RECENSIONE #294 – LA CACCIATRICE DI FOSSILI (Mary Anning si racconta) DI ANNALISA STRADA, Illustrato da Daniela Tieni.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Innanzitutto buon inizio settimana. Spero che stiate bene, io ho cercato di riposarmi nel week end perchè la palestra mi sta uccidendo ma resisto xD Passiamo al libro che vi presento oggi e per cui devo ringraziare Editoriale Scienza per avermi omaggiato della lettura di questo piccolo libricino. Ve ne parlo subito:

cacciatrice-di-fossili.w-310_h-310Titolo: La cacciatrice di fossili, Mary Anning si racconta 

Autore: Annalisa Strada
Illustratore: Daniela Tieni
Collana: Donne nella scienza 
Pagine: 112
Data pubblicazione: marzo 2019
ISBN: 9788873079361
Prezzo di listino: 12,90 €
Link d’acquisto: https://amzn.to/2VvmIFG
Un romanzo per ragazzi firmato da Annalisa Strada e dedicato a Mary Anning, la donna che ha portato alla luce i primi scheletri di animali preistorici e contribuito allo sviluppo di una nuova scienza, la paleontologia.

Trama: Nel 1812, in Inghilterra, una ragazzina di tredici anni trova il fossile di uno strano mostro marino, oggi conosciuto come Ittiosauro. Inizia così la sua carriera di cercatrice di fossili. È la prima a portare alla luce il primo plesiosauro e uno dei primi pterodattili. Di famiglia poverissima, Mary arrotonda le scarse entrate familiari vendendo i fossili di ammoniti che trova sulla spiaggia, ma la sua vera passione – e bravura – è ricostruire lo scheletro intero di creature mai viste prima. Pur non essendo istruita, legge e critica articoli scientifici e discute alla pari con i più importanti scienziati e studiosi dell’epoca; il suo unico problema è che è una donna e per di più di umili origini…

RECENSIONE

Risultati immagini per mary anning

La storia ha inizio con la nascita di Mary Anning. I membri della sua famiglia avevano già perso altri figli quando ancora erano piccoli e di certo non speravano per lei. Eppure Mary ne usci fuori una ragazzina forte e determinata, appassionata all’hobby che suo padre coltivava con tanto amore e che aveva trasmesso anche a lei. Per una donna, per giunta una popolana era difficile farsi accettare nella società dei primi del 1800, soprattutto se quella donna poi trova anche dei fossili rari.

Cosa troverà Mary di tanto raro? Riuscirà a farsi valere? Cosa scoprirà di tanto importante?

Con un ferro aguzzo, si staccavano le placche di calcare, poi con una lima leggera si grattava fino ad arrivare alla superficie del corpo pietrificato e si andava avanti a limare e spazzolare finché il fossile non diventava bello lustro. Rovinarlo era un attimo. E io non ne rovinavo mai.

La trama della storia è molto semplice e sicuramente scorrevole oltre che molto breve. Normale vista la piccola mole del libro che è sicuramente da scoprire e che spero voi prendiate in considerazione.

La copertina è molto carina ed è una delle illustrazioni di Daniela Tieni, che trovate anche all’interno del volume stesso. Magari la striscia azzurra è un po’ un cazzotto a un occhio rispetto al resto però posso dirmi abbastanza soddisfatta nel complesso. Il titolo si addice molto alla donna di cui si racconta la storia. Una collana davvero molto carina che spero si sviluppi per il meglio e che porti altre donne nella storia, proprio come questa.

Immagine correlataL’ambientazione è il Dorset, in Inghilterra, questa è la storia di Mary Anning, una donna che all’epoca, nel 1811, scopre dei fossili importanti che passeranno alla storia e che faranno passare lei alla storia.

Fantasticavo anche che ci potesse essere molto di più di quel che vedevamo e che le scogliere fossero uno scrigno che conteneva un tesoro ancora inesplorato. A volte immaginavo che là dentro potessero essere in attesa di vedere la luce mostri straordinari. Non immaginavo purtroppo che qualcosa di mostruoso stesse per accadere nella mia vita.

I personaggi di questa storia non sono molti, vista anche la brevità dell’opera. E il personaggio principale è proprio Mary Anning, la donna che ha scoperto dei reperti archeologici davvero importanti.

Dalla narrazione Mary traspare dedita al suo lavoro e alla sua famiglia. L’amore per suo padre e la passione che lo steso le ha trasmesso, le consente di trovare e di fare delle cose importanti nella sua vita. Mary è determinata e non si lascia sfuggire niente ne si lascia scoraggiare da chi dice che è donna e che non può fare certe cose o da chi le dice che è strana. Lei semplicemente se ne frega e continua per la sua strada, che la porterà molto lontano.

Mi ci vollero mesi a far emergere dalla pietra, nel modo più accurato possibile, il corpo dell’animale che la scogliera ci aveva regalato. Era un lavoro di fino che mi consumava le mani…

Risultati immagini per Plesiosaurus dolichodeirusIl perno centrale di questa storia è proprio la vita di Mary Anning e il suo ritrovamento più grande, il Plesiosaurus dolichodeirus, nel 1823, quando era solo un adolescente. Una scoperta grandiosa per la geologia e la paleontologia. Una scoperta che ha cambiato la vita di Mary e di chi l’ha conosciuta.

Lo stile utilizzato è semplice e fluidissimo, la storia è molto breve e racconta i punti salienti della vita di Mary, dalla nascita alla passione per i fossili e alle sue grandi scoperte. Una storia dedicata ad una donna forte, che nonostante fosse una semplice popolana e a quei tempi fosse difficile emergere in qualche cosa in quanto donna (è difficile ancora oggi in qualche caso, quindi!) ed ha portato alla luce dei fossili che sono diventati un patrimonio mondiale. Un patrimonio che ha consentito di fare anche altre scoperte e di conoscere tantissime cose nuove.

Sicuramente la storia è per un pubblico di più piccini e sono felice di portare qui qualcosa che si adatta anche ai bambini e ai ragazzi e che magari possa spingere a comprare questi bei libri. Libri che insegnano tante cose e che permettono di scoprire in maniera divertente e semplice dei personaggi che hanno fatto la storia.

Daniela Tieni con le sue illustrazioni arricchisce questo piccolo libricino, dando vita a delle meravigliose piccole tavole che rappresentano in maniera molto particolare la storia e ciò che accade pagina dopo pagina.

Avanzò ancora qualcosa che divenne la nostra rete di protezione per i momenti più difficili. Ci sentimmo, improvvisamente, al sicuro. E la sicurezza era per noi la più grande ricchezza  che si poteva desiderare.

Il libro è interessante e ci pone davanti ad un personaggio storico in maniera leggera ma allo stesso modo ci consente di scoprire e apprendere in maniera leggera e costruttiva. Non a caso questi libri sono adatti ad un pubblico di più piccolini ma consentono anche ai più grandi di conoscere aspetti e cose nuove – proprio come me che non conoscevo Mary Anning.

Annalisa Strada dedica la storia a Mary Anning e la racconta con delicatezza evidenziando i punti forti della vita di questa donna che ha esplorato la terra e ne ha tirato fuori dei veri e propri cimeli importanti, che sono passati alla storia.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo


Vuoi acquistare La cacciatrice di fossili che resta e sostenere il Blog? Acquista da Qui: La cacciatrice di fossili. Mary Anning si racconta o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Fatemi sapere, mi raccomando che io ci tengo!

A presto,

Sara ©

NOVITA’ PER NEWTON COMPTON, GIUNTI, MARSILIO E SONZOGNO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi, con questo inizio settimana vi porto tante dolci novità. Spero che vi possano interessare e che troviate qui il vostro prossimo libro:

 


NEWTON COMPTON

undefinedTitolo: Il peso di uccidere
Autore: T.R. Ragan

Genere: Thriller
Data di uscita: 7 Maggio 2019
Trama: Lizzy Gardner è una detective privata e sa che cosa significa essere tormentati dal proprio passato. Nei suoi incubi il trauma del rapimento da parte di un serial killer è ancora vivido. Quando una donna in punto di morte la implora di riaprire il caso sulla scomparsa di sua figlia, Lizzy non riesce a dire di no. Sono passati più di vent’anni da quando Carol Fullerton è sparita nel nulla. Di lei fu ritrovata solo la macchina abbandonata ai lati di un’autostrada californiana. La polizia archiviò il caso come un allontanamento volontario, ma l’istinto suggerisce a Lizzy che la verità non è così scontata… Ha appena cominciato a investigare sul caso di Carol, quando una donna si presenta alla sua porta. Di sua sorella Diane non si sa più nulla da mesi e Lizzy è convinta che la sparizione sia legata all’ossessione di perdere peso grazie ai consigli di un guru specializzato in problemi di obesità. La detective sa che la polizia ha già tentato inutilmente di salvare sia Carol che Diane a suo tempo. Adesso tocca a lei.


undefinedTitolo: Mi chiamo Elizabeth e sono un’assassina
Autore: Cynthia Clark
Genere: Thriller
Data di uscita: 13 Maggio 2019
Trama: Mi chiamo Elizabeth e sono un’assassina. Ho sognato spesso di pronunciare queste parole ad alta voce. Sarebbe un sollievo riuscire a liberarmi del peso che mi tormenta ogni notte. Ogni giorno. Ogni secondo della mia vita. Ma i segreti hanno un modo sottile di controllarti, di plasmarti e, alla fine, di cambiare per sempre la persona che credevi di essere. Più a lungo tieni un segreto e più distrugge la tua anima. Nessuno potrà mai condividere con te quella disperazione. Chi mai potrebbe capire? Nessuno immagina che dietro la madre amorevole, la moglie affettuosa e il brillante avvocato c’è una donna con un segreto terribile. Un segreto che potrebbe mettere in pericolo tutto ciò che amo. Ho paura che la vita che ho costruito possa essere distrutta. Mi terrorizza affrontare le conseguenze delle mie azioni. No, non posso dirlo a nessuno. Devo rimanere l’unica custode della verità. Nessuno può sapere che io, Elizabeth, sono un’assassina.

undefinedTitolo: Non so perchè ti amo
Autore: Mariana Zapata
Genere: Romance
Data di uscita: 15 Maggio 2019
Trama: Jasmine Santos ha trascorso quasi tutta la vita sul ghiaccio: è una campionessa di pattinaggio in coppia. Ma, ora che il suo partner l’ha scaricata, non ha molte possibilità: per quanto sia talentuosa, il suo caratteraccio è un vero ostacolo a trovare qualcuno disposto a fare coppia con lei. Forse è arrivato il momento di dire addio ai pattini? Quando il campione del mondo in carica, Ivan Lukov, le chiede di diventare la sua nuova partner, Jasmine sa che potrebbe essere un’occasione unica e irripetibile. Il problema è che lei e Ivan non si sopportano e non fanno che litigare da quando erano adolescenti. Ma, se vogliono che la coppia funzioni, devono provare ad andare d’accordo… o almeno a cercare di non uccidersi durante gli allenamenti. Perché il pattinaggio è una questione di fiducia e per Jasmine e Ivan è impensabile vincere senza fidarsi l’una dell’altro. Se Jasmine vuole davvero tornare in pista, dovrà rimettere tutto in discussione. Persino il suo odio per Ivan.

GIUNTI

Titolo: Invisibile
Autore: Ursula Poznanski e Arno Strobel 
Genere: Thriller
Data di uscita: 15 Maggio 2019
Trama: Un chirurgo che durante un’operazione pianta un bisturi nel cuore del paziente. Un ragazzo massacrato di botte davanti a tutti. Un agente immobiliare trafitto da decine di pugnalate in casa sua. Un bagno di sangue travolge la città di Amburgo, ma i commissari Daniel Buchholz e Nina Salomon catturano i colpevoli senza difficoltà. Eppure il movente rimane incomprensibile: nessuno di loro conosceva davvero la vittima. L’unico elemento in comune è una rabbia feroce cresciuta inspiegabilmente dentro di loro, fino a diventare inarrestabile. Possibile che siano stati maniscopriranno getterà una luce inquietante su tutte quelle cose che rendono la nostra vita così confortevole ed efficiente, e a cui non possiamo più rinunciare…

Titolo: Tre Baci
Autore: Katherine Pancol
Genere: Chick Lit
Data di uscita: 8 Maggio 2019
 
Trama: Ray Valenti è morto in un incendio, e chi l’ha conosciuto non lo rimpiange. Né Stella, la figliastra di cui ha abusato, né sua madre Léonie, che ne ha subìto la rabbia, né le molte altre donne a cui ha fatto del male. Eppure sui giornali figura come l’eroico pompiere morto in servizio, e c’è qualcuno che pensa addirittura di intitolargli una scuola! Quando Stella mette le mani su un filmato che dimostra la malvagità del patrigno, capisce che il momento della rivincita è arrivato. Intanto, però, il suo compagno Adrian la tradisce con la magnetica Hortense, brillante creatrice di moda molto diversa dalla mascolina Stella. E tra un bacio e l’altro, tutto si infiamma, in una rete di tradimenti, riconciliazioni, vendette e passioni che non lascerà scampo a nessuno.


Titolo: Le signore dell’isola delle camelie
Autore: Tabea Bach 
Genere: Narrativa
Data di uscita: 22 maggio 2019
Trama: Finalmente Sylvia e Maël possono vivere pienamente il grande amore che li unisce e per il quale hanno lottato tanto. Dopo aver salvato la meravigliosa Isola delle Camelie dalle mire di un imprenditore senza scrupoli, stanno celebrando un matrimonio da fiaba in quell’angolo incontaminato della Bretagna, dove insieme coltivano le specie di fiori più rare. Eppure non tutti i loro sogni sembrano destinati a realizzarsi. Nella sua vita Sylvia ha sempre pensato unicamente alla carriera, ma adesso che Maël le chiede di avere un figlio, sente nascere in lei un desiderio di maternità mai provato prima. Però i mesi passano e Sylvia non riesce a rimanere incinta, finendo per sprofondare nello sconforto. Soprattutto quando sull’isola arriva la bella Chloé, con il suo impeccabile stile parigino e un adorabile bambino di sette anni al suo fianco. Sylvia non può credere ai suoi occhi: è solo immaginazione, o il piccolo Noah ha lo stesso sguardo color del mare di Maël? E che cosa prova suo marito per quella donna così diversa da lei, con cui anni prima aveva avuto un’avventura? Ma non è tutto. Una nuova minaccia incombe sul giardino delle camelie, e stavolta potrebbe davvero spazzare via quell’universo incantato che Sylvia e Maël hanno custodito con tanto amore.


MARSILIO

Il tribunale degli uccelli Titolo: Il tribunale degli uccelli
Autore: Agnes Ravatn 
Genere: Thriller
Data di uscita: 16 Maggio 2019
Trama: Allis Hagtorn, giovane promessa della tv travolta da uno scandalo, decide di lasciare il lavoro e il marito e di cercare rifugio nell’anonimato di un lavoro umile. In una sorta di esilio volontario, accetta il posto di domestica in casa di Sigurd Bagge, un quarantenne misterioso che vive appartato sulla riva di un fiordo. Allis dovrà servirgli tre pasti al giorno, occuparsi della casa e del giardino, e lasciarlo in pace. Protetta dalla natura norvegese, tra il bosco e il mare, messa di fronte a sfide nuove, come cucinare un pollo arrosto, dissodare un terreno abbandonato o respingere un’invasione di roditori, Allis si convince sempre di più che la vita le abbia offerto una seconda possibilità. Ben presto, però, il fascino oscuro di quell’imprevedibile padrone di casa comincia a dominare i suoi giorni. A mano a mano che i due si avvicinano, prende corpo una domanda cruciale: chi è Sigurd Bagge, e che cosa vuole da Allis?

La bella sconosciuta Titolo: La bella sconosciuta
Autore: Gianni Farinetti
Genere: Giallo
Data di uscita: Nel 2019
Trama: Sebastiano Guarienti ha finalmente terminato i restauri del borghetto Le Vignole, nelle Langhe, e si è definitivamente trasferito lassù. Per tutto il mese di agosto ha affittato una delle case a una giovane donna milanese molto affascinante, Angela, che fa la restauratrice di affreschi. Nel corso di quella torrida estate tre uomini della zona si invaghiscono della bella e misteriosa Angela, uno più timidamente, gli altri due in modo più deciso e sfacciato. Finché una mattina uno dei tre corteggiatori viene ritrovato morto in una cisterna d’acqua. Una disgrazia? Addirittura un suicidio? Buonanno ci mette poco a capire che quell’uomo, nella cisterna, ci è stato spinto, e dunque si tratta di omicidio. I primi sospetti si addensano proprio su Angela, che dovrà svelare a Buonanno i suoi segreti a uno a uno. Ma è stata veramente lei a uccidere il suo presunto amante? E quali sono i suoi veri rapporti con gli altri due uomini da lei attratti? Tocca a Buonanno srotolare l’ingarbugliata matassa, fino all’inaspettato finale, ben diverso dalle prime ipotesi d’indagine: un finale che sconvolge la quiete dell’estate e l’intera valle.

SONZOGNO

Ultimo tango all'ortica
AutoreRosa Teruzzi

Titolo: Ultimo tango all’ortica

Collana: Romanzi
ISBN: 978-88-454-0061-2

Prezzo: 14,00 euro 

Trama: È una sera umida di fine agosto, alla periferia di Milano. Sotto le luci intermittenti della balera dell’Ortica, tutti gli sguardi sono puntati sul corpo sinuoso di Katy, che danza un tango sensuale allacciata al suo cavaliere e che poi, appena la musica finisce, fugge via. Quella stessa notte, fuori dal locale, viene trovato il cadavere di un giovane uomo, assassinato a colpi di pistola: era un ex di Katy, geloso e molesto, che la pedinava e la perseguitava. Chi l’ha ucciso? Forse la stessa Katy? Forse un altro spasimante? Per il delitto, però, la polizia arresta un personaggio insospettabile, il maggiordomo di una dama dell’alta società milanese. Sarà proprio questa signora ad assoldare Libera, la fioraia detective, e la sua eccentrica madre Iole, perché lo tirino fuori dai guai. Comincia così la quarta indagine delle Miss Marple del Giambellino, la stravagante coppia di investigatrici dilettanti, questa volta impegnate a risolvere un caso che le riguarda da vicino e che le metterà in competizione con le forze di polizia. Sullo sfondo di una Milano contemporanea che conserva il sapore di quella di ieri, la romantica fioraia Libera e l’eterna hippie Iole riescono ancora una volta a sorprendere il lettore con le loro invenzioni. E ci accompagnano in un giallo tenero e duro, dove ognuno ha un segreto e insieme un buon motivo per mentire.


Che ne pensate? Fatemi sapere cosa volete leggere, mi raccomando!

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #287 – MORTE NELLE HIGHLANDS DI LUCY FOLEY.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Buon fine settimana! Oggi sono qui per presentarvi un thriller (era tanto che non ne leggevo uno lo so, e sono felice di aver ripreso con questo perchè dalla trama sembrava davvero entusiasmante). Ringrazio la Giunti editore per avermi permesso la lettura e ve ne parlo subito 

c4277-44cf084a64a74f9aa2dfb6919176e8e7Titolo: Morte nelle Highlands
Autore: Lucy Foley
Genere: Thriller
Data di uscita: 3 Aprile 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2XFmIzT
Trama: Come ogni anno Emma, Mark e i loro amici trascorrono l’ultimo dell’anno insieme. Per Emma, l’ultima arrivata, l’unica a non aver frequentato Oxford con gli altri, è l’occasione per fare bella figura e integrarsi nel gruppo. Ma qualcosa va storto nell’esclusivo cottage che si affaccia sulle gelide acque di Loch Corrin. Sui boschi già imbiancati si abbatte la peggiore tempesta di neve degli ultimi tempi e poi, improvvisamente, uno degli ospiti scompare. Le condizioni meteo sono così proibitive che i soccorsi non possono arrivare e nessuno può andare via. Quando l’ospite viene ritrovato – morto – tutti sono dei potenziali sospettati. Ci sono Heather, la manager del resort, Doug, l’ex marine ora guardiacaccia, una inquietante coppia di islandesi e poi gli amici: Miranda e Julien, tanto belli quanto snob, Samira e Giles con la loro bambina di 6 mesi, Nick e il suo fidanzato americano, e infine Katie, l’unica single del gruppo. Chi è l’assassino? Ma, soprattutto, chi è la vittima?

RECENSIONE

ambiente, asfalto, automobileLa storia ha inizio con un corpo che viene ritrovato da Heather il giorno dopo Capodanno. Lei e Daug, il suo guardiacaccia della tenuta sono preoccupati. Soltanto due giorni prima un gruppo di amici arriva alla tenuta di Heather e sono tutti amici di vecchia data. Sono cresciuti dai tempi del college ma volevano passare ancora del tempo assieme. Tutti uguali ma allo stesso tempo tutti diversi e a loro, si sommano due islandesi che alloggeranno nel loro stesso posto. Tutti uniti nel giorno di Capodanno da un destino atroce. 
Qualcuno scompare misteriosamente e viene ritrovato morto. Chi è l’assassino? E’ qualcuno dei giovani amici che tanto sembravano legati? E sopratutto, chi è la vittima?
«Doug?» sussurro. (…) «Cosa ti fa credere che non si sia trattato di un incidente?» «Lo vedrai quando arriveremo» dice. Non si disturba a voltarsi per guardarmi, né rallenta il passo. E poi aggiunge: «Non lo “credo”, Heather. Lo so».

Risultati immagini per lucy foley the hunting party

La trama della storia è molto interessante. A creare suspance sia nella trama come all’interno della storia è cercare di capire chi è il morto e chi ha ucciso. Non basta soltanto scoprire il colpevole ma la vittima stessa.
La copertina italiana è inerente ed al tatto davvero particolare, su questo non c’è che dire. Anche l’originale che vedete qui di lato è allo stesso modo inerente e molto bella a modo suo. Non saprei scegliere fra le due in questo caso perchè sono belle ma non mi entusiasmano allo stesso modo. Che dire quindi? 
Il titolo è stato completamente modificato dall’originale. Dove The Hunting Party sta a significare “La Caccia“, in Italia ne è uscito Morte nelle Highlands. Devo ammettere che nonostante non ci azzecca nulla con l’originale fa il suo lavoro e presenta il romanzo. L’originale sicuramente sarebbe stato più d’impatto ma ammetto che ciò che ne è risultato funziona ed è molto buono.
L’ambientazione come potete ben capire anche dal titolo, sono le Highlands, un posto piuttosto disperso nel nulla mentre la storia si sviluppa nel Capodanno del 2018. I fatti si svolgono da li ultimi giorni del 2017 ad i primi del 2018. Non so perchè hanno cambiato ma ho notato che l’originale invece si riferisce al Capodanno del 2019 quindi a cavallo fra ’18 e ’19. Non so il perchè di questa cosa ma fatto sta che è così.

Malgrado la situazione fosse conviviale, l’altra sera sembrava proprio che si studiassero a vicenda. Forse mi sbaglio, ingigantisco la mia impressione iniziale. In fondo in qualsiasi compagnia ci sono delle tensioni. Ma sono arrivata a credere che non si sentano del tutto a proprio agio in compagnia gli uni degli altri. Il che è strano, perchè sin da subito hanno tenuto a sottolineare di essere amici di vecchia data. Ma del resto è proprio questo il problema con i vecchi amici, no? Certe volte non si rendono conto di non avere più niente in comune. Magari non si piacciono nemmeno più.

alberi, bianco e nero, boschiI personaggi di questa storia sono tantissimi e vengono utilizzati come protagonisti principali parte di alcune delle donne del gruppo e Doug, non in prima persona ma allo stesso modo avremo modo di conoscerlo da vicino.
Doug è un uomo abbastanza misterioso. Non lo conosceremo proprio nel profondo perchè lo vedremo in terza persona però avremo modo di scoprire tante cose di lui. E’ il guardiacaccia della tenuta e sa tenere a distanza chi cerca di intrufolarsi o cacciare gli animali. E’ un uomo silenzioso e taciturno.
Emma è quella che è arrivata dopo nel gruppo essendo la moglie di Mark. E’ una donna molto riservata ma cerca di integrarsi nel gruppo da un po’ visto che tutti si conoscono da tanto. Ha organizzato appositamente questo capodanno, per fare in modo che tutti potessero approvare la sua idea e per integrarsi un po’ di più visto che il gruppo si è finalmente riunito.
Heather è la proprietaria del posto e nonostante non ci sia molto nella tenuta lei è davvero entusiasta del luogo ed ama starsene nel silenzio del suo bungalow. E’ una donna che non conosceremo al 100% ma sarà quella che avrà più contatti con la polizia e con i fatti che accadono all’interno della tenuta.
Miranda è l’anima del gruppo, in tutti i sensi. E’ esuberante e viziata ma anche molto provocante oltre che provocatoria. Non riesce mai a tenere a freno la lingua sempre pronta a puntare il dito e a mettersi al centro dell’attenzione. Nonostante però sia stata la più amata dai ragazzi non è riuscita a realizzarsi nella vita e questo la dilania dall’interno.
Katie è diventata una donna affermata nonostante sia sempre stata l’amica bruttina e il galoppino di Miranda. E’ una donna che ora non sta più agli ordini di nessuno e che cerca a tutti i costi di riscattarsi.
Ognuno di questi personaggi nasconde al suo interno tante cose che scoprirete solo leggendo.
«Quando ti rendi conto di quanto siamo isolati, capisci che soltanto un matto sceglierebbe di viverci, soltanto chi scappa da qualcosa, o chi non ha niente da perdere. Persone come me.»
Il perno centrale della storia è il party di Capodanno organizzato fra Emma con tutti gli amici del marito Mark che sono stati con lui ad Oxford. Tutti sono amici e tutti sembrano intenzionati a trascorrere il più bel Capodanno di sempre all’insegna dei ricordi. Peccato che il tanto amato Capodanno si trasformi in qualcosa che tutti vorranno dimenticare.
Lo stile utilizzato è piuttosto semplice e scorrevole, posso dire che si legge veramente in poche ore ed oltre ad essere originale mette sicuramente curiosità di sapere come va a finire. Il bello di questa storia è che ti permette di sospettare di chiunque senza mai avere la certezza che quella persona sia effettivamente la colpevole. E questo è un bene perchè la mia paura era quella di riuscire ad anticipare tutto già prima della metà del libro, invece fino quasi alla fine siamo rimasti nel misterioso.
Discorso diverso invece è stato per la vittima. Ho avuto dei sospetti fin dall’inizio, non ne ero certa, però è stato molto facile supporlo. Il personaggio in questione è quello a cui mirano tutti quindi non è stato difficile pensarlo.

azienda agricola, bungalow, casa

Il lato negativo, almeno agli inizi, è il repentino cambio di personaggi e di punti di vista. Avremo diversi POV (punti di vista) in questo romanzo. Quello di Heather, Katie, Emma, Miranda ed infine quello di Doug ma in terza persona a differenza delle altre che è in prima. Inizialmente questa cosa sembra dare fastidio ma andando avanti nel corso della lettura diventa persino essenziale. Ognuno con le sue idee e con i suoi modi di fare interessa il lettore dando spunti, riflessioni e, allo stesso tempo, il modo di fare congetture e ipotesi su chi possa essere la vittima e chi il carnefice.
L’autrice è stata davvero molto brava ad instillare segreti, menzogne e rivalità nascoste che vengono rivelate pagina dopo pagina e che svelano i personaggi mostrandoli a tutto tondo. Ogni personaggio nasconde profondi segreti, rancori e risentimenti verso gli altri. Peccato non conoscerne anche altri perchè sarebbe stato interessante vederne alcuni. Ho apprezzato proprio questo della storia. Il mistero sono il gruppo stesso e laddove tutti si credono amici, c’è qualcuno pronto a ferirli.
Ma non c’è bisogno che aggiunga altro. Ho capito. Il corpo, le sue condizioni. L’ho letto sui giornali. Sarebbe stato impossibile ignorarlo, monopolizza da mesi l’attenzione del Paese. Gli hanno anche dato un soprannome. Il Killer delle Highlands.
Il libro è abbastanza sorprendente. Era parecchio tempo che non leggevo un thriller da tenermi incollato alle pagine e da farmi incuriosire sempre più. Quindi posso dire che è sicuramente coinvolgente tanto da far conoscere al meglio tutti i personaggi e tutti i loro retroscena.
Lucy Foley è sicuramente un’autrice da tenere in considerazione. Un thriller che fa riflettere su quanto non si conoscono mai a fondo le persone, persino quelli che noi consideriamo amici. Una storia coinvolgente e particolare, sicuramente un buon thriller per gli amanti del genere.
Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.
Senza titolo-2
Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Morte nelle Highlands e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Morte nelle Highlands o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Che ne pensate di questo thriller? Lo avete letto? Lo leggerete? Fatemi sapere, mi fa piacere sapere vostre opinioni!

A presto,

Sara ©

 

PROSSIME USCITE PER MARSILIO, RIZZOLI, NEWTON COMPTON, DEAGOSTINI, GIUNTI, FAZI EDITORE E GARZANTI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci finalmente! Sono qui con tantissime e bellissime nuove uscite arrivate da pochissimo e in arrivo. Siete curiosi di scoprirle? Eccole a voi:

RIZZOLI

Titolo: 5 Mila Watt di Stelle
Autore: Minnie Darke     
Genere: Young Adult
Data di uscita: 2 Aprile 2019

Trama: Dodici anni dopo il loro ultimo incontro, Nick e Justine, amici fin dai tempi dell’infanzia, si rivedono per caso tra le bancarelle del mercato coperto di Alexandria Park. Ventisei anni, la ragazza ha un’allergia conclamata per gli errori di ortografia e sogna di diventare giornalista; lui è un brillante attore di teatro, ventisettenne, con le tasche irrimediabilmente troppo vuote. Ma è anche, come Justine viene a sapere con sorpresa, un avido lettore dell’oroscopo pubblicato sulle pagine del mensile «Alexandria Park Star», la rivista per la quale Justine lavora: crede sul serio alle parole enigmatiche di quella breve colonna… Ed è questo a farle scattare nella testa un’idea audace: manomettere le previsioni astrologiche, seminando tra le righe velati suggerimenti che “aiutino” Nick a spostare lo sguardo su di lei. Nick tuttavia non è certo il solo ad affidarsi alle indicazioni bisbigliate dalle stelle. Ed è così che gli oroscopi truccati da Justine finiscono per cambiare anche i destini di altre persone, regalandoci una smagliante commedia affollata di vite stralunate che  a un certo punto si ritrovano a convergere grazie a un’energia invisibile e misteriosa.


L'odore delle case degli altri di [Hitchock, Bonnie-Sue]Titolo: L’odore delle case degli altri
Autore: Bonnie-Sue Hitchock
Genere: Fiction
Data di uscita: 16 Aprile 2019
Trama: Alaska, anni Settanta. In una terra magnifica e ricca di risorse, ma difficile e spaccata da profondi contrasti sociali, le vite di quattro ragazzi stanno per incrociarsi. Ruth porta dentro di sé un segreto che non potrà nascondere per sempre; per lei l’amore è un ricordo lontanissimo ma non per questo meno vivo, e vorrebbe contare per qualcuno. Dora invece, per cui la famiglia è un fardello doloroso, vorrebbe solo essere invisibile, per poi scoprire che un dolce preparato con amore da una madre può essere il più prezioso dei regali. Alyce più di ogni altra cosa ama danzare, ma non ce la fa a deludere suo padre per inseguire i propri sogni, dividendosi tra la ballerina leggiadra che danza sulle punte e la ragazza lucida e fredda che pesca e sventra salmoni. Hank è ancora giovane ma deve prendersi cura dei suoi fratelli; con loro fugge di casa in cerca di un futuro migliore, e proprio quando tutto gli sembra perduto e inutile, torna a lottare grazie alle lacrime di una ragazza sconosciuta. Una storia di persone che cercano di salvarsi l’un l’altra e che, quando meno se l’aspettano, ci riescono.

Titolo: Lettere dall’universo
Autore: Erin Entrada Kelly
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 19 Marzo 2019
Trama: Virgil Salinas è gracile, timido e insicuro: i suoi genitori lo chiamano Tartaruga perché non esce mai dal suo guscio. Valencia Somerset è intelligente e determinata, e non importa che sia sorda dalla nascita. E poi ci sono Kaori Tanaka, che legge le stelle, consulta i cristalli e predice il futuro, e Chet Bullens, il peggior bullo del quartiere. Non sono amici, non frequentano la stessa scuola. Ma quando Chet fa un brutto scherzo a Virgil e a Gulliver, il suo porcellino d’India, i destini dei quattro ragazzini si incatenano in modo sorprendente. Solo una coincidenza? O ogni storia – come sostiene Kaori – è scritta dall’Universo?

MARSILIO

La vita invisibile di Ivan Isaenko
Autore: Scott Stambach

Titolo: La vita invisibile di Ivan Isaenko

1° ed. 2019
Collana: Romanzi e Racconti
ISBN: 978-88-297-0026-4

Prezzo17,50 euro

TramaIvan ha diciassette anni ed è uno degli ospiti dell’Ospedale per i bambini gravemente ammalati di Mazyr, in Bielorussia. Le radiazioni liberate nell’atmosfera dall’esplosione di uno dei reattori nucleari della centrale di Cˇernobyl’ il 26 aprile 1986 gli hanno provocato gravi malformazioni, ma non ne hanno intaccato lo spirito acuto, l’intelletto straordinario e il vorace appetito per i libri. Ogni giorno sarebbe uguale all’altro, nella vita di Ivan, ma il ragazzo riesce a trasformare tutto in un gioco, al servizio del proprio divertimento. A scuotere la sua routine arriva, però, una nuova residente dell’ospedale, Polina. Ivan all’inizio non la sopporta. La ragazzina gli ruba i libri, sfida le regole del suo universo magico, si fa amare da tutte le infermiere. Ma in breve anche Ivan ne è attratto in modo irresistibile. Comincia così una storia d’amore tenera e coraggiosa, che consente ai due ragazzi di scoprire il mondo come mai avevano fatto prima. Fino all’incontro con Polina, Ivan si limitava a sopravvivere, in uno stato di orgogliosa distanza dalle cose e dalle persone. Ora vuole qualcosa di più: vuole che Polina resti viva.

DEAGOSTINI

Non dire che era un sogno di [Moix, Terenci]
Titolo: Non dire che era un sogno
Autore: Terenci Moix
Genere: Historical Fiction
Data di uscita: 30 Aprile 2019
Trama: Sulla galea che risale lenta le acque del Nilo, Cleopatra piange il suo lutto d’amore: il triumviro Marco Antonio l’ha ripudiata per sposare la sorella dell’eterno rivale Ottaviano. Le vite dei due amanti sembrano destinate ad allontanarsi per sempre; ma nel suo viaggio di ritorno verso l’Egitto, la regina ha partorito due gemelli, e i rapporti di Antonio con l’imperatore si sono fatti di nuovo turbolenti. Nell’arco di poche, concitate settimane, l’amore che era stato sacrificato sull’altare delle ambizioni personali e della ragione politica torna a divampare, trascinando Antonio e Cleopatra in una nuova spirale di passioni. In questo romanzo finora inedito in Italia e considerato un classico della moderna narrativa spagnola, Terenci Moix porta in scena gli splendori e le ombre dell’epoca classica, restituendoci il ritratto intimo e folgorante di una delle figure femminili più complesse della Storia.

NEWTON COMPTON

La lettrice. La ladra di storie di [Chee, Traci]Titolo: La lettrice – La ladra di storie
Autore: Traci Chee
Genere: Fantasy
Data di uscita: 11 Aprile 2019
Trama: Sefia è determinata a tenere Arciere al sicuro dai piani della Guardia, che trama per conquistare i Cinque Regni. Nel Libro, l’antichissimo codice del passato, presente e futuro, una profezia narra del sacrificio di un giovane ragazzo che, insieme al suo esercito inarrestabile, sarà l’unico in grado di fermare la sanguinosa guerra che scuote Kelanna da anni. Sefia sa che si tratta di Arciere e non si fermerà davanti a nulla per proteggerlo. La Guardia ha già preso sua madre, suo padre e sua zia Nin. E lei preferirebbe morire piuttosto che permetterle di allungare la sua ombra di morte anche sul ragazzo che ama. Ma sfuggire alla profezia della Guardia e del Libro non è un’impresa semplice. Dopotutto “ciò che è scritto accade”. Sempre. E Sefia non ha messo in conto la sfida più ardua: osservare Kelanna che comincia a crollare, senza poter muovere un dito per non mettere Arciere in pericolo. Quando verrà il momento, saprà scegliere tra l’amore e la sopravvivenza dei Cinque Regni?

Titolo: Il segreto della collezionista di fiori
Autore: Karen Viggers
Pagine: 448
Data di uscita: 11 Aprile 2019

Trama: Leon si è appena trasferito in Tasmania, dove lavorerà come ranger nelle meravigliose regioni dei Parchi. Arrivato in una città in cui non conosce nessuno, può fare affidamento solo sul suo carattere socievole ed estroverso per stabilire nuovi legami. La prima persona che conosce è Max, il figlio dei vicini. È un bambino molto timido, ma l’amicizia con Leon sembra da subito giovargli. E Max non è l’unico su cui lui ha questo effetto. Anche per Miki l’incontro con Leon si rivelerà fondamentale: dopo il terribile
incendio che ha devastato la fattoria in cui viveva, Miki gestisce il takeaway della città insieme al fratello Kurt. Sottoposta a un’educazione rigida, nascosta al mondo prima dai genitori e poi dal fratello, lentamente Miki trova il coraggio di guardarsi intorno, cercando un contatto con gli altri. Ma non sarà affatto facile. Ci sono scomodi segreti con cui deve fare i conti, e risposte che sembrano impossibili da trovare… Nell’incantata cornice delle antiche foreste di eucalipti, ¬ Il segreto della collezionista di fiori¬ è una storia che parla di amicizia, della possibilità di voltare pagina e del coraggio di liberarsi da pesanti eredità per cominciare una nuova vita.


FAZI EDITORE

Titolo: I provinciali
Autore: Jonathan Dee (traduzione di S. Bortolussi)
Pagine: 440
Prezzo: € 20,00 
Sinossi: Howland, Massachusetts. Mark Firth è un imprenditore edile con grandi ambizioni ma scarsa competenza negli affari, tanto da aver affidato tutti i suoi risparmi a un truffatore; lo sa bene sua moglie Karen, preoccupata per l’istruzione della figlia: sarebbe davvero oltraggioso per lei se la piccola dovesse ritrovarsi nei pericolosi bassifondi della scuola pubblica. Il fratello di Mark, nonché suo eterno rivale, è un agente immobiliare che ha mollato la precedente fidanzata sull’altare e ha una relazione con la telefonista della sua agenzia. C’è poi Candace, la sorella, che è insegnante alla scuola pubblica locale e coltiva una storia clandestina con il padre di una delle sue allieve… Gli abitanti della cittadina sono tutti accomunati dalla diffidenza nei confronti dei turisti della domenica, abitanti della grande metropoli che possono permettersi una seconda casa in provincia: gente disposta a spendere cinque dollari per un pomodoro, perché ignora il valore di un pomodoro quanto quello di cinque dollari. Sarà proprio uno di loro a far precipitare il fragile equilibrio della comunità. In seguito all’Undici Settembre, infatti, il broker newyorkese Philip Hadi, sapendo grazie a “fonti riservate” che New York non è più un posto sicuro, decide di traslocare a Howland insieme a moglie e figlia. Arriverà a tentare la carriera nella politica locale, suscitando idolatria in alcuni e odio feroce in altri…

GIUNTI

Titolo: Morte nelle Highlands
Autore: Lucy Foley
Genere: Thriller
Data di uscita: 3 Aprile 2019
Trama: Un uomo corre a fatica nella neve. È successo qualcosa di terribile. L’ospite scomparso è stato ritrovato. Morto. Come ogni anno Emma, Mark e i loro amici trascorrono l’ultimo dell’anno insieme. Per Emma, organizzare questa vacanza è l’occasione di sentirsi davvero parte del gruppo, lei è l’unica a non aver frequentato Oxford. Ma qualcosa va storto nell’esclusivo cottage che affaccia sulle gelide acque di Loch Corrin, e quando uno degli ospiti sparisce, nessuno è esente da sospetti. Isolati e soli nelle remote e selvagge Highlands scozzesi, con la minaccia di un noto serial killer che ha mietuto già molte vittime, gli amici dovranno fare i conti col passato e i suoi terribili segreti.

Titolo: Maledetta Felicità
Autore: Marianne Power
Genere: Chick Lit
Data di uscita: 17 Aprile 2019
Trama: Marianne vive a Londra, ha 36 anni, un ottimo lavoro, degli amici, una famiglia che la supporta, un debole per i superalcolici, Netflix e i libri self-help. Sulla carta, niente da eccepire, ma al risveglio dall’ennesima sbornia, Marianne si sente persa, un completo fallimento. Spendacciona e single, senza risparmi in banca, una casa di proprietà o uno straccio di fidanzato. Com’è possibile che tutti quei libri self-help, letti e riletti e sottolineati non abbiano avuto alcun effetto sulla sua vita? Ma sì, certo, perché non li ha mai davvero messi in pratica. E quindi ecco la soluzione: 12 libri self-help e un anno di tempo per sradicare qualsiasi difetto e diventare Perfetta. Forza Marianne!

GARZANTI

Risultati immagini per Le donne del RitzTitolo: Le donne del Ritz
Autore: Nerea Riesco
Data di uscita: 11 Aprile 2019

Trama: Madrid, 1929. I fulgidi saloni dell’Hotel Ritz sono pronti a ospitare una delle eleganti feste a cui Martina, la figlia del direttore, desidera partecipare sin da bambina, da quando sbirciava dame e cavalieri danzare nei loro abiti fruscianti. Finalmente quel giorno è arrivato, eppure, nonostante l’entusiasmo, il primo incontro con l’alta società madrilena si rivela deludente: dietro lo scintillio di una condotta impeccabile, Martina non scorge altro che superficialità e arroganza. Non vuole più avere a che fare con quel mondo, così lontano dai suoi ideali di rispettabilità e tolleranza. Finché scopre che, ogni lunedì, nel giardino d’inverno dell’hotel, al riparo da pettegolezzi e tensioni politiche, si riunisce un gruppo di donne che organizza raccolte di fondi per i più bisognosi e spera, così, di fare la differenza. Di scardinare le logiche distorte che vogliono i ricchi sempre in prima fila e i poveri a raccogliere ciò che rimane. Si tratta di una sorpresa che disorienta Martina, costretta a ricredersi: forse non tutta l’aristocrazia è superba ed egoista. Forse c’è ancora qualcuno, come lei, disposto a condividere la propria fortuna con chi non ha mai toccato con mano agi e privilegi. Ora non ha più dubbi: vuole entrare a far parte del gruppo, convinta di poter contribuire alla causa grazie alle proprie doti di pittrice. Ed è pronta a tutto per raggiungere il suo obiettivo. Perché solo così potrà diventare la donna stimabile e onorevole che ha sempre sognato di essere. Nerea Riesco, che si è fatta notare e apprezzare da pubblico e critica con il potente bestseller La ragazza e l’inquisitore, ci consegna un romanzo emozionante sulla solidarietà femminile che non si ferma di fronte a nessun ostacolo. E sulle sfide che solo una ragazza ambiziosa e audace può vincere, opponendo all’intransigenza del sistema la fiducia nella giustizia e in un’esistenza dove non c’è spazio per la vendetta e l’egoismo.


Risultati immagini per Più forte di ogni addio ENRICO GALIANOTitolo: Più forte di ogni addio
Autore: Enrico Galiano
Data di uscita: 18 Aprile 2019

Trama: È importante dire quello che si prova, sempre. È importante dirlo nel momento giusto. Perché, una volta passato potremmo non trovare più il coraggio di farlo. È quello che scoprono Michele e Nina quando si incontrano sul treno che li porta a scuola,
nel loro ultimo anno di liceo. Nina sa che le raffiche di vento della vita possono essere troppo forti per una delicata orchidea come lei: deve proteggersi ed è per questo che stringe tra le dita la collanina che le ha regalato suo padre. Per Michele i colori, le parole, i gesti che lo circondano hanno un gusto sempre diverso dal giorno in cui, cinque anni prima, ha perso la vista. Quando sale sul treno e sente il profumo di Nina, qualcosa accade dentro di lui: non sa che cosa sia, ma sente che lo sta chiamando. Ogni giorno, durante il loro breve viaggio insieme, in un susseguirsi infinito di domande e risposte, fanno emergere l’uno nell’altra lo stesso senso di smarrimento. Michele insegna a Nina a non smettere di meravigliarsi ogni giorno. Nina insegna a Michele a non avere rimpianti, che bisogna sempre dare l’abbraccio e il bacio che vogliamo dare, dire le parole che non vediamo l’ora di pronunciare. Ma è proprio Nina, quando un ostacolo rischia di dividerli, a scegliere di non fare nulla. Di fronte al momento perfetto, quello in cui confessare che si sta innamorando, resta ferma. Lo lascia sfuggire. Nina e Michele dovranno lottare per imparare a cogliere l’istante che vola via veloce, come la vita, gli anni, il futuro. Dovranno crescere, ma senza dimenticare la magia dell’essere due ragazzi pieni di sogni.


 

Cosa ne pensate? Fatemi sapere se c’è qualcosa che vi interessa leggere, sono molto curiosa.

A presto,

Sara ©

RECENSIONE #281 – LA GEISHA E IL SUONATORE DI BANJO DI HALLIER JéROME

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui, con l’arrivo del fine settimana, con una nuova uscita che spero possa piacervi sempre di più. Ringrazio ancora una volta la Giunti editore per questa lettura e vi lascio alla lettura della recensione. Lascio a voi tutto qui sotto:

51e-b1wza1l._sx316_bo1204203200_Titolo: La geisha e il suonatore di banjo
Autore: Jérôme Hallier 
Editore: Giunti
Genere: Historical Fiction
Data di uscita: 27 Febbraio 20193
Link d’acquisto: https://amzn.to/2U4JI99
Trama: Kyoto, 1900. In una delle più eleganti case da tè della città, vive O-miya, una giovane geisha che sogna di evadere dai confini ristretti del suo mondo. Un mondo dove fin da bambina le è stato insegnato come muoversi, parlare, vestirsi, in cui non c’è spazio per i propri desideri e nemmeno per l’amore, visto che è la sua padrona a scegliere per lei amanti e protettori. Ma un giorno un vecchio liutaio dona alla ragazza un misterioso shamisen, che ha il potere di commuovere chiunque lo ascolti. Così la fama di O-miya arriva fino all’imperatore, che le chiede di unirsi alla delegazione giapponese in partenza per l’Esposizione Universale di Parigi. Il gruppo di geishe risveglia la curiosità degli europei, che fanno la fila per vederle, ma è impossibile sfuggire alla rigida sorveglianza del capitano Yoshikawa, che le accompagna ovunque ed è segretamente innamorato della bella musicista. Finché l’inaspettato crollo di un’installazione non crea il panico tra la folla, e O-miya si ritrova fra le braccia di Tommy, un affascinante suonatore di banjo venuto dall’America…

RECENSIONE

borse, camminando, donnaLa storia ha inizio in due parti del globo completamente distanti uno dall’altro. O-miya è una geisha del quartiere di Kyoto ed è bravissima a suonare il suo shamisen, la più rinomata del suo Okiya. Talmente tanto brava che viene reclamata dall’imperatore in persona a suonare per rappresentare il suo paese all’Esposizione Universale. Tommy è un giovane suonatore di banjo, in america. Due vite completamente diverse quelle dei due giovani nell’anno 1899. Due vite che stanno per incontrarsi in Francia, all’Esposizione Universale di Parigi.

Cosa succederà ai due giovani nel lungo percorso che li porterà lontano da casa? E quando si incontreranno come sarà?  

O-miya suonò la prima corda con il plettro. Quello shamisen non era come gli altri. Piangeva. Ogni nota era una lacrima.

Risultati immagini per Jérôme Hallier booksLa trama è un po’ distante da ciò che si trova nel libro. Non fraintendetemi, rispecchia il libro ma lo fa sembrare molto più una storia d’amore di quanto invece non lo è. I due si incontrano praticamente quando il libro è quasi finito e l’avrei sicuramente posta in maniera differente. Non so se siete riusciti a comprendere ciò che voglio dirvi. La trama rispecchia il libro nella sua integrità e nella sua descrizione ma non nella storia d’amore. Non è così: wooooow o così palese.

La copertina del libro è molto carina, mi piace il fatto che ci sia la geisha di spalle che guarda la torre Eiffell. Come potete vedere qui di lato c’è la copertina originale, ovviamente francese visto che l’autore è francese.  Trovo, sinceramente, molto più intensa e significativa ai fini del libro, quella italiana.

Il titolo originale è totalmente diverso da quello italiano, come potete semplicemente intuire. In italiano, se fosse stato semplicemente tradotto, sarebbe stato Il ritratto sonoro del Dottor Léon Azoulay. Probabilmente l’adattamento italiano rispecchia molto di più la storia generale.

L’ambientazione si sposta da Kyoto a New York, fino a giungere a Parigi, in Francia. L’epoca si trova a cavallo tra il 1899 e l’inizio del nuovo secolo, il 1900.

Non sapeva nulla dell’Europa, e neanche della Francia. Aprì la finestra. Parigi era «più lontana dal paradiso o dell’inferno».

giocatore banjo, moda, muroI personaggi di questa storia non sono molti e potremo vedere come la storia si divide principalmente su due personaggi principali, O-miya e Tommy, oriente e occidente a confronto. I personaggi sono sicuramente ben strutturati e adatti all’epoca in cui si trovano. Ecco che ve ne parlo:

O-miya è una geisha di Kyoto molto conosciuta sopratutto per il fatto che sa suonare il suo shamisen. Quando suona tutti si quietano per ascoltarla ed incanta tutti, dal primo all’ultimo. Persino l’Imperatore in persona è rimasto affascinato ed ha voluto che lei rappresentasse il Giappone all’Esposizione Universale di Parigi. E’ una donna molto riservata e tiene molto a sua sorella Wako, una geisha più piccola che vive assieme a lei nel suo Okiya.

Tommy è un giovane suonatore di banjo. E’ indeciso della sua vita e coglie qualsiasi occasione gli si proponga pur di lavorare e di suonare il suo banjo. Prima si affida ad un certo Benjamin Flames che gli promette di farlo crescere musicalmente permettendogli di imparare molto, fino ad arrivare con Gennaro all’Esposizione Universale di Parigi.

Lèon Azoulay girò la manovella. Fu sorpreso dal suono dello shamisen. La geisha si mise a cantare. Non capiva le parole, ma quella musica lo emozionava.

acciaio, acqua, alberiIl perno centrale di questa storia sta tutta nell’Esposizione Universale di Parigi perchè è lì che i personaggi principale finalmente si incontrano, perchè è lì che collimano tutte le culture del mondo e perchè Léon Azoulay, cerca di catturare i suoni della fiera per far si che possano vivere per sempre. 

Lo stile utilizzato è stato musicale e sostenuto. Non particolarmente fluido come mi aspettavo viste le sue dimensioni ma sicuramente una storia carina.

La storia è molto breve e l’autore in qualche punto ha decisamente ristretto troppo le descrizioni e si è limitato a narrare la sequenza dei fatti senza metterci davvero il cuore. In qualche pezzo sembra soltanto voler raccontare ciò che accade e basta, senza trasmettere sentimenti o emozioni così come sono. Quelli che più di tutti sembrano trasmettere qualcosa sono i personaggi che circondano quelli principali, come Sally Ann, o il capitano Yoshikawa. Ed è contraddittorio visto che dovrebbero fare questo lavoro i protagonisti principali della storia.

L’autore è stato sicuramente molto corretto temporaneamente anche nelle relazioni fra le persone del tempo, non essendo ambientato al giorno d’oggi ma nel 1900. L’unica cosa che ho trovato fuorviante e poco realistica è stato lo scontro tra Tommy e il capitano francese che è sembrato forzato e poco credibile dal punto di vista di Tommy che sembra non sapere neanche cosa sia un’arma e poi riesce nell’intento (fortuna? Mah, però poco credibile a mio avviso).

La musica è il fulcro principale di questa storia. Sia per O-miya che per Tommy la musica è tutta la loro vita. O-miya è sempre stata abituata, fin da bambina ad obbedire agli altri e sa che l’unica cosa che le riesce bene è suonare lo shamisen. Per Tommy la musica è la strada, è esperienza ed è vita. Il banjo che porta con se è il suo compagno di vita e sarà proprio la musica ad unire ciò che c’è di più lontano al mondo.

Il finale è stato invece, molto dolce e intenso, in qualche modo persino inaspettato.

«E’ stata una bellissima giornata. Arrivederci». Tommy esitò. «Ci rivedremo?» «Si», disse lei, avvicinandosi «di giorno, nei nostri ricordi. E la notte, nei nostri sogni.»

Il libro è stato carino nel complesso ma non mi ha fatto particolarmente impazzire. Consiglio ad un pubblico più adulto anche se non è una lettura particolarmente impegnativa ma a chi è appassionato di storia ed ama esplorare due realtà diverse, l’oriente e l’occidente, a confronto.

Jérôme Hallier scrive una storia semplice, senza troppi fronzoli in cui lo scontro fra due culture completamente diverse riuscirà a diventare quasi una cosa sola. Una storia dolce e ricca di musica.

Il mio voto per questo libro è di: 3 balene e mezzo.

tre e mezzo

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare La geisha e il suonatore di banjo e sostenere il Blog? Acquista da Qui: La geisha e il suonatore di banjo o dal generico Link Amazon: Amazon

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Vi piace? Fatemi sapere, mi raccomando!

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #280 – IL PAESE DEGLI ADDII DI ATIA ABAWI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci con una nuova Recensione ed un’altra bellissima meraviglia si aggiunge a quelle lette fino ad ora. Sono davvero entusiasta di presentarvi questo libro e ringrazio tantissimo la Giunti Editore per avermi permesso la lettura. Ecco qui che ve ne parlo:

Titolo: Il paese degli addii
Autore: Atia Abawi
Editore: Giunti
Prezzo: 14 euro
Data di uscita: 20 Marzo 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2KfxBXd
Trama: È il Destino in persona a narrare la storia di Tareq, un normale quindicenne siriano con una famiglia numerosa. Un giorno il suo palazzo viene colpito da una bomba e il ragazzo si ritrova solo con gli unici due superstiti, suo padre e sua sorella, a dover cercare di scappare dal paese. Passando per Raqqa e la Turchia, e incontrando vari compagni di viaggio tra cui Jalima, una ragazza afghana di cui Tareq si innamora, i fratelli lasciano indietro il padre e si imbarcano sul gommone per Lesbo. Da lì, e aiutati da Alexia, una volontaria americana che li prenderà a cuore, cercheranno di arrivare in Germania.

RECENSIONE

Photo of Smoke Grenade on GroundLa storia ha inizio un giorno come tanti altri, in Siria, a casa del giovane Tareq, figlio maggiore della sua innumerevole e dolcissima famiglia. E’ un momento come tanti altri ed ognuno sta facendo qualcosa come cucinare o giocare. Quello che sconvolge la vita di Tareq è la bomba che cade sulla sua casa e lascia in vita soltanto lui e sua sorella Susan, portandosi via la vita della mamma, della nonna e degli altri fratelli: i due neonati gemelli più Farrah e Salim. Altro superstite è il padre di Tareq che era fuori per lavoro. Ora che le loro vite sono state sconvolte e distrutte dal dolore e dalle macerie, Tareq e ciò che resta della sua famiglia decidono di andare a Raqqa per raggiungere uno zio ma sarà soltanto la prima tappa di un viaggio lunghissimo e difficile.

Cosa succederà a Tareq e alla sua famiglia? Riusciranno a raggiungere una terra in cui essere finalmente salvi dopo tanta sofferenza? Cosa gli aspetta oltre il mare? C’è una terra per loro dopo quella a cui hanno dovuto dire addio?

Quindi sì, siete nati per morire. Nel frattempo, però, lo scopo è vivere. Se capita d’incontrarci prematuramente non è colpa della mia negligenza. E spesso neppure della vostra. E’ il vostro mondo che controlla me, non il contrario. Io sono il Destino.

La trama di questo libro è intensa, tanto da spingere il lettore a voler leggere questa storia. Ammetto che il punto di vista del Destino è decisamente singolare e suscita curiosità fin dalle prime pagine, non c’è che dire. Una storia attuale e profonda.

Risultati immagini per atia awabi booksLa copertina del libro, per la versione italiana è stata completamente modificata ma io trovo giuste entrambe anche se quella italiana è entrata subito nel mio cuore. Come potete vedere in quella originale a fare da primo piano sono una scia di proiettili che si stagliano a terra. E’ una storia dura e questa copertina originale la rispecchia. La versione italiana magari è più “soft” ma la trovo altrettanto bella e significativa. Per una volta faccio davvero fatica a scegliere quale delle due sia più indicata per questa storia, sono entrambe davvero molto belle.

Il titolo di questa storia è stata tradotta dall’originale ma è stato ovviato ciò che in Italiano avrebbe dovuto essere “Permanenti”. Trovo che la scelta italiana sia molto sensata e che crei un quadro, come l’originale, davvero vincente.

L’ambientazione di questa storia è un viaggio. Si parte dal cuore della Siria, si arriva a Raqqa fino ad arrivare in Turchia attraversando il mare fino a raggiungere l’Europa. L’epoca di questa storia è moderna e attuale come accade ogni giorni, nei nostri mari e nei nostri porti.

Il corpo di Salim non fu ritrovato. In guerra capita spesso. Le famiglie sono costrette a subire non solo la perdita, ma anche la triste realtà di dover convivere con una lugubre speranza. (…) Sotto sotto sanno che non è la verità, eppure la sognano comunque, perchè ingannare la mente aiuta a ingannare il cuore. E ingannare il cuore, così pensano, gli è necessario per sopravvivere.

Silhouette of Person WalkingLe persone che incontreremo lungo il percorso saranno tantissimi ma i personaggi effettivi di questa storia sono davvero pochi. Fra tutti spicca il giovane Tareq, protagonista principale di questa storia di coraggio e salvezza.

Tareq è un adolescente come tanti altri, peccato che essendo il più grande si sente costantemente responsabile per i propri famigliari. Infatti è quello che è rimasto devastato dal fatto di non essere riuscito a salvare tutti i suoi fratelli e che rimpiange di non essere morto al posto loro. E’ un giovane forte e determinato che nonostante tutto ciò che ha subito cerca una vita migliore per se e per sua sorella Susan, altrove. E’ un giovane buono e di sani principi.

Altro personaggio cardine è quello di Alexia, una volontaria americana che momentaneamente aiuta in Grecia. Ciò che ha visto e che continua a vedere è sconvolgente ma cerca di rimanere salda e di aiutare sempre più persone che scappano dalla guerra. E’ forte e determinata. Prenderà a cuore il giovane Tareq.

Perlustrò con lo sguardo i monticelli di terra con le piccole lapidi bianche, le tombe dei profughi morti durante la loro traversata verso la Grecia, e l’Europa, in cerca di una vita migliore. «Preferiscono morire tentando di venire qui piuttosto che vivere nei loro paesi» disse il custode, con un forte accento greco, avvicinandosi a lei. «Ed è quello che succede fin troppo spesso».

Person Hand Reaching Body of WaterIl perno centrale di questa storia è la speranza e l’umanità. Oltre il dolore, le difficoltà,  il cambiamento, la perdita e la sofferenza, il libro apre le porte alla speranza. Non dimentichiamo mai, più di ogni altra cosa al mondo, di essere umani. Queste cose sono reali, accadono tutte intorno a noi. Non dimenticate mai questo.

Lo stile utilizzato è molto scorrevole, vista in terza persona dal punto di vista del Destino. Di sicuro, questa scelta singolare e unica, riesce a rendere la lettura magica e ricca di speranza nonostante le atrocità di cui si narra e che ci sono tutt’ora nel mondo. Amerete Tareq e la sua famiglia, come tante altre persone che incontreremo nel corso della lettura.

All’interno del libro ci sono frasi profonde come quella del prologo che sono vere e colpiscono come uno schiaffo in pieno viso. Il Destino prende a cuore la storia di Tareq e decide di raccontare ciò che ha vissuto per tornare a vivere.

Anche se non credo questa sia una storia vera, vi ricordo che potrebbe essere la storia di una persona qualunque che ha visto distrutta la propria casa, la propria famiglia e il posto in cui viveva. Una persona che è costretta a fuggire dalle atrocità di un popolo a cui non sente più di appartenere, da persone vili e malvagie. Viene persino citato il piccolo bambino siriano con la maglia rossa che è stato fotografato sulle coste turche qualche tempo fa e di cui si è parlato tanto.

Alexia urtò contro uno scoglio sott’acqua, provando un dolore lancinante. Temendo d’inciampare, e rischiare di far cadere il corpicino che aveva in braccio, cercò un appiglio con i piedi e si spostò per non perdere l’equilibrio. “Non ora, Dio.”

Il libro è profondo e sconvolgente che non risparmia le atrocità mostrandoci sia il bene che il male. Consiglio la lettura, nella maniera più assoluta.

Atia Abawi scrive un libro forte che dovrebbe leggere tutto il mondo. Una voce potente che trasmette emozioni che difficilmente vi abbandoneranno. Il paese degli addii è un posto che tanti lasciano indietro nella speranza di un futuro migliore portandone sempre un pezzo nel cuore, e un posto che alcuni non lasceranno mai.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Il paese degli addii e sostenere il Blog?Acquista da Qui: Il paese degli addii o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Vi piace? Fatemi sapere, mi raccomando, che vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #279 – I RIBELLI DI GIUGNO DI CHRISTIAN ANTONINI.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E buon inizio settimana! Oggi vi propongo una vera e propria perla che spero possiate apprezzare come ho fatto io. Ringrazio la Giunti editore per avermi permesso di leggere questo dolce volume e Christian Antonini che è stato gentilissimo come sempre. Ve ne parlo subito ma fin da ora vi dico, LEGGETELO. Ecco a voi:

51ug4qj9qol._sx326_bo1204203200_

Titolo: I ribelli di giugno
Autore: Christian Antonini
Editore: Giunti
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 20 Marzo 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2Ki6SsU
Trama: Bordeaux, giugno 1940. Marian è un ragazzino ribelle che diventa amico del Console portoghese Aristides Sousa Mendes, un uomo integerrimo dilaniato da un dubbio: seguire le regole e condannare migliaia di ebrei al giogo nazista oppure violarle e salvare migliaia di sconosciuti rischiando la propria carriera? I due si conoscono durante una partita a scacchi e mentre Aristide scopre l’importanza della disubbidienza, il ragazzo arriva a rischiare in prima persona per fare la cosa giusta: salvare il prossimo. Grazie a Marian il Console firmerà visti per 30.000 persone. 

RECENSIONE

Man Holding White String Light PhotoLa storia ha inizio con il discorso di Marian. Sta ricordando un uomo, Aristides de Sousa Mendes, il Console Portoghese di Bordeaux e quanto bene abbia fatto per lui e per gli ebrei al tempo della guerra, quando tantissimi ebrei rischiavano di essere uccisi. Torniamo così nel 1940, a Bordeaux, in cui il giovane Marian che ama correre sopra i tetti e corre veloce pur di sbrigare determinati lavoretti per diverse persone, sta per incontrare due persone che cambieranno completamente la sua vita: la giovane ragazzina dai capelli corti e il console portoghese.

Cosa succederà al giovane Marian e alla sua giovane amica? Quali consapevolezze avrà il suo giovane ragazzo? Cosa troverà il console in Marian, tanto da fidarsi di lui?

Guardo il mio discorso. Ci ho passato intere notti a riscriverlo e sistemarlo, ancora e ancora. «Siamo qui, oggi, per ricordare un grande uomo…» Stringo i denti. No, non funziona. Prendo il microfono. «So che non scorderemo mai quei giorni e il modo in cui un uomo solo ha difeso chi voleva fuggire. Le sue armi erano pochi semplici gesti, li ricordate?» Chiudo una mano a pugno, la batto piano sul leggio. Noto che tra il pubblico in molti annuiscono. Hanno riconosciuto il movimento. «Per me questo sarà sempre il segno della ribellione. Quell’uomo era Aristides de Sousa Mendes e ci ha salvati tutti»

La trama è ben scritta, magari forse troppo orientata a far comprendere ciò che può accadere nel corso della storia ma di sicuro ispira e mette curiosità. Personalmente non avevo mai sentito parlare di questo Console Portoghese e sono felice che qualcuno l’abbia portato alla luce, mettendo in evidenza il suo operato e quanto possa aver fatto del bene nel periodo della guerra.

La copertina è particolare e non si discosta molto dai precedenti dell’autore che ha sempre dei disegni molto molto belli. Questa, come anche le altre, riassume benissimo la storia in cui si nota in primo piano il giovane Marian, la sua amica che scopriremo nel corso della lettura e il console che, sullo sfondo, firma e timbra tantissimi visti per consentire agli ebrei di fuggire. Il titolo, nonostante a primo acchito non sembra avere un senso logico, è assolutamente riassuntivo della storia a cui ci troveremo davanti. Quindi devo dire che insieme, titolo e copertina, creano un connubio perfetto. 

L’ambientazione è Bordeaux, in Francia nel giugno del 1940, agli inizi della Seconda Guerra Mondiale.

Devo saltare, e i gabbiani in cielo sembrano prendermi in giro con i loro versi. Se cado, muoio? Chiudo gli occhi mentre il sole accarezza la mia schiena bagnata dal sudore. Prendo la rincorsa. Respiro tre volte, poi corro in discesa. Raggiunto il bordo, il piede picchia forte sulla tegola: mi lancio contemporaneamente in alto e in avanti. Vedo la mai ombra. Sto volando!

Risultati immagini per Aristides de Sousa MendesI personaggi di questa storia non sono poi tantissimi ma ritengo di dovervi parlare di quelli che sono poi il fulcro di questa storia e che creeranno poi ciò che accade. Ispirato da una storia vera, l’autore prende un personaggio di fantasia Marian Weiss e ci aggiunge il Console Portoghese Aristides De Sousa Mendes e mescola il tutto creando una storia vincente sotto molti punti di vista. L’autore quindi ha giocato con la vera storia del Console e ci ha girato attorno un personaggio che poteva esistere come no. Ma non è qui che sta il punto. L’autore riesce a rendere talmente bene la cosa che persino Marian sembra essere reale.

Aristides De Sousa Mendes, è il console Portoghese che nel periodo della Seconda Guerra Mondiale e durante il periodo dell’invasione tedesca, in cui tantissimi ebrei rischiavano la vita, ha concesso loro la salvezza firmando oltre 30.000 visti per il Portogallo. In questa storia sembra un uomo di famiglia amorevole verso la sua famiglia ma autoritario. Nonostante questo, è molto combattuto fra ciò che va fatto e ciò che è giusto.

Marian Weiss è un ragazzino arguto ed intelligente. Vive con una persona che chiama Zio ma che non è neanche lontanamente suo parente, solo colui che divideva gli affari con il padre del giovane. Rimasto orfano di padre, aspetta orgoglioso il ritorno della madre, infermiera su un’imbarcazione durane il periodo della guerra e si mantiene con dei piccoli lavoretti saltuari e non propriamente legali. Nonostante questo, aiuta lo “zio” ed ama giocare molto a scacchi oltre che a bivaccare in giro. E’ un ragazzo impulsivo che si butta a capofitto nelle cose e che non sopporta le ingiustizie. E’ così che conoscerà la giovane ragazza di cui si innamorerà. Sarà lei a portarlo dritto dal console.

E così dicendo mi indica una figura seduta su uno dei moli. Lo riconosco dalla corporatura e dai capelli che danzano nel vento: è suo padre, con le maniche della camicia arrotolate e la giacca distesa sulle assi di legno, accanto alle scarpe. Non avrei mai pensato di vederlo così: il console del Portogallo guarda le nuvole con il colletto slacciato e i piedi nudi che penzolano sull’acqua.

Immagine correlataIl perno centrale di questa storia sta proprio nel console portoghese, Aristides De Sousa Mendes, nonostante il protagonista sia il giovane Marian. E’ quest’ultimo a fare da tramite in questa storia raccontando ciò che il console ha fatto, contrastando persino la Circolare 14 impostagli direttamente dal Portogallo, il suo paese.

Lo stile utilizzato dall’autore è semplice e fluido, in prima persona dal punto di vista del giovane Marian Weiss. La storia si snoda su una base reale, la storia del console, e una di fantasia, ovvero il giovane Marian Weiss.

La storia è così coinvolgente da essere letta in pochissime ore, immergendo il lettore a capofitto nella storia. Una storia profonda e commovente, che è riuscita ad emozionarmi molto più della precedente dello stesso autore.

Un libro che riesce a trasmettere consapevolezze e nel quale il giovane Marian, come ogni lettore, comprenderà che la vita è come una partita a scacchi a cui piace tanto giocare: tutte le mosse possono portarci a vincere, anche quando tutto sembra essere perduto. 

Lo sento tremare e questo mi spaventa più di tutto. Mai come in questo momento mi mancano le mani di mia madre sulla testa, il suo profumo dolce, la morbidezza dei suoi baci. Gli scoppi continuano e io piego la testa al riparo di quelle braccia forti.

Il libro è un piccolo gioiello da leggere e conservare. Consiglio la lettura a grandi ma anche ai più piccoli. Questa storia porta con se un valore inestimabile, un personaggio storico poco “conosciuto” ma che ha fatto qualcosa di inestimabile e di valore., ricordando quanto la vita vale più di miliardi di etichette.

Christian Antonini, con I ribelli di Giugno, conquista il cuore del lettore puntando sempre più in alto. Una storia ispirata alla realtà che si snoda in una Bordeaux fatta di persone vere e di storia, coraggio, amicizia e amore. Non vi resta che leggerlo, una storia che vi conquisterà.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare I ribelli di giugno e sostenere il Blog? Acquista da Qui: I ribelli di giugno o dal generico Link Amazon: Amazon

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare di questa piccola meraviglia? Dovete leggerla, sentite a me! Io vi aspetto per opinioni, pareri, domande e curiosità.

A presto,

Sara ©