RECENSIONE #487 – NON POSSO ESSERE TUA DI VERONICA VARIATI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Sono qui con un volume che ho ricevuto secoli addietro vinto in un giveaway e che ho sempre rimandato. Essendo questo l’anno in cui cercherò di rimediare a più cose rimandate possibili, ho deciso finalmente di recuperarlo e mettere la parola letto a questo libro. Siete pronti a saperne di più? Ringrazio l’autrice per la copia del volume. Ecco che ve ne parlo:

51zmhightwlTitolo: Non posso essere tua
Autore: Veronica Variati
Pagine: 376
Prezzo: 15 euro cartaceo / 1,99 euro ebook
Link d’acquisto: https://amzn.to/2MrJDid
Trama: «Mi ha sciolto i capelli e io mi sento come se mi avesse sfilato il vestito…» Questo è il pensiero di Bunny mentre Marzio la corteggia – lei – alla quale gli uomini non possono nemmeno aggiustare il cappotto sulle spalle. Grazie ad una catena di pure coincidenze, i due nobili si ritrovano a trascorrere insieme una romantica vacanza alle Phi Phi Island, in Thailandia. Lui si innamora presto di questa bellissima donna, tanto Venere quanto intrattabile. Lei ricambia poco a poco gli stessi sentimenti, tenendo però nascosto un passato oscuro che non le permette di lasciarsi andare. Non può essere sua. Bunny interrompe la favola nel peggiore dei modi tornandosene da sola a New York, sua città di adozione. Marzio rientra a Milano cercando di dimenticarla, ma ormai è troppo tardi… Una storia appassionante e tormentata, narrata dai punti di vista maschile e femminile dei due eleganti protagonisti, caratterizzata da scelte drastiche e incomprensibili capaci di far provare sulla propria pelle rare emozioni d’amore.

RECENSIONE

white boat on beach shore during daytimeLa storia ha inizio con una telefonata tra Bunny e la sua migliore amica Mel. San Valentino è nell’aria e la giovane donna non ha intenzione di passare serate per locali ma cerca un modo per evadere e perché non approfittare tentando di partire per una meta esotica? Così Bunny propone alla sua amica più stretta che ha e anche più vicina alla famiglia che ha di partire con lei per la Thailandia. Mel declina, così Bunny si ritrova a partire per una vacanza rigenerante in totale solitudine. E’ in aeroporto che fa la conoscenza di Marzio, un uomo affascinante e seducente ma da cui si allontana subito nonostante ne sia decisamente attratta. Ma la vita a volte riserva delle sorprese e i due sono destinati a rincontrarsi.

Cosa succederà fra Marzio e Bunny? Riuscirà Bunny a lasciarsi finalmente andare con un uomo dopo tutto quello che ha passato? Riuscirà Marzio a trovare una donna con cui restare per la vita invece di fugaci e sfuggenti occasioni?

Dimentico tutto quanto intorno a noi e vengo completamente invasa da una sensazione di familiare serenità: con lui sono al sicuro.

La trama di questa storia è molto schietta e ci presenta la storia nuda e cruda, così come la troveremo all’interno di questo volume. Non ci sono cose particolari se non che vengono già presentati nella trama come due nobili ed io non avendo letto la trama l’ho scoperto più tardi e mi sono goduta gli eventi.

La copertina è molto semplice, nulla di particolarmente eccessivo e richiama alla protagonista, in special modo per via del vestito bianco che contraddistingue l’abbigliamento di Bunny. Non attira visivamente in modo particolare ma, sinceramente, la trovo migliore di molte altre copertine di romance o di altre storie d’amore, su questo non c’è dubbio. Il titolo riporta una frase che Bunny dice a Marzio ma che comunque si ripete costantemente perché convinta che nessuno possa amarla, per via del suo passato e di ciò che l’ha portata ad essere così schiva e così diffidente, chiusa. Un titolo azzeccato con la storia proposta, ben fatto.

person holding white and green frog figurineL’ambientazione si sposta da New York e la Thailandia, fino a ritornare a New York ma conosceremo anche l’Italia, dove vive Marzio e la famiglia di Bunny, quindi viaggeremo molto per il mondo; l’epoca è moderna, ambientato ai giorni nostri, solo qualche anno fa.

Mi ha sciolto i capelli ed io mi sento come se m’avesse sfilato il vestito…

I personaggi di questa storia non sono tantissimi e la storia si divide principalmente in due, così come i protagonisti di cui si compone questa storia. La storia si divide su due punti di vista, scritti ognuno in prima persona ed ognuno di loro ci mostra la sua visione delle cose, la sua vita e l’amore che improvvisamente colpisce entrambi.

Bunny è una ragazza che sembra averne passate tante ed è così. In passato ha sofferto molto e questo la porta a chiudersi ancor di più. E’ una ragazza che veste sempre di bianco e vive a New York fin da adolescente dove ha conosciuto la sua migliore amica Mel che è anche la sua famiglia. E’ una ragazza forte ma allo stesso tempo fragile.

Marzio è un uomo apparentemente affascinante, vestito elegantemente che viene attratto subito dall’aspetto di Bunny e dalle sue curve vertiginose. E’ un uomo che vive in Italia assieme ad altre persone e condivide un lavoro e un progetto importante per lui.

Allora finalmente alza lo sguardo, mi fissa per qualche istante, e dice: «Non mi sono mai fidata di nessun altro al mondo come mi sono fidata di te Marzio, fin dal primo istante che ti ho conosciuto».

Il perno centrale di questa storia è l’amore che prevale su entrambi i personaggi e, nonostante il loro passato li porta ad emergere, a far uscire la parte di loro sopita e ciò che credevano di non provare mai veramente per  qualcun altro.

man and woman hugging near sea during golden hourLo stile utilizzato è molto semplice e fluido, la storia si legge nel giro di pochissimo tempo ed è molto veloce nella lettura e nella storia stessa. Ci sono cose che mi sono piaciute ed avrei preferito che fossero approfondite ed altre abolite completamente. Oltre a dei refusi molto fugaci e sparsi qui e lì per il libro ma su cui si può semplicemente soprassedere, trovo alcune cose non digeribili. Piccola premessa: non sopporto molto l’insta-love fra due personaggi, sia perché non credo molto in queste cose sia perché lo ritengo inverosimile specialmente in determinate o nella maggior parte delle occasioni. Comunque, la storia non sarebbe stata male se non fosse per determinate cose:

Alcune affermazioni di Marzio o la sua iperprotettività, gelosia, chiamatela come volete. E’ esagerata e, trovo le frasi e le esultanze – sul fatto che questa sia vergine ad esempio – una cosa che mi ha profondamente disturbato. Non posso spiegarlo meglio perché uno dovrebbe leggerlo per capire di cosa sto parlando ma lo trovo davvero avvilente e stupido che anche solo lo pensi. Infatti ho trovato il punto di vista di Marzio molto futile se non ai fini della storia e per capire al meglio il quadro generale della situazione. Ma sembra uno fin dall’inizio molto attaccato all’aspetto estetico, al fisico, alle tette, al culo e sta sempre a soffermarsi su queste cose come se: uno una donna fosse solo questo e due come se non sapesse pensare altro. Oltre questo, Marzio, cos’è? Lo trovo un po’ uno sciattone e sinceramente per quanto nobile possa sembrare all’inizio mi è sembrato un vero cafone. La storia gli consente di riprendersi verso il finale migliorando molto ma non ho apprezzato molto il personaggio e ciò che pensa. Forse perché non cadrei mai fra le braccia di un uomo simile, non so, ma non ho davvero proprio trovato un qualcosa che lo rendesse interessante.

Bunny dall’altro lato mette curiosità ed è un personaggio che in fin dei conti nasconde più di ciò che sembra ma è esasperante. C’erano modi e modi per rendere il fatto che avesse avuto diverse problematiche in passato più reale, più vero. Ma cadere fra le braccia di lui come una polla subito, neanche lo conosci, poi scappi e ci ripensi, però discuti, cambi. Trova pace, figlia bella. Io capisco tutti i problemi del mondo ma la problematica, per quanto seria e importante, non è stata resa a sufficienza dal personaggio. Il suo modo di comportarsi sembra più insicurezza dovuta al fatto di non sentirsi abbastanza per un nobile, che tutto il resto. Sul finale anche qui la situazione si riprende ma avrei preferito che l’approccio fosse diverso e più autentico.

Dall’altra parte invece ho trovato interessante la storia di Mel e di ciò che le accade e per cui Bunny le sta accanto. Così come il passato che nasconde anche Bunny. E’ stato il tratto, a mio parere, più interessante di tutta la storia e poco approfondito, lasciato all’ultimo minuto e buttato lì come se avesse poca importanza. Vorrei che la storia fosse stata principalmente incentrata su questo e avesse approfondito questo più della vacanza in Thailandia. Infatti la storia migliora drasticamente da quando i due tornano a casa in poi.

Richiuso la custodia e butto il telefono sul sedile di fianco, ma resisto per poco. Lo riprendo e apro l’applicazione, scelgo l’album Thailandia. Eccola: Bunny in primo piano che mi sorride, bellissima e raggiante, con gli occhi piedi di sole e i capelli mossi dal vento.

Il libro è stata una ventata di leggerezza in mezzo a tanti fantasy e letture più pesanti che sto leggendo e mi ha fatto piacere spezzare la routine. Sicuramente un libro adatto in questo periodo visto l’avvicinarsi di San Valentino ma non mi sento di consigliarlo completamente.

Veronica Variati scrive una romance ricco di sensualità, mistero e amore. Una storia di un amore difficile che si può costruire solo se entrambi decideranno di avvicinarsi l’un l’altro e affrontare la vita di petto, non fuggendo. Riusciranno davvero a trovare loro stessi?

Il mio voto per questo libro è: 3 balene scarse.

Senza titolo-3 (2)

Si ringrazia l’autrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Non posso essere tua e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Non posso essere tua o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò.


Cosa ne pensate di questo volume? Adatto sicuramente al clima di San Valentino. Fatemi sapere ovviamente. Io vi aspetto come sempre!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #322 – IL PRIMO ISTANTE CON TE DI JAMIE MCGUIRE.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui con un’altra recensione per voi che spero possa interessarvi e colpirvi. Non avevo mai letto la McGuire prima e non so se sia stato un bene o meno cominciare da questo. Ringrazio la Garzanti per avermi permesso la lettura. Il libro è stato carino ma non mi ha fatto particolarmente impazzire. Vi dirò di più con questa recensione:

369cf-immagine3Titolo: Il primo istante con te
Autore: Jamie McGuire
Genere: Romance

Data di uscita: 21 Marzo 2019

Link d’acquisto: https://amzn.to/31r1hUO
Trama: La prima volta che Elliott si accorge di Catherine è solo un ragazzino. Seduto su un albero nel giardino degli zii, si diletta a scattare fotografie quando attraverso l’obiettivo inquadra un viso dolce e due grandi occhi verdi. Occhi profondi nei quali intravede un’ombra di solitudine che vorrebbe scacciare. Non sa come fare finché, in un torrido pomeriggio d’estate, non trova finalmente il coraggio di avvicinare quella ragazzina alla quale non ha mai smesso di pensare. All’inizio Catherine non è convinta di potersi fidare di lui, uno sconosciuto sempre spettinato e sulle nuvole. Ma presto Elliott riesce a ritagliarsi un posto nel suo cuore e a regalarle il primo amore. Di quelli indimenticabili, ma destinati a durare troppo poco. Perché nel momento in cui Catherine si trova ad affrontare il periodo più difficile della sua vita, Elliott, anche se non vuole, è costretto ad andarsene e a lasciarla sola. Da allora sono passati anni e Catherine non ha fatto altro che chiudersi ancora di più in se stessa, pensando fosse l’unico modo per proteggersi. In fondo le delusioni le conosce fin troppo bene, vivendo quotidianamente senza il sostegno di nessuno, nemmeno della madre assente e distaccata. Quando Elliott decide di tornare per rimediare agli errori commessi, lei non sembra essere disposta a perdonarlo: entrambi sono molto cambiati, poco rimane di quei ragazzini che timidamente si tenevano la mano. Eppure una scintilla del vecchio legame resiste ancora, pronta a riaffiorare se solo Catherine provasse a fidarsi. Ma il suo più grande segreto, rimasto finora tra le mura di casa, potrebbe distruggere l’unica possibilità che le resta di trovare la felicità.

RECENSIONE

silhouette photo of man and woman on cliffLa storia ha inizio un giorno come tanti altri. Elliott si è arrampicato su un albero in fondo alla sua strada, che da su una villa imponente e cerca di fotografare con la sua macchinetta, tutto ciò che lo cattura. Tutto si aspetta, però, tranne di vedere uscire dalla casa una piccola bambina di nome Catherine, con l’aria triste. Suo padre porta con se un fagotto avvolto e seppelliscono il loro cane proprio vicino ad Elliott. Lui non riesce a muoversi perchè a paura di essere scoperto ma allo stesso tempo vorrebbe fare qualcosa per lei. Così comincia a fotografare la piccola, perchè è davvero bella ai suoi occhi. Da lì, Elliott comincia ad avvicinarsi sempre di più alla piccola e fra i due nasce qualcosa di più di una semplice amicizia. Purtroppo, Elliott è lì solo per le vacanze ed è costretto a sparire proprio in un giorno difficile per la piccola Catherine. Lui gli promette che tornerà.

Ma quando lo farà, sarà lo stesso? Degli anni lontani riusciranno a riportare ciò che tra loro è andato perduto? Cosa succede a Catherine, in casa sua e nei confronti di se stessa? Riusciranno i due a risolvere i problemi che li affliggono?

«Catherine». Il mio nome suonò come una dolce risata che si riversava dalle sue labbra. «Sono invidiose». Restai perplessa e scossi la testa. «Perché mai dovrebbero? Non abbiamo un soldo». «Ti sei vista?» chiese. Arrossii e mi guardai. Solo papà mi aveva fatto i complimenti per il mio aspetto. «Tu sei tutto quello che loro non sono».

La trama è ben scritta e rappresenta e svela la maggior parte della trama. Avrei preferito che alcune cose rimanessero più velate ma in fin dei conti non rivela nulla di speciale. Non ci sono spoiler così evidenti anche se sarebbe stata meglio una trama più corta e concisa, non lo metto in dubbio. Comunque ammetto che era un po’ che non leggevo di storie d’amore, di primi amori e di cose simili ed è stato un po’ una ventata d’aria fresca. Anche se la faccenda ha un lato oscuro, di cui vi parlerò più avanti.

Risultati immagini per all the little lights bookLa copertina è davvero molto carina anche se non riesco esattamente a capire dove vuole andare a parare nella storia visto che non ci sono riferimenti di questo tipo. Nonostante questo e il fatto che sia visivamente carina, la copertina originale di sicuro non si batte e rappresenta a pieno la storia, in tutto e per tutto. Il fatto dei lampioni e del fatto che i due protagonisti li citassero sempre. Quindi l’originale è bellissima e inerente alla storia. Il titolo italiano è più inerente se si considera rispetto alla copertina italiana, mentre se si guarda il complesso e il significato dopo aver letto la storia, l’originale vince in tutto e per tutto. Su tutta la linea proprio.

L’ambientazione è una piccola cittadina americana, e l’epoca è abbastanza moderna anche se non del tutto, a quanto sembra. Non è comunque specificata quindi, no problem.

«Hai fatto scappare quel povero ragazzo». «Bene».

couple kissing during golden hourpersonaggi di questa storia non sono poi tantissimi e di sicuro quelli che spiccano fra tutti sono i due protagonisti che narrano la storia, ben costruiti e con una caratterizzazione ben definita. Non che mi abbiano particolarmente colpito ma ho apprezzato di Catherine la durezza e la fragilità allo stesso tempo e la determinazione di Elliott.

Elliott è un ragazzo semplice e genuino. Ama Catherine a prima vista e, per lui, è persino difficile separarsene. in casa ha una situazione particolare. Suo padre alcolizzato che alza le mani sulla madre e lei che non riesce a mettere un punto alla situazione, così che tutto si riversa su di lui e lui sfoga tutto con la rabbia incontrollata, che cerca di gestire giorno dopo giorno. E’ un ragazzo che ama la fotografia, la sua musa ispiratrice e il soggetto preferito è quasi sempre Catherine ma sogna di diventare un fotografo per il National Geographic.

Catherine è una ragazza che sin da quando la vedremo la prima volta noteremo quanto sia chiusa e legata a suo padre. E’ quando questo viene a mancare che la ragazza diventerà ancora più chiusa e si prenderà cura di sua madre, nonostante debba essere il contrario. E’ spesso derisa e presa di mira dai compagni di scuola nonostante non ne abbiano motivo ed è soggetta alle loro cattiverie continue. E’ una ragazza semplice, lavoratrice e volenterosa ma molto, molto fragile.

Sembrava molto più piccola rispetto a quando ci eravamo conosciuti, più fragile, più delicata, eppure era dura come l’acciaio. Non avevo mai conosciuto nessuna come lei. Non avevo né avrei mai amato un’altra come lei. Avevo aspettato tanto per tornare da lei e adesso che eravamo insieme in quell’auto fredda, silenziosa, sembrava un sogno. Le toccai i capelli, per ricordarmi che era vero.

Il perno centrale della storia sta nella storia d’amore fra i due protagonisti, Elliott e Catherine e nelle difficoltà che ne conseguono. Sopratutto quelle che vengono dalle rispettive famiglie dei due che li metteranno sempre e continuamente in discussione.

Lo stile utilizzato dall’autrice è stato piuttosto semplice anche se abbastanza ridondante arrivati ad un certo punto. Non per qualcosa di preciso ma per il semplice fatto che il libro sembra ripetersi e non accade nulla di particolarmente eclatante da farti dire, oh finalmente! L’unica cosa per cui uno ci si chiede e si domanda è la situazione famigliare di Catherine e di cosa nasconda in casa, tanto da non voler mostrare nulla all’esterno. Nulla di più, perchè cose interessanti cominciano ad accadere dopo. Infatti ho messo più di qualche giorno a leggere il libro nonostante fossi in vacanza e non avessi molto da fare. E’ stato molto lento nella lettura, devo ammetterlo.

two man and woman holding cups on tablesI sentimenti di Elliott: un grosso mah, da parte mia. Infatti, per quanto Elliott potesse essere così potenzialmente innamorato di Catherine risulta piuttosto melenso e pesante, sopratutto perchè alla sua età è davvero inverosimile un’attaccamento così morboso. Infatti su questo lato ho apprezzato molto di più il comportamento di Catherine. Mi sono rivista molto in lei, sopratutto dal lato casalingo e dal comportamento che assumeva in casa, del tutto remissivo cercando di nascondere ciò che accade all’interno. Non per i suoi motivi ma anche a me è capitato di essere come lei e di sentirmi come lei. Di voler nascondere all’esterno tutto ciò che si vive in casa o che succede. Ho compreso il suo comportamento dall’inizio alla fine ed è anche abbastanza giustificabile visto ciò che si trova a vivere.

E’ sembrata quasi una storia che si scrittura bene per un film, semplice ma che colpisce e che, personalmente vedrei se fosse un film. Anche se l’amore di Elliott e tutto il suo attaccamento a lei, resta comunque in dubbio dal mio punto di vista.

«Ma non ho intenzione di rovinare tutto per una festa. Per me non è più importante di Catherine». «Qualcosa lo è? Il football?» «No». «Il cibo?» Sogghignai. «Se dovessi scegliere, morirei di fame». «Voglio dire, sono pazzamente innamorato di Madison, perciò capisco ma… Per quanto riguarda il resto non lo so». «Allora non capisci». «Spiegami». «Che senso ha andare a una festa se non mi diverto senza di lei?»

Il libro è stata una lettura piacevole seppur non mi abbia fatto totalmente impazzire. Sicuramente lo consiglio ai fan del genere rosa / romance ma non so se consiglierei questo come primo libro per iniziare a leggere l’autrice. Se leggerò altro di suo, vi dirò sicuramente.

Jaime McGuire è sicuramente una scrittrice che terrò in considerazione per eventuali letture future. Sono curiosa di leggere altri suoi libri, essendo questo il primo che ho letto, nonostante ce ne siano molti altri. Una storia semplice, piacevole, adatta in questi giorni di vacanza.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Il primo istante con te e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Il primo istante con te o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere mi raccomando, io ci tengo e vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

COVER REVEAL # – SPEED DATE DI SCARLETT REESE.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con una nuova novità per voi che spero possa piacervi. Una nuova uscita della Dri Editore che sta per raggiungere gli store online. Ecco tutte le notizie riguardanti questo libro, a voi:

Titolo: Speed Date
Autore: Scarlett Reese
Collana: Spicy Romance (vol.1)
Editore: Dri Editore
Genere: Contemporaneo
Numero pagine: 180
Formati disponibili: ebook 2.99/ cartaceo 12.99
Lancio ufficiale: 5 agosto (preorder 2 agosto)

SinossiA cosa servono le amiche se non a convincerti che una notte di sesso occasionale ti farà dimenticare il tuo ex? È per questo motivo che Lucinda Hill, controvoglia, partecipa a uno speed date sull’elegante terrazzo del Novotel. Il suo interesse però si accende quando di fronte a lei prende posto William Shaw: bellissimo, sfacciato e dannatamente sexy. Il pretendente ideale… Tra loro si scatena una passione impossibile da saziare in una sola notte e quello che doveva essere un piacere occasionale si trasforma in un legame molto più forte. E se il loro incontro non fosse stato solo un regalo del destino? Sesso, bugie, tradimenti, segreti… l’amore a volte si manifesta attraverso percorsi inaspettati. Siete pronti per partecipare allo speed date?

LA COVER

speed date cover

Biografia autrice:

Scarlett Reese è nata nel 1987 a Torino. Da qualche anno ha intrapreso la strada della scrittura, trovando rifugio dietro lo schermo di un computer e conforto nel ticchettio dei tasti. Ha esordito come autrice self nel 2016 e ha all’attivo una trilogia dark-erotica e una serie new adult, oltre alla recente collaborazione con Dri Editore. Ha una smodata passione per i dolci, i tatuaggi, le serie tv e la musica rock.


Che ne pensate? Fatemi sapere che ne pensate, io vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

REVIEW PARTY FINALE – OGNI VOLTA NOI DI JOSIE SILVER (#228)

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E buon inizio settimana lettori! Eccoci qui con una nuova recensione tutta per voi che spero vi piacerà. Trovate il link dell’evento collegato a questa lettura QUI, a cui ho partecipato la settimana scorsa e questo conclude il nostro viaggio per quanto riguarda questo libro. Spero vi piaccia. Nonostante questo, ringrazio ancora la Garzanti per la lettura e vi lascio alla lettura della recensione:
josie-silver-ogni-volta-noi-9788811149804-300x447
Titolo: Ogni volta noi
Autore: Josie Silver 
Genere: Romance

Data di uscita: 11 Ottobre 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2EE2Xnv

TramaSeduta sull’autobus per tornare a casa, Laurie ammira le luci sfavillanti di Londra attraverso il finestrino. All’improvviso i suoi occhi incrociano quelli di un ragazzo fermo sul marciapiede. Si incrociano e si rincrociano ancora, in uno spazio che sembra infinito. Come non avessero mai fatto nient’altro per tutta la vita. Ma l’autobus riparte e Laurie non ha il tempo di fermarlo, di scendere, di scoprire qualcosa di quel ragazzo misterioso che per lei significa già tutto. Per un anno intero non fa altro che cercarlo in ogni negozio in cui entra, a ogni angolo di strada, in ogni pub dove va con gli amici. Ma sa che rivedersi, in una città così grande, è praticamente impossibile. Quando ormai si è rassegnata all’idea che si sia trattato di un’altra delle mille persone che, nella vita, si incontrano per poi perderle per sempre, lo vede a una festa. Ma non come avrebbe sperato. La sua migliore amica è lì per presentarle il suo nuovo fidanzato, e Laurie non può credere a chi si trova di fronte: è lui, è il ragazzo dell’autobus, è il ragazzo che ha disperatamente cercato per mesi. Un destino beffardo li fa incontrare di nuovo proprio quando non possono stare insieme. Proprio quando devono nascondere a loro stessi e al mondo intero la magia del loro primo incontro. Perché l’amore detta le sue leggi che non sempre sono comprensibili. Perché l’amore può premiare gli audaci, ma anche chi ha la pazienza di aspettare. Di credere. Di essere tenace. Quando nasce a prima vista può essere un fuoco che si accende in un istante, ma anche un focolare che trattiene il calore affinché non si esaurisca mai.

RECENSIONE

Photo of a Woman Standing Inside BusLa storia ha inizio un giorno come tanti, a Londra. Laurie è seduta sull’autobus, con la sua coroncina dorata sulla testa che guarda fuori dal finestrino ed incrocia con lo sguardo un ragazzo che è seduto alla fermata a leggere un libro. E’ subito catturata da quel giovane, concentrato nella lettura. Improvvisamente lui alza lo sguardo e nel mentre la gente cerca di scendere e salire i due continuano a guardarsi.

Da quel giorno passa un anno e Laurie non ha mai dimenticato quel ragazzo misterioso, anzi ha continuato a cercarlo per tutto quel tempo. Finchè un giorno la sua migliore amica Sara e coinquilina non gli presenta il suo fidanzato Jack. Laurie in quel momento vorrebbe morire, ha finalmente davanti il ragazzo che ha cercato per un anno e non può dirlo alla sua migliore amica ne può conoscerlo come avrebbe voluto. Deve soltanto tenersi lontano.

Ce la farà Laurie a tenersi alla larga da Jack? Lui si ricorderà di lei? Riuscirà a voltare pagina dopo aver scoperto tutto questo?

Perché non ho fatto come lo sventurato del film, e non ho scritto qualcosa da fargli leggere? Avrei potuto. Avrei potuto addirittura scrivere il mio numero di cellulare sulla condensa. Avrei potuto aprire il minuscolo pannello mobile e urlare il mio nome e indirizzo, per esempio. Penso a tantissime cose che avrei potuto e dovuto fare, ma sul momento non me n’è venuta in mente nessuna perché, semplicemente, non riuscivo a staccargli gli occhi di dosso. Per gli astanti dev’essere stato un film muto di sessanta secondi degno dell’Oscar. D’ora in poi, se qualcuno mi chiederà se mi sono mai innamorata al primo sguardo, dirò di sì: per uno splendido minuto del 21 dicembre 2008.

Risultati immagini per josie silverLa trama di questa storia è sicuramente accattivante e mette curiosità ma forse è stata adottata una soluzione troppo lunga e poteva essere sinceramente più breve, così da mettere ancor più curiosità sulla cosa. Troppo lunga e svela troppo anche se non ci sono effettivi spoiler.

La copertina non riesco a farmela piacere. Ci ho provato eppure nulla, la Garzanti fa sempre belle copertine ma questa proprio non mi va giù, non so. A voi piace? Poi dopo aver visto l’originale è ancor più brutta, non so voi, ma la trovate qui di lato. Il titolo originale è One Day in December e sicuramente sarebbe stato meglio anche questo soltanto tradotto. Non mi dispiace Ogni volta noi come titolo in se ma aveva più senso ed era più significativa a livello della storia “Un giorno di Dicembre” nonostante possa sembrare ripetitivo.

L’ambientazione è Londra che viene rievocata in questo libro in maniera piuttosto delicata e fa da contorno a questa storia in maniera decisa e l’epoca è moderna, la storia è ambientata ai giorni d’oggi.

Come rideremo di tutta questa assurdità! Ma… e dopo? Lei si fa graziosamente da parte e lui diventa il mio ragazzo, così, senza batter ciglio? Per l’amor del cielo, non credo neppure che mi abbia riconosciuta! A mano a mano che la realtà mi si presenta davanti, un senso di sconfitta pesante come il piombo schiaccia la speranza fragile e assurda. Non posso farlo. È ovvio. Lei non ha idea di tutto questo, e poi è così felice… Risplende più luminosa della stella cometa in un cavolo di presepe. Sarà anche Natale, ma siamo nella vita vera, non in uno schifoso film hollywoodiano.No. Sarah è la mia migliore amica in assoluto, e anche se mi sento morire, e forse morirò davvero per questo, non mi metterò mai a scrivere cartelli per dire a Jack O’Mara, senza speranza né intenzioni, che per me lui è perfetto, e che il mio cuore straziato lo amerà per sempre.

Immagine correlataI personaggi di questo libro non sono tantissimi ma sono ben caratterizzati perchè sicuramente diversi gli uni dagli altri. Adesso vi parlo dei due protagonisti 

Laurie è una donna chiusa, fragile e fa perennemente i conti con una carriera che ostenta ad arrivare. Non riesce a trovare subito lavoro nel campo che preferisce e passa gran parte del tempo accontentandosi di tutto: del lavoro e anche dell’amore. Dopo aver scoperto che Jack era il fidanzato della sua migliore amica si limita ad essere un’amica per lui e si fidanza con un ragazzo che pensa sia giusto per lei. Trova un lavoro in un piccolo giornale rispondendo alle domande per delle ragazze adolescenti e spera sempre che possa migliorare la sua posizione.

Jack è un tipo particolare che non è particolarmente sociale e sta con la migliore amica di Laurie, Sarah che è egocentrica ed esuberante. E’ un tipo strano, schivo e non particolarmente disposto a parlare. Inoltre è un tipo particolarmente dolce anche se maschera tutto sotto mille strati di durezza. E’ un uomo indeciso e perennemente infelice delle sue scelte. Sicuramente il mio preferito fra i due personaggi.

Appoggia la testa sulla mia spalla e chiude gli occhi. Non colgo il momento esatto in cui si addormenta, ma ne sono contento, perché è quello di cui ha bisogno adesso. Non mi muovo, anche se probabilmente dovrei. Non mi alzo per andare a letto, anche se una persona più saggia l’avrebbe fatto. Resto seduto a farle compagnia mentre dorme e ho una sensazione… non so neanch’io che sensazione. Di pace.

Immagine correlataIl perno centrale è proprio l’amore a prima vista tra  Laurie e Jack. I due hanno una storia tormentata dall’inizio alla fine e si incontrano e scontrano più volte all’interno della storia.

Lo stile utilizzato per questo libro è leggero e tremendamente scorrevole. Finirete questo libro nel giro di pochissimo tempo ma, nonostante questo, la storia non mi ha colpito così tanto come invece avevo sperato all’inizio.  Nonostante la leggerezza e il fatto che la storia sia così fluida non vanno a braccetto con il fatto che la storia abbia diverse cose su cui vorrei mettere il punto:

L’amore (assurdo) che subito viene a crearsi fra i due. E’ bastato uno sguardo, uno solo ed i due sono rimasti innamorati platonicamente per un anno ognuno a pensare l’altro in maniera completamente diversa. A prescindere dal pensiero, il tutto mi sembra alquanto assurdo. Due che si vedono ad una fermata dell’autobus e per un anno si pensano. Neanche nei film più elaborati succede una cosa simile, figuriamoci nella realtà.

La banalità e la semplicità della storia. Nonostante sia una storia d’amore e si sapeva fin dall’inizio dove si sarebbe andato a parare, la storia è prevedibile sotto tutti gli aspetti che non sto a citare per evitare più che altro di fare spoiler. Non c’è una cosa che rende questa storia originale se non per il fatto che ogni anno che passa ci sono dei propositi che Laurie fa, nella speranza che nella sua vita tutto vada come deve andare. 

Laurie è una protagonista piuttosto scontata in contesti come questo e non ha un briciolo di pepe, anzi, si accontenta di un amore che non fa per lei o che comunque non la soddisfa come dovrebbe, tiene nascoste le cose e via discorrendo. La storia si barcamena fra lei e Jack e, forse, fra i due lui è sicuramente quello più adatto all’interno della storia e sicuramente è un personaggio che da il suo daffare.

«Sai cosa odio di più di quello che è successo, Laurie?» Non voglio che me lo dica, perché se è la stessa cosa che penso io, ammetterla ci farà solo stare peggio.«Odio che non riesco a dimenticarlo», dice.«Non dovrebbe significare nulla, vero?» Sono contenta che non alzi gli occhi mentre parla, la voce bassa, emozionata.«E per te… per te cos’ha significato?» La sua domanda sommessa ma esplosiva resta sospesa. Io deglutisco e per un attimo non riesco a guardarlo, perché mi leggerebbe in faccia la verità. So che cosa devo fare. Sono due anni che mento continuamente a Sarah. Mentire a Jack non dovrebbe essere difficile. Non dovrebbe, ma lo è.

Il libro mi ha ricordato dei film come ho detto anche nel Blog Tour come Serendipity o One Day in cui i protagonisti si inseguono per tutto il libro senza stare effettivamente insieme. Ma non gli assomiglia minimamente, soltanto per il tipo di storia e basta, niente di più niente di meno. 

Jodie Silver è una scrittrice delicata e sicuramente semplice. Nel suo libro si concentra su una storia d’amore dall’atmosfera magica, utilizzando i propositi dell’anno nuovo ogni volta che ne passa uno. Una storia  modesta che consiglio a chi voglia leggere una storia per passare un po’ di tempo, nulla più.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene

Senza titolo-3 (2)

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Ogni volta noi e sostenere il Blog? Acquista da QuiOgni volta noi  o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Vi piace? Fatemi sapere con un bel commento se deciderete di leggerlo, mi raccomando!

A presto,

Sara ©

BLOGTOUR – OGNI VOLTA NOI DI JOSIE SILVER: “3 SENSAZIONI CHE DONA QUESTA LETTURA E 3 MOTIVI PER LEGGERE IL LIBRO”

BUONGIORNO PARTICELLE BELLISSIME!

Come state? Oggi vi porto un nuovo BlogTour e spero che vi piaccia. Il libro sommariamente è stato carino anche se non mi ha fatto particolarmente impazzire però sono felice di parlarvi della mia tappa e spero di riuscire a rendere ciò che di questo libro mi è arrivato. Ringrazio la Garzanti per questo evento e per averci permesso la lettura e Susy di I miei magici mondi per avermi coinvolto. Ecco a voi il libro:

josie-silver-ogni-volta-noi-9788811149804-300x447Titolo: Ogni volta noi
Autore: Josie Silver 
Genere: Romance

Data di uscita: 11 Ottobre 2018

Link d’acquisto: https://amzn.to/2J85l4u
TramaSeduta sull’autobus per tornare a casa, Laurie ammira le luci di Londra. All’improvviso i suoi occhi incrociano quelli di un ragazzo fermo sul marciapiede. Si incrociano e si rincrociano ancora in quel attimo che sembra infinito. Come avessero atteso quell’incontro per tutta la vita. Ma l’autobus riparte e Laurie non ha il tempo di scendere e scoprire chi sia quel ragazzo misterioso che per lei significa già tutto. Da allora, per un anno, non fa altro che cercarlo in ogni negozio dove entra, in ogni angolo di strada, in ogni pub dove va con gli amici. Rivedersi in una città così grande sembra impossibile. Proprio quando Laurie si è ormai rassegnata all’idea di non rincontrarlo più, lo vede a una festa. Ma non nel modo in cui avrebbe sperato. La sua migliore amica è lì per presentarle il suo nuovo fidanzato. Laurie non può credere a quello che ha davanti: è lui, è il ragazzo del bus, quello che ha disperatamente cercato per mesi. Un destino beffardo li fa rincontrare proprio quando non possono stare insieme. Proprio quando devono nascondere a loro stessi e al mondo intero la magia di quel primo incontro. Perché non sempre le leggi dell’amore sono comprensibili. Perché l’amore può premiare gli audaci, come chi invece ha la pazienza di aspettare. Di credere. Di essere tenace.
La mia tappa è:

3 SENSAZIONI CHE DONA QUESTA LETTURA E

3 MOTIVI PER LEGGERE IL LIBRO

Allora questo libro mi ha lasciato tre distinte sensazioni che possono essere interpretate come preferite, questo è sicuro.

  1. Dolcezza. Sicuramente i due protagonisti principali sono molto dolci ed anche se diversi fra loro riescono ad amalgamarsi molto bene. Fra i due ho preferito molto di più il fatto che Jack fosse scostante nei confronti della situazione rispetto alla devozione incosciente di Laurie.
  2. Perplessità. Soprattutto su come i due si innamorano: a prima vista ad una fermata dell’autobus. Non credo a questo genere di cose ne penso siano possibili ed infatti la situazione mi è sembrata un tantino esagerata sotto quel profilo. 
  3. Simpatia. Sopratutto per i protagonisti che si ritrovano a sfiorarsi continuamente senza mai toccarsi del tutto.

I tre motivi per leggere questo libro sono i seguenti:

  1. E’ una storia d’amore non completamente diretta fra i due protagonisti ma bizzarra e per chi ama questo genere di storie alla Bridget Jones o Love Actually di sicuro apprezzerà la lettura.
  2. E’ un libro molto leggero e spensierato quindi fluido e scorrevole. Sicuramente leggerete il libro in pochissimo tempo e si mantiene sempre tale nonostante tutto ciò che accade all’interno in questa storia.
  3. Ricorda quasi un film. Personalmente mi ha ricordato molto il film Ogni giorno in cui i due nascono come migliori amici e continuano ad inseguirsi per tutta la vita. O il film Serendipity in cui i due grazie al destino si incontrano ma continuano a cercarsi. Sinceramente preferisco di più la storia di due film appena citati a questa ma viaggia sulla stessa linea e quindi l’ho trovato molto carino nel complesso.

Seguite qui le altre tappe del BlogTour, mi raccomando!

42541815_961569067384659_2328802465564065792_o


Cosa ne pensate, cari lettori? Fatemi sapere con dei commentini!

A presto,

Sara ©

COVER REVEAL #: “L’AMORE NON HA RAGIONE DI ANGELA IEZZI”.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E buon inizio settimana! Eccoci qui con una nuova uscita per voi, che spero piacerà a tutti i miei lettori! Una nuova uscita in arrivo a settembre per voi, dall’autrice newton compton, esce con unn nuovo libro auto pubblicato. Eccolo qui:

Titolo: L’amore non ha ragione

Autrice: Angela Iezzi

Data di uscita: 15 settembre 2018

Genere: Rosa

Trama: Faith è una ragazza di diciotto anni, con una caratteristica particolare: un quoziente intellettivo 187. Nonostante il suo genio, è pessima nelle relazioni interpersonali, piuttosto rigida ed estremamente razionale. 
Killian è il ragazzo più popolare di Yale e il suo giro di amicizie e frequentazioni è talmente ampio da renderlo una celebrità al campus. Determinato, trasandato, sicuro di sé e attento osservatore, non è abituato a sentirsi contraddire. 
Le loro strade, agli antipodi, sono destinate a incrociarsi nell’aula dell’unico corso che poteva vederli insieme. 

Due caratteri opposti, quando si incontrano, non possono che fare scintille.

Ecco a voi la Cover! Spero vi piacerà:

unnamed


Biografia

Nata nel 1987 a Lanciano, si è laureata in Organizzazione e Relazioni Sociali all’Università di Chieti. Lavora insieme alla sorella in un centro ricreativo di cui è la titolare. Lettrice da sempre, d’animo romantico, ha iniziato ad appassionarsi alla scrittura durante il periodo universitario, tra un esame e l’altro.


Cosa ne pensate? Vi aspetto care particelle con tanti bei commentini!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #74 – E SE… DI ELIANA CICCOPIEDI

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui cari e bei lettori! Oggi porto con me un nuovo libro e ve lo segnalo sperando seriamente che vi piaccia molto. Si prospetta interessante ed è proprio per questo che ve lo propongo. Ringrazio Eliana per la sua gentilezza, come sempre. Eccovi qui il suo libro:

Risultati immagini per e se eliana ciccopiediTitolo: E se…
Autore: Eliana Ciccopiedi
Uscita:  gennaio 2018
Casa editrice: self-publishing
Genere: rosa
Formato: ebook e cartaceo
Pagine: 299
Prezzo: ebook 2.99 cartaceo 12.00
Amazon:  https://www.amazon.it/se-Eliana-Ciccopiedi/dp/887163893X
Kobo: https://www.kobo.com/it/it/ebook/e-se-4
Google play: https://play.google.com/store/books/details?id=oJlIDwAAQBAJ
Apple Ibook: https://itunes.apple.com/it/book/e-se/id1343042468?mt=11

TramaE se la felicità non fosse solo un’intima convinzione? Leonardo non ha altri sogni da realizzare; quando irrompe sulla scena incanta il pubblico, raccoglie applausi e consensi. Elena dalla sua poltrona osserva la vita inconsapevole, incapace di assaporarla veramente. Le incrollabili certezze di Elena, la tranquilla e anonima quotidianità in cui ha circoscritto la sua esistenza. L’intensità con cui Leonardo affronta la vita, sempre oltre, per nascondere la sottile malinconia che lo segna. Due mondi lontani, opposti. Un ritardo clamoroso e un treno perso condurranno Elena e Leonardo a condividere lo stesso istante di vita. E se non avessero fatto altro che cercarsi? E se la vita si riducesse tutta a quell’unico istante? Basta così poco a trasformare un potrebbe essere in un E se…

ESTRATTO

Sembrava esserci una muta domanda in quello sguardo. Quegli occhi si chiedevano chi lei fosse, come se non si trattasse della prima volta in cui si erano incrociati, e perché, nonostante questo, lei fosse scesa dal treno senza neppure una parola. Non sapeva cosa rispondere a quello sguardo. Gli sorrise e basta.


Cosa ve ne pare? Fatemi sapere con un commentino che io vi aspetto sempre!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #171 – BEGIN AGAIN DI MONA KASTEN.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi qui con una nuova recensione tutta per voi! Finalmente ho letto questo libro che mi è stato rilasciato dalla Sperling&Kupfer, che ringrazio, all’incontro con l’editore a Tempo di Libri a Milano. In teoria è uscito anche il secondo di questa serie di libri ma sono tutti stand alone e potrete leggerli assolutamente separati. Si collegano fra loro solo da i personaggi che sono amici ma nient’altro. Ecco qui il primo della serie Again:
81QwXgOApsLTitolo: Again
Autore: Mona Kasten
Editore: Sperling & Kupfer
Genere: Romance
Data di uscita: 20 marzo 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2qSIEsh
Trama: Nuovo nome, nuovo taglio di capelli, nuova città. Così Allie Harper, diciannove anni, è pronta a scrivere la sua storia, a un migliaio di chilometri di distanza dal suo passato, all’università di Woodshill, dove si è iscritta a Letteratura. Ma c’è ancora un tassello mancante per rendere davvero perfetto questo nuovo inizio: un alloggio. La ricerca si sta rivelando più difficile del previsto e Allie ha smesso di contare i tentativi andati male. Finché, all’ultimo appuntamento in agenda, finalmente arriva lei: la casa perfetta. Pulita, luminosa e accogliente. Peccato per la compagnia: con i suoi tatuaggi e l’aria strafottente, Kaden White è l’ultima persona con cui Allie vorrebbe condividere un appartamento. E Kaden, dal canto suo, non vuole affatto una coinquilina, che lo tramortisca con tutte le sue chiacchiere da donna. Purtroppo per loro, però, le circostanze non lasciano altra scelta. Non resta quindi che arrendersi e stabilire immediatamente le tre regole fondamentali per la convivenza perfetta: niente sentimentalismi, nessun’interferenza nei fatti altrui e, soprattutto, nessun contatto fisico. Ma le regole sono fatte per essere infrante…

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio con Allie davanti al citofono White. Ha preso un appuntamento con il proprietario per vedere l’appartamento e si sente finalmente libera da tutto ciò che l’ha sempre tormentata in passato. Ha visto diversi appartamenti in sub affitto a Woodshill ma nessuno fino a quel momento era stato di suo gradimento, c’era sempre qualche problema. Non appena mette piede dentro casa White tutto sembra piacerle a prima vista, peccato che il proprietario, Kaden, sia un ragazzo poco incline a simpatia e piuttosto scontroso. Non ha alcuna voglia di tenerla lì ma lei insiste e fa di tutto, persino accettare le sue strambe regole. Delle regole che sarà difficile rispettare.

Cosa succederà in casa White? Il distacco di Kaden per la sua nuova inquilina sarà rispettato? Cosa succederà fra i due? Quale passato nasconde Allie? E quale Kaden?

«Buonanotte, Kaden». Gli voltai le spalle e andai alla porta. «Allie?» Mi voltai ancora una volta verso di lui. Si era sollevato di nuovo, ed era tornato serio. «Ho mentito», disse pensieroso. Capivo che si sforzava di parlare chiaramente, ma le parole gli uscivano di bocca lente e impastate, come se avesse la lingua attaccata al palato. La sua voce era più profonda del solito. «A che proposito?» domandai, spegnando la luce. «Il vestito», mormorò. Sentii il fruscio della coperta che si tirava addosso nel buio. «Ti stava benissimo». Richiusi la porta dietro di me con un sorriso.

Risultati immagini per begin again mona kastenLa trama è giusta e non ricade in spoiler. Descrive molto bene il libro. Devo ammettere che la storia messa così non mi aveva incuriosito un granché ma dopo averlo letto mi sono semplicemente ricreduta in positivo.

La copertina hanno deciso di lasciare lo sfondo uguale ma di trasformare il bianco in nero. Chi vota per il nero? Io sinceramente preferisco il bianco, davvero molto più semplice, che risalta molto di più all’occhio. Non so perché sia stato scelto il nero ma di sicuro cattura molto più il bianco e rende di sicuro meglio. Il titolo  è stato lasciato come l’originale quindi nulla da dire al riguardo, almeno non è stato storpiato e questo è un grande passo per l’uomo. 😀

L’epoca è senza dubbio moderna. La storia è ambientata ai giorni d’oggi, quindi decisamente contemporaneo.

«Cosa vorresti?» chiese Kaden alle mie spalle. (…) «Vorrei insegnare non solo gli argomenti che sono sul programma. Ci sono tanti valori che non vengono presi in considerazione e si perdono per strada. Tantissimi ragazzi non hanno una persona di riferimento, qualcuno a cui rivolgersi quando hanno un bisogno di una guida. Io non ero particolarmente brava a scuola… Non si tratta di questo. Vorrei semplicemente lasciare qualcosa di positivo nella vita dei ragazzi. Dare loro ciò che probabilmente non ottengono dalla famiglia, indirizzarli sui binari giusti quando sono fuori strada». Kaden mi si affiancò. Mi guardò e mi sentii arrossire. Ma più parlavo, più diventava facile. Era bello esprimere finalmente a voce alta quelle riflessioni.

Risultati immagini per gif ragazzi innamoratiI personaggi sono diversi e tutti ben distinti l’un l’altro. La somiglianza l’ho trovata molto nei due principali nonostante siano appartenenti a due mondi completamente diversi e non condividano le stesse cose. Infatti, i due 

Allie è una ragazza che è sempre vissuta in una situazione famigliare agiata, sotto l’ala protettrice ed anche dittatrice di sua madre. Si è trasferita lontano da casa proprio per fuggire dalla despota di sua madre e cerca di farsi una vita tutta sua. E’ una ragazza che piange per una pizza ma che se ama ti da anche l’anima; ha grandi problemi di autostima ed è fragile.

Kaden è un tipo scontroso che non sopporta particolarmente i piagnistei delle ragazze e i profumi particolarmente dolci. E’ un ragazzo che in un momento sembra un angelo e il secondo successivo il diavolo, è un tipo senz’altro difficile. Anche lui ha una situazione familiare non troppo felice e vuole molto bene a sua madre.

Persi la battaglia contro me stessa e cominciai a piangere. Non in maniera disperata, ero troppo sfinita. Ma tutte le parole non dette sgorgarono silenziose dai miei occhi e gocciolarono sulla maglietta di Kaden, una lacrima dopo l’altra, fino a formare un’enorme macchia bagnata. Lui mi tenne stretta in silenzio. Non disse una parola sul mio stato, non mi prese in giro né mi esortò a raccontare. Era lì semplicemente per me. Ed era più di quanto mi sarei aspettata da lui.

Risultati immagini per gif ragazzi innamoratiIl perno centrale è la storia d’amore che viene a crearsi fra Allie e Kaden. Questa è una delle regole stabilite da Kaden: nessuna relazione tra inquilini ma è proprio la prima che viene a mancare fra i due. I ragazzi fra di loro provano reciproca attrazione e non riescono a fare a meno uno dell’altra mentre Allie cerca di rispettare le regole per non avere problemi da Kaden e Kaden tra scatti d’ira e dolcezza, non si capisce dove vuole andare a parare.

Lo stile utilizzato è semplice e scorrevole, infatti il libro si legge in poche ore. Questo è una storia d’amore fra due ragazzi che vanno all’università e cercano entrambi un cambiamento verso se stessi, cercano la libertà e cercano il perdono verso se stessi.

Due ragazzi così distanti ma così simili sotto diversi punti di vista. L’unica cosa che non ho apprezzato particolarmente è stata la continua e ridondante situazione di Allie, che anche se fosse abbastanza ben costruita ad un certo punto è diventata anche troppo esasperante.

«Come faccio a sapere che domattina non avrai cambiato idea? E le tue regole?» domandai con voce roca. Per un breve istante pensai seriamente di scappare via, da quanto erano forti e irresistibili le sensazioni che le parole di Kaden scatenavano dentro di me. Ma lui soffocò sul nascere il mio attacco di panico, chinando la testa e sfiorandomi la guancia con le labbra. «Al diavolo le regole», Allie, bisbigliò. «Erano destinate a fallire fin dalla prima volta che ti ho vista».

Il libro è stato scorrevole e piacevole nella sua lettura. Una storia d’amore ma anche di riscoperta e accettazione di se stessi. Un romance che vi catturerà.

Mona Kasten ci trascina in una storia d’amore che conquista il lettore pagina dopo pagina e, nonostante Kaden sia il classico bellimbusto messo lì per far “sbavare” la protagonista e le lettrici più accanite, che amerete mano a mano. Una storia dolce e romantica anche se abbastanza tormentata.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo


Vuoi acquistare Begin Again e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Begin again o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Vi piace? Fatemi sapere con un bel commentino!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE IN ANTEPRIMA #132 – NON HO TEMPO PER AMARTI DI ANNA PREMOLI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi ho per voi una novità interessante, in uscita i primissimi giorni di Gennaio 2018, precisamente il 4, per la Newton Compton. Una storia davvero carina e spiritosa, la Premoli torna per far innamorare. Ecco qui che ve ne parlo: 

non-ho-tempo-per-amarti-anna-premoliTitolo: Non ho tempo per amarti
Autore: Anna Premoli
Editore: Newton Compton
Pagine: 320
Prezzo: 9,90 euro
Data di uscita: 4 Gennaio 2018
Trama: Julie Morgan scrive romanzi d’amore ambientati nell’Ottocento. Di quell’epoca ama qualsiasi cosa: i vestiti lunghi, gli uomini eleganti, le storie romantiche che nascono grazie a un gioco di sguardi o al semplice sfiorarsi delle mani… L’unica cosa che salva del mondo di oggi è lo shopping online, che le permette di non mettere il naso fuori dal suo amatissimo e solitamente silenzioso appartamento. Almeno finché – proprio al piano di sopra – non arriva un misterioso inquilino: un ragazzo strano, molto giovane e vestito in un modo che a Julie fa storcere il naso. È davvero un bene che lei sia da sempre alla ricerca di un uomo d’altri tempi, perché il suo vicino, decisamente troppo moderno, potrebbe rivelarsi ben più simpatico di quanto avrebbe mai potuto sospettare…

RECENSIONE

La storia ha inizio a casa di Julie, scrittrice di romanzi rosa storici sta scrivendo di una scena piuttosto importante. Lady Eleanor sta per baciare il suo bel Duca ma qualcosa la interrompe. I rumori sembrano provenire dall’appartamento al piano superiore fino a quel momento disabitato. Esasperata da tali rumori e volendo finire la sua scena sul punto cruciale, Julie, adorabile trentaseienne con un gusto per il vestiario alquanto discutibile, decide di salire al piano superiore per protestare, fiera delle sue ciabatte con gli unicorni ai piedi.

Immagine correlata

Quando si trova davanti Terrence, un giovane venticinquenne dalle maglie strappate e i capelli bicolore lei non crede ai suoi occhi, sopratutto dopo che lui le rivela che è un musicista di tutto successo ma che lei, per di più, non ha mai sentito nominare. La sua pace sembra essere appena terminata e tra i due potrebbe aprirsi una guerra a chi riesca prima ad infastidire l’altro quando accade tutt’altro. I due si trovano persino simpatici.

Cosa succederà a Julie? Riuscirà a portare a termine il suo romanzo? Terrence cosa nasconde dietro la sua aria da musicista da strapazzo? Cosa succederà fra i due protagonisti?

Terrence ride di fronte alle mie espressioni stralunate. «Sei buffa, lo sai?» «Certo che lo so! E tu lo sei e nemmeno sospetti di esserlo», gli rinfaccio. «Oh, ma lo so anch’io, invece. E’ per questo che andiamo d’accordo», afferma con un sorriso scintillante. «Ovvero, due strani fanno una persona normale?» «No, in genere due strani fanno sempre e solo due persone strane. Ma almeno non si è da soli». Punto di vista interessante. Credo che anche questo finirà in un mio libro.

La trama è ben scritta e mi piace perchè non svela poi troppo, lascia solo presumere il che è tutto dire. In quell’ultima frase c’è molto molto altro da intendere e molto, molto altro che succederà. Leggere per credere!

La copertina, stranamente e rispetto allo standard delle copertine della Premoli, è adorabile, mi piace molto e rispecchia tanto sia l’autrice – che la vedo bene circondata da bei libri – e la protagonista del libro che è senz’altro un personaggio singolare.

Il titolo, a differenza delle altre volte che sembra stereotipato, mi da un senso e anche se si comprende che è uno dei classici rosa nella collana Newton, cattura e ti fa chiedere per quale motivo? E’ davvero singolare e questa volta, il complesso Cover+Titolo sono vincenti.

L’ambientazione è americana, New York è l’epicentro di tutto e la Premoli sembra destreggiarsi molto bene in quell’ambito nonostante si potrebbe pensare che si possa pensare che ambienti i suoi scritti in Italia, non è così, sappiatelo. L’epoca è moderna e contemporanea, la storia si svolge al nostro tempo, quello dei social network e delle star giovani e famose amate dalle ragazzine urlanti ecco (anche se queste ultime ci sono da diversi anni non solo adesso! xD).

«Allora hai finto di essermi amico!» La sua espressione torna seria. «No, assolutamente no. Io e te abbiamo fatto clic, hai presente? Da più punti di vista. Ma sopratutto da quello caratteriale. Noi siamo amici, questo è poco ma sicuro». «Ma allora…»

I personaggi sono ben costruiti e strutturati molto bene nonostante abbiano una differenza d’età abbastanza influente sia per interessi che per 

Risultati immagini per rockettaro giovane gif

Julie è una donna molto semplice. Adora maglioni e felpe con i cartoni animati stampati sopra, indossa ciabatte con gli unicorni – che tra l’altro adora – e ha un paio di occhiali rosa con un elegante fiocchetto sopra la montatura. Vista così, più che trentasei anni gliene darete 15. Invece è una scrittrice di romanzi rosa storici, che esce da una relazione di dieci anni andata male per colpa del suo uomo che la tradiva di continuo. Così decide di passare dall’essere sempre alla moda e truccata, all’essere ciò che vuole essere veramente. Una donna tranquilla, a cui piacciono le cose semplici e che si ama per ciò che è. E’ terribilmente cocciuta e insistente ma dolce.

Terrence è un ragazzo di venticinque anni ed è il cantante dei Alien Temptation. Ha i capelli bicolore, veste con le magliette strappate ed è famoso, tanto che per uscire di casa indossa sempre occhiali da sole e un berretto. E’ spiritoso e alla mano, intelligente e premuroso anche se a volte può sembrare possessivo. La cosa che ho apprezzato di più di Terrence è il fatto che non si sia mai fatto buttare giù da Julie e da tutti i suoi tentativi di dissuaderlo. Fossero tutti così gli uomini!

La signorina Berry è una donna anziana sfacciata, non a caso la vicina di casa di Julie. Berry è una vecchietta dallo sguardo inquisitore ma sotto sotto dal cuore dolce. Ritroveremo Laurel protagonista del libro E’ solo una storia d’amore, pubblicazione precedente a questa, Audrey e Cindy. Se avete letto il precedente [che vi consiglio e di cui trovate Recensione (QUI) e Intervista (QUI) se volete curiosare] non potete non trovarvi a vostro agio. Ma non c’è nessun problema di connessione col precedente perchè il libro ha una storia a se stante.

«Non sono cocciuta, sono anzi piuttosto ragionevole». «No, lei è una di quelle persone cocciute che si illudono di essere ragionevoli. Lei è di una specie peggiore. Almeno io sono cosciente dei miei limiti». Sono stata colpita ma fingo comunque serenità. O almeno ci provo. (…) Ma all’improvviso, che sia Attila o qualche altro gatto, inizio a temere che finire con il fare la stessa fine della mia simpatica vicina.

Il perno centrale è per l’appunto la strana storia di amicizia che viene a crearsi fra Julie e Terrence. Una storia d’amicizia bizzarra e inusuale, fra due persone completamente agli antipodi appartenenti a due mondi completamente opposti. I due sono un mix di risate e divertimento.

Lo stile utilizzato è tipico della Premoli, ha il suo marchio di fabbrica che è difficile non percepire. Semplice, diretto e intrigante. Nonostante la storia non abbia poi tanti fronzoli e a livello di trama tesse molto poco, sa essere geniale e cattura il lettore trascinandolo in una curiosità che non ha pari.

In questa storia, rispetto alla precedente, mi sono rivista molto nella protagonista. Julie è lo stereotipo tipo di donna che se ne frega del giudizio degli altri – ma è anche molto ingenua – ed è finalmente ciò che vuole essere; che non vuole essere per forza alla moda o conoscere tutti i gossip che girano; che vuole un uomo di altri tempi, dolce, elegante e raffinato. Ecco, io e Julie abbiamo molto in comune,dal vestirsi al suo lato caratteriale. Julie è un’autentica rottura di scatole in tutto e per tutto. Insiste sul fatto della differenza di età troppo, diventando anche molto pesante. Ed anche io, mi duole ammetterlo, sono così alcune volte. Nonostante Julie sia tutto questo riesce a colpire il lettore e a trascinarlo con se pagina dopo pagina.

Gli scrittori hanno il grande vantaggio di poter elaborare  gran parte dei propri dispiaceri tramite la scrittura. Relazioni difficili con i propri genitori, visioni cupe sulla politica e sul mondo, storie d’amore improbabili… tutto confluisce magicamente nel calderone della narrazione che, se accompagnato da dolore vero, in genere garantisce una produzione piuttosto ispirata. E io non faccio eccezione (…)

I libri della Premoli sono romanzi rosa non troppo pretenziosi, dove la storia è semplice ma efficace e dritta al punto. L’autrice ti cattura e ti trasporta nel mondo e nella vita del personaggio tanto da sentirti tale anche tu. I sui libri ti prendono e ti fanno innamorare inevitabilmente assieme ai protagonisti stessi. Non riuscirete a staccare gli occhi dal libro. Divertente, romantico, dolce.

E’ stupefacente come la Premoli ti trasporti nei panni della protagonista e tutto scorra alla velocità di un secondo, inesorabile e ti lasci una curiosità tremenda fino alla fine. Consiglio la lettura di questo libro, assolutamente.

Il mio voto per questo libro è di: 5 pesciolini.

picsart_09-22-09.39.42-1.jpg


Allora, lo aspettate? Io consiglio di metterlo nella vostra WL del nuovo anno perchè promette davvero bene e non potete perderlo!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #112 – SETTE GIORNI DI TE DI CECILIA VINESSE.

BUON POMERIGGIO PARTICELLE LETTRICI!

Oggi, mentre vi scrivo starò in palestra a ballare ma come vedete non vi abbandono mai e vi penso sempre! Ringrazio la Piemme per avermi inviato la copia del libro, davvero molto carino. Ecco qui che ve ne parlo:

566-5785-2

Titolo: Sette giorni di te 

Autore: Cecilia Vinesse

Editore: Piemme

Data: 12 settembre 2017

Genere: Young Adult

Trama: Sophia ha sette giorni da trascorrere a Tokyo prima di tornare negli Stati Uniti. Sette giorni per salutare la città elettrica, il suo migliore amico e il ragazzo per il quale ha coltivato per anni una cotta semi-segreta. Sette giorni perfetti… fino a che Jamie Foster-Collins non ritorna in Giappone e rovina tutto. Jamie e Sophia hanno una storia finita col cuore infranto, e l’ultima cosa che Sophia vuole è che lui le rovini la partenza con il suo stupido arrivo. Tuttavia, col passare della settimana, le relazioni che ha pensato fossero stabili cominciano ad esplodere intorno a lei. E Jamie è quello che la aiuta a raccogliere i pezzi. Sophia è costretta ad ammettere che forse ha giudicato male Jamie, ma i loro sette brevi giorni di avventure a Tokyo porteranno a qualche cosa oltre che ai saluti?

RECENSIONE

La storia ha inizio a casa di Sophia, sette giorni prima della sua partenza da Tokyo per il New Jersey. A casa fa caldo ed, anche se cerca in tutti i modi di preparare la sua valigia ma non ci riesce e dopo aver discusso con sua sorella decide di uscire di casa.

Assieme a Mika e David, amici di Sophia da tanto tempo, scopre che Jamie è appena tornato in città. Sophia non vuole vederlo perchè qualche anni prima, prima che lui partisse da Tokyo ha fatto soffrire la nostra giovane protagonista tanto che non riesce a starsene lì con i suoi amici ad aspettare l’arrivo di Jamie Foster-Collins così che decide di andarsene. Ma i due sono destinati comunque ad incontrarsi.

Cosa succederà nella settimana prima della partenza definitiva di Sophia? Cosa cambierà fra lei e Jamie? Riuscirà a seppellire il rancore? Riuscirà a capire tutto ciò che è rimasto incompreso fino a quel momento?

«Non lo so. Mi mancherà la T-Cad, credo. E non riesco a immaginare di fare qualcosa senza Mika e David». Cercai altre cose da dire. «E mi mancheranno i rumori. I treni che sento da casa mia, le cicale in estate. Ho pensato perfino di registrarli: sì lo so, è una stupidata. E mi mancherà il gelato Ramune del konbini e il cibo nei contenitori di plastica. Si,  mi mancheranno i bento*. E quelle scatole di dolci con quegli incarti bellissimi che si trovano nei grandi magazzini. Le adoro. E poi…» schiacciai l’erba fra le dita. «Ma tanto che importa?» A me importa disse Jamie sorridendo. Mi strinsi nelle spalle. (…) Quella era casa mia.

La trama è concisa e dritta al punto. Già leggendo le prime righe mi ero incuriosita e sono subito corsa a chiedere se potevo recensirla. Non ho resistito. E poi non ci sono spoiler, che anche questo è un bene ai fini della lettura.

La copertina mi piace molto. E’ stata utilizzata la versione originale e  sono doppiamente felice: sia perchè è bella, sia perchè il titolo non è stato storpiato in qualcosa di completamente diverso. L’originale infatti, è Seven Days of You e trovo che sia stato fatto davvero un buon lavoro.

Risultati immagini per gif tokio cittàL’ambientazione è Tokyo e – diciamocela tuttafinalmente un’ambientazione diversa fra tutti i romanzi rosa che ho letto fin’ora. Sono rimasta colpita e affascinata, adoro il Giappone e spero un giorno di poterci andare. Alla fine troverete anche un Glossario con i termini giapponesi che utilizza l’autrice e la loro spiegazione. Si vede bene, inoltre, quanto l’autrice conosca la metropoli e quanto ne ami l’essenza perchè riesce a descriverla benissimo. L’epoca è moderna, contemporanea, svolto ai giorni d’oggi in una metropoli davvero fantastica.

Arrivammo in una strada più stretta e silenziosa. Trasalii quando un gruppo di persone uscì di corsa da un vicolo, in un turbinio di voci e abiti luccicanti. Jamie e io restammo immobili. Ci guardammo un attimo negli occhi e poi ci voltammo nello stesso momento, e questo mi fece sentire leggerissima. Mi stavo innamorando di lui. Ecco perchè ero così decisa a restare con lui tutta la notte. Ecco perchè continuavo ad avvicinarmi a lui anche se non era necessario. Era spaventoso e scoraggiante, ma ero attratta da lui come se avesse avuto un suo campo gravitazionale.

I personaggi non sono tantissimi, in questa storia sono abbastanza concentrati e delineati finemente. 

Sophia è una diciassettenne molto particolare. Non ha vizi, è una ragazza semplice e porta sempre un orologio che le ha regalato suo padre da bambina. Sono entrata in empatia con la protagonista Sophia proprio perchè è un elemento semplice, curioso e matura finemente all’interno del romanzo.

Jamie è un tipo assolutamente particolare. Sembra che di Sophia non sia più interessato come lo era anni prima, sembra essere diverso ma non è mai cambiato. E’ dolce, premuroso e maturo per la sua età. Insomma, chi non vorrebbe un ragazzo così?

Mika, David e Caroline sono gli amici più stretti che Sophia ha a Tokyo, se non gli unici. Caroline non la reputa troppo sua amica ma si renderà presto conto che anche lei le è indispensabile all’interno della comitiva. Mika è una ragazza esaltata, che crede che il mondo sia ai suoi piedi e David, per come l’ho visto io, è semplicemente uno sfigato. Non c’è stato un secondo in cui l’abbia immaginato figo. Mai. Già solo per il fatto del soprannome che da alla protagonista. A parte Caroline, che è quella che si avvicina un pochino di più, caratterialmente a Sophia, Mika e David sono gli esatti opposti. Ma devo dire che è stato tutto amalgamato finemente e sono stati delineati piuttosto bene: ci si riesce a fare un quadro generale degli amici di Sophia già dalle prime pagine quindi potete ben comprendere quanto siano stati descritti bene.

«Sono desideri» rispose lui. «Vuoi scriverne uno anche tu?» «E cosa scrivo?» chiesi. «Per esempio, “vorrei poter restare a Tokyo per sempre”?» «Ah-Ah. E tu, che scriveresti?» Lui inspirò. «Che fosse veramente così». Mi voltai, con le guance che avvampavano. Volevo che fosse vero, lo volevo tanto da far paura. «Se potessi esprimere un desiderio» disse precipitosamente «vorrei che tu non andassi via».

Il perno centrale risiede proprio nel titolo stesso. Sette giorni prima di una partenza, sette giorni racchiusi in ogni pagina, il countdown che scorre a ritmi lenti e poi veloci. Mi sono ritrovata io stessa a vivere quella settimana come se fosse l’ultima assieme ai miei amici più cari, come se fossi stata io quella che doveva partire. Sette giorni in cui Sophia ha scoperto se stessa e l’amore nascosto per Jamie che piano piano uscirà fuori e sarà il più bello di tutti.

Lo stile utilizzato è stato semplice e estremamente coinvolgente. Sono entrata nel pieno della storia e mi sono ritrovata a vestire i panni di Sophia con tutte le scarpe: ebbene sì, la storia è narrata in prima persona.

Per quanto Sophia possa sembrare, a volte, immatura per la sua età, non è un personaggio sbagliato. Conosco gente che a vent’anni è più immatura di lei o che quantomeno ha il modo di fare molto simile, quindi ci sta. Ho sentito tante critiche mosse al personaggio proprio per questo ma io ritengo che sia un tipo di personaggio alternativo quanto comune. Non siamo tutti uguali ne reagiamo tutti con la stessa testa (E meno male direi).

L’unica cosa di cui sono assolutamente curiosa è cosa succede dopo, che temo non verremo mai a sapere, a meno che l’autrice non voglia scriverne un seguito. (Ti prego fammo per me 😀 ) Il finale, quindi, è aperto e lascia all’immaginazione. Solo che io volevo sapereeeeeeeeeeee. *Ok, basta Sara, calmati!*

«Ogni volta che sento di aver trovato il mio posto, lo devo lasciare». «Non tutte le volte». Spinse la gamba contro la mia. Mi strinsi nelle spalle e mi strofinai gli occhi, che senza dubbio erano di un bel rosso acceso. «E almeno tu sai di aver trovato il tuo posto» continuò Jamie. «Io non sono sicuro di averlo mai avuto». (…) Si voltò verso di me. «Quello che volevo dire è che non mi sono mai sentito a casa da nessuna parte. Mi sono sempre sentito metà in un posto e metà in un altro. Come se non fossi mai stato dove dovevo essere, tranne…ora. Tranne qui, con te». Chiusi gli occhi e qualche lacrima mi scorse giù per le guance. «Secondo me sei tu che scegli sussurrò. Io credo che sia tu a decidere qual’è il tuo posto, e ci sono posti che ti ricorderanno sempre chi si. Devi solo sceglierli».

Questo libro è stato dolcissimo.Immagine correlata

Cecilia Vinesse è riuscita ad insinuarsi dentro dolcemente, con una storia che fa battere il cuore. Mi ha ricordato tutte le volte in cui mi sposto dal posto dove vado per un mese in vacanza, dove ci sono le persone che per me contano come se fossero la mia famiglia. Ed anche se so che li rivedrò l’anno successivo fa sempre male lasciarli e lasciare quel posto che, per me, è come se fosse casa mia. Uno Young  Adult leggero, da leggere in poche ore.

Consiglio assolutamente la lettura di questo romanzo. Una storia di amicizia, d’amore, di partenze e di maturità. Un libro ambientato dall’altra parte del mondo ma che ti fa sentire a casa dalla prima all’ultima pagina. Una storia d’amore bellissima.

Il mio voto per questo libro: 5 pesciolini.

picsart_09-22-09.39.42-1.jpg


Cosa ne pensate? Vi piace? Fatemi sapere se lo leggerete o se lo avete letto, mi raccomando!

Alla prossima,

Sara ©