RECENSIONE #592 – LA ROTTA DI NADIR DI SILVIA FRANCESCA FORTI E ALESSANDRA DI CONSOLI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Spero bene! Io nel frattempo sono qui a portarvi una nuova uscita che spero possa fare al caso vostro ovviamente, se non per i vostri piccoli bambini magari. Un libro di cui ringrazio la Sabir Editore per la lettura e di cui vi parlo immediatamente:

9788831460323_0_424_0_75Titolo: La rotta di Nadir
Autore: di Silvia Francesca Forti (Autore)
Alessandra Di Consoli (illustratrice)
Data di uscita: 23 luglio 2022
Pagine: 36
Editore: Sabir Editore

Link d’acquisto: https://amzn.to/3RAmENJ
Trama: Protagonista è una barchetta di carta che ama l’avventura, che gira per il mondo e attraversa le pagine accompagnata da un pizzico di magia. Mari, monti e canali, luci di stelle e luci di case la accolgono e la accompagnano in questo viaggio. Solo alla fine si scoprirà chi fa viaggiare la barchetta con la fantasia in luoghi lontani, per sfuggire alla sua difficile realtà. 

RECENSIONE

La storia è piuttosto breve e concisa, trattandosi di sole 36 pagine di albo scritto e illustrato, quindi è altresì difficile parlarvi di questo libro senza raccontarvi la storia stessa. Una storia emozionante e commovente che parla di un bambino che ha dei sogni e continua a portarli avanti muovendo la sua barchetta di carta attraverso la sua fantasia. Una storia in cui il protagonista non è tanto la piccola barca di carta ma il bambino che la governa.

Cosa succederà alla piccola barchetta? Quali luoghi di Libromondo sogna di visitare? Cosa ci permetterà di scoprire, il piccolo Nadir?

Navigava, Barchetta. Ogni giorno sceglieva una pagina del Libromondo e partiva…

La trama è piuttosto semplice e relativamente breve, in proporzione al fatto che in ogni caso il volume è comunque piccolino e di lettura veloce. Ben composta, finisce per rendere il volume ancor più interessante consentendo al lettore di comprendere anche le tematiche che ci sono all’interno.

La copertina è davvero molto carina, si vedono dei palazzoni di notte, in cui la barca si ritroverà a viaggiare, i stessi palazzoni in cui magari Nadir sogna di vivere un domani, o le case che potrebbe aver perso, perdendo la sua casa e lui finisce per ricordarle grandi e immense, viste con i suoi occhi da bambino. La scritta avrei optato per renderla più evidente e non del colore simile al resto, però trovo il tutto visivamente dolce. Il titolo non sembra, se si legge la storia senza prestare troppo attenzione, che sia riferita ad un bambino ma cogliendo il contesto generale, la copertina e la storia di questa dolce barchetta, si comprende tutto al meglio e si finisce per apprezzare Nadir maggiormente, visto che finiamo per vederlo in un unico frame.

L’ambientazione e l’epoca non sono specificate ma cogliendo qualche sprazzo e notando dei piccoli dettagli si può pensare che sia moderno, contemporaneo, ambientato in un campo profughi.

1662552377542

I personaggi all’interno di questa storia sono pochissimi e non abbiamo modo di creare un legame narrativo con loro ma piuttosto visivo ed emotivo. Avremo modo di conoscere Nadir, la scimmietta e il gabbiano e tutti i luoghi meravigliosi che si deciderà di visitare a Libromondo ma quello che avrà un riscontro più grande alla fine sarà dato dalla Barchetta.

Nadir con la sua barchetta di carta sogna luoghi immensi e bellissimi, sogna panorami incredibili, sogna le stelle, la savana, gli animali ma soprattutto sogna una casa in cui fermarsi, in cui vivere, in cui essere finalmente libero ed amato nonostante tutte le difficoltà che la vita gli ha imposto. Un bambino forte e coraggioso, un sognatore forte e indissolubile che nonostante le difficoltà riesce a vedere il buono, come solo un bambino può essere, solo come un bambino può fare.

Il perno centrale della storia è il viaggio, è la rotta incredibile della mente di un bambino, è il sogno di qualcosa di più grande, di un futuro stabile e significativo, una vita che non sia troppo sofferta o difficile da affrontare, ma qualcosa di tangibile, che non si debba solo sognare.

1662552377534

L’albo ha i tratti delicati e sinceri che hanno i bambini e riesce fra scritto e illustrazioni a portarci un messaggio tanto duro quanto attuale. Questa tematica, infatti, viene spesso messa da parte perché non le viene dato il giusto risalto. Eppure ci sono così tanti Nadir là fuori, tanti bambini ricchi di speranze per il loro futuro di cui nessuno si preoccupa abbastanza. Infatti, questo si svela solo alla fine della lettura: il viaggio della barchetta, dettato dall’immaginazione di Nadir bambino di un campo profughi che spera qualcosa di magico da lì in avanti.

L’idea nasce dall’incontro dell’autrice e l’illustratrice che fra testo e colori hanno creato un volume per bambini da scegliere per la lettura ai propri figli. I colori sono sgargianti dalle illustrazioni originali e atipiche ma che funzionano e creano delle tavole a pagina doppia uniche nel loro genere. Mi hanno ricordato un po’ lo stile di Alessandro Sanna e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa; non solo amerete la storia ma le illustrazioni stesse.

L’unica pecca è che per capire che Nadir è un profugo che sogna il suo viaggio si fa un poco di difficoltà a percepirlo a primo impatto e ci si deve fermare a riflettere; mi aspettavo questa cosa leggermente più semplice nella comprensione visto che per un bambino è ancor più difficile arrivare poi ad una conclusione simile, se non venga poi effettivamente spiegata da un occhio adulto o più attento.

Trovo che sia un volume dolce, emozionante e da leggere ai bambini. Un ottimo regalo per chi vuole far approcciare un piccolo bimbo a un piccolo racconto serale a cui può associare un messaggio significativo. Consiglio di sicuro la lettura e/o l’acquisto per un regalo ai più piccoli.

Silvia Francesca Forti e Alessandra Di Consoli condividono un’idea che hanno reso davvero bene. Un viaggio che suona come un sogno e una speranza per un bambino che, come tanti altri al mondo, vorrebbe solo essere felice.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene

Senza titolo-2

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare La rotta di Nadir e sostenere il Blog? Acquista da Qui: La rotta di Nadir o dal generico Link Amazon: Amazon

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Potrebbe fare al caso vostro? Fatemi sapere, io come sempre vi aspetto!

A presto,

Sara ©