BLOGTOUR – IL DESTINO HA ALI DI CARTA DI TOR UDALL: “IL GIARDINO E I SUOI SEGRETI”.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

Oggi per voi ho in serbo una tappa interessante per questo BlogTour. Ringrazio infinitamente la Garzanti per averci permesso la lettura e le ragazze che vi condurranno alla scoperta di questo libro. Ecco qui che ve ne parlo:

7cb8f-immagineTitolo: Il destino ha ali di carta
Autore: Tor Udall
Data di uscita: 13 Settembre 2018
Link d’acquisto: https://amzn.to/2MlxnJK
Trama:Come ogni giorno, la giovane Chloe è seduta in riva al lago circondata da alberi secolari. Qui, al sicuro nel silenzio dei Kew Gardens, il più grande giardino botanico di Londra, Chloe si dedica all’arte degli origami con cui cerca di dare voce a quello che non riesce a dire. Fare origami è l’unico modo per sentirsi protetta da una colpa segreta che non riesce a lasciar andare. Come lei, anche Jonah ha scelto i Kew Gardens per allontanarsi dal caos e rimettere insieme i pezzi di un’esistenza su cui sente di non avere più il controllo. I due ragazzi sembrano non avere nulla in comune, se non di essere anime solitarie e alla deriva. Eppure l’anziano Harry Barclay, il custode dei giardini che li osserva ogni giorno, sa che non è così. Sono mesi che la sua vita scorre secondo un antico rituale: assistere al mutare delle stagioni, preservare le piante più deboli, rispondere alle domande strambe della piccola Milly, la bambina appassionata di fiori rari che gli fa compagnia. Ma soprattutto sono mesi che Harry aspetta. Aspetta che quella promessa che il giardino custodisce possa finalmente essere realizzata. Sa che Chloe e Jonah sono quelli giusti per svelare un segreto lontano. Per raccontare di un amore che supera i confini del tempo. Solo allora loro quattro saranno liberi. Solo allora, proprio come gli origami di Chloe, potranno dare nuova forma alle loro ali fragili e volare in alto per riconquistarsi il loro posto nel mondo.
La mia tappa è questa:

IL GIARDINO E I SUOI SEGRETI


Questa storia è incentrata praticamente quasi tutta all’interno del giardino di Londra: il Royal Botanic Gardens, ovvero il Kew Gardens.
Il giardino sembra portare con se magia oltre un flusso che collega ogni personaggio l’uno con l’altro. Tutto questo è semplicemente la vita che scorre lenta e li rappresenta singolarmente unendoli mano a mano. E‘ proprio il giardino ad unire Harry, Jonah, Milly e Chloe. Età diverse, persone diverse ma con destini intrecciati in maniera indissolubile da un filo invisibile.
Ecco la mappa del giardino che trovate all’interno del libro:

Ci sono alberi che sono in continuo mantenimento ed Harry, il custode del giardino tiene tutto sotto controllo sul suo quaderno per fare in modo che tutto sia in ordine. Ma Harry non fa solo questo. Oltre a prendersi cura di Milly quando va a fargli visita, ad Harry piace osservare cosa accade nel parco.

Conosce bene chi viene ogni giorno, come Jonah, un giovane artista rimasto vedovo troppo giovane. Audrey, sua moglie era davvero dolce ed Harry siede quando nessuno è nei paraggi sulla panchina che è stata installata nel parco in sua memoria. Poi c’è Chloe che passa il suo tempo a disegnare o a fare splendidi origami che a volte lascia per il parco quasi volesse lasciare un suo passaggio. Entrambi scelgono quel giardino per sfuggire o trovare conforto per i difficili e dolorosi momenti della loro vita ma non sanno che essere lì, in quel preciso momento è provvidenziale l’uno per l’altra.

Harry è sempre nei Kew Gardens quando i cancelli sono ancora chiusi, per stare immerso nella natura prima che chiunque altro si sia svegliato e la maggior parte delle persone trovi qualcosa in cui credere. Lui non vuole avere niente da spartire con le divinità tradizionali; se esistono, sono bastarde. Eppure, proprio in questo luogo, si celebra il miracolo quotidiano dei petali che si aprono, di un passero che si dirige verso il sole. Lo percepisce in continuazione: l’impulso di creare nel profondo dell’universo. È in ogni alberello la cui unica ambizione è produrre mele. Harry crede fermamente nel desiderio di prosperare proprio di ogni essere vivente. Ma soprattutto, se rimane in silenzio, nota che gli animali condividono alcuni rituali: come quello scoiattolo laggiù, che si ferma al sorgere del sole. È come se stesse prendendo parte al tutto, consapevole di qualcosa che a lui sfugge. Di qualsiasi cosa si tratti, lo spinge a essere umile. Lo vede anche nelle persone che entrano.

La piccola Milly è qualcosa di più vicino ad una famiglia per Harry e lui risponde per lei a strambe domande con cui entrambi si tengono compagnia.

Harry si occupa del parco ed osserva scorrere le stagioni e le persone passare a Kew Garden non solo per preservare le piante e rispondere a Milly ma aspetta qualcosa che scoprirete soltanto dopo che lo avrete letto. Chloe e Jonah – che non si conoscono ma condividono dentro di loro dolore – stanno per affrontare un percorso attraverso i giardini orientali, la Pagoda, passando per il lago verso la panchina di Audrey fino all’Orangerie e scendendo fino al Campanile, girano in lungo e in largo questo parco che vi farà innamorare e che li porterà ad avvicinarsi. Harry è un buon osservatore e un ottimo compagno con cui passare il tempo all’interno dei giardini di Kew Garden.

Un viaggio dolce, struggente e doloroso accompagnerà i nostri protagonisti in un valzer con la vita in cui vince soltanto chi decide di mettersi in gioco e ritornare a vivere.

Harry si siede su una panchina con il suo diario. Sulla pagina aperta sono annotate osservazioni sulla ninfea gigante, la Victoria cruziana: «La foglia ora misura circa due metri di diametro; sta per fiorire». Fa roteare il mozzicone di matita fra le dita, quindi alza lo sguardo verso il Ruined Arch, una delle stravaganti costruzioni dei Kew Gardens. 

Siete pronti per un viaggio nel bel giardino poco fuori Londra? I nostri personaggi vi aspettano proprio lì, per accogliervi a braccia aperte. Dirò ad Harry di tenere aperte le porte per voi!


Seguite le altre tappe, mi raccomando:

Tappe bt


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con i vostri commenti e se lo leggerete!

A presto,

Sara ©

 

Annunci

4 thoughts on “BLOGTOUR – IL DESTINO HA ALI DI CARTA DI TOR UDALL: “IL GIARDINO E I SUOI SEGRETI”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.