RECENSIONE # SERIE TV – DOTA: DRAGON’S BLOOD (Stagione Tre) – SU NETFLIX.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui per portarvi una nuova recensione di una serie TV che spero possa incuriosirvi e interessarvi. Io ho visto entrambe le stagioni e per non farvi due recensioni distinte ve ne faccio una completa. Ecco qui che ve ne parlo:

dota-series-3Titolo: Dota
Stagione TRE
Lingua: Italiano
Episodi stagione due: 8
Piattaforma: Netflix

Trama: Drysi stringe un patto terrificante. Luna e un nemico inaspettato si rivolgono a Mirana. Le cose cambiano per Fymryn mentre Davion affronta una prova impegnativa.

RECENSIONE

serie da vedere | Milioni di ParticelleIl tutto inizia laddove è finita la serie precedente. Il potente Terrorblade incombe e diventa sempre più pericoloso, tant’è che cerca sempre più di creare un mondo come lui più desidera. Mirana è sempre più presa dalle sue prese imperiali e il fatto che fare l’Imperatrice non è così semplice come sembra; Davion e tutti i suoi compagni della compagnia dei Draghi si accorgono che tutti i draghi si stano muovendo in un unico punto e si rende conto che il pericolo incombe. A smuovere ancor più le cose è l’Evocatore che tenta di unire tutti per cercare di rendere le cose e il suo passato, esattamente come avrebbe voluto. 

Cosa potrà succedere adesso, se l’Evocatore decidesse di resettare tutto e di ricreare un mondo in cui sua figlia è ancora viva? Terrorblade sarà ancora lì ad aspettarli? Riusciranno a fermare il tutto o finiranno per perdersi in esso? Cosa cambierà per i protagonisti di questa serie?

Dota Dragons Blood GIFs - Get the best GIF on GIPHYNonostante avessi iniziato questa serie perché il mio compagno ha cercato di condividere con me la visione della stessa e amando anche io i videogiochi in generale (è una serie tratta dal videogioco infatti) devo dire che mi sono ricreduta mano a mano che la serie ha preso piede. La prima stagione non mi ha fatto poi impazzire e la seconda è andata migliorando ma ne ero sempre curiosa fino ad un certo punto. Per questa terza stagione ne sono rimasta colpita in maniera piacevole, visto che ha finito per piacermi molto più di quanto immaginassi. La storia finisce per essere fluida e interessante anche se nel finale apre delle domande che si spera vengano risolte nella stagione seguente (se è prevista e ci sarà!).

Throw Luna GIF - Throw Luna Dota - Descubre & Comparte GIFsLo stile dei disegni utilizzati è il medesimo delle serie precedenti. Mi ricorda molto quando uscì il cartone animato delle Witch – cosa di cui amavo il fumetto – e il disegno aveva finito per deludermi. Tant’è che anche l’Evocatore ha i tratti praticamente semi identici a Cedric delle Witch – e giuro che non riesco a staccarmi questa cosa dalla mente quando lo guardo perché anche nei modi di fare finisce per essere piuttosto simile. Nonostante questa piccola parentesi, posso dire che lo stile mi piace ma non è la tipologia che amo, anche se posso dire che tanto di cappello il tutto è veramente ben fatto. Quello che non amo particolarmente è il cambio di stile di disegni all’interno della serie; il caso specifico: come è strutturato Terrorblade che finisce per assumere una forma differente sia nei disegni che nella sua struttura fisica di presentazione che lo differenzia totalmente da tutto il resto. Perché creare questa differenza che non ha alcun tipo di senso?

Dota 2 GIF by beastcoastIl tutto, in questa stagione, ruota attorno alle vicende di Mirana – che nonostante si crede sia Davion il protagonista – finisce per essere al centro di tutto e dell’Evocatore che pone le sue problematiche emotive al centro del mondo, tanto da metterlo addirittura in pericolo. Possibile che uno con così grandi poteri e grandi responsabilità finisca per essere così fragile tanto da mettere in pericolo tutto il mondo? Ho apprezzato la storia, ho apprezzato quanto Filomena influisca e faccia ragionare suo padre per tentare di salvare il tutto. I personaggi sono interessanti e ben fatti e finisce per essere interessante lo sviluppo che ne sta uscendo mano a mano che si procede all’interno della stagione.

Dota 2 GIF by beastcoast La storia, come vi dicevo, si conclude con un finale aperto, mistico che ci lascia misteriose domande e apre numerosi nuovi orizzonti in cui gli autori potranno sbizzarrirsi. Ma a cosa ci porterà tutto questo? Quando la serie giungerà ad un vero e proprio finale ancora non si sa ma spero non sia troppo lontano per fare in modo che anche ciò che c’è di buono in questa stagione non finisca per essere sminuita. Ve la consiglio sicuramente e spero vi piaccia.


Cosa ne pensate? L’avete visto? Vedrete la serie principale? Spero magari lo facciate se amate gli anime e i videogiochi per buona parte del secondo e di questa terza. Se decideste di vederla, vi auguro una buona visione.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE SERIE TV # – STRANGER THINGS (Stagione 4 PARTE 2) SU NETFLIX.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con la chiusura della quarta stagione tanto attesa e desiderata. Ovviamente l’ho vista non appena uscita ma non ero riuscita a parlarvene prima tra le tante cose che ho avuto nel mese di luglio, quindi ne approfitto per parlarvene ora e spero vi faccia comunque piacere e che possiate parlarmi anche voi delle vostre impressioni/idee e quant’altro. Ovviamente se ancora non avete visto la serie o la prima parte, evitate di leggere questa recensione perché potrebbe contenere tracce di piccoli spoiler dovuti al racconto che debbo per forza di cose fare. Ecco che ve ne parlo:

stranger_things_logoSerie: Stranger Things 4 (parte due)
Piattaforma
: Netflix

Stagioni: 4
Episodi totali: 11 
Episodi finali: 2
Durata: da 1 ora minimo circa a puntata
Genere: Fantascienza
Trama: Joyce, Will e Jonathan si sono trasferiti in California, portando con loro anche Undici. L’esercito americano vuole però impossessarsi di nuovo della ragazza, per utilizzarla in scopi militari, di fronte ad una nuova guerra soprannaturale con l’epicentro localizzato ad Hawkins.

TRAILER


RECENSIONE

Stranger Things Upside Down GIFs - Get the best GIF on GIPHYSiamo nel bel mezzo dell’azione, dovuta dalla prima parte della serie. Nancy è intrappolata nelle visioni di Vecna e vede diverse cose, parte dei ragazzi di Hawkins sta cercando disperatamente Undici, mentre l’altra parte si prepara per la battaglia contro Vecna. Intanto anche Joyce è arrivata e ha ritrovato il suo Hopper, e devono tornare a casa se vogliono cercare di aiutare i ragazzi, anche se in Russia sembrano avere il loro bel daffare con i Demogorgoni e i mostri in agguato.

Riusciranno a sconfiggere definitivamente Vecna? Cosa capiterà al gruppo di ragazzini di Hawkins ormai sparpagliato in vari punti? Riuscirà Undici a ritrovare i suo potere e a sconfiggere ciò che minaccia lei e i suoi compagni? Quali consapevolezze raggiungerà il gruppo?

Recensione – Stranger Things 4: l'inizio della fineIl cast è lo stesso della parte precedente di cui vi avevo già parlato. Non ci sono particolari cambiamenti ed ognuno ha interpretato molto bene la sua parte. Peccato solo che come epicentro principale sembra essere traslato tutto da Undici a Max e non è più ne Undi ne Will il fulcro della storia, il motivo del sottosopra e il panico generale e la cosa piace ma fino ad un certo punto. E’ comunque Undici ad aver creato tutto questo, è comunque Undici quella che ha i poteri, eppure sembra essersi traslato tutto l’hype su personaggi che in precedenza non gli sarebbe data una lira, come si sul dire.

In questo finale di stagione ci sono state diverse cose che ho fatto fatica a digerire e di cui vi parlerò immediatamente.

  1. Stranger Things4 Season4 GIF - Stranger Things4 Stranger Things Season4 -  Discover & Share GIFsLa durata delle puntate. Perché creare due puntate una da un’ora e mezza e l’altra da due ore e mezza facendo quasi peggio di un film, quando era sicuramente meglio fare una cosa più semplice e gestire il tutto suddividendo in più puntate? La cosa finisce quasi per essere pensante da vedere tutto assieme quando era facile poterla dividere per più punti? La cosa finisce per andare in netto svantaggio e crea un vero e proprio punto debole che ok, può piacere ma porta a una domanda: perché?

Joyce Byers Jim Hopper GIF - Joyce Byers Jim Hopper Stranger ...

2. Il finale di stagione davvero deludente. La prima parte della quarta stagione è stato un completo crescendo di informazioni e avvenimenti che lasciano con un completo hype e con il quale non si vede l’ora di cogliere il finale e sapere cosa succederà ai nostri amici e come sconfiggeranno il famigerato Vecna. Non accadrà nulla di tutto questo perché sarà pieno di scontri e simili ma ci lasceranno perplessi con ancor più indecisione di prima… visto che ci sarà una quinta stagione. Ma non doveva finire qui? Non avevano detto che questa sarebbe stata l’ultima stagione? Personalmente ho pensato che per la stagione avessero pensato e costruito due finali differenti in base a come fosse andata in onda la prima parte della stagione. Vista l’affluenza, la visione e l’aspettativa che ha creato la prima parte hanno fatto in modo di andare avanti per guadagnarci ancora di più. Ho avuto questa impressione e ne sono piacevolmente delusa, visto che mi aspettavo una chiusura coi controfiocchi e non quanto invece è accaduto.


gif: stranger things | Explore Tumblr Posts and Blogs | TumgirFinalmente apprezzato Hopper e Joyce che riescono a dare un senso alla loro storia, cosa che io ho adorato fin dagli albori e che era giusto venisse alla luce. Altro personaggio che nonostante sia partito col piede sbagliato, ha avuto la sua rivincita è Steve, apprezzatissimo dai fan in generale. Non ho capito per quale motivo i produttori optano sempre per la morte di qualcuno di esterno al gruppo – magari appena introdotto – per non sacrificare parte del gruppo. Eppure, ammetto che ci starebbe e non è del tutto fuori di dubbio che potesse accadere visto in mezzo a quanti pericoli si mettono in mezzo tutti quanti. Apprezzatissimo Eddie fin dalla prima puntata, è stato sicuramente un personaggio iconico per questa stagione.

Spero che con la quinta e ultima stagione non escano fuori dei flop micidiali e che finalmente si concluda la serie in tutto e per tutto perché sta andando troppo per le lunghe e la cosa finirà solo che male quando accadono cose simili. Voi l’avete apprezzata? Cosa ne pensate di quanto detto?


Cosa ne pensate? Potrebbe piacervi? L’avete vista? Fatemi sapere che ne pensate! Io come sempre vi aspetto.

A presto,

Sara ©

 

 

 

RECENSIONE SERIE TV # – UMBRELLA ACADEMY (Prima, seconda e Terza Stagione) SU NETFLIX.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Eccoci qui con una nuova recensione per voi di cui spero parleremo, perchè magari l’avete vista anche voi o magari la vedrete e potrete darmi una vostra opinione al riguardo. Se non l’avete vista magari potete recuperarla. Ecco che ve ne parlo in generale e nelle sue varie stagioni:

61g-aaeh9nl._ac_sy679_Titolo: The Umbrella Academy
Numero di stagioni: 3
Genere: commedia nera, drammatico, fantascienza, supereroi, fantastico
Episodi30 (10 per stagione)
Anno2019 – in produzione
Durata40-60 min (episodio)
Trama: Dopo la morte del padre, alcuni fratelli e sorelle con poteri straordinari si riuniscono e vengono a conoscenza di sorprendenti segreti di famiglia, oltre alla notizia di una minaccia imminente per l’umanità.

TRAILER


RECENSIONE

Dead and Loving It! Justin Min on Ben Hargreeves, Robert Sheehan & the  Diversity of Umbrella AcademyLa storia ha inizio il 1º ottobre 1989 giorno in cui 43 donne in tutto il mondo partoriscono  contemporaneamente, nonostante nessuna di loro avesse mostrato alcun segno di gravidanza sino all’inizio del travaglio. Reginald Hargraeeves, miliardario eccentrico decide di adottarne sette creando una squadra di ragazzini dotati di super poteri tutti particolari. Tanti anni dopo, Reginald muore e questo richiama i suoi figli a casa ma sembrano essere soltanto cinque visto che uno di loro, Ben il numero Sei, è morto quando era un bambino e numero Cinque (con il potere del teletrasporto) è scomparso da diversi anni ormai. Ci sono Luther, scimmione super forzuto e numero Uno, Diego è il numero due abile coi coltelli e armi, Allison con il potere di far fare agli altri quello che vuole se pronuncia delle frasi è la numero Tre, poi c’è Klaus che è il numero quattro e parla e vede i morti e il numero Sette, Vanya, che sembra apparentemente non avere poteri. Tutti insieme nella stessa casa dopo diversi anni che non si vedevano, riuniti per il funerale del padre e questo evento finirà per sconvolgere completamente le loro vite sia a livello emotivo che a livello fisico. E per non farsi mancare nulla, tornerà numero Cinque dal futuro e dirà che fra dieci giorni ci sarà l’Apocalisse.

Cosa cambierà nella vita dei sette fratelli? Cosa succederà tra tutti loro e cosa cercheranno di fare per cambiare il tempo e fermare l’apocalisse? Come cambieranno tra di loro i rapporti?

The Umbrella Academy - Il compositore rilascia dettagli sulla stagione 2Il cast è vario e tutti i fratelli fra di loro non sono uniti, ne sono amichevoli. Non vanno per niente d’accordo e non sono dei fratelli particolarmente uniti, anzi tutt’altro. Hargraeeves ha sempre cercato di dividerli e metterli l’uno contro l’altro e loro hanno fatto il suo gioco, crescendo soli uniti solo dal nome della Umbrella Academy, la casa in cui vivono e la squadra di cui facevano parte un tempo. I personaggi e le storie sono separate per ogni fratello – a parte Luther ed Allison che almeno nella prima stagione sembrano amarsi in qualche modo. A spiccare più di tutti e a dare un senso a tutte le cose, così come a creare scompiglio, alla fin fine è sempre e solo un numero: Cinque. E’ lui che porta avanti la storia generale e le varie stagioni perchè se non fosse per lui, tante cose non sarebbero neanche accadute. Vanya dall’alto lato, fa del suo visto la sua scoperta di poteri non indifferente, che finirà per mettere in difficoltà tutti gli altri fratelli. Numero Cinque è un vero portento: è un sessantenne nel corpo di un adolescente e l’interpretazione dell’attore è davvero fenomenale sia per quanto riguarda la postura generale, sia per il modo di porsi e di comportarsi. E’ un personaggio eclettico, fuori dalle righe e unico nel suo genere, non potrete non apprezzarlo. Gli altri personaggi, in confronto, finiscono per essere di contorno perché non spiccano come lui ma soltanto per creare o ulteriore disagio o stupidità alternativa.

GIF by The Umbrella Academy - Find & Share on GIPHYNel corso della prima stagione tutti i personaggi erano ben strutturati e delineati, molto più di quanto invece accade a partire dalla seconda stagione e andando avanti nella terza stagione. Nel corso delle altre stagioni finiscono per essere quasi stupidi tutti gli altri e oltre a farti ridere per qualche cavolata, finiscono per lasciare perplessi chi guarda perché erano nati leggermente più seri e finiscono nel declino più totale. Ho apprezzato davvero tanto Cinque, e ho amato Ben dalla prima alla seconda stagione che vede solo Klaus ed è la sua voce saggia, essendo Klaus un alcolista, drogato e chi più ne ha più ne metta.


La prima stagione.

La storia parte da ciò che vi ho illustrato prima, niente di più niente di meno. Ho trovato, fra le tre stagioni, che questa sia la migliore sia per via dell’intro di tutti i personaggi, sia per la storia stessa che si focalizza sulla fine del mondo vista e vissuta da Cinque per tantissimi anni con varie e relative spiegazioni che si ripercuoteranno su tutta la famiglia, come sul mondo in generale.

Umbrella Academy Netflix GIF - Umbrella Academy Netflix Luther Hargreeves -  Discover & Share GIFsLa storia d’amore fra Luther e Allyson. Nonostante ho letto in diversi frangenti che questo per molti è stato percepito quasi come un incesto, visto che nonostante siano adottivi i due fratelli siano cresciuti nella stessa casa e si reputino fratelli, ho trovato il loro legame – fin dal principio – qualcosa per cui ne valeva la pena lottare e dal quale poteva uscirne qualcosa di carino. Per rispetto degli utenti e generalmente di fronte al fatto che comunque questi si reputino fratelli la cosa ha subito delle modifiche e nel corso delle seguenti stagioni la cosa andrà a cambiare e ognuno dei due riuscirà a costruirsi qualcosa di personale, rispettando l’altro e ricordando con piacere il passato.

Umbrella Academy Vanya Hargreeves GIF - Umbrella Academy Vanya Hargreeves  Ellen Page - Discover & Share GIFs

L’emarginazione di Vanya. Vanya è sempre rimasta fuori dal gruppo dei suoi fratelli perché apparentemente sembra non abbia alcun tipo di potere. Ai margini, assieme a Reginald se ne stava a cronometrare i fratelli o ad esercitarsi sul violino, cosa di cui lei non riesce a fare a meno. Potremo notare subito, però, che Vanya prende delle medicine che tendono a tranquillizzarla e come le smette cominciano ad accadere delle strane cose. Questa emarginazione segna un po’ chi vede e ci si lega molto al personaggio che è sia risentito con i fratelli, che arrabbiato con il padre per tutto ciò che ha subito nella sua vita quando finirà per scoprire tutta la verità.

La dipendenza di Klaus. E’ un punto focale all’interno della storia visto che nasce nella prima stagione, si evolve e cambia andando avanti nel corso delle stagioni. E’ una cosa ben costruita ma a lungo andare fastidiosa perché mina sia gli altri fratelli, che rende il personaggio quasi del tutto inutile. La cosa carina è che finisce, nel corso delle stagioni per scoprire nuovi lati del suo potere che lo rendono di sicuro più forte anche davanti agli altri.

L’organizzazione su cui si fonda tutto. Nonostante ci sia il cattivo per eccellenza, è fantastico come anche i personaggi negativi e “cattivi” vengano resi più umani per via di alcune scelte che prendono nel corso delle stagioni: si guardi Chacha e il suo compare o la donna che recluta Cinque (questa non tanto nella prima stagione ma avrà qualche cedimento nella seconda).


La seconda stagione.

Umbrella Academy Powers - What Kind of Powers Does The Umbrella Academy  Have?I personaggi finiscono per sembrare più idioti di prima. Non che nella prima stagione nascano altamente intelligenti, anche perché molte cose sono ironiche e fanno ridere, altre sono più serie e decisive. In questo l’ho trovato ben equilibrato sicuramente, però in alcuni contesti poteva essere reso migliore, a mio modesto parere.

Apprezzate le sotto trame relative ai sentimenti dei vari personaggi e l’epoca in cui la storia viene ambientata. Catapultati tutti in anni differenti ma comunque vicini, i personaggi hanno modo di cominciare a costruirsi una vita indipendente dagli altri fratelli. Questo ha fatto in modo che sbocciassero alcuni personaggi che in precedenza si erano notati poco: si guardi Allison ad esempio, che viene presa da suo marito e dal movimento dei neri, che in quell’epoca venivano denigrati e messi da parte. Apprezzata anche Vanya che comincia a riscoprire i suoi sentimenti e lavora sulla sua sessualità in modo da aprire le porte per la terza stagione in cui si presenterà come Victor (l’attore è trasgender e ha fatto il passaggio nel mezzo tra la seconda e la terza stagione quindi successivamente noteremo il cambiamento). Ben, in questa seconda stagione fa il suo exploit e amerete questo personaggio all’interno di questa seconda stagione.

Five Hargreeves Umbrella Academy GIF - Five Hargreeves Umbrella Academy -  Discover & Share GIFsL’ambientazione merita anche se alcune cose necessitavano di qualche spiegazione in più a livello temporale. Ok, l’Apocalisse, ok la seconda Apocalisse e ok tutti i sbalzi temporali ma con tutto questo marasma qualcosa finisce per perdersi e ho trovato ancora più confusione andando avanti, specialmente nella terza stagione che avanza più domande che risposte rispetto a quante ce ne siano.


La terza stagione.

First of all, what exactly is The Sparrow Academy? | Academy, Umbrella,  SparrowLa Sparrow Academy è un flop micidiale. Nonostante sia stata introdotta questa Academy che ha i stessi numeri dei protagonisti e vive nella stessa abitazione dei precedenti, trova dei personaggi che oltre ad essere dei sbruffoni hanno dei poteri strani e alcuni quasi più forti dei protagonisti della serie. Ho trovato i tipi davvero sconclusionati e l’unico che merita qualcosa è soltanto Ben – che nonostante sia totalmente differente da quello che abbiamo conosciuto fino ad ora – è l’unico collegato al resto della famiglia. Non sono riuscita a dare un senso effettivo al cubo che sarebbe stato migliore se da cubo fosse stato solo in modalità utilizzo di poteri e umano nel resto del tempo. Invece no e la cosa ha disturbato perché non riuscivo a dare un effettivo senso al tutto. In più la famiglia, oltre ad avere caratteristiche, in qualche modo simili ai personaggi principali, ha fatto il contrario di come siano i protagonisti principali: hanno sedato il padre con pasticche, quando la nostra Umbrella era messa sotto torchio dal padre e ne aveva anche paura.

L’accettazione e il cambio di Vanya in Victor. Ho apprezzato tantissimo la naturalezza con cui i fratelli non si sono fatti alcun tipo di problema ad accettare Victor e il cambiamento subito. Nonostante Vanya nella prima stagione sia risultata quella vessata e messa da parte dal resto della famiglia per la sua apparente mancanza di poteri e per colpa di suo padre che la metteva da parte, tutti si sono mostrati comprensivi, dolci con lui nella sua scoperta di sessualità e nel suo cambio fisico.

Il personaggio di Allyson finisce per diventare odioso e Luther con il matrimonio finisce per sembrare ancora più idiota delle stagioni precedenti. Ho apprezzato invece l’introduzione di Lila all’interno della struttura famigliare integrandosi benissimo con il resto della combriccola e, senza fare troppe domande, si rende partecipe e aiuta tutti solo per amore. 

La confusione generale dovuta dal finale di stagione e dalle spiegazioni inefficaci, finite sospese in attesa – forse – di una quarta stagione. Non ho capito benissimo il finale che da un lato sembra finire così, dall’altra ci sono troppe spiegazioni rimaste sospese e spero vengano chiarite con una nuova stagione.


La storia generale, almeno per come si pone la prima stagione, ha dell’interessante e si cerca di comprendere al massimo sia cosa possa portare all’Apocalisse, sia il legame dei personaggi principali e di tutto ciò che è rimasto loro dal padre adottivo. La trama, almeno da questo punto di vista è stata apprezzata ed ho trovato la prima stagione, la migliore fra le tre almeno a livello di trama e di storia. La seconda ancora ancora reggeva bene, la terza è stato un declino allucinante. Non so se la storia si mantenga così anche all’interno dei fumetti – cosa che non tarderò a leggere perché sono curiosa e potrò fare un confronto lineare e deciso fra le due, valutando anche i vari personaggi e come il tutto sia stato o meno mantenuto.

Consiglio la visione della serie per chi ama le storie di eroi con superpoteri e storie originali, fuori dalle righe e ricche di colpi di scena. E’ una serie TV leggera e impegnativa allo stesso modo, vi spiazzerà e apprezzerete il tutto, ne sono certa.

Umbrella Academy GIFs with Sound | Gfycat


Cosa ne pensate di questa serie? Potrebbe piacervi, fare al caso vostro? Fatemi sapere ovviamente. Io spero possa fare al caso vostro.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE SERIE TV – HEARTSTOPPER (Prima Stagione) SU NETFLIX.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io sommariamente bene! Sono qui per portarvi una nuova recensione, questa volta di una serie TV che mi sono tolta tutta d’un fiato perchè non ho resistito e perchè volevo recuperarla assolutamente. Occorre cogliere l’attimo ed è quello che ho fatto. Vi parlo di questa serie di cui ho letto i volumi della graphic novel in precedenza e vi aspetto:

heartstopper-posterTitolo: Heartstopper
Lingua: Italiano

Piattaforma: Netflix
Stagione:
Episodi: 8
Durata Media: 26-33 minuti (episodio)
Trama: Gli adolescenti Charlie e Nick scoprono che la loro improbabile amicizia potrebbe essere qualcosa di più mentre navigano tra la scuola e il giovane amore.

TRAILER


RECENSIONE

Heartstopper GIF - Heartstopper - Discover & Share GIFsLa storia ha inizio con Charlie che come al solito ha appuntamento con Ben, nella biblioteca della scuola. Spera come sempre che lui possa dichiararsi e dire di essere il suo ragazzo ma dentro di sé sa che non cambierà mai e che si sta approfittando della situazione. Nel frattempo, quando si reca in classe, Charlie siederà vicino a Nick, uno dei belli e popolari della scuola. I due non si sono mai parlati ma, dal momento in cui si ritrovano diventano subito ottimi amici. Tutti sanno che Charlie è gay e, nonostante sappia che Nick sembra essere del tutto etero non riesce a smettere di pensare che forse ha una speranza.

Ma sarà realmente così? Cosa prova davvero Nick? Quali sentimenti verranno messi in discussione? Cosa succederà a Nick e Charlie e agli amici che li circondano?

heartstopper spoilers from are you real? on We Heart ItDopo aver letto i volumi relativi alla serie in questione posso dirvi che, oltre al cast che è fenomenale e rispecchia tantissimo tutti i personaggi presenti all’interno della serie e sono dal primo all’ultimo meravigliosi, che la serie rispecchia in tutto e per tutto ciò che si trova all’interno della graphic novel. Ho apprezzato l’intero cast: da Charlie che è dolcissimo a Nick che sembra un dolce orsacchiotto tenero, ci sono anche Tao – il migliore amico di Charlie -, El che prima era loro amico ed ha fatto la transizione ed è diventata una ragazza. Ci sono le due amiche e compagne di scuola di El e gli amici di Nick, che cominciano a creare dei veri e propri disordini in determinate situazioni.

Kit Connor Heartstopper GIF - Kit Connor Heartstopper Series - Discover &  Share GIFsLa serie prende piede molto bene e si sviluppa dolcemente, proprio come è stata sviluppata la graphic novel. Ogni tanto troviamo delle foglioline colorate e disegnate o dei cuoricini che passano così come, a volte, le immagini vengono inframezzate o divise come un fumetto. Ho trovato questa cosa una vera e propria genialata. Il peccato è che queste puntate siano durate poco e che sia volata la visione di questa serie, proprio perché avrei voluto vedere sempre di più vista la dolcezza delle scene, degli attori e della serie stessa.

1000+ images about cinématique on We Heart It | See more about gif,  euphoria and the green knightLe tematiche affrontate sono tante e, come per le graphic novel, vengono esposte benissimo. Sono chiare, trasparenti e ben composte. Ci sarà del bullismo verso Charlie, visto che viene spesso preso di mira sia a scuola che successivamente dagli amici di Nick. Essendo l’ambiente unicamente maschile vengono dette cose sia su di lui, che sulla sua fisicità come sulla sua sessualità e Charlie sembra esserne rassegnato, cosa che non dovrebbe essere per nulla normale. Il tutto è reso molto bene e l’attore rende molto bene sia nel disagio che prova, sia l’interpretazione che da a tutto il contesto.

Altri temi importanti? L’amicizia, che è fondamentale: basta guardare Tao per Charlie e il suo gruppo di amici di cui lui sa di potersi fidare ciecamente. Heartstopper Ratatoonie GIF - Heartstopper Ratatoonie Charlie Spring -  Discover & Share GIFsE’ bello poter contare su qualcuno che non ci tradirebbe e che c’è sempre per qualsiasi cosa. E’ importante e anche Charlie deve imparare a fare la sua parte visto che a volte rischia di perdere anche quel poco che ha. Ma fa parte della storia e ci sta. Altro tema è la scoperta di se stessi, il coming out e la sessualità di Nick così come il tema LGBTQ+ anche per quanto riguarda una degli amici di Charlie. Provando dei sentimenti per Charlie, Nick si mette in discussione e mette tutto sotto i riflettori quindi c’è anche questo. E’ tutto unico e importante oltre che tenero e nella sua semplicità è efficace.

La serie è riuscita a donare la stessa dolcezza e tenerezza così come l’amore che mi ha donato la graphic novel e ne sono davvero contenta perché ci speravo fin dall’inizio anche se non mi aspetto mai molto dalle trasposizioni cinematografiche dopo aver letto i libri. In questo caso devo dire che è stato fatto tutto molto preciso, al dettaglio e minuzioso rendendo speciale ogni singola cosa che accade all’interno della serie. Consiglio la visione prima o dopo la graphic novel, se non vi fate problemi, anche perchè questa prima stagione riguarda gli eventi del primo volume e forse qualcosina del secondo, se non sbaglio ma non di più.

Heartstopper Couple GIF - Heartstopper Couple Nick - Discover & Share GIFs


Cosa ne pensate di questa stagione? L’avete vista? Spero la guarderete perché merita davvero molto e che leggiate i volumi se non l’avete ancora fatto.

A presto,

Sara ©

 

 

 

RECENSIONE SERIE TV # – LA REGINA DEGLI SCACCHI SU NETFLIX.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Cosa mi dite? Spero tante cose belle! Sapete giocare a scacchi? Io un po’ ma non sono di certo un’esperta. So qualche regola quanto basta per giocare. Se, però, vi piace potete tentare questa serie e farvi ammaliare dai piccoli occhi furbi di Elisabeth. Ve ne parlo subito:

71pldpxk0ylTitolo: La regina degli scacchi
Piattaforma: Netflix
Puntate: 7
Durata: 50 – 60 min circa
Lingua: Italiano
Trama: La piccola Beth, confinata in un orfanatrofio, individua come unica via di fuga dalla realtà il gioco degli scacchi. I successi sulla scacchiera, tuttavia, non risparmiano a Beth la necessità di combattere contro i propri demoni.

TRAILER


RECENSIONE

Pin su Let's talk about TV seriesLa storia ha inizio quando Beth è solo una bambina e viene portata in macchina all’orfanotrofio, dopo la morte di sua madre. Per diverso tempo vive lì o impara a sopravvivere tra tranquillanti che la confondono, trova una ragazzina sfrontata come amica e il custode dell’orfanotrofio che fa uno strano gioco, nei sotterranei: gli scacchi. Non conosce nulla di questo gioco ma riesce a convincere il custode ad impararle a giocare e lei è disposta a non arrendersi, a non perdere e ad imparare quanto più possibile da questo gioco, ogni segreto e ogni cosa che può darle ciò che ha perso.

Cosa succederà a Beth, una volta che si dimostra perspicace e molto intelligente nei confronti di questo gioco? Riuscirà a diventare una scacchista famosa, la prima a giocare fra gli uomini? Riuscirà a trovare una famiglia che l’adotti? Cosa ne sarà di lei e delle sue dipendenze?

La regina degli scacchi, copia i look più belli della serie di NetflixLa serie è stata tratta dal libro omonimo che è uscito poco tempo prima dell’uscita della serie stessa. Ancora non ho letto il libro ma conto di recuperarlo presto, questo è poco ma sicuro e vi parlerò anche di quello. Posso dirvi che, nonostante inizialmente non ero molto convinta di vedere la serie, ne sono rimasta sorpresa ed è finita per piacermi molto più di quello che pensavo.

I personaggi che vengono a crearsi all’interno di questa serie si strutturano in maniera piuttosto semplice, a fasce d’età, e in base a ciò di cui ha bisogno Elisabeth, la protagonista principale. La regina degli scacchi, copia i look più belli della serie di NetflixDa bambina ha vicino la sua amica che la istruisce su come funzionano le cose all’interno dell’orfanotrofio e simili e trova la figura del custode, come il padre che non ha mai avuto. Nella fase della pubertà ha finalmente una madre che è anche un’amica e si interessa a lei e a cosa fa, seppur non ci capisca nulla. Quando è più grande trova Ben e così tutti i ragazzi che hanno giocato con lei che la supportano, sapendo il suo passato difficile e burrascoso. Tutti i personaggi che la circondano sono studiati ad Hoc e sono funzionali a ciò che succede all’interno della storia.

La regina degli scacchi", la serie da scacco matto su Netflix -La tematica degli scacchi è importante, così come il fatto che Beth giochi solo per vincere: in primis perché non ha nulla da perdere poi perché nella vita ha già perso abbastanza e ha deciso che non vuole perdere più. E’ questa volontà che la spinge sempre più in alto, anche se finirà anche per subire qualche sconfitta, che le servirà per crescere, così come tante altre cose. Importante anche la tematica del sesso e del ciclo, che all’interno vengono trattate senza alcun timore o remora e la cosa mi ha fatto davvero molto piacere. Siamo donne e molto spesso questo viene messo in secondo piano, seppur faccia parte costantemente della nostra vita. Lo sviluppo del personaggio è avvenuto sotto tutti i fronti ed è giusto che sia così.

La tematica della dipendenza delle pillole e dell’alcool non danno un buon esempio, specialmente in giovane età. Però fanno parte del percorso di Beth e la rendono un personaggio particolare, dall’aria svampita e che non si fa molti problemi davanti agli altri. E’ molto difficile aprirsi quando si è giovani, ben che meno quando si è adulti e ciò che ha subito e passato Beth è difficile da comprendere se non si ha mai passato una situazione difficile come la sua. Con questo non voglio giustificare ma in un mio familiare c’è stata una dipendenza (alcool) e posso assicurarvi che la cosa è tutt’altro che semplice se non si ha la volontà ne la forza di superarlo.

La Regina degli scacchi: Recensione | Ho trovato che questa serie sia stata ben strutturata nella sua complessità e ci mostri sia le tecniche del gioco degli scacchi (senza esserne troppo pressanti) e tutto ciò che ne deriva e l’ho trovata sia scorrevole che rapida. In effetti le puntate non sono molte e la durata finisce per essere nella media, quindi vi consiglio la visione se almeno una volta avete giocato a scacchi. L’ho trovata molto carina sia per il gioco in sé sia per lo sviluppo del personaggio, che alla fine riesce a colpire chi guarda, tifando per lei e sperando che possa in fin dei conti riprendere in mano la sua vita. Una serie che vi consiglio.


Cosa ne pensate di questa serie? L’avete vista? Cosa ne pensate? Fatemi sapere, io vi aspetto come sempre.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE SERIE TV # – STRANGER THINGS, Quarta stagione (parte prima) SU NETFLIX.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Buon inizio di settimana con questa stagione che ho davvero apprezzato stavolta e di cui sono felice di parlarvi. Avete visto la serie? Avete recuperato questa stagione? Io spero lo facciate al più presto:

stranger_things_logo

Nome serie: Stranger Things 4 (parte uno)
Piattaforma
: Netflix

Stagioni: 4
Episodi: 9 ( i primi 7 già disponibili, gli ultimi due in uscita il 1 Luglio
Durata: 1 ora minimo circa a puntata

Genere: Fantascienza
Trama: Joyce, Will e Jonathan si sono trasferiti in California, portando con loro anche Undici. L’esercito americano vuole però impossessarsi di nuovo della ragazza, per utilizzarla in scopi militari, di fronte ad una nuova guerra soprannaturale con l’epicentro localizzato ad Hawkins.

TRAILER

RECENSIONE

i wanted her to look at me. - Tumblr GalleryE’ la primavera del 1986, nove mesi dopo gli avvenimenti dello Starcourt Mall, il centro commerciale dove si è consumato lo scontro finale contro il Mind Flayer, dove Billy è morto e Undici ha perso i suoi poteri. Hopper è imprigionato tra le montagne innevate della Kamčatka, intrappolato e trattenuto in una base sovietica, Undi – che si fa chiamare Jane – assieme a Mike e Jonathan dopo esseri trasferiti si sono integrati nella loro nuova vita, mentre Mike e gli altri che sono rimasti ad Hawkins cercano di cavarsela in qualche modo. Nonostante questo, ci sono strani avvenimenti che cominciano a capitare ad Hawkins: dei giovani ragazzi vengono uccisi brutalmente dall’interno e rischia di finire dentro questo vortice anche qualcuno dei nostri protagonisti.

Cosa succederà ad Hawkins? Qual è il nuovo pericolo che si nasconde e chi sta manovrando ogni cosa? Riusciranno i ragazzi a scoprirlo e a combatterlo? Riuscirà Hopper ad uscire dalla prigione russa e a tornare dai suoi amici?

Stranger Things Stranger Things Season4 GIF - Stranger Things Stranger  Things Season4 Stranger Things Eleven - Discover & Share GIFsLa storia segue la scia delle stagioni precedenti e struttura un nuovo cattivo all’interno della trama che all’inizio non si riesce a comprenderne davvero i motivi, ne del perché non si sia mosso prima – visti tutti i precedenti che vengono imposti poi alla fine di questa stagione. La storia è molto buona, molto meglio anche delle storie precedenti (almeno la seconda e la terza stagione) e si vede che il budget utilizzato è sicuramente migliore. La cosa che mi ha lasciato un po’ perplessa è l’utilizzo del mostro – Vecna – e la spiegazione che viene data lui e che spero ci dia uno spiraglio finale degno di questa serie, completandola davvero al massimo delle sue capacità.

Stranger Things GIFs - Get the best GIF on GIPHYIl cast utilizzato è lo steso delle stagioni precedenti con qualche eccezione molto blanda e leggera, che non influirà particolarmente sui personaggi. Ho apprezzato molto Eddie Munsen, nerd esaltato che rischia di essere accusato di omicidio per colpa del mostro che si aggira di nascosto all’interno della cittadina ma nel sottosopra, penetrando nella mente. Avremo anche volti noti come Jamie Campbell Bower, che ha fatto serie piuttosto famose – si guardi Shadowhunter – e l’attore di Victor Crill, interpretato dall’attore che fa Eddie Crueger (Nightmare). Insomma ci sono diversi volti noti e la serie, nella sua conclusione tenta di dare il meglio di sé, ma i migliori continuano a rimanere i giovani ragazzi ormai adolescenti che fin dalla prima stagione ci accompagnano. Le mie preferite continuano ad essere Undici e Max, a cui mi sento molto vicina e apprezzo molto anche Steve che dalla prima stagione è cambiato tanto, così come Robin. Undici diventa da forte ed eroina a debole bullizzata, cosa che vi farà intenerire e vi farà venir voglia che questa riprenda i suoi poteri per fare qualche bel culetto a strisce, altroché.

Season4 Season4stranger Things GIF - Season4 Season4Stranger Things Clock Stranger  Things - Discover & Share GIFsC’è un ulteriore punto a favore, ovvero la colonna sonora utilizzata e le canzoni inserite, che per l’epoca sono sia corrette che coinvolgenti – si veda Running up that hill che ha sfondato poi le vette delle classifiche solo per essere stata inserita all’interno della serie. Ti viene voglia di ballare e a volte anche di cantare, perché chi ha genitori che sono cresciuti in quegli anni, conosce anche le canzoni che ne derivano.

Dall’altra parte, vi è un punto a sfavore, ovvero la durata delle puntate che finisce per essere devastante, creando dei mini film. L’ultima puntata di questa prima parte finale è di un’ora e quaranta, così come saranno le prossime due ad uscire – ancora più lunghe. Posso capire tutto quello che volete ma la possibilità di dividere il tutto c’era e allora mi domando perché non sia stata sfruttata e sia stata mantenuta così com’è. E’ troppo lungo così e va a svantaggio di chi dice mi guardo una puntata in serenità e in un’oretta massimo, perché non si riesce a finire e si deve avere parecchio tempo a disposizione.

Best Stranger Things GIFs | GfycatA parte questo, ho apprezzato tantissimo la stagione, che si sta concludendo nel migliore dei modi ed è una delle stagioni che ho apprezzato maggiormente. Spero che possiate apprezzare anche voi e che avete visto la serie, perché merita davvero tanto, regalandoci un tuffo negli anni 80 e 90 negli abiti, nel world building e in tutto ciò che compone questa serie. Apprezzati gli Easter Egg e il fatto che si parli anche di relazioni omosessuali, che ai tempi erano viste ancora male così come tanti altri temi e il fatto del gioco Dungeons&Dragons. Consiglio la visione della serie se non avete ancora mai cominciato e la visione di questa stagione perché merita assolutamente.


Cosa ne pensate? Potrebbe piacervi? L’avete vista? Fatemi sapere che ne pensate! Io come sempre vi aspetto.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE SERIE TV # – RUSSIAN DOLLS SEASON 2, SU NETFLIX.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui di nuovo con una nuova recensione per voi. Questa settimana parto con una serie TV che ho concluso in settimana e di cui volevo parlarvi anche per avere un’opinione differente dalla mia. Siete curiosi di sapere di cosa sto parlando e cosa ne penserò? Ecco a voi:

russian-doll-stagione-2-2022-posterTitolo: Russian Doll
Stagioni: 2
Episodi: 7
Generecommedia nera
Durata25 min circa (episodio)
Piattaforma: Netflix
Trama: Ambientata quattro anni dopo che Nadia (Natasha Lyonne) e Alan (Charlie Barnett) sono scampati insieme al loop temporale della mortalità, la seconda stagione di Russian Doll continua a esplorare tematiche esistenziali attraverso una lente fantascientifica e spesso umoristica.

TRAILER


RECENSIONE

russiandoll's GIFs on Tenor

La storia di Nadia e Alan questa volta esplora una tematica del tutto differente a quanto accaduto nella prima stagione. Siamo quattro anni dopo gli eventi che sono accaduti nella prima stagione e i due si sono ripresi a malapena dalle loro continue morti che hanno sulle spalle. I due sono rimasti amici e si confidano anche nel momento in cui un treno invece di portarli a destinazione finisce per portarli al tempo dei loro genitori che anch’essi prendevano quello stesso treno e a vivere la loro vita. Nadia si ritrova a indossare i panni di sua madre e di sua nonna pur rimanendo se stessa così come Alan.

Ma è possibile cambiare il passato? Quali risvolti avrà sul loro futuro? Cosa cambierà per Nadia e Alan, questo continuo viaggio sui treni che li porta a cambiare il tempo, le azioni e persino loro stessi?

Wearing My Shades Nadia Vulvokov GIF - Wearing My Shades Nadia Vulvokov  Russian Doll - Discover & Share GIFs

La storia, almeno rispetto a quella iniziale, molto più macabra e noir nonostante sia ironica e con un linguaggio forbito, con cui Nadia mantiene il pezzo e la scena per tutta la serie, ci fa vedere Nadia sotto un aspetto totalmente differente e ci pone davanti un cambiamento, della maturità. Il personaggio di Nadia, infatti, nonostante non ami particolarmente questi soggetti, rende bene e il ruolo le si addice sia nei modi che nella struttura generale della storia. L’attrice è davvero molto brava nel suo ruolo, su questo non c’è dubbio, anche se a volte il suo noir e il suo humor finiscono per essere anche un po’ troppo pesanti ( ma quello è parte del personaggio e non dell’attrice, sia chiaro).

Alan, rispetto alla prima stagione che era leggermente più presente e più dinamico, finisce per essere quasi un suppellettile, quasi di troppo. Infatti si, viene raccontata anche la sua storia e il suo passato ma non c’entra nulla con il contorno e con il contesto di Nadia e finisce per essere quasi un più non indispensabile e per nulla necessario. E la cosa mi è dispiaciuta visto che è il personaggio che ho preferito nella prima season. Ho trovato, infatti, molto più interessante e carina la storia dei parenti di Alan, visto che la madre e la nonna mettevano in evidenza la storia del muro di Berlino e il fatto dei neri in tempo di guerra.

Russian Doll Season 2 Trailer (2022)Il personaggio che qui ho amato è stato quello di Ruth, già fondamentale nella prima stagione, visto che è la confidente numero uno di Nadia e quella che è le è stata come una madre. E’ un personaggio che è dolcissimo e si lascia amare puntata dopo puntata e si avrà, in questa stagione, la possibilità di conoscerlo anche durante la sua giovinezza e nel suo rapporto con la madre di Nadia, Nora.

gif: russian doll | Explore Tumblr Posts and Blogs | TumgirLa cosa che più di tutte mi ha lasciato perplessa, di questa stagione, è la tematica e il messaggio. Inizialmente non si capiva dove volesse andare  a parare con questo nuovo discorso del passato e del fatto di prendere i panni dei propri genitori, anche perché è ben noto che cambiare il passato non porta mai nulla di buono (e infatti finisce per essere così). Ma non è solo questo, mano a mano che si prosegue nella visione si prende coscienza del perché questo sta avvenendo, cosa che sull’impatto dei personaggi funziona eccome. Il problema è il vero e proprio messaggio che viene trasmesso, che finisce per essere altresì banale e scontato. Ho finito di vedere la stagione dicendo fra me e me: “Sul serio? E’ così banale la questione?”

alan zaveri | Explore Tumblr Posts and Blogs | TumgirE’ pur vero che, anche la prima stagione non è che trattasse una tematica così originale e innovativa, però mi aspettavo un qualcosa di più, di cui sono rimasta delusa da una parte e non troppo delusa dall’altra. Anche perché dopo aver visto il trailer di questa seconda stagione non sono partita troppo entusiasta, visto che non mi ha preso particolarmente.

Consiglio la serie? Nel suo complesso non è male, perché gli attori sono bravi e spingono chi vede a proseguire nella visione per vedere dove si vuole andare a finire con tutto ciò che accade. Quindi sotto un certo punto di vista la consiglio. Sotto il punto di vista dell’originalità, invece, non tantissimo. Però non lo reputo tempo sprecato, è stata un passatempo simpatico e ben strutturato complessivamente.


Cosa ne pensate di questa serie e di questa seconda stagione? L’avete vista? La vedrete? Fatemi sapere, io come sempre vi aspetto, ovviamente.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE SERIE TV # – ELITE (Quinta stagione) SU NETFLIX.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

La serie ormai sta prendendo una piega fin troppo assurda ma si va avanti, quindi ero semplicemente curiosa di sapere com’è. NB: Per chi non ha visto la stagioni precedenti vi consiglio di non leggere questa recensione perché ci sono degli spoiler obbligati. Ecco qui che vi parlo di questa quinta stagione:

1835_5Titolo: Elite
Stagione: 5
Episodi: 8
Durata: 50 min circa

Trama: Un nuovo semestre a Las Encinas significa nuovi triangoli amorosi, nuovi studenti, nuove regole… e un altro misterioso crimine.

TRAILER


RECENSIONE

elitenetflixsource — matteosflorenzi: Ester Expósito as Carla Rosón...La storia riprende esattamente dove l’abbiamo lasciata alla fine della stagione precedente. Gùzman ha ucciso Armando che aveva sedotto Mencìa e ha provato a fare del male a sua sorella Auri. Samu e Rebeka avevano cercato di aiutare Gùzman nascondendo il corpo e quest’ultimo se n’è andato assieme ad altri personaggi delle vecchie stagioni. Così rimangono il nuovo preside e i suoi figli, Samu, Rebe e Omar, Cayetana, il principe Philip e due nuove new entry: Isadora, la regina di Ibiza, e Tony, figlio di un calciatore. Gli intrighi sentimentali non mancheranno di certo all’interno della scuola e come al solito si sviluppano nel corso della storia e della trama ma tutto si complica quando il corpo di Armando torna a galla.

Cosa succederà adesso? Come faranno ad insabbiare tutto? Chi risponderà di tutto ciò che è accaduto, visto quanto accaduto alla famiglia del preside e visto quanto il preside era invischiato in affari con Armando?

Isadora GIFs - Get the best GIF on GIPHYI personaggi nuovi non hanno nulla che non avevano anche i precedenti, anzi aggiungono ulteriori problemi. Isadora è la classica ragazza viziata e sola, che vive in hotel lussuosi perché abituata alla bella vita e fa uso di sostanze stupefacenti visto il fatto di essere l’imperatrice e DJ molto famosa di Ibiza. Tony è un ragazzo che inizialmente si presenta l’esatto contrario di suo padre: studioso, serio e non amante delle feste. Quando incontra Patrick nella scuola tutto finisce per essere differente e finisce per mettere in ballo anche la sua stessa sessualità.

HIATUS — melis-ash: Elite season 4 trailer CayetanaLa storia, rispetto alle stagioni precedenti, sussegue la precedente e aggiunge solo pochi personaggi, non scombinando troppo la questione. Le tematiche che invece sono state utilizzate finiscono per andare sempre più nel trash assoluto, mettendo anche argomenti particolarmente pesanti in discussione. Isadora difende Philip per via dell’accusa di stupro quando lui sa benissimo di essere colpevole e per salvaguardare il tutto gli autori decidono di farlo passare anche per quello bravo, in un secondo frangente della storia. Questo punto è stato quello che mi ha lasciato più perplesso di tutti, e ha fatto cadere la serie sempre più nel baratro. 

La Biblioteca de la Bella e la Bestia: Speciale Netflix: Élite (stagione 1)Per non parlare del personaggio di Samuel, che nasce con dei principi nella primissima stagione e cominciamo a perdercelo sempre di più con il passare delle stagioni. Il suo personaggio diventa inconsistente, passa da una cosa all’altra in base alla convenienza, non sa realmente cosa voglia dire amare perché si fa corrompere dalla prima cosa che gli capita a tiro, basta che respira e non riesce a mantenere in piedi neanche le amicizie buone. Passa dalla sorella di Guzman a Carla a Ari, e non riesce ne a mantenerne una seriamente, ne ad amare in maniera decente chi ha al proprio fianco, non che poi le sue scelte fossero delle migliori visto che cosa succede e visto come sono i personaggi delle ragazze che lo affiancano. Il personaggio ha subito un calo drastico e poi, parliamoci chiaro, possibile capiti tutto a lui e tutto all’interno di questa scuola? A un certo punto diventa quasi ridicolo e penso fermamente che la serie doveva terminare con la terza stagione, che era già oltre lo standard previsto, a mio avviso.

manu rios gifs | Explore Tumblr Posts and Blogs | TumgirInsomma, non che questa serie sia mai stata una serie di grande valore, però laddove i primi due potevano essere visti, questa ultima stagione che è uscita si presenta davvero male e finisce ancora peggio, lasciando tutti in sospeso senza avere l’opportunità di sapere come è davvero andata. Quindi ci sarà una sesta stagione? Spero di no e spero che lo strazio, in caso affermativo, sia breve.

Vi consiglio la serie nella sua prima e seconda stagione, poi la terza se ci vogliamo allargare. Le ultime due, non guardatele, farete un favore a voi stessi, e sappiate che ve lo dico con tutto il cuore.


Cosa ne pensate? Avete visto questa stagione o avete deciso saggiamente di lasciar perdere? Cosa ne pensate? Fatemi sapere, sono curiosa delle vostre opinioni.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE IN ANTEPRIMA #575 – CITTA’ IN FIAMME DI DON WISLOW.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi di nuovo su questi schermi per una nuova recensione, stavolta misteriosa e oscura, che ci porta e ci consente di immergerci in piccoli racconti horror di cui ringrazio l’autore per la lettura. Ecco che ve ne parlo subito:

9788869059667_0_536_0_75Titolo: Città in fiamme
Autore: Don Wislow
Data di uscita: 26 aprile 2022
Pagine: 400
Primo romanzo di una trilogia
Link d’acquisto: https://amzn.to/3kAD7Ts
Trama: Due imperi criminali si spartiscono il controllo del New England. Finché una bellissima Elena di Troia dei giorni nostri non si mette in mezzo tra irlandesi e italiani, scatenando una guerra che li spingerà a uccidersi a vicenda, distruggerà un’alleanza e metterà a ferro e fuoco l’intera città. Se potesse scegliere, Danny Ryan vorrebbe una vita senza crimine e un posto al sole tutto per sé. Ma quando quel sanguinoso conflitto si inasprisce, mettendo i fratelli l’uno contro l’altro, la conta dei morti sale vertiginosamente e lui si ritrova costretto a mettere da parte i suoi desideri e a prendere una decisione che cambierà per sempre la sua esistenza: per salvare gli amici a cui è legato da sempre e la famiglia che ha giurato di proteggere assume il comando, diventa uno stratega spietato, l’eroe di un gioco insidioso in cui chi vince vive e chi perde muore. E forgerà una dinastia che dalle strade polverose di Providence arriverà fino agli studios di Hollywood e agli scintillanti casinò di Las Vegas.

RECENSIONE

red and black basketball hoopLa storia ha inizio a bordo piscina. Danny è con sua moglie Terry quando improvvisamente una donna bellissima entra in scena in una piscina. Ha un fisico statuario e tutto il suo corpo dice una sola cosa: sesso. Danny lo nota subito ma anche sua moglie non è da meno e capiranno molto presto che è proprio questa donna a portare i guai a Providence. Questa donna infatti, sta con i noto figlio dei Moretti con cui Danny e tutta la famiglia di Terry, i Murphy, sono in combutta. E’ anche noto che Liam, fratello di Terry e famoso per rompere le uova nel paniere al figlio dei Moretti, non riesca a tenere a freno le mani ed è da qui che tra le due famiglie si riapriranno vecchie faglie mai del tutto sanate.

Cosa succederà a Danny? Cosa scopriranno sul conto dei Moretti e cosa vogliono dai Murphy? Da quanto tempo questa guerra va avanti e a cosa serve tutto questo? Riuscirà Liam e la bella donna di nome Pam a portare scompiglio e a scatenare una nuova guerra fra clan?

E’ vero, pensa Danny. Liam ama i propri scherzi e se la cava sempre senza un graffio. Gli piace soprattutto far incazzare Paulie, probabilmente perché riuscirci è facile. E Danny si sente come quando ha visto Pam per la prima volta mentre usciva dall’acqua. Lei porterà guai. Le donne così belle di solito li portano.

La trama è abbastanza lunghina e devo ammettere che nel leggerla non ero riuscita a focalizzare bene di cosa avrebbe trattato questa storia se non una disputa fra clan mafiosi in cui al centro sembra esserci una bella donna, come Elena fu a Troia. La trama ci mostra un punto di vista differente, ben composto e strutturato in maniera da porre molte curiosità al lettore.

La copertina italiana, devo dire, non mi fa particolarmente impazzire. La versione estera, seppur più semplice ha dei colori che tengono maggiormente e nel quadro generale almeno visivamente attira di più. La versione italiana è stata scelta un po’ per la continuità delle copertine con i vecchi volumi dello stesso autore, un po’ per l’imprinting della casa editrice che ha in Italia e che fornisce un quadro definitivo. Vediamo il protagonista di questa storia, o almeno così sembra – Danny – che corre verso un molo o un ponte, non è ben chiaro. E’ chiara però la fuga del personaggio e il rosso che ci pone in evidenza il fuoco emanato dello stesso titolo. Quest’ultimo, invece, non ha subito modifiche dall’originale se non la mera traduzione letterale del testo. Trovo che sia azzeccato visto che la città viene messa a ferro e fuoco in base alle necessità che hanno i vari clan. Essendo il primo di una trilogia si presenta piuttosto bene e sono curiosa di sapere come si sviluppano gli altri volumi, specialmente a livello di copertina.

L’ambientazione è una città, attualmente a capo del Rhode Island, in America; dico attualmente perché si sviluppa in un’epoca differente visto che ci troviamo nel 1986 e i tempi sia in America, come nel resto del mondo erano decisamente differenti, cosa che noteremo molto all’interno del volume stesso, nel corso della lettura.

Nessuno, dalla Stip di Las Vegas, a Sunset Boulevard, a Pennsylvania Avenue, voleva che Madeline McKay scrivesse le sue memorie. Intorno a Danny Ryan fu stesa una rete di protezione. Intorno a suo figlio, che la odiava.

bridge over water under cloudy sky during daytimeI personaggi all’interno del volume sono davvero molteplici che, almeno all’inizio della lettura, finiscono per confondere un pochino. Infatti c’è una pressoché infinita lista di nomi che vengono menzionati almeno inizialmente e si fa fatica ad incasellare ma poi si riesce ad avere un quadro abbastanza chiaro della situazione.

Danny è il personaggio principale di questa storia che lo vede marito di Terry, figlia del potente Murphy. Nonostante sia il marito di un potente clan della zona, non viene visto molto bene e fa fatica a farsi un nome, così come a farsi semplicemente rispettare. E’ stato abbandonato fin da piccolo a suo padre e non ha conosciuto sua madre finché non è diventato grande ma che odia perché è stato abbandonato. Madeline infatti è un personaggio forte e determinato, devoto molto più ai soldi e a venere il proprio corpo che a ciò che ha davanti ma fa di tutto per aiutare suo figlio che ora sembra essere in difficoltà. Danny ama sua moglie e farebbe di tutto per lei, ma sa che per stare nella famiglia deve dare molto di più, mettersi in gioco e prendere le redini di tutto ciò che potrebbe capitare da un momento all’altro. Un personaggio circondato da altri che sono degni di nota e che ci trascineranno in una storia pericolosa.

D’inverno lì non c’è nessuno. Nessuno lo vede. L’acqua è gelida, il mare lo avvolge e lo prende. Sal lotta tra le onde, perché ha cambiato ida e ora vuol vivere, ma ora la decisione spetta all’oceano, non a lui. Il mare restituisce solo quello che non vuole tenersi. Lo getta sulla riva e Sal si afferra agli scogli scivolosi, fin quando raccoglie abbastanza forze per tirarsi su. Decide che vale la pena vivere per uccidere Pat Murphy.

Il perno centrale di questo primo volume è la guerra tra clan che viene a strutturarsi all’interno del volume. Niente all’inizio lascia presagire i sotterfugi e la politica che si nasconde dietro ai Murphy e dietro ai Moretti, così come l’astio che c’è fra le due famiglie e i due gruppi. E’ una storia che lascia 

Lo stile utilizzato è scorrevole, fluido e altamente leggibile, scritto in terza persona e incentrato dal punto di vista di Danny seppur ci mostri diverse storie e diversi personaggi, nel corso della lettura. Nonostante mi piacciano thriller – specialmente psicologici – e gialli e, nonostante questo tipo di storie con mafia e quant’altro non sia esattamente il mio genere preferito, posso dire che alla fine si è lasciato leggere e i personaggi diventano coinvolgenti abbastanza da gettare nel tritacarne anche il lettore, tanto da farlo sentire parte integrante di ciò che sta succedendo a Providence e ai due clan che si fronteggiano. In special modo, per quanto riguarda determinati personaggi che riescono a rendere scorrevole la lettura e a consentire l’immedesimazione. Un po’ meno per quanto riguarda la struttura della storia e di quanto ci si aspettava dalla trama ed ora vi spiego perché.

Il paragone dell’Iliade moderna, è ricorrente sia all’interno della trama così come all’interno dei paragrafi nel volume anche se il riferimento sembra essere meramente iniziale e poi continuo sul punto di vista della guerra fra clan, niente di più. Pam, la bella donna che dovrebbe fungere da punto di rottura e di caos, fa il suo lavoro solo all’inizio e poi sparisce quasi del tutto di scena, lasciando che siano gli uomini a gestire la scena completa. E’ giusto in parte che sia così visto la tematica e visto come è stata incentrata la storia. Un po’ meno visto che sembrava essere lei il vero fulcro intorno al quale si aggirava tutto e attorno al quale si poteva pensare che la storia potesse girare. Invece, la delusione sotto questo punto di vista ha influito abbastanza, viste le precedenti diciture e visto quanto fosse decantato all’inizio.

Ho trovato, invece, egregio – anche se un pochino superato con i tempi di oggi ma in linea con quello in cui è ambientato il volume – le tematiche utilizzate, il rispetto dei tempi utilizzati in cui c’era razzismo, omofobia e la versione della donna come ancora un oggetto o un trofeo da conquistare. Anche l’ambientazione e i luoghi citati sembravano così ben curati, reali e sembrava di poterci camminare bene, tanto erano ben realizzati, così come le singole storie dei personaggi che vengono citati e menzionati all’interno della lettura: si guardi Danny che riesce a trascinare il lettore lungo tutto il libro e la storia di sua madre Madeline oppure Sal. Questa è stata senza dubbio la cosa che ho apprezzato molto più della guerra fra clan, molto più di diverse dinamiche. Infatti, come ho già detto e ribadisco: la struttura dell’ambiente così come le tematiche e le singole storie dei personaggi catturavano molto più di altre cose.

La storia nasce e si struttura in maniera interessante, anche se non riesce a coinvolgermi mai completamente. Mi sono sentita molto vicina al personaggio di Danny e alle sue scelte ma ho sentito, lungo il corso della lettura, come se mi mancasse qualcosa, come se mancasse qualcosa nella storia, come se ci fosse qualcosa che crea una buca che non viene, poi, completamente coperta. Infatti, nonostante il complesso di cose e vite dei rispettivi personaggi che compongono questa storia, la storia è abbastanza fine a sé stessa, una guerra di luoghi da conquistare, di droga e di guerra fra clan che finiscono quasi per essere simile a tante altre – o almeno è l’impressione che mi ha suscitato.

Poi è gennaio, il 1988, cazzo, e ricomincia la guerra.

Il libro è stato un buon primo volume, con il mix necessario che serve a stimolare il lettore a proseguire con i volumi successivi e questo è di certo un punto a favore. Mi sento però di consigliare questa lettura solo agli amanti del genere, magari chi non ama particolarmente storie di mafia e/o simili, non so quanto possa addentrarsi in una storia simile, seppur i personaggi facciano il loro egregio lavoro e coinvolgano tantissimo il lettore.

Don Wislow è stata una scoperta, almeno personalmente parlando, non conoscendo l’autore ed essendomi approcciata ad una sua lettura per la prima volta in assoluto. E’ un autore che spicca nel panorama e di cui spero prendiate in considerazione la lettura di questo libro come punto di partenza verso il suo piccolo mondo fatto di corruzione, clan pericolosi e famiglie che cercano un disperato equilibrio.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Città in Fiamme e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Città in Fiamme o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Potrebbe fare al caso vostro? Vi piacerebbe leggerlo? Fatemi sapere, io come sempre vi aspetto.

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #252 – LETTERE DA EMERSON PASS DI TESS THOMPSON.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Nuovo venerdì per noi e nuovo libro che vi presento e che spero possa piacervi, ovviamente. Se non vi piace, ci ho provato. Ecco che ve ne parlo subito:

The Spinster (Emerson Pass Historicals #2) by Tess Thompson | GoodreadsTitolo: Lettere da Emerson Pass (titolo originale: The spinster of Emerson Pass)
Autore: Tess Thompson
Traduttore: Isabella Nanni
Editore: autopubblicato dall’autrice
Genere: Romance storico
Prezzo ebook: € 4,99 – disponibile anche in Kindle Unlimited
Prezzo cartaceo: € 14,75
Data pubblicazione: 20 gennaio 2022
Serie: Emerson Pass Historical
Link di acquisto Amazon: https://www.amazon.it/Lettere-Emerson-Historical-Italian-Editions-ebook/dp/B09J4571V1/
Trama/Sinossi: Colorado, 1919. Josephine Barnes scrive ogni giorno al suo adorato fidanzato che combatte tra le trincee della Grande Guerra. Devastata dal dolore quando viene ucciso in combattimento, giura di non sposarsi mai e nasconde la disperazione dedicandosi alla costruzione della prima biblioteca della città. Ma rimane senza fiato quando un gentiluomo cortese le scrive chiedendole
di farle visita per restituirle le lettere contenenti le sue dichiarazioni d’amore. Philip Baker è sopravvissuto alla guerra ma è tornato a casa gravato da un angosciante segreto. Anche se sa che è sbagliato, non riesce a smettere di leggere i bellissimi sentimenti lasciati tra i beni del commilitone ucciso. Seppur tormentato dal senso di colpa, non riesce a resistere alla tentazione di contattare la donna straordinaria che gli ha catturato il cuore con le sue parole. Quando Josephine invita Philip a unirsi alla sua estroversa famiglia per le feste natalizie, si sente combattuta tra la lealtà verso un fantasma e i crescenti sentimenti per l’uomo galante che sembra conoscerla da una vita. E quando Philip si prepara a rischiare tutto dicendole la verità sul defunto fidanzato, teme di poter distruggere per sempre la felicità di Josephine. Riusciranno a liberarsi del loro doloroso passato per abbracciare la passione cui erano destinati? “Lettere da Emerson Pass” è il secondo libro della commovente serie storica Emerson Pass. Se vi piacciono le eroine forti, gli scenari commoventi e le grandi saghe familiari, allora adorerete questo libro di Tess Thompson.

Estratto

«Sono state davvero le mie lettere a farti venire qui?» mi domandò. «Sì, volevo andarmene dalla città. Come ha detto tuo padre: c’è troppa gente. Quando ero malato, mi sono detto che se fossi sopravvissuto, sarei venuto qui per vedere tutto di persona.» E per vedere te. Lo tenni per me. «Spero che non troverai la città troppo tranquilla.» Josephine si appoggiò alla staccionata. «Non credo. Devo farti una confessione.» «Sì?» «Ho letto tutte le tue lettere quando sono stato abbastanza bene. Mi hanno aiutato a guarire. So che probabilmente sembra ridicolo.» «No, non è ridicolo.» Mi guardò con attenzione, come se fossi un tipo strano che voleva decifrare ma che non riusciva a capire del tutto. «È dolce, in realtà. Leggere le lettere di una ragazza che non conoscevi sembra una cosa piuttosto romantica.» «Mi hanno dato gioia quando ne avevo più bisogno. Come un buon libro.» «Immagino che avrei fatto altrettanto nella tua situazione. Eri solo e spaventato e avevi bisogno di una distrazione.» Josephine fece un respiro profondo e guardò le travi del tetto. «C’erano parti destinate solo a Walter. Sono leggermente mortificata al pensiero di quello che ci ho messo dentro. Devo esserti sembrata una ragazzina infatuata.» «Mi hai fatto desiderare che qualcuno provasse quei sentimenti per me.» «Non essere ridicolo» disse lei. «Non sono così brava a scrivere.» «Mi permetto di dissentire.»

Biografia autore

Tess Thompson è un’autrice pluripremiata di narrativa femminile romantica contemporanea e storica con quasi 40 titoli pubblicati. È sposata con il suo principe, Mister Miglior Marito, ed è la madre della loro famiglia allargata di quattro figli e cinque gatti. Mister Miglior Marito ha diciassette mesi meno di lei, il che fa di Tess la tardona di casa, un titolo che porta con orgoglio. È orgogliosa di essere cresciuta in una piccola città come quelle dei suoi romanzi. Dopo essersi laureata alla University of Southern California Drama School, sperava di diventare un’attrice ma invece ha avuto la vocazione di scrivere narrativa. È grata di passare la maggior parte dei giorni nel suo ufficio a mettere insieme i suoi personaggi mentre Mittens, il suo gatto preferito (shhh…non ditelo agli altri), dorme sulla scrivania.

Biografia traduttrice:

Isabella Nanni si è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne ed è iscritta al Ruolo Periti ed
Esperti per la categoria Traduttori e Interpreti. Le sue lingue di lavoro sono Inglese, Tedesco e Spagnolo, da cui traduce verso l’italiano, lingua madre. A gennaio 2019 è risultata vincitrice ex aequo del concorso di traduzione de “La Bottega Dei Traduttori”. Dopo un MBA da diversi anni è libera professionista e si occupa di traduzioni, sia editoriali che tecniche. È inoltre consulente commerciale per editori di testate trade.  È l’orgogliosa madre di due splendide giovani dal sangue misto come Harry Potter, emiliano e campano. Coltiva rose di tutti i colori e con una vita di riserva studierebbe arabo, cinese e russo. Non potendo, si affida ai colleghi traduttori per allargare i suoi confini culturali.


Cosa ne pensate di questo volume? Fatemi sapere, io ovviamente vi aspetto sempre, mi raccomando.

A presto,

Sara ©