SEGNALAZIONE #161 – L’ULTIMA PRIMAVERA DEL SECOLO DI DOMENICO IPPOLITO

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Come va? Io bene, finalmente anche giugno è alle porte, fa sempre più caldo e speriamo che riusciremo a goderci almeno un poco quest’estate. Io, restando in tema vi porto un volume che dal titolo lascia alle spalle la primavera. Cosa succederà? Scopritelo:

Immagine incorporata
Titolo romanzo: L’ultima primavera del secolo
Autore: Domenico Ippolito
Editore: Aporema Edizioni 
Uscita: dicembre 2019
Pagine: 215
ISBN versione cartacea: 9788832144413

ISBN versione ebook:  9788832144512

Link d’acquisto:https://amzn.to/2Y3lYb4

 

IL ROMANZO
Marzo 1999. Scatta l’operazione Allied Force: l’aeroporto militare di Gioia del Colle, in provincia di Bari, diventa il cuore pulsante dell’attacco aereo della NATO contro la Serbia di Milosevic. La Puglia, terra di frontiera sull’Adriatico, si trova a giocare un doppio ruolo: da un lato, trampolino di lancio per i cacciabombardieri alleati, dall’altro, porto sicuro per i profughi kosovari che si riversano disperati sulle coste italiane.
A una festa, il quindicenne Fabio incontra Martina, una ragazza divertente, profonda e affascinante, apparentemente perfetta per scoprire per la prima volta che cosa significhi amare. Eppure, lei sembra sognare un ragazzo più grande, almeno così appare dagli enigmatici disegni che riempiono la sua agenda.
Intanto, al liceo, complici le lezioni appassionanti della Carlucci, la professoressa di lettere, Fabio si interessa sempre di più alla guerra in corso: le scorribande pomeridiane all’aeroporto militare con l’amico di sempre Alessio diventano frequenti, finché i due ragazzi non incontreranno sulla loro strada Beppe, un giovane spacciatore, e l’ex-carabiniere Sante Mercedes, pronti a coinvolgerli in un vortice di violenza e sopraffazione. Martina sembra ormai lontanissima, ma forse è più vicina di quanto Fabio possa sospettare.
Il conflitto aereo infuria sopra le loro teste, e Fabio dovrà scoprire cosa agita il suo cuore e decidere da che parte stare, in quel territorio minato che è l’adolescenza vissuta come se fosse una guerra.

Cosa ve ne pare? Fatemi sapere, come sempre. Mi fa piacere parlarvi di queste belle uscite.

A presto,

Sara ©

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.