REVIEW PARTY: L’ESTATE SENZA RITORNO DI VIVECA STEN (#176)

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Oggi sono qui con un nuovo libro, un nuovo thriller in arrivo nelle librerie che spero vi piacerà come è piaciuto a me. Ringrazio la Marsilio editore per avermi dato la possibilità di organizzare l’evento e di promuovere questo libro. Spero davvero vi piacerà:

3170929Titolo: L’estate senza ritorno
Autore: Viveca Sten
Pagine: 432
Prezzo: 18,50 euro
Link d’acquisto: https://amzn.to/2KPxaij
Trama: Weekend di solstizio a Sandhamn. In occasione della tradizionale festa di mezza estate, le barche a vela affollano il porto e i pontili sono presi d’assalto da gruppi di ragazzi che si riuniscono per celebrare il giorno più lungo dell’anno. Nella folla, nessuno sente la disperata richiesta di aiuto di una di loro, che finisce per accasciarsi sulla riva, priva di sensi. Anche Nora Linde si prepara a una serata di festa insieme a Jonas, con cui ha iniziato da poco una relazione che l’ha aiutata a gettarsi alle spalle un matrimonio infelice. Ma l’entusiasmo lascia il posto all’angoscia quando Wilma, la figlia quattordicenne di Jonas, scompare e sulla spiaggia viene trovato il corpo senza vita di un suo amico. Dalla centrale di Nacka a Stoccolma, l’ispettore Thomas Andreasson raggiunge l’isola dell’arcipelago per guidare le indagini e fare luce su una storia ingarbugliata in cui, in un mondo di adolescenti smarriti, ognuna delle persone coinvolte ha la propria versione dei fatti e la propria verità da difendere.

RECENSIONE

Risultati immagini per SandhamnLa storia ha inizio al porto di Sandhamn, un’isola al largo di Stoccolma, la sera del Solstizio d’estate. Una ragazza disorientata, senza una scarpa e spaventata, al molo si aggira fra la gente ma tutti non sembrano nemmeno fare caso a lei. Tutti sono talmente intenti nei festeggiamenti, fra musica e alcool che non sembrano accorgersi di lei. Quel giorno, Nora è a casa con il suo compagno Jonas e la figlia di quest’ultimo, Wilma, insiste per poter rimanere alla festa del solstizio fino a tardi. Suo padre si lascia convincere ed la ragazza va alla festa. Ma all’una la ragazza ancora non torna a casa e non riescano a rintracciarla in nessun modo. La mattina dopo, mentre Jonas e Nora sono ancora intenti nelle ricerche della ragazzina, il corpo di un adolescente viene trovato sulla spiaggia, nascosto da qualche arbusto. Non si tratta di Wilma ma si tratta di un amico.

Dove si è cacciata Wilma? Chi ha ucciso il giovane ragazzo sulla spiaggia? I due fatti sono collegati o è stato tutto un caso? Riuscirà Thomas Andreasson incaricato del caso a risolvere la situazione?

Tobias sprofondò di nuovo nel divano, sembrava sul punto di riaddormentarsi lì davanti ai suoi occhi.«Allora sarà con Felicia. » Adrian stava perdendo la pazienza.«Non hai sentito quello che ho appena detto? Felicia è da noi, alla stazione di polizia. » Stavolta le parole fecero effetto, e sul volto di Tobias apparve un vago stupore. Adrian continuò: «È con Ebba. Ma io vorrei capire dov’è Victor. È venuto anche lui con voi su quell’altra barca?» «No, non mi pare. » «Quand’è stata l’ultima volta che l’hai visto?» Tobbe aveva un’aria sperduta. Si passò una mano tra i capelli, guardando incerto il poliziotto.«Sa che non lo so?»

Risultati immagini per viveca sten I stundens hettaLa trama è fluida e ben strutturata, sicuramente mette la giusta curiosità al lettore che curioso cerca un libro interessante. Questo è il quinto libro di una serie che l’autrice stessa ha scritto. In Italia ne sono arrivati solo alcuni, ma non temete perchè sono a se stanti e potete leggerli anche in solitaria. Sicuramente, dopo aver letto questo, sono curiosa di leggere anche i precedenti per conoscere meglio i personaggi principali che ritroveremo in ogni volume.

La copertina italiana la trovo decisamente molto, molto bella, molto più di quanto lo sia l’originale che sembra quasi essere una copertina per quei libri di guide turistiche. Voi non credete? 

Il titolo originale è Svedese, I stundens Hetta, che dal traduttore ho potuto vedere che letteralmente significa “In un periodo caldo”. Posso comprendere la traduzione visto che la storia è ambientato alla festa del solstizio di Sandhamn ma trovo decisamente più azzeccato l’adattamento italiano che ne è stato fatto. Insomma, la copertina e il titolo di questo titolo adottati dalla Marsilio sono davvero unici e veramente belli, a mio parere.

L’ambientazione della storia è Sandhamn, una città svedese situata a Sandö, una piccola isola e l’epoca in cui la storia prende vita è il 2008. 

Probabilmente in tutta Skärkarlshamn non c’era posto migliore per nascondere un cadavere. Quantomeno se si voleva evitare di trasportarlo per un bel pezzo.«In altre parole, era la soluzione più semplice. » «Sì, diciamo di sì. » Thomas stava andando verso le case grigie quando Nilsson lo chiamò.«Ho trovato qualcosa, vieni a vedere. » Il tecnico sfilò con estrema cautela un cellulare dalla tasca degli shorts color kaki del ragazzo morto. Era un Eriksson e non esattamente il modello più a buon mercato.«Con questo dovresti riuscire a identificarlo. » Thomas soppesò l’oggetto nella mano. Chi sei?, si domandò. Da dove vieni?

I personaggi descritti e introdotti in questa storia sono decisamente variegati e molteplici. Avrete modo di conoscere i dettagli di ogni personaggio, in un modo o nell’altro. In più, tutti gli altri personaggi sono ben descritti e mai lasciati al caso. Tutti sono ben impostati, anche i ragazzi più giovani di cui si tratta del periodo adolescenziale. Nonostante questo, l’autrice riesce a trattarlo veramente bene immedesimandosi nelle problematiche dei giovani.

Thomas Andreasson è un’ispettore che dalla centrale di Nacka a Stoccolma, viene chiamato sull’isola di Sandhamn per guidare l’indagine relativa ad un omicidio avvenuto durante il solstizio. Thomas è un uomo forte e determinato nel suo lavoro ma al contempo fragile nella vita privata. Un personaggio singolare e decisamente interessante sotto molti punti di vista.

Nora Linde è un avvocato che ha divorziato con il precedente marito e che ha a carico due figli e la figliastra del giovane compagno di cui è innamorata. E’ una donna caparbia e sicura ma anche allo stesso tempo preoccupata per le sorti della piccola Wilma e per ciò che succede sull’isola. Thomas e Nora si conoscono da diverso tempo e, dalle pagine di questo volume, la cosa si nota senza ombra di dubbio.

«Dobbiamo andare» disse. Anjou salutò Thomas con un cenno e lo seguì. Anche Thomas si alzò.«Sarebbe bene che andassimo subito a casa tua» disse a Nora.«Da un momento all’altro arriverà anche Margit. » le accarezzò la guancia per farle forza.«Ma Jonas dov’è?» «Ancora a casa. Sta chiamando gli altri amici di Wilma per sentire se qualcuno sa qualcosa. Spero proprio che tu abbia ragione… » Il suo tono era molto dubbioso. lo spero anch’io, pensò Thomas.

Risultati immagini per SandhamnIl perno centrale è la festa del Solstizio di mezza estate dell’isola di Sandhamn. E’ da lì che la storia ha inizio e dalla quale si creano misteriosi intrecci e vengono fuori strani risvolti nella storia.

Lo stile che è stato utilizzato è decisamente fluido e scorrevole. Ad un tratto la storia è sembrata rallentare per soffermarsi su ulteriori dettagli che probabilmente non erano così richiesti ma non rendono meno vera e intensa la lettura. Avrei infatti preferito che ci fosse qualche colpo di scena in più, non per forza di particolare rilevanza ma che aiutassero a tenere tutto più vivo ad un certo punto. Insomma che non fossero concentrati tutti alla fine.

Ho apprezzato particolarmente l’ambientazione scandinava. Non ho mai letto libri con quest’ambientazione e devo dire che l’autrice ha descritto il posto egregiamente e lo ha reso talmente bello da voler immediatamente a fare un viaggio in quelle terre. L’autrice sembra avere così tanta dimestichezza col posto che descrive da farlo sembrare il posto in cui vivi, da farlo sembrare vivido e reale.

I personaggi sono stati ben impiantati e veri. In particolar modo Thomas mantiene l’aspetto di persona umana sotto tutti gli aspetti. Ha perso una figlia quando era molto piccola, si sente provato della perdita di quel ragazzo e del dolore dei genitori tanto da non riuscire ad essere di alcun aiuto, neanche morale. E’ un poliziotto ma è anche un uomo allo stesso tempo. Ho apprezzato molto questo aspetto, perchè molto spesso si tende a far diventare questo, diciamo, l’eroe della situazione, dimenticando la sua umanità e che fa errori come tutti gli altri. Il personaggio che è arrivato meno è stata, invece, Nora. Sembra essere troppo accondiscendente e fredda anche nel modo in cui cerca la sua figliastra. Non so, mi ha dato quest’impressione ma probabile che il suo personaggio sia stato meglio spiegato nei libri precedenti.

Thomas conosceva le statistiche a memoria, vittima e assassino di solito si conoscono. Era molto raro che il colpevole fosse un perfetto estraneo.«Cos’altro abbiamo?» «Ecco, bravo. Al momento direi nient’altro» rispose Margit. La collega fece una smorfia preoccupata.«È morto un ragazzo adolescente e noi non abbiamo idea di cosa sia successo, davvero non so se sia più credibile pensare a un ignoto assassino o a uno della sua cricca. » l’aria della stanza si fece d’un tratto pesante nonostante la finestra spalancata.

Il libro è stata decisamente una bella scoperta. Sono felice di aver avuto l’opportunità di presentarvi questo volume, che sicuramente vi consiglio. Una storia interessante, un thriller misterioso e avvincente.

Viveca Sten scrive un thriller scandinavo che si lascia leggere in poche ore, dai tratti decisamente accattivanti. Una vacanza che si trasforma in un incubo, una festa estiva che porta con se un cadavere sulla spiaggia. Una storia che vi catturerà per la grande curiosità che riesce a suscitare.

Il mio voto per questo libro è di: 4 balene.

Senza titolo-2


Seguite le tappe delle altre blogger che vedete qui sotto, nell’immagine. Non ve ne pentirete:

banner_review_party[1]


Vuoi acquistare L’estate senza ritorno e sostenere il Blog? Acquista da Qui: L’estate senza ritorno o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Cosa ne pensate? Fatemi sapere con un commentino se avete letto questo libro o se lo leggerete e cosa ne pensate!

A presto,

Sara ©

 

 

2 thoughts on “REVIEW PARTY: L’ESTATE SENZA RITORNO DI VIVECA STEN (#176)

  1. Anche io ho notato un po’ un rallentamento ad un certo punto, sarà che in questo modo abbiamo avuto di scoprire di più sulla psicologia dei personaggi, però in effetti un bel colpo di scena me lo aspettavo, anche se il finale ha un po’ ravvivato il tutto 🙂 E l’ambientazione direi che è la cosa meglio riuscita: si vede che i posti li conosce davvero ed è riuscita a descriverli in modo molto realistico!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.