RECENSIONE #60 – RAVEN BOYS DI MAGGIE STIEFVATER.

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Buon inizio settimana anche se avrei preferito non fosse lunedì oggi!. Questo periodo non passa mai! Eh, speriamo arrivi presto venerdì. Nel frattempo ecco che vi lascio una nuova recensione solo per voi…

the-raven-boysTitolo: Raven Boys (The Raven Boys #01)

Autore: Maggie Stiefvater

Editore: Rizzoli

Pagine: 460

Data di pubblicazione: 20 Novembre 2013

Prezzo: 11 euro

SinossiLe donne di casa le esaminavano di continuo il palmo, le facevano le carte; disegnavano rune, interpretavano sogni, interrogavano le foglie di tè e facevano sedute spiritiche. E tutte giungevano alla medesima conclusione, così bruta e inspiegabilmente specifica.” Nata in una famiglia di chiaroveggenti, Blue Sargent, sedici anni, fin da piccola sa che con un bacio ucciderà il suo vero amore. Ora però a quanto pare il momento è prossimo: prova ne è la visione che Blue ha nella notte della vigilia di San Marco, quando gli spiriti dei futuri morti di Henrietta, una cittadina della Virginia, si mostrano alle veggenti Sargent: Blue vede lo spettro di Gansey e apprende che è proprio lui il suo vero amore, e quindi la persona che ucciderà. Fatalità vuole che Gansey di lì a poco si presenti alla porta delle Sargent per un consulto magico: da anni è sulle tracce di Glendower, mitico re gallese la cui salma è stata trafugata oltreoceano secoli prima e sepolta lungo la linea temporale che attraversa Henrietta. Blue decide di aiutare Gansey, e si ritrova coinvolta nella ricerca di questa sorta di Graal insieme agli altri Raven Boys, i problematici studenti della scuola che Gansey frequenta. Ma questo è solo l’inizio dell’avventura.

RECENSIONE:

Questo libro è il primo di una lunga saga chiamata, The Raven Cycle, così composta:

  1. Raven Boys
  2. Ladro di sogni
  3. Blue Lily, Lily Blue.
  4. The Raven King

ed i primi due sono editi Rizzoli, gli altri ancora no (ma penso di aver perso le speranze su questo punto di vista!)

La storia è assai particolare. Ha inizio a casa di Blue, la protagonista di questa storia. Blue vive con sua madre e le sue amiche che sono tutte veggenti ma Blue non ha nessun tipo di potere in questo senso, se non amplificare il potere delle veggenti e renderlo più chiaro oltre che amplificato. In più è da quando è bambina che le viene detto che ucciderà con un bacio il suo vero amore.

Quindi Blue cresce pensando a questa cosa dapprima come una cosa negativa e poi col crescere si rassegna alla cosa. Ma le cose cambiano nella vigilia della notte di San Marco dove alla piccola chiesa dove Neeve, una delle amiche della madre, vede le anime dei morti che avverranno da lì ad un anno, Blue vede Gansey, un giovane ragazzo Corvo, lo stemma della prestigiosa scuola Anglionby. Ma il destino è preciso e puntuale quindi la ragazza si ritroverà sulla strada di Gansey e dei suoi amici fino a restarne irrimediabilmente coinvolta.

Blue sentì la pelle meno fredda, ma qualcosa nei polmoni rimaneva ghiacciato. Una tristezza pericolosa e stremante sembrò aprirsi dentro di lei: dolore, o rimorso. «Ci sono due motivi per cui un non-veggente dovrebbe vedere uno spirito la vigilia di San Marco, Blue. O sei il suo grande amore» disse Neeve, o «lo hai ucciso».

La trama è buona ma dice tutto e niente. Non svela il resto della storia e tutti i segreti che ci sono.

La copertina mi piace un casino. Sia questa che le successive e devo ringraziare (il cielo (?), grazie o signore) il fatto che la Rizzoli abbia mantenuto l’originale. Peccato che la saga sia mantenuta incompleta – in italiano intendo -. Se uno, quindi, deve finire di leggerli c’è un unica e sola soluzione : leggere in inglese. Lo so può essere una rogna ma  sempre bene sia imparare, sia per leggere tanti  BEI libri che in italia non porteranno mai. (E ce ne sono a bizeffe, sappiatelo!)  Il titolo anche è stato mantenuto come l’originale.

La storia inizia a Henrietta al 300 di Fox Way dove vive Blue e poi si distende in tutta a cittadina, dalla Anglionby al Monmouth Monufacturing, dove vive Gansey con i suoi amici. L’epoca è più o meno moderna.

In quel momento, con i ragazzi riuniti intorno al suo catorcio, Gansey sentì che era tutto giusto. Come se Blue, e non la linea di prateria, fosse la tessera mancante di cui aveva avuto bisogno per tutti quegli anni, come se la ricerca di Glendower non fosse davvero iniziata fino a quando lei non ne era diventata parte. Era giusta come Ronan era giusto, come Adam era giusto, come Noah era giusto. Ogni volta che uno di loro si era unito al gruppo, lui aveva avvertito un gran sollievo…

I personaggi sono molti e variegati.

Blue è una ragazza dolce e sensibile. Ma anche forte e decisa. Non ha i poteri della madre e delle sue amiche ma è altrettanto magica a suo modo. Non è una delle classiche ragazze che finiscono per fare la classica storia amorosa o qualche inciucio. Si mantiene stabile e precisa sulla sua linea anche se cede alle dolcezze.

Gansey è un ragazzo corvo piuttosto bizzarro. E’ ossessionato dalla sua ricerca, tiene ai suoi amici in una maniera grandiosa tanto da prodigarsi per qualsiasi cosa per loro. La sua pecca è che pensa che si possa comprare tutto con i soldi, a volte anche le persone, cosa che non è così, come ben sapete. Ma quest’ultima cosa non la fa con cattiveria, anzi, è anche piuttosto ingenuo.

Adam è u ragazzo corvo anche lui ma l’unico che è entrato nella scuola contando solo sulle sue forze. Lavora e cerca di mantenersi gli studi in una scuola prestigiosa per avere un futuro migliore. Il classico ragazzo semplice e umile. Io ho adorato il suo personaggio.

Ronan è il tipo tosto del gruppo. Quello con cui si risolve tutto con i pugni piuttosto che con le parole. Un ragazzo che non ho apprezzato particolarmente ma ha il suo perchè oltre che i suoi motivi per il suo comportamento da duro irascibile. 

Noah è un ragazzo che si nota poco. Dove lo metti, lui sta. E condivide un segreto più grande persino di lui.

in più troveremo le veggenti di Fox Way, Maura la mamma di Blue, assieme a Calla, Persephone, Neeve e Orla. Devo dire che mi sono sembrate un pò tutte uguali a parte Persephone e Neeve. Io ho preferito Persephone che mi è sembrata quella più particolare oltre quella più vera diciamo.

«Gansey!» disse Noah. «Ci sono delle scritte qui!» Al di là di una roccia che affiorava dal terreno, Noah se ne stava vicino a un grande blocco di pietra che gli arrivava al mento. La superficie della roccia era intagliata e piena di crepe, straita con linee simili a quelle dei schizzi di Gansey. Noah indicò una dozzina di parole dipinte in basso sulla roccia. Qualunque inchiostro avesse usato l’autore, era ormai consumato  e irregolare: nero in alcuni punti, viola in altri. «Che lingua è?» chiese Blue. Adam e Ronan risposero in coro: «Latino!»

Il perno centrale è la linea di prateria e Glendower. Direte voi: cos’è sta roba? Giusta osservazione! Ovviamente non ne sapevo molto al riguardo neanche io ma leggendo il libro ho scoperto di cosa si tratta. Glendower è l’ultimo gallese a detenere il titolo di principe di Galles e le linee di prateria sono dei presunti allineamenti tra diversi punti geografici come, ad esempio, monumenti, ai quali vengono attribuiti poteri magici o spirituali. Quindi da come avrete capito – e spero di essere stata chiaraGansey è ossessionato di risvegliare Glendower e, per farlo, dovrà risvegliare anche la linea di prateria. Così che Glendower potrà fare dei favori a coloro che l’hanno risvegliato. Ma dietro c’è molto di più e dovrete leggere per scoprirlo ovviamente.

Lo stile utilizzato, vi dirò, ho fatto fatica a digerirlo. Le prime centocinquanta pagine mi sono sembrate infinite e non riuscivo a proseguire come volevo. Poi la storia ha preso il via ed è andato tutto molto più veloce. La Stiefvater utilizza uno stile tutto particolare e sbalza in diversi punti di vista non propriamente in prima persona. Si passa da Blue a Gansey a Whelk (che scoprirete chi è leggendo).

Gli argomenti trattati sono stati originali e innovativi. Non avevo mai sentito parlare di cose simili e sono rimasta piacevolmente colpita di conoscere cose nuove che prima non conoscevo.

«Non fare del sarcasmo», Calla disse Persephone. «Dicci cosa vedi». «La vedo indossare quella maschera laggiù, la vedo in mezzo agli specchi. Credo di vederla nel posto da cui è venuta, perchè ha quattro specchi. Due specchi più grandi dietro ognuno di questi. La vedo in ognuna dei quattro specchi, e in tutti gli specchi ha la maschera, ma appare diversa in ognuno di essi. In uno è più magra. In uno è vestita di nero. In un altro la sua pelle ha qualcosa di strano. Non so cosa esattamente… forse sono solo possibilità». Calla si fermò. Blue rabbrividì …

Il libro inizialmente, come vi ho già detto in precedenza, è stato piuttosto lento e ho fatto difficoltà ad ingranare la marcia. Poi ha preso piede e l’ho trovato pieno di spiritualità, veggenza, credenze e magia. 

Sono piuttosto curiosa di leggere i seguiti che ne verranno ma non sono comunque convinta sullo stile dell’autrice piuttosto particolare che non ha agevolato molto la lettura.

Consiglio la lettura sopratutto a coloro che amano il genere fantasy o che vogliano buttarsi in un’avventura tutta particolare. Dovete solo tenere duro nella prima parte ma magari a voi non fa lo stesso effetto che a me!

Il mio voto per questo libro è di: 3 pesciolini e mezzo.

picsart_09-29-08.44.45-3.jpg


Cosa ne pensate? Fatemi sapere dai! Io non aspetto altro che un vostro bel commento!

Alla prossima,

Sara.©

Annunci

7 thoughts on “RECENSIONE #60 – RAVEN BOYS DI MAGGIE STIEFVATER.

  1. Pingback: WWW WEDNESDAY #35 | Milioni di Particelle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...