COVER REVEAL – LA DODICESIMA CLESSIDRA DI ISABELLA VINCI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Oggi ho per voi un cover reveal molto interessante per Lettere Animate che spero vi piaccia. La segnalazione di questo venerdì è scalata alla prossima settimana. Ecco qui il nuovo libro in uscita e la sua cover:

Autrice: Isabella Vinci
Editore: Lettere Animate
Genere: Paranormal romance
Pagine: 276
Prezzo cartaceo: 14€
Sinossi: Mar dei Caraibi, 1850. Lady Emerald Blacksmith è
in fuga da un matrimonio con un uomo riprovevole, quando viene catturata dal
corsaro Benedict Rose. Ma il loro nemico comune li unirà in una battaglia
contro l’ingiustizia. Benedict non è chi dice di essere, ma anche lei nasconde
un segreto. Ecco perché non può cedere al fascino indicibile di Benedict e deve
tenerlo a distanza. Ma il passato è dietro l’angolo e chiama a gran voce la
ragazza. Un’antica popolazione, un’isola impenetrabile, bambini da salvare,
misteriose e alquanto inquietanti profezie, sembreranno volersi frapporre alla
passione che inesorabile nasce tra i due. Il viaggio di Emerald e Benedict è
molto più arduo di ciò che credevano. Riuscirà il loro amore a superare le
terribili prove a cui sarà sottoposto?
Dodici sono i Custodi dell’Isola,
dodici le clessidre.
E la sabbia della dodicesima ha appena iniziato a
scorrere.
 

Biografia

Isabella Vinci, classe ‘88. Terapista della Neuropsicomotricità e dottoressa in Psicologia e Neuroscienze cognitive. Lavora presso un centro di riabilitazione alla periferia di Roma. 
Appassionata lettrice dall’età di sette anni, ha iniziato la sua carriera di scrittrice con i diari segreti all’età di dieci. Ha una vera e propria ossessione per il fantasy, la fantascienza e i romance. Partecipa dal 2014 ai corsi di scrittura creativa di Cinzia Tani. 
Ha partecipato con alcuni racconti alla pubblicazione di diverse antologie. Nel novembre 2015 ha vinto il concorso Narratopoli per la sezione Romance con il racconto Dieci passi verso te. Cronache della Stirpe Nascosta è il suo primo romanzo urban fantasy, pubblicato da Lettere Animate ad aprile del 2016. La notte dei desideri, pubblicato a luglio del 2016 da Augh Edizioni (Gruppo editoriale Alter Ego), è il suo primo libro per bambini.  Collabora con un blog letterario, Il confine dei libri, e con un sito di intrattenimento dedicato alle donne di ogni età, Tratto Rosa.


Cosa ne pensate di questo volume? Fatemi sapere con un commentino, io vi aspetto!

A presto,
Sara ©
 

 

Annunci

SEGNALAZIONE #30 – AVVENTO DI DEBORA SPATOLA.

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Come state? Spero tutto bene, a me è tutto ok almeno al momento. Cosa vi propongo oggi? Come avete potuto vedere dal titolo, una segnalazione, come tutti i venerdì!

Di quale libro vi parlerò oggi? Eccolo qui:

Risultati immagini per avvento di debora spatolaTitolo: Avvento
Autore: Debora Spatola
Editore: Nero Press Edizioni
Genere: Paranormal Romance
Pagine: 504
Prezzo: euro 17.
Uscita: 9 giugno 2017
Trama (in breve): Lua è una ragazza come tutte le altre. Una famiglia normale, un diario segreto, un ragazzo. Poi, di colpo, la sua vita viene stravolta. Si troverà contesa tra quelli che scoprirà essere Nephilim, e sadici esseri non del tutto umani: gli Ibridi. Ma scegliere da che parte stare non è così semplice: esistono Guardiani maligni e Ibridi meritevoli di perdono. La linea che separa il Bene dal Male non è mai stata netta. Eppure le verrà chiesto di schierarsi, e soltanto la sua decisione determinerà la fine di una guerra millenaria. Ed esiste l’amore, quello per il Nephilim che ama. Ciò che sono destinati a fare li separerà eternamente: la realizzazione di uno, sarà la condanna dell’altro.


ESTRATTO:

Ebbe l’impeto come per colpire un albero, uno scatto d’ira pronto nel pugno che si era chiuso. Ma lo trattenne, e la mano si poggiò sul tronco delicatamente, mentre era sgranata di furia come l’artiglio di un rapace.
«Torna dentro. Prega Dio affinché possiamo ritrovare la Matrice» disse con una voce imbastita da un pianto nascente «ma taci tutto di te. E tieni il tuo diario al sicuro».
Lasciai Loeran appoggiato all’ulivo e mi allontanai. Mi rigirai più volte a guardare la sua schiena arcuata da un dolore troppo personale da poterlo condividere con me.
Lo lasciai nonostante non volessi, soltanto perché mi sentivo troppo piccola e insignificante per poter rappresentare per lui una spalla degna de suo pianto.

Cosa ne pensate? Io per oggi vi lascio qui, e vi aspetto con tanti bei commenti!

A presto,
Sara.©