SEGNALAZIONE #145 – PASTA FATTA IN CASA – SFOGLIE DI RACCONTI TIRATE A MANO DI LUCA MURANO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con una nuova raccolta di racconti di uno scrittore emergente. Spero di riuscire ad incuriosirvi con questo nuovo libro che vi presento, sopratutto se amate la cucina! Ecco a voi tutti i dati:

Pasta fatta in casa di Luca Murano: un libro per ognuno di noi
Tanti ingredienti che danno vita a un piatto prelibato

Risultati immagini per Luca Murano asta fatta in casa – sfoglie di racconti tirate a manoUn libro di cui avrete sicuramente sentito parlare in rete Pasta fatta in casa dello scrittore emergente Luca Murano. Una bella raccolta di racconti in cui pochi ingredienti, ma buonissimi, realizzano un ottimo piatto da gustare. In questo libro si racconta del tempo che incede, di disagio, di una società troppo veloce nel ritmo, di bisogno di ritrovarsi nella quotidianità. I personaggi sono tanti e vari nel carattere, ordinari come noi, ma che vivono realtà complesse. Il linguaggio è coinvolgente, la scrittura avvolgente. Luca Murano racconta benissimo le storie e fa immedesimare il lettore nei personaggi.
Incontreremo persone comuni, simili a tante che conosciamo, con cui ci confrontiamo quotidianamente e proprio per questo ci sentiremo in sintonia con loro. Carpiremo i loro umori, vivremo le loro emozioni, ci stupiremo e incupiremo con questi attori così pieni di sinergia. Amore, delusione, ricerca del proprio posto nel mondo, confronto, fragilità sono solo alcuni degli ingredienti di Pasta fatta in casa. E solo per i temi che affronta questo libro andrebbe letto. Ma poi il valore aggiunto di questa raccolta di racconti è dato dal modo di narrare di Luca Murano, dettagliato, quasi ci proponesse un film, usando una penna sagace, forte.

Quarta di copertina

“Pasta fatta in casa” è una raccolta di racconti incentrati sull’agio e sul disagio dei vari protagonisti. Essi, slegati l’uno dall’altro, sembrano però raccontati dalla stessa voce
narrante che si declina in più storie, aprendo il sipario su ambientazioni urbane, diversi
fraintendimenti, malesseri autentici e problematiche poco originali. Fra queste pagine
non troverete eroi morali o paladini della giustizia, ma piuttosto lo stridente contrasto fra persone normali che fanno cose semplici e il mondo attuale, un mondo accelerato e
decadente che di normale, ormai, ha ben poco.

Link Amazon: QUI

Autore: Luca Murano
Titolo: “Pasta fatta in casa – sfoglie di racconti tirate a mano”
Formato: Copertina flessibile
Genere: Narrativa contemporanea; raccolta di racconti
Pagine: 160
Editore: bookabook 
ISBN-10: 8833230759
ISBN-13: 978-8833230757
Data di uscita: 5 luglio 2018
Trama: La dedizione e la fatica dello scrivere mi hanno sempre ricordato la pasta fatta in casa di mamma. Nel bene o nel male, infatti, niente può sorprendere di più di qualcosa di così semplice e genuino, qualcosa che non è ancora stato preconfezionato o reso disponibile nella corsia di un supermercato. Mimetizzati fra questi racconti non troverete i classici ‘protagonisti’ letterari: l’unica assoluta protagonista qui è la Vita, che macina storie di ordinaria quotidianità risucchiando tutto ciò che le ruota intorno. Fra queste  pagine nemmeno incontrerete eroi morali o paladini della giustizia, piuttosto lo stridente contrasto fra persone normali che fanno cose semplici (o non fanno proprio niente!), e il mondo attuale, un mondo accelerato e decadente che di normale, ormai, ha ben poco. Diciotto ricette che raccontano la quotidianità in modo sobrio e indolente, diciotto racconti che vi parlano schiettamente, senza inutili fronzoli, come se a farlo fosse il vicino, il fornaio o un caro amico.

BIOGRAFIA

Luca Murano nasce al nord (Lodi) da genitori del sud (Salerno) e attualmente vive al centro (Firenze). Dopo aver conseguito la laurea in Lettere Moderne a Pavia, ha lavorato per due anni con la casa editrice Mondadori come redattore e correttore di bozze. Dal 2009 vive in Toscana dove mangia tanto, si occupa di logistica, suona il basso, legge e scrive con fortune alterne ma ben compensate da passione e dedizione. A luglio 2018 è uscito il suo primo libro, una raccolta di racconti, dal titolo “Pasta fatta in casa – sfoglie di
racconti tirate a mano” pubblicato con la casa editrice milanese Bookabook.


Che ve ne pare? Fatemi sapere, mi raccomando perchè sono curiosa! Vi aspetto come sempre.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #318 – SHAME IS AN OCEAN I SWIN ACROSS DI MARY LAMBERT.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Altro giorno, altra recensione per voi che spero possiate apprezzare. Stavolta, il libro che vi porto, è in inglese ed è talmente piccolino che spero lo prendiate in considerazione se amate il genere. E’ davvero una piccola perla da conservare sempre sul comodino. Ecco che ve ne parlo subito:

71qgu0nvfglTitolo: Shame Is an Ocean I Swim Across
Autore: Mary Lambert
Data di pubblicazione: October 23, 2018
Genres: Gay & Lesbian, Mental Health, Nonfiction, Poetry
Pagine: 176
Lingua: Inglese
Link d’acquisto: Shame in an Ocean I swim Across

Trama originale: Beautiful and brutally honest, Mary Lambert’s poetry is a beacon to anyone who’s ever been knocked down — and picked themselves up again. In verse that deals with sexual assault, mental illness and body acceptance, Lambert emerges as an important new voice in poetry, providing strength and resilience even in the darkest of times.

Trama tradotta da me: Bella e brutalmente onesta, la poesia di Mary Lambert è un faro per chiunque sia mai stato abbattuto — e si è ripreso. In un versetto che tratta di aggressioni sessuali, malattie mentali e accettazione del corpo, Lambert emerge come un’importante nuova voce nella poesia, dando forza e resilienza anche nei tempi più bui.

RECENSIONE

grayscale photo of person's lipsLa raccolta di poesie di Mary Lambert è un tripudio di emozioni sconvolgenti, diviso in cinque sezioni che coinvolgeranno e sconvolgeranno il lettore parola dopo parola, riga dopo riga.

Una raccolta di poesie brutale, diretta che tratta argomenti che l’hanno colpita, ferita e coinvolta in prima persona, Mary esplora il suo mondo e ci parla di stupro, di malattie mentali, di accettazione di se stessi e dell’amore. Una raccolta di versi e poemi che vi trascineranno in un vortice triste ma che dona forza e speranza per il futuro.

When I met you
I planted my heart into heavy
earth. I was scared,
But you smiled back.
Thank God I was not born a bird.

La trama è semplice ed espone ciò che effettivamente è questa raccolta di poesie, di versi semplici ma allo stesso tempo forti. Incuriosisce molto, un bel lavoro.

La copertina è una delle più belle in assoluto che abbia mai visto. Cioè, ce ne sono di copertine belle ma questa è davvero incredibile e, tra l’altro, rappresenta a pieno regime la bellezza di quest’opera e rappresenta l’autrice e i suoi sentimenti in tutta la sua interezza. Non poteva esserci rappresentazione più bella e delicata di questa per la raccolta di poesie di Mary Lambert.

Il titolo di questo testo riprende il testo di una poesia che è all’interno della raccolta. La traduzione italiana del titolo sarebbe “La vergogna è l’oceano in cui nuoto” ed io penso che, invece, l’autrice non abbia nulla di cui vergognarsi, anzi, forse dovrebbero farlo le persone che ha incontrato nel corso della sua vita. Un titolo forte, prepotente e importante che evidenzia la fragilità dell’autrice.

shallow focus photography of woman's eyes

I choose you
You said to me, crying last night
I chose you back.

Il personaggio e fulcro principale di questa raccolta è proprio Mary, l’autrice stessa che mette a nudo tutto ciò che ha passato, le sue fragilità e di tutto ciò che ha taciuto dentro per anni e per il quale era arrivato il momento di esternarlo.

Per chi non conoscesse Mary Lambert, è divenuta famosa come cantante per via della canzone Same Love assieme a Macklemore, che vi invito ad andare ad ascoltare. Personalmente non conoscevo la sua storia ma sono andata ad informarmi per cercare di saperne di più mentre leggevo il suo volume.

Mary è stata molestata da suo padre ed ha vissuto esperienze terrificanti. Questo ha scatenato nella sua vita una serie di cose che l’hanno provata sempre di più e l’hanno portata ad essere bipolare convulsiva. Mary è una persona rinchiusa in una piccola bolla e in questo libro ci trascina al centro del suo dolore fisico e mentale. Ci trasporta all’interno di tutto ciò che Mary ha subito e quanto tante cose l’abbiano cambiata, in un modo o in un altro.

I say no one knows how many mountain there are

in the world, do they? She says, I’m glad you’re here.

bokeh photography of woman holding paper lanternLo stile utilizzato dall’autrice è piuttosto semplice anche per chi è alle prime armi con l’inglese. Oltretutto è molto piccolo il volume, quindi si legge in veramente poco tempo.

Le poesie sono divise in cinque sezioni che spaziano su diversi argomenti. Si parlerà delle molestie che Mary ha subito da parte si suo padre, del suo bipolarismo e di tanto altro. Non voglio essere ripetitiva su questo ne spoilerarvi la raccolta, vi basterà leggere i piccoli pezzi che vi ho lasciato qui nella recensione per comprendere la tristezza e la dolcezza che fanno della fragilità di Mary, il suo punto di forza.

Nella scrittura Mary Lambert sembra ritrovare se stessa e ci lascia una serie di ricordi, di persone che ha incontrato, di tante piccole cose che l’hanno aiutata a crescere e cambiare nel corso degli anni. Non tutte le poesie sono riuscite a colpirmi ma  mentre si legge non si riesce a non essere tristi, giù di morale e pensare a quanto Mary abbia subito. Una raccolta straziante ma bella, che di sicuro vi consiglio. 

I cry because  i am so well,
because i live so well
and how could one person
possibly be so fortunate
to live with all of this light

Il libro è una raccolta davvero da non perdere che mi sento di consigliare agli amanti delle poesie ma anche a chi vuole approcciare sia a questo genere, sia all’inglese essendo molto semplice nella comprensione del testo. Un piccolo diamantino che brilla, non perdetelo.

Mary Lambert scrive una raccolta che parla di sé, delle ferite aperte e del male che le è stato inflitto. Parla della sofferenza ma anche dell’amore, del dolore che esso provoca e dei benefici che riesce a trasmettere. Una raccolta che può solo che emozionare.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Shame the ocean I swim Across sostenere il Blog? Acquista da Qui: Shame Is an Ocean I Swim Across o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere se darete una possibilità a questo libro, io spero di si!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #127 – ESTROPIA DI STEFANO CARUSO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io bene, anche perchè le vacanze sono finalmente alle porte ! Finalmente. Detto questo, vi lascio una raccolta di racconti fresca e che spero possa mettervi curiosità. Trovo la copertina davvero molto bella se posso dire la mia. Ecco qui:

Titolo: Estropia
Autore: Stefano Caruso
Editore: PROTOWRITE
Genere: Raccolta di racconti
Data di uscita: 05 Maggio 2019
Pagine: 164
Formato: Cartaceo e digitale
Link: QUI
Trama: Estropia è una raccolta di racconti di fantascienza e fantasy, con una spruzzata di post-apocalisse e slasher.

Il tema principale è il rapporto uomo/realtà, come la tecnologia influenza il mondo e il modo di percepirlo.
Inoltre, fa parte della raccolta “Arswyd” un racconto prequel della mia serie principale “Il Lascito”, disponibile sempre qui su Amazon.

I nove racconti che compongono la raccolta:
– Arswyd: racconto ambientato nell’universo de “Il Lascito”, un prequel che vedrà coinvolto uno dei personaggi chiave della serie di romanzi.
– Spore: un racconto di fantascienza che aggiunge un retroscena al primo allunaggio.
– Unghie e Capelli: un racconto horror vecchio stile, basato sulla paura degli alieni.
– Reazione a Catena: un omaggio agli slasher e al cinema di genere, un’unica catena di eventi dove il punto di vista viene continuamente ribaltato.
– Attento a ciò che desideri: un racconto di fantasia basato sui rimorsi, i rimpianti e su cosa si farebbe per amore.
– L’Unica Ragione: in un mondo post-apocalittico, un uomo cerca una salvezza per sé e sua moglie.
– Eden: in un mondo perfetto, qualcosa nella vita di Steven cambia dopo un incidente d’auto.
– Siro: un breve racconto ambientato in un mondo dove una glaciazione ha distrutto la civiltà.
– Rumplestiltskin: rivisitazione “alla Shameland” della celebre favola.

Estropia fa parte della collana “Beyond Midnight” creata da me e JPK Dike, altre informazioni all’interno.

NOTA DELL’AUTORE:

Sono uno scrittore indipendente, senza il supporto di case editrici che mi aiutino con marketing ed editing. I miei scritti sono comunque sottoposti a una revisione di un correttore terzo, che mi aiuta gratuitamente e a cui va tutta la mia gratitudine.
Il lavoro che c’è dietro a queste pagine è gigantesco, perciò se “Estropia” vi piace, aiutatemi ad ampliare questa serie con un commento qui, o parlando del romanzo a qualche vostro conoscente, o tramite un like alla mia pagina “Protowrite” o su Instagram, dove mi potete trovare come “Calvin_Idol”.

Per me sarebbe un contributo enorme.


Cosa ne pensate di questa raccolta? Vi piacerebbe leggerlo? Io aspetto pareri ed opinioni!

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #315 – A PROPOSITO DELLA TUA BOCCA DI JAIME LORENTE.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con una nuova recensione per voi che spero possa interessarvi. Con questa settimana inizio con un libro di poesie, che, per chi segue La Casa di Carta sarà una vera sorpresa. Jaime Lorente, l’attore che interpreta Denver (il mio preferito tra l’altro), ci porta un libro curioso, che parla di amore. Ringrazio la DeAgostini per avermi permesso la lettura e vi lascio tutto qui sotto:

9788851173944_6e489317d0e7e9f7579c7f5f07cd4b1cAutore: Jaime Lorente
Titolo: A proposito della tua bocca
Genere: Poesia
Pagine: 128
Data di uscita: 25.06.2019

Link d’acquisto: https://amzn.to/2Sy1oei
Trama: Dall’attore protagonista delle serie tv cult La casa di carta e Elite, una raccolta di poesie che tocca tutte le corde dell’animo umano: la solitudine, il dolore, la felicità e la memoria. Un testo intimo e delicato che indaga l’amore e tutti i modi per viverlo, un diario delle emozioni che l’autore ha iniziato a scrivere quando era solo un adolescente. Un vero e proprio viaggio nel mondo – e soprattutto nel cuore – di Jaime Lorente.

RECENSIONE

Immagine correlataLa raccolta di poesie di Jaime Lorente è divisa in due parti, una in cui si parla dell’amore, A proposito della tua bocca e tutto ciò che concerne l’amore, l’erotismo e ciò che prova lo scrittore stesso in determinate situazioni. La seconda parte è A proposito del mondo e di come l’autore condivide la visione di se stesso nel mondo e del mondo stesso che lo circonda.

Una raccolta di poesie che parla di amore ma anche di tanto altro, che racchiude sentimenti importanti che si lasciano esplorare pagina dopo pagina.

Sia il nostro abbraccio

a disegnare nella notte lo skyline

del tuo corpo sul mio.

La trama non mi ha colpito particolarmente. Sono rimasta principalmente colpita dal titolo e dalla copertina come dal fatto che provenisse da un personaggio che mi incuriosisce molto. Tutto qui.

La copertina è davvero bella ed è stata lasciata come l’originale. Come potete vedere è molto semplice e minimalista ma lascia la figura e i contorni dell’autore rendendolo poetico e dolce, come le sue poesie. Troverete dei disegni all’inizio di ogni sezione, sono due quindi, e riprendono il tipo di disegno che avete visto in copertina ed è davvero molto carino.

Il titolo della raccolta è semplice e riprende una delle due sezioni che l’autore ha utilizzato per suddividere le sue poesie. Ed ovviamente è anche la più importante fra le due, non c’è alcun dubbio. Io lo trovo assolutamente delicato e originale. E’ stato soltanto tradotto dalla lingua spagnola, quindi non trovate alcun cambiamento.

A proposito della tua bocca

non ricordo i baci che ci mancano

quale di essi mi risveglia

questa voglia matta di scottarmi.

Risultati immagini per a proposito della tua bocca

Il perno centrale di questa raccolta è la bocca, è il mondo, sono le emozioni stesse che ruotano attorno a tutto questo e ai sentimenti limpidi e oscuri dell’autore.

Lo stile utilizzato è semplice, l’autore si sofferma principalmente sull’amore, sui corpi e sull’erotismo che anche solo un contatto può dare.

L’amore quindi è di sicuro una parte importante e l’autore tende a sottolinearlo più e più volte. La bocca, i corpi che si sfiorano, che si toccano e che nel punto di contatto esplodono in una scia di scintille luminose. Ogni singolo istante di emotività è qui racchiuso senza pudore, senza pareti e senza pudore di mostrare sia i propri sentimenti che ciò che l’autore ha nella sua vita quotidiana.

Altro lato importante è tutto ciò che l’autore ha dentro di se che cerca di uscire piano, passo dopo passo, pagina dopo pagina. Si scorgono le insicurezze e le fragilità di una persona che cerca amore ma che allo stesso tempo ha paura di darne. O forse di finirci semplicemente troppo dentro. La solitudine è predominante, come il contrasto continuo fra la felicità e il dolore che l’autore prova in ogni contesto che descrive.

Ho trovato alcune poesie, soprattutto nella seconda parte, piuttosto banalotte. Sembravano proprio essere scritte da una persona che non sapeva cosa scrivere. E ad un certo punto lo dice anche Jaime stesso in una poesie. Gli era stato richiesto un tot di pagine e lui continuava scrivere per riuscire a completarle. Insomma, non tutto il volume è riuscito a coinvolgermi emotivamente. Alcune mi hanno proprio fatto sollevare gli occhi al cielo.

Cosa che mi ha sorpreso non trovare, è stato qualche riferimento alla sua professione, a magari mentre si finge da attore, tutto sia diverso dall’amore che invece è più “tangibile” o reale.

Ormai ti trovo in tutto,

ed è per te,

bocca incurabile che mi hai ferito

più di qualsiasi altra,

che scrivo a proposito del mondo.

La raccolta è stata sicuramente interessante, una scoperta che mi ha fatto piacere leggere e condividere con voi. Sicuramente non la consiglio per iniziare ad approcciare con le poesie perchè ce ne sono state alcune che mi hanno lasciata perplessa ma in fin dei conti è stata una lettura leggera e piacevole.

Jamie Lorente è stata una piccola scoperta e devo dire di esserne rimasta – almeno in parte – piuttosto colpita. 

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare A proposito della tua bocca e sostenere il Blog? Acquista da Qui: A proposito della tua bocca o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Che ve ne pare? Siete curiosi? Vi piace? Fatemi sapere, mi raccomando! 

A presto,

Sara ©

RECENSIONE / REVIEW #311 – DEATH OF DREAMS DI SHRUTI AGRAWAL.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Nuovo libro terminato, nuova recensione in arrivo ovviamente. Una piccola raccolta di poesie in lingua inglese che spero possiate prendere in considerazione. Sono molto semplici da comprendere anche per chi ha difficoltà in inglese quindi potete facilmente provare. Ringrazio l’autore per avermi fornito la copia digitale e ve ne parlo subito:

Titolo: Death of Dreams41i-opjgkfl
Autore:  Shruti Agrawal
Genere: Poesie
Lingua: Inglese
Pagine: 56
Link d’acquisto: https://amzn.to/2X5RyAM
Trama originale : “Death Of Dreams” is a cluster of quotes & poems. It is deep dive into emotions, empathy, acceptance, healing and insights into a different perspective towards life. The book embraces you in silence and stillness of thoughts. The book is an attempt to connect to souls, to reflect upon them, unbiased and together embrace a new beginning and a beautiful journey called life.
Trama tradotta:  “Death Of Dreams” è un insieme di citazioni e poesie. È una profonda immersione in emozioni, empatia, accettazione, guarigione e intuizioni in una diversa prospettiva verso la vita. Il libro ti abbraccia nel silenzio e nella quiete dei pensieri. Il libro è un tentativo di connettersi con le anime, di riflettere su di esse, imparziale e insieme abbracciare un nuovo inizio e un bellissimo viaggio chiamato vita.

RECENSIONE

photo collage on wallDeath of Dreams è una raccolta di citazioni e poesie davvero interessanti. Dall’amore alla vita, all’accettazione a piccoli momenti di vita quotidiana che riflettono ciò che portiamo dentro con i suoi pesi e le sue paure.

Connessioni che si intrecciano e frasi che diventano così vere, così intense che sfiorano l’animo di chi legge, invitandolo a portarle con sé.

Cosa si percepirà attraverso la lettura di questo libro? A cosa andremo incontro? Cosa vuole comunicarci l’autrice?

You are a moment to someone,

And to someone
A beautiful memory
You may be the reason
Of someone’s smile
And maybe a chapter
In their love story.

La trama della raccolta è semplice, diretta ed esplicativa di ciò che parla il libro stesso. E’ breve e concisa visto che anche la raccolta di poesie stessa lo è. Incuriosisce ed io da brava lettrice ne ho approfittato per leggere questa raccolta.

La copertina è davvero molto carina ed in tema con la raccolta. I colori sono leggeri, richiamano la pace e la tranquillità e, una volta letta la raccolta, vi sembrerà ancora più bella di prima, ve lo assicuro.

Il titolo della raccolta lo trovo davvero significativo. Death of Dreams, la morte dei sogni, è qualcosa di così triste che non vi riesco neanche a spiegare. Trovo sia poetico molto più il titolo di tutto il resto. Non per sminuire il lavoro, ci mancherebbe, ma è stato davvero ben scelto e incuriosisce già di per sè.silhouette of person sitting on green grass during golden hour

If your heart gets broken,
It can also shine
And reflect love
You just need to have
The right one
In your fate.

Il perno centrale di questa raccolta di poesie risiede in parte nel titolo, in parte nei stessi scritti che sembrano quasi degli incoraggiamenti alla vita. Una raccolta piccola ma piena di significato.

Lo stile utilizzato dall’autrice è molto semplice e sicuramente scorrevole. Il libro si legge in davvero poco tempo essendo una raccolta piccolina ma, nel complesso, è anche un insieme ricco di emozioni, sensazioni e consapevolezze.

Quelle che ho citato in questa recensione sono alcune delle mie preferite che ho letto e che ho trovato molto belle. Ce ne erano anche altre ma ovviamente non potevo citarvele tutte quante. 

Ho trovato questi testi davvero molto brevi e leggeri, molto più somiglianti a delle citazioni che a delle vere e proprie poesie. Questa è l’unica cosa che non mi è andata particolarmente a genio, nonostante siano davvero belle e interessanti. Sicuramente delle poesie sarebbero arrivate di più però non posso dire che le parole utilizzate non siano belle. 

I have always felt in love,
With stories of pain
And hardships
Maybe because they
Make me realize
That I am not struggling alone
In the battle of life

Una raccolta ricca di emozioni e verità in cui il cuore e la penna dell’autrice incontrano quello del lettore e lo trasportano attraverso un lungo viaggio chiamato vita. Una raccolta piccola piccola, che vi invito a leggere.

Shruti Agrawal racchiude la vita in ogni piccola sfumatura. Trasforma dei sentimenti in piccole frasi che si porteranno nel cuore sempre. 

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la l’autore per la copia omaggio

ENGLISH REVIEW

Death of Dreams is a collection of really interesting quotes and poems. From love to life, to acceptance into small moments of daily life that reflect what we carry within with its burdens and fears. Connections that intertwine and phrases that become so true, so intense that they touch the soul of the reader, inviting them to take them with them.

What will be perceived by reading this book? What are we going to meet? What does the author want to tell us?

The plot of the collection is simple, direct and explanatory of what the book itself speaks. It is short and concise since even the collection of poems itself is. Intrigues and I as a good reader I took the opportunity to read this collection.

The cover is really very nice and in theme with the collection. The colors are light, recalling peace and tranquility and, once the collection is read, it will seem even more beautiful than before, I assure you.

I find the title of the collection really significant. Death of Dreams is something so sad that I can’t even explain it. I find the title of everything else to be much more poetic. Not to diminish the work, God forbid, but it was really well chosen and already intrigues itself.

The central pivot of this collection of poems lies partly in the title, partly in the same writings that seem almost to encourage life. A small collection but full of meaning.

The style used by the author is very simple and certainly smooth. The book is read in very little time being a small collection but, overall, it is also a rich set of emotions, sensations and awareness. The ones I mentioned in this review are some of my favorites that I read and which I found very beautiful. There were also others but obviously I could not quote them all of them.

I found these texts really very short and light, much more like citations than real poems. This is the only thing that I didn’t particularly like, even though they are really beautiful and interesting. Surely poems would have arrived more but I cannot say that the words used are not beautiful.

A collection full of emotions and truth in which the author’s heart and pen meet that of the reader and transport it through a long journey called life. A small little collection, which I invite you to read.

Shruti Agrawal encloses life in every little nuance. Transform feelings into small phrases that will always be carried in the heart.

My vote for this book is 3 stars and a half

We thank the author for the digital copy

Vuoi acquistare Death of Dreams e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Death Of Dreams o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Vi aspetto come sempre con vostre opinioni! Vi auguro un buon inizio settimana.

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #117 – IL MISTERO DI VIRGINIA HAYLEY & BESTE D’ITALIA PER NPS EDIZIONI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io bene e vi invito a tenervi pronti perchè oggi vi presento due novità da poco in libreria per la NPS EDIZIONI. Di cosa si tratta? Lo vedrete subito, non temete. Vi lascio alla scoperta di questi due nuovi libri e vi auguro una buona lettura:

Risultati immagini per Il mistero di Virginia Hayley Alessio FilisdeoTitolo: Il mistero di Virginia Hayley
Autore: Alessio Filisdeo
Editore: NPS Edizioni
Genere: urban fantasy / gotico
Pagine: 194
Formato: cartaceo e digitale
Prezzo: 14 euro (cartaceo) / 2,99 euro (digitale)
ISBN: 978-88-31910-118 (cartaceo) / 978-88-31910-125 (digitale)
Uscita ufficiale: 1 marzo 2019 (ebook), 15 marzo 2019 (cartaceo).
Disponibile su tutti gli store di ebook
Disponibile su tutti gli store di libri, in libreria (distribuzione Libro.co) e sul sito NPS Edizioni

Settore: fantasy
Pubblico: amanti del genere fantastico/gotico
Quarta di copertina: Londra. Autunno 1892.
Una serie di efferati delitti a sfondo rituale sconvolge la città e l’opinione pubblica.
Un investigatore oppiomane, un’elegante dama straniera, un americano dai modi spicci e un vecchio cacciatore aristocratico si ritrovano a indagare sull’omicidio della giovane Virginia Hayley, che Scotland Yard cerca pervicacemente di nascondere.
In una corsa contro il tempo, tra bassifondi degradati, sontuose sale da ballo e magioni infestate da antiche presenze, i quattro riluttanti compagni si ritroveranno invischiati loro malgrado in un inquietante complotto interno all’Impero Britannico, cercando al contempo di scongiurare il Crepuscolo di Ra e l’avvento del caos.

Estratto

Qualunque organo governativo rappresentiate realmente, di qualunque società segreta o circolo facciate parte, dimenticate gli accadimenti connessi a Virginia Hayley. Inseguirli, e badate che questa non è una minaccia, vi distruggerà.
Il mondo, dicono, è un luogo oscuro e crudele. Credetemi, non volete sapere quanto in realtà sia ancora più oscuro e crudele.

Biografia autoreNato ad Ischia nel 1989, Alessio Filisdeo vive a Barano d’Ischia. Comincia a scrivere racconti fantasy, e a tema supereroistico, a sedici anni finché, una bella notte, non si trova ad assistere per caso alla proiezione del film cultoIntervista col Vampiro. Sboccia immediatamente l’amore per la figura del vampiro aristocratico, per il genere gotico e per i grandi classici ottocenteschi. Il passo da fan del genere a fanatico cultore è più breve del previsto. Conclude il suo primo romanzo storico a tinte sovrannaturali all’età di diciannove anni. C’è un solo problema: ormai i “vampiri di una volta” di cui ha scritto sono passati di moda. Ma Alessio Filisdeo non demorde: destreggiandosi tra la passione per la scrittura e alcuni lavoretti part-time (confermando quindi lo stereotipo dello scrittore perennemente squattrinato con tante belle speranze), e spaziando momentaneamente tra più generi e personaggi, aspetta pazientemente il ritorno alla ribalta della creatura dannata in tutto il suo maledetto splendore. Per il momento ha pubblicato tre opere di genere urban fantasy, e una di genere gotico, con la casa editrice Nativi Digitali Edizioni.


Risultati immagini per Bestie d’Italia – volume 1Titolo: Bestie d’Italia – volume 1
Autore: Autori vari
Editore: NPS Edizioni
Genere: antologia di racconti fantastici
Pagine: 208
Formato: cartaceo e digitale
Prezzo: 14 euro (cartaceo) / 2,99 euro (digitale)
ISBN: 978-88-31910-156 (cartaceo) / 978-88-31910-163 (digitale)
Uscita ufficiale: 1 aprile 2019 (ebook), 15 aprile 2019 (cartaceo).
Disponibile su tutti gli store di ebook / Disponibile su tutti gli store di libri, in libreria (distribuzione Libro.co) e sul sito NPS Edizioni. Amazon 
Quarta di copertina: Lupomanaio, marabbecca, munacielli. Sono solo alcune delle creature fantastiche che popolano le regioni d’Italia. Escono dai grimori,
balzano fuori dai ricordi dei nonni, protagoniste di storie e leggende che per secoli si sono tramandate di bocca in bocca, incrementando la ricchezza culturale della penisola.
Il progetto “Bestie d’Italia” parte da qui, dal recupero delle tradizioni folcloristiche italiane, per raccontarle a chi non le conosce, per guardare con occhi diversi il nostro territorio, pregno di storia, misteri e magia. La prima tappa di questo viaggio nel folclore d’Italia ci porterà in Liguria, Toscana, Lazio, Campania, Calabria e Sicilia, sulle tracce di lupi, draghi e mostri marini. Il volume 1 di “Bestie d’Italia” contiene dieci racconti di scrittori italiani, appassionati di fantastico e folclore.

Lupomanaio, di Marco Bertoli
Il pozzo, di Gianluca Malato
Anime nella bufera, di Alessio Del Debbio
Jackie Chan contro Dracula, di Mala Spina
Nella bocca del dragone, di Giuseppe Chiodi
Ambrosia, di Elena Mandolini
L’illusione di Morgana, di Giuseppe Gallato
Le figlie della lupa, di Alessandra Leonardi
Il mistero di Atlanta, di Daniela Tresconi

La Mala Grotta, di Monica Serra

Copertina e illustrazioni interne a cura di Marco Pennacchietti.

Estratto

L’immensa parete di pietra mostra un’apertura. Ci nuoto attraverso e risalgo lungo un canale. L’ansito della bestia scuote la volta. Il drago è lì che si lamenta, attorcigliato su una pila di gioielli e monete d’oro: il favoleggiato tesoro dei Visigoti.
Dammi la forza, Hirpus, lupo sacro! Sostienimi, Mefite, Dea delle acque!


Cosa ne pensate? C’è qualcosa che vi tenta particolarmente? Fatemi sapere!

A presto,

Sara ©

SEGNALAZIONE #114 – IL CARNEVALE DELLA VITA DI DEBORAH CAPPA.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con una nuova segnalazione fresca fresca solo per voi. Spero che possano piacervi le poesie e che possiate apprezzare queste raccolte dell’autrice. Ecco a voi:

Titolo: Il carnevale della vita
Autore: Debora Cappa
Genere: Poesia
Data di uscita: 30 aprile 2006
Editore: Tracce
Prezzo: € 5,66
Pagine: 72

“Questa raccolta di poesie di Debora Cappa, giovane autrice emergente, si caratterizza per una tematica legata all’amore e ai sentimenti, che trova una modalità espressiva particolare e convincente grazie all’essenzialità e alla coerenza della forma stilistica. […] L’Autrice mostra una sua peculiare dimensione allegorica attraverso immagini nitide e immediate, che assumono l’aspetto di simboli universali, quasi per avvicinare al lettore le motivazioni e i significati di una scrittura poetica che si presenta senza troppe maschere, alla ricerca di una propria verità personale” (Ubaldo Giacomucci).


Immagine correlata

L’Autrice

Debora Cappa è una giovane scrittrice e poetessa pescarese, che al momento ha all’attivo la pubblicazione di otto libri.

La giovane autrice ha già pubblicato un’antologia di sessanta poesie, “Il Carnevale della Vita”, ricerca sul senso dell’esistenza, che si articola in due sezioni strettamente connesse tra loro, di cui la seconda “A briglia sciolta” prelude a nuove successive evoluzioni.

“Amore, l’incompiuto” , sua opera successiva, è una raccolta di quaranta componimenti poetici incentrati sull’Amore, inteso come un’entità universale in continuo divenire.

L’Anima e il Mare”, sua terza pubblicazione, è costituita da trentacinque scritti poetici, che si basano su una personale visione della spiritualità, cui la natura assurge a cornice e consolatrice.

“Il Corpo e la Terra”, sua quarta opera, consta anch’essa di trentacinque poesie, che si fondano su una concezione fisica e realistica, circa vari aspetti del comportamento umano.
Questi ultimi due libri sono complementari e dicotomici nonché contrapposti tra loro.

A marzo è stata pubblicata la sua quinta silloge di trenta liriche, “I Sentieri della Mente”,che riguarda i percorsi consci ed inconsci, liberi e coatti, presenti, passati e futuri, tracciati dai meandri imperscrutabili del pensiero.

A luglio è uscita la sua sesta raccolta di poesie, intitolata “Intime Evoluzioni” composta da trenta liriche. Concerne le trasformazioni che la sensibilità, rimanendo in equilibrio tra i molteplici ostacoli dai quali è ferita, attraversa senza cadere nel più facile cinismo.

A dicembre la sua settima opera: “Sembianze dei Silenzi”, trenta liriche, in cui, quasi in una voluttuosa danza, s’alternano instancabilmente tracce di luminosa felicità a schegge di malinconica tristezza, frammenti di vita che via via prendono corpo.

In uscita nello stesso mese anche la sua ottava silloge “Petali di Speranze”,  composta da trenta liriche, di cui l’immagine di copertina anticipa il contenuto quasi in una sorta di preludio.

“Spes ultima dea est et omnium rerum pretiosissima, quia sine Spe homines vivere nequeunt”.

Ulteriori informazioni sul sito web ideato e realizzato dall’autrice stessa


Cosa ve ne pare? Spero vi piacciano 😀 Cosa ne pensate?

A presto,

Sara ©