me to read these volumes as well as the curiosity to know if the story will take an interesting turn.

Rest of the opinion of the last review. I do not understand why creating these separate volumes when the story, at least in the first two could certainly be compressed and move to the interesting part as what happens in this volume. This is not known to us, the fact is that the story in this third volume of this saga between Magicians and Machines, takes a decidedly interesting turn than the previous ones.

I’m curious to know that fold will take the fourth volume that is interesting, given the final of this volume. I only hope that the fights are not discounted or discounted otherwise instead of improving, we get worse.

The only thing that I did not particularly appreciate in this volume was the welcoming of Omarion towards Ursa. Too simple, too easy, too fast. Not as I would have expected it to react. That is, discover you have one more daughter and – yes, you have lost your memory and all the rest – but seriously invite her to your home and hug her as if nothing had happened. A bit ‘difficult at least in my opinion.

I’m particularly happy for Thrin, but I do not want to tell you anything, otherwise there’s no taste, no?

I hope that history always goes on improving and that finally both the characters and the story acquire a much wider sense of what they understood in the first two volumes. It’s good to know the characters but to highlight that instead of the common thread and the fight between Mage and Machines makes you lose a lot. I hope that from now on it will only be improved.

My rating for this book is: 3 stars and a half.


Vuoi acquistare The Castoffs V.3 e sostenere il Blog? Acquista da Qui: The Castoffs 3: Rise of the Machines o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se siete curiosi, a presto!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE /REVIEW #126 – THE CASTOFFS V.2: INTO THE WASTELAND DI M.K. REED, BRIAN SMITH, KENDRA WELLS E WYETH YATES.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E buona domenica! Ho ricevuto questa copia digitale da leggere grazie a NetGalley e all’editore, in cambio di un’onesta recensione. Quindi vi parlo di questo libro, questa graphic Novel, il secondo volume cominciato con The Castoff v.1: Mage against the Machine, che ho recensito: QUI.

61m2bimcumgl-_sx323_bo1204203200_Titolo: The Castoffs, V.2: Into The Wastelands

Autore: M.K. Reed, Brian Smith, Molly Ostertag, Kendra Weels  e Wyeth Yates
Pagine: 144
Editore: Lion Forge
Lingua: Inglese

Trama: Charris, Trinh, and Ursa have managed to work together long enough to defeat the evil Priestess and her hive-mind robot army, the Surrogate. They journey back to the village of Clifton to reunite with their guild, but once there, they discover that the Priestess may not be defeated after all, and a much larger threat may be looming. A secret from Ursa’s past threatens to break the fragile trust between the three mages, but they must overcome their differences and work together if they stand a chance of surviving the coming darkness. 

Trama tradotta in italiano (da me)Charris, Trinh e Ursa sono riusciti a lavorare insieme abbastanza a lungo da sconfiggere la malvagia Sacerdotessa e il suo esercito di robot mente-alveari, il surrogato. Tornano al villaggio di Clifton per riunirsi con la loro corporazione, ma una volta lì, scoprono che la Sacerdotessa non può essere sconfitta, dopotutto, e una minaccia molto più grande potrebbe incombere. Un segreto del passato di Ursa rischia di rompere la fragile fiducia tra i tre maghi, ma devono superare le loro differenze e lavorare insieme se hanno una possibilità di sopravvivere alle tenebre in arrivo.

RECENSIONE

La storia ha inizio dove l’abbiamo lasciata con il primo volume. Non voglio farvi spoiler quindi vi dirò lo stretto necessario al riguardo.

Il piccolo trio formato dalle nostre eroine, Thrin, Ursa e Charris è riuscita in una parte del loro intento e fanno ritorno al villaggio per avvisare i loro compagni. Nel frattempo incontrano tre Maghi nel loro cammino che ritroveremo nel corso di questa lettura ed usciranno fuori risposte a dei misteri sulla vita di Ursa.

Il mistero si infittisce, ma riusciranno le tre ad evitare che le Macchine distruggano tutto? Riusciranno a non farsi mettere i bastoni fra le ruote? Riusciranno ad andare d’accordo e collaborare insieme?

7878

La trama già da come comincia, parte male: “sono riusciti a lavorare insieme abbastanza a lungo”. Quando? Dove? E’ già tanto che si sopportano tutte e tre insieme e tu mi dici lavorare abbastanza a lungo?! No. Il resto poi è abbastanza veritiero, se non che alla fine in questo volume non succede quasi nulla di particolarmente eclatante a parte i segreti che vengono fuori (che erano già limpidi come l’acqua) e una dipartita di Maghi che vanno contro la loro stessa “Congrega“.

La copertina mi piace molto anche se ho visto che ce n’è anche una versione più chiara, tendente all’arancione e sembra molto più bella. Non che questa non mi piaccia, io adoro il blu ma quello rende di più visivamente e non oscura i personaggi. Il titolo è sempre simile al precedente, titolo e sottotitolo. Stavolta abbiamo una nuova traduzione. I Reietti: nella landa desolata. Non è propriamente lo specchio della storia ma va bene, lasciamolo da parte e andiamo avanti. 

L’ambientazione è fantastica e l‘epoca ha un non so che di post-apocalittico ma non saprei dire perché non è specificata ma ci troviamo al villaggio di Clifton dove arrivano i nostri eroi in cui ci sono i loro compagni maghi.

888

Cattura15I personaggi che troveremo sono i medesimi del libro precedente più qualche aggiunta.

C’è sempre Charris, Thrin e Ursa ma avremo modo di conoscerle meglio sia noi che di conoscersi fra di loro.

A fare il suo ingresso ci sarà Rosalba o meglio Ro, una ragazza dai poteri davvero sorprendenti che aiuterà nella missione la nostra giovane squadra al femminile.

Avremo sicuramente modo di conoscere un pò meglio Leda, una persona che si dimostra sagace, intelligente e comprensiva. Da l’impressione di essere una Maga astuta  ma anche dolce come una madre.

barca

Il perno centrale stavolta non è ben definito anche perchè questo libro sembra quasi di preparazione per i successivi. Mi è piaciuto ma penso che tra il primo e questo, avrebbero potuto benissimo accorparli per renderlo migliore. Spezzettarlo così non rende giustizia alla storia.

La grafica è la medesima del libro precedente e al riguardo non ho nulla da sire se non che in certi momenti sembra disegnato da uno e in certi momenti da un altro. Ma credo che, essendo tante le persone che ci lavorano su, si scambiano in questo senso.

Quello che mi stupisce è perchè creare una serie di libri così lunga se la storia si sviluppa a piccole dosi: avrebbero potuto costruire un libro più grande dove contenerli tutti ed evitare passaggi superflui, tipo quelli che avvengono in questo libro.

L’unica cosa interessante che accade è vedere tanti tipi di maghi diversi scontrarsi fra loro per esercitarsi e mettersi ala prova, niente di più. La storia sembra essersi bloccata per far spazio ad altri dettagli e il filo principale segue una spirale ancora fioca per poter intravedere qualcosa di essenziale. Ancora non c’è effettivamente qualcosa su cui focalizzarsi.

454545

In sostanza, la storia ha molte potenzialità ma gli autori preferiscono suddividere i libri in parti più o meno discutibili. Sarebbe stato decisamente più pratico un volume con molte pagine ma che contenesse la storia completa. Sembra quasi che abbiano cercato di tirare la storia avanti per forza, mettendo da parte il filo conduttore.

Consiglio comunque, perchè nonostante tutto è una Graphic Novel leggera e senza troppe pretese. Ideale per passare il tempo. 🙂

Il mio voto per questo libro è di: 3 pesciolini

picsart_09-22-09.39.42-3.jpg


RECENSIONE IN INGLESE

The story begins where we left it with the first volume. I do not want to spoiler you so I’ll tell you the strictness you need about it. The little trio formed by our heroines, Thrin, Ursa and Charris have succeeded in a part of their intent and return to the village to alert their comrades. Meanwhile, they meet three Wizards in their journey that we will find in the course of this reading and they will come up with answers to mysteries about Ursa’s life.

The mystery is squeezed, but will the three succeed in preventing the Machines destroying everything? Will they not be able to put their sticks in the wheels? Will they get along and work together?

The plot since it started, badly, “I managed to work together long enough.” When? Where is it? is it so much that they all bear three together and you tell me to work long enough ?! No. The rest then is quite truthful, except that at the end of this volume there is almost nothing particularly striking apart from the secrets that come out (which were already as clear as water) and a departure of magicians who go against their own “coven”.

The cover I really enjoy, even though I have seen that there is also a lighter version, tending to the orange and looks much more beautiful. Not that I do not like it, I love blue but that makes it more visually and does not obscure the characters. the title is always similar to the previous title and subtitle. This time we have a new translation. The Castoff: Into the Watland. It’s not really the mirror of history but it’s okay, let’s leave it and go on.

The setting is fantastic and the era has a do not know it post-apocalyptic but I can not tell why it’s not specified but we are in the village of Clifton where our heroes come in where they are their mage companions.

The characters we will find are the same as those in the previous book plus some additions.

There is always Charris, Thrin and Ursa, but we will have a chance to know them better than ourselves and to know each other. To make his entry there will be Rosalba or better Ro, a girl with really amazing powers that will help our young female team in the mission. We will surely know a little better about Leda, a person who is wise, intelligent and understanding. by the impression of being a smart Maga but also sweet as a mother.

The central pin this time is not well defined because this book seems to be almost preparation for the next. I liked it, but I think between the first and the next, they could have made it very easy to make it better. Brushing it does not make justice to the story.

The graphic is the same as in the previous book and in that regard I have nothing to do but if at some point it seems to be drawn by one and at some moments from another. But I think, being so many people working on us, they swap in that direction. What amazes me is why to create a series of books so long if the story unfolds in small doses: they could have built a bigger book to keep them all and avoid unnecessary passages, such as those in this book.

The only interesting thing that happens is to see so many different types of magicians clash with each other to practice and test themselves, nothing more. history seems to be blocked to make room for other details and the main thread follows a spiral still dim to see something essential. There is still nothing to focus on yet.

In essence, history has many potentialities but authors prefer to divide books into more or less controversial parts. It would have been a much more practical volume with many pages but containing the full story. it almost seems that they have tried to pull the story forward by force, setting aside the lead.

I still advise, because despite everything, it is a light and unpretentious Graphic Novel. Ideal for spending time. My rating for this book: 3 stars.


Cosa ve ne pare? Vi ricordo, ancora una volta, (lo so: *Sara basta abbiamo capito*) che questa Graphic Novel è in inglese ed è il secondo volume della serie dei The Castoffs. 

A presto,

Sara ©

RECENSIONE / REVIEW #118 – THE CASTOFFS V.1: MAGE AGAINST THE MACHINE DI M.K. REED, BRIAN SMITH, MOLLY OSTERTAG E WYETH YATES.

BUON POMERIGGIO LETTORI!

Oggi ho una nuova recensione per voi. L’editore estero, la Diamond Book Distributor dopo una Subscription al loro sito mi ha inviato gratuitamente l’ebook di questa Grapich Novel. Ed io ve l’ho recensito! Cosa ne pensate? (NB: Ovviamente questa Graphic è in lingua inglese!)

Titolo: The Castoffs, V.1: Mage Against the Machine33830449

Autori: M.K. Reed, Brian Smith (Writer and Colorist), Molly Ostertag (Illustrator), Wyeth Yates (Illustrator)
Pagine: 119
Pubblicazione: 12 Aprile 2017
Editore: Lion Forge, Roar / Diamond Book Distributor
ISBN: 1941302270
Lingua: Inglese 
Trama: It’s Mage against the Machine! Magic vs technology in Roar’s newest graphic novel. When three apprentice mages are sent to help a neighboring guild, they reignite a decades-old war with a robot army that has destroyed the world.
Traduzione italiana (tradotta da me)È i Maghi contro le Macchine! Magia contro Tecnologia nel nuovo romanzo grafico di Roar. Quando tre maghi apprendisti vengono inviati per aiutare una gilda vicina, riaccendono una guerra decennale con un esercito robotico che ha distrutto il mondo.

RECENSIONE:

Primo di una serie di volumi, The Castoffs è una Graphic Novel che colpisce con impatto immediato.

La storia ha inizio nel mezzo di una battaglia. I Maghi stanno cercando di salvare quante più persone possibili dall’attacco sconsiderato delle Macchine ma è sempre più difficile e si trovano in difficoltà. Leda riesce a svegliarsi e finalmente i suoi amici hanno un aiuto in più e riescono a sconfiggere le macchine nonostante le perdite.

La storia riprende vent’anni dopo. I Maghi più giovani vengono addestrati dai più grandi e Leda è diventata una persona di rilievo all’interno del campo. Viene a sapere di una voce che giunge da una gilda vicina e manda i suoi migliori studenti in ricognizione: Charris con il potere del vento, Trinh con il dono dell’invisibilità e Ursa sembra essere inutile se non con le sue pozioni, ma nasconde un potere considerevole.

Cosa starà succedendo alla gilda vicina? Riusciranno i tre Maghi ad essere all’altezza del compito che le è stato lasciato?

99

La trama è semplice ma forse un po’ troppo breve. Sarebbe potuto essere un pò più esplicativo ma comprendo anche che il libro avendo solo 137 pagine non si voglia raccontare troppo.

La copertina, invece, è molto carina e rappresentativa della storia in se per se. Al centro troviamo proprio i tre ragazzi Maghi a cui viene affidato il compito e la Macchina, rappresentativa della categoria. Il titolo che significa i Reietti, non mi è chiaro se si riferisca ai Maghi o alle Macchine. Avremo modo di rivedere la faccenda andando avanti.

L’ambientazione è fantastica e lepoca ha un non so che di post-apocalittico ma non saprei dire perché non è specificata.

888

I personaggi sono relativamente pochi ma interessanti e potenzialmente diversi fra loro.

Charris viene scelta da Leda perchè una delle più potenti nel suo gruppo. Peccato che proprio per questo che si crede forte e brava solo lei. Si sente un Leader e talvolta risulta antipatica.

Trinh è quella che personalmente mi è piaciuta di più. Il suo potere è utilissimo. E’ invisibile come un fantasma e può passare attraverso i muri, diventando quasi di vapore. E’ semplice, umile e si tiene da parte ma alla fine, almeno per me, è risultata la migliore di tutte.

Ursa è particolare ma giusta, almeno al momento. Sembra inizialmente inutile ed, anche se inganna Charris sui suoi poteri, lo fa a fin di bene. E’ molto utile alla squadra e riesce a mettere Charris in riga quando serve (praticamente sempre!).

7878

Il perno centrale è la guerra che imperversa, fra Maghi e Macchine. I tre ragazzi vagano per andare a vedere cosa succede ad una gilda vicina e scoprono che c’è qualcuno che vuole riportare in vita le Macchine. 

La grafica è stata molto accattivante. I disegnatori e gli illustratori hanno uno stile molto particolare e sicuramente riconoscibile. Ho preferito molto di più la prima parte, quella dei Maghi in guerra contro le Macchine e tutti i poteri che ne uscivano fuori. E’ stato pazzesco. Molto bello nei disegni.

La storia narrata è stata carina peccato nella mancanza di originalità almeno in questo volume. Spero che con i seguenti si riprenda. Vi spiego i motivi:

  1. I combattimenti finali sono deprimenti. Azione pari a zero e mi ha deluso la cosa perchè avrebbe potuto essere con più azione e invece no. Zero. Si sono limitati a poche mosse e tutto era risolto e mi è sembrato un pochino ridicolo.
  2. La persona che voleva riportare in vita le macchine si è capito da subito chi era e che potere potesse avere. Scontato come pochi.

454545

Il libro, tutto sommato è stato carino. Mi ha deluso un pò nel finale perchè mi aspettavo molto di più. Spero che vada migliorando andando avanti con i volumi e che ci siano battaglie davvero epiche perchè la storia sembra interessante e di sminuirla non me la sento.

Consiglio? Si, per chi vuole cominciare a leggere in inglese queste letture sono davvero semplici, veloci ed intuitive. Provare per credere.

Il mio voto per questo libro è di: 3 pesciolini

picsart_09-22-09.39.42-3.jpg


RECENSIONE IN INGLESE:

First of a series of volumes, The Castoffs is a Graphic Novel that hits with immediate impact.

History begins in the middle of a battle. The Wizards are trying to save as many people as possible from the ruthless attack of the Machines but it is getting harder and harder to find. Leda wakes up and finally her friends have more help and succeed in defeating the machines despite the losses. the story resumes twenty years later. Younger Wizards are trained by the Greater and Leda has become a major person within the camp. comes to know of a voice coming from a nearby guild and sends out his best students in reconnaissance: Charris with the power of the wind, Trinh with the gift of invisibility and Ursa seems to be useless except with his potions but hides a considerable power.

What’s going to happen to the nearby guild? Will the Three Wizards succeed in meeting the task they have been left behind?

The plot is simple but maybe a bit too short. it could have been a bit more explanatory but I also understand that the book having only 137 pages does not want to tell too much. The cover, on the other hand, is very pretty and representative of the story in itself. In the middle are the three Wizards who are entrusted with the task and the Machine, representative of the category. The title that the “Reietti” means is not clear to me if it refers to Wizards or Machines. We will have the opportunity to review the matter by going forward. ù

The setting is fantastic and the era has a do not know it post-apocalyptic but I can not tell why it is not specified.

The characters are relatively few but interesting and potentially different from each other.

Charris is chosen by Leda because one of the most powerful in his group. It’s a shame that just because you think that you are strong and just good. You feel a Leader and sometimes it’s disgusting.

Trinh is the person I personally liked most. Its power is very useful. It is invisible like a ghost and can pass through the walls, becoming almost vapor. It’s simple, humble and keeps aside but in the end, at least for me, it was the best of all.

Ursa is particular but right, at least at the moment. It seems initially unnecessary, and even though it deceives Charris over its powers, it does so well. It is very useful to the team and manages to put Charris in line when it is needed (practically always!).

The central pivot is the war that rages, between Wizards and Machines. The three guys wander to see what happens to a nearby guild and find out there’s someone who wants to bring the Machines back to life.

The graphics were very eye-catching. Designers and illustrators have a very distinctive and definitely recognizable style. I preferred a lot more the first part, that of the Wizards in War against the Machines and all the powers that came out. It was crazy. Very nice in the designs.

The narrated story was a sinful thing in the lack of originality at least in this volume. I hope that with the following we will resume. I explain why:

  1. Final battles are depressing. Action equal to zero and disappointed me because it could have been more action and not. Zero. They were limited to a few moves and everything was fixed and it seemed a bit ridiculous.
  2. The person who wanted to bring the machines back to life was immediately aware of who he was and what he might have. Discounted as few.

The book, all in all, was cute. I was disappointed in the final because I was expecting a lot more. I hope that it’s going to go better with the volumes and that there are really epic battles because the story seems interesting and to undo it I do not feel it. Council? Yes, for those who want to start reading in English these readings are really simple, fast and intuitive. seeing is believing.

My vote for this book is: 3 stars.


Vi piace? Cosa ne pensate? Fatemi sapere è, che io vi aspetto, come sempre!

A presto,

Sara ©