TEASER TUESDAY #27

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI !

Ecco qui la rubrica del martedì! Quindi eccovi il mio Teaser Tuesday di oggi, la rubrica del giorno ideata da Should be Reading. Vi spiego in cosa consiste il Teaser Tuesday (per chi non sapesse di cosa si tratta) ma ve lo ricorderò ogni volta, non temete!

• Prendi il libro che stai leggendo.
• Aprilo in una pagina casuale.
• Condividi un piccolo spezzone di quella pagina ( ” Teaser ” ) .
• Attento a non fare spoiler!
• Riporta Titolo e Autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro Wishlist ( o meglio lista dei desideri !)  se sono rimasti colpiti dell’estratto.

Attualmente ho terminato Le ossessioni del Pinguino di Massimiliano Ardino ed ecco lo spezzone:

Mi indica una panchina poco lontano, dove ci sediamo. Sempre in silenzio le porgo due lettere: una per lei – scritta durante l’insonne notte – e l’altra per il suo boyfriend – scribacchiata mentre guardavo i Simpson. La prima è di sentite scuse, ma con all’interno qualcosa di più. La seconda di finte e rituali giustificazioni, destinate più a lei che a lui, più a far il nobile gesto che a placare inesistenti rimorsi. Terminata la lettura mi rivolge lo sguardo ed i suoi occhi non sono più inflessibili, ma dolci, come nei miei sogni.

In più ho iniziato Vassa in the Night di Sarah Porter, in inglese che mi è arrivato nel pacco di ottobre della Owlcrate:

Night’s consciousness is one infinite starry moment, timeless and drifting. It was not surprise, then, that it was so easly confused. Without understanding what was happening, Night was falling for the same trick in a dozen different locations, all at the same moment. A dozen old woman sank golden stars into the eyelids of a dozen hollow man. Night’s pieces became like lost children, riding forever on identical motorcycles in identical parking lots in scattered cities. Night lingered wherever it saw them. Hoping someday to bring them home. Hoping they could all be one again. Join back together, and share the same stars.

Per chi mastica l’inglese potrebbe ben capire cosa si dice qui (non so se funziona il traduttore di wordpress in caso) quindi ve lo traduco. [Attenzione: In questa storia la notte è personificata, quindi capirete meglio e ve lo specifico]

TRADUZIONE:

La coscienza della Notte è un attimo infinito stellato, senza tempo e alla deriva. Essa non ne è sorpresa, quindi, che fosse così facilmente confuso. Senza capire cosa stava succedendo, Notte cadeva per lo stesso trucco in una dozzina di posti diversi, tutti nello stesso momento. Una dozzina di donne anziane affondano stelle dorate nelle palpebre di una dozzina di uomini vuoti/spenti. I pezzi della notte diventarono come figli perduti, cavalcando per sempre un’identica motocicletta in identici parcheggi di città sparse. Notte si soffermò ovunque li aveva visti. Sperando un giorno di portarli a casa. Sperando che tutti potevano essere come uno, di nuovo. Torneranno insieme e condivideranno tutti le stesse stelle.

E leggerò questa settimana anche La Voce nascosta delle pietre di Chara Parenti che mi ha gentilmente inviato la Garzanti, che ringrazio. Ecco lo spezzone:

Dopotutto è questo il mio lavoro, che poi è lo stesso di mio nonno, ma con un’unica sostanziale differenza. Lui vende la magia delle pietre, io vendo solo sassi colorati. «Sai, questo è il regalo da parte del mio compagno per festeggiare un anno che stiamo insieme», fa la ragazza in un sospiro innamorato. La guardo un po’ stupita. «E lui non ti aiuta a sceglierlo?» «Oh, no!» salta su. «Lui non capisce niente di gioielli e pietre preziose, dice che non distinguerebbe una perla da una pallina del flipper!» Sorrido al suo tono divertito e lei continua a chiacchierare. «Mi ha detto di scegliere quello che mi piace di più.» Si porta una mano di fianco alla bocca come se stesse rivelando un segreto. «E anche di restare dentro il budget!» Rido. «Perfetto!» Nel vassoietto di plexiglas appoggio una piccola rosa di pietre. Passo rapidamente a illustrargliele una per una, ma la sua attenzione pare catturata dalla gemma verde al centro. «Questa cos’è?» «Una giada del Myanmar.» «Se non sbaglio è la pietra che favorisce la fertilità, giusto?» Mi stringo nelle spalle, cercando di camuffare la mia indifferenza alla questione. «Così dicono…»


Cosa ne pensate? Fatemi sapere, vi aspetto!

Sara. ©

 

Annunci

11 thoughts on “TEASER TUESDAY #27

  1. La voce nascosta delle pietre mi ispira. Purtroppo per Vassa, non leggo in inglese perché non sono capace quindi se non la traducono dubito che lo leggerò, anche se sembra carino dalla traduzione.
    Il primo sembra carino!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...