RECENSIONE #410 – IL RAGAZZO DEL FIUME DI TIM BOWLER.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Sono qui per parlarvi di un volume che sono riuscita a leggere grazie alla Mondadori e di cui non vedo l’ora di parlarvi. E’ stata una lettura veloce ma di cui sono rimasta soddisfatta. Ecco qui , per voi:

978880472281hig-628x965-1Titolo: Il ragazzo del fiume
Autore: Tim Bowler
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 5 Maggio 2020
Link d’acquisto: https://amzn.to/3fhc0Za
Trama: Jess è nata per nuotare. Per lei l’acqua viene prima di tutto e tutti, ma non di suo nonno. Quando scopre che gli resta poco tempo da vivere, decide di aiutarlo a esaudire il suo ultimo desiderio: tornare nel paese della sua infanzia per portare a termine un dipinto misterioso, “Il ragazzo del fiume”. Jess vuole risolvere l’enigma del dipinto e capire perché per il nonno sia tanto importante, ma un secondo mistero le occupa la mente: quello del ragazzo del fiume in carne e ossa, il cui incontro diventa anche l’inizio di una sfida che Jess dovrà vincere prima che sia troppo tardi.

RECENSIONE

aerial photography of body of water with trees aroundLa storia ha inizio prima della partenza per le vacanze. Jess è una ragazzina che ama nuotare ed è con suo nonno in piscina che è lì che la assiste e la supporta come sempre. Ma Jess nota che c’è qualcosa che non va e, quando suo nonno cade in piscina all’improvviso, il suo mondo si destabilizza. Nessuno della famiglia ha più voglia di andare in vacanza con il nonno che peggiora a vista d’occhio ma insiste purché si parta per andare in un luogo in cui lui ha vissuto i primi quindici anni della sua vita e dove non è più tornato. Un luogo con un fiume misterioso che finisce per attirare Jess sempre di più.
Cosa succederà in quella vacanza? Chi è il ragazzo del fiume? Perchè il nonno non le dice il motivo del suo dipinto? Cosa sta succedendo a Jess e alla sua famiglia e, soprattutto, a suo nonno?

Non cominciò con il ragazzo del fiume. Ma cominciò, come erano cominciate tante cose, con il nonno e con una nuotata. Soltanto più tardi, ripensandoci, Jess si rese conto che il ragazzo del fiume era sempre stato parte di lei, come un frammento di sogno. E quel sogno era la sua vita.

La trama di questa storia è molto bella ma persino troppo descrittiva quindi consiglio di leggere le prime righe e non addentrarsi troppo nella lettura della stessa. Non ci sono spoiler salienti nell’aria ma dopo aver letto il libro vi dico che se avessi letto tutta la trama probabilmente non avrebbe avuto lo stesso sapore la storia. 

La copertina di questa edizione, rispetto alle precedenti è sicuramente fantastica e rende molto ciò che il nonno della protagonista cerca di trasmettere nel suo quadro. Una copertina favolosa ed emozionante che, dopo aver letto il libro non riuscirà più ad abbandonarvi per via del suo significato. 

Il titolo di questo volume chiude il cerchio, assieme alla copertina, di tutto ciò che questo volume può rappresentare. Laddove la copertina rappresenta il vero e proprio quadro, il titolo ne fa da cornice e rende quest’edizione davvero meravigliosa. Davvero molto, molto bella la struttura visiva del volume.

Eppure stava tornando là. Lo guardò, rannicchiato sul sedile e immerso in un sonno profondo. Forse li avrebbe sorpresi.Forse, durante quella vacanza, avrebbe riacquistato la salute e sarebbe tornato forte come una volta. Ma più Jess lo guardava, più si sentiva spaventata. Alla fine, anche lei si addormentò.

man wearing teal and black shorts standing beside waterfallsI personaggi di questa storia non sono molti ma sono assolutamente ben caratterizzati. La protagonista Jess e suo nonno sono uniti da un legame unico e indissolubile che si nota pagina dopo pagina e continua a unirli sempre più, uniti dallo strano ragazzo del fiume.

Jess è una ragazzina curiosa, è un abile nuotatrice ed ama molto suo nonno che a sua volta si rivede in lei. E’ una ragazzina determinata, perspicace e intuitiva che ha un profondo legame con l’acqua e con suo nonno.

L’anziano nonno di Jess, Pop, è un uomo che ama la pittura ed è da sempre un tipo da non contraddire, ostinato e determinato nelle sue scelte, portandole a termine in un modo o nell’altro. Quel fiume è una cosa che gli è rimasta sempre impressa, visto che ci ha vissuto i primi 15 anni della sua vita vicino a quel fiume, in quel piccolo paesino sperduto.

L’acqua fluiva scura e lucente, gorgogliando tra le rocce, per poi allontanarsi verso la campagna, più in basso, oltre la casa. E Jess sentiva che una parte di lei se ne andava insieme a quell’acqua, fino al mare. Sospirò. Quel posto aveva qualcosa di strano, che forse la turbava, ma non la spaventava. Era come se lì ci fosse uno spirito, non un demone o un fantasma, ma uno spirito del fiume, degli alberi e delle colline, uno spirito che trasformava ogni cosa in un incantesimo.

grayscale photography of man swimmingIl perno centrale di questa storia sta tutto nel titolo e nella copertina di questo volume. Il ragazzo del fiume è una figura misteriosa che incuriosirà Jess nella sua dimora sul fiume nel corso delle sue vacanze. Chi è quello strano ragazzo che lei vede notte e giorno nei pressi del fiume? Perchè è lì e da dove viene? Cosa vuole da lei?

Lo stile utilizzato è semplicissimo, fluido e scorrevole adatto anche a giovani lettori, si riesce a terminare tranquillamente in qualche ora. Scritto in terza persona, questo romanzo porta con se qualcosa di magico e allo stesso tempo unico che ci trascina all’interno di quel fiume assieme a Jess e al suo strano ragazzo che appare e scompare quasi per magia. E’ una storia di un legame fra nonno e nipote, e un luogo magico e misterioso. Una storia di accettazione della perdita e del dolore. Una storia che rileggerei sicuramente.

Nonostante questo ragazzo del fiume sia una figura che si spiegherà poi nel corso della lettura non sono riuscita davvero a comprendere il “come sia possibile”, perchè questo non viene spiegato ma lasciato alla semplice e tacita unione delle cose. Ok, la lettura ha la sua magia che in qualche modo deve rimanere sospesa e deve lasciarci la curiosità ma quella stessa curiosità non è stata colmata dalle spiegazioni derivanti dal ragazzo del fiume. Quindi la lettura è poetica ed è riuscita ad appassionarmi ma non ha il voto pieno che avrei voluto proprio perchè c’è qualcosa che resta sospeso e non sono riuscita a spiegarmi del tutto. Così mi sono limitata a dargli io stessa una spiegazione mia come interpretazione personale. Ovviamente con questo non voglio dire che il finale sia aperto. Il finale è chiuso e la storia si conclude.

«Non riesci a dormire?» le chiese. Jess scosse la testa. «Nemmeno io. Continuo a pensare a quanto è diverso questo posto da quello che ricordo. » La guardò intensamente, con gli occhi che brillavano nell’oscurità. «Tutto cambia, Jess. Tutto. Niente resta uguale. Niente dura per sempre. Non possiamo farci nulla. Dobbiamo accettarlo.» Jess capiva quello che le stava dicendo, ma non voleva sentirlo. Detestava l’idea che le cose potessero cambiare. Avrebbe voluto che tutto restasse uguale per sempre. E anche se qualcosa doveva cambiare, non voleva che accadesse in quel momento.

Il libro è una lettura dolce, veloce e che mi sento di consigliare sopratutto ai più piccoli. Nei più grandi troverete la consapevolezza, la malinconia e la nostalgia di quei ricordi che credevate perduti. Una lettura che emoziona. 

Tim Bowler scrive una storia che porta con sé la bellezza del passato, della consapevolezza della perdita e del dolore che ne deriva. Il ragazzo del fiume saprà addentrarsi nel cuore come lo stesso corso del fiume che sa essere impetuoso o calmo.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene e mezzo.

quattro e mezzo

Ringrazio la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Il ragazzo del fiume e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Il ragazzo del fiume o dal generico Link AmazonAmazon.
Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ve ne pare? Lo leggerete? Io ve lo consiglio sicuramente! Io vi aspetto come sempre.
A presto,
Sara ©

RECENSIONE #348 – INVISIBILE DI ELOY MORENO.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccomi di nuovo con voi e scusate il ritardo nella pubblicazione. Siccome settimana scorsa ho recuperato un sacco di belle letture che volevo intraprendere e questa è una di quelle, spero che vi piaccia davvero. Ringrazio la Mondadori ragazzi /Contemporanea per avermi permesso la lettura di questo bel libro davvero unico e sorprendente. Ve ne parlo subito:

978880471693hig-627x965

Titolo: Invisibile
Autore: Eloy Moreno
Editore: Mondadori
Genere: Libri per ragazzi
Data di uscita: 8 Ottobre 2019
Link d’acquisto: https://amzn.to/2JpjGuJ
TramaQuesta storia comincia con un ragazzo che prende il suo zaino, scende le scale e si incammina verso scuola. Sarebbe potuto essere un venerdì come tanti, se non ci fosse stato il compito di matematica all’ultima ora. E se, in quell’occasione, il ragazzo avesse dato un’altra risposta forse le cose sarebbero andate diversamente. Ma quella risposta gli cambia la vita. Da un giorno all’altro, il suo mondo si popola di mostri: mostri che se ne vanno per poi tornare, mostri che feriscono, umiliano, sbeffeggiano. Mostri che guardano, che girano la testa dall’altra parte. Il ragazzo sente crescere dentro di sé la rabbia e l’odio, ma non sa come buttare fuori il fuoco che gli brucia dentro. Vorrebbe trasformarsi in un supereroe: come loro, vorrebbe avere un potere, un potere molto grande, capace di impedire che gli si faccia di nuovo del male. E alla fine quel potere lo trova. L’invisibilità.

RECENSIONE

person waving reflecting shadow on teal wall paintLa storia inizia con un drago. Una donna che sta per farsi tatuare un drago sulla schiena e, quel drago, le sarà utile. Dall’altra parte abbiamo un giovane ragazzo che continua ad avere attacchi di panico, che continua a ricordare tutto ciò che ha subito nei giorni precedenti. Che continua a pensare a tutto ciò che ha subito e hai poteri che ha acquisito, come quello dell’invisibilità. E poi c’è MM, un ragazzino di cui tutti a scuola hanno paura e che non osano contraddire. Un ragazzino che, siccome pensa che tutto gli sia dovuto, comincia a prendersela con il più debole. Questa è la storia di un bambino invisibile che cerca di farsi ascoltare, che cerca di sentirsi visibile almeno per un attimo ma che trova sempre chi è pronto ad affossarlo ancora di più. 

Cosa è successo al piccolo protagonista? Perchè continua a subire tutte queste cattiverie? Ma sopratutto, perchè nessuno si preoccupa per lui e si limitano tutti a non dire nulla?

«Be’, posso seguire una conversazione da molto lontano, posso vedere perfettamente al buio; sono capace di muovermi più veloce di qualsiasi altra persona. Però, nonostante tutti questi poteri, i mostri non se ne andavano, cioè se ne andavano per poi tornare, così ho deciso di trovare un nuovo potere, uno talmente grande da impedirgli di farmi di nuovo del male. E alla fine l’ho trovato». «Di quale potere parli?» «Dell’invisibilità».

La trama è assolutamente unica. Mi ha incuriosito fin da subito ed avrei voluto tanto vedere lo sviluppo della storia. La trama è assolutamente in linea con la storia e mette curiosità, tanto da spingere a leggere questo libro da subito, non appena si ha fra le mani. Una trama ben sviluppata, ottimo punto di partenza.

La copertina è davvero molto, molto bella. E’ stata lasciata così come l’originale quindi non ho granché da dirvi se non molto rappresentativa della storia che si andrà a leggere. Voi che ne pensate? Il titolo è stato semplicemente tradotto dall’originale quindi niente di particolare, penso solo che l’accoppiata copertina e titolo siano semplicemente vincenti e che la Mondadori abbia fatto davvero bene a lasciarle così come sono. Una vera meraviglia per gli occhi.

L’epoca è moderna, ambientato ai giorni nostri in cui la società diventa sempre più opprimente e in cui i ragazzi riescono ad essere sempre più perfidi verso il prossimo. 

Adesso, invece, non è lui a essersi fatto male, ma il suo amico, e il problema è che le sue ferite sono più difficili da vedere, perché sono di quelle che si formano dentro, di quelle che non si sa se il tempo potrà guarire. E questa non è l’unica differenza fra adesso e allora.

black haired boy cryingI personaggi di questa storia non sono poi molti ed in sostanza si suddividono e si concentrano sui tre punti di vista che prende poi la storia. I tre soggetti analizzati sono ben scritti ed ognuno con le proprie difficoltà, con i propri “demoni”, ognuno con il proprio carattere e il vissuto che permette ad ognuno di svilupparsi in maniera completamente diversa rispetto all’altro.

Il protagonista di questa storia è un ragazzo silenzioso, dolce, studioso e intelligente. Soffre di attacchi di panico ed è convinto che dopo essere stato colpito dalle vespe, sia diventato come uno dei supereroi che lui ama tanto; per questo lui riesce a correre più veloce degli altri, ha una super vista e riesce a diventare invisibile all’occorrenza. 

MM e la donna con il drago sono due personaggi completamente agli antipodi. MM è un ragazzo che non è considerato in casa e cerca le attenzioni dove non dovrebbe nascondendo le sue fragilità e le sue paure dietro la forza, l’arroganza sovrastando chi passa lungo il suo cammino. La donna con il drago è una persona che ha subito e incassato ma adesso il suo drago le da forza e, dopo aver combattuto per anni la sua battaglia, cerca di vincere quella di qualcun altro aiutandolo e dimostrando che nessuno deve restarsene in silenzio. Si deve reagire di fronte alle ingiustizie, si deve essere amici. Due personaggi interessanti che apprezzerete, come il protagonista stesso.

Quando erano ormai così vicini da poter vedere perfettamente la rabbia sulle loro facce, avevo chiuso gli occhi. Avevo stretto le palpebre più forte che potevo e avevo desiderato con tutto me stesso di scomparire. Mi ero rannicchiato, mettendo la testa tra le gambe ed ero rimasto in attesa di un colpo che non sarebbe mai arrivato. Niente. Silenzio. Dopo qualche secondo avevo aperto gli occhi. Qualcosa di incredibile era successo.

Il perno centrale di questa storia è il bullismo. Il piccolo protagonista ha dei super poteri o, almeno, crede di averli sviluppati grazie al semplice fatto di essere stato punto da una vespa o dal perchè nessuno a scuola o a casa si accorge di lui.

silhouette photography of boy beside womanLo stile utilizzato dall’autore è molto semplice e fluido, essendo un libro per ragazzi. La storia si suddivide sotto diversi punti di vista. Il nostro protagonista principale, il bullizzato, la donna col drago ovvero la professoressa della scuola e MM, il ragazzino che bullizza e che trascina con sé altri componenti della sua stessa classe. Nonostante all’inizio non sia ben chiaro come sia strutturato fra i tre, la storia prende piede velocemente e, con i suoi piccoli capitoli brevi, tutto diventa ultra scorrevole.

La storia tratta una tematica davvero importante al giorno d’oggi. Questa, inoltre, è strutturata in maniera particolare dal punto di vista del personaggio che nonostante subisca vessazioni e bullismo di ogni tipo, sia verbale, che cyber che fisico prende tutto ciò che gli succede come se avesse assunto dei super poteri. Il Bullismo oggi giorno è sempre più diffuso fra i ragazzi, nelle scuole e non ci si rende mai effettivamente conto dell’impatto che ha emotivamente su chi lo subisce. E chi sta in silenzio, è complice. 

In certi momenti la storia diventa completamente brutale e mostra sia gli effetti che ha il bullismo sul soggetto colpito, sia le cattiverie in sé. Non c’è stato un singolo momento in cui non mi sia sentita vicina al personaggio in questione, avrei voluto essere lì a difenderlo io, le cattiverie erano davvero orribili. Infatti credo che sia doveroso che questo libro venga letto nelle scuole e dai ragazzi. Tutti devono capire cosa significa. Tutti sono bravi ad essere i più forti ma se foste voi quello “debole”, cosa fareste?

Questa storia mi è entrata subito nel cuore perchè anche io ho subito del bullismo ai tempi della scuola, io una volta ero quella invisibile. Non nei modi in cui colpiscono il protagonista ma ho subito parecchie cose e posso assicurarvi che non tanto l’aiuto di qualcuno ma se anche solo qualcuno avesse reagito in maniera differente, se anche solo qualcuno si fosse opposto sarebbe stato tutto completamente diverso.

E non appena il professore si gira per scrivere, MM guarda il resto della classe e nota che in molti gli restituiscono il risolino. Ecco la benzina che lo accende, che lo fa andare avanti.

Una lettura che commuove ed emoziona, che tutti i ragazzi dovrebbero leggere, sopratutto nelle scuole. Una storia che non passa sicuramente inosservata e che merita di essere letta. Io, di sicuro, ve la consiglio.

Eloy Moreno scrive una vera e propria lotta con e contro il bullismo. Essere “Invisibile” non è un potere ma un’arma di difesa che non dovrebbe esistere. Una storia che denuncia il bullismo di chi non riesce ad accettare se stesso e se la prende con gli altri, il silenzio dei complici e tutto ciò che nessuno dovrebbe mai passare.

Il mio voto per questo libro è di: 5 balene.

Senza titolo-1

Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare  e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Invisibile. o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!

Che ne pensate allora? Pensate possa fare per voi? Io, nel frattempo, vi aspetto!

A presto,

Sara ©

 

RECENSIONE #309 – SHHH. L’ESTATE IN CUI TUTTO CAMBIA DI MAGNHILD WINSNES.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Eccoci qui con una nuova recensione tutta per voi che spero possa interessarvi ed incuriosirvi. Questa è una Graphic Novel davvero deliziosa che parla di vacanze, di amicizia e di cambiamenti e ci riporta indietro a quando eravamo bambini. Ringrazio la Mondadori per avermi permesso la lettura del libro e ve ne parlo subito. A voi:

RECENSIONE

La storia ha inizio con l’arrivo della piccola Hanna nella casa degli zii e subito ritrova in sua cugina la compagna di giochi d’infanzia. Entrambe si ritrovano con il loro ululato e Hanna non vede l’ora di passare una nuova ed emozionante estate assieme ai suoi zii e alle sue cugine.
Le sue cugine però sono cambiate e nessuno vuole più giocare ed esplorare come prima faceva Hanna e lei sembra essere rimasta l’unica a volersi ancora divertire come un tempo. Matte e le sue amiche nascondono dei segreti, si vedono con dei ragazzi ed escono con la macchina e fanno delle piccole scorribande di cui i genitori non sono a conoscenza.
Cosa cambierà in questa estate per Hanna e le sue cugine? Riuscirà Hanna ad adattarsi alla crescita delle sue cugine e a coprire ciò che combineranno? O farà solo più danni di prima?
Immagine correlata
La trama incuriosisce. Devo ammettere che la prima cosa a catturarmi è stata la copertina. Nonostante detesti ampiamente il rosa in ogni sua forma ne sono rimasta affascinata e sono andata a leggere subito la trama per scoprire di cosa si trattava. L’ho trovato davvero carino e la storia rispecchia i cambiamenti che avvengono negli adolescenti e quanto invece ancora si è bambini. Una differenza marcata più volte all’interno del libro che ho trovato decisamente ben fatta sia nella grafica che nella storia.
La copertina è semplicemente adorabile. Riprende una delle tavole che sono all’interno del libro e la trovo davvero adorabile. C’è la protagonista Hanna e la sua migliore amica, che insieme spiano la sorella più grande e i suoi amici, notando quanto sono cambiati dall’anno precedente. E’ davvero dolcissima, non trovate? Il titolo è davvero particolare e quel Shhh rende davvero molto l’idea di ciò che invece Hanna non fa. Hanna è schietta, ingenua e non riesce a non dire ciò che combina lei e le sue cugine.
L’ambientazione non è specificata, ci troviamo in un piccolo paese probabilmente inventato e l’epoca sembra essere abbastanza moderna. 
Risultati immagini per Shhh. L'estate in cui tutto cambia.
I personaggi di questa storia non sono tanti, però sono ben costruiti e si riesce a notare bene ciò che l’autrice vuole far arrivare al lettore. Infatti fra Mette, sua sorella più piccola e la cugina Hanna, la protagonista, c’è una differenza davvero sostanziale. Mette è più grande, è innamorata di un bel ragazzo e cerca di essere più indipendente allontanando la sorella e la cugina. 
Hanna è una vera e propria forza della natura. E’ una piccola bambina piena di allegria, dinamicità ed ha sempre voglia di esplorare. E’ una bambina sveglia e intelligente ma allo stesso tempo è sincera, ingenua e non riesce a non dire la verità. E’ una ragazzina dolce che ama esplorare ma allo stesso tempo adora le sue cugine anche se combina sempre dei disastri per cui loro finiscono per detestarla sempre un po’.
Immagine correlata
Il perno centrale della storia è il passaggio dall’infanzia all’adolescenza. Hanna ancora si sente una bambina mentre la sua migliore amica che un tempo giocava con lei cerca sempre più di somigliare a sa sorella più grande, che esce con i ragazzi, che le è cresciuto il seno, che scappa di casa la notte. Hanna invece si sente ancora piccola e ingenua e quindi combina sempre più disastri, mettendo sempre le carte in tavola così come sono anche davanti agli zii che si fidano di lei e della sua spontaneità.
La grafica della storia è decisamente particolare e le tavole sono una più bella dell’altra. Si passa da colori assolutamente delicati a quelli più scuri, passando per una scia di formiche che divide quasi in capitoli e dona al libro diverse sfaccettature.
Hanna è la protagonista per eccellenza e ci porta, con questa storia, sia in esplorazione delle sue più profonde attività nel periodo estivo, sia nella fase della crescita che per Hanna sembra dover attendere un anno ancora. 
La storia è molto semplice, scorrevole e fluida, si legge in una mezz’oretta ed è una lettura sia per grandi che per piccoli. I ragazzi troveranno in questo libro ciò che hanno appena passato e le piccole scaramucce fatte di nascosto ai genitori, i più adulti potranno perdersi in una storia che li riporterà indietro di qualche anno in un estate che potrebbe essere molto simile a questa che sta per arrivare.
Immagine correlata
Il libro è stata una lettura leggera, adorabile e piena di ricordi che ci portano indietro nel tempo a quando eravamo bambini. Una storia di cui consiglio la lettura agli amanti delle Graphic Novel ma anche a chi voglia approcciare per la prima volta con questo tipo di letture.
Magnhild Winsnes ci consente di viaggiare con la mente e di tornare al tempo in cui l’infanzia lascia spazio all’adolescenza. L’estate in cui tutto cambia per molti, o forse no. Una storia davvero molto carina.
Il  mio voto per questo libro è di: 4 balene.
Senza titolo-2
Si ringrazia la casa editrice per la copia omaggio

Vuoi acquistare Shh. L’estate in cui tutto cambia e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Shhh. L’estate in cui tutto cambia o dal generico Link Amazon: Amazon.


Cosa ne pensate? Fatemi sapere, mi raccomando! Io vi aspetto come sempre 😀
A presto,
Sara ©