RECENSIONE IN ANTEPRIMA #100 – THE STORE DI JAMES PATTERSON.

BUON POMERIGGIO CARE PARTICELLE!

Lettori di tutta Italia e oltre! Ecco per voi una nuova recensione in anteprima. James Patterson torna in libreria per tutti i suoi fan (ma anche per chi voglia cominciare a scoprirlo!). Io personalmente ho scoperto Patterson con questo libro; Cioè, lo conoscevo già di fama ma non avevo mai letto niente di suo e di questo ero assolutamente curiosa. Ringrazio la Longanesi per l’invio e vi parlo di questo libro davvero alternativo.

39795-image003Autore: James Patterson

Titolo: The store

In libreria dal: 15 settembre 2017

Pagine: 300

Prezzo: 16.40 eurot

Trama: “The Store” è il più grande negozio on line del mondo, dominatore assoluto del mercato e delle vite di tutti, anche se nessuno se n’è ancora accorto. Come recita il claim pubblicitario, “The Store sa i tuoi bisogni prima che li sappia tu”, e infatti, non solo può consegnare ogni cosa di cui i clienti hanno necessità grazie all’utilizzo di droni, ma riesce persino a prevedere e anticipare le esigenze dei consumatori. Per la maggior parte delle persone tutto questo non è un problema, ma Jacob e Megan Brandeis, due scrittori newyorchesi, hanno delle riserve, e decidono di scoprire quale verità si cela dietro a “The Store”. Anche se non hanno più un contratto editoriale, anche se la vita è sempre più difficile per chi, come loro, si occupa di parole e carta stampata, c’è qualcosa che a loro non mancherà mai: il fiuto per una buona storia. Una storia che deve essere raccontata, a ogni costo. Così, prendono una decisione che potrebbe avere conseguenze inimmaginabili: si infiltrano in “The Store” per scoprire dall’interno quali siano i veri meccanismi che governano quel colosso commerciale. Svelarne i segreti potrebbe essere lo scoop del secolo, potrebbe cambiare la vita dell’intera nazione. Ma potrebbe anche porre fine alla loro.

RECENSIONE:

Jacob Brandeis sta scappando e porta con se un manoscritto. I droni in città che passano sopra la città lo cercano e qualcuno sembra riconoscerlo. Lui però non demorde, deve portare un manoscritto alla sua agente, deve farcela e deve fare in modo che venga pubblicato.

Subito dopo, senza se e senza ma, si passa a otto mesi prima, a come tutto è iniziato. Jacob e Megan sono due scrittori che fino a prima dell’arrivo sul mercato del colosso di The Store erano due scrittori affermati. The Store è una specie di Amazon, dove inizialmente veniva utilizzato solo per comprare le cose e farsele consegnare a casa; una volta che The Store ha preso piede ed è diventato un colosso, ha instaurato una specie di proprio credo a cui la gente non può rifiutarsi di sottostare, perchè The Store decide per qualsiasi cosa. Dopo The Store, il collasso per i due giovani protagonisti è stato inevitabile e vivevano sul lastrico. Quando presentano l’ultimo libro al sito pioniere il libro viene cestinato e rifiutato. Da quel momento balena nelle loro teste un’idea folle ma grandiosa, che potrebbe rimetterli in pista e decidono di metterla in pratica.

Riusciranno nel loro intento? Saranno più forti di ciò che troveranno una volta approdati tra le grinfie del temerario nemico?

«Ma, dal momento che The Store è così grande e sta continuando a crescere, fra tre mesi potremmo essere promossi. Solo tre mesi.» «Questo è quanto», conclusi, sperando che la decisione con cui avevo pronunciato quelle parole mi facesse recuperare punti e che il discorso finisse lì. Certo, erano stupiti. Molto stupiti. e, sì, continuarono a sfotterci con battute sui contadini, sui repubblicani e sulla squadra di football dei Cornhuskers.  Ma guardandomi intorno capii che avevano abboccato tutti. (…) Gettai uno sguardo fuori dalla finestra e vidi un drone impegnato a registrare tutto ciò che accadeva intorno alla nostra tavola. Mi accorsi anche che Anne Gutman mi stava fissando. Eravamo buoni amici, vecchi amici. Il suo sorriso tirato mi disse che non si era bevuta una sola parola.

La trama invita a leggere il libro. Io l’ho adorata fin da subito e mi ha convinto a scegliere questo libro. Conosco l’autore dall’epoca dei tempi ma non avevo mai letto niente di suo perchè non mi ha mai ispirato particolarmente ma questa lettura mi ha catturata da subito, già dalla sua trama.

Risultati immagini per the store james patterson

La copertina italiana, rispetto all’originale che trovate qui di lato, devo dire che mi piace di più. E’ decisamente più rappresentativa della storia in se mentre l’originale sembra non entrarci nulla con il libro e ciò che narra. Quindi, punto decisamente a favore della Longanesi.  Il titolo è decisamente rappresentativo e meno male, non è stato cambiato per nessuna versione esistente del libro, almeno fin’ora. Grazie. Perchè altrimenti non oso immaginare cosa potrebbe diventare.

L’ambientazione è futuristica, in un futuro decisamente prossimo, nel 2020.

«È una telecamera», osservai. «Una telecamera microscopica, come una… telecamera di sorveglianza.» La fissammo come se avessimo appena trovato un diamante raro, e immagino che, in un certo senso, fosse proprio così. Fui io a spezzare il silenzio. «Figli di puttana! A New York abbiamo le telecamere di sorveglianza per strada, ma qui stiamo passando il limite, cazzo! Delle telecamere dentro casa nostra!» «Jacob, calmati.» «Insomma, Megan! Uno non ha il diritto di aspettarsi un livello ragionevole di privacy nella sua casa?» «Magari nel Nebraska ci sono leggi diverse.» «No.» Stavo tremando di rabbia. «Non si può fare una cosa del genere in casa di qualcuno. È illegale!»

I personaggi sono molti ma mi soffermerò su i principali che interverranno in questo libro.

Jacob Brandeis è il personaggio principale e quello su cui gira tutta la storia. E’ autoritario quanto basta, crede nella legge e nelle cose giuste, ama scrivere e adora la sua famiglia. E’ un uomo intelligente e perspicace, a tratti anche un tantino geloso.

Megan è la moglie di Jacob. Appoggia suo marito in tutto, ma quando si troverà alla stregua di The Store si ritroverà a mentire per cercare di rimanere sana e salva.

Alex e Lindsay sono i figli di Jacob e Megan. I due ragazzi sono dapprima semplici e dediti alle regole della casa. Una volta che entrano a far parte del meccanismo di The Store sembrano diventare completamente altre persone. Non vi dirò di più, dovrete leggervelo da soli.

La struttura dei personaggi è stata posta in maniera interessante e vi dirò più avanti cosa ne penso del personaggio principale della storia.

« Questo libro che state scrivendo… » « Cosa c’è? » lo incalzò Megan. « Smettete. Smettete di lavorarci. Smettete di scriverlo. » « Perché? » domandai. « Vi prego, smettete e basta », rispose Alex. « Ma perché? » domandai di nuovo. « È una cattiva idea. » Di colpo l’onnipresente sorriso svanì del tutto dalla sua faccia. Arrivato alla porta, Alex si girò e aggiunse: « Una pessima idea».

Risultati immagini per droni consegna pacchi gifRuolo importante, ce l’ha The Store che è poi il perno centrale di questa storia. The Store è un negozio online, un colosso delle vendite e delle spedizioni. Tutto passa sotto il naso di The Store e niente può sfuggirgli. Quindi state molto attenti a non cadere nelle sue grinfie. E poi chissà, speriamo che uno dei nostri colossi non diventi così, altrimenti finiremmo male.

Lo stile utilizzato da Patterson per questo libro è scorrevole e coinvolgente ma anche piuttosto minimal. In alcuni punti si nota proprio con quanta leggerezza il protagonista si muova o compia le sue azioni. La storia è scritta in prima persona proprio dal punto di vista di Jacob e non posso non dare un punto a favore per la struttura efficace del personaggio che è stato creato.

Jacob è coinvolgente ma sopratutto naturale. Ha delle reazioni umane e non eroicizzate come in tutti i libri di questo genere, per questo l’ho trovato ottimo. Peccato che a volte Jacob diventi ripetitivo e sembra che giri intorno alle cose. La storia è stata interessante e senza dubbio il finale lascia a bocca aperta. 

Esaminai la stanza insolitamente sgombra. Gli uomini erano ciascuno accanto al proprio sacco nero della spazzatura. Il pelato lesse ad alta voce da un cartoncino: « Jacob Brandeis, la città di New Burg nello Stato del Nebraska ha legittimamente raccolto, con l’approvazione degli uffici del Dipartimento di giustizia del Nebraska, uno o più oggetti considerati di rilevanza governativa per lo Stato. Questo materiale potrebbe non venirle restituito al termine dell’indagine ». Pausa. « ha capito la dichiarazione che le ho appena letto? » « Certo », risposi. « e potete andare tutti all’inferno. »

Questo libro è stato decisamente molto interessante sopratutto a livello d’interpretazione del personaggio. Il protagonista è vero dall’inizio alla fine. Probabilmente anche io avrei avuto le stesse reazioni davanti a determinate cose e si è mantenuto tale non scivolando in cliché decisamente banali. Riesci a connetterti in pieno con lui, per quanto superficiale possa sembrare, proprio perchè mantiene un lato giusto nel vedere le cose.

James Patterson, è stata una piacevole scoperta ed entrare nel mondo di The Store, un distopico leggero ma che potrebbe essere verosimile a ciò che potremmo aspettarci fra qualche anno. Quindi vale la pena leggerlo. Un libro che analizza la società moderna, la modifica e ne crea un modello che potrebbe essere quasi il nostro, in un futuro prossimo. Consiglio? Si, direi che se volete addentrarvi in una lettura interessante, potete leggere questo libro.

Il mio voto per questo libro è di: 4 conchiglie e mezzo.

quattro-e-mezzo


Cosa ne pensate? Lo leggerete? Io vi aspetto con tanti bei consigli e il libro vi aspetta dal 15 in libreria.

A presto,

Sara ©

 

Annunci

4 thoughts on “RECENSIONE IN ANTEPRIMA #100 – THE STORE DI JAMES PATTERSON.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...