RECENSIONE #137 – THE HATE U GIVE DI ANGIE THOMAS

BUON POMERIGGIO PARTICELLE LETTRICI!

Oggi, voglio presentarvi un nuovo libricino, davvero davvero interessante. Sono stata davvero felice e soddisfatta di leggerlo. Oltretutto, ho condiviso questa lettura assieme a Reader in the attic, mia amica :). Ve ne parlo:
611eufnk2b4lTitolo: The Hate U Give – Il coraggio della verità
Autore: Angie Thomas
Editore: Giunti
Genere: Young Adult
Data di uscita: 30 agosto 2017
Link d’acquisto: http://amzn.to/2CVNcGF

Trama: La sedicenne Starr Carter si muove tra due mondi: il quartiere povero in cui vive e la scuola di lusso che frequenta. L’equilibrio già al limite tra questi mondi viene spezzato quando Starr assiste alla morte del suo miglior amico d’infanzia Khalil, per mano di un ufficiale di polizia. Khalil era disarmato.  Poco dopo la morte del suo amico è sulle prime pagine di tutti i giornali nazionali. Alcuni lo considerano colpevole, forse anche uno spacciatore di droga e un appartenente a una gangband. Le proteste si sollevano sulla strada in nome di Khalil. Alcuni poliziotti e il signore della droga locale cercano di intimorire Starr e la sua famiglia. Quello che tutti vogliono sapere è: cosa è successo veramente quella notte? E l’unica persona viva che può rispondere è Starr. Ma ciò che Starr può dire o non dire potrebbe abbattere la sua comunità. E potrebbe anche mettere in pericolo la sua vita.

RECENSIONE

La storia ha inizio ad una festa. Starr è insieme a Kenya e non avrebbe dovuto essere lì. Primo perchè i suoi genitori non vogliono, secondo perchè lei non conosceva nessuno lì, frequentando una scuola per bianchi e terzo, perchè quel genere di feste finivano sempre male a Garden Heights.

Risultati immagini per gif neri che urlanoStarr è lì ad un angolo e ad un tratto si avvicina Khalil, un vecchio amico di quando erano bambini. Iniziano a parlare di cose semplici e poco dopo cominciano gli spari. Khalil si offre di accompagnare Starr a casa così i due salgono in macchina e si dirigono verso casa. Nel loro percorso vengono fermati da una volante e Khalil accosta subito, Starr cerca di restare calma nonostante sia agitata ed abbia paura. Lui scende dalla macchina e fa tutto quello che gli viene detto ma nel momento in cui va a chiedere a Starr come stava e che tutto andava bene, l’agente spara.

La ragazza vede così morire davanti a se il suo migliore amico da un poliziotto bianco, gli stessi uomini che dovrebbero proteggerli. Adesso tutto è nelle mani della giovane Starr. 

Avrà il coraggio di parlare e fare giustizia per il suo migliore amico? O avrà paura e starà in silenzio? Khalil avrà giustizia?

Mentre ce ne andiamo ricordo che Khalil mi rincorreva sempre fino alla macchina, con il sole che gli faceva risplendere i solchi imbrillantinati tra le treccine. Anche i suoi occhi brillavano. Bussava al finestrino, aspettava che lo abbassassi e mi sorrideva, mostrando il suo dente storto. «Ci vediamo, caimano». Ridevo anch’io, allora, mostrando i miei denti storti. Adesso mi viene da piangere. Gli addii che fanno più soffrire sono quelli in cui un’altra persona se n’è già andata. Me lo immagino in piedi davanti al finestrino, e sorrido. «A dopo, vecchio topo».

La trama è ben scritta e riassume bene ciò ce succede all’interno del romanzo. Un romanzo che parla di ragazzi, di razzismo, di coraggio e di parole, parole che prima o poi verranno a galla.

La copertina è stata mantenuta come l’originale ed io l’adoro perchè rappresenta tutto ciò che il libro rappresenta. Starr sullo sfondo bianco, con un cartello che recita il titolo del nostro romanzo,  il testo della canzone di Tupac che non è poi tanto lontano dalla realtà: L’odio che voi ci date. Non ha bisogno di traduzioni, perchè è evidente. L’unica cosa che storpia la questione è il sottotitolo. Una copertina davvero bella, e sono contenta che sia stata mantenuta come l’originale.

L’ambientazione è Garden Heights, il ghetto immaginario in cui si svolge la storia, e l’epoca è assolutamente moderno, ambientato in un America che combatte ogni giorno contro questo. L’autrice dedica questo a tutti i ragazzi di GeorgeTown come tutte le Garden Heights del mondo. “Le vostre voci contano“. Contano, ed è vero. Contano e bisognerebbe che noi le ascoltassimo di più.

I funerali non sono per i morti. Sono per i vivi. Dubito che a Khalil importi quali inni vengano cantati o cosa dica il pastore. E’ in una bara, e questo niente può cambiarlo. Usciamo di casa mezz’ora prima dell’inizio della funzione, ma il parcheggio della chiesa del Tempio di Cristo è già pieno. Qualche compagno di scuola di Khalil indossa la maglietta RIP KHALIL con la sua faccia sul davanti. Ieri un tipo a cercato di vendercele, ma mia madre ha detto che oggi non le avremmo indossate: le magliette sono fatte per girare in strada, non per andare in chiesa. E così, eccoci qui, vestiti di tutto punto.

Risultati immagini per amandla stenberg gifI personaggi non sono tantissimi ma sono tutti ben descritti. Mi riservo di parlarvi innanzitutto della protagonista assoluta di questa storia davvero ben interpretata.

Starr è una sedicenne dolce che si divide in due parti. C’è la Starr Carter della Williamson, quella che frequenta quindi, una scuola per bianchi, che ha un fidanzato bianco di nome Chris e che sta sempre attenta a non mostrare la vera se per non essere additata come la nera isterica, la nera del ghetto, la nera…. E poi c’è la Starr Carter di Garden Heights, quella che è se stessa ma che non si relaziona con chi vive nel suo quartiere se non con la sua famiglia. La Starr che ha perso la sua migliore amica quando era una bambina ed ora ha visto morire il suo migliore amico Khalil e l’unica che può fare giustizia per lui è proprio lei.

Starr è tutto questo ma anche di più. Starr è la voce che può scatenare una serie di eventi nel suo quartiere o quella che resterà in silenzio ad aspettare, nascosta dalla paura come tutti gli altri. 

(Apro e chiudo la parentesi: sono già stati acquisiti i diritti di questo libro per farne un film e l’attrice protagonista che interpreterà Starr sarà Amandla Stenberg, la ragazza che vedete nell’immagine qui in alto che ha fatto il film Noi siamo tutto ed ha interpretato Rue in Hunger Games).

«Non sfrutto i morti per saltare le lezioni». Se non fossi etero, le chiederei di uscire con me solo perchè ha detto una cosa simile. Questa volta sono io a posarle la testa sulla spalla. Lei mi accarezza i capelli e dice: «A volte i bianchi si comportano da idioti». Jess è bianca. Seven e Layla ci raggiungono con i loro vassoi. Seven mi tende il pugno, e io glielo tocco con le nocche. «Se-ven» dice Jess, e si sbattono i pugni anche loro. Non avevo idea che fossero così in confidenza. «A quanto pare stiamo protestando contro la protesta». «Si.» risponde Seven. «Protestiamo contro la protesta».

Il perno centrale è proprio la morte di Khalil. Il libro si basa tutto sulla sua morte e sul razzismo. Un argomento delicato e toccante, vero e profondo come non avete mai immaginato.

Lo stile utilizzato è stato molto semplice, in prima persona dal punto di vista di Starr. Un libro scorrevole, a primo impatto ma con un peso e un valore inestimabile.

The Hate U give è un vero e proprio manifesto alla lotta. A quella contro il razzismo visto dagli occhi di un’adolescente di un quartiere difficile, in cui tutti hanno paura e nessuno parla e in cui l’uomo bianco porta terrore. The Hate U Give è un inno alla realtà, quella che questi ragazzi affrontano ogni giorno con difficoltà e paura, senza che nessuno sia lì ad ascoltarli.

L’unica cosa che forse non mi ha convinto è stata la parte finale che non posso spoilerarvi ovviamente e speravo veramente in qualcosa di più ma è assolutamente un gusto personale.

«Se l’agente Cruise fosse seduto qui con noi», chiede Diane Carey «che cosa gli diresti?» Batto le palpebre a ripetizione. La saliva mi riempie la bocca, ma la inghiotto. Non lascerò che il pensiero di quell’uomo mi faccia piangere o vomitare. Se fosse seduto qui con noi, il mio Gesù Nero non sarebbe sufficiente a farmi che lo perdono. Probabilmente gli mollerei un pugno. Senza tante storie. Ma April Ofrah dice che questa intervista è il mio modo di combattere. E quando combatti ti scopri, senza pensare a chi ferisci o temere di essere ferito. E così tiro un altro pugno, stavolta dritto a Uno-Quindici. «Gli chiederei se rimpiange di non aver sparato anche a me.»

Il libro è stato profondo e decisamente riflessivo. Una storia che entra di sicuro nei libri che rileggerei senza esitazione.

La Thomas ha creato un immaginario non lontano dalla realtà che ci circonda. Tutto sembra essere difficile e lontano da noi ma c’è gente che combatte per l’uguaglianza di diritti, per dei valori che non riconosciamo perchè siamo capaci di giudicare, di puntare il dito. Un libro che parla di rose che crescono dall’asfalto e che hanno coraggio, davvero tanto coraggio.

Un libro che vi invito a scoprire e a leggere. Un libro che vi porta nel mondo di Starr e v catapulta nella sua vita. Un romanzo che non potrete far a meno di apprezzare.

Il mio voto per questo libro è di: 5 pesciolini.

picsart_09-22-09.39.42-1.jpg


Vuoi acquistare The Hate U Give e sostenere il Blog? Acquista da Qui: The Hate U Give. Il coraggio della verità o dal generico Link Amazon: Amazon

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


 Cosa ne pensate? Io ve lo consiglio, davvero un buon libro! Voi lo avete letto? Lo leggerete?

A presto,

Sara ©

Annunci

12 thoughts on “RECENSIONE #137 – THE HATE U GIVE DI ANGIE THOMAS

  1. Pingback: #SHARINGBOOKS – CORAGGIO | Milioni di Particelle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...