COVER REVEAL # – CERCA UN RIFUGIO LONTANO DA ME DI GIOVANNA ROMA.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io sono qui in questo mercoledì di fine mese per parlarvi di una nuova lettura che spero possa interessarvi. Siete pronti? Ecco a voi una nuova uscita con la copertina che scopriamo per la prima volta assieme adesso. Ecco a voi:

TITOLO: Cerca un rifugio lontano da me
Self-publish
AUTRICE: Giovanna Roma
FORMATO: digitale e cartaceo
DATA DI PUBBLICAZIONE: 09 novembre 2021
Dark cartel
Anti-hero possessivo e st****o
Enemies-to-lovers
Protagonista femminile con gli attributi Angst
Autoconclusivo
TRAMA: 
Diego è cresciuto nella violenza del cartello. Gli hanno insegnato a cavarsela da solo e vive
per risolvere le rogne della gang. Nulla è al di fuori degli affari, finché il fratello si arruola
nella squadra avversaria. Diego sa di dover affrontare l’imprevedibile per tirarlo fuori, ma
Rosa non rappresenta una casualità. Lui è andato a cercarsela.
Se ne è pentito tanto.
Se ne è pentito subito.
L’ultima arrivata nel cartello rivale attira guai, non ha un soldo, il fisco la cerca e il suo lavoro
offre gli stessi sbocchi del sonno eterno. Lottare e assorbire la crudeltà di Diego è la sua
unica difesa. Tra deserto e foresta, la caccia all’uomo è aperta.

COVER

cover

ESTRATTO

Non so quanto resto in isolamento. La fame viene e se ne va. La sete resta. Arrivano i cavi elettrici, se ne vanno insieme alle mie unghie dei piedi. Borbotto il giuramento del cartello, però sono troppo stanco. Forse non lo sente, di sicuro perdo i sensi. Mi desta insieme a una secchiata gelida sul petto nudo. La mia testa ciondola di lato. Nello stordimento distinguo il sibilo della fiamma ossidrica. Mi sento il pupazzetto con la testa a molle che ti sorride dal cruscotto. Dei tacchi risuonano nell’androne. Blanca appare alle sue spalle in una giacca di pelle nera, corpetto e jeans attillati. È tanto pazza quanto bella. Era una spedizioniera che ha fatto carriera con l’omicidio di un avversario pericoloso. Da allora è diventata famosa. Un gran paio di tette strette in abiti provocanti e una Glock fumante in mano. Qualunque uomo ci perderebbe la testa. E così è stato. Sbattersela è come sfidare la Santa Muerte, lo so per esperienza personale. Con lei si possono realizzare quelle fantasie che a una moglie nemmeno proporresti. Si scopa mezzo cartello per sbandierare la sua indipendenza dagli uomini, persino dai più potenti. Tutti la prendono, nessuno la trattiene. Le uniche amicizie che le interessano, sono quelle indispensabili per raggiungere uno scopo superiore: diventare una reina. Non punta il suo uomo. Mi sorride con due labbra che svelano: accontentalo e mi inginocchierò per te. È sexy, seppur meno della donna che ho voluto fottermi per settimane. Lui si volta a guardarla, poi scruta me. «Aspetta», interviene Blanca affiancandolo. «Convinco io questo stupido.» Lui si passa la lingua sui denti mentre la squadra, infine annuisce. Lei siede a cavalcioni su di me senza attendere oltre. Il dolore saetta dal basso verso l’alto. «Cosa hai fatto di bello laggiù?» Mi avvolge le braccia intorno al collo. «Mi hai portato un regalo?» Col cazzo che Blanca mi respingerebbe. Un’altra sarebbe disgustata dal sudore, dal sangue e dal piscio, lei invece mi lecca il labbro spaccato, infila la mano nei miei jeans. Perché Rosa non si lascia andare quanto lei? «Ah, sì, eccolo», lo tira fuori con voce sensuale. Il suo pugno inizia a scendere e salire. «Racconta allo zietto cosa hai scoperto e io ti mando in paradiso.» Non mi si rizza nonostante la sega. Troppe scosse elettriche. Ondeggia i fianchi e odio aver perso la sensibilità proprio adesso. Detesto avere le mani legate dietro la schiena. Quelle tette posso solo contemplarle, rievocare la morbidezza del seno di Rosa. Mi avvelenano i pensieri. «Hai scelto una giornata di merda», le sussurro. Sono nel girone dei dannati, a un passo dall’implorare di allungarmi la vita per il tempo di una scorpacciata di burritos – quanto basta per scopare Rosa un’ultima volta. «Che mi dici della donna?» Blanca mette passione quando masturba un uomo. Sospiro per non chiedere di lei. «Questo non ci interessa, Blanca.» «Si dice che sia molto bella, è vero? Più di me?» Non immagini quanto. «Non ti ho mai visto sorridere così.» «Sono solo felice di rivederti.» «Basta, Blanca.» Lui la tira via per una spalla. «La campanella del secondo round è suonata.»

CERCA UN RIFUGIO LONTANO DA ME © Giovanna Roma

LINK DEL PRE-ORDER SU AMAZON: https://amzn.to/3G2hd5g
CONTATTI AUTRICE: Website / Instagram / Pinterest / Youtube / Pagina Amazon / Facebook / Twitter / Goodreads / gruppo Giovanna Roma’s News


Cosa ne pensate? Potrebbe piacervi come lettura? Fatemi sapere, io ovviamente come sempre vi aspetto qui e vi mando un abbraccio grande!

A presto,

Sara ©

3 thoughts on “COVER REVEAL # – CERCA UN RIFUGIO LONTANO DA ME DI GIOVANNA ROMA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.