Portami via da qui!

REVIEW PARTY – Recensione in anteprima #414 : MOMO DI JONATHAN GARNIER E RONY HOTIN.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui per portarvi una recensione di un libro che è riuscito davvero ad emozionarmi e che mi ha lasciato una sensazione piacevole, un libro che conserverò con assoluto piacere. Ringrazio la casa editrice Tenué per la lettura in anteprima e l’organizzatrice che ci ha coinvolto in quest’evento. Ve ne parlo subito:

momo_cover_store-330x534-1Titolo: MOMO
Autore: Jonathan Garnier e Rony Hotin
Casa editrice: Tunué
Collana: Tipitondi
Pagine: 176
Prezzo: Euro 16,90
Link d’acquisto:
Trama: Momo è una bambina di cinque anni, vive con la nonna in un piccolo villaggio portuale della Normandia. Ditanto in tanto la bambina va sul ponte per riuscire a vedere la barca del padre, marinaio d’altura obbligato dal lavoro a passare lunghi periodi in mare. 

RECENSIONE

La storia di Momo ha inizio al faro, dove lei e la nonna cercano in lontananza il padre della piccola partito ormai diverso tempo addietro. Momo  ha al mondo solo suo padre e sua nonna. Quest’ultima si occupa di lei a tempo pieno anche se è anziana e con una bambina di cinque anni vivace come Momo, niente è semplice. In più, nel piccolo paese la ragazzina avrà modo di conoscere e farsi amici le persone più bizzarre a cui si andrebbe mai a pensare. Momo è intraprendente, bizzarra, furba e molto sveglia ma anche molto sola.
Riuscirà la piccola bambina a farsi degli amici? Chi incontrerà al paese che  si affezionerà lei? Cosa succederà tanto da sconvolgere il suo piccolo mondo da bambina? 

Momo: stralci nipponici in un villaggio normanno - L'Ambidextre

La trama è ben scritta anche se mi sono trovata a dover cancellare le ultime righe – per questa recensione – perchè ci sono davvero dei spoiler che sarebbe bello scoprire e leggere senza doverli trovare sulla trama. Sono sicura che non avrebbe avuto la stessa valenza leggere le cose dalla trama quindi siete al sicuro. Vi ho abbreviato e potrete leggere tranquillamente di cosa tratta questo volume.

La copertina del libro è davvero meravigliosa e rappresenta la vera essenza di questo libro mostrandoci Momo in tutta la sua tenerezza e semplicità. Momo è una piccola bambina dai capelli rossi e scombinati, vestita alla maschiaccio e che non ha molti amici. E’ una ragazzina tenerissima che vi saprà conquistare. Il titolo è semplice e non è stato ne tradotto ne modificato dall’originale. Momo è il nome della nostra dolcissima protagonista che riesce ad emozionare il lettore solo con il suo visino adorabile. Un connubio tra copertina e titolo davvero unico.

L’ambientazione è in Normandia, in Francia, in un piccolo paese in cui molte persone si conoscono fra loro, quindi una circoscrizione molto piccola mentre l’epoca sembra riferirsi intorno al 1990, quando Dragon Ball, il cartone animato che tutti conosciamo sembrava spopolare molto più di ora (ve lo dico perchè all’interno del fumetto verrà citato).

Critique d'album : Momo - Tome 1/2, par Jonathan Garnier, Rony ...

I personaggi di questa storia sono diversi a partire dalla protagonista principale a tutti coloro che faranno parte della sua cerchia. Dei personaggi che dalla nonna al pescatore, al barbone misterioso ai piccoli ragazzini amanti di Dragon Ball fino ad arrivare alla ragazzina adolescente con il gruppo di ragazzini annessi interagiscono con lei, riusciranno tutti ad entrarvi nel cuore.

Momo è una ragazzina di cinque anni adorabile. Come tutti i bambini cerca di fare di testa sua, di ribellarsi e di andare contro – a volte – a sua nonna solo per il gusto di contraddirla. Nonostante questo è una bambina che adora sua nonna e che ama le piccole cose anche se vorrebbe avere suo padre più vicino visto che è lontano da tanto e le manca terribilmente. E’ una bambina dai capelli sempre scombinati, dallo zaino giallo che con tanta ingenuità e bontà e tenerezza saprà conquistarvi pagina dopo pagina.

Rony HOTIN-sous-bois, ville fleurie*: HUM, NEW WORKS FROM THE BEYOND

Il perno centrale di questa storia sono i cinque anni di Momo, il suo animo da bambina, la bontà e l’amore per la sua nonna e per il suo papà. Una storia commovente che saprà regalarvi emozioni profonde, ve lo assicuro.

Lo stile e la grafica utilizzata in questa storia sono estremamente semplici e, con dei colori che si mantengono su una colorazione più tenue rispetto al solito. E’ un libro molto veloce che si legge in pochissimo tempo e che sono sicura potrete amare. 

L’unica cosa che inizialmente non riuscivo a comprendere è dove tutto sarebbe andato a parare ma mano a mano la storia inizia a prendere una direzione univoca anche se parte mostrando i personaggi e lasciandoci un quadro generale completo e sicuro di ciò che sta mostrando al lettore.

La storia, che seguirà le vicende della piccola Momo e percependo tutte le sue emozioni, i sentimenti e consapevolezze che – nonostante la sua tenera età – riuscirà a stupirvi. Una storia che riesce a trasmettere tanti valori: l’amicizia, l’amore per i nonni, il dolore della perdita e la nostalgia di essere bambini. Una storia che vi lascerà tante emozioni, tante consapevolezze e un’infinità di cose belle, vi stupirà non ve ne pentirete.

Momo: stralci nipponici in un villaggio normanno - L'Ambidextre

Il libro è una piccola gemma preziosa, una delle più belle graphic novel che abbia letto ricordandoci quante cose siano importanti fin da quando si è bambini. Un libro che mi sento di consigliare a grandi e piccini, davvero una bella lettura.

Jonathan Garnier e Rony Hotin scrivono e disegnano una storia tenera, dolce ricca di consapevolezze e di sentimenti. Una lettura che ci riporta alla tenera età di Momo consentendoci di provare malinconia e nostalgia per le cose che abbiamo passato anche noi.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo

Ringrazio la casa editrice per la copia omaggio

Seguite le altre recensioni! Spero vi piacciano, le trovate qui:
Momo

Vuoi acquistare Momo e sostenere il Blog? Acquista da Qui: MOMO o dal generico Link AmazonAmazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Lo leggerete? Io ve lo consiglio sicuramente! Io vi aspetto come sempre.
A presto,
Sara ©

RECENSIONE #395 – UN SOLO MONDO DI MICHAEL FOREMAN.

BUON POMERIGGIO MIE CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io tutto bene, finalmente giunge il week end ed io posso parlarvi di un’altra lettura intrapresa in questa settimana. Ringrazio la Camelozampa per avermi permesso la lettura e ve ne parlo subito. A voi:

un-solo-mondo-cover-webTitolo: Un solo mondo
Autore e illustratore: Michael Foreman
traduzione di Sara Saorin
età: 4+
Collana: Le Piume
Prezzo: euro 15,00
ISBN: 9788899842895
Stampato su carta ecologica FSC
Link d’acquisto Amazon: Ancora non disponibile (aggiornerò appena possibile)
Trama: Due bambini raccolgono un secchiello di acqua del mare e ne fanno il loro mondo in miniatura.
Ben presto però comprendono quanto, per dar vita al loro gioco, hanno sottratto al mondo reale. Capiscono come sia compito di tutti noi proteggere il nostro pianeta, tanto meraviglioso quanto fragile. Perché il mondo è uno solo, e davvero il suo futuro è nelle nostre mani.

RECENSIONE

Farvi una descrizione dettagliata di questo volume è davvero difficile anche per via della sua brevità quindi farò una recensione diversa dal solito e vi parlerò delle cose principali che caratterizzano questo libricino meraviglioso.

La copertina e il titolo già lasciano presagire la bellezza dell’opera che ci troveremo davanti e – personalmente parlando – non potevo lasciarmelo sfuggire sia perchè rientra a tema con il blog sia perchè mi ha incuriosito particolarmente a prima vista. La balena, l’azzurro, i rifiuti che navigano nel mare e il titolo che primeggia ciò che abbiamo e che, sovente, ci dimentichiamo.

Un solo mondo - Casa Editrice Camelozampa

Un poetico racconto fatto di disegni a colori artistici e sorprendenti, questo piccolo libro per bambini è di una visibilità sorprendente che, di sicuro, non lascia indifferenti.

Personalmente, seppur un libro per bambini lo trovo davvero molto corto ed avrei preferito che il messaggio che i due bambini cercano di dare a chi legge, fosse di maggiore impatto per un occhio da bambino. Perché, per quanto un adulto possa ritrovare il messaggio che l’autore cerca di donarci e su cui farci riflettere, per un bambino è difficile capirne a pieno il significato.

Visivamente, però, non posso dire che il volume non sia d’impatto. I disegni e la grafica utilizzata, i colori pastello tenui e il blu che caratterizzano il libro creano un punto a favore per questa storia e sicuramente un punto i cui i più piccoli possono perdersi, concentrarsi e ricordarne la bellezza con semplicità.

Consiglio questa lettura come regalo per i piccoli lettori, ai figli di tutti coloro che magari avranno modo di leggere questa recensione. Una lettura semplice, veloce, che i più piccoli apprezzeranno per i colori e per il modo in cui tutti sapranno 

Michael Foreman ci porta sui fondali del mare con gli occhi di un bambino che, da innocente, cerca di salvare ciò che altri stanno tristemente distruggendo. Una visione che molte persone dimenticano ma che sarebbe giusto ricordare.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

 


Cosa ve ne pare miei cari lettori? Un bel regalo per i più piccoli. Io nel frattempo, vi aspetto!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #385 – LA LEGGENDA DEI QUATTRO. IL CLAN DELLE TIGRI DI CASSANDRA O’DONNELL.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi sono qui per portarvi una nuova recensione di un secondo volume di una serie fantasy per ragazzi ma che possono leggere anche gli adulti volendo. Targato Il battello a vapore, che ringrazio per avermi permesso la lettura. Ora ve ne parlo, spero possa incuriosirvi. A voi:

519t5dailbl._sy445_ql70_ml2_Titolo: La leggenda dei quattro – Il clan delle tigri
Autore: Cassandra O’Donnell
Editore: Il battello a vapore
Genere: Fantasy
Data di uscita: 18 Febbraio 2020
Link d’acquisto: https://amzn.to/2UAlw0C
Trama: Gli Yokai, potenti mutaforma, governano il mondo. Maya erede del clan Lupai, Bregan principe dei Taigan, Wan re dei Serpai e Nel principessa dei Rapai sono impegnati in una doppia battaglia: contro gli umani, che hanno rialzato la testa dopo secoli di servaggio, e contro le regole che governano i clan. E in gioco c’è molto di più del futuro del proprio popolo…

RECENSIONE

wolf with open mouthLa storia ha inizio esattamente dove l’avevamo lasciata col volume precedente. Bregan e suo fratello sono alle prese con il loro clan che vogliono mettergli sempre più i bastoni fra le ruote. Wan se ne sta calmo e tranquillo con il suo popolo, Nel viene tenuta sotto controllo da sua madre anche se riesce a destreggiarsi bene con l’aiuto dei corvi che hanno occhi e orecchie ovunque mentre la sorte va male per la piccola e tenera Maya, erede dei Lupai. E’ confinata in casa in attesa che il branco decida la sua sorte. Mentre accade ciò anche Bregan ha il suo da fare e i quattro saranno costretti ad incontrarsi di nuovo.

Cosa faranno i quattro per incontrarsi di nuovo alle spalle dei loro genitori? Cosa scopriranno e cosa decideranno di fare per la salvezza delle loro specie e dei loro branchi? Cosa stanno architettando gli umani?

Cook gli rivolse un sorriso acido. – Appunto. So che sei un capo e che i capi devono fare ciò che è necessario, ma non diventare una canaglia senza cuore come me. Me lo prometti? (…) – Si può sempre medicare una ferita  o un morso, ma un’anima spezzata è incurabile. Fidati, ne so qualcosa…

La trama è molto vaga e non lascia presupporre nulla di ciò che è accaduto nel volume precedente quindi non c’è alcun problema riguardo Spoiler. Potete stare tranquilli, se non avete letto il primo volume, non vi troverete in grandi difficoltà leggendo questa recensione. Ovviamente consiglio sempre di leggere quella del primo volume se ancora non lo avete letto, se avete invece letto il primo volume, state tranquilli, non ci saranno spoiler neanche qui.

La copertina riprende la linea del volume precedente anche se, laddove nel primo volume avevamo scovato quello che sono Bregan e Maya, speravo che l’autrice avesse pensato a rappresentare le altre due fazioni. Ok che queste sono quelle predominanti rispetto alle altre nel volume, ma le altre due che in questo volume sono molto più presenti, le avrei messe anche per delineare la loro presenza e il fatto che siano importanti anche loro (anche perchè sul libro è proprio così).Il titolo riprende la linea del primo volume come per quanto riguarda la copertina, solo che stavolta a cambiare è il sottotitolo. Laddove nel primo volume si sottolineava Il clan dei lupi, qui abbiamo Il clan delle Tigri. Ripeto, anche gli altri due meritano l’importanza degli altri due quindi sono abbastanza delusa che l’autrice stessa non abbia pensato a tutto questo. Perché non è che tutto questo è idea dell’editore italiano ma è frutto da tutto ciò che c’è prima, dall’originale. Ebbene si.

brown and black snakeL’ambientazione e l’epoca sono fantastiche, in un post apocalittico che comincia a delinearsi sempre di più, pagina dopo pagina. Gli umani cercano di tornare alle vecchie origini perdute e i clan cercano di difendere ciò che sono e la terra su cui vivono. Anche a costo di doverla difendere tutti assieme.

– Conosco i bipedi e so di cosa sono capaci. Hanno distrutto il dono che gli fece la madre creatrice di tutte le cose. Con la loro avidità e le loro guerre incessanti hanno devastato il mondo. Sono malvagi. Il corvo non era del tutto d’accordo. Gli umani potevano mostrarsi egoisti e violenti e talvolta comportarsi come demoni, ma osservandoli aveva visto in loro anche dell’altro:  tenerezza, amore, gioia e persino generosità.

I personaggi di questa storia sono i stessi della precedente ed avremo modo di approfondire molto di più i quattro eredi dei clan oltre ad alcuni loro compagni di viaggio e di villaggio. Conosceremo meglio il padre di Maya, una delle amiche di Maya e il migliore amico i Bregan. Questi ultimi due si uniranno ai nostri compagni d’avventura creando ancora più unione nel gruppo e rendendo tutto molto più divertente e combattivo.

Quello che ritengo spicchi più in questo libro è sicuramente Wan che nonostante sia sempre messo da parte, riesce a farsi strada nel cuore del lettore. Nonostante sia risultato schivo, chiuso e particolarmente irritante è un personaggio interessante ed enigmatico come è il suo stesso clan. Maya inizia debole e fragile e si riscopre forte e determinata anche per la vicinanza con Wan.

Per quanto riguarda Bregan risulta essere molto più odioso di quanto sia effettivamente Wan. Si primeggia, crede di essere al centro dell’attenzione e vuole Maya tutta per se non facendola scegliere ma scegliendo lui per lei. Un personaggio davvero scialbo se devo dirla tutta. Per quanto riguarda Nel mi piacerebbe approfondirla ancor di più, sempre troppo marginalizzata.

 

Albino tigerWan voltò lentamente la testa verso di lui. – Non capisco proprio cosa ci trovi in lei. E’ una debole. – Provare emozioni non è una debolezza, Serpai. Non riuscire a dominarle lo è – replicò seccamente Maya, che poi mutò e si lanciò a tutta velocità nella foresta.

Il perno centrale di questa storia sono i quattro clan e il loro viaggio per scoprire come fermare l’attacco degli umani ai loro popoli e alla razza dei Yokai. Una storia di scoperta, di salvaguardia e di unione l’uno con l’altro.

Lo stile utilizzato è semplice ed adatto ai ragazzi, non a caso questa lettura è sicuramente indicata per un pubblico di ragazzi e giovani lettori, così come per il volume precedente.

Ho apprezzato molto il fatto che i quattro si uniscano nuovamente e si ritrovino i nuovo ad affrontare ciò che li sta mettendo in pericolo passando prima per loro stessi. Si ritrovano a cambiare, a sentirsi forti e diversi anche avvicinandosi nelle loro più profonde diversità. Ognuno con le proprie capacità e caratteristiche sicuramente i quattro eredi affascinano uno dopo l’altro anche se, tra tutti, trovo davvero scialbo Bregan – messo in risalto invece dall’autrice la quale sembra metterlo davvero in evidenza.

eagle flying over a calm body of water

Ho amato molto il fatto che Wan sia stato molto più presente e siano sia lui che Nel entrati a far parte molto di più della storia. Nonostante questo, nella copertina e nel titolo sono sempre emarginati, lasciando tutto agli altri eredi. Si, ok che Bregan e Maya possano sembrare i più forti ma non sono da sottovalutare neanche gli altri due. Preferirei molto di più se tutti fossero posti alla pari ed in questo libro c’è stato sicuramente molto di più rispetto al volume precedente.

L’unica cosa che non ho davvero compreso è il perchè tutti partono alla ricerca degli umani per cercare di fermarli e poi si torna tutti al proprio posto prima di finire ciò che è stato cominciato. Perchè non portare prima a termine ciò che doveva essere? Forse per lasciare tutto sospeso per il gran finale? Staremo a vedere.

– Sarai un re orribile – sospirò la Rapai. – E perchè mai? Perché se fosse al posto non permetterei a quegli sciocchi vigliacchi di decidere il mio destino? – No. Perché pensi sempre che il fine giustifichi i mezzi – Che vuoi che ti dica? La gente non cambia. 

Il libro è un secondo volume che conferma il primo e lo rende persino più entusiasmante. Consiglio la lettura di questa serie ai giovani lettori che leggeranno la recensione o a dei genitori che cercano una serie carina da far leggere al proprio figlio.

Cassandra O’donnell scrive una storia magica che unisce ciò che è l’uomo con la natura  e unisce clan di appartenenze diverse pur di combattere per lo stesso fine. Una storia che riflette anche la vita di tutti i giorni in cui si dovrebbe essere uniti perchè, in fondo, siamo tutti uguali.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare La leggenda dei quattro – Il clan delle tigri e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Il clan delle tigri. La leggenda dei quattro o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate possa fare per voi? Io, nel frattempo, vi aspetto!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #353 – ARLO FLINCH (#2), IL LAGO DELLA LUNA DI JOHN AUGUST.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Ecco che vi porto una nuova recensione per voi che spero possiate apprezzare. Ricordate Arlo Finch, La valle di fuoco? Per chi non dovesse ricordare il primo volume può rileggere la recensione QUI. Ringrazio la Mondadori per avermi permesso la lettura. Per chi lo avesse scoperto solo ora vi consiglio comunque di leggere la recensione del primo volume. Ecco a voi il secondo volume:978880471969hig-628x965

Titolo: Arlo Finch. Il lago della luna

Autore: John August
Secondo volume della serie
ISBN: 978880471969
Pagine: 336
Link d’acquisto: https://amzn.to/31LGk6Z

Trama: È arrivata l’estate. Arlo Finch si prepara a un nuovo campo con il reparto di Pine Mountain e a mille avventure con gli amici: in quelle due settimane, infatti, i Ranger non solo accenderanno falò, andranno in canoa o faranno camminate nei boschi, ma impareranno anche a conoscere gli spiriti che abitano la natura e a praticare la pinomanzia, la magica arte di leggere i tronchi degli alberi. Quello che il ragazzo ancora non sa è che nel passato del reparto si nasconde un capitolo oscuro, e proprio a lui toccherà risolvere il mistero della Squadriglia Gialla, inspiegabilmente scomparsa e dimenticata. Seguendone le tracce, Arlo partirà per un vertiginoso viaggio nel tempo, che dal Campo Readfeather porta al passato della sua stessa famiglia. Quando persino le leggende possono rivelarsi reali, nulla è più scontato, se non il pericolo.

RECENSIONE

person using compass that leads to Loch Ness place

La storia ha inizio dove abbiamo lasciato la prima, qualche periodo più avanti. Arlo è sul ponte spezzato e sta aspettando i suoi amici Indra e Wu. In lontananza ha visto qualcosa e non vede l’ora di parlarne con i suoi migliori amici. Quando questi lo raggiungono riescono a vedere tutti dall’altra parte del ponte spezzato, loro stessi. Ci sono tutti tranne Connor ed Arlo e Wu sembra essere il capo squadriglia. Nulla sa cosa sta accadendo o cosa voglia dire fino a che tutte le squadriglie non partono per il Campo Readfeather. È lì che si trovano le sfide più ardue, ma cosa c’entra Arlo? 

Cosa succederà al Campo Readfeather? Quali segreti riuscirà a portare a galla il giovane ranger? Cosa nasconde il lago e l’alone misterioso che lo circonda e che circonda il campo stesso? Arlo ed i suoi amici riusciranno a restare uniti in questa avventura?

«Ho dodici anni» protestò Arlo. «Quasi tredici». «E io ne ho quasi quaranta. Ma dentro, nel profondo, sono la ragazza di sempre. Le persone non cambiano mai davvero. Diventano solo più simili a ciò che sono».

La trama sicuramente incuriosisce. Lo ero già di mio avendo già letto il primo volume e la trama di questo mi ha messo ancor più curiosità. Effettivamente vista con l’occhio di chi ha letto il libro, posso dire che racconta un po’ di quello che è la storia, però posso anche ammettere che è tutto molto vago e si scopriranno i dettagli succosi solo se si decide di leggere il volume.

La copertina mantiene lo standard della storia precedente e ispira molto di più rispetto al volume precedente. E’ stata mantenuta come una delle versioni originali quindi non posso che ritenermi soddisfatta della scelta fatta. L’immagine rappresenta proprio quello che si troverà poi all’interno del volume: il lago della luna, il mostro Ekafos che vive nel lago ed Arlo e Indra a bordo della canoa alla ricerca delle risposte tanto attese. Il titolo del volume è stato semplicemente tradotto dall’originale quindi non ci sono stati sconvolgimenti repentini o chissà quale cambiamento. Quindi devo dire che graficamente è ottimo, rispecchia molto l’originale ed è fatto molto bene.sailing boat in body of water

L’ambientazione di questa storia passa da Pine Mountain al Campo Readfeather dove il giovane Arlo trascorrerà alcuni giorni con le altre squadriglie e gli altri ranger per affinare le sue abilità e scoprire nuove cose; l’epoca sembra essere moderna, ai giorni nostri.

«Se c’è una cosa che ho imparato nel Regno è che non ci si può fidare di nessuno». «Neanche di te?» domandò Arlo con un sorrisetto. «Per quanto ne so, forse loro volevano che te lo dicessi. Mi sono chiesta se dovevo venire o no. «Allora perchè l’hai fatto?» Lei scrollò le spalle. «Ho la sensazione che in questa cosa siamo dalla stessa parte».

photography of two person riding kayak during daytime

I personaggi di questa storia sono i medesimi del primo volume, solo che avremo modo di scoprire nuovi dettagli ed il carattere si affinerà molto di più rispetto ad ora.

I personaggi sono decisamente più maturi e più grandi. In primis Arlo che sembra fare delle sue stranezze e delle creature che vede, il suo punto di forza. Niente lo spaventa più ormai, anzi è il primo a buttarsi a capofitto quando le cose si fanno ancora più misteriose. Quella che invece ho visto un po’ ‘regredire’ (se così vogliamo metterla) è Indra. Laddove è sempre stata quella saggia, o comunque quasi la Hermione del gruppo di amici, in questo volume risulta piagnucolosa e poco avvezza a risolvere i problemi. Infatti in questo volume ha spiccato un po’ di più il piccolo Wu e il nuovo compagno di avventura che entra a far parte della squadriglia solo per questo campo: Thomas.

Arlo è il fulcro di questa storia e con i suoi occhi di colore diverso riesce a catturare il cuore del lettore per la sua bontà, ingenuità e per il suo intrepido e piccolo coraggio. In questo libro riuscirà ad avvicinarsi molto di più a sua madre e dovrà schierarsi fra i due suoi amici. Per Arlo niente sembra essere facile ma la ragione per la maggior parte delle cose prevale su tutto. A volte, forse, il personaggio sembra molto più grande di quello che effettivamente è ma si lascia amare pagina dopo pagina.

«Ti sei trovato un bel posticino, qui» disse. «Ma d’altra parte non sei davvero qui, e questa è l’origine del problema».

Il perno centrale di questa storia sta tutto nel Campo Readfeather. Un grande mistero ruota attorno ad Arlo e attorno al campo ed il giovane ranger cercherà di risolvere e di rimettere al proprio posto ogni tassello di questa storia. Misteriose creature, il lago della luna e una misteriosa parte del campo chiusa ormai da anni. Cosa succederà in questo secondo volume?

Lo stile utilizzato dall’autore è il medesimo del libro precedente, dal punto di vista del giovane Arlo Finch, anche se ho notato che la storia è stata sia molto più leggera che molto più originale di quanto non lo fosse stata la precedente.

Il fattore del tempo, il questo secondo volume è stato dominante e ho trovato la cosa oltre che magica, davvero ben costruita. Non c’è stato momento nel corso della lettura in cui non avrei voluto essere con Arlo. Il mistero del Campo e della famosa squadriglia gialla avvolge ancor di più Arlo ed i suoi compagni e tutto ciò che lo circonda spingendo sempre più a cercare di trovare una soluzione al tutto.

Il fattore magico è sicuramente molto più sorprendente del volume scorso. Personalmente se non fosse perché anche gli altri componenti del gruppo vedono ciò che vede Arlo, avrei quasi pensato che fosse tutto nella sua testa, quasi avesse qualche visione o qualcosa che non andava effettivamente. Invece anche Indra e Wu credono e vedono le stesse cose di Arlo così come tutto il personale del Campo quando parla degli esseri magici e degli spiriti. Infatti la magia di questo volume surclassa quella del primo e rende la lettura eccitante e originale in ogni sua insenatura.

Consiglio sicuramente la lettura di questa trilogia, ancor di più di questo secondo volume che è stato di gran lunga migliore del precedente. Leggero e magico, Arlo ci trasporterà sulle sponde del lago della luna per trascinarmi in una profonda e misteriosa avventura.

«Invece secondo me ha ragione» disse Thomas. «Il futuro è incerto, d’accordo. Ma il passato è bloccato. Non puoi cambiarlo. Tutto quello che è successo, è successo. Perciò immagina di vivere quindici anni fa… Cavolo, immagina di vivere trent’anni fa, quando hanno scattato questa foto… Puoi dire che il futuro è incerto. Ma il loro futuro, quello dei ragazzi nella foto, è già passato per noi. E’ successo. Non cambierà». (…) «E qualunque cosa sia successa, ci ha portati qui. Perciò non è “incerto” il fatto che Julie sarebbe nata. Neanche un po’. (…)»

E’ stata sicuramente una lettura interessante, particolare e originale, molto più di quanto lo fosse stato il primo volume. Consiglio questa trilogia ai giovani lettori ma anche ai più grandi, in special modo a chi ha fatto gli scout che potrà ritrovare le avventure nei campeggi all’aria aperta ma con tantissima magia.

John August ci trasporta lungo strade che conosciamo, lungo percorsi tortuosi nel nostro mondo che si fondono con esseri e creature magiche lungo tempi e luoghi sconosciuti che esploreremo assieme al giovane Arlo. Una storia avvincente e ricca di dettagli unici tanto da rendere questo viaggio nella natura divertente, spaventoso e tremendamente affascinante.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Arlo Finch. Il lago della luna e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Il lago della luna. Arlo Finch o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? lo leggerete? Io, nel frattempo, vi aspetto qui, come sempre!
A presto,
Sara ©

RECENSIONE #348 – INVISIBILE DI ELOY MORENO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi di nuovo con voi e scusate il ritardo nella pubblicazione. Siccome settimana scorsa ho recuperato un sacco di belle letture che volevo intraprendere e questa è una di quelle, spero che vi piaccia davvero. Ringrazio la Mondadori ragazzi /Contemporanea per avermi permesso la lettura di questo bel libro davvero unico e sorprendente. Ve ne parlo subito:

978880471693hig-627x965

Titolo: Invisibile
Autore: Eloy Moreno
Editore: Mondadori
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 8 Ottobre 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2JpjGuJ
TramaQuesta storia comincia con un ragazzo che prende il suo zaino, scende le scale e si incammina verso scuola. Sarebbe potuto essere un venerdì come tanti, se non ci fosse stato il compito di matematica all’ultima ora. E se, in quell’occasione, il ragazzo avesse dato un’altra risposta forse le cose sarebbero andate diversamente. Ma quella risposta gli cambia la vita. Da un giorno all’altro, il suo mondo si popola di mostri: mostri che se ne vanno per poi tornare, mostri che feriscono, umiliano, sbeffeggiano. Mostri che guardano, che girano la testa dall’altra parte. Il ragazzo sente crescere dentro di sé la rabbia e l’odio, ma non sa come buttare fuori il fuoco che gli brucia dentro. Vorrebbe trasformarsi in un supereroe: come loro, vorrebbe avere un potere, un potere molto grande, capace di impedire che gli si faccia di nuovo del male. E alla fine quel potere lo trova. L’invisibilità.

RECENSIONE

person waving reflecting shadow on teal wall paintLa storia inizia con un drago. Una donna che sta per farsi tatuare un drago sulla schiena e, quel drago, le sarà utile. Dall’altra parte abbiamo un giovane ragazzo che continua ad avere attacchi di panico, che continua a ricordare tutto ciò che ha subito nei giorni precedenti. Che continua a pensare a tutto ciò che ha subito e hai poteri che ha acquisito, come quello dell’invisibilità. E poi c’è MM, un ragazzino di cui tutti a scuola hanno paura e che non osano contraddire. Un ragazzino che, siccome pensa che tutto gli sia dovuto, comincia a prendersela con il più debole. Questa è la storia di un bambino invisibile che cerca di farsi ascoltare, che cerca di sentirsi visibile almeno per un attimo ma che trova sempre chi è pronto ad affossarlo ancora di più. 

Cosa è successo al piccolo protagonista? Perchè continua a subire tutte queste cattiverie? Ma sopratutto, perchè nessuno si preoccupa per lui e si limitano tutti a non dire nulla?

«Be’, posso seguire una conversazione da molto lontano, posso vedere perfettamente al buio; sono capace di muovermi più veloce di qualsiasi altra persona. Però, nonostante tutti questi poteri, i mostri non se ne andavano, cioè se ne andavano per poi tornare, così ho deciso di trovare un nuovo potere, uno talmente grande da impedirgli di farmi di nuovo del male. E alla fine l’ho trovato». «Di quale potere parli?» «Dell’invisibilità».

La trama è assolutamente unica. Mi ha incuriosito fin da subito ed avrei voluto tanto vedere lo sviluppo della storia. La trama è assolutamente in linea con la storia e mette curiosità, tanto da spingere a leggere questo libro da subito, non appena si ha fra le mani. Una trama ben sviluppata, ottimo punto di partenza.

La copertina è davvero molto, molto bella. E’ stata lasciata così come l’originale quindi non ho granché da dirvi se non molto rappresentativa della storia che si andrà a leggere. Voi che ne pensate? Il titolo è stato semplicemente tradotto dall’originale quindi niente di particolare, penso solo che l’accoppiata copertina e titolo siano semplicemente vincenti e che la Mondadori abbia fatto davvero bene a lasciarle così come sono. Una vera meraviglia per gli occhi.

L’epoca è moderna, ambientato ai giorni nostri in cui la società diventa sempre più opprimente e in cui i ragazzi riescono ad essere sempre più perfidi verso il prossimo. 

Adesso, invece, non è lui a essersi fatto male, ma il suo amico, e il problema è che le sue ferite sono più difficili da vedere, perché sono di quelle che si formano dentro, di quelle che non si sa se il tempo potrà guarire. E questa non è l’unica differenza fra adesso e allora.

black haired boy cryingI personaggi di questa storia non sono poi molti ed in sostanza si suddividono e si concentrano sui tre punti di vista che prende poi la storia. I tre soggetti analizzati sono ben scritti ed ognuno con le proprie difficoltà, con i propri “demoni”, ognuno con il proprio carattere e il vissuto che permette ad ognuno di svilupparsi in maniera completamente diversa rispetto all’altro.

Il protagonista di questa storia è un ragazzo silenzioso, dolce, studioso e intelligente. Soffre di attacchi di panico ed è convinto che dopo essere stato colpito dalle vespe, sia diventato come uno dei supereroi che lui ama tanto; per questo lui riesce a correre più veloce degli altri, ha una super vista e riesce a diventare invisibile all’occorrenza. 

MM e la donna con il drago sono due personaggi completamente agli antipodi. MM è un ragazzo che non è considerato in casa e cerca le attenzioni dove non dovrebbe nascondendo le sue fragilità e le sue paure dietro la forza, l’arroganza sovrastando chi passa lungo il suo cammino. La donna con il drago è una persona che ha subito e incassato ma adesso il suo drago le da forza e, dopo aver combattuto per anni la sua battaglia, cerca di vincere quella di qualcun altro aiutandolo e dimostrando che nessuno deve restarsene in silenzio. Si deve reagire di fronte alle ingiustizie, si deve essere amici. Due personaggi interessanti che apprezzerete, come il protagonista stesso.

Quando erano ormai così vicini da poter vedere perfettamente la rabbia sulle loro facce, avevo chiuso gli occhi. Avevo stretto le palpebre più forte che potevo e avevo desiderato con tutto me stesso di scomparire. Mi ero rannicchiato, mettendo la testa tra le gambe ed ero rimasto in attesa di un colpo che non sarebbe mai arrivato. Niente. Silenzio. Dopo qualche secondo avevo aperto gli occhi. Qualcosa di incredibile era successo.

Il perno centrale di questa storia è il bullismo. Il piccolo protagonista ha dei super poteri o, almeno, crede di averli sviluppati grazie al semplice fatto di essere stato punto da una vespa o dal perchè nessuno a scuola o a casa si accorge di lui.

silhouette photography of boy beside womanLo stile utilizzato dall’autore è molto semplice e fluido, essendo un libro per ragazzi. La storia si suddivide sotto diversi punti di vista. Il nostro protagonista principale, il bullizzato, la donna col drago ovvero la professoressa della scuola e MM, il ragazzino che bullizza e che trascina con sé altri componenti della sua stessa classe. Nonostante all’inizio non sia ben chiaro come sia strutturato fra i tre, la storia prende piede velocemente e, con i suoi piccoli capitoli brevi, tutto diventa ultra scorrevole.

La storia tratta una tematica davvero importante al giorno d’oggi. Questa, inoltre, è strutturata in maniera particolare dal punto di vista del personaggio che nonostante subisca vessazioni e bullismo di ogni tipo, sia verbale, che cyber che fisico prende tutto ciò che gli succede come se avesse assunto dei super poteri. Il Bullismo oggi giorno è sempre più diffuso fra i ragazzi, nelle scuole e non ci si rende mai effettivamente conto dell’impatto che ha emotivamente su chi lo subisce. E chi sta in silenzio, è complice. 

In certi momenti la storia diventa completamente brutale e mostra sia gli effetti che ha il bullismo sul soggetto colpito, sia le cattiverie in sé. Non c’è stato un singolo momento in cui non mi sia sentita vicina al personaggio in questione, avrei voluto essere lì a difenderlo io, le cattiverie erano davvero orribili. Infatti credo che sia doveroso che questo libro venga letto nelle scuole e dai ragazzi. Tutti devono capire cosa significa. Tutti sono bravi ad essere i più forti ma se foste voi quello “debole”, cosa fareste?

Questa storia mi è entrata subito nel cuore perchè anche io ho subito del bullismo ai tempi della scuola, io una volta ero quella invisibile. Non nei modi in cui colpiscono il protagonista ma ho subito parecchie cose e posso assicurarvi che non tanto l’aiuto di qualcuno ma se anche solo qualcuno avesse reagito in maniera differente, se anche solo qualcuno si fosse opposto sarebbe stato tutto completamente diverso.

E non appena il professore si gira per scrivere, MM guarda il resto della classe e nota che in molti gli restituiscono il risolino. Ecco la benzina che lo accende, che lo fa andare avanti.

Una lettura che commuove ed emoziona, che tutti i ragazzi dovrebbero leggere, sopratutto nelle scuole. Una storia che non passa sicuramente inosservata e che merita di essere letta. Io, di sicuro, ve la consiglio.

Eloy Moreno scrive una vera e propria lotta con e contro il bullismo. Essere “Invisibile” non è un potere ma un’arma di difesa che non dovrebbe esistere. Una storia che denuncia il bullismo di chi non riesce ad accettare se stesso e se la prende con gli altri, il silenzio dei complici e tutto ciò che nessuno dovrebbe mai passare.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare  e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Invisibile. o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate possa fare per voi? Io, nel frattempo, vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #342 – STELLA AZZURRA DI MARIO LODI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Altro giro, altra corsa. Oggi vi parlo di un piccolo libricino che ho letto ieri in giornata e che ho trovato in offertissima sul Kindle, e curiosa ho voluto provare a leggerlo. E’ stata sicuramente una lettura dolce. Ve ne parlo subito subito:

stella-azzurraTitoloStella azzurra
AutoreMario Lodi
GenereLibri per bambini
Data di Pubblicazione: 26 marzo 2019
Pagine136
Link d’acquisto: https://amzn.to/2JaWZul

Trama: U3 non è nè astronauta nè esperto scienziato, è solo un bambino, ma nel suo mondo è proprio ai bambini che è affidata la scoperta dell’Universo. I bambini, immersi in uno stato di ibernazione profonda, vengono lanciati nello spazio attraverso la dimensione sogno. Qui esplorano. E tutto ciò che i loro occhi chiusi vedono viene trasmesso al Governo centrale. Ma le cose cambiano quando U3 si stacca dal gruppo e atterra su uno strano pianeta chiamato Terra. Qui U3 conosce Laura, una ragazzina che vive in un’immensa biblioteca fatta di torri altissime e scaffali luminosi. Laura e U3 diventano amici inseparabili, fino a quando U3 non viene risvegliato e gli adulti lo convincono che niente di quanto ha visto esiste realmente. Ma U3 è un bambino determinato e curioso e non ha intenzione di rimettersi a dormire. E adesso che sa dov’è la Terra è pronto all’avventura. 

RECENSIONE

Risultati immagini per Stella azzurra Mario LodiLa storia ha inizio a bordo di una delle città spaziali dove vengono concepiti e cresciuti feti in laboratorio, dove la scuola viene imposta tramite dei strani marchingegni in cui i bambini, immersi in uno stato di ibernazione profonda, vengono lanciati nello spazio attraverso la dimensione sogno.  Nella città spaziale è vietato divertirsi e usare la fantasia. Tutto sembra essere impostato per essere fatto in un determinato modo, preciso e impeccabile ed ognuno deve esserlo. Peccato che U3 sia diverso da tutti i suoi compagni e che non riesca ad assimilare lo studio come gli altri essendo molto più fantasioso, audace e temerario. U3 è curioso e vuole saperne di più su quello strano pianeta chiamato Terra, dove riuscirà a farsi persino una nuova amica.

Cosa succederà a U3? Riuscirà a passare gli esami con tutte le sue difficoltà? Stella Azzurra esiste veramente? Cosa combinerà il giovane e coraggioso ragazzino?

Sotto la bara una lastra di platino portava incise, nella vecchia lingua, le parole del suo ultimo discorso: “Esplorare l’universo e scoprire i suoi confini e il perché del suo esistere. La missione è senza ritorno perché l’uomo nuovo non potrebbe più vivere nel piccolo spazio di un pianeta destinato a morire con la morte del sole. L’uomo è immortale ormai e sceglie lo spazio universale come sua dimora vitale…”.

La trama è ben scritta anche se racconta un po’ troppo. Già la storia è breve e il libro è piccolo di per , per cui avrei evitato di raccontare quasi tutto ciò che succede all’interno del libro. Altrimenti, che gusto c’è?

La copertina è davvero adorabile, proprio come i disegni che si trovano all’interno. La storia a quanto ho potuto notare è vecchia ed è stata rifatta questa nuova edizione dando una nuova veste alla copertina. Le illustrazioni all’interno non so se sono stata un’aggiunta odierna o meno ma sono davvero tenere e lo stile dei disegni è dolce e ben costruito, proprio in linea con la storia.  Il titolo è l’emblema della storia. U3 continua a vedere la Stella Azzurra che un tempo era la Terra e continua a sognare di poter andarci, un giorno.

L’ambientazione è lo spazio ma è anche a Terra. U3 vive in una città spaziale immaginaria quindi l’ambientazione è per la maggiore fantastica ma assolutamente ben costruita seppur sia molto breve questa storia. L’epoca sembra quasi essere post-apocalittica o comunque in un futuro lontano.

«Non insistere! Dovresti saperlo perché nelle lezioni del sonno è stato ripetutamente spiegato. E tu ricordi poco o niente. Mentre gli altri imparano, tu che cosa fai?» «Boh!» dice U3. «Cosa significa “boh”? Nella nostra lingua questa parola non esiste.» «L’ho inventata io!» «Inventare! Nella nostra città lo sai che è proibito inventare, sognare, giocare… tutto è indirizzato allo scopo che il nostro Grande Capo…»

I personaggi di questa storia non sono tanti ed io vi parlerò di U3, il ragazzino protagonista di questa storia breve ma originale e tutta particolare.

U3 è un ragazzino che ama la fantasia, la scoperta e il guardare oltre quello che si ha attorno. E’ un giovane ostinato e determinato che si butta a capofitto in ciò che vuole e non si lascia mettere i piedi in testa da niente e da nessuno. E’ un piccolo “astronauta” coraggioso che sfida le leggi della sua città pur di inseguire la Stella Azzurra, pur di trovare le risposte e pur di cercare qualcosa di più per se stesso. Un personaggio che entrerà nel cuore dei piccoli lettori.

«…Ma io no. Mi nascosi nella foresta perché volevo restare qui a giocare con la fantasia. Sai, questo piccolo mondo io lo amo. E quando vidi le città spaziali sparire nel cielo, entrai in questa biblioteca abbandonata che diventò la mia casa. Capito?» Laura gli strinse la mano: «Resta qui con me. Io e te saremo felici. Ricominceremo a popolare Stella azzurra con i nostri bambini, giocheremo con la fantasia, scriveremo altre storie, le nostre…»

Risultati immagini per Stella azzurra Mario LodiIl perno centrale di questa storia sta tutto nel titolo del volume. La Stella Azzurra che lo guarda da lontano e sembra chiamare il giovane U3, curioso. Una

Lo stile utilizzato dall’autore è molto semplice. Nonostante all’inizio ci sia più una specie di introduzione su come è composta la città spaziale, la storia di U3 è sicuramente particolare e si fa apprezzare sia dai piccoli amanti dello spazio sia dagli amanti di storie per bambini.

Le illustrazioni sono davvero ben fatte e arricchiscono la lettura in maniera sia simpatica che dolce. Infatti, donano un valore aggiunto alla lettura e la rendono speciale e ricca di dolcezza aggiunta.

Una lettura veloce e leggera che cattura con i colori e con la storia che dona ai piccoli lettori la bellezza delle illustrazioni, la speranza e il coraggio di affrontare con la propria testa ciò che si desidera più di ogni altra cosa al mondo.

«Ma la cosa che più di tutto ti piace nei tuoi sogni, qual è?» «Non è una cosa» disse lui tranquillo. «Una persona?» chiese il dottore. U3 fece cenno di sì e intanto la vedeva col pensiero mentre gli stringeva la mano e gli diceva: “Ti aspetterò!” «Una persona vera?» «Sì.» «Ha un nome?» «Sì.» «Ce lo vuoi dire?» «No.» Quel nome amato U3 lo tenne per sé, nel segreto del suo cuore.

Il libro è stato semplice, dolce e simpatico. Una storia per bambini particolare e sicuramente diversa dal solito, ottima per i più piccoli amanti dello spazio.

Mario Lodi sembra scrivere questa storia per ricordare ad ognuno di noi quanto sia importante la fantasia, l’essere bambini ma specialmente il sentirsi un po’ bambini anche da adulti. Una storia che attraverso le stelle ci insegna ad amare ciò che abbiamo e che a volte dimentichiamo di apprezzare.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo


Vuoi acquistare Stella Azzurra e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Stella azzurra o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate che possa essere una buona lettura per un piccolo bambino che sia vostro figlio, un alunno o un nipotino? Un libro carino e piacevole. Vi aspetto!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #338 – LETTERE DALL’UNIVERSO DI ERIN ENTRADA KELLY.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Sono qui con una nuova recensione per voi che spero possa incuriosirvi e piacervi. Ringrazio tantissimo la Rizzoli per avermi permesso la lettura di questo volume di cui vi parlerò subito. Siete pronti? Tutto per voi:

51njvzdpcblTitolo: Lettere dall’universo
Autore: Erin Entrada Kelly
Editore: Rizzoli
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 19 Marzo 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/328YsZD
Trama: Virgil Salinas è gracile, timido e insicuro: i suoi genitori lo chiamano Tartaruga perché non esce mai dal suo guscio. Valencia Somerset è intelligente e determinata, e non importa che sia sorda dalla nascita. E poi ci sono Kaori Tanaka, che legge le stelle, consulta i cristalli e predice il futuro, e Chet Bullens, il peggior bullo del quartiere. Non sono amici, non frequentano la stessa scuola. Ma quando Chet fa un brutto scherzo a Virgil e a Gulliver, il suo porcellino d’India, i destini dei quattro ragazzini si incatenano in modo sorprendente. Solo una coincidenza? O ogni storia – come sostiene Kaori – è scritta dall’Universo? 

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio con Virgil, un bambino chiuso e insicuro che viene sempre emarginato a scuola e bullizzato da un suo compagno Chet, soprannominato il Toro. L’unica persona di cui Virgil si fida e a cui vuole un bene dell’anima è sua nonna che lo difende in ogni caso ed è l’unica in casa a chiamarlo con il suo nome, non come i genitori che lo soprannominano Tartaruga. Quando un pomeriggio Virgil esce di casa assieme al suo porcellino d’india per raggiungere Kaori Tanaka, una ragazzina bizzarra che legge le stelle e prevede qualcosa del futuro, un brutto scherzo viene fatto lui dall’arrogante Chet. E Valencia, compagna di Virgil di cui lui è tanto innamorato, sorda dalla nascita 
Cosa succederà ai quattro personaggi? Cosa li lega irrimediabilmente? Sono tutte coincidenze o l’universo ha deciso che qualcosa doveva accadere? L’universo cosa ha in serbo per loro?
«Non ho sorelle, ignorante» avrebbe detto il Virgil parallelo. Poi lo avrebbe afferrato per il colletto della camicia, con la sua manina magra che aveva le dita da pianista, e lo avrebbe sbattuto contro l’albero più vicino. «Rimangiati quello che hai detto» gli avrebbe intimato (…) Ma il Virgil parallelo non esisteva. Esisteva soltanto la Tartaruga. Così, invece di spiccicare parola, si mise a correre. Il Toro non lo inseguì. Si spanciò dal ridere.
Risultati immagini per erin entrada kelly bookLa trama del volume è ben costruita e rappresenta la storia così com’è. Non ci sono fronzoli ne spoiler anzi, si mantiene anche molto sul vago rispetto a cosa succede all’interno del volume. 
La copertina italiana è molto semplice, dai colori e tratti leggeri che ricorda un po’ ciò che accade nel libro ma non è così comprensibile come lo è la copertina originale. Infatti è preferibile di gran lunga quella originale a quella che è utilizzata anche se non è male. E’ molto bello il cartonato sotto la sovraccoperta che dà l’idea di un cielo ricco di stelle, un po’ come l’universo. Davvero carino. Il titolo della storia è stato cambiato dall’originale. E’ diventato Lettere dall’universo, e forse suona meglio di Ciao, Universo o cose di questo genere essendo l’originale Hello, Universe. Avrei apprezzato anche che fosse lasciato come l’originale, non suona male e sicuramente è comprensibile per chiunque, non credo non sia comprensibile il significato.
Pensare a una persona e vedersela comparire davanti dava una sensazione curiosa. Quasi i pensieri prendessero vita. Deve essere il destino, si disse Virgil. Non sapeva se ci credeva, nel destino, ma aveva un senso. Come spiegare una coincidenza del genere? In undici anni, prima di quel giorno, non aveva mai visto Valencia Somerset fuori della scuola. «Le coincidenze non esistono».
Risultati immagini per hello, universe erin entrada kellyI personaggi di questa storia sono i protagonisti della stessa. Principalmente avremo modo di scoprire le voci di Virgil e di Valencia che sono quelle preponderanti all’interno della storia. Avremo odo però di conoscere anche Kaori e Chet che si faranno strada fra le pagine uscendo allo scoperto sempre di più.
Virgil è un Pesci, timido, chiuso e insicuro. Ama sua nonna e le leggende che gli racconta da cui lui prende spunto e su cui si affida a volte. Ha un porcellino d’india ma vorrebbe per lui un compagno di giochi per non vederlo morire solo. E’ innamorato della dolce Valencia ma non ha mai avuto il coraggio di parlarle davvero e viene spesso preso di mira da Chet, un ragazzino che fa il bullo. Un personaggio che ispira subito tenerezza ed entra nel cuore.
Valencia è una ragazzina sorda. Non lo è dalla nascita per cui riesce a parlare e a comprendere qualcosa di suoni con l’apparecchio acustico e leggendo il labiale delle persone solo se le stanno di fronte. E’ una Scorpione indipendente e sa il fatto suo e, anche se viene emarginata in parte non si lascia scoraggiare del tutto. Adora un cagnolino randagio e gli porta sempre da mangiare perchè i suoi genitori non vogliono animali in casa, per cui se ne prende cura come può.
Chet è il ragazzino bullo del quartiere. Virgil lo chiama Toro e somiglia in tutto e per tutto a suo padre. Suo padre è arrogante e prende in giro le persone e pur di compiacerlo, Chet fa il bullo e prende in giro gli altri. Ama il basket e vorrebbe diventare molto più bravo di così, per questo passa tutti i pomeriggi fuori a tirare a canestro.
Kaori è una ragazzina bizzarra che legge le stelle e fa da consulente e “chiromante” per i ragazzi e bambini. Ha una sorella più piccola a cui bada quando i genitori non ci sono e riesce a vedere oltre a tante cose. Non crede nelle coincidenze ma nell’universo e nel destino che ha sempre in serbo qualcosa per le persone che la circondano, persino per se stessa. Una ragazzina davvero singolare che si lascia amare pagina dopo pagina proprio come Virgil e Valencia.
«Chiudi gli occhi e la bocca e manda i tuoi pensieri nell’universo» disse Ruby. «Ma come fa la mia famiglia a ricevere un pensiero?» chiese Virgil. «Tu non senti mai le cose?» Si. A scuola, per esempio, certe volte sentiva che il Toro era nei dintorni. «E’ l’universo che ti manda una lettera» disse Ruby. «Le riceviamo tutti. Però alcuni sono più bravi ad aprirle».
Risultati immagini per hello, universe erin entrada kellyIl perno centrale di questa storia sta nell’universo e in tutte le sfumature che la vita a volte può regalarci. Sta nel destino e in tutto ciò che succede e quanto questo possa trasformare le cose e unire le persone. Una storia particolare, quasi magica. 
Lo stile utilizzato dall’autrice è molto semplice e scorrevole, essendo una lettura prevalentemente per un pubblico di bambini e ragazzi. La storia è particolare, persino surreale sarebbe da dire in certi punti e per cosa succede all’interno del volume. 
Le tematiche trattate sono molte e sono importanti. C’è del bullismo con Chet che continua costantemente ad impaurire Virgil chiamandolo mongoloide e impaurendolo. C’è l’invalidità di Valencia che con la sua sordità la rendono un personaggio allo stesso tempo fragile e forte. C’è la fragilità e il riscatto di se stessi, prendendo coscienza di ciò che si e cosa si può diventare. C’è la forza dell’unità che fra i giovani ragazzi riesce molto più di quanto riesca fra adulti.
Il libro è stato carino e dolce ma allo stesso tempo non è riuscito a convincermi pienamente come invece è accaduto con altri volumi per ragazzi. Una storia che si fa amare per i suoi personaggi e per la loro tenerezza ma che allo stesso tempo lascia tanti buchi che resteranno incompresi.
Una fra queste sono le leggende che la nonna racconta a Virgil. Le leggende sono interessanti e saranno da spunto per il ragazzino oltre che sono avvincenti per il lettore. Ma il fine stesso di queste leggende oltre a cambiare il punto di vista di Virgil e ad ispirarlo lungo il suo cammino, qual’è? Oppure il fatto della nonna. Perchè il ruolo della nonna non viene spiegato molto più chiaramente ma lasciato al caso?
Il finale è abbastanza aperto ma in questo caso, devo dire, ho apprezzato che lo fosse e che non sia andato oltre. E’ un finale degno di questa storia e capirete il perchè se deciderete di leggere questo volume.
«Ci vediamo». Dopo tutto quello che ci è successo è un po’ ridicolo, ma certe volte le cose non finiscono come vorresti.
Il libro è stata una lettura leggera e carina. Consiglio questa lettura a ragazzi che si sentono soli ed emarginati, a coloro che pensano che essere considerati diversi o sentirsi anche solo insicuri sia una cosa sbagliata. L’universo ha in serbo per voi cose bellissime, molte più di quanto immaginate.
Erin Entrada Kelly è un’autrice che entra nel cuore per la delicatezza con cui compone i suoi personaggi, per la visione dell’universo e per le incredibili storie e leggende che vengono narrate all’interno del volume.
Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.
tre e mezzo
Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Lettere dall’universo e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Lettere dall’universo o dal generico Link Amazon: Amazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che mi dite? Credete possa piacervi? Fatemi sapere con un bel commentino o con un like. Io vi aspetto come sempre!
A presto,
Sara ©

 

PROSSIME USCITE PER FANUCCI, FAZI, MONDADORI, PIEMME, CAMELOZAMPA E SPERLING&KUPFER.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi vi porto una serie di nuove uscite che spero possano incuriosirvi! Prendete carta e penna e segnate quello che più vi piace, ce n’è per tutti i gusti! Come sempre divise per editore, ecco le prossime uscite: 

FANUCCI

I sei cloni
Autore: Mur Lafferty
Titolo: I sei cloni
Genere:Fantascienza
Collana:Collana Narrativa
Pagine:336
ISBN:9788834737965
Trama: Mentre la Terra è sempre più depauperata di risorse e sfiancata da guerre, la nave spaziale Dormire trasporta nel paradiso incontaminato di Artemis, un pianeta nel sistema stellare Tau Ceti, migliaia di esseri umani addormentati. Nel viaggio di quattrocento anni necessario per raggiungere la destinazione finale, le loro vite sono salvaguardate da IAN, sofisticatissima Intelligenza Artificiale con poteri decisionali e di veto. Ma qualcosa va storto: i sei membri dell’equipaggio, tutti ex criminali che sperano di ripulire il proprio passato e ricominciare una nuova vita su Artemis, improvvisamente si svegliano. Si ritrovano in una stanza, circondati da sangue e cadaveri e con le menti, prive di ricordi, in nuovi corpi. IAN è stata sabotata e la nave è ormai fuori rotta. Questo può voler dire solo una cosa: qualcuno ha ucciso i loro sé precedenti. L’equipaggio della Dormire ha un mistero da risolvere: chi è l’assassino? E perché ha sabotato il viaggio? Per quello che ne sanno, il colpevole potrebbe essere anche uno di loro…

FAZI

Risultati immagini per Elizabeth von ArnimVeraAutore: Elizabeth von Arnim
Titolo: Vera
Collana: Le strade
Pagine: 296
Prezzo in libreria: € 15
Prezzo E-Book: € 7.99
Data Pubblicazione: 26-09-2019

Trama: Una mattina d’estate del 1920 la giovane Lucy perde il padre in maniera inaspettata e a causa del tragico evento si ritrova sola e disperata, priva di ogni speranza per il futuro. È uno sconosciuto, incontrato per caso sulla soglia di casa in Cornovaglia, a destarla dal torpore che il lutto improvviso le ha causato: il legame con Everard Wemyss, quarantenne da poco rimasto vedovo, è immediato, e la condivisa afflizione per la recente perdita di una persona cara genera tra i due un’inattesa e confortante intimità. Quell’uomo che conosce appena, e che agli occhi di lei appare solido, genuino e premuroso, s’insinua nella quotidianità e nei pensieri della ragazza, afferrando con risolutezza le redini della sua vita. Ma il tanto atteso matrimonio con Wemyss sarà diverso da come Lucy aveva sognato e le mura della casa dove il marito la porterà dopo le nozze diverranno quelle di una lussuosa e tetra prigione le cui giornate sono scandite da illogici rituali, un luogo in cui Lucy non si sentirà mai davvero accolta e dove la prima moglie, Vera, morta in torbide circostanze, si rivelerà un’entità ancora presente e palpabile, capace di turbarla nel profondo. Elizabeth von Arnim, scrittrice talentuosa e di grande successo, torna in libreria con una storia avvolta da un’inedita atmosfera noir. Con una scrittura limpida e venata di sarcasmo, la von Arnim trascina il lettore in un’inquietante relazione dominata da un uomo ossessivo ed egoista, e gli consegna quello che, secondo il parere della stessa autrice, è il miglior romanzo che abbia mai scritto.


Risultati immagini per Thomas Hardy Titolo: Estremi rimediAutore: Thomas Hardy
Titolo: Estremi rimedi
Collana: Le strade
Pagine: 542
Prezzo in libreria: € 18
Prezzo E-Book: € 9.99
Data Pubblicazione: 26-09-2019

Trama: Estremi rimedi è il romanzo d’esordio di Thomas Hardy, in cui già si dispiegano tutti gli elementi che faranno la fortuna del suo autore: l’ispirazione gotica, un intreccio impeccabile, la magistrale caratterizzazione dei personaggi. Protagonista di questa storia è la giovane Cytherea Graye: rimasta orfana, la ragazza decide di trasferirsi con il fratello Owen in un’altra città, per trovare una casa e un lavoro e ripartire da zero. Qui, i due conoscono Edward Springrove, un collega di Owen, di cui Cytherea si innamora. Dopo vari tentativi andati a vuoto, la ricerca di un lavoro va a buon fine, e la protagonista viene assunta come dama di compagnia presso una ricca signora, Miss Adclyffe, il cui passato, si scoprirà poi, è legato romanticamente a quello della famiglia Graye. Tra le due donne si stabilisce un rapporto a metà strada fra l’affetto, la protezione, la devozione e la gratitudine reciproca. Proprio durante il soggiorno in casa della signora, Cytherea viene a sapere che non lontano da lì vive la famiglia del suo amato Edward, che però è già promesso a un’altra donna. Delusa e sconcertata, la protagonista decide di dimenticarlo: è a questo punto che entra in scena Manston, personaggio misterioso inspiegabilmente protetto e spalleggiato da Miss Adclyffe, il quale intraprende nei confronti della ragazza un lungo e bizzarro corteggiamento. L’intreccio narrativo, finora concentrato sul ritratto dei personaggi, si fa da qui in poi vivace e ricco di colpi di scena: incendi, fughe nella notte, inganni, suspense, persino un omicidio, fino alla conclusione, degna della migliore tradizione dei “sensation novels”, cui Hardy si ispirò per costruire questo suo primo romanzo, affermandosi subito come una delle voci più brillanti della narrativa inglese.


Risultati immagini per Company Parade» di Margaret StormAutore: Margaret Storm Jameson
Titolo: Company Parade
Collana: Le strade
Pagine: 404
Prezzo in libreria: € 18
Prezzo E-Book: € 7.99
Data Pubblicazione: 03-10-2019
Trama: Nel 1918, all’indomani dell’armistizio che pone fine alla grande guerra, la giovane Hervey Russell racchiude tutta la sua vita in un baule e dallo Yorkshire si trasferisce a Londra, lasciandosi alle spalle il marito e il figlio piccolo. Non ha denaro né esperienza, ma ha la forza di volontà della nonna imprenditrice e i sogni della gioventù; è forte e vulnerabile al tempo stesso, a muoverla sono la voglia di affermarsi e il desiderio di assicurare al figlio un futuro migliore. Mentre tenta di sfondare come scrittrice, di giorno lavora in un’agenzia pubblicitaria e la sera vaga per le strade della città, sola ma libera, lasciandosi deliziare da ogni particolare. Nemmeno la sofferenza al pensiero del figlio lontano riesce a oscurare l’euforia della novità e la consapevolezza di chi sta facendo la cosa giusta per sé. Hervey è una donna in un mondo di uomini: il capo David Renn, veterano solitario e disilluso; i due amici storici, ex soldati che hanno in mente di dare vita a un nuovo giornale; e poi scrittori presuntuosi, intellettuali salottieri e spregiudicati uomini d’affari. Anche il marito, ogni tanto, torna a fare capolino, mentre l’amante vuole portarla con sé in America. Un meraviglioso affresco dell’ambiente culturale del tempo, con tutto il brio e l’effervescenza del mondo editoriale e pubblicitario londinese, si amalgama a un lucido spaccato della vita quotidiana dell’epoca, segnata dallo spaesamento e dalla frustrazione dei reduci e dei giovani lavoratori. In primo piano, però, ci sono la storia di una giovane protagonista coraggiosa e l’evoluzione delle conquiste femminili che hanno cambiato per sempre la vita delle donne.
Per la prima volta nelle librerie italiane, Company Parade è il capitolo iniziale della trilogia Lo specchio nel buio, opera avvincente e raffinata considerata un manifesto dell’emancipazione femminile.

MONDADORI

BintiTitolo: Binti
Autore: Nnedi Okorafor
Genere: Sci-Fi
Data di uscita: 1 Ottobre 2019

Trama: Binti Ekeopara Zuzu Dambu Kaipka di Namib è una ragazza di etnia Himba, talmente brava in matematica e nella tecnica dell’astrolabio da venire selezionata per frequentare la prestigiosa Oomza University. È l’occasione della vita e così, nonostante la contrarietà della sua famiglia, e le radicate tradizioni della sua terra, Binti fugge dal villaggio in cui vive e si imbarca sulla Terzo Pesce per intraprendere il viaggio interstellare verso Oomza. Ma tutto cambia quando le Meduse, feroci creature belligeranti, attaccano il veicolo che la ospita, uccidendo l’equipaggio, i passeggeri, gli altri studenti che Binti ha appena conosciuto. La giovane si trova così a doversela cavare da sola, intrappolata su un’astronave piena di esseri assassini, per cinque lunghi giorni prima di raggiungere la meta. Ma chi sono le Meduse? Binti scopre che dietro la loro storia, e la guerra che hanno scatenato contro i Khoush, si nasconde molto più di quanto non appaia. E ora una serie di compiti piuttosto gravosi le si para davanti: sopravvivere alla trasferta, proteggere gli abitanti del pianeta su cui ha sede l’ateneo; e provare a usare i propri ineguagliabili talenti per porre fine a un conflitto sanguinoso.


Titolo: Ti regalo le stelle
Autore: Jojo Moyes
Genere: Historical Fiction
Data di uscita: 8 Ottobre 2019
Trama1937. Quando Alice Wright decide impulsivamente di sposare il giovane americano Bennett van cleve, lasciandosi alle spalle la sua famiglia e una vita opprimente in Inghilterra, è convinta di iniziare una nuova esistenza piena di promesse e avventure nel lontano Kentucky. Presto però le sue rosee aspettative e i suoi sogni di ragazza si scontrano con una realtà molto diversa. Costretta a vivere sotto lo stesso tetto con un suocero invadente, il dispotico proprietario della miniera di carbone locale, Alice non riesce a instaurare un vero rapporto con il marito e le sue giornate diventano sempre più tristi e vuote. Così, quando scopre che in città si sta costituendo un piccolo gruppo di donne volontarie il cui compito è diffondere la lettura tra le persone disagiate che abitano nelle valli più lontane, lei decide con entusiasmo di farne parte. La leader di questa biblioteca ambulante a cavallo è margery o’hare, una donna volitiva, libera da pregiudizi, figlia di un noto fuorilegge, una donna autonoma e fiera che non ha mai chiesto niente a nessuno, tanto meno all’uomo che ama. Alice trova in lei una formidabile alleata, un’amica su cui può davvero contare, specie quando il suo matrimonio con Bennett inizia inevitabilmente a sgretolarsi. Altre donne si uniranno a loro e diventeranno note in tutta la contea come le bibliotecarie della wpa packhorse Library. Leali e coraggiose, cavalcheranno libere sotto grandi cieli aperti e attraverso foreste selvagge, affrontando pericoli di ogni genere e la disapprovazione dei loro concittadini per portare i libri a persone che non ne hanno mai visto uno, allargando i loro orizzonti e cambiando la loro vita per sempre. Ispirato a una storia vera, ti regalo le stelle è una dichiarazione d’amore per la lettura e i libri.

PIEMME

Titolo: Vicino all’orizzonte
Autore: Jessica Koch
Genere: Young Adult
Data di uscita: 1 Ottobre 2019
Trama: Una sera di ottobre Jessica conosce Danny, un ragazzo di vent’anni per metà tedesco e per metà americano, che la ipnotizza con i suoi occhi azzurri intensi e i suoi modi di fare affascinanti. Jessica ha solo diciassette anni, ha appena finito la scuola e ha davanti a sé un futuro pieno di possibilità. Danny invece lavora e vive da solo già da tempo, e per qualche motivo che Jessica non riesce a comprendere tiene gli altri lontano da sé e non vuole farsi coinvolgere in una relazione. Quando diventa chiaro per entrambi che è ormai impossibile sottrarsi all’amore, la corazza di Danny si infrange e rivela una verità così dolorosa da sconvolgere tutte le certezze della vita. A quel punto Jessica si troverà di fronte alla decisione più difficile: rinunciare a quell’amore appena sbocciato che rischia già di sfiorire o combattere per ogni inebriante secondo di felicità?

Titolo del libro
Titolo: Il mistero dell’ombra dell’alba
Autore: Paolo Roversi
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 24 Settembre 2019
Trama: Ricky, pochi amici e tanto computer, passa tutti i pomeriggi nell’hangar di Mac, il compagno della madre, che restaura piccoli aerei d’epoca. L’hangar è un posto insolito dove è impossibile annoiarsi, ma un giorno il ragazzo assiste a un fatto troppo insolito: un uomo armato trascina con la forza un altro entrato poco prima. È solo il primo pezzo di un puzzle che Ricky cercherà di ricomporre, tra deduzioni e ricerche online. Ma non tutte lerisposte si trovano su Internet, e certi segreti si possono svelare solo scavando. In questo caso, scavando in un passato molto lontano..

Titolo: Ogni ragazza perduta

Genere: Thriller psicologico

Pagine 384

Pubblicato a: ottobre 2019

Dieci anni possono cambiare una persona.
Sei sicura di essere ancora la stessa?
TramaÈ passato un decennio da quando Nicolette Farrell ha lasciato la cittadina in cui è cresciuta per non tornarvi più, ma adesso il passato sembra chiamarla: forse perché è il momento di occuparsi di suo padre, ormai anziano e sprofondato nelle nebbie dell’età, da cui solo ogni tanto si risveglia. O forse perché il presente nasconde qualche insidia di troppo. Fatto sta che per Nicolette è il momento di rimettere piede a Cooley Ridge, anche se è un posto con cui non ha mai fatto davvero pace. Tutta colpa di Corinne. La sua migliore amica di allora. L’amica scomparsa. Il suo trauma mai elaborato. Il ritorno a casa è un vero tuffo nel passato: Nic rivede dopo anni non solo il fratello Daniel, ma anche il suo ex Tyler, e quello che allora era il fidanzato di Corinne, Jackson. Erano solo dei ragazzi, all’epoca. Ed eccoli adesso, dieci anni dopo. Non sembrano cambiati: stesse dinamiche, stessi legami, stessi segreti sepolti nel passato. Ma quando un’altra ragazza, Annaleise, scompare in città, l’incubo di tanti anni prima ritorna. Perché la scomparsa di Annaleise ha più punti in comune con quella di Corinne di quanto chiunque riesca a immaginare…


CAMELOZAMPA

Titolo: Madelief. A testa in giù nel cestino
Autore: Guus Kuijer
Pagine: 200
Data di uscita: 3 Ottobre 2019

Trama: In questo terzo libro della serie, Madelief comincia la scuola: il maestro è simpatico e a dir poco svitato. Per esempio minaccia di mettere gli alunni a testa in giù nel cestino… I genitori sono poco convinti, ma i bambini lo adorano!

Tra amicizie e disavventure a scuola, un nuovo viaggio nella quotidianità divertente e spensierata di una bambina vera.

 


 

Titolo: La pietra blu
Autore: Jimmy Liao
Pagine: 148
Data di uscita: 17 Ottobre 2019
TramaUna grande pietra blu viene scoperta nella foresta e tagliata a metà. Una delle due metà parte per un lungo viaggio: diventerà via via la statua di un elefante, una rovina sul fondo del mare, il sasso nel muro di una prigione, il ciondolo di una collana pegno d’amore… Una struggente nostalgia accompagna il suo viaggio, il bisogno di tornare a casa, di essere riunita alla sua metà nella foresta.

Con illustrazioni mozzafiato e una storia di rara forza evocativa, Jimmy Liao ha creato un picture book che parla di amore, perdita, trasformazione, nostalgia, ma anche una potente metafora sulle ferite inferte alla natura.


SPERLING&KUPFER

Titolo: Save Us (Secondo volume della trilogia)
Autore: Mona Kasten
Genere: Young Adult
Data di uscita: 15 Ottobre 2019
Trama: Quando tutto ti sembra perduto, le persone che ami sono la tua unica speranza. Dopo la sospensione da maxton Hall, Ruby è disperata e affranta. All’improvviso, Oxford e tutti i sogni che le erano sembrati finalmente a portata di mano vengono messi a repentaglio da una macchia gravissima sul suo curriculum accademico. Il peggio, però, è che tutto parrebbe indicare James come unico responsabile della faccenda. Inizialmente la ragazza, arrabbiata e delusa, non vuole sentire le sue ragioni – soprattutto non dopo che gli ha appena perdonato un tradimento -, tuttavia, alla fine si convince ad ascoltarlo e insieme i due arrivano a una terribile verità, che sconvolsero entrambi. Mentre cerca di riabilitare il nome di Ruby a scuola, James passa altri guai con il padre, che è disposto davvero a tutto per tenerlo incatenato azienda di famiglia e a un futuro già scritto. Con Ruby al suo fianco, però, il ragazzo sente di potere lottare contro ciò che il destino e mortimer Beaufort hanno in serbo per lui. Certo, la strada è in salita e gli ostacoli sono sempre dietro l’angolo. Basterà a James avere accanto la persona giusta per riuscire a prendere finalmente in mano le redini della sua vita?

Sette lettere, un destinoTitolo: Sette lettere, un destino
Autore: J.P. Monninger
Pagine: 336
Data di uscita: 08 Ottobre 2019

TramaDoveva essere un semplice viaggio alla scoperta delle affascinanti isole Blasket, un tempo cuore dell’Irlanda e della sua letteratura e ora abitate soltanto dal vento e dal silenzio. Un anno sabbatico per completare la tesi di dottorato sulle donne che avevano abitato quei luoghi circondati dal mare, poi Kate sarebbe tornata nel New Hampshire, alla sua vita che era riluttante a lasciare. Ma quando arriva sulle coste irlandesi, i suoi piani vengono inaspettatamente sconvolti: la ragazza è investita dal fascino di quei luoghi magici e selvaggi, di quelle distese color verde brillante battute dai venti, accarezzate dall’aria salmastra e dalla foschia del mattino. E dall’amore per un uomo misterioso: Ozzie Ferriter, un pescatore americano di origini irlandesi, reduce dalla guerra in Afghanistan, che nella solitudine di quella terra cerca rifugio da un passato che lo tormenta. Kate e Ozzie, travolti da una passione incontenibile, iniziano a costruirsi una vita sulla costa rocciosa dell’Irlanda, dove è il mare a scandire il tempo, tra la pesca di sgombri e merluzzi e il calore dei fuochi di torba. Insieme credono di poter cambiare il corso del destino rifugiandosi su un’isola tutta loro, costruita a proteggerli dagli obblighi e dalle pressioni dell’oceano che li circonda, convinti che il loro folle amore possa spazzare via ogni ostacolo. Quando, però, i vecchi demoni di Ozzie e i sogni ambiziosi di Kate busseranno alla porta della yurta in cui vivono, quell’amore e la fiducia reciproca saranno messi a dura prova. E l’isola felice, solitaria e pacifica che si sono costruiti sembrerà d’un tratto a Kate una prigione da cui voler scappare. Ma così come ci sono ferite che resistono alla forza dell’amore, è anche destino che alcune storie debbano fare giri immensi per trovare il proprio lieto fine.


RECENSIONE #335 – L’ULTIMA VITA DEL PRINCIPE ALASTOR DI ALEXANDRA BRACKEN.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Altro giorno altra recensione per voi. Come state? Io bene e infatti vi porto una lettura super leggera con questo secondo e ultimo volume della duologia iniziata con Il malefico caso di Alastor contro Redding. Ringrazio Il battello a Vapore per avermi permesso la lettura e ve ne parlo subito. Per chi non ha ancora avuto modo di scoprire o conoscere la duologia consiglio di leggere la recensione del primo volume QUI. Per il resto, a voi:

Nessuna descrizione della foto disponibile.
Titolo: L’ultima vita del Principe Alastor
Autore: Alexandra Bracken
Editore: Piemme
Genere: Fantasy
Data di uscita: 17 Settembre 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/32OLdgp
Trama: A Prosper Redding non bastava la sfortuna di ospitare dentro di sé un’entità demoniaca. Ora deve anche andare Di Sotto per ritrovare la propria gemella, rapita dalla subdola regina Pyra. A mostrargli la via come una candela nelle tenebre è proprio il principe Alastor, il suo malefacente ospite. Peccato che, una volta passati oltre lo specchio, i due trovino un regno devastato e irriconoscibile, minacciato da un Vuoto che tutto divora. Che scelta hanno i demoni se non invadere un altro regno… ovvero quello umano?
In un’avventura sempre più esilarante e catastrofica, il nostro improbabile eroe si ritroverà alleati ancora più improbabili di lui, tra cui Nell, aspirante strega ninjia, e il suo Batgatto. Prosper riuscirà a salvare la sua famiglia, la sua città e il mondo intero, magari senza svendere la propria anima?

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia inizia esattamente dove l’avevamo lasciata con il volume precedente. Questo secondo ed ultimo volume ci porta nel mondo Di Sotto, quello dove vivono i maleficenti e le creature maligne per fare in modo che Prosper riesca a salvare sua sorella Prudence con l’aiuto del maleficente Alastor e di due new entry nel loro gruppo. Quello che non sanno però, è che il mondo Di Sotto ha i Vuoti e questi, rischiano di far sprofondare ogni cosa e la regina Pyra, sorella di Alastor, ha cambiato molte cose nel regno, oltre ad aver preso il potere.

Riusciranno a fermare la regina Pyra e a riportare Prudence a casa? Cosa succede nel Mondo Di Sotto? Perchè ci sono i Vuoti? E cosa sta tramando la regina Pyra per prendere i pieni poteri sul suo mondo?

Sbuffando sdegnato, Alastor pensò che probabilmente tutti gli umani, che fossero re o contadini, provano desiderio, odio, paura e sofferenza, solo in gradi diversi. Tale era la loro danza nella vita: gli umani volteggiavano da una tribolazione all’altra, cambiando compagni e rivali nel corso della loro limitata esistenza.

Risultati immagini per alastor alexandra brackenLa trama di questa storia riporta esattamente ciò che accadrà in questo secondo volume. Non ci sono neanche poi tanti spoiler in riferimento al primo volume, praticamente soltanto uno ma anche normale visto che si tratta di un secondo volume e non del primo. Comunque, proprio come per il primo, la trama incuriosisce e fa desiderare ancor di più di voler leggere questo libro.

La copertina è senza dubbio simpatica e inerente alla storia ma non so per quale motivo sia stata così modificata dall’originale rispetto a quanto si stato invece per la precedente. Trovo l’originale, che vedete qui di lato, davvero molto carina. In compenso sono stati mantenuti i colori e le tonalità generale. Non mi dispiace quella italiana che è stata scelta ma preferisco senza dubbio quella originale. Per quanto riguarda il titolo, invece, è stato semplicemente tradotto e non è stato modificato in alcun modo. Trovo comunque che il connubio fra i due sia davvero funzionale e renda la storia misteriosa al punto giusto.

L’ambientazione è, in questo libro, il mondo Di Sotto, dove vivono i maleficenti e tutti gli esseri che sono cattivi, Troll e quant’altro. L’epoca è sempre ai giorni nostri per il mondo di Prosperity ovvero la Terra, solo essendo quasi la totalità del volume nel mondo Di Sotto non si nota tantissimo la cosa.

«Chiudi sempre gli occhi quando hai paura?» chiese Alastor. «Spalancali ben bene e guarda fisso la tua paura fino a quando essa non ti obbedisce». Strinsi i denti. «Io non ho paura». «Ne avrai».

personaggi di questa storia, sono più o meno quelli che abbiamo già trovato nella storia precedente con qualche aggiunta in più. In questo volume, leggermente più voluminoso del precedente, troveremo i personaggi principali decisamente diversi da come li avevamo lasciati. Più maturi, sicuri di se dal lato di Prosper e addirittura più deboli e quasi umani dal lato di Alastor.

Prosper Redding è cambiato da ciò che ricordiamo. Adesso conosce bene il maleficente che vive dentro di lui e sa bene come addomesticarlo o come fare in modo di andare almeno in parte d’accordo. E’ cresciuto ed è maturato e non è più un ragazzino piagnucoloso pronto a lamentarsi di ciò che non può o non riesce a fare. Vuole dimostrare di essere diverso da come lo hanno sempre descritto in famiglia. Vuole essere forte e coraggioso, pronto ad ogni tipo di pericolo per salvare sua sorella Prudence. 

Alastor è il maleficente erede al trono, che si ritrova a vivere da generazioni all’interno dei Redding, che si trovano vittime del suo maleficio. Nel primo volume sembrava essere una creatura davvero malvagia mentre in questo volume, a contatto con il suo mondo, il Mondo Di Sotto dove lui non andava da tempo e dove ora regna sua sorella, si sentirà debole, vulnerabile e spiazzato. Riesce quasi ad affezionarsi al giovane che lo ingloba dentro di sé, nonostante tutto.

Altro lato della medaglia sono Nell Bishop e Flora, due nuove aggiunte che daranno un po’ di sale a questa storia. Flora è un elfo mentre Nell Bishop che abbiamo già incontrato nel primo volume è una strega e le streghe, si sa, ce l’hanno a morte con i maleficenti. Ma cosa ci fa lei nel Mondo Di Sotto? Cosa sta realmente accadendo? Due personaggi che saranno parte integrante della storia e aiuteranno il giovane Prosper e Alastor lungo il loro cammino alla ricerca della sorella di Prosper, Prue.

Cosa stai facendo? Non è assolutamente da spirito maligno aiutare un altro spirito in questo modo, eppure… Una fitta di qualcosa mi attanagliò lo stomaco, ma non era una mia emozione. Lo stupore di Alastor era palpabile. Devono sapere che io li salverò da tutto questo. Salverò loro e il mio regno. «Sai una cosa?» mormorai, sentendolo agitarsi nella mia testa. «Forse il problema non è che tutti gli altri sono cambiati. Il problema sei tu che sei sempre lo stesso».

Risultati immagini per the dreadful tale of prosper redding fanartIl perno centrale di questa storia è ritrovare la giovane Prudence Redding, catturata e portata nel Mondo Di Sotto nel primo volume. Prosper è pronto a tutto per salvare sua sorella e non mancheranno sorprese fra lui, Alastor e gli altri amici che si uniranno nella missione di salvataggio. 

Lo stile dell’autrice, come vi ho già detto anche nella recensione del primo volume, è sicuramente più semplice e scorrevole della trilogia di Darkest Minds; in parte probabilmente perchè è un libro per ragazzi. Ci sono stati dei punti lenti, sopratutto lungo la parte finale ma questo libro è stato ricco di azione e di certo non ci si annoia, si sta sempre in tensione per la loro sorte.

Ho trovato il finale in parte molto scontato. Mi aspettavo qualcosa di totalmente differente o che venisse gestito in maniera diversa invece su alcuni fronti – che non posso rivelarvi – è stato fin troppo prevedibile. Quindi, su questo fronte mi sarei sicuramente aspettata di meglio.

Sul lato dell’azione e della maturità dei personaggi, invece è stato molto bello scoprire l’avanzamento di Prosper e la forza nascosta nel suo carattere e le debolezze e le fragilità di Alastor che nel primo volume si mostra quasi come invincibile a tutto. Si vedrà, quindi, come l’unione dei due personaggi in un solo corpo riveli l’uno le cose dell’altro che non si erano mostrate prima. Inoltre, l’azione di certo non manca e rende tutto davvero interessante e intrigante sotto ogni punto di vista.

Limone, disse Al a bassa voce. Sa di nuovo di limone… Limone significava tristezza. Devastazione. C’è una cosa che posso dire sul dolore: non è mai esattamente lo stesso. Proprio quando pensi di aver sconfitto un vecchio dispiacere, questo ritorna con un nuovo volto, ancora più orribile. Nell aveva sofferto per aver perso sua madre, credendo che avrebbe potuto essere salvata e poi credendo che potesse tornare. Ora era come se stesse cercando di tenerla in vita in modo diverso: ripercorrendo la sua stessa strada.

L’ultima vita del Principe Alastor è un secondo volume che cattura in cui la maturità e l’umanità dei personaggi del primo volume viene alla luce. Un libro per ragazzi con un lato oscuro, magico ed estremamente potente. Una duologia che consiglio di leggere a piccoli e grandi.

Alexandra Bracken scrive una storia originale e decisamente malefica. Fra troll, umani, streghe ed esseri maleficenti, vi perderete in un mondo oscuro, pieno di pericoli per tentare di salvare ciò che resta. Un finale ricco di magia.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare L’ultima vita del Principe Alastor e sostenere il Blog? Acquista da Qui: L’ultima vita del principe Alastor o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Vi piace? Fatemi sapere mi raccomando, io ci tengo e vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #331 – SETTE ABBRACCI E TIENI IL RESTO DI STEFANO TOFANI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi vi porto la recensione di questo nuovo libro e spero che possa incuriosirvi. Io sono rimasta colpita sia dalla trama che dalla copertina e non ho potuto non leggerlo subito. Ringrazio la Rizzoli per avermi permesso la lettura e ve ne parlo subitissimo. Spero siate curiosi anche voi:

51r0ax0bxtlTitolo: Sette abbracci e tieni il resto
Autore: Stefano Tofani
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 3 Settembre 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2ZQ8sJT
TramaErnesto ha dodici anni, occhiali spessi e una camminata sbilenca. È così incidente d’auto che gli ha portato via la nonna, amatissima, la nonna dei proverbi e delle lezioni di vita, la nonna a cui in cambio di un abbraccio strappava quasi tutto. Ernesto ha un amico, Lucio, che come un Grillo parlante gli fa venire mille dubbi e lo mette in guardia su tutto. Ma siamo sicuri che sia sincero? Ha poi anche un altro amico che si chiama Elien e viene da lontano. Ernesto ha una passione per una sua compagna di scuola, Martina, ma sa che lei non lo noterà mai. Finché un giorno Martina non sparisce di colpo, gettando nel panico la comunità. Per Ernesto è l’occasione per ritrovarla, componendo il puzzle di un mistero che gli adulti, neanche quelli che dovrebbero saperlo fare per mestiere, riescono a risolvere. Ed è l’occasione per trasformarsi di colpo da sfigato quattrocchi o a magnifico eroe Salvatore. Una storia che fa ridere e che commuove; un protagonista irresistibile che ha coraggio da vendere, anche se non lo sa ancora.

RECENSIONE

silhouette of child sitting behind tree during sunsetLa storia ha inizio con una grande scoperta per Ernesto. Ha appena saputo che due suoi compagni di scuola sono riusciti a vedere Martina, la persona che lui ama più di ogni cosa al mondo,  sotto la doccia. E’ arrabbiato perché loro l’hanno fatto ma allo stesso tempo non vede l’ora di avere un’occasione anche lui. 

Ernesto è un bambino principalmente solo. Dopo aver perso la nonna che teneva a lui in maniera particolare, l’unica persona che sembra interessarsi a lui è Lucio, il suo migliore amico. La mamma è sempre impegnata con altre cose e non si interessa mai a lui, suo padre vive ormai con un’altra compagna e al piccolo ragazzo non serve altro. Gli basta la compagnia di Lucio e di un nuovo compagno, che conoscerà grazie al suo nascondiglio segreto. Quando Martina sparisce misteriosamente nel nulla partono le ricerche ed Ernesto cercherà di mettersi sulle sue tracce.

Cosa scoprirà il giovane protagonista? Riuscirà a trovare Martina, la sua innamorata? Cosa succederà nel corso delle indagini in solitaria di Enrico?

Che invenzione! Peccato che Martina o la mamma non fossero lì per ammirarla, avrebbero capito che razza di genio sono. Solo la nonna s’era accorta della mia intelligenza, per la fronte spaziosa.

La trama è carina e ben scritta. Rappresenta questa storia e suscita sicuramente curiosità visto sia il protagonista sia la storia. Non ci sono spoiler, quindi potrete leggerla tranquillamente rimanendone sicuramente colpiti dalla dolcezza di un protagonista che vi emozionerà.

La copertina è assolutamente meravigliosa. Lo ammetto e sarò totalmente sincera, questa e il titolo sono state le cose che mi hanno colpito prima di ogni cosa. Poi ho letto la trama ed ho deciso che avrei dovuto leggerlo il prima possibile. L’illustrazione in copertina è l’emblema di questa storia ed è assolutamente in linea con la storia. Una delle copertine più belle di libri per ragazzi, di quest’anno almeno. 

Il titolo di questa storia riprende proprio da un pezzo all’interno del libro che mi ha sinceramente emozionato. Ernesto teneva e tiene tutt’ora alla sua amata nonna, l’unica che sapeva amarlo come si deve, l’unica che si accorgeva dei suoi cambi di umore, delle sue scoperte e con cui faceva i cruciverba e tante cose belle. E’ un titolo emozionante e toccante, sicuramente fra copertina e titolo c’è un ottima sintonia e li trovo davvero belli insieme.

Com’è bello abbracciarti, Martina, e che buon profumo che hai... Non era il suo profumo però. Era quello della mamma: era seduta sul letto e mi guardava. «Ernesto, che succede?» «Stavo sognando» le ho detto, e mentre un lampo illuminava il bianco e il marrone dei suoi occhi sono scivolato sul cuscino. Ho affondato la faccia dentro il materasso e ho cominciato piano piano a piangere.

shallow focus photography of two boys doing wacky facespersonaggi, in questo volume, non sono poi tantissimi. Ce ne sono di vari ma alla fine colui che è ben delineato e rende in ogni minimo particolare è il protagonista assoluto, Ernesto, e narratore di questa storia misteriosa che ci permette di innamorarci pagina dopo pagina di lui.

Ernesto ha dodici anni, una camminata zoppicante per via dell’incidente d’auto, ed è un bambino curioso e innamorato. Martina, infatti, è colei di cui è sempre stato segretamente innamorato anche se lei non gli rivolge nemmeno la parola. Ernesto è un bambino solitario perché viene spesso bullizzato, ha il suo amico Lucio e un nuovo amico, il clandestino Elien. A casa, invece, la madre non c’è mai. Oltre a non essere mai presente, la madre di Ernesto non si interessa minimamente a lui, infatti, l’unica persona che Ernesto rimpiange tantissimo è sua nonna. Con lei faceva di tutto e lei lo amava calorosamente. Ernesto non è un tipo particolarmente sveglio ma è tenero, coraggioso e si lascia amare pagina dopo pagina.

Quando ero piccolo la nonna in cambio delle cose voleva gli abbracci. Una caramella costava un abbraccio, il pane con la Nutella ne costava tre. Una volta le chiesi di portarmi a fare un giro al mare e lei non se la sentiva perché aveva mal di schiena. «Cinque abbracci» mi disse dopo che avevo insistito chissà quanto. Io gliene diedi sette, e lei mi guardò stupita. Tieni il resto, le dissi. Le venne da ridere e da piangere, poi mi accompagnò al mare.

shadow of boy and man near fenceIl perno centrale di questa storia è la sparizione misteriosa di Martina, compagna di classe di Ernesto di cui lui è innamorato da sempre. Quando Martina scompare, il mondo sembra crollare attorno ad Ernesto ma lui non si abbatte e cerca di trovare subito una soluzione: se trova Martina lui sarà un eroe e lei finalmente lo vedrà diversamente dal solito e comincerà a considerarlo.

Lo stile utilizzato è semplice e piuttosto diretto. Scritto in prima persona da parte di Ernesto, la storia si sviluppa su capitoli brevi in cui dapprima si delinea la vita e ciò che circonda Ernesto, poi alla sparizione di Martina. Il tipo di scrittura non mi è arrivato come credevo ma, essendo un libro per ragazzi, sono riuscita subito a comprendere il motivo di questa scelta. Infatti la storia sembra davvero scritta dagli occhi di un dodicenne e questo, nel corso della storia, è quel fattore che la rende unica e ancor più veritiera.

Le tematiche affrontate all’interno del libro sono tante, moderne e al passo con i nostri tempi. A partire dal bullismo subito da Ernesto, c’è la solitudine sia emotiva che famigliare dettata da genitori distratti e poco attenti alla vita dei figli, come la  madre di Ernesto. Inoltre, c’è anche la tematica dell’immigrazione e dei clandestini, che riguarda Elien, il nuovo amico di Ernesto. Anche la scomparsa di Martina avrà il suo motivo e la sua tematica anche qui legata a dei fattori che oggi influenzano la vita di tutti i giorni ma non vi farò spoiler al riguardo e lo scoprirete da soli.

Nonostante però, Ernesto sia così legato a sua nonna e citi più volte il fatto che avrebbe preferito averla vicino come una volta, sarebbe stato molto bello il fatto di inserire dei ricordi che legavano Ernesto a sua nonna, più spesso. Avrebbero anche giustificato molto di più il fatto del titolo (solo quella scena è spiegata) e avrebbe consolidato molto di più il legame che c’era fra loro e il lettore che li legge.

Era rischioso, ma non importava. Se aspettavo che la trovassero i carabinieri, campa cavallo. Pazienza se i rapitori mi ammazzavano, avrei fatto ricredere un sacco di persone. “Che ragazzo coraggioso!” avrebbero detto inzuppando di lacrime i microfoni. “Un angelo!” Da morto mi avrebbero adorato, e io, dentro la bara, sarei stato la persona più felice del mondo: Martina salva e io un eroe!

Il libro è stato molto dolce nel complesso. Il tipo di scrittura non mi ha completamente catturato ma posso dire di essere rimasta piacevolmente colpita da questa storia. Consiglio questa lettura a bambini e ragazzi in primis ma anche agli adulti che vogliono una storia leggera ma allo stesso tempo importante.

Stefano Tofani scrive una storia di un amore che ci riporta a quando eravamo bambini, di una scomparsa e di un piccolo eroe che nella vita quotidiana affronta milioni di difficoltà ma che trova sempre il coraggio di andare avanti. 

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Sette abbracci e tieni il resto e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Sette abbracci e tieni il resto o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Vi piace? Fatemi sapere mi raccomando, io ci tengo e vi aspetto!

A presto,

Sara ©