RECENSIONE #72 – LET ME KISS YOU HARD DI VALENTINA BINDI

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Come procede la vostra settimana? Io sono prontissima per una nuova recensione che ho scritto apposta per voi e sono curiosa di sapere i vostri pareri. Ringrazio l’autrice per la pazienza e per la disponibilità. Sto parlando di:

cover25255b825255dTitolo: Let Me Kiss You Hard

Autore: Valentina Bindi

Genere: New Adult Contemporaneo

Pagine: 318

TramaAnna, una ragazza di ventotto anni di Dublino si ritroverà a scoprire un sogno che non ha mai potuto avere. La sua famiglia è ricca, ma ciò non ha fatto altro che alimentare le sue insicurezze fino a portarla verso brutte strade. Rooney è la sua migliore amica, la sorella mancata, è lei che ogni volta la salverà sempre sull’orlo del precipizio. Ma non potrà evitare che si innamori di un ragazzo alquanto misterioso. Si tratta di Morgan, lui è il figlio della ricca Welsh Beauty Production, la ditta numero uno in Irlanda per profumi e saponi biologici. Tutto nascerà da un incontro casuale alle splendide scogliere Cliffs Of Moher; da una semplice richiesta di scattare una fotografia sboccerà quello che sarà il suo amore più difficile. Da quel giorno la sua vita verrà stravolta, la distanza non potrà mettere freni al loro amore. Ma soltanto un particolare che scoprirà Anna riguardo la famiglia di Morgan la farà allontanare fino a lasciarsi. A cadere tra le braccia di un altro, tra dolore e amore sarà costretta a decidere se seguire il suo amore o lasciare che se ne vada, perché lei ha troppa paura delle responsabilità.

RECENSIONE:

Let Me Kiss You Hard è il primo libro di una serie di Valentina Bindi.

La storia ha inizio in una delle tante giornate di routine a casa di Anna, in 27 Drumcondra Rd Upper a Dublino. Anna, vive sola con il suo gatto Surface, lavora in un negozio musicale (la chitarra è una delle tante passioni di Anna stessa), il Claddagh. In più, Anna e la sua migliore amica Rooney, per arrotondare, suonano nei vari pub locali la sera. La vita sembra procedere tranquilla ma c’è sempre qualcosa, un sogno, che manca nella mente e nel cuore di Anna: l’amore.

E proprio quando Anna decide di dare una svolta alla sua vita cercando di fare qualcosa per se stessa, viaggiando per varie cittadine Irlandesi, che farà la conoscenza di un giovane ragazzo bello, dagli occhi profondi, che non riuscirà a dimenticare tanto facilmente. Ma chi è questo ragazzo? E perchè lo affascina così tanto? Perchè il suo sguardo continua a riecheggiare nei pensieri di Anna?

Mi fermo dopo aver camminato lungo l’erba fresca delle piccole scogliere, di fronte a me c’è lo strapiombo. Mi siedo lasciando penzolare le gambe nel vuoto, è una strana sensazione sapere di non avere terreno sotto i piedi, ma di essere a non so quanti metri di altezza dallo specchio blu. E l’oceano è così scuro e profondo, fa impressione. Sembra dipinto a olio ed è veramente suggestivo. Fino a questo momento la mia vita non è stata poi così eclatante, ora che guardo questa immensità mi rendo conto delle vere parole di Rooney. Devo trovare qualcosa per cui valga la pena vivere davvero e non sopravvivere.

La trama è ben scritta ma forse troppo lunga. Avrei evitato le ultime due righe che non spoilerano niente ma raccontano a grandi linee tutto ciò che succede cosa che avrei evitato per cercare di far venire un pò di curiosità ai lettori. Essendo un biglietto da visita per l’opera in se poteva essere sviluppata in modo migliore.

La copertina è molto carina ma non mi fa impazzire, vale lo stesso per il titolo anche se stravince il fatto che sia in inglese, che suona sicuramente meglio che qualcosa tipo: “Lasciati baciare” o cose simili.

La storia è ambientata in Irlanda, tra Dublino dove vive la protagonista Anna e Killarney dove, invece, vive Morgan. Ma spazia anche attraverso tanti piccoli paesini o come le Cliffs Of Moher, dove i due giovani si conosceranno. L’epoca è abbastanza moderna.

Si avvicina ancora venendo a un passo da me, tanto da sentire il suo respiro sul mio volto. Alza la mano e mi sfiora i capelli, sistemandomi delle ciocche ribelli dietro l’orecchio. Muoio in questo gesto. «È bello farlo. Il tuo viso è davvero buffo quando ti arrabbi.» «Ah sì? Beh, a me non piace essere presa in giro.» China la testa da un lato, mi sfiora ancora le ciocche di capelli. «Scusa allora.» «Nessun problema.» balbetto vistosamente. «Ti piacciono le moto? Spero di sì.

I personaggi non sono tantissimi ed io mi soffermo su quelli che vedremo più spesso.

La protagonista, Anna, è una ragazza piuttosto enigmatica. E’ insicura ma anche diretta. Non affronta le cose, piuttosto preferisce fuggire via e lasciarsele scivolare ed è così che farà per la maggior parte del tempo. Appena potrà cullare qualcosa in mano se la lascerà scappare fuggendo via a gambe levate.

Morgan è un ragazzo, un modello quasi, vista la sua bellezza. Inizialmente sarà scostante, quasi fin troppo sicuro di se ma nasconde un lato dolce, premuroso e anche piuttosto geloso. Ma nasconde un segreto. Cosa nasconde di così temibile il giovane signorino della ricca famiglia Welsh?

Rooney è la migliore amica di Anna. Qualsiasi cosa, Anna sa sempre che può contare su di lei. Rooney è speciale e sa essere l’amica che tutti vorrebbero: sa consigliare, sa essere presente ma sa anche essere giusta nei momenti in cui si ha bisogno di consigli (anche se in quel momento possono sembrare i consigli che non vuoi ascoltare o che alla fine sai che farai comunque di testa tua). Ecco, Rooney è tutto questo. Mi ha ricordato tantissimo la mia, di migliore amica che è esattamente come lei.

«Morgan io…» «Shh. Non dire niente, va bene così. Tranquilla. Volevo farlo fin dal primo momento che ti ho vista, sei così bella.» Piego la testa in avanti coprendo il volto con le mani, alzo lo sguardo imbarazzato verso di lui, i suoi occhi dolci sono fissi nei miei dandomi conforto. «Esisti davvero?» «Solo da pochi giorni, da quando ti ho incontrata. Prima di allora non credo di averlo fatto realmente.» Brucio dentro per quanto mi ha detto, credo sia la frase più dolce che io abbia mai sentito nei miei confronti. Voglio dire qualcosa, ma mi trattengo perché non credo di trovare le parole e finirei per rovinare questi attimi magici.

Il perno centrale è la storia d’amore che viene a crearsi fra Anna e Morgan. Una storia che sembra essere un sogno ma che con il passare del tempo si rivela molto più combattuto e molto problematico.

Lo stile è stato piuttosto semplice e veloce da leggere. In alcune frasi ho avuto come l’impressione che fosse stato scritto di getto senza essere riletto perchè veloci e scomposte. (Non grammaticalmente attenzione! Ma intacca la fluidità della frase). Ovviamente è un’impressione che ho avuto solo in alcuni punti.

Note dolenti? Troppi oh cielo, o mio dio. In più anche le parolacce, sono giuste se le viene dato un senso o un contesto piuttosto efficace. In rari casi, nel contesto, ci stavano bene, in altri erano di troppo. Non serve dire, per fare un esempio a caso, (NB: la frase non è presa palese dal libro ma serve per far capire cosa intendo): Cazzo, è proprio bello! Stona parecchio.

Ho trovato molto minimal il passato di Anna, come se generalizzare a “Bevevo e mi drogavo” bastasse. Come se basta una frase (sopratutto per quello che le è successo –> e qui mi rivolgo all’autrice perchè non voglio Spoilerare nulla). Ma questa frase lascia intendere un mondo che non è stato specificato ma reso fin troppo scontato. E secondo me doveva essere approfondito quanto bastava per far capire cosa avesse realmente passato.

In più, come ha preso piede la storia fra i due non l’ho compresa a pieno. Le risposte di Anna, una donna matura all’età di ventotto anni, sembrano quelle di una quindicenne in piena crisi ormonale, che passa da momenti di euforia a “Scusa? Fatti una manica de cavoli tuoi”. Poi dopo tutti i problemi che ha, Anna, decide di cadere fra le sue braccia (metaforicamente parlando, ma parlo di tutt’altro) dopo due volte che lo vede? Cioè, ho un problema. Dovrebbe esserci stato più tatto in questo o un passato meno pesante nella protagonista perchè la bilancia non è ben equilibrata su questo punto di vista.

Oltretutto il segreto che scoprirà Anna, almeno personalmente, non mi è sembrato insormontabile e mi è sembrata sciocca la reazione di Anna. Mi spiego meglio: magari inizialmente è anche plausibile la reazione, mi hai nascosto una determinata cosa, ci sta che io mi arrabbio ma ciò che viene dopo mi è sembrato eccessivo. (Io immaginavo tutt’altro segreto).

In più, a tratti molto fugaci, è incompreso con chi sta parlando la protagonista. Si riferisce direttamente al lettore o parla fra se? Le cose, a tratti, si confondono ma non è un male, è solo una mia constatazione che non intacca su l’idea che mi sono fatta.

Il viaggio è piuttosto lungo e triste. Le strade sono illuminate da una pallida luce. Le macchine sfrecciano lasciando scie e qualche rombo, ognuno vive la propria vita. Quante storie che sono racchiuse tra questo scatole metalliche; quante difficoltà, gioie e amori. Chissà quanti altri come me. Ho le cuffie e la canzone che sta passando nel mio ipod mi fa piangere. Le luci delle auto riflettono ogni tanto attraverso il finestrino, fino al mio viso. Più sento le parole che ripetono costantemente “tutto ciò non a niente a che fare con te, è una cosa personale, riguarda solo me, devo chiarire le cose e mi mancherai.” e più mi fanno un male indescrivibile. Maledizione, è tutta colpa mia e di quel maledetto tour.

Il libro non è stato male ma neanche il massimo, purtroppo. Ero partita super positiva ma è andato tutto scemando poco a poco.

Sono comunque curiosa di leggere il seguito per sapere che fine fanno i due protagonisti e dove, i sentimenti di Anna, la porteranno nello svolgersi della storia. Non si sa mai, che andando avanti l’autrice faccia maturare il personaggio e lo renda ancora migliore.

Il mio voto per questo libro è di: 2 conchiglie e mezzo.

due-e-mezzo


Cosa ne pensate? Voi lo avete letto? Lo leggerete?

Fatemi sapere, io vi aspetto!

A presto,

Sara. ©

Annunci

7 thoughts on “RECENSIONE #72 – LET ME KISS YOU HARD DI VALENTINA BINDI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...