Recensione #11 – Emerald Gloom di Elle Caruso

BUON POMERIGGIO CARI LETTORI!

In questo bel sabato sera non c’è niente di meglio, per LEGGERE ITALIANO BT, della recensione di Emerald Gloom di Elle Caruso.

2vmt5lk.

Autore: Elle Caruso
Titolo: Emerald Gloom
Formato: Ebook e Cartaceo  
Pagine: 410
Sinossi: L’ultima cosa che Aaron Clark vede prima di essere investito sono i fari di un’auto, poi l’oscurità completa fino al risveglio in ospedale, due mesi più tardi.
Fortunatamente, Aaron non subisce lesioni permanenti e una volta sveglio inizia a riprendersi rapidamente. Non tutto però torna alla normalità: la notte dopo il risveglio, Aaron rivive in sogno il momento dell’incidente ma, invece di essere investito, viene salvato da una ragazza che non ha mai visto prima. Da quel momento i suoi sogni sembrano trasformarsi in una sorta di esistenza parallela, così simile a quella reale che a volte diventa persino difficile distinguerle.
Ma ancora peggio dei sogni c’è il fatto di non riuscire più a comporre, proprio nel momento in cui il suo gruppo, gli Emerald Gloom, sembra sulla strada giusta per raggiungere il successo.
In una spirale di emozioni e sentimenti repressi, di legami indissolubili e di ferite mai rimarginate, inizia il viaggio alla scoperta dei luoghi più oscuri dell’animo di Aaron, protagonista controverso e tormentato, che nonostante la giovane età ha già conosciuto la morte ed è in costante lotta con la vita. A far da cornice, la città di Seattle e le note dei brani più memorabili della musica grunge.

RECENSIONE: emerald-gloom-9788892560079.jpg

La storia ha inizio in un fine concerto degli Emerald Gloom la band di cui Aaron, il protagonista, è il cantante. Decide di tornare a casa a piedi ed, attraversando la strada, viene investito da una macchina a tutta velocità. Da qui avrà inizio la vera e propria storia.

Il perno centrale in cui gira il romanzo è sicuramente la musica. Gli Emerald Gloom, i “Tenebra Color Smeraldo”, è il gruppo in cui Aaron, Chandler e Nate credono. Il gruppo si basa e prende ispirazione dalla musica dei Nirvana e Kurt Cobain  idolo indiscusso del protagonista. Oltre la musica, a mio parere, lo è stato anche il “cambiamento” di Aaron attraverso la ricerca di se stesso.


«Non sai quanto mi mancava il tuo senso dell’umorismo, fratello» replicò Nathan ironicamente, ridendo suo malgrado. «Beh, potete rilegare questi due mesi nel cassetto dei brutti ricordi. Sono tornato, sto alla grande, e ho voglia di ricominciare. Dobbiamo recuperare il tempo perso». «Non avere troppa fretta, ragazzo. Prima devi pensare a ristabilirti» disse suo padre allegramente, rientrando nella stanza.

Aaron è insicurezza,  fragilità e dedizione.

E tutti coloro che lo circondano hanno sono importanti nella vita del giovane musicista:
Chandler e Nate sono forza, determinazione e fiducia.
Allyson è amore, simbiosi e preoccupazione.tumblr_mzryj5hk0r1qdjnqho1_500
Salinger è amicizia, speranza e razionalità.
Florence è mistero, sogno e destino.
Il romanzo è ambientato in epoca recente, a Seattle, con descrizioni di posti, locali e tanto altro.

Si baciarono, inevitabilmente. Inesorabilmente. Lo sapevano dalla prima volta che sarebbe finita così, da quando erano entrambi sdraiati sull’asfalto di una strada di Capitol Hill, un istante dopo aver sfiorato la morte. Era così, innamorarsi? Un attimo prima non ne volevi sapere e l’attimo dopo conoscevi una donna che ti piaceva così tanto che avevi l’impressione di non poter più essere felice senza di lei? 

La copertina rispecchia il vortice musicale che investe il tutto dall’inizio alla fine ma penso sia spenta da affievolire il senso musicale che avvolge enormemente questa storia. Questo penso sia l’unico punto a sfavore ma è un fattore molto relativo.

La trama rispecchia esattamente il libro così com’è. Ben composta com’è effettivamente tutto il libro.

Le note malinconiche e desolate di Something in the way riempirono la stanza. Quella musica, la voce di Cobain, avevano il potere di farti sentire freddo, di trasmetterti il disagio e la disperazione che c’erano state messe dentro, ti entravano nel cuore di prepotenza. Era così con quasi tutte le canzoni dei Nirvana, ed era per questo che nonostante sia prima che in seguito ci fossero stati molti grandi gruppi, nessuno sarebbe mai stato come i Nirvana e nessun musicista sarebbe mai più stato memorabile come Kurt Cobain.

La storia è stata scorrevole e ben strutturata. Non ci sono errori ed è ben scritta. C’è stato un grande lavoro dietro e si nota leggendo ed andando avanti nel libro.

Racchiude tante cose, la musica basata sul rock e il grunge; l’onirica attraverso lo studio razionale e irrazionale dell’inconscio e del subconscio.

Non cambia, non ha grandi evoluzioni e si mantiene lineare nel corso degli eventi. Secondo il mio modesto parere, non necessitava di ulteriori stravolgimenti o di inserimenti di eventi che cambiassero repentinamente l’andamento della storia. Bensì, è stato molto più veritiero e realistico negli eventi narrati.

Concludo invitandovi a considerare l’eventualità di leggere questo libro. L’ho trovato molto bello e lo consiglio vivamente. 

Ringrazio Elle Caruso per l’opportunità che mi ha dato e per la partecipazione all’evento di Leggere Italiano BT. 

Potete trovare il Giveaway di questo bel libro qui: Giveaway. e restate sintonizzati, il 2 Ottobre troverete l’intervista all’autrice per approfondire questo meraviglioso libro!

Alla prossima,

Sara. ©

Annunci

11 thoughts on “Recensione #11 – Emerald Gloom di Elle Caruso

  1. Pingback: INTERVISTA A ELLE CARUSO PER LEGGERE ITALIANO BT. | Milioni di Particelle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...