RECENSIONE #22 – CUORE DI PUGILE DI CRISTINA ZAGARIA.

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

Ecco per voi quest’oggi la recensione del libro che mi ha gentilmente inviato la Piemme, che ringrazio ancora per il pacco di libri. Piano piano prometto di recensirli tutti!

Titolo: Cuore di Pugile.
Autore: Cristina Zagaria.
Pagine: 272
Editore: Piemme
Pubblicato a settembre 2016
ISBN 978-88-566-5712-8
Sinossi:  Irma Testa, giovanissima campionessa mondiale e prima donna azzurra a qualificarsi alle Olimpiadi nella boxe, racconta la sua vita dentro e fuori dal ring.
La prima volta che Irma entra alla Boxe Vesuviana, il maestro Zurlo la caccia dalla palestra. «Il pugilato non fa per te» le dice. Anche la seconda volta. La terza invece le dà una possibilità: «Hai una settimana, poi sali sul ring. E sei o dentro o fuori». Come mette piede sul tappeto blu, Irma combatte d’istinto, non segue nessuna regola, si sente libera, si muove come una farfalla impazzita. È in quel momento che scopre di essere un pugile.
E da allora quella ragazzina con lo sguardo dolce e spaventato non ha mai smesso di combattere. Solo sul ring sente di essere se stessa e, sfida dopo sfida, a soli diciassette anni vince i Campionati mondiali juniores. Ma non si ferma, perché ormai a Irma sono spuntate le ali…

Cuore di pugile è nato da una collaborazione di due anni tra Cristina e Irma, giovanissima campionessa mondiale e prima donna italiana a salire sul ring alle Olimpiadi, per raccontare la passione, la sofferenza e le sfide di una ragazza che ha realizzato il suo sogno.

RECENSIONE:

Il libro racconta la vita di Irma Testa, campionessa mondiale di boxe, e la storia ha inizio con Irma all’età di dodici anni a Torre Annunziata, dove vive.
Irma ha d’improvviso un illuminazione riguardo il tatuaggio che deve farsi. Vuole una farfalla.
Sulla pancia.
Il posto dove vive non è un posto facile e sicuro. Tutt’altro. E quando sei in un posto difficile devi imparare soprattutto a conviverci. E’ così che decide di iscriversi a boxe. Seguendo le impronte della sorella Lulù, comunque non troppo convinta della scelta.

Quello sarà l’inizio di tutto. Di Irma, la Farfalla che vola sul ring.

La boxe è un confronto fra due menti che vogliono prevalere l’una sull’altra. A me sembra un film di Harry Potter: sul ring ci sono due scintille d’intelligenza e, alla fine del combattimento, una delle due si spegne.

Irma Testa.

Quattro amiche, unite da una forte passione. Ognuna di loro è come un animale.

Irma Testa, giovane protagonista di questa storia. La farfalla. Quella che su il ring vola e non cammina. Fragile ma con una determinazione forte che la porterà ad ambire a vette sempre più alte.

Lucia Testa detta Lulù, la sorella di Irma. La gatta e l’inseparabile compagna di viaggio della protagonista.

Mina Morano, la prima ragazza che Irma conosce in palestra. Una delle migliori a detta del maestro e allenatore. La pantera, quella forte e aggressiva, insegna ad Irma le tattiche che lei stessa ha appreso dal maestro.

e Nuna il Pitbull, altra amica di Irma ma non meno importante delle altre.

Queste quattro ragazze insieme fanno sognare ad occhi aperti.

Le persone che circondano la giovane Irma sono tante e tutte importanti:

Lucio Zurlo, insegnante e maestro sia sul ring che per la vita. Un ottimo allenatore, mi ha ricordato attraverso le sue parole, Miky, l’allenatore di Rocky. Le sue frasi e le sue parole sono provvidenziali. Il suo allenamento deciso e ferreo.

La nonna di Irma è una delle persone più importanti per Irma. La sua presenza, le sue parole ed il suo incoraggiamento daranno ad Irma la carica.

Francesco, giovane promettente musicista de La Terza Classe, un gruppo di musicisti. Francesco è studioso, canta nel suo gruppo e vede nella giovane protagonista qualcosa di diverso. Qualcosa di prezioso. E la incoraggia.

Botola è la piacentina dalla r moscia. Si odieranno ma chissà cosa porterà tutto questo.

Emanuele Renzini, allenatore nei ritiri in Nazionale, cresce, sviluppa e segue Irma lungo il cammino verso le sue vittorie/sconfitte!

-Attaccare è importante, ma il pugilato è l’arte della difesa. Puoi sferrare cento colpi, ma ne basta uno per metterti al tappeto. Tu devi schivare quell’unico colpo. Se vuoi diventare un pugile, devi imparare a prenderti cura di te, a proteggerti… devi stare in equilibrio e amarti.  Non è così facile come sembra. L’amore è sempre in equilibrio precario. E’ facile trovarsi sbilanciati. E’ come quando ami qualcun altro e ti dimentichi di te. Non lo devi fare. Devi essere forte e mantenere il cuore ben saldo. La boxe è egoismo. Devi pensare a te stessa. Non c’è nessuno che ti proteggerà su quel ring, ci sei solo tu e ci sono i tuoi pugni… il tuo corpo, Irma, se vuoi continuare a venire qui, prima di tutto devi amarti.

La trama è semplice e d’impatto. Quando ho ricevuto questo libro a colpo d’occhio ho pensato che fosse una storia molto sciatta e poco significativa. Inoltre essendo per ragazzi e notando poi la copertina ero partita scoraggiata. Invece mi sono dovuta ricredere.

La copertina, la trovo piuttosto orripilante. Cioè, poteva essere strutturata molto meglio. Capisco che è un libro per ragazzi quindi, magari e dico magari, ci sta. Ma fossi una dodicenne o una quattordicenne non mi attirerebbe comunque. Quindi no.

L’epoca è attuale. Non a caso racconta la vita di Irma Testa ormai poliziotta e pugile professionista.

Salgo il primo gradino e respiro forte. Penso a quando sono entrata per la prima volta in questa palestra ed era tutto un gioco. Sul secondo gradino c’è tutta la mia vita adesso, la Nazionale, la boxe che riempie le mie giornate. Ecco il terzo, con la gente che giudica e mi ripete che questo non è uno sport da donne e con la mia voglia di dimostrare a tutti che ce la posso fare. L’ultimo gradino, il quarto, coni miei sogni: un giorno arrivare alle Olimpiadi. Ci sono quattro gradini per salire sul ring della boxe Vesuviana. Respiro e raccolgo tutta la mia energia.

Il perno centrale è, per l’appunto, la boxe. E’ fondamentale nella vita di Irma e lo sarà anche per il lettore per imparare qualcosa di base. Almeno in teoria.

Alcune frasi mi hanno letteralmente colpito. Come le citazioni che trovate nella recensione.

Però si nota troppo il peso infantile della scrittura. E’ scritto tutto in modo molto superficiale e poco dettagliato. E’ un libro per ragazzi, non lo metto in dubbio ma forse è stato troppo abbandonato a se sotto questo punto di vista.

Sono state curate determinate frasi e determinati atteggiamenti che cercano di catturare ma per il resto è tutto molto sfuggevole.

Il libro abbraccia un arco di tempo di sei anni in cui Irma cresce e cambia ma non si nota mai questo cambiamento se non nella boxe. Nella boxe, Irma, cresce e si evolve. Nella vita invece sembra tenere sempre lo stesso atteggiamento da dodicenne anche da diciassettenne, quando avrebbe dovuto cambiare anche quello.

Punto i piedi e tengo il cuore ben saldo.
E’ una strana sensazione.

Il libro è sia per ragazzi che per adolescenti ed anche per chiunque voglia leggere un libro simpatico e poco impegnativo.

Un libro leggero e alternativo, per chi voglia entrare in punta di piedi, o meglio, sulle ali di una farfalla, per la prima volta sul ring.

Il mio voto per questo libro è di : 3 pesciolini e mezzo.

picsart_09-22-09.39.42-3.jpg

 


Cosa ne pensate? Vi aspetto con un commento!

Alla prossima,

Sara. ©

Annunci

7 thoughts on “RECENSIONE #22 – CUORE DI PUGILE DI CRISTINA ZAGARIA.

  1. Pingback: WWW WEDNESDAY #19 | Milioni di Particelle

  2. Cara Sara, grazie della recensione e dell’attenzione! Mi spiace che la copertina non ti sia piaciuta, non sono un grafico e per me era troppo, come spiegarti… “piena” …però, magari, i ragazzi (il libro è per i ragazzi delle scuole m3die e superiori) hanno bisogno di immagini dirette…ma, ripeto, non sono un grafico. Per il resto , sono contenta che sei andata oltre la copertina (che serva d’insegnamento a tutti noi) e rispondo a un paio di tuoi dubbi. Scrivi che Irma dai 12 ai 17 anni non ti sembra cambiata. La bimba insicura e annoiata, che passava le sue giornate in strada, invece ha fatto passi da gigante: ha imparato a volersi bene, ha trovato una passione, ha scoperto cosa significa il sacrificio, ha imparato a perdere e a rialzarsi, ha comiciato a vivere lontana da casa …si è innamorata. Se quando sei adolescente questi non sono cambiamenti!!!!!??? Per la scrittura, non è una scrittura dedicata ai ragazzi e “abbandonata a se stessa”: è una scrittura semplice. Ogni parola ha il suo peso, ma senza fronzoli, senza troppe metafore, senza leziosità….senza citazioni…è una scrittura che non si compiace di se stessa, ma che cerca di raccontare una storia con la forza non del suono ma del contenuto, e con quel tanto di poesia (di poesia abbiamo sempre bisogno anche se le parole sono semplici e dirette!) che serve, quando chiudi ill ibro e la storia ti rimane dentro….e cresce…e diventa tua!

    Liked by 1 persona

    • Salve Cristina,
      sono felice che sia passata qui, in questo piccolo angolo.
      La copertina come ho specificato è per ragazzi e ovviamente potrebbe piacere ai ragazzi in quanto tale e non serve a giudicare il libro. Ovviamente fa la sua parte, ma ripeto è per ragazzi e la cosa tocca fino ad un certo punto anche perchè preferisco i contenuti.
      Forse mi son espressa male riguardo al fatto che non sia cambiata.
      Non è che non sia cambiata nelle cose che fa ma come è stata interpretata, il tipo e lo stile utilizzato è stato principalmente immutato.
      Quindi è sembrato nello scorrere del libro che fosse sempre quella iniziale a parlare testualmente parlando, non per gli eventi e le cose successe.
      Poi ovviamente è solo un mio punto di vista, ce ne sono milioni e di più vari.
      : )
      Ti ringrazio per questo piccolo confronto, sono felice di averti parlato e conosciuto e di aver conosciuto Irma attraverso le parole.
      Sono stata felice di leggerlo a prescindere da tutto questo.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...