SEGNALAZIONE #221 – UN FILM CHE ODIO A MORTE e DI COSTANTINO POMPA.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come state? Io tutto bene! Sono qui che vi porto una serie di nuove uscite librose, in questo caso poesie che spero prendiate in considerazione. Due libricini di poesie che spero troviate interessanti. Ecco a voi:

Un film che odio a morte - Costantino Pompa - copertinaAutore: Costantino Pompa
Titolo: Un film che odio a morte
Editore: Augh!

Genere: Poesie
Collana: Nuvole
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 1 marzo 2018
Pagine: 58
EAN:
9788893432016
Genere: Poesie

Link d’acquisto: https://www.ibs.it/film-che-odio-a-morte-libro-costantino-pompa/e/9788893432016
Trama: Se sei arrivato fin qui, con un libro aperto, un libro di poesie, sei una creatura affamata. Non di solo pane. Come il nostro poeta, come Costantino Pompa. Forse hai gli occhi pieni di speranze, di ricordi del passato, e ti arrampichi per trattenere e raccontare voci altrimenti dimenticate. Forse combatti perché non si perdano le memorie, non si cancellino le macchie d’inchiostro dalla punta delle dita. Forse sei capitato qui per caso e poi, per un gesto d’amore, hai deciso di restare. Di una sola cosa sei sicuro. Malgrado tutto, siamo ancora tra i vivi.


Trama: D’amore, d’amicizia e altre sciocchezze è la silloge d’esordio di Costantino Pompa: un viaggio interiore intimo e nuovo in cui si intravedono gli orizzonti di chi è riuscito a percepire la vita con occhi esperti che sanno cosa guardare, forgiati da esperienze importanti, di chi ha capito che la vita e la morte non sono poi così lontane. Il tono che emerge da tanta consapevolezza non è semplice tranquillità piuttosto quieta rassegnazione con un’unica ed evidente certezza: la vita nel suo svolgersi, ancorata al presente e dritta al domani, e nel suo nostalgico riavvolgersi attraverso i ricordi del passato. Il poeta è un Odisseo contemporaneo che non vuole raggiungere Itaca, ma vuole tornare simbolicamente dentro di sé attraverso le emozioni, trasfigurate in effigi interiori di straordinaria intensità.


Cosa ne pensate? Potrebbero piacervi? Spero lo facciano, davvero. Prestissimo vi parlerò del primo volume che vedete.

A presto,

Sara ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.