RECENSIONE #131 – REGALAMI UNA STELLA DI KATIE KHAN

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE LETTRICI!

E buon week-end. Oggi non posso non parlarvi di un libro che mi ha tenuta incollata alle pagine in questi giorni. Un libro che mi ha emozionato e di cui vi devo assolutamente parlare. Ringrazio infinitamente la Newton Compton per avermi permesso la lettura e per aver portato in Italia questo piccolo gioiello.

regalami-una-stella_9321_x1000

Titolo : Regalami una stella
Autore: Katie Khan
Editore: Newton Compton
Genere: Young Adult
Data d’uscita: 7 settembre 2017
Link d’acquisto: http://amzn.to/2oj4J5d

Trama: Allontanatisi dalla loro astronave e ormai fluttuanti nello spazio, Carys e Max si rendono conto che non riusciranno più a raggiungerla. Con sé non hanno niente che possa salvarli. Hanno solo novanta minuti d’aria a disposizione. Carys e Max non avrebbero mai dovuto innamorarsi. Le regole del mondo da cui provengono non lo permettono. Eppure, quando ha incontrato Carys, Max ha sovvertito quelle regole. Pur sapendo che sarebbe stato impossibile rimanere insieme per tanto tempo. Che amarsi realmente non sarebbe stato loro concesso. Ora, alla deriva e senza più niente che li trattenga se non il reciproco contatto, non possono fare altro che ricordare. Mentre i minuti scorrono inesorabili, nei loro pensieri rivive ogni istante della loro indimenticabile storia d’amore…

RECENSIONE

Immagine correlataLa storia ha inizio dalla fine. O almeno non esattamente. Carys e Max si ritrovano a fluttuare con le loro tute nello spazio distanti sia uno con l’altro che distanti dalla navicella, il Laerte, che li ha portati nello spazio.

I due riescono a raggiungersi e provano, chiedendo ad Osric, una voce computerizzata che li assiste anche in lontananza collegato alla navicella, con il flex della loro tuta. Quando i due si rendono conto e scoprono tramite Osric che hanno solo novanta minuti di aria rimanenti, tentano l’impossibile per cercare di tornare a bordo.

Riusciranno a salvarsi? Sarà l’amore più forte di qualsiasi altro ostacolo al mondo? Ripercorreremo una storia d’amore piena di ostacoli ma meravigliosa.

«In nome di chi agisci?» «Non in nome di dio, nè del re, nè della patria.» rispose il gruppo. «In nome di chi?» «Nel mio». Oliver colse l’occasione per versarsi del vino. «E’ interessante, non credete?» disse, ruotando il Pinot Grigio nel bicchiere. «Non diciamo più da dove veniamo, ma dove siamo stati». «E’ il bello della Rotazione», disse Max. «Vedere il mondo, vivere in posti diversi, non stare più di tre anni nello stesso…».

La trama è ben scritta anche se lascia presupporre il peggio. Io non vi dirò ne farò spoiler ovviamente, ma poteva essere resa, almeno su questo piano, migliore per evitare appunto, quello che sto evitando anche io con questo immenso giro di parole.

Risultati immagini per regalami una stella

Risultati immagini per regalami una stella

La copertina originale è quella che vedete qui a sinistra.  Inizialmente la Newton Compton aveva accennato alla copertina che vedete qui di lato a destra, molto somigliante all’originale, poi ha optato per modificarla un pò e il  risultato è stato, per una volta, persino migliore. Mi piace sinceramente di più così come è e quando mi è arrivato ero strafelice. Peccato che abbia dovuto aspettare tanto per leggerlo per altre letture che si sono sovrapposte. Ma eccoci qui, no? 

Il titolo originale Hold Back the stars che teoricamente è Tienimi una stella ma alla fine non mi dispiace l’adattamento italiano che ne è stato fatto.

L’ambientazione è solo apparentemente fantastica. E’ stato riadattata la Terra in maniera post apocalittica in cui ogni ragazzo/a da una certa età in poi fino ai 30 anni è costretto a spostarsi ogni tre anni a Rotazione nei vari Voivodati, che sono delle dei stati in cui devono vivere. E’ una società che punta sul fatto che non debbano esserci delle relazioni stabili fra soggetti perchè non si è maturi fino a 35 anni e si facilitano le relazioni occasionali. L’epoca, avendo detto post-apocalittico, capite bene che parla da se, anche se non c’è una vera e propria data all’interno del romanzo.

«Se quel tram fosse stato su punto di travolgermi, non avresti trovato una forza sovraumana per salvarmi?» «E se non l’avessi fatto?» «Di fronte alla morte mostriamo la nostra vera natura», disse Max. «La donna che trova una forza sovraumana per sollevare un’auto con qualcuno intrappolato sotto, l’uomo che rischia la vita per via dalla strada un bambino sconosciuto, salvandolo dal veicolo che stava per travolgerlo. Siamo capaci di atti eroici, quando ci troviamo di fronte alla morte. Oppure, talvolta, di atti ben poco eroici. Codardia. Non puoi nascondere chi sei veramente, quando tutto finisce. Ma la cosa più strana, Cari, è che questi racconti di eroismo stanno diventando più frequenti rispetto a quelli sui passanti che non fanno nulla».

Risultati immagini per gif astronautaI personaggi non sono poi molti ma i protagonisti principali riempiono completamente la storia che gira esclusivamente su di loro e la completano rendendola unica e indimenticabile.

Carys è una ragazza dolce ma anche coraggiosa. E’ una pilota per l’ASVE ed è molto intelligente in materia di chimica, fisica e quant’altro. Il suo amore per Max è sconfinato, anche se sa che lui non è ciò che avrebbe voluto accanto a se.

Max è un tipo piuttosto singolare. Il suo amico Liu, lo fa passare per ciò che non è per rimorchiare mentre lui è un semplice commesso in un negozio di alimentari. Figlio di coloro che hanno messo a punto il sistema dell’Individualismo, dei Voivodati e della Rotazione, Max crede in ciò che i suoi genitori gli hanno trasmesso ma quando si innamora di Carys tutte le regole che gli sono state impartite sembrano svanire.

I due si conoscono tramite MindShare, un sito dove si possono fare determinati tipi di richieste e si riceve altrettanta risposta. Carys cercava del grasso d’oca per cucinare e Max fu il primo e l’unico a risponderle. Da quando si conoscono, al negozio, tra i due nasce un qualcosa che va oltre l’inspiegabile. Nonostante i due, dopo una cena non si vedano più per diverso tempo, saranno destinati a rincontrarsi e ad amarsi anche se le regole del posto in cui vivono glielo vietano fino ai trentacinque anni.

Max le lancia uno sguardo inorridito. «Non parlare così, sembri me». «E’ vero, comunque». «Smettila, suvvia. Tu non parli in questo modo. Usa l’aria più saggiamente, con parole più positive». Lei lo guarda con impazienza. «Allora parliamo». «Non c’è modo migliore di passare gli ultimi minuti della mia vita», dice lui, «che parlare con la persona migliore che abbia mai conosciuto».

Risultati immagini per gif astronautiIl perno centrale, oltre ai novanta minuti d’aria disponibili, è la dolce e “impossibile” storia d’amore fra Carys e Max. I due non dovrebbero amarsi ma lo fanno comunque e sfidano le leggi e le regole di un mondo che sostiene l’Individualismo.

Lo stile utilizzato è stato scorrevole e la storia dolcissima. Tutto sembrava facile anche se non lo era affatto. I novanta minuti d’aria rimanenti scorrono inesorabili mentre i loro ricordi fluiscono in maniera altrettanto fluida.

L’unica cosa che mi sembrava non aver capito, almeno inizialmente è stata la parte finale, ma non posso fare spoiler, quindi non vi dirò altro. Una volta finito però tutto diventa chiaro.

«Si, parto, ma ti chiamerò ogni giorno». Alza il pollice per sincronizzare il chip con quello di Kent e prende la mano di suo fratello. «Ti manderò un messaggio tutti i giorni, perchè sei il mio migliore amico». Kenti si appoggia a Max, sul letto, posandogli la testa su una spalla. «E Carys è la tua seconda migliore amica?» «Tu sei il mio miglior amico», ripete Max, «e Carys è il mio amore per sempre».

Il libro  è stato interessante, tenero, dolcissimo. Katie Khan ha creato un mondo in cui le regole sono sovvertite e in cui due ragazzi, nonostante le regole, decidono di infrangerle e di amarsi persino persi fra le stelle, con le loro tute dove il tempo sembra essere infinito ma anche troppo veloce. Una storia commovente e indimenticabile.

Consiglio assolutamente la lettura di questo libro, vi sorprenderà la storia d’amore fra i due e quanto l’amore possa essere importante, a volte.

Il mio voto per questo libro è di: 5 pesciolini

picsart_09-22-09.39.42-1.jpg


Vuoi acquistare Regalami una stella e sostenere il Blog? Acquista da Qui: Regalami una stella o dal generico Link Amazon: Amazon.

Aiuterai a sostenere il Blog a ricevere una percentuale che potrà essere utilizzata per acquistare libri di cui vi parlerò!


Vi piace? Lo avete letto? Se non lo avete letto non vi resta che farlo, mettetelo in lista perchè è fantastico.

A presto,

Sara ©

4 thoughts on “RECENSIONE #131 – REGALAMI UNA STELLA DI KATIE KHAN

  1. Ma che bella recensione! Mi piace molto com’è strutturata.
    Questo libro mi ispira tantissimo!!!😍
    Ne ho letto degli estratti e questi hanno addirittura triplicato la mia voglia di leggerlo.
    Penso che lo prenderò a breve.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.